Settimana Europea del Test Hiv e delle Epatiti virali

In il

settimana europea del test hiv 2021

La Spring European Testing Week, volta a promuovere i test per la diagnosi dell’HIV e delle epatiti virali, torna in tutta Europa dal 14 al 21 maggio 2021. In cinquantatre paesi della vasta regione europea dell’OMS, oltre 650 organizzazioni della società civile, delle associazioni medico-scientifiche e dei servizi sanitari si mobiliteranno per moltiplicare l’offerta di questi accertamenti diagnostici tra la popolazione generale e tra le fasce più vulnerabili. Obiettivi della mobilitazione: combattere il sommerso, far conoscere i vantaggi di una diagnosi precoce, sensibilizzare i governi a compiere il massimo sforzo per implementare questi servizi, soprattutto in questo periodo di pandemia da Sars Covid -19.
Conoscere il proprio stato sierologico, sapere se si è contratto l’HIV o l’epatite C, patologie che, spesso, si presentano in associazione, è fondamentale per accedere tempestivamente ai trattamenti in grado di preservare la salute dei singoli e della collettività.
Il CAMA LILA, con il progetto “SPORTELLO TEST RAPIDO – Interventi per favorire la diagnosi tempestiva dell’infezione da HIV – approvato dalla FONDAZIONE PUGLIA attraverso il “Bando Salute 2020” – aderirà, anche quest’ anno, presso la sede di Via Castromediano nr. 66 a Bari – Rione San Pasquale, con il rafforzamento dell’offerta di Test rapidi per l’HIV e l’HCV su prenotazione e durante le seguenti date ed orari: Venerdì 14, Lunedì 17, Giovedì 20 e Venerdì 21 Maggio dalle ore 16.30 alle 19.30.
Da oggi, quindi, chiunque vorrà accedere al servizio, dovrà prenotarsi chiamando lo 0805563269 dalle ore 10.00 alle ore 12.30 e dalle ore 17.00 alle ore 19.00.

Giunta alla sua quarta edizione, la Settimana Europea del Test di Primavera rappresenta un momento di mobilitazione internazionale per la salute pubblica tra i più importanti e partecipati e, in questi anni, ha contribuito a rendere consapevoli del proprio stato migliaia di persone, informando correttamente su prevenzione e terapie.
Il fenomeno del sommerso è oggi, rispetto a queste patologie, uno dei principali problemi di salute pubblica in Europa e nel mondo. Le stime ci dicono che, nel nostro continente, Italia compresa, almeno due persone con HIV su quattro, non sia consapevole di aver contratto il virus dell’HIV. Analoghe sono le stime di UNAIDS a livello globale. Questo fenomeno ha costi sociali e sanitari altissimi, poiché ritarda l’accesso alle Terapie Antiretrovirali (ART) ne compromette l’efficacia e aumenta i rischi di trasmissione.
Chi scopre di avere l’HIV e accede tempestivamente alle terapie Antiretrovirali, pur non “guarendo”, può però mantenere uno stato di salute e un’attesa di vita molto simili a quelle della popolazione generale. I trattamenti odierni possono, inoltre, abbassare la presenza di virus nel sangue a livelli tali da renderlo non più rilevabile. Le persone con HIV che raggiungono e mantengono questo stato clinico non trasmettono il virus.
Da sette anni, il CAMA LILA, offre test rapidi per l’HIV anonimi e gratuiti, secondo il modello “community-based” che prevede l’offerta di colloqui di informazione, supporto e counselling. In caso di esito reattivo, le persone sono inoltre aiutate nell’accesso ai servizi per il test di conferma e per l’avvio ai trattamenti. Il test è eseguito da personale formato e consiste nel prelevare con un tampone un piccolo campione di saliva. Prima di effettuare lo screening si raccomanda di astenersi dal bere, fumare e mangiare per almeno 30 minuti. La risposta arriva in 20 minuti. Se il test è reattivo (ovvero preliminarmente positivo), la persona è indirizzata o accompagnata ai servizi pubblici per eseguire un test di conferma (test Elisa o ComboTest). Inoltre, l’accoglienza verrà fatta in tutta sicurezza, avendo sanificato gli ambienti ed essendoci attrezzati di tutti i DPI necessari per prevenire l’infezione da Covid-19 .

