Visita guidata: Bari, la città del pesce e di San Nicola

In il

bari basilica san nicola

GensAgri organizza, in collaborazione con la cooperativa Serapia, Domenica 8 Aprile, una visita guidata nel borgo antico di Bari.

E’ la porta dell’Adriatico e il capoluogo della Puglia, ma di certo è conosciuta in tutto il mondo come la città di San Nicola: è Bari! Essa accoglie, infatti, le spoglie del santo di Myra nella più celebre di tutte le Basiliche romaniche pugliesi, a cui si giunge attraverso il labirinto di piccole viuzze, tipiche di un borgo medievale marinaresco. La Cattedrale di San Sabino, primo patrono barese, è, invece, fra tutte la più plastica e decorata, ed emerge quasi a fatica dalle strade vocianti con il campanile alto sui tetti delle case e la cupoletta moresca. La cingono trine di pietra: rosoni tracotanti di statue, mostri, draghi squamosi, serpenti, sfingi alate ed elefanti.
Bari è anche città federiciana: il suo castello fu, infatti, costruito da Federico II su un preesistente castello normanno; fu corte di Isabella d’Aragona e di Bona Sforza che, nel Cinquecento, fecero costruire i grandi baluardi con torrioni angolari a lancia sul fossato.

Sosta al molo di San Nicola, per il mercato del pesce, e alla panetteria Fiore, dove si può mangiare la vera focaccia barese.

Info e dettagli

Durata: dalle ore 9.30 alle ore 12.00.
Raduno: ore 9.30 a Piazza Ferrarese – Bari
Arrivo: alle ore 12 a Piazza Ferrarese – Bari
Lunghezza percorso: 3 km circa

Costo a persona:
In italiano: 16 € a partecipante, 7 € i bambini da 6 a 10 anni.

La quota comprende: passeggiata guidata nel centro storico e gli ingressi al succorpo della Cattedrale e al Castello Svevo.
Prenotazione obbligatoria entro Giovedì 5 Aprile


BARI BIZANTINA – Itinerari urbani alla scoperta di Bari

In il

bari bizantina alla scoperta della citta sotterranea nova apulia

Domenica 8 Aprile, Nova Apulia propone un nuovo itinerario urbano su uno dei periodi più affascinanti della storia della città di Bari: l’età bizantina. Un percorso che si snoda nelle viscere della città vecchia alla scoperta delle tracce sepolte di una capitale mediterranea. Scavi archeologici, testimonianze materiali e resti della ‘città sotto la città’ rivivranno in questo inedito tour.

‘Bari bizantina: la scoperta della identità storico – culturale di una città avamposto di Costantinopoli, ai confini dell’Occidente, capitale dell’impero dei Romei; piccola ma fervida capitale dell’Italia greca medievale fra IX e XI secolo’.

Punto di incontro: Castello Svevo di Bari ore 11:00

Costo € 3,50 a persona (escluso biglietto di ingresso al Castello e al succorpo della Cattedrale).

Bookshop Nova Apulia
p.zza Federico II, n°4
080 5213704 – castello.bari@novaapulia.it
www.novaapulia.it


Visita guidata alla Cattedrale di Bari con concerto per l’anniversario della nascita di Bach

In il

Mercoledì 21 marzo EVENTO SPECIALE PER CELEBRARE L’ANNIVERSARIO DELLA NASCITA DI BACH. Vi aspettiamo alla Cattedrale di Bari dove dedicheremo una visita ad hoc su tutto il monumento, succorpo compreso, e al termina della visita guidata potremo ascoltare le splendide note di Bach eseguite dal maestro Gilberto Scordari, organista della Cattedrale, che eseguirà per noi un concerto ad organo.

