“MI AMAVI ANCORA…” con Ettore Bassi e Simona Cavallari al Teatro Sala Margherita

In il

mi amavi ancora ettore bassi simona cavallari

Synergie Arte Teatro / ArtistiAssociati
Ettore Bassi, Simona Cavallari
MI AMAVI ANCORA…
regia STEFANO ARTISSUNCH

Lo scrittore e drammaturgo Pierre è morto in un incidente d’auto. Nel tentativo di mettere ordine ai documenti, Anne, la sua vedova, scopre gli appunti presi per la stesura di una futura commedia, che trattava di un uomo sposato, scrittore, appassionato ed innamorato di una giovane attrice. Fiction o autobiografia? Il dubbio si agita ed inizia un’indagine febbrile. Anne si persuade che il testo narri l’infedeltà di Pierre e va alla ricerca della donna, sua antagonista, senza riuscire a rivelare la verità o l’illusione della stessa: è il dolore che la fuorvia? Oppure finalmente ha aperto gli occhi? 
Per rispondere a questa domanda, si appella ai suoi ricordi ed anche a Daniel, migliore amico di Pierre, un personaggio brillante e forse segretamente innamorato di lei, che con molta dolcezza cerca di rassicurarla, ma ci riesce solo a metà. Anne persevera nella sua ricerca e decide di contattare l’attrice Laura Dame che è menzionata nelle note della commedia del marito. Sospetta che sia lei l’amante. Scruta il passato, domanda a chi la circonda, cammina in un pericoloso labirinto. Quanto deve essere cercata la verità? Flashback in situazioni inaspettate, lo spettatore si immedesima in questi personaggi in una ricerca fatta di dubbi e apprensioni, in cui si mescolano realtà, immaginazione, paura, risate e fantasia.

INFO:
– Teatro Margherita
Via Cappuccini, 28 – Putignano (BARI)
tel. 0804055979
– Biblioteca Comunale
tel. 0804911626 – 0804056582
– Ufficio Cultura
tel. 0804056538


COMIX di Emiliano Pellisari al Teatro Comunale di Corato

In il

comix emiliano pellisari

SPETTACOLO SOSTITUITO DA “SOGNO DI UNA NOTTE DI MEZZA ESTATE”

NOGRAVITY Dance Company
Comix
ANTONELLA PERAZZO EVA CAMPANARO LEILA GHIABBI JESUS BUCARANO DOUSAT ANTONIO LOLLO (Danzatori)
una creazione di Emiliano Pellisari – coreografie, ideazione sonora e art direction Emiliano Pellisari e Mariana Porceddu
musiche Django Reinhardt, George Gershwin, Scott Joplin, Camille Saint Saens, Erik Satie, Rimskij Korsakov
costumi Kersten Springfeld – disegno luci: Emiliano Pellisari – produzione Emiliano Pellisari Studio e NoGravity ltd

Dall’autore di spettacoli raffinati e immaginifici – capace di sbalordire il grande pubblico con immagini strabilianti – arriva uno spettacolo inaspettato, dirompente, diverso dall’immaginario barocco di cui Emiliano Pellisari ci ha abituato: un mondo allegro, tratto dalla fantasia del mondo pop, un gioiello del physical theatre.
Comix nasce dalla fucina di Emiliano Pellisari Studio, ormai di casa al teatro du Jorat, con le caratteristiche del nouveau cirque: le capacità atletiche circensi si mischiano con la poesia del teatro, l’armonia della danza ed i giochi della luce.
Dal mondo dei fumetti, ecco, dunque, Comix, tante piccole grandi storie fantastiche dove il gesto atletico e la comicità creano un mix di ilarità e divertimento. Uno spettacolo che nasce dalle suggestioni dei cartoni animati e dall’arte grafica dove si realizzano i sogni eterni dell’uomo: volare nel cielo come uccelli, nuotare dentro il mare come pesci o scomporre il corpo umano e farlo scomparire come fantasmi. Comix è gioia in movimento, gesto atletico e divertimento a suon di jazz.
Lo stile di Emiliano Pellisari è stato definito dal teatro francese “nouvelle magie e danse arienne”. Ad oggi i suoi spettacoli sono considerati inclassificabili: la danza si combina con l’arte scenotecnica e la fantasia. La sua carriera artistica è estremamente eclettica: è stato autore teatrale, scrittore, ha fatto esperienza nel cinema come organizzatore, regista e sceneggiatore, attualmente è scenografo, costumista, illusionista, regista teatrale, coreografo sui generis e, infine, produttore di se stesso. Gli spettacoli di Emiliano prendono vita nel suo Emiliano Pellisari Studio, uno spazio teatrale/atelier dove vengono sviluppate le macchine teatrali e, di concerto, le tecniche coreografiche.