Per informazioni e prenotazioni chiamare lo 080556326


“Summer Testing Day” a Bari test Hiv gratuiti a Torre Quetta e stadio San Nicola

In il

hiv testing day bari

Giovedì 8 agosto, torna il “Summer Testing Day”, il momento dedicato alla prevenzione organizzato dall’unità di strada “Care for People”, finanziata dall’assessorato al Welfare e gestita dalla cooperativa CAPS.

A bordo dell’unità mobile sarà possibile sottoporsi, in modo gratuito e in forma anonima, al test HIV salivare a risposta rapida, grazie alla collaborazione e al supporto dell’U.O.C. Igiene del Policlinico di Bari, in particolare del personale medico dell’ambulatorio di counselling e screening HIV Bari e dei volontari dell’associazione Cama Lila Bari. Medici e volontari, oltre ad effettuare lo screening con colloqui di counselling pre e post test, forniranno informazioni sull’infezione, sulle modalità della sua trasmissione e sui comportamenti utili a prevenirla.

Sono due le soste individuate: dalle ore 18 alle 20.30 a Torre Quetta e dalle ore 20.45 alle 22.30 nei pressi dello stadio San Nicola.

Si ricorda, che prima di effettuare il test, è necessario astenersi dal bere, fumare e mangiare per almeno 30 minuti: l’esito verrà consegnato 20 minuti dopo la sua somministrazione. Se il test risulterà reattivo (ovvero preliminarmente positivo), sarà favorito l’accesso a un centro specializzato per poter eseguire un test di conferma convenzionale ed essere inseriti in un programma di cura.
Per ulteriori informazioni scrivere a unitadistrada@coopcaps.it. 


Testing Day HIV gratuito e anonimo al centro Cama Lila di Bari

In il

accesso rapido di pasqua cama lila

Martedì 16 Aprile, i volontari del CAMA LILA, proseguiranno il progetto denominato “ACCESSO RAPIDO – Interventi per favorire la diagnosi tempestiva dell’infezione da HIV – finanziato dall’Assessorato al Welfare del Comune di Bari attraverso l’avviso pubblico relativo alle “AZIONI DI CONTRASTO ALLA GRAVE MARGINALITA’ ADULTA”, offrendo, presso la sede operativa di Via Castromediano 66 a Bari dalle ore 17.30 alle 20.00, il test salivare HIV a risposta rapida, in modo anonimo e gratuito, per rinforzare la capacità di vivere la sessualità in modo sicuro e responsabile, senza rinunciare al piacere ed alla passione!
L’infezione da Hiv riguarda chiunque abbia una vita sessuale attiva: il fatto che il rapporto sessuale avvenga tra persone dello stesso sesso o di sesso diverso, che avvenga all’interno di una coppia stabile o di un rapporto occasionale, non cambia nulla.
In Puglia, secondo i dati diramati dall’Osservatorio Epidemiologico Regionale, in 10 anni (2007-2017) sono state segnalate complessivamente 1762 nuove diagnosi di infezione da HIV con una media di 160 all’anno. Di queste, 332 sono donne e nella maggior parte dei casi, le stesse, hanno contratto il virus attraverso rapporti sessuali non protetti dal preservativo, spesso con il proprio partner stabile. Inoltre rimane alta ed in costante crescita la percentuale di diagnosi tardive: nel periodo di sorveglianza, la proporzione di tutte persone arrivate ad una nuova diagnosi di infezione da HIV come Late Presenter (residenti e non residenti) è stata del 49,3%.
Per sconfiggere l’Hiv, è necessario che le persone inconsapevoli di aver contratto il virus si sottopongano al test e possano così accedere tempestivamente alle cure.
Il test viene eseguito da personale formato ed è accompagnato, appunto, da un colloquio di counselling finalizzato alla valutazione dei rischi corsi. Prima di effettuare lo screening si raccomanda di astenersi dal bere, fumare e mangiare per almeno 30 minuti.
Martedì 16 Aprile, l’accoglienza e l’accettazione delle richieste di esecuzione del test avverrà sia presso la sede operativa di Via Castromediano 66 a Bari dalle ore 17.30 alle 20.00; l’esito del test verrà consegnato 20 minuti dopo la sua somministrazione.
Se il test risulterà reattivo (ovvero preliminarmente positivo), la persona verrà indirizzata ad un centro specializzato, con un percorso di accesso facilitato, dove potrà eseguire un test di conferma convenzionale ed essere inserito in un programma di cura.