Programma:

Preludio in mib maggiore (BWV 552/1) 9.00’
Fantasia in do minore (BWV 562) 7.00
O Lamm Gottes, unschuldig (BWV 656) 8.00’
O Mensch bewein, dein Sünde groβ (BWV 622) 6.00’
Fuga in Mib maggiore (BWV 552/2) 7.00’

Costo: 12 euro

Punto d’incontro: piazza dell’Odegitria


“Bari e gli insediamenti rupestri” visita guidata a Lama Balice e chiesa rurale dell’Annunziata

In il

chiesa dell annunziata palese bitonto pugliarte

Domenica 18 marzo appuntamento con l’itinerario “Bari e gli insediamenti rupestri”. Visiteremo la splendida chiesetta rurale dell’Annunziata con un apparato decorativo del 1500, poi ci immergeremo nella lama per analizzarne gli aspetti morfologici e faunistici.
Costo: 10 euro
Punto d’incontro: strada provinciale Bitonto-Palese Aeroporto direzione Bitonto. Troverete la chiesa sulla sinsistra.

Come prenotare: Potete inviare una mail a info@pugliarte.it o mandare un sms o whatsapp al 3403394708 indicando il numero di partecipanti, un contatto telefonico e un cognome.


GLI ENIGMI DI CASTEL DEL MONTE – La storia, gli enigmi e le nuove ipotesi

In il

GLI ENIGMI DI CASTEL DEL MONTE La storia gli enigmi e le nuove ipotesi

GLI ENIGMI DI CASTEL DEL MONTE
La storia, gli enigmi e le nuove ipotesi

L’imponenza delle dimensioni, la solitudine, l’armonia delle forme, ogni caratteristica della struttura concorre ad avvolgere Castel del Monte in una bellezza incontaminata ed in un velo di mistero tra suggestioni esoteriche ed enigmi storici.
Tra configurazioni geometriche perfette, il cui risultato sono torri ottagonali ermetiche in pietra arenaria e bordi taglienti, e continui richiami alla legge cabalistica ci si interroga tutt’oggi sulla reale funzione pratica di Castel del Monte.
Ogni caratteristica concorre ad avvolgere Castel del Monte in una bellezza incontaminata ed in un velo di mistero che avrebbe guidato la geometria dell’edificio
500 ricerche in tutto il mondo, nessuna delle quali però è riuscita a svelare e a convincere fino in fondo i perché di quel castello così «diverso». La scarna documentazione storica a disposizione ha dettato ipotesi e non certezze.
Ma in tempi recentissimi una rivoluzionaria ipotesi arriva da due ricercatori della facoltà di Architettura del Politecnico di Bari, ed apre un nuovo squarcio di verità e sostengono una tesi davvero credibile. Una congiunta ricerca, recentemente pubblicata, spiega le ragioni di quel progetto voluto fortemente e fatto realizzare dall’imperatore.

PROGRAMMA:
APPUNTAMENTO ALLE ORE 15,30 AL PARCHEGGIO (IN CIMA) di CASTEL DEL MONTE E REGISTRAZIONE DEI PARTECIPANTI.
Per chi è impossibilitato a raggiungere in auto Castel del Monte da Foggia o da altre località, organizzeremo un CAR SHARING ( condivisione dei posti in auto con altri partecipanti)

Ritrovo dei partecipanti ore 15,30 a Castel del Monte

Visita guidata completa di esterni ed interni del Castello ( durata circa 2.30 h)

COSTI
• Visita guidata: € 10 / minori 12 anni gratuito

• Biglietto d’ingresso: € 7 adulti ( dai 25 anni in su) – € 3,50 (18 -24 anni) – gratuito fino a 18 anni

• Gratuità di ingressi: Insegnanti di scuola statale presentando idonea documentazione
Docenti e studenti di Lettere e Filosofia con indirizzo storico-artistico o archeologico, Conservazione dei beni culturali, Architettura, Accademia delle belle arti, Scienze della formazione

PER PRENOTARE ED ISCRIVERSI all’evento contattare telefonicamente il seguente numero:
Tel/WhatsApp: 328 1499808 (GRUPPO ARCHEOLOGICO DAUNIO)
o per e mail: archeodaunio@libero.it
IMPORTANTE!
• La prenotazione dev’essere effettuata UNICAMENTE contattando il numero indicato o inviando una mail.
La partecipazione all’evento cliccata su FB non è valida se non confermata con le modalità suddette.
• I posti sono limitati pertanto si invitano gli interessati ad una rapida adesione.
L’organizzazione si riserva di modificare il percorso o rinviare l’escursione.


