“Gli Operai” una commedia di Gennaro De Santis al teatro Bravò

In il

Il Nuovo Teatro Popolare di Bari ritorna in scena con la commedia “Gli Operai” di Gennaro De Santis, esilarante ed emozionante spaccato nelle vite dei lavoratori dei nostri tempi, raccontato con un’ironia al vetriolo… da non perdere!

Venerdì 29 gennaio, 2 e 9 febbraio al teatro Bravò. Sipario alle ore 21.00. Info e biglietti 3397859301.

Un ringraziamento particolare a DevLounge, Fun Cafè, Pasticceria Annamaria, Taverna Del Maltese, Pasticceria Isa, Multiservizi Quattroruote. Locandina a cura di Elisa Kyou.


“VOCI DALLA SHOAH” al Teatro Bravò

In il

Il testo accoglie le esperienze, narrate in prima persona, di Goti Bauer, Liliana Segre e Nedo Fiano, superstiti della indicibile tragedia di Auschwitz. E proprio questa indicibilità, paragonabile a quella della tragedia classica) indusse, alla fine del 1997, Leo Lestingi a trarne una versione drammaturgica che, rispettando le parole dei protagonisti (ma che, nella versione drammaturgica, diventano semplicemente “Uomo”, “Donna 1” e “Donna 2”), si propose di smontarle, accostarle e intrecciarle, cosicché ognuno vi raccontasse la propria storia all’interno della grande Storia di tutti.
Lo spettacolo Voci dalla Shoah, che fu presentato per la prima volta e con grande successo di pubblico e di critica il 17 gennaio 1998 nell’Auditorium “Vallisa” di Bari a cura della Fondazione “N. Piccinni” di Bari, ben tre anni prima dell’istituzione della “Gionata della Memoria”, è una sorta di oratorio laico nel quale i tre racconti, così uguali e così diversi, si rincorrono come in una fuga musicale, in una tessitura che, nel continuo rimando e confronto, restituisce risonanze laceranti alle emozioni che promanano dalla pagina scritta. Ed il contrasto – nella linearità della parola (vissuta, detta, scritta e interpretata) – nasce dal contrapporsi di affetti quotidiani, perduti e ritrovati, alla follia genocida che volle cancellarli e distruggerli. “Per fortuna – si dice nell’ultima battuta dell’oratorio – non è stato così”.
In Voci dalla Shoah furono impegnati, oltre allo stesso Lestingi, Ketty Volpe e Maria Teresa Pecoraro. Lo spettacolo intende costituire anche un omaggio alla memoria di Ketty Volpe, la grande attrice barese scomparsa prematuramente il 2 novembre 2017, che ne trasse un’interpretazione intensa e partecipata, e, appunto, memorabile.

Con Leo Lestingi, Cristina Angiuli, Barbara De Palma.

Ingresso euro 10
Ridotto under 24 e over 65 Euro 7
Info. 347 8158760 – 328 7470731


“BUONGIORNO ALLA CASA” con la Compagnia degli Amici

In il

La Compagnia degli Amici presenta:
BUONGIORNO ALLA CASA
Una commedia scritta e diretta da Giulia Fornarelli

Secondo una credenza popolare in tutte le case c’è la fata della casa e in un antica e disabitata casa barese questa è particolarmente presente non permettendo al proprietario di venderla o affittarla. Il proprietario dello stabile, il Marchese Disti Golloni, per sfatare le dicerie su questa fantomatica fata, concede gratuitamente l’uso della casa a Michele, disoccupato da diversi mesi, che vi si trasferisce con la moglie Maria inconsapevole degli accordi con il marchese e delle dicerie sulla casa.
Michele felice di avere, dopo diversi mesi di convivenza con la suocera, una casa propria, scoprirà che non sono solo dicerie…
Una storia fantastica, divertente, grottesca e tutta da ridere per tutta la famiglia.

