Teatro delle Bambole presenta: “IL FIORE DEL MIO GENET” al Teatro Duse

In il

il-fiore-del-mio-genet-teatro-delle-bambole.jpg

Teatro delle Bambole
presenta: IL FIORE DEL MIO GENET
Spettacolo itinerante tra i bassifondi dell’anima

drammaturgia Andrea Cramarossa
con Federico Gobbi, Domenico Piscopo
regia Andrea Cramarossa

“Il fiore del mio Genet”, è un ricordo, un omaggio, un encomio postumo, una riflessione sulla poetica estremamente poetica, un ingaggio delle anime perdute, del mondo melmoso e puro di Jean Genet.
Due attori si muovono nelle dimensioni della sacralità e del ladrocinio, della mendicità e della santificazione. Due figure iconoclastiche, ora regali uccelli conquistatori, ora marinai che raccontano, ora feroci assassini, ora venditori di corpi. Stare con Genet, significa stare dalla parte di chi non è stato ascoltato, di chi ha avuto la maledizione di un destino duro fin dalla nascita, perduto da un “passaggio” ad un altro, da un genitore ad un altro… Perduto, sì, in una eco infinita di pensieri che nessuno vuole condividere.

Infotel. 080 5046979 – 347 8158760


“EROI, UOMINI e DEI” con Domenico Clemente al teatro Duse

In il

eroi uomini e dei domenico clemente

TEATROINSIEME

presenta:

EROI, UOMINI & DEI

con

Domenico Clemente

Lo spettacolo è un viaggio nel tempo, tra terra e mare, attraverso 5000 anni di storie, miti e leggende che ci parlano di Dei imbroglioni e senza rispetto, di eroi svogliati e mitomani, di uomini disperati e sbruffoni. Divertente, dissacrante e divulgativo è un mix di contaminazione fra miti greci e leggende metropolitane da bar di provincia, che funge da lente d’ingrandimento attraverso cui i personaggi del Mito, appaiono molto più vicini a noi di quanto sembri.

Sul palco solo Domenico Clemente, noto attore di origini pugliesi da quarant’anni è impegnato come attore professionista nei palcoscenici italiani lavorando al fianco artisti quali di Mario Carotenuto, Mario Scaccia, Lando Buzzanca, Flavio Bucci e tanti altri ancora. Tornato in Puglia, ha deciso di riversare nella sua terra d’origine i frutti maturi di una così ricca esperienza teatrale e nel 2005 ha fondato la Compagnia TeatroInsieme che ha prodotto spettacoli dal taglio raffinato come “Rosso profondo in punto di morte” di L. Lunari, “I due gemelli” di Plauto, “Lelio il Bugiardo” di C. Goldoni e il recital “Omaggio a Gaber”.


Gianni Ciardo in “Non tutti i ladri vengono per nuocere” al teatro Duse

In il

Gianni Ciardo Non tutti i ladri vengono per nuocere teatro Duse

CODICEARTE presenta:

NON TUTTI I LADRI VENGONO PER NUOCERE

di Dario Fo

con

Gianni Ciardo, Caterina Firinu, Tiziana Gerbino, Vito Latorre, Marilù Quercia, Bruno Verdegiglio

Allora:…Tutti i guai vengono per nuocere, ed è una cosa sicura, la garanzia la danno già tutti gli italiani inclusi i baresi!

Invece, “Non tutti i ladri vengono per nuocere” è una cosa più sicura per far sì che gli italiani vengono protetti dai guai!

Dario Fo, premio Nobel, scrittore, attore, regista vero senza discussione con invece cognizione di vita e Teatro vero!

La Compagnia fedele del Teatro Duse con Gianni Ciardo, Caterina Firinu, Vito Latorre, Marilù Quercia, Tiziana Gerbino, Bruno Verdegiglio, con l’ amore vero per il Teatro italiano ulteriormente si cimenta con un testo datato facendone ancora una volta uno spettacolo comprensibile brillante ma soprattutto dignitoso.

Regia: Gianni Ciardo

Scenografia: Damiano Pastoressa

Info e prenotazioni: 0805046979 – 3713791440


“Acqua di Limone” al Teatro Duse

In il

acqua di limone teatro duse

COMPAGNIA TEATRALE “TIBERIO FIORILLI”

presenta:

ACQUA DI LIMONE

atto unico

liberamente ispirato a DOCE CUENTOS PEREGRINOS di GABRIEL GARCÍA MÁRQUEZ

traduzione e drammaturgia

Caterina Firinu e Marilù Quercia

…e quando piove a loro l’ombrello non serve per “ripararsi” ma per “parare” i colpi di fulmine e se arriva un tornado quello è il momento di giocare ai “desideri” e rincorrersi con il vento, aspettare i tuoni sfidando il temporale ad acchiapparello e nelle pozzanghere loro ci saltano dentro ridendo, piangendo, urlando abbracciate.