Visita guidata dell’Isola di Sant’Andrea a Molfetta

In il

visita guidata isola di sant andrea molfetta

Itinerario storico-artistico di scoperta del bellissimo borgo antico di Molfetta. Seguendo l’intreccio viario, scopriremo storie e aneddoti raccontati dai segni che l’uomo ha inciso nella bianca pietra: stemmi, edicole, portali, archi e maschere. Ci saluteremo con un tea-break.

INFO
Durata tour: circa 2 ore
Contributo di partecipazione: 10 euro (comprendente la tessera associativa per il 2018; per i soci che hanno già versato la quota associativa, quest’ultima sarà detratta dal contributo complessivo)
Prenotazione obbligatoria: 3490654402 – 3271330367 – infopugliamia@gmail.com


“Alla scoperta di Bari sotterranea: Un viaggio nella città sotto la città”

In il

Da venerdì 9 a domenica 11 marzo Eventi d’autore, in collaborazione con il Comune di Bari, il MIBACT, il Polo Museale della Puglia e la Sovrintendenza per i Beni Archeologici della Puglia, proporrà “Bari sotterranea”, l’iniziativa che consentirà di visitare le bellezze archeologiche e i tesori nascosti che caratterizzano la storia della città. Un “viaggio” nel tempo alla scoperta di una città “sotto la città”, fatta di luoghi della memoria le cui origini risalgono all’età del Bronzo.

Il percorso di “Bari sotterranea”, della durata di circa 2 ore, parte dal Castello Normanno Svevo, le cui fondamenta celano i resti dell’abitato bizantino (X sec. d.C.) preesistente l’impianto della fortezza, e prosegue per la chiesa di Sant’Appolinare, il sepolcreto, le abitazioni, le botteghe, le officine, i pozzi e il focolare offrono una vivida immagine della vita quotidiana nella Bari del X secolo. Il viaggio tocca anche il “Succorpo” della Cattedrale romanica, area di straordinario interesse storico e archeologico che racchiude resti stratificati risalenti ad una fase compresa tra l’età romana e il Medioevo. Negli ambienti del Succorpo si dispiega un’articolata area archeologica il cui elemento di maggior pregio è il mosaico policromo voluto da Timoteo, intorno al VI secolo d.C., per decorare la Basilica di S. Maria.

Terza tappa del percorso è l’area archeologica di Palazzo Simi (nei pressi della Cattedrale) sede del Centro operativo per l’archeologia di Bari. Elegante dimora palatiata tardo-rinascimentale con i monumentali resti di due chiese sovrapposte di età bizantina e romanica ed esposizioni di reperti e contesti di scavo nella città e nel territorio dell’antica Peucezia. Ultima tappa Santa Maria del Buon Consiglio, che sorge nella zona più antica della città, dove gli archeologi hanno individuato i primi insediamenti dell’età del bronzo. Si tratta di una chiesa a “cielo aperto” di cui si conserva una splendida pavimentazione e complessa stratificazione archeologica.

“Bari sotterranea” (www.barisotterranea.it) è a cura di Eventi d’autore con il supporto didattico e scientifico di archeologi accreditati dalla Sovrintendenza Archeologica della Puglia. Si accede alla visita solo su prenotazione: il costo del biglietto è di 15 € per gli adulti e 10 € per le fasce d’età comprese tra i 7 e i 18 anni.

Infotel: 3382719840 – 3409546476


Il Principe Amleto

In il

PROGRAMMA:
ESPOSIZIONE GIOIELLI D’AUTORE DEL MAESTRO VITO GURRADO
ORE 9.00 VISITA GUIDATA DEL CASTELLO
ORE 10.30 MOSTRA DI FOTOGRAFIA PROMOSSA DALL’ORDINE DEI MANDATARI MEDIEVALI DI SANNICANDRO DI BARI
ORE 11.30 PERFORMANCE TEATRALE “IL PRINCIPE AMLETO”
ORE 13.00 PICCOLO RINFRESCO

Il Principe Amleto
Voci delle nostre identità il dilemma perpetuo dell’uomo – da “Amleto” di W. Shakespeare