Info e prenotazioni: 338 4241070
Teatro Bravò strada Stoppelli, 18 – Bari


“NU SIME BARISE” uno spettacolo dedicato a Bari ed alla Baresità

In il

“Nu sime barise” è uno spettacolo dedicato a Bari e alla baresità tra musica, prosa e tante divertentissime gags. Unione tra tutte le arti: musica, prosa, danza e cinema. Protagonista il mattatore del MUDU’ Brando Rossi che presenterà il tutto con Paola Pennacchia e la Barisound composta dai fantastici 4/5 Paolo Luiso al pianoforte, Gianluca Aceto al basso, Nico Schirone e Roberto Antonacci alla chitarra, Lorenzo Cellamare alla batteria e non solo. Partecipazione straordinaria di Dario Diana. e del corpo di ballo Balletto Barese diretto dalla coreografa Annagiulia Marzulli.

Mercoledì 20 e giovedì 21 dicembre 2017 ore 21:00

Teatro Bravò Via Stoppelli, 18 – 70126 Bari


“Come eravamo” al Teatro Bravò, omaggio a Vito Maurogiovanni con Cristina e Monica Angiuli

In il

Il recital è un omaggio a Vito Maurogiovanni poeta, giornalista e drammaturgo barese scomparso nel 2009. Una delle personalità di spicco della cultura barese e non solo.
Considerato dal prof. Corrado Petrocelli, ex Rettore dell’Università, il Cantore di Bari per la sua straordinaria capacità di aver raccolto nel tomo “COME ERAVAMO” Ed. Levante 2005, la storia di questa città dalla Prima Guerra ai giorni nostri.
Nell’ottobre del 2007, in occasione della presentazione del libro “BARI: LA CITTA’ E I GIORNI” Ed. Progedit; in una manifestazione svoltasi presso il teatro Piccinni, il Sindaco dott. Michele Emiliano, gli consegnò la Chiave della Città.
Il recital curato è un percorso legato principalmente alla sua poesia, piena dei ricordi popolari della sua infanzia e giovinezza, e del suo teatro in vernacolo. Ritroviamo in esso, l’inaugurazione del Politeama Petruzzelli, la Fiera del Levante, San Nicola con l’accompagnamento di alcune canzoni della tradizione barese.
E naturalmente… il Natale.
Una serata divertente, un modo diverso per scambiarci gli auguri di un Buon Natale.

Con CRISTINA e MONICA ANGIULI
Teatro Bravò
 (ex Cinema il Salottino)
via Stoppelli, 18 – Bari


Il Calapranzi di Harold Pinter

In il

Il Calapranzi (The dumb waiter) di Harold Pinter
In uno squallido e claustrofobico scantinato si muovono due personaggi, Ben e Gus, che tra dialoghi insulsi e frasi senza senso e con una approssimata gerarchia fra perdenti condividono una attesa lunga e snervante per portare a termine un delitto
professionale”.
Harold Pinter (premio Nobel per la letteratura) ha scritto nel 1957 questo atto unico che è considerato un caposaldo del teatro dell’assurdo sulla scia di Samuel Beckett che qualche anno prima aveva pubblicato il capolavoro “Aspettando Godot”. Ed effettivamente è beckettiana anche nel Calapranzi l’atmosfera di attesa di qualcuno che non verrà mai. Ma l’opera di Pinter
aggiunge qualcosa in più : la metafora oggi ancora più attuale dei poteri cosiddetti forti e occulti che sovrastano tutti, servi e oppositori. Il Calapranzi denuncia lo strapotere di queste forze, ma non fornisce risposte o soluzioni.
L’inquietante epilogo, anche esso apparentemente assurdo, lascia dei dubbi allo spettatore che sarà costretto a suo modo a “pensare”, ma gli lascia anche una speranza.