Biglietti in vendita presso il botteghino del Teatro Comunale di Corato (Piazza Marconi, 7 – Tel. 0809592281) dal mercoledì alla domenica dalle ore 17.30 alle 20.30


OF NO FIXED ABODE di e con Jos Baker al Teatro Traetta

In il

network danza puglia 2019 teatro traetta

Sismògraf Dance Festival (Catalonia) and Theatre Roxy (CH)
OF NO FIXED ABODE
di e con JOS BAKER

PRIMA NAZIONALE
Of No Fixed Abode insegue un uomo che viaggia solo per il mondo alla ricerca di accettazione, riconoscimento e un posto da definire il proprio. La sua solitudine lo porta a permettere ai media di avere sempre più controllo su di lui. Il lavoro guarda alla solitudine, all’isolamento, al potere dei media e all’influenza dei leader carismatici. 
Jos Baker inizia gli studi presso l’Oxford Youth Dance, Laban Center London e PARTS. Lavora per Peeping Tom e DV8 Physical Theatre, danza, tra gli altri, per Zoi Dimitriou e Antonin Comestaz. Insegna a livello internazionale presso SEAD, Ballet Junior de Geneve, PARTS Summer School, TrinityLaban, The Place, Amsterdam Theatre school e tanti altri.


Emilio Solfrizzi in “A TESTA IN GIÙ” al Teatro Rossini

In il

emilio solfrizzi a testa in giu

Emilio Solfrizzi, Paola Minaccioni
A TESTA IN GIÙ
di Florian Zeller

con Bruno Armando, Viviana Altieri
scena Andrea Taddei
costumi Barbara Bessi
luci Carlo Signorini

regia Gioele Dix
A testa in giù, uno spettacolo originale e sorprendente che non potrà non piacervi, se amate le commedie intelligenti.

Daniel invita a cena, contro il consiglio di sua moglie, Patrick suo migliore amico e la sua nuova partner Emma per la quale ha lasciato la moglie. Emma, giovane e carina provoca una tempesta negli animi dei commensali, scuotendo le loro certezze, risvegliando frustrazione, gelosia e invidia. L’originalità di A testa in giù sta nel fatto che il pubblico è testimone dei pensieri dei personaggi che parlano in disparte. Grande gioco di attori che svelano con la tecnica del doppio linguaggio una verità comica, crudele e meravigliosamente patetica. Il testo è stato portato in scena, nel gennaio 2016, al Théâtre De Paris, con Daniel Auteil nel ruolo di protagonista e regista.

Teatro Rossini
via Rossini, 1 – Gioia del Colle (Bari)
Tel. 0803484453
Mail. teatrorossinigioia@gmail.com


“Non chiamateli briganti” di Marcello Cotugno al Teatro Traetta

In il

non chiamateli briganti mancini de vita

Compagnia del Sole / Comune di Bitonto
Mimmo Mancini, Paolo De Vita
NON CHIAMATELI BRIGANTI
di Mimmo Mancini e Paolo De Vita / Consulenza storica Valentino Romano e Marino Pagano
regia di MARCELLO COTUGNO

Non chiamateli briganti è un sapiente alternarsi di teatro e di narrazione. La storia dei fratelli Capitoni e l’Unità d’Italia: un’irriverente, caustica e, come da tradizione, divertente narrazione dell’italiano “medio basso”, alle prese col suo perpetuo inclemente destino!! Se da una parte i “personaggi“ della storia vivono la loro comica tragedia, che comincia nel 1859 e finisce nel 1863, dall’altra, con un cambiamento radicale di registro, gli attori si trasformano in narratori, dando voce ad eventi che fanno da corollario alla storia, dando colore e vita ai fatti che, con la fine del Regno borbonico, trasformarono un paese disgregato in una nazione, disgregata anch’essa, ma unita sotto la bandiera. L’Italia era fatta. Bisognava fare gli italiani.


