“NATALINO”: a Putignano la semplicità della Festa tra gusto, calore e tradizioni

In il

natalino putignano

NATALINO
La semplicità della Festa tra gusto, calore e tradizioni
Nei giorni giusti dal 22 dicembre
Putignano (centro storico) piazza S. Maria

L’atmosfera del Natale, quella autentica dove l’attesa dello stare insieme si sostituiva al consumismo sfrenato e gli sfarzi esagerati: questo è NATALINO.
Semplice nella sua proposta, Natalino vorrebbe proprio regalare a curiosi ed avventori quello che della festa più importante dell’anno si è perso, il calore della convivialità dove profumi, sapori e colori della tradizione incontrano una location intrisa di storia popolare, ovvero piazza S. Maria nel centro storico di Putignano.
Sarà quindi la piazza antica con la sua meravigliosa chiesa dai ricami barocchi a proporre lo spirito della festa d’un tempo, addobbata con candide lucine dove, nei “giorni giusti” a decorrere dal 22 dicembre, si alterneranno prelibatezze gastronomiche proposte in attenti abbinamenti con il buon vino del territorio e birre artigianali pugliesi.
Per scaldare l’aria non mancheranno situazioni d’intrattenimento musicali ed altre attività, per così favorire un piacevole stazionamento all’insegna della tradizione natalizia da vivere in maniera originale senza trascurare il valore del senso del dono a favore dei più bisognosi.
Stare insieme con la complicità della festa, che si fonde nella semplicità di un luogo dal fascino irripetibile, significa rivivere quei momenti scanditi dai rintocchi delle campane che segnavano il tempo delle giornate colme di sacrifici. Le ristrettezze economiche di allora, portavano i nostri nonni a percepire il senso dell’attesa delle festività, in modo profondo, per celebrare senza sprechi ed eccessi la convivialità domestica e di strada. Qualcuno purtroppo vive ancora in condizioni precarie, costretto a rinunciare a tanto in una società dove i beni materiali hanno generato “povertà” di sentimenti e amore. Proprio per questo, Natalino con il suo format, oggi probabilmente in controtendenza, vorrebbe immergere tutti noi in quella dimensione priva di esagerazioni per poter regalare a qualche famiglia in difficoltà parte del ricavato delle sue attività.
L’evento è organizzato dall’associazione Trullando grazie alla sensibilità del main partner Dolce Bontà Srl e di AMARO Mediterraneo e Cantine Tauro. Con il patrocinio gratuito del comune di Putignano.

Il programma delle attività sarà aggiornato di volta in volta ed è consultabile sull’evento facebook Natalino
Le date indicate sul calendario potrebbero subire variazioni e annullamenti per cause di forza maggiore.

INFO:
3921676030 – 3665072676


Natale a Mola di Bari: il programma completo degli eventi natalizi

In il

natale a mola di bari 2018

E se vi dicessimo che Sabato e Domenica 22/23 Dicembre e 05/06 Gennaio, gli IPOGEI delle 4 Fontane e di Via Regina Margherita torneranno ad essere accessibili a tutti i cittadini attraverso visite guidate?

E non solo…

Durante i due Weekend 15/16 e 22/23 Dicembre sarà la volta di “Gustiamola, una città da mare”; il gusto del nostro mare al centro delle locali tradizioni enogastronomiche in Piazza XX Settembre, tra stand enogastronomici, mercatini di Natale, spettacoli e concerti.

Visite guidate gratuite tra i principali monumenti del centro storico, un week end dedicato ai bambini con Babbo Natale e il suo aiutante-elfo tra pupazzi di neve, caramelle e palloncini.

Mola di Bari, si trasforma in un contenitore delle culture, delle tradizioni e del gusto, all’interno di luoghi storici o della tradizione riappropriandosi di scorci e siti incantevoli da restituire alla fruizione ed alla poesia di esperienze culturali immerse nella magia del Natale.

Scoprite il programma completo del Natale a Mola di Bari cliccando qui


Falò della Vigilia dell’Immacolata ad Adelfia

In il

falo dell immacolata adelfia

Il Falò della Vigilia dell’Immacolata rappresenta una tradizione paesana che si consuma da tempi immemori.
L’accensione della fanova era un rito pagano, divenuto poi una tradizione cristiana in onore dell’Immacolata Concezione; i contadini intendevano così ringraziare la Madonna per il raccolto e per la fertilità del terreno.
Ad Adelfia (BA), la sera del 7 Dicembre, Vigilia dell’Immacolata, si accendono i Falò (o “Fanove”) il più grande in Piazza Galtieri.
Questa ricorrenza ad Adelfia, oggi come ieri, è molto sentita. I Falò organizzati per le vie del paese saranno pure pochi, rispetto al passato, ma l’importante è che ci siano. Saranno pure cambiati i tempi, ma la passione è sempre la stessa.
Le tradizioni! Curiamole e difendiamole!


