Teresa Ludovico e i Radiodervish “In Search of Simurgh”

In il

Teresa Ludovico Radiodervish In Search of Simurgh

In Search of Simurgh al Teatro Radar di Monopoli
In scena il 16 novembre Teresa Ludovico e i Radiodervish
Spettacolo musicale ispirato a un classico della letteratura persiana

Musica e parole che immergono lo spettatore tra le leggendarie storie della Persia del XII secolo. Va in scena sabato 16 novembre alle ore 21 al Teatro Radar di Monopoli, In search of Simurgh, spettacolo musicale prodotto da Teatri di Bari/Kismet, che vede protagoniste le voci di Teresa Ludovico e Nabil Bey, cantautore palestinese fondatore dei Radiodervish. L’appuntamento, inserito nella programmazione del Prospero Fest, vede Teatri di Bari animare ancora una volta la programmazione dello spazio multiculturale del comune barese, riaperto nel 2018 dopo decenni di inutilizzo.

Lo spettacolo
In search of Simurgh è una suite orientale in cui le canzoni e le musiche dei Radiodervish si intrecciano alle parole di Teresa Ludovico. Lo spettacolo ispirato ad un classico della letteratura Sufi­, Il Verbo degli uccelli (Mantiq at-Tayr), scritto nel XII secolo dal mistico persiano Farid ad din Attar, è una ricca e raffinata esposizione di delicata poesia e di profonda sapienza mistica e ­filosofica paragonabile solo, nella cultura occidentale, alla Divina Commedia di Dante.
I Radiodervish e Teresa Ludovico, narrano del viaggio di uno stormo di uccelli attraverso 7 valli: dell’Amore, della Conoscenza, del Distacco, dell’Uni­cazione, dello Stupore, della Privazione e dell’Annientamento per arrivare al Simurgh che alla fi­ne si svelerà come un’immagine riflessa dei trenta uccelli superstiti del cammino mistico. Aneddoti, racconti mistici, favole erotiche, che descrivono un meraviglioso affresco di un’umanità composita e popolata da re, principesse, bellissimi giovani dal petto d’argento, fanciulle dal volto di luna, arcangeli che parlano con gli uomini e sufi­ poverissimi e pazzi d’amore. I personaggi e le vicende narrate offrono materia ideale per l’affabulazione attoriale di Teresa Ludovico, voce recitante dei suoi scritti Ali di Polvere, e per le preziose atmosfere orientali e ­arabesche richiamate ed esaltate dalle melodie e dal canto dei Radiodervish e dalle musiche contenute nel loro disco ‘In search of Simurgh’, pubblicato in Italia nel 2004.

Per info: 3357564788 e www.bibliotecacivicamonopoli.it/pf19/
Il botteghino è aperto dal lunedì al venerdì dalle ore 17 alle ore 19.30.


Ramin Bahrami & Gioele Dix in “30 per 100”

In il

Ramin Bahrami Gioele Dix 30 per 100

Ramin BAHRAMI & Gioele DIX
“30per 100”