Quando silenzio e follia, realtà e illusione si incontrano danno un volto alla coscienza collettiva attraverso una maschera. Quando nel silenzio delle nostre identità coesistono anima e umori la follia pian piano prende piede e colora le voci e i corpi, proprio come nei versi di Emily Dickinson…
Amleto gioca con la sua follia e si beffa lucidamente di chi gli sta intorno consapevole dei suoi scopi, ma Ofelia ne è fuori e, inconsapevole, si lascia morire.
Ma la morte è compagna di chi cerca l’odio e la vendetta e così innalza la sua ombra travolgendo tutti in un lago di sangue.
Amleto, Ofelia, lo Spettro, Re Claudio, La Regina, rappresentano simboli forti e di grande attualità di quanto il potere possa logorare chi ce l’ha e sbeffeggiare chi non ce l’ha. D’altra parte l’ “essere o non essere” è il dilemma perpetuo dell’uomo.
Lo spettatore si trova quasi ad interagire con i personaggi già dalle prime fasi quando Amleto e lo Spettro si confrontano in un surreale dialogo fra il mondo dei vivi e l’aldilà, immaginando che ci fosse uno specchio d’aria a separarli. Come si può accettare l’assassinio di un padre e l’usurpazione della corona avvenuta in modo così subdolo?

Drammatica conseguenza degli eventi accaduti ad Amleto è il velo di follia che lo pervade e che si “riflette” anche su Ofelia.
Un’incantevole fanciulla appare sospesa nell’acqua, immagine rappresentata dall’iconografia romantica in cui Ofelia, in preda alla follia, scivolando nelle acque di un fiume, muore annegata.
Le scene sono contrappuntate da effetti sonori e melodie.

Idea e adattamento
Massimo Abrescia, Katia Nacci

Attori:
Vincenzo Marco De Sario, Tiziana Manfredi, Pino Matera, Diego Milanesi Amendoni, Enrico Milanesi Amendoni, Susi Rutigliano e Maurizio Sarubbi

Aiuto regia Maurizio Sarubbi

Musiche Massimo Abrescia

Scene e costumi Susi Rutigliano

Luci Francesco Di Filippo

direzione Massimo Abrescia, Katia Nacci

aiuto organizzazione Enza Capodiferro

Compagnia Experimental Opera – Associazione culturale SCENE
per prenotazioni
infotel. 347-7894393 – 347-4846040


PIANOFORTANGO – Polaris Duo in Concerto a chiusura della mostra di Leo Matiz

In il

PIANOFORTANGO Polaris Duo in Concerto a chiusura della mostra di Leo Matiz
? Venerdì 16 febbraio
? Ore 20:30
? PIANOFORTANGO

Un concerto a chiusura della mostra di Leo Matiz a cura dei Polaris Duo con musiche di Astor Piazzolla e video-proiezione a tema.

? Alle 19:30 visita guidata alla mostra
? Prenotazioni al numero 080577236
✔️ Ingresso: 10 euro
______
Il Polaris Duo, vincitore del Premio Sonora 2008 per il migliore spettacolo dedicato alla musica da film, è formato da Miro Abbaticchio e Giuseppe Massarelli (due pianoforti). Oltre all’esecuzione di colonne sonore e di composizioni proprie, i due artisti si sono concentrati sulla vasta produzione musicale di Astor Piazzolla, registrando un cd per pianoforte a quattro mani completamente dedicato al musicista sudamericano.


Di Corte in Corte

In il

Sabato 10 ore 17.30 appuntamento con l’itinerario “Di Corte in Corte”. La corte è un mondo a sé, una sorta di casa comune, un monastero laico dove è rimasta intatta la vitalità tipica delle città medievali.

Costo: 8 euro

Punto d’incontro: Santa Scolastica c/o via Venezia

Chiesa di Santa Maria del Buonconsiglio
Vico del forno di Santa Scolastica
Largo Sant’Annunziata
Corte e Arco dello Spirito Santo
Corte Moscatelli
Corte Garrita
Corte Midorusso
Corte Carducci
Corte Pavone
Corte Tre Cantia
Corte del Dattilo