“Parti?”

“No!”

“ Ma se parti, poi torni ?”

“ E chi lo sa ?”

“ Se non lo sai tu? “

“ Io non lo so !!!”

“ Forse sei già partita e ora sei tornata ? ”

“ Da dove ?“

“ Non lo so ! ”

ACQUA DI LIMONE è il dialogo improbabile tra Penelope ed Elena, meravigliosamente imperfette . Storia di donne … forse di mille donne quante una donna sola può contenere, forse più forti di tutta la mediocritá che hanno intorno. Storie una dentro l’altra, un gioco di scatole cinesi, un labirinto in cui ci si può perdere ridendo e sorridendo ma anche trovare insieme una via di fuga. Un inno “all’arte di essere fragili”! Mai giocare con le bombe ad orologeria perché prima o poi faranno Buuummmmm…


“GIANNI È PINOCCHIO” con Gianni Ciardo al Teatro Duse

In il

gianni e pinocchio gianni ciardo teatro duse bari

CODICEARTE
presenta:
GIANNI E’ PINOCCHIO
con
GIANNI CIARDO

…Pinocchio si nasce non si diventa!
Per diventarlo non c’è provino che tenga.

Geppetto è l’unico che pur senza usare IPAD oppure WHATSAPP e senza neppure aver frequentato nessuna stupida e ipocrita dizione esasperata teatrale è riuscito a creare una creatura silenziosa e libera di essere viva senza mai essere esistita!
Geppetto è stato capace di tenerlo lontano da burattini che si spacciano per uomini e donne!!!

L’ antidoto a tutto questo è il Teatro!

Infotel: 080/5046979
Mail: info@duseteatrobari.it

Apertura botteghino: ore 20.30 – Apertura sipario: 21:00


DECAMERON di Giovanni Boccaccio

In il

decameron onirica teatro duse

ONIRICA POETICA TEATRALE

presenta

Decameron

di Giovanni Boccaccio

con

Gabriella Altomare, Giovanni Botticella, Vito Latorre, Antonio Repole, Silvana Pignataro

Regia

Vito Latorre

Gli attori giocolano con alcune delle novelle del Boccaccio e si trastullano nel teatro di narrazione, l’uso della pantomima e le sequenze ritmiche dal vago e vivace sapore circense, per restituire la vitalità del multiforme mondo del Decameron ed evidenziare tutta la ricchezza poetica e la bellezza della lingua italiana del trecento.

Le novelle selezionate per questo allestimento, di seguito riportate, sono legate dalla frase:

“Bella cosa è in ogni parte saper ben parlare, ma io la reputo bellissima quivi saperlo fare ove necessità il richiede”.

FRATE ALBERTO DA IMOLA (II NOVELLA – IV GIORNATA )
Frate Alberto da Imola, uomo di vita scellerata e di corrotta, figne di essere l’agnolo Gabriello e in tal forma dà a vedere a una donna di essere di lei innamorato

CHICIBIO E CURRADO GIANFIGLIAZZI (IV NOVELLA – VI GIORNATA)
Chichibio, cuoco di Currado Gianfigliazzi, con una presta parola, l’ira di Currado volge in riso,e sé salva dalla mala ventura.

DONNO GIANNI DI BAROLO E PIETRO DA TRISANTI (X NOVELLA – IX GIORNATA)
Donno Gianni di Barolo, ingegnandosi di conoscere uno incantesimo, pruova a far diventare la moglie di compar Pietro una cavalla.

PINUCCIO E LA NICCOLOSA (VI NOVELLA – IX GIORNATA)
Pinuccio e Adriano albergano da uno oste, de quali, l’uno si va a giacere con la sua figliola e la moglie di lui disavvedutamente si giace con l’altro.

ROSSIGLIONE E GUARDASTAGNO (IX NOVELLA – IV GIORNATA)
Messer Guiglielmo Rossiglione dà a mangiare alla moglie sua il cuore di Guiglielmo Guardastagno, ucciso da lui e amato da lei.

MASETTO DA LAMPORECCHIO (I NOVELLA – III GIORNATA)
Masetto da Lamporecchio, fignendo di esser muto e sappiendo lavorar l’orto di un monistero di donne meglio di niuno altro, da tutte le monache viene fatto castaldo.