Per informazioni chiamare lo 0805563269
Web: www.camalila.it


“BUON SAN VALENTINO ALL’AMORE PROTETTO” due giorni di test rapidi, anonimi e gratuiti

In il

buon san valentino all amore protetto cama lila test gratuiti

BUON SAN VALENTINO ALL’AMORE PROTETTO
Martedì 12 Febbraio e Giovedì 14 Febbraio, in occasione della giornata dedicata all’amore, i volontari del CAMA LILA, presso la sede operativa di Via Castromediano 66 a Bari, dalle ore 17.00 alle 20.00, in collaborazione con i Medici dell’Ambulatorio di Counselling e Screening HIV dell’Istituto di Igiene dell’AUO Policlinico di Bari, proseguono il progetto denominato “ACCESSO RAPIDO – Interventi per favorire la diagnosi tempestiva dell’infezione da HIV – finanziato dall’Assessorato al Welfare del Comune di Bari attraverso l’avviso pubblico relativo alle “AZIONI DI CONTRASTO ALLA GRAVE MARGINALITA’ ADULTA”, offrendo a chiunque vorrà dimostrare vero amore al proprio partner e per promuovere la consapevolezza del proprio stato sierologico tra la popolazione, il test salivare HIV a risposta rapida, in modo anonimo e gratuito.
L’infezione da Hiv, nel nostro paese, è ormai considerata un’infezione cronica che lascia spazio a progetti di vita personali, lavorativi e familiari, compreso quello di diventare genitori. Non esiste ancora una cura in grado di guarire dall’Hiv, ma, se l’infezione viene diagnosticata precocemente, le terapie antiretrovirali disponibili offrono un’aspettativa di vita paragonabile a quella della popolazione generale.
Oltre a sostenere lo stato di salute, le terapie antiretrovirali hanno un’importante funzione preventiva: riducendo la quantità di virus nell’organismo, riducono significativamente anche il rischio che l’Hiv venga trasmesso ad altre persone. Se la terapia è efficace, la quantità di virus è talmente ridotta da eliminare completamente il rischio di trasmissione.
In Italia è, però, altissima ed in costante crescita la percentuale di diagnosi tardive: sono molte, dunque, le persone non consapevoli di aver contratto il virus e che arrivano al test Hiv in uno stato di salute già debilitato. Si stima, inoltre, che la maggior parte delle infezioni sia trasmessa proprio dalle persone che non sanno di avere l’Hiv e che non adottano alcuna precauzione.
La diagnosi precoce offre dunque importanti vantaggi: innanzitutto la possibilità per le persone con Hiv di ricevere adeguate cure, assistenza e sostegno; inoltre, la tempestiva consapevolezza di avere l’Hiv, offre alle persone la possibilità di prevenire il rischio di trasmettere il virus ad altre persone. Oggi è ormai chiaro che, per sconfiggere l’Hiv, è necessario che le persone inconsapevoli di aver contratto il virus si sottopongano al test e possano così accedere tempestivamente alle cure.
Coloro che vorranno accedere al servizio, saranno proposti colloqui di supporto e orientamento su tutti i temi concernenti l’Hiv: prevenzione, salute, diritti, nonché un eventuale accesso “facilitato” ai centri clinici, qualora necessario.
Il test viene eseguito da personale formato ed è accompagnato, appunto, da un colloquio di counselling finalizzato alla valutazione dei rischi corsi. Prima di effettuare lo screening si raccomanda di astenersi dal bere, fumare e mangiare per almeno 30 minuti.
Martedì 12 Febbraio e Giovedì 14 Febbraio, l’accoglienza e l’accettazione delle richieste di esecuzione del test avverrà nella fascia oraria 17:00 – 20:00; l’esito del test verrà consegnato 20 minuti dopo la sua somministrazione.
Se il test risulterà reattivo (ovvero preliminarmente positivo), la persona verrà indirizzata ad un centro specializzato, con un percorso di accesso facilitato, dove potrà eseguire un test di conferma convenzionale ed essere inserito in un programma di cura.