Ramin BAHRAMI – pianoforte
Gioele DIX – voce recitante

A volte, seguendo percorsi difficili da spiegare, due mondi apparentemente lontani si incontrano e creano qualcosa di nuovo…
In questo progetto, per la verità, sono diversi gli incroci coraggiosi e inattesi, in primo luogo quelli che danno origine al titolo: i folgoranti “Romanzi in una pagina” contenuti nella “Centuria”, piccolo capolavoro della letteratura italiana del XX secolo scritto da Giorgio Manganelli che incontrano le “Variazioni Goldberg” di Johann Sebastian Bach. Trenta variazioni musicali costituiscono le “Variazioni Goldberg” di Bach e cento è il numero di micro-storie contenute nella “Centuria” di Manganelli: da cui il titolo “30 per 100”, una divertita indicazione matematica, che prova a dare una dimensione a ciò che non è misurabile: l’arte, la sorpresa, la musica, l’incontro vertiginoso di mondi lontani.
E poi l’incontro fra due artisti così diversi avvenuto per via di stima e visibile affetto reciproco: un musicista curioso delle parole come Ramin Bahrami ed un attore affascinato dalla musica come Gioele Dix danno vita, insieme e con il pubblico, ad una nuova lingua comune tra musica e letteratura.
La naturale comicità e l’istrionica padronanza del palco di Gioele Dix incontrano il virtuosismo di un maestro del pianoforte come Ramin Bahrami che si rivela un’irresistibile spalla per le improvvisazioni e la comica affabulazione del compagno di scena. Le “Variazioni Goldberg” (BWV 988), composte da J. S. Bach fra il 1741 e il 1745 sono un’opera per clavicembalo costruita tramite un’aria e 30 variazioni.
Giorgio Manganelli, scrittore milanese, scomparso nel 1990 all’età di 68 anni, è una delle figure più interessanti dell’avanguardia letteraria italiana, vicino al Gruppo 63, fu consulente editoriale di Mondadori, Einaudi, Adelphi, apprezzato traduttore dall’inglese e giornalista. Leggere “Centuria” significa esporsi ad un continuo smarrimento del senso e dell’ordine dell’Universo.

Ramin BAHRAMI è considerato uno dei più interessanti interpreti di Bach al pianoforte. Dopo l’esecuzione dei Concerti di Johann Sebastian Bach a Lipsia nel 2009 con lam Gewandhausorchester diretta da Riccardo Chailly, la critica tedesca lo considererà: “un mago del suono, un poeta della tastiera… artista straordinario che ha il coraggio di affrontare Bach su una via veramente personale”. (Leipziger volkszeitung). La ricerca interpretativa del pianista iraniano è rivolta alla monumentale produzione tastieristica di J. S. Bach, che Bahrami affronta con il rispetto e la sensibilità cosmopolita della quale è intrisa la sua cultura e la sua formazione. Bahrami si è esibito in importanti festival pianistici. Nato a Teheran si diploma con Piero Rattalino al Conservatorio “G. Verdi” di Milano, approfondisce gli studi all’Accademia Pianistica di Imola e con Wolfgang Bloser alla Hochschule für Musik di Stoccarda. Recentemente ha avuto il privilegio di inaugurare la stagione di musica da camera di Santa Cecilia a Roma e al Beethoven Festival di Varsavia in collaborazione con il flautista Massimo Mercelli, con cui ha registrato le sonate per flauto e piano per Decca. Ha inciso l’Offerta Musicale di J. S. Bach con le prime parti di Santa Cecilia.

Gioele DIX Sono nato a Milano la mattina del 3 gennaio 1956. Nevicava di brutto già dalla notte prima. Non che mi ricordi, me l’ha raccontato mio padre. Dice che, nell’ansia e la fretta di portare in tempo mia madre in clinica, per poco non ci capottavamo tutti (e tre). A partire dall’età di sette anni, mi misi in testa che da grande avrei fatto l’attore. Questo me lo ricordo bene anch’io. Capivo di esserci portato, perché sapevo spesso cavarmi d’impaccio recitando. Come diceva il mio amico Bruno Olivieri, al tempo attore in cerca di fortuna come me: “molto movimento, nessuna direzione”. Confesso che, quando mi capitava di leggere qualche dolente intervista a certi figli d’arte condannati a combattere col fantasma dei loro padri, mi incazzavo parecchio. Ma proprio con Bruno e altri coraggiosi colleghi trovammo il modo di mettere in piedi una Compagnia, poi diventata Cooperativa: il Teatro degli Eguali. Il nome scelto era orgogliosamente programmatico e posso dire che, pur nelle tante difficoltà, riuscimmo a tener fede a un progetto ideologicamente limpido: dedicarsi al mestiere dell’attore, con la convinzione che il teatro potesse essere utile anche agli altri e non soltanto al nostro individuale narcisismo. In seguito, mi capitò la fortuna di lavorare accanto ad artisti che furono decisivi per la mia formazione: Antonio Salines, attore e regista intelligente e generoso; gli attori della splendida compagnia del Teatro dell’Elfo; l’indimenticabile Franco Parenti, al quale, per quasi tre anni, sera dopo sera, ho rubato tutto il rubabile. “Vedrai, fra qualche anno ti farai un nome” mi dicevano fiduciosi gli amici e i parenti che affollavano – solo loro – il mio one man show al Derby di Milano.
Concerto organizzato in collaborazione con l’Assessorato alla Cultura del Comune di Monopoli in occasione di “ProsperoFest”.