Info e prenotazioni 329 4135649

Sabato 2 dicembre 2017 ore 21:00
Teatro Bravò
Via Stoppelli, 18 – 70126 Bari


“Buon Anno, porcomondo!” commedia brillante di Corrado Vallerotti

In il

Commedia brillante di Corrado Vallerotti.
Nelle ultime ore dell’anno si susseguono una serie di eventi che scombineranno la vita dei personaggi. Storie che sembrano finire, altre che sembrano cominciare e divertenti intermezzi “non-sense”.
In un clima dallo humor piuttosto anglosassone, le vicissitudini di tre amici e dei loro rapporti con l’amore si snocciolano sotto gli occhi dello spettatore.
Nell’insieme la vicenda appare un grazioso e variopinto spettacolo di fuochi d’artificio che sorprendono e rallegrano lo spettatore catturando la sua attenzione.

Cast :
Maurizio Sarubbi, Enrico Milanesi Amenduni, Susy Rutigliano, Lorenzo Vicenti, Antonella Ranieri, Lucia Scarli, Nico Sciacqua, Ornella Legrottaglie, Ramona Carbonara

Regia : Enrico Milanesi Amenduni

Prenotazioni sms/whatsapp al 333 33 28 127 oppure via mail info@thea3-bari.it


“BUONGIORNO ALLA CASA” al Teatro Bravò tutti i sabato e le domeniche

In il

La Compagnia degli Amici presenta:
BUONGIORNO ALLA CASA
Una commedia scritta e diretta da Giulia Fornarelli

Secondo una credenza popolare in tutte le case c’è la fata della casa e in un antica e disabitata casa barese questa è particolarmente presente non permettendo al proprietario di venderla o affittarla. Il proprietario dello stabile, il Marchese Disti Golloni, per sfatare le dicerie su questa fantomatica fata, concede gratuitamente l’uso della casa a Michele, disoccupato da diversi mesi, che vi si trasferisce con la moglie Maria inconsapevole degli accordi con il marchese e delle dicerie sulla casa.
Michele felice di avere, dopo diversi mesi di convivenza con la suocera, una casa propria, scoprirà che non sono solo dicerie…
Una storia fantastica, divertente, grottesca e tutta da ridere per tutta la famiglia.

Info e prenotazioni: 338 4241070
Teatro Bravò strada Stoppelli, 18 – Bari


Rassegna Teatrale Bravòff: “I differenziati”

In il

”Recluteremo i nostri artisti, e le nostre compagnie teatrali, nelle scuole di recitazione, negli spazi Off, nelle cantine, nei garage, nelle strade, nei centri di salute mentale, nei piccoli teatri sconosciuti, nei laboratori d’avanguardia, nei locali sotterranei, nelle scuole dei quartieri di periferia, e recluteremo il nostro pubblico, tra i lavoratori, i giovani, nelle fabbriche, negli uffici, nelle scuole, per strada, offrendo semplici e convenienti abbonamenti, per meglio saldare il rapporto fra teatro e spettatori, offrendo comunque prodotti di alto livello artistico a prezzi quanto più possibili agevolati.
Non dunque un teatro per l’élite, ma un teatro per il popolo che viene dal popolo, dove una comunità liberamente riunita, si rivela a sé stessa ascoltando un’arte, la più antica.”

Recita così il manifesto del TEATRO.OFF, quest’anno alla sua quinta rassegna presso il teatro Bravò a Bari.

Direzione artistica Mariapia Autorino

PROGRAMMA:

3 novembre ore 21:00

I DIFFERENZIATI

Cosa accadrebbe se i bidoni della differenziata prendessero improvvisamente vita? O meglio, cosa ci racconterebbero quattro persone che si trovano a “vivere” la propria esistenza sotto forma di bidone differenziato? È quello che si cerca di scoprire ne “I differenziati”, storia di quattro individui immersi fino al collo in un diverso contenitore, a richiamare quasi un ipotetico girone dantesco, tutti e quattro coinvolti in una situazione che, da grottesca, si scopre pian piano essere profondamente vera.