Per informazioni chiamare lo 0805563269
Web: www.camalila.it


A Bari, in piazza del Ferrarese l’evento “C’ha ditt ù dottor? Te fà ù test!” Gratis per tutti il test rapido hiv

In il

test hiv rapido anlaids piazza del ferrarese bari

Sabato 9 febbraio 2019, dalle ore 20:00 nel Centro Storico di Bari – Piazza del Ferrarese, ANLAIDS Sezione Lombarda annuncia l’evento “C’HA DITT U’ DOTTOR? TE FA’U’TEST!”, una serata all’insegna della prevenzione dalle infezioni sessualmente trasmissibili che offre la possibilità di effettuare gratuitamente il test salivare rapido HIV, alla presenza di medici infettivologi in servizio presso Malattie Infettive del Policlinico Universitario di Bari. La serata è realizzata in collaborazione con Comitato Regionale A.S.C. PUGLIA (A.S.C. BARI – Attività Sportive Confederate) nella persona del Suo Presidente, Avv. Elena Cuccovillo, Clinica Malattie Infettive Policlinico di Bari diretta dal Prof. Gioacchino Angarano e insieme a Medici con l’Africa – CuammBari, con il suo referente Dott. Francesco Di Gennaro, che coordineranno l’evento sul territorio: a tutti i ragazzi che eseguiranno il test saranno regalati moltissimi gadget.
“OPEN-TEST” è un progetto giunto alla sua seconda edizione e realizzato grazie al cofinanziamento ricevuto da M∙A∙C AIDS Fund nel 2018, che arriva per la prima volta in Puglia.
I numeri parlano chiaro. A distanza di oltre 30 anni dalla scoperta del virus HIV, questa infezione risulta ancora estremamente diffusa a livello mondiale. L’Organizzazione Mondiale della Sanità stima che oltre 36 milioni di persone in tutto il mondo siano affette dall’infezione da HIV e che questo virus provochi oltre un milione di decessi all’anno. Sebbene la maggiore diffusione del virus si riscontri nel continente africano e nel sud est asiatico, dove le risorse sanitarie sono limitate, il virus è in aumento anche nei paesi occidentali. In Italia negli anni non si è mai osservata una diminuzione del numero delle nuove diagnosi di HIV. Circa 4000 persone ogni anno nel nostro paese scoprono di aver contratto l’infezione e per molte di queste la diagnosi avviene in fase avanzata di malattia quando il virus ha già indebolito il sistema immunitario e iniziano a presentarsi le manifestazioni dell’AIDS.
È davvero importante mantenere ancora alta l’attenzione nei confronti di una malattia che, se conosciuta nelle sue modalità di acquisizione e presentazione, può essere prevenuta o comunque tenuta sotto controllo con terapie efficaci.

Il progetto OPEN-TEST – creato da Anlaids (Associazione Nazionale per la lotta contro l’Aids) Sezione Lombarda e cofinanziato da M∙A∙C AIDS Fund – sta affrontando con ogni mezzo la questione della prevenzione dell’HIV rendendo le persone consapevoli del loro status: con un focus particolare sulle categorie maggiormente esposte al rischio di infezione e attraverso la promozione dell’esame, considerato come la chiave per espandere la prevenzione, il trattamento e la cura, OPEN-TEST punta a diffondere la cultura del test HIV e ad aumentare la consapevolezza e la conoscenza delle persone a rischio infezione, portandole così a controllarsi regolarmente.