Ingresso € 15:00

>>>Acquista Biglietti


“OGGI È GIÀ DOMANI” con Paola Quattrini

In il

oggi e gia domani paola quattrini

Stagione di prosa a cura di Teresa Ludovico

OGGI È GIÀ DOMANI
con Paola Quattrini

Una commedia esilarante nata dalla penna di Willy Russell e adattata da Jaja Fiastri.Lo spettacolo vinse il Laurence Oliver Award come Comedy of the year quando fu presentato a Londra al Duke of York’s e il Tony Award quando a New York fu presen-tato al Booth Theatre.Una casalinga con un marito distratto e quasi sempre assente, due figli egoisti che si ricordano di avere una madre soltanto quando hanno bisogno di aiuto…Quella di Dora sembrerebbe un’esistenza grigia ma, invece, non è così, perché Dora è una donna dotata di eccezionali risorse e riesce a vincere la solitudine sfogandosi con un’amica che sa ascoltare: il muro della cucina.Al muro, Dora confida sogni, desideri e felici ricordi. Racconta gli accadimenti delle sue giornate ed alcuni divertenti incontri con una antipatica vicina di casa, una sorpren-dente compagna di scuola, un cane forzatamente vegetariano e con Pia la sua unica amica femminista.

Se un muro potesse ridere e commuoversi, non c’è dubbio che il “suo” muro lo farebbe, perché Dora esprime tenerezza, fantasia ed un irresistibile umorismo. Grazie a queste doti, Dora riesce ad evadere dalla prigione domestica e non solo metaforicamente. Perché, un bel giorno, ritrova tutto il suo coraggio: pianta la famiglia ingrata e si tuffa in una esotica avventura partendo per la Grecia insieme Stagione di Prosacon l’amica Pia.