“VITUS – racconto infiammabile in caduta libera” al Teatro Norba

In il

VITUS racconto infiammabile in caduta libera

Ariele
VITUS – racconto infiammabile in caduta libera
collaborazione alla messa in scena Anna Damiani; scenografia virtuale Giuseppe Laselva; musiche Giorgio Carofiglio; scultura Mimì Facciolla; Archivio Super 8 Antonio Abbatepaolo; immagini di repertorio Archivio Enzo Leoci e Archivio Michele Giannoccaro; assistente tecnico Gabriele Facciolla; progetto grafico Giuseppe Laselva; comunicazione Sara Facciolla; registrazioni audio Recplay; con il Patrocinio del Comune di Polignano a Mare e Comitato Feste Patronali
di e con VITO FACCIOLLA

Questa tragicomica narrazione s’inserisce in un tempo sospeso, veloce come un forte spostamento d’aria, e in uno spazio immobile, come ancorato alla periodicità della storia che, attraverso i secoli ripropone temi all’apparenza lontani, che si rivelano essere l’uno lo specchio dell’altro.
Essa si presenta al pubblico col proposito di illustrare, attraverso la sensibilità e gli occhi del popolo bambino, l’affascinante ricerca storico-culturale sulla vita di San Vito Martire, in cui lo spettatore non può evitare di farsi trascinare all’interno della drammaticità degli eventi.
Il fulcro di questa narrazione è nell’inapparente complessità dell’animo del protagonista, un uomo semplice, portatore di una quasi banale ma profonda verità che prepotente s’impone in ogni tempo.

Teatro Norba
P.zza della Repubblica, 10
Conversano (BARI)
tel. 0804959547
cinemanorba@libero.it


“NOTTE DI FOLLIA” con Debora Caprioglio e Corrado Tedeschi al Teatro Sala Margherita

In il

NOTTE DI FOLLIA con Debora Caprioglio e Corrado Tedeschi

La contrada – Teatro Stabile di Trieste
Debora Caprioglio, Corrado Tedeschi
NOTTE DI FOLLIA
di Josiane Balasko / scene e costumi Laura Benzi
con Alessandro Marmorini
regia di ANTONIO ZAVATTERI

Un incontro inatteso al bar di una stazione.
Un noto conduttore di un programma TV beve per dimenticare e, brillo, importuna una cliente sotto gli occhi di un barista irriverente e dalla battuta pronta. Lei, da poco uscita di prigione, non si lascia mettere i piedi in testa e anzi risponde per le rime.
 Due persone agli antipodi, sole, accomunate dallo stesso segreto iniziano un dialogo divertente e serrato finché man mano che la notte si fa più assurda emerge il vero malessere che pervade e unisce queste due singolari anime.

INFO:
– Teatro Margherita
Via Cappuccini, 28 – Putignano (BARI)
tel. 0804055979
– Biblioteca Comunale
tel. 0804911626 – 0804056582
– Ufficio Cultura
tel. 0804056538


“Il Maestro e Margherita” in scena al Teatro Comunale di Corato

In il

il maestro e margherita teatro petruzzelli

«The Master and Margarita» di Michail Bulgakov 
riscrittura Letizia Russo
regia Andrea Baracco
con Michele Riondino nel ruolo di Woland 
e Francesco Bonomo (Maestro/Ponzio Pilato), Federica Rosellini (Margherita)
e con (in o.a.) Giordano Agrusta, Carolina Balucani, Caterina Fiocchetti, Michele Nani, Alessandro Pezzali, Francesco Bolo Rossini, Diego Sepe, Oskar Winiarski
scene e costumi Marta Crisolini Malatesta
luci Simone De Angelis
musiche originali Giacomo Vezzani

Un eterogeneo gruppo di attori dà vita alle magiche e perturbanti pagine di Michail Bulgakov; faremo palpitare i nostri cuori dando corpo ad una delle più strazianti e straordinarie storie d’amore della letteratura, quella tra il Maestro e Margherita e quel loro rimanere fatalmente impigliati, imprigionati quasi, l’uno nel corpo e nella mente dell’altra. Il Maestro e Margherita è un romanzo pieno di colori potenti e assoluti, tutti febbrilmente accesi, quasi allucinanti. Si passa in un attimo dal registro comico alla tirata tragica, dal varietà più spinto all’interrogarsi su quale sia la natura dell’uomo e dell’amore. Basso e alto convivono costantemente creando un gioco quasi funambolico, pirotecnico, in cui ci si muove sempre sulla soglia dell’impossibile, del grottesco, della miseria e del sublime. A volte si ride, a volte si piange, spesso si ride e piange nello stesso momento. Insomma, in questo romanzo, si vive, sempre. (Andrea Baracco)