Ingresso € 10


TRAVOLTE

In il

travolte teatro duse carrassi gerbino valentino

E’ la divertente storia di due amiche, donne brillanti e in carriera, sicure di sé e del proprio fascino, che, un giorno, improvvisamente, vengono abbandonate contemporaneamente dai propri mariti.
L’evento inaspettato costringe le due donne a fare un’indagine retrospettiva dei rispettivi matrimoni e, a poco a poco, tra accuse reciproche ed ironiche autocritiche, fra divertenti ammissioni di debolezze e difetti dei mariti, ma, ahimè, anche di se stesse, arrivano all’esilarante scoperta della causa di fuga dei due uomini, con esilarante colpo di scena finale, le due amiche si ritrovano a rivoluzionare la propria vita sociale e non solo…
Non si può rivelare di più per non togliere agli spettatori il gusto della risata finale!
Ho voluto indagare i mali della società contemporanea e la psiche individuale e collettiva della gente. L’intera opera teatrale si alimenta a queste due fonti. Ho cercato di risvegliare la responsabilità di ciascuno di noi verso i valori della vita, dell’amore e del sociale.
Ho analizzato situazioni trasgressive, al limite del grottesco, per sviluppare un modo di far teatro che abbia sempre spirito critico, satirico, d’indagine, di approfondimento dei comportamenti umani.

Con: Tiziana Gerbino, Masha Valentino
Testo e regia: Francesco Carrassi

Info e prenotazioni: 0805046979 – 3205569704
E-mail: info@duseteatrobari.it

Biglietto 10 €


GIANNI CIARDO in “L’avvocato non deve sapere” al Teatro Duse

In il

Visto il successo dello spettacolo “L’avvocato non deve sapere” e il consenso di pubblico, siamo felici di annunciare che SI CONTINUA FINO AD ESAURIMENTO!

Gianni Ciardo con Caterina Firinu, Tiziana Gerbino, Vito Latorre, Marilù Quercia.
Regia: Gianni Ciardo
Scenografia: Damiano Pastoressa

…Ecco: l’Avvocato Paolo Lanave è un avvocato come tanti, cioè è un avvocato con una moglie e quindi per conseguenza anche una suocera!
Paolo è preciso: lui distingue addirittura una foto dal bianco e nero da una a colori!
I cancelli devono essere chiusi per evitare le correnti d’aria.
Paolo ha una moglie sognante e romantica nonostante lui.
La suocera è più giovane della figlia.
Una cameriera innocua e nociva.
Un altro uomo che riesce a dare una svolta surreale del nostro avvocato e della sua ingenuità!!!

 TEATRO DUSE via Domenico Cotugno, 21 (Bari)
Info: 366/3076442 – 080/5046979
Mail: info@duseteatrobari.it

“INTERNO A NEW ORLEANS” con la compagnia del Dadotratto

In il

COMPAGNIA DEL DADOTRATTO
presenta

INTERNO A NEW ORLEANS
di Paola Arnesano
con Simona Dinielli, Germana Genchi, Michele Grossi, Valeria Iannone, Lucy Mariani, Annalisa Mondino, Alessandro Rotaia, Alessandro Volpe
regia Ebe Guerra

Il Dadotratto rivisita quel dramma rappresentando un’ altra storia diversa oppure con forte assonanze con quella che conosciamo dal celebre testo di WILLIAMS.

Con questo testo ci troviamo in una atmosfera dinoccolata della NEW ORLEANS degli anni 40.

Quella pronta a vivere in ognuno di noi anche se per debolezza la neghiamo!!!

Teatro Duse (Bari)

Infotel: 080/5046979


“Una comica infelicità” con la compagnia teatrale Tiberio Fiorilli

In il

La compagnia teatrale Tiberio Fiorilli
presenta:

“Una comica infelicità” – Teatro dell’Assurdo con Roberto Negri e Vito Latorre
regia Roberto Negri
scene e costumi Rossella Ramunni – Davide Sciascia

Quando si parla di Teatro dell’Assurdo, immediatamente si pensa a eventi sconcatenati o a dialoghi senza senso, ripetitivi e serrati. Talvolta però l’assurdo lo si ritrova nelle situazioni di vita quotidiana, dove il senso tragico del dramma vissuto dai personaggi è talmente ineluttabile da provocare il sorriso. Lo stesso Beckett, in uno dei testi che maggiormente ha rappresentato la sua poetica, “Finale di Partita”, fa dire ad uno dei suoi personaggi: “Non c’è niente di più comico dell’infelicità”. Così ci ritroviamo di fronte due attori, due maschere archetipiche, indissolubilmente legate fra di loro, immutabili nel loro conflitto padre/figlio, servo/padrone, martello/chiodo, che in una situazione di totale isolamento e nulla cosmico, trovano scorci di liberazione nella pazzia creativa del gioco. Bambini o clown o folli che siano. Giocare, sempre, fino alla fine. Info: 080/5046979

Teatro Duse (Bari)