DOLCE NATALE a Noicattaro

In il

dolce natale noicattaro

“Dolce Natale” è il programma delle iniziative che dal 7 dicembre al 23 dicembre prossimi trasformerà Noicattaro in un festoso borgo natalizio. Cultura, tradizioni, musica e teatro faranno da filo conduttore ad un’atmosfera che, tra luminarie e alberi di Natale, coinvolgerà tutta la città con oltre trenta eventi. Protagonisti principali i bambini, attrazioni ludiche, spettacoli di burattini e l’incontro con Babbo Natale. Spazio anche alla tradizione con la Fiera dei Pupi a cura della Confraternita M. SS. Immacolata con statuette, presepi, minuterie, scenografie, luci e artigianato natalizio, tra cori, zampogne e degustazione delle “stelle di Maria”.
A ancora musica in piazza, gastronomia tradizionale natalizia e artigianato locale.
Lo shopping avrà la sua importanza con la notte bianca, in programma tra il 15 e il 16 dicembre, dove le vie principali saranno animate da spettacoli musicali e artisti di strada.
Il Natale a Noicattaro, comunque sarà anche tanto altro: il programma completo degli eventi e degli appuntamenti è disponibile sull’evento Facebook DOLCE NATALE A NOICATTARO.

IL PROGRAMMA DI “DOLCE NATALE 2018” – NOICATTARO (BARI)

07.08.09 DICEMBRE

PIAZZA UMBERTO I
ACCENSIONE DEL GRANDE ALBERO DI NATALE
RAPPRESENTAZIONE DELLA NATIVITÀ
SPETTACOLI MUSICALI
PRESENTAZIONE PRODOTTI DI ARTIGIANATO NATALIZIO (IN CASETTE IN LEGNO A TEMA NATALE)
CALDARROSTE E VIN BRÛLÉ  (IN CASETTE E GAZEBO IN LEGNO A TEMA NATALE)
GASTRONOMIA TIPICA NATALIZIA (IN CASETTE E GAZEBO IN LEGNO A TEMA NATALE)

15.16 DICEMBRE

PIAZZA UMBERTO I
ARRIVO DI BABBO NATALE
SPETTACOLI MUSICALI
ATTRAZIONI LUDICHE PER ADULTI E BAMBINI
CANONE SPARANEVE
CALDARROSTE E VIN BRÛLÉ (IN CASETTE E GAZEBO IN LEGNO A TEMA NATALE)
GASTRONOMIA TIPICA NATALIZIA (IN CASETTE E GAZEBO IN LEGNO A TEMA NATALE)

VIA CARMINE
ATTRAZIONI E ANIMAZIONI LUDICHE PER BAMBINI (A CURA DI ASSOCIAZIONI DEL TERRITORIO)
ARTISTI DI STRADA
ILLUMINAZIONE ARTISTICA DELLE FACCIATE DEI MONUMENTI

PALAZZO DELLA CULTURA
LA CASA DI BABBO NATALE
ANIMAZIONI LUDICHE PER BAMBINI (A CURA DI ASSOCIAZIONI DEL TERRITORIO)
SPETTACOLO DI BURATTINI

PIAZZA VITTORIO EMANUELE III – VILLA COMUNALE
LA FALEGNAMERIA DI BABBO NATALE E I SUOI ELFI
LA POSTA DI BABBO NATALE
ANIMAZIONI LUDICHE PER BAMBINI (A CURA DI ASSOCIAZIONI DEL TERRITORIO)
SPETTACOLI MUSICALI
ARTISTI DI STRADA
SPETTACOLI DI BURATTINI (A CURA DI ASSOCIAZIONI DEL TERRITORIO)
CALDARROSTE E VIN BRÛLÉ (IN CASETTE E GAZEBO IN LEGNO A TEMA NATALE)
GASTRONOMIA TIPICA NATALIZIA (IN CASETTE E GAZEBO IN LEGNO A TEMA NATALE)