ALADIN il musical di Stefano D’Orazio al Teatro Radar

In il

aladin musical teatro radar

Domenica 6 ottobre alle ore 18:00 e alle ore 21:00 presso il teatro “Radar” di Monopoli torna in scena l’esilarante spettacolo “Aladin, il musical”, interpretato dalla Compagnia Teatrale Grocà. Si tratta di uno dei musical di maggiore successo degli ultimi anni, tratto da una delle più celebri favole delle “Mille e una Notte”, che Stefano D’Orazio, noto componente dei Pooh, che ne hanno firmato le musiche, ha trasformato in musical nel 2010.
Dopo il successo del debutto a marzo scorso, presso il Teatro dei Trulli di Alberobello si replica questa volta per beneficenza. I ricavi della vendita dei biglietti verranno, infatti, devoluti alla Fondazione ONLUS “Saverio De Bellis” per sostenere il nuovo progetto sociale, “Il Futuro al Centro”, della storica istituzione benefica castellanese, una delle più antiche della provincia di Bari, che oggi gestisce una Comunità educativa, un Centro socio-educativo diurno per minori e una Comunità alloggio per gestanti e madri con figli a carico. Con il nuovo progetto sociale fortemente innovativo, la Fondazione De Bellis sta recuperando un immobile storico sito nel pieno centro di Castellana per tramutarlo in un doppio gruppo appartamenti per adolescenti. Potrà essere così soddisfatto un bisogno sociale importante del nostro territorio, sprovvisto di strutture socio-educative che rispondano alle esigenze specifiche degli adolescenti, che oggi spesso necessitano di un forte sostegno finalizzato a superare il disagio, prevenire ed evitare la dispersione scolastica e l’ingresso nel circuito penale minorile.
Con lo spettacolo che andrà in scena, un gruppo di attori, guidati dalla sapiente regia di Elvira Spartano, farà rivivere sul palcoscenico la storia d’amore tra la principessa Jasmine, interpretata dalla giovane Federica dell’Erba, e Aladin, uno “scugnizzo” coraggioso e scapestrato, interpretato da Carlo Costante che, con l’aiuto del Genio, interpretato dal mirabolante Nico Beffa, e della sua lampada magica, sconfiggerà il perfido Gran Visir Jafar, interpretato da David Romanazzi, e realizzerà il suo sogno d’amore. Adulti e piccini saranno trascinati tra i colori e l’incanto delle terre d’Oriente, tra bizzarri personaggi, perfettamente disegnati e interpretati, come Lunatica, una svampita chiromante, e Abà, fidata amica di Aladin, segretamente innamorata di lui, interpretate rispettivamente dalle brillanti giovani attrici Roberta Gallo e Giorgia Putignano.
Della storia fanno parte anche il Sultano padre di Jasmine, interpretato da Tony Pedone, Yago, il furbo consigliere di Jafar, interpretato da Debora Simone, il mercante, interpretato da Donato Maselli e le due guardie, Giuseppe Valerio e Andrea Lonardelli. Nel cast di attori anche la regista, Elvira Spartano nei panni di Shadia, la balia di Jasmine. A rendere più frizzante e coinvolgente lo spettacolo il corpo di ballo, costituito da Simona Degiorgio, Valeria Di Poli, Emanuela Ricciardi, Elisa Ritorno, Stefano Sportelli e Vito Zaccaria, magistralmente coreografato e diretto da Antonella Sacchetti, da sempre al fianco di Grocà. Direttori di scena Nico Beffa e Fabio Verdolino. Trucco a cura della Beauty Accademy di Monopoli.

INFO E PRENOTAZIONI: 0804965032 o mandare un messaggio alla pagina Facebook Grocà Associazione culturale e teatrale, inviare una e-mail ad associazionegroca@gmail.com o rivolgersi, da lunedì 23 settembre, presso la sede della Fondazione ONLUS Saverio De Bellis, in via Saverio De Bellis 20 a Castellsna Grotte o presso la sede dell’Associazione “Spazio Grocà” in via E. Fermi n. 62 sempre a Castellana-Grotte (di fronte al Punto di Primo Soccorso).

Costo del biglietto €.15,00 per gli adulti e €.10,00 per i bambini fino a 14 anni.

Si ringraziano gli sponsor che hanno sostenuto l’iniziativa:

Don Ferrante – Dimore di charme – Monopoli
La Cattiva Società Agricola A.r.l
Feudo di Monteferraro – Turi
L’uomottanta di Pio Rinaldi – Castellana Grotte
Edil Pace costruzioni – Monopoli
Masseria Serritella – Castellana Grotte
Mazzarelli SRL Sistemi di Chiusura Residenziali e Industriali
Farmacia San Francesco da Paola – Monopoli
Azienda Agricola Annese – Monopoli
Valentino Zappi jewels – Monopoli
Gioielleria Ottomano – Castellana Grotte
Pollicelli Srl – Allestimenti Veicoli Industriali – Conversano
Chiara di Antonio – Consulente assicurativo e finanziario Agenzia Generali Monopoli Petracca di Fanizza & Brunetti
Pizzeria Bella Capri – Castellana Grotte
Vivai Capitanio Stefano – Monopoli


Dittico ‘900

In il

dittico 900 teatro radar

Nino Rota: LO SCOIATTOLO IN GAMBA (1959)
Libretto di Eduardo De Filippo
(da un racconto di Luisa De Filippo)