Con Cosimo Boccassini, Pino Cacace, Marzia Colucci, Lorena Pasotti

Regia di Tonio Logoluso – Produzione Compagnia Teatro delle Onde – Bisceglie (BT)


17 novembre ore 21:00

STORIE DI ZHORAN

Zingari. Zingari. Zingari: ladri, vagabondi, bugiardi, fratelli del vento… Quante cose si dicono sugli Zingari! E quante storie, quanti miti e quante leggende ci sono sugli Zingari! Alcuni sostengono che siano stati loro a fabbricare i chiodi della croce di Cristo e che, per questo, la loro genia è maledetta e costretta a viaggiare per l’eternità. Ma chi maledice? Chi odia? E perché? Cos’è un uomo? La razza? Il pregiudizio? Chi ha Creato il mondo? E come? Chi è nato prima, l’uovo o la gallina?

Con Giuseppe Ciciriello, Piero Santoro

Regia di Giuseppe Ciciriello

Produzione Ip Produzioni Impertinenti – Ceglie Messapica (BR)


22 novembre ore 21:00 – FUORI PROGRAMMA

OTHELLO BLUES

Othello Blues è una performance multimediale in cui l’intreccio del dramma di Shakespeare viene raccontato attraverso la proiezione di un disegno realizzato in tempo reale su piattaforma digitale. Le parole non sono indispensabili per raccontare l’universalità dei processi psicologici di Otello. Il dramma della gelosia viene dunque raccontato in maniera immediata e assolutamente innovativa. I disegni, realizzati dalla pittrice digitale di origine indiana Tara Jabul, sono accompagnati da un racconto musicale costituito da sette brani in stile jazz composti dal compositore elettronico Mariano Paternoster e liberamente ispirati alle più importanti melodie dell’Otello di Verdi, interpretate in chiave jazzistica dal duo Dario Doronzo (tromba e flicorno) e Pietro Gallo (tastiera), accompagnato dal giovane violinista argentino Lautaro Acosta, artista poliedrico di fama internazionale e dall’attrice cantante Mariapia Autorino. All’interno del canovaccio musicale sono stati innestati e rivisitati anche quattro noti capolavori di Luigi Tenco, di cui ricorre quest’anno il cinquantesimo anniversario della morte. È stato individuato, in effetti, un parallelismo tra le tematiche affrontante dal famoso cantautore italiano e quelle presenti nell’originale shakespeariano.

Idea e Regia Multimediale – Mariano Paternoster

Duo “Reimagine”: Dario Doronzo – Tromba e Flicorno; Pietro Gallo – Tastiera

Violino Jazz – Lautaro Acosta

Disegno Digitale – Tara Jabul

Voce – Mariapia Autorino


1 dicembre ore 21:00

THE PROBLEM

Una coppia trentenne al decimo anno di matrimonio. In un tardo pomeriggio nello studio di casa. La moglie annuncia di essere incinta di 7 mesi…ne nascono una serie di confessioni sempre più intricate…. La storia di due sposi alle prese con i loro desideri inconfessati. La storia di una coppia che organizzando una recita svela e gioca i suoi meccanismi. In scena due attori. Il tema è la coppia ed i suoi giochi. I principi di analisi partono da una serie di studi che mettono l’accento sui diversi giochi di ruolo che gli esseri umani intessono tra di loro. Una commedia divertente recitata in uno curioso naturalismo che fa del pubblico un voyeur divertito e degli attori i possibili vicini di casa.

Con Annika Strøhm, Saba Salvemini – Regia di Annika Strøhm, Saba Salvemini

Produzione Areté Ensemble – Giovinazzo (BA)


15 dicembre ore 21:00

IMPRÒ – LA SFIDA SPETTACOLO

Imprò è una sfida teatrale sorprendente con una cornice frizzante e divertente, un notaio puntiglioso, un brillante presentatore e massima interazione con il pubblico. Due squadre di attori improvvisano su temi, generi teatrali e “games” suggeriti dal pubblico, alternando momenti di risate e divertimento a suggestivi attimi di pura poesia. Il notaio aggiunge limitazioni, penalità e difficoltà, grazie al brillante presentatore che sostiene il ritmo dello show e al pubblico presente che regala parole, input, suggerimenti, tematiche e stili delle improvvisazioni messe in scena.