VIA PRINCIPE UMBERTO – VIA CROCECCHIA: LA NOTTE BIANCA DELLO SHOPPING
SPETTACOLI MUSICALI
ARTISTI DI STRADA

21 DICEMBRE

VIA FILIPPO NERI
ARTISTI DI STRADA

22.23 DICEMBRE

PIAZZA UMBERTO I
SPETTACOLI MUSICALI
ATTRAZIONI LUDICHE PER ADULTI E BAMBINI
CANONE SPARANEVE
CALDARROSTE E VIN BRÛLÉ (IN CASETTE E GAZEBO IN LEGNO A TEMA NATALE)
GASTRONOMIA TIPICA NATALIZIA (IN CASETTE E GAZEBO IN LEGNO A TEMA NATALE)

VIA CARMINE
ATTRAZIONI E ANIMAZIONI LUDICHE PER BAMBINI (A CURA DI ASSOCIAZIONI DEL TERRITORIO)
ARTISTI DI STRADA
ILLUMINAZIONE ARTISTICA DELLE FACCIATE DEI MONUMENTI

PALAZZO DELLA CULTURA
LA CASA DI BABBO NATALE
ANIMAZIONI LUDICHE PER BAMBINI (A CURA DI ASSOCIAZIONI DEL TERRITORIO)
SPETTACOLO DI BURATTINI

PIAZZA VITTORIO EMANUELE III – VILLA COMUNALE
LA FALEGNAMERIA DI BABBO NATALE E I SUOI ELFI
LA POSTA DI BABBO NATALE
ANIMAZIONI LUDICHE PER BAMBINI (A CURA DI ASSOCIAZIONI DEL TERRITORIO)
SPETTACOLI MUSICALI
ARTISTI DI STRADA
SPETTACOLI DI BURATTINI (A CURA DI ASSOCIAZIONI DEL TERRITORIO)
CALDARROSTE E VIN BRÛLÉ (IN CASETTE E GAZEBO IN LEGNO A TEMA NATALE)
GASTRONOMIA TIPICA NATALIZIA (IN CASETTE E GAZEBO IN LEGNO A TEMA NATALE)


I mestieri del cibo. Storie dal mare di Puglia – Giornate Europee del Patrimonio

In il

I mestieri del cibo Storie dal mare di Puglia

Nell’ambito della proclamazione del 2018 quale Anno del Cibo Italiano il Ministero per i Beni e le Attività Culturali e il Ministero delle Politiche Agricole e Forestali hanno promosso su tutto il territorio nazionale iniziative volte alla valorizzazione della cultura del cibo, dalle materie prime alla loro trasformazione fino alle usanze popolari, riti e produzioni artistiche legate alla celebrazione delle tradizioni culinarie.

In Puglia, tra gli eventi previsti, la tavola rotonda “I mestieri del cibo. Storie dal mare di Puglia” che si terrà presso il Teatro Van Westerhout di Mola di Bari il 22 settembre 2018 in occasione delle Giornate Europee del Patrimonio.

L’incontro pubblico sarà dedicato ai mestieri e alle tradizioni del cibo legati al mare, con l’obiettivo di diffondere la conoscenza della cultura del cibo e avviare attività di promozione territoriale in relazione al turismo culturale e alla valorizzazione delle eccellenze enogastronomiche della nostra regione.

L’ iniziativa ospiterà rappresentanti delle istituzioni, degli enti locali, delle università pugliesi ed associazioni di categoria che approfondiranno gli aspetti legati alla storia, all’economia, alle dinamiche sociali e culturali del cibo e dei “mestieri” del cibo.

Uno spazio sarà dedicato alle testimonianze di quanti dedicano la propria vita alla pesca e alla trasformazione dei prodotti del mare che, perpetrando gesti e riti, rinnovano tradizioni secolari.


BeerFest 2018 a Sannicandro di Bari

In il

beerfest 2018

Cos’é il BeerFest?
Il BeerFest é un festival popolare che ha come protagonista una delle bevande alcoliche più antiche di sempre, la birra.
Ispirato all’Oktoberfest di Monaco di Baviera, il BeerFest avrà luogo nella splendida cornice del Castello Normanno-Svevo di Sannicandro di Bari, dove verranno allestiti stand di birra e di German Food (prodotti tipici tedeschi).
Madrine di questo BeerFest:
– Löwenbräu (bionda)
– Hoegaarden (blanche)
– Leffe (rossa)

Castello di Sannicandro
Piazza Castello – Sannicandro di Bari
Info. 351 0479837 – 393 8899614


Tradizioni, Processioni e Concerti per la Settimana Santa a Ruvo di Puglia

In il

settimana santa ruvo di puglia

Gli appuntamenti della Settimana Santa, con il tradizionale calendario di riti processionali, tradizioni e concerti di marce funebri, sono anche quest’anno occasione per mettere insieme una serie di eventi culturali che animeranno Ruvo di Puglia nelle ultime settimane di marzo e durante il mese di aprile.