Giacomo Puccini: GIANNI SCHICCHI (1918)
Libretto di Giovacchino Forzano

LO SCOIATTOLO IN GAMBA
Lo Scoiattolo Marcella Diviggiano
Il Re Liu Wanlin
Il Ciambellano Roberto Calamo
Un Ministro Biagio Cuscito
Un Autista Oronzo D’Urso
La Regina Gabriella Sammarco
e con
Simona Caliandro, Luana Calvaro,Lei Liu, Federica Ruggieri,
Xu Quin, Wang Jie, Li Zihiun Wang Zichun Wang Ziyu

GIANNI SCHICCHI
Gianni Schicchi Roberto Calamo
Lauretta Chiara Salentino
Zita Caterina Dellaere
Rinuccio Oronzo D’Urso
Gherardo Ma Ke
Nella Antonella Scalone/Federica Ruggieri
Gherardino Samuele Giuliani
Betto Luo JunJiè
Simone Liu Wanlin
Marco Biagio Cuscito
La Cesca Simona Caliandro/Luana Calvaro
Spinelloccio e Notaio Vito Tommaso
Pinellino Wang Jie

Maestri collaboratori e preparatori
Giana IAFFALDANO – Raffaella MIGAILO
Light designer: Aldo PUTIGNANO
Regia, scene e costumi: Giovanni GUARINO

ENSEMBLE OPERA ‘900

Rossana Quarato, flauto Fabiana Lazzazara, oboe Tommaso Ivone, clarinetto M° Marcello De Giuseppe, fagotto M° Leonardo Feroleto, corno

Marco Farina, tromba Cosimo Di Lorenzo, trombone Alberto Stefanizzi, percussioni Susanna Curci, arpa Ludovica Fanelli, violino I * Bianca Danca, violino I *** Francesco Paolo D’Alessandro, violino II ** Bruna Manganaro, violino II *** Emilia Frugis, viola Claudia Notarstefano, violoncello M° Giuseppe Lillo, contrabbasso

*Spalla dei Violini I
**Spalla dei violini II
*** Concertino in “Gianni Schicchi”
*** Concertino in “Lo scoiattolo in gamba”

Direttore Ettore PAPADIA


ERASMUS FESTIVAL 2019 a Monopoli

In il

erasmus festival 2019 monopoli

Dal 14 al 19 maggio è in programma a Monopoli, l’importante festival internazionale ERASMUS FESTIVAL 2019, organizzato dal Conservatorio “Nino Rota”: esso ospiterà artisti provenienti da tutta Europa che si affiancheranno a docenti e studenti locali in un ricco e articolato programma di concerti e masterclass. L’anteprima del Festival si è svolta in Conservatorio venerdì 10 maggio, con la presentazione del CD per canto e organo del compositore contemporaneo Biagio Putignano;  a partire da martedì 14 si susseguiranno tutte le altre manifestazioni. Segnaliamo, in modo particolare, il concerto inaugurale di martedì 14 maggio al Teatro Radar (ore 21 – Ingresso libero) che vedrà protagonista il Vienna Music Institute Ensemble (Gisele Jackson – Singer; Harry Tanschek – drums; Alexander Lackner – Bass; Ernst Ritsch – Jazz Guitar).


RIMBAMBAND in “Manicomic” al Teatro Radar

In il

rimbamband teatro radar costa dei trulli

MANICOMIC – Il nuovo spettacolo della Rimbamband in scena al Teatro Radar di Monopoli (Bari).

con: Con Raffaello Tullo, Renato Ciardo, Francesco Pagliarulo, Vittorio Bruno, Nicolò Pantaleo.
Regia: Gioele Dix
Produzione: Rimbamband