Con Fabio Musci, Checco Mauro, Paolo Paticchio, Marta Trevisi, Elena Selleri

Tecnica Alessandra Villa – Regia di Improvvisart

Produzione Improvvisart – Lecce


Gli spettacoli hanno luogo presso il Teatro Bravò via Stoppelli, 18 – Bari >>>Acquista Biglietti

Ingresso del pubblico in sala dalle ore 20.30.

Inizio degli spettacoli alle ore 21.00

Info e prenotazioni: 340 7347657 – botteghino@bautta.it


Rassegna Teatrale Bravoff: “Manuale distruzione”

In il

”Recluteremo i nostri artisti, e le nostre compagnie teatrali, nelle scuole di recitazione, negli spazi Off, nelle cantine, nei garage, nelle strade, nei centri di salute mentale, nei piccoli teatri sconosciuti, nei laboratori d’avanguardia, nei locali sotterranei, nelle scuole dei quartieri di periferia, e recluteremo il nostro pubblico, tra i lavoratori, i giovani, nelle fabbriche, negli uffici, nelle scuole, per strada, offrendo semplici e convenienti abbonamenti, per meglio saldare il rapporto fra teatro e spettatori, offrendo comunque prodotti di alto livello artistico a prezzi quanto più possibili agevolati.
Non dunque un teatro per l’élite, ma un teatro per il popolo che viene dal popolo, dove una comunità liberamente riunita, si rivela a sé stessa ascoltando un’arte, la più antica.”

Recita così il manifesto del TEATRO.OFF, quest’anno alla sua quinta rassegna presso il teatro Bravò a Bari.

Direzione artistica Mariapia Autorino

PROGRAMMA:

20 ottobre ore 21:00

MANUALE DISTRUZIONE

Manuale Distruzione è la storia di un’attrice alla ricerca costante della sua dimensione artistica. Tutte le incertezze di Mariantonia scaturiscono dalla perenne propensione al raggiungimento della perfezione. La bellezza è l’ossessione di una donna che, pur di piacere e di piacersi, inizia il macabro gioco dell’autolesionismo; entra così nel vortice della Bulimia combattendo tra amore e odio. Lo spettacolo Manuale Distruzione intende parlare di un tema estremamente delicato e assolutamente attuale; nasce dalla volontà di far luce sul profondo disagio che fa scattare il malsano meccanismo dell’autolesionismo.

Il lavoro è un concentrato di linguaggi che si fondono, metodologie che si intrecciano, gioco col Pubblico sempre aperto, abbattimento della quarta parete e coup de théâtre.

Con Mariantonia Capriglione – Regia di Raffaele Romita – Produzione Fatti d’Arte – Bitonto (BA)


3 novembre ore 21:00

I DIFFERENZIATI

Cosa accadrebbe se i bidoni della differenziata prendessero improvvisamente vita? O meglio, cosa ci racconterebbero quattro persone che si trovano a “vivere” la propria esistenza sotto forma di bidone differenziato? È quello che si cerca di scoprire ne “I differenziati”, storia di quattro individui immersi fino al collo in un diverso contenitore, a richiamare quasi un ipotetico girone dantesco, tutti e quattro coinvolti in una situazione che, da grottesca, si scopre pian piano essere profondamente vera.

Con Cosimo Boccassini, Pino Cacace, Marzia Colucci, Lorena Pasotti

Regia di Tonio Logoluso – Produzione Compagnia Teatro delle Onde – Bisceglie (BT)


17 novembre ore 21:00

STORIE DI ZHORAN

Zingari. Zingari. Zingari: ladri, vagabondi, bugiardi, fratelli del vento… Quante cose si dicono sugli Zingari! E quante storie, quanti miti e quante leggende ci sono sugli Zingari! Alcuni sostengono che siano stati loro a fabbricare i chiodi della croce di Cristo e che, per questo, la loro genia è maledetta e costretta a viaggiare per l’eternità. Ma chi maledice? Chi odia? E perché? Cos’è un uomo? La razza? Il pregiudizio? Chi ha Creato il mondo? E come? Chi è nato prima, l’uovo o la gallina?