Biglietti in vendita presso il botteghino del Teatro Comunale di Corato (Piazza Marconi, 7 – Tel. 0809592281) dal mercoledì alla domenica dalle ore 17.30 alle 20.30


MICHELE PLACIDO in “Letto a una piazza” al Teatro Rossini

In il

letto a una piazza michele placido

Ass. Luna Nuova/Christian Merli Management/Artisti Italiani
Michele Placido
LETTO A UNA PIAZZA
direzione musicale Maestro GIANLUIGI ESPOSITO

Protagonista dello spettacolo il grande Maestro del teatro e del cinema internazionale Michele Placido. Un incontro armonico tra poesia e musica. Un incontro-racconto, un dialogo tra il famoso artista, la musica e gli spettatori. Placido interpreterà poesie e monologhi di grandi personaggi come Dante, Neruda, Montale, D’annunzio e non mancheranno i versi dei più importanti poeti e scrittori meridionali come Salvatore di Giacomo, Raffaele Viviani, Eduardo de Filippo. Ad accompagnare l’attore in questo viaggio poetico musicale sarà il Maestro Gianluigi Esposito ed il suo trio di plettri e fiati con cui interpreterà le più belle canzoni napoletane di sempre scritte da Salvatore di Giacomo fino a Sergio Bruni.Quasi due ore di spettacolo, dove lo spettatore sarà preso per mano e condotto tra le più belle pagine della poesia e del teatro.

Biglietto:
Intero / Ridotto
– Platea e Palchi Centrali 1° Ordine, € 22 / € 18
– 1° Ordine Laterali, € 18 / € 16
– 2° Ordine, € 16 / € 14
– 3° Ordine, € 12 / € 10

Teatro Rossini
via Rossini, 1 – Gioia del Colle (Bari)
Tel. 0803484453
Mail. teatrorossinigioia@gmail.com


IL MILES GLORIOSUS DI PLAUTO in scena al Teatro Sala Margherita

In il

IL MILES GLORIOSUS di Plauto in scena al Teatro Abeliano

Compagnia del Sole
IL MILES GLORIOSUS DI PLAUTO
scena Pino Pipoli / costumi Stefania Cempini / disegno luci Mauro Marasà / assistente alla regia Antonella Ruggiero
con Flavio Albanese,Claudio Castrogiovanni, Luigi Moretti, Stella Addario, Antonella Carone, Patrizia Labianca, Loris Leoci Tony Marzolla Dino Parrotta
traduzione e regia di MARINELLA ANACLERIO

ovvero ‘gli adulatori sono simili agli amici come i lupi ai cani’

Il soldato Pirgopolinice è un fantastico sbruffone, esagerato spudorato vitale. La distanza tra ciò che è e ciò che crede di essere è tale da irritare profondamente chiunque abbia un po’ di buon senso. Ci sono tempi in cui questo personaggio risulta esagerato. E tempi invece in cui la realtà supera di gran lunga la favola e il povero Pirgopolinice è un ritratto a tinte forti di ben più consapevoli e colpevoli vantoni…In una Efeso simile all’originale quanto l’ambientazione di certi western spaghetti al far west, si consuma la tragicomica truffa di un gruppo di sfaccendati di vario genere ai danni di un soldato che ha due debolezze: le donne, meglio se minorenni e sposate, ed essere adulato. Non si può certo definire Plauto un moralista di quelli che per punire il vizio chiama in causa la virtù, semmai un cinico commediante, che racconta di gente che non ha ideali per cui valga la pena essere coerenti e cerca di sopravvivere e divertirsi, e forse anche di vendicarsi un po’ di essere costretta a recitare per vivere. Insomma una commedia adatta ai tempi di grandi commedianti in cui viviamo. Così la strada diventa scena e il teatro da mezzo diventa fine e le parole di Giulietta si mescolano a quelle di Ofelia e le arie di Mustafà a quelle di Isabella, l’Italiana di rossiniana memoria, in un pout pourry da serata d’onore. Ne risulta una gara tra attori consumati dove l’unico spettatore pagante in conclusione, viene imbrogliato, derubato e malmenato. L’eccesso è sempre un vizio…a prescindere dal contesto.

INFO:
– Teatro Margherita
Via Cappuccini, 28 – Putignano (BARI)
tel. 0804055979
– Biblioteca Comunale
tel. 0804911626 – 0804056582
– Ufficio Cultura
tel. 0804056538