L’intero programma di questi eventi è raccolto anche quest’anno sotto il titolo di “Ruvo a Primavera” in un unico cartellone patrocinato dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Ruvo di Puglia.

Ogni Confraternita realizzerà – oltre alle processioni che inizieranno il venerdì 23 per concludersi la domenica 1 aprile – un concerto di marce funebri. Il primo è in programma venerdì 16 Planctus Mariae nella chiesa di San Domenico con l’Orchestra B. Giandonato diretta da Rocco Di Rella. Tutte insieme e in collaborazione con l’ass.ne Ruvo 2.0 daranno vita alla suggestiva Sacra Rappresentazione il 26 e 27 marzo che per la prima volta si terrà in piazza Matteotti alle 20.30. Si conferma inoltre per la domenica di Pasqua il tradizionale scoppio delle Quarantane a cura del Comitato Freste Patronali e della Pro Loco cittadina, al passaggio della processione di Gesù Risorto. Tutti i riti saranno trasmessi in diretta streaming su ruvesi.it e televisiva su Teleregione Color. Double P Comunication, che curerà la produzione delle trasmissioni, fa sapere che le dirette saranno garantite anche in capo di spostamenti o rinvii dovuti al maltempo.

Di livello particolarmente alto gli altri appuntamenti musicali, come il concerto per soli, coro e orchestra “Lux Aeterna” su musiche di P. La Rotella e G. Faurè in programma sabato 17 nella Chiesa di S. Domenico con l’Orchestra Sinfonica della Città Metropolitana di Bari e ben otto corali dirette dai singoli maestri, tra le quali la Corale Polifonica”Michele Cantatore” che organizza l’evento.
Domenica 18 invece in Cattedrale progetto speciale del festival Wanda landowska con il “Concerto di Pasqua su Musiche rare della Settimana Santa” con Pino Minafra & La Banda, Nicola Pisani solista e Michele Di Puppo e Angelo Inglese direttori.

Ampio spazio in cartellone anche a mostre, visite guidate e incontri tra scrittori e ragazzi delle scuole previsti dalla rassegna “Confabulare– Libri fuori dagli scaffali”.

Di seguito il programma completo:

RITI RELIGIOSI, TRADIZIONI E CONCERTI MUSICALI

DELLA SETTIMANA SANTA E DI PASQUA

CONFRATERNITA PURIFICAZIONE ADDOLORATA

Venerdì 23 Marzo Processione della Desolata dalle ore 17

Domenica 1 Aprile Processione di Gesù Risorto alle ore 9.30

CONFRATERNITA DEL CARMINE

Da venerdì 23 a giovedì 29 marzo – Arciconfraternita del Carmine
ESPOSIZIONE SACRE STATUE

Lunedì 26 e martedì 27 marzo ore 20.30 – piazza Matteotti
SACRA RAPPRESENTAZIONE VIVENTE in coll. fra le quattro Confraternite e l’ass.ne Ruvo 2.0
regia prof. Giovanni Todisco

Venerdì 30 marzo ore 18 Processione SS Misteri per le vie della città

CONFRATERNITA OPERA PIA SAN ROCCO

Mercoledì 28 marzo ore 19.30 – Chiesa di San Rocco
CONCERTO DI MARCE FUNEBRI a cura degli Amici di San Rocco diretti dal maestro Simone Salvatorelli

Giovedì 29 marzo ore 02.30 – Chiesa di San Rocco
PROCESSIONE DELLA DEPOSIZIONE OTTO SANTI

CONFRATERNITA DEL PURGATORIO

Lunedì 26 marzo ore 19.30 – Chiesa del Purgatorio
STABAT MATER DOLOROSA recital diretto dal prof. Rocco Di Rella
con la partecipazione del Coro della Confraternita del Purgatorio

Sabato 31 marzo ore 16 Processione della M.S.S. dell Pietà

COMITATO FESTE PATRONALI

Domenica 1 aprile
SCOPPI DELLE QUARANTANE al passaggio della processione di Gesù Risorto


“Fanòve di San Giuseppe e tradizioni” a Turi

In il

fanove di san giuseppe turi 2018

La Nuova Pro Loco di Turi, in collaborazione con l’Associazione Mule del Tiro del Carro di Sant’Oronzo e l’Associazione Mule del Carro di Sant’Oronzo e con il patrocinio del Comune di Turi, presenta la IV edizione dell’evento “Fanòve di San Giuseppe e tradizioni”.