Con Giuseppe Ciciriello, Piero Santoro

Regia di Giuseppe Ciciriello

Produzione Ip Produzioni Impertinenti – Ceglie Messapica (BR)


22 novembre ore 21:00 – FUORI PROGRAMMA

OTHELLO BLUES

Othello Blues è una performance multimediale in cui l’intreccio del dramma di Shakespeare viene raccontato attraverso la proiezione di un disegno realizzato in tempo reale su piattaforma digitale. Le parole non sono indispensabili per raccontare l’universalità dei processi psicologici di Otello. Il dramma della gelosia viene dunque raccontato in maniera immediata e assolutamente innovativa. I disegni, realizzati dalla pittrice digitale di origine indiana Tara Jabul, sono accompagnati da un racconto musicale costituito da sette brani in stile jazz composti dal compositore elettronico Mariano Paternoster e liberamente ispirati alle più importanti melodie dell’Otello di Verdi, interpretate in chiave jazzistica dal duo Dario Doronzo (tromba e flicorno) e Pietro Gallo (tastiera), accompagnato dal giovane violinista argentino Lautaro Acosta, artista poliedrico di fama internazionale e dall’attrice cantante Mariapia Autorino. All’interno del canovaccio musicale sono stati innestati e rivisitati anche quattro noti capolavori di Luigi Tenco, di cui ricorre quest’anno il cinquantesimo anniversario della morte. È stato individuato, in effetti, un parallelismo tra le tematiche affrontante dal famoso cantautore italiano e quelle presenti nell’originale shakespeariano.

Idea e Regia Multimediale – Mariano Paternoster

Duo “Reimagine”: Dario Doronzo – Tromba e Flicorno; Pietro Gallo – Tastiera

Violino Jazz – Lautaro Acosta

Disegno Digitale – Tara Jabul

Voce – Mariapia Autorino


1 dicembre ore 21:00

THE PROBLEM

Una coppia trentenne al decimo anno di matrimonio. In un tardo pomeriggio nello studio di casa. La moglie annuncia di essere incinta di 7 mesi…ne nascono una serie di confessioni sempre più intricate…. La storia di due sposi alle prese con i loro desideri inconfessati. La storia di una coppia che organizzando una recita svela e gioca i suoi meccanismi. In scena due attori. Il tema è la coppia ed i suoi giochi. I principi di analisi partono da una serie di studi che mettono l’accento sui diversi giochi di ruolo che gli esseri umani intessono tra di loro. Una commedia divertente recitata in uno curioso naturalismo che fa del pubblico un voyeur divertito e degli attori i possibili vicini di casa.

Con Annika Strøhm, Saba Salvemini – Regia di Annika Strøhm, Saba Salvemini

Produzione Areté Ensemble – Giovinazzo (BA)


15 dicembre ore 21:00

IMPRÒ – LA SFIDA SPETTACOLO

Imprò è una sfida teatrale sorprendente con una cornice frizzante e divertente, un notaio puntiglioso, un brillante presentatore e massima interazione con il pubblico. Due squadre di attori improvvisano su temi, generi teatrali e “games” suggeriti dal pubblico, alternando momenti di risate e divertimento a suggestivi attimi di pura poesia. Il notaio aggiunge limitazioni, penalità e difficoltà, grazie al brillante presentatore che sostiene il ritmo dello show e al pubblico presente che regala parole, input, suggerimenti, tematiche e stili delle improvvisazioni messe in scena.

Con Fabio Musci, Checco Mauro, Paolo Paticchio, Marta Trevisi, Elena Selleri

Tecnica Alessandra Villa – Regia di Improvvisart

Produzione Improvvisart – Lecce


Gli spettacoli hanno luogo presso il Teatro Bravò via Stoppelli, 18 – Bari >>>Acquista Biglietti

Ingresso del pubblico in sala dalle ore 20.30.

Inizio degli spettacoli alle ore 21.00

Info e prenotazioni: 340 7347657 – botteghino@bautta.it