Venerdì 8 Febbraio 2019, alle ore 11.00 nella Sala Giunta di Palazzo di Città del Comune di Bari (Corso Vittorio Emanuele II, 84) alla presenza delle autorità cittadine e con la partecipazione dei rappresentanti delle associazioni coinvolte nel progetto, sarà presentata ufficialmente l’iniziativa e saranno divulgati i dati sulla situazione epidemiologica del territorio.

GRATIS PER TUTTI IL TEST RAPIDO HIV

Infoline: ANLAIDS Sezione Lombarda
Carmine Falanga 3391071524

Ufficio stampa ANLAIDS Sezione Lombarda
Monica Ripamonti – 3480608294


Testing Week: a Bari esami gratuiti e anonimi per Hiv ed epatiti

In il

hiv testing day bari

Anche a Bari avrà luogo la “Testing Week”, la manifestazione in programma in decine di Paesi europei dove oltre 600 organizzazioni si spenderanno per promuovere i test per la diagnosi dell’HIV e delle epatiti virali.

Nell’ambito del progetto “Accesso rapido – Interventi per favorire la diagnosi tempestiva dell’infezione da HIV”, finanziato dall’assessorato al Welfare, nel capoluogo pugliese sarà l’associazione Cama Lila ad offrire la possibilità di effettuare accertamenti diagnostici per divulgare i vantaggi di una diagnosi precoce e sensibilizzare le istituzioni a compiere il massimo sforzo per implementare questi servizi. È infatti fondamentale sapere se si è contratto l’HIV o epatiti B e C, patologie che spesso si presentano congiuntamente, per accedere tempestivamente ai trattamenti in grado di preservare la salute dei singoli e della collettività.

Il fenomeno del sommerso, rispetto a queste patologie, è uno dei principali problemi di salute pubblica: le stime dicono che in Europa i casi di epatite B e C sono rispettivamente quindici e quattordici milioni, moltissimi dei quali non diagnosticati (solo il 3,5% riceve i trattamenti necessari) e che, nonostante esistano cure innovative che possono portare a una completa guarigione, almeno una persona con HIV su quattro non è consapevole di aver contratto il virus, un fenomeno con costi sociali e sanitari altissimi poiché ritarda l’accesso alle terapie antiretrovirali (ART) e ne compromette l’efficacia, aumentando i rischi di trasmissione. Accedendo tempestivamente alle terapie invece, pur non guarendo, è possibile mantenere uno stato di salute e un’attesa di vita molto simili agli altri.

Da quattro anni Cama Lila offre test rapidi, anonimi e gratuiti per l’HIV, secondo il modello “community-based” che prevede l’offerta di colloqui di informazione, supporto e counselling. In caso di esito reattivo, le persone vengono aiutate nell’accesso ai servizi per il test di conferma e l’avvio ai trattamenti. Dal 1 ottobre 2017 al 30 settembre scorso, si sono rivolte all’associazione circa duemila persone: il 64,6% è costituito da uomini, il 35,2% da donne e lo 0,4% da transgender. Alta la percentuale di chi ha eseguito il test per la prima volta (45,2%), che testimonia come questa tipologia di servizio sia in grado di raggiungere un target meno propenso a rivolgersi alle strutture tradizionali.

Il test è eseguito da professionisti e consiste nel prelevare con un tampone un piccolo campione di saliva. La risposta arriva in pochi minuti: se il test è reattivo (ovvero preliminarmente positivo), la persona è indirizzata o accompagnata ai servizi pubblici per eseguire un test di conferma (test Elisa o ComboTest).

Questo il programma per la somministrazione dei test:
·        26 novembre – ore 17.30-20
sede Cama Lila, in via Castromediano 66
·        27 novembre – ore 18.00-20.30
Villa Ata in collaborazione con l’associazione Help, in strada Pizzillo 20, a Palese
·        28 novembre – ore 17.30-20
sede Cama Lila, in via Castromediano 66.