Uno spettacolo coinvolgente che vi porterà a rievocare e rivalutare le vecchie tradizioni turesi in compagnia di buon vino, trònere e zeppole, bella musica e tanto calore.

L’appuntamento è alle ore 19.00 di sabato 19 marzo in Largo Pozzi dove per tutti sarà offerto lo spettacolo musicale del gruppo Zulejka folk del Sud ed internazionale, oltre che un intrattenimento ludico per i più piccoli.

Dalle ore 19.30, invece, le luci si diffonderanno in ogni angolo del paese e in ogni rione saranno accese le fanòve dei partecipanti al concorso a premi, che saranno valutati da una giuria tecnica e premiati direttamente in serata, intorno alle ore 22.00.

Per informazione al concorso, contattare il 3477965065 o rivolgersi presso la sede di via XX settembre n°3.


LA FOCACCIA BARESE (Storia, Tradizioni e Cambiamenti)

In Baresità,Storie,Umorismo il

Le origini sono attribuibili agli antichi Fenici. Un impasto di miglio, orzo, acqua e sale che Catone nel II secolo A.C. “raccontava” come un impasto di forma rotonda cotto su pietra con olio d’oliva, spezie e miele. Tracce di convivialità legata alla focaccia ottenute con farine di orzo, di segale e di miglio e cotte al fuoco si trovano anche fra cartaginesi e greci. Dalla Grecia all’antica Roma il passo è breve, dove scopriamo che la focaccia veniva offerta agli Dei per poi balzare all’epoca rinascimentale e scoprire che veniva consumata assieme al vino nei banchetti di nozze. Tutte esperienze che ne “certificano” la sublimità di questo semplice e gustoso alimento.

La focaccia oggi in Italia è molto diffusa ma se ne contendono la paternità in particolare 2 Regioni: Puglia e Liguria.
In particolare in Puglia è molto forte la tradizione ed è diffusa in tutte le sue province ma è a Bari (o nel barese in genere) che trova la sua “patria”. Nasce probabilmente ad Altamura o Laterza, come variante del tradizionale pane di grano duro, per utilizzare il calore prodotto inizialmente del forno a legna per la cottura del pane ma non ancora alla temperatura ideale per cuocerlo. Pertanto, prima di cuocere le pagnotte classiche  veniva steso un pezzo di pasta di pane cruda su una teglia, lo si lasciava riposare un po’, dunque lo si condiva e infine lo si cuoceva.

La leggenda della focaccia barese deve la sua popolarità negli anni recenti grazie ad una storia vera, da cui è stato anche tratto un film “Focaccia Blues” che ricorda la battaglia di Davide contro il gigante Golia. Già, perché qualche anno fa la notizia ha fatto il giro del mondo e pubblicata addirittura su New York Times. (Nel film compaiono in piccoli ruoli gli attori Michele Placido, Lino Banfi e Renzo Arbore).

ll colosso americano McDonald’s apre un fast food nel piccolo comune di Altamura nella stessa strada dove c’era un panettiere che vendeva la famosa focaccia del sud.
Il piccolo panettiere fa chiudere i battenti al colosso americano umiliandolo e costringendolo alla fuga “l’unicità dei sapori vince sulla riproducibilità dei menù”. Oggi, la focaccia barese è lo snack per eccellenza nella città pugliese. Spesso sostituisce il pranzo, accompagna le cene o viene degustata in ogni momento della giornata per fare merenda o per colmare un piccolo senso di fame.

Spesso la si mangia solo per semplice sfizio e viene degustata anche passeggiando per strada incurante del rischio di sporcarsi con i pezzi di pomodoro. “Il gioco vale la candela” come si suol dire. Oggi queste emozioni non hanno solo un territorialità specifica, e la focaccia barese è arrivata anche al nord Italia.

Trattandosi di un prodotto della tradizione gastronomica popolare, la ricetta presenta numerose varianti perlopiù in base alla collocazione geografica.
Nella sua versione più tipica, la base della focaccia si ottiene amalgamando semola rimacinata, patate lesse, sale, lievito e acqua così da ottenere un impasto piuttosto elastico, molle ma non appiccicoso, che viene lasciato lievitare, steso in una teglia tonda unta con abbondante olio extravergine d’oliva, quindi lasciato lievitare di nuovo, condito e cotto, preferibilmente in forno a legna.
L’olio viene anche versato sulla superficie della focaccia insieme al condimento.