Summer testing day: a Torre Quetta e lungomare San Giorgio test e screening hiv gratuiti

In il

hiv testing day bari

Giovedì 6 settembre, si terrà il “Summer testing day”, l’appuntamento dedicato alla prevenzione a cura degli operatori sociali dell’unità di strada “Care for People”, finanziata dal Comune di Bari e gestita dalla cooperativa sociale C.A.P.S.. Grazie alla collaborazione e al supporto medico dell’U.O.C. Igiene del Policlinico di Bari (in particolare del personale medico dell’ambulatorio di counselling e screening HIV Bari diretto da Maria Chironna), sarà possibile sottoporsi, in modo gratuito e anonimo, al test HIV salivare a risposta rapida, tramite cui, gli interessati potranno ricevere informazioni su eventuali infezioni, sulle modalità di trasmissione e sui comportamenti utili a prevenirle. Il controllo sarà, pertanto, accompagnato da colloqui di counselling pre e post test.

Il test è disponibile non solo per chi presenta specifiche patologie o condizioni cliniche o appartiene a gruppi ad alta prevalenza di HIV, ma soprattutto per coloro che hanno rapporti sessuali non protetti. Nella Regione Puglia è proprio questa la categoria di soggetti ad alto rischio, rappresentando il 90% delle nuove diagnosi di infezione. Le key population sono rappresentate anche da sex workers e IDU (trasmissione attraverso uso di droghe iniettabili). Per quanto riguarda le fasce d’età con incidenza più elevata (25-29 e 20-24 anni), i dati in Puglia sono in linea con quelli nazionali.

Per effettuare lo screening correttamente, non bisogna bere, fumare e mangiare a partire dai 30 minuti precedenti al controllo: l’esito verrà consegnato 20 minuti dopo la somministrazione. Una diagnosi precoce permette un accesso immediato alle cure: la terapia antiretrovirale infatti, se assunta correttamente, riduce la carica virale e la contagiosità del soggetto, limitando la diffusione del virus e offrendo, al contempo, la possibilità di mantenere una qualità di vita soddisfacente.

Quella in programma domani sarà la quarta giornata dedicata alla prevenzione organizzata, grazie alla collaborazione dei medici dell’ambulatorio di counselling e screening HIV del Policlinico di Bari, dall’unità di strada comunale “Care for People”, che dallo scorso dicembre sosta, durante le ore serali, nei luoghi di aggregazione giovanile al fine di sensibilizzare i più giovani sulla prevenzione e sui problemi causati dalle dipendenze.

L’appuntamento è dalle ore 19 alle 21.30, a Torre Quetta, e dalle ore 21.30 alle ore 24, sul lungomare San Giorgio.

Per ulteriori informazioni è possibile scrivere alla mail unitadistrada@coopcaps.it.


Testing Day HIV gratuito al Cama Lila di Bari

In il

hiv testing day bari

Giovedì 26 Luglio, presso la sede operativa di via Castromediano 66 a Bari, il CAMA LILA, in collaborazione con l’Ambulatorio dell’Istituto di Igiene del Policlinico di Bari ed in concomitanza con il Piano Operativo a tutela delle persone fragili 2018 del Comune di Bari a cui l’Associazione partecipa, per promuovere la consapevolezza del proprio stato sierologico tra la popolazione, offrirà il test salivare HIV a risposta rapida, in modo anonimo e gratuito a chiunque abbia avuto comportamenti a rischio.

Saranno proposti, quindi, colloqui di supporto e orientamento su tutti i temi concernenti l’Hiv: prevenzione, salute, diritti, nonché un eventuale accesso “facilitato” ai centri clinici, qualora necessario.

I dati in Italia ci dicono che, almeno una persona su 4, non è a conoscenza del proprio stato sierologico e, che metà delle diagnosi vengono effettuate in ritardo, rispetto al momento in cui si è contratto il virus. È questo un fenomeno che ritarda anche l’accesso alle cure, ne compromette l’efficacia e pregiudica l’azione di contenimento dell’epidemia.