Esistono tre varianti legate alla tradizione:
– la focaccia per eccellenza che prevede la presenza di pomodorini freschi e/o olive nere baresane,
– la focaccia alle patate, ove l’intera superficie e ricoperta da fette di patate spesse circa 5 mm,
– la focaccia bianca condita con sale grosso e rosmarino.
Oggi, la focaccia, ha subito diversi cambiamenti e trasformazioni attraverso l’aggiunta di altri ingredienti posti sulla sua superficie: peperoni, melanzane, cipolle e altri tipi di verdure.

Cliccando QUI potete trovare la ricetta della Focaccia Barese del panettiere Giovanni Di Serio, Presidente del Consorzio della Focaccia Barese


Metti un Natale nel Borgo Antico – Castellana Grotte

In il

Enogastronomia, musica, tradizioni e shopping: dal 4 dicembre al 7 gennaio un ricco calendario di appuntamenti natalizi nel centro storico e nel centro cittadino
L’idea che le tradizioni (e la tradizione) siano ancora al centro delle Feste (e della festa). L’opportunità di trasformare il centro storico di Castellana (e non solo) in un evento natalizio fruibile per un mese intero. La convinzione che il Natale, organizzato nel cuore del paese, possa essere occasione di condivisione, gioia e divertimento. Così nasce il cartellone di eventi natalizi “Metti un Natale nel Borgo Antico”, in programma dal 4 dicembre 2016 al 7 gennaio 2017 a Castellana Grotte (Ba). Questo è l’obiettivo che unisce alcune importanti associazioni del territorio: Castellana come luogo di ritrovo per la famiglia, le amicizie e i valori di un tempo con oltre 110 attività partecipanti e facilmente riconoscibili dall’allestimento esterno con una lampada natalizia.

METTI UN NATALE NEL BORGO ANTICO
Shopping e tradizioni, attività commerciali addobbate a tema e allestimenti natalizi, musica live, enogastronomia e laboratori di degustazione, presepi e presepe vivente, mostre e proiezioni di film, visite nelle chiese del centro storico e letture per bambini.
Da largo San Leone Magno a largo Bari, dalle vie del centro storico alle vie del centro cittadino, percorsi con un filo conduttore unico: il Natale in tutte le sue forme. A rendere straordinario l’insieme l’elemento distintivo di 110 lampade con addobbi natalizi che segnaleranno la partecipazione all’evento delle attività commerciali.
Metti un Natale nel Borgo Antico è organizzato da Associazione Culturale 1171 l’Origine in collaborazione con Amici del Presepio, Comitato Feste Patronali, Confcommercio Castellana, Culturama, Mars e Pro Loco Castellana Grotte e con il patrocinio di Comune di Castellana Grotte.

PROGRAMMA DOMENICA 4 DICEMBRE 2016
Più di trenta giorni di eventi e iniziative nel contesto del cuore di Castellana e del centro abitato. Si comincia domenica 4 dicembre con l’inaugurazione dell’Eco Xmas Tree di Culturama in largo Bari, musica live con gli Off-Shore in largo San Leone Magno nella cassa armonica appositamente allestita, dj set con FunkyBros in largo Bari, l’inaugurazione de “L’Ulivo di Natale e le stelle cadenti” a cura di Pro Loco presso largo Curia Baronale e in via Angiulli, a partire dalle ore 21, a cura di Pasticceria San Valentino, laboratorio di degustazione a tema pettole.

NATALE NEL SALOTTO DI CONFCOMMERCIO
Sempre domenica 4 dicembre, al via anche il “Natale nel Salotto” di Confcommercio Castellana in piazza Garibaldi con il concerto di Christmas Three – musiche natalizie. Attività commerciali aperte nelle domeniche e nei giorni festivi di dicembre per cinque serate all’insegna dello shopping, dell’enogastronomia e della musica.

MOSTRA DEI PRESEPI E PRESEPE VIVENTE
Domenica 4 dicembre al via anche la mostra dei presepi nel cuore del centro storico. La mostra sarà visitabile nelle serate di domenica 4, mercoledì 7, giovedì 8, sabato 10, domenica 11 e sabato 17 dicembre. A seguire, dal 20 dicembre, sei giornate con il presepe vivente.

Info: www.mettiunasera.it