Per questi motivi, l’Associazione CAMA LILA da tre anni ha aderito al progetto Europeo HIV-COBATEST, offrendo in maniera del tutto volontaria, visto che le Istituzioni pugliesi non incentivano e nemmeno supportano iniziative del genere, counselling e test HIV al di fuori delle strutture sanitarie convenzionali.

Il test viene eseguito da personale formato ed è accompagnato, appunto, da un colloquio di counselling finalizzato alla valutazione dei rischi corsi. Prima di effettuare lo screening si raccomanda di astenersi dal bere, fumare e mangiare per almeno 30 minuti.

Giovedì 26 Luglio, l’accoglienza e l’accettazione delle richieste di esecuzione del test avverrà nella fascia oraria 17:30 – 20:00; l’esito del test verrà consegnato 20 minuti dopo la sua somministrazione.

Se il test risulterà reattivo (ovvero preliminarmente positivo), la persona verrà indirizzata ad un centro specializzato, con un percorso di accesso facilitato, dove potrà eseguire un test di conferma convenzionale ed essere inserito in un programma di cura.

Per informazioni chiamare lo 0805563269


SETTIMANA EUROPEA DEL TEST HIV ED EPATITE

In il

Dal 18 al 25 novembre si svolgerà in tutta Europa “La settimana del test” una grande mobilitazione per promuovere l’accesso facilitato ai test dell’Hiv e la consapevolezza del proprio stato sierologico tra la popolazione.
La Lila, Lega Italiana per la Lotta contro l’Aids, anche in vista del World Aids Day del primo dicembre, aderisce all’iniziativa offrendo test rapidi per l’Hiv in forma anonima e gratuita in nove delle proprie sedi: Bari, Cagliari, Catania, Como, Lecce, Milano, Piemonte, Toscana, Trentino.
A chiunque vorrà accedere al servizio, saranno proposti colloqui di supporto e orientamento su tutti i temi concernenti l’Hiv: prevenzione, salute, diritti, nonché un eventuale accesso “facilitato” ai centri clinici qualora necessario.
La sede LILA di Bari, in collaborazione con i Medici dell’U.O.C. Igiene dell’AOU Policlinico di Bari, dell’ARCI e dell’ARCIGAY di Bari, dal 18 al 25 novembre, offrirà test gratuiti in contemporanea a centinaia di altri enti e associazioni da tutta la regione europea dell’Oms.
La testing week è promossa da “Hiv in Europe”, network composto da enti governativi, operatori sanitari ma soprattutto da realtà della società civile come la Lila. La settimana di iniziative coinvolgerà quasi 500 organizzazioni in oltre 50 paesi.
I dati di “Hiv in Europe” ci dicono i che, tra i due milioni e mezzo di persone con HIV stimate in tutta l’area europea, almeno una su tre (in Italia, secondo altre stime, una su 4) non è a conoscenza del proprio stato sierologico e che metà delle diagnosi vengono effettuate in ritardo rispetto al momento in cui si è contratto il virus. E’ questo un fenomeno che ritarda anche l’accesso alle cure, ne compromette l’efficacia e pregiudica l’azione di contenimento dell’epidemia.
Unaids, l’agenzia Onu per la lotta all’Aids, indica che, per debellare il virus entro il 2030, sia necessario raggiungere rapidamente la quota di un 90% di persone con Hiv, consapevoli del proprio stato e con accesso alle cure. Al momento siamo ancora lontani da questi standard. Per questo tutte le più importanti agenzie internazionali, Unaids in testa, raccomandano il pieno coinvolgimento di associazioni e community come la Lila. L’iniziativa è una importante occasione per avere accesso al test in modo anonimo e in luoghi diversi dall’ospedale. Scoprire di avere l’Hiv in tempo, permette di curarsi prima e in maniera più efficace, evitando effetti collaterali – come affermano numerosi studi – oltre che di prevenire la trasmissione del virus ad altre persone.
A Bari, le giornate in cui, chiunque vorrà, potrà effettuare il test a risposta rapida in maniera anonima e gratuita, saranno le seguenti:
21 — 23 — 25 NOVEMBRE 2016 presso ARCI CASAPERTA – Piazza San Pietro 22 — BARI