Sono in cinque. Sono una band. Suonano e sono più o meno consapevoli di essere tutti affetti da numerose patologie mentali: ansie da prestazione, disturbo della personalità multipla, sindromi ossessivo compulsive. Uno di loro è un alcolista depresso, non essendo riuscito a realizzare il sogno di una vita: ballare alla Scala. E poi c’è un imprevedibile bipolare, cioè come sarebbero Jekyll e Hyde se fossero un
pianista… Un medico psichiatra prova, aHraverso un percorso terapeutico, a sbrogliare questa
intricata matassa e a condurre i suoi pazienti alla guarigione: musica, sport, piHura,
viaggi, cinema: tutto è terapia. Ma i nostri cinque sono duri a guarire e nonostante i continui richiami del medico, le loro migliori intenzioni e l’assunzione di farmaci dai nomi grotteschi, non riescono a
liberarsi dalle loro ossessioni. Una sorta di “Qualcuno volò sul nido del cuculo” in versione comico/teatrale, in cui la follia si trasforma in libertà, energia, divertimento e creatività. Perché non può esserci
arte senza follia e… da vicino, nessuno è normale.
Quando ci chiedono cosa sia la Rimbamband siamo sempre un po’ in difficoltà, credeteci . In passato
rispondevamo in svariati modi: «La Rimbamband usa il linguaggio della musica a supporto di un contenuto comico»; «È la musica che si dilata e che ti fa guardare, oltre che ascoltare»; e ancora: “La
Rimbamband racconta la musica nel suo aspetto più folle e surreale”. Tutto vero e condivisibile, ok! Ma mancava qualcosa. Ci rendevamo conto che davanti a tali definizioni la gente rimaneva sempre un po’ interdetta, con stampata in volto la tipica espressione, del tipo «non ho capito una mazza!».
Poi abbiamo capito. Mancava un’anima! Quella che ha semplicemente una gran voglia di giocare! Gioca-
re! Giocare alla vita e raccontarla giocando. Insieme dal 2006, da bravi pestiferi e loschi figuri mixiamo tutti i linguaggi possibili dell’arte e dello spettacolo. Musica, mimo, clown, tip tap, teatro di figura, rumorismo, fantasia teatrale, parodie. Il tutto shakerato con un ritmo comico incalzante e servito con energia travolgente.

>>>Acquista Biglietti

Sabato 11 maggio 2019
Teatro Radar
MONOPOLI
Inizio ore 21.00


Maggio all’infanzia 2019 Monopoli – Festival di teatro per bambini e ragazzi

In il

maggio all infanzia 2019 monopoli

Una carovana di artisti nazionali e internazionali si prepara a festeggiare bambini e bambine per la ventiduesima edizione del Festival Maggio all’Infanzia, diretto da Teresa Ludovico.

Spettacoli, laboratori, visite guidate, letture e visioni. Il festival – organizzato da Fondazione SAT e Teatri di Bari, con Associazione Italiafestival – prosegue il lavoro, cominciato ventidue anni fa di formazione delle giovani generazioni all’arte, al teatro e alla cultura.

Novità di quest’anno – Il festival Maggio all’Infanzia parte da Bari e arriva per la prima volta a Monopoli, che sarà sede ufficiale della vetrina nazionale.

Scopri qui il programma di Bari.

Dal 16 al 19 maggio, un ricco calendario di spettacoli, animazione, laboratori per tutte le età che colorerà i teatri, le strade e le piazze della città.
_____________________________________

I LUOGHI DEL FESTIVAL A MONOPOLI

TEATRO RADAR
Via Magenta 71 – 73

TEATRO MARIELLA
Largo Cardinale Marzati

BIBLIOTECA PROSPERO RENDELLA
Piazza Giuseppe Garibaldi 24

CHIESA SS. PIETRO E PAOLO
Piazza Palmieri

PIAZZA GIUSEPPE GARIBALDI

PIAZZA VITTORIO EMANUELE II

Qui tutti i dettagli degli eventi in programma.
_____________________________________

BOTTEGHINO

Prenota il tuo carnet di 10 biglietti a 20 euro (abbonamento non nominale) inviando un messaggio privato con nome, cognome e recapito telefonico: la disponibilità degli abbonamenti è limitata!
____________________________________

INFO E PREVENDITE

TEATRO RADAR – 335 756 4788
Via Magenta 71, Monopoli
Dal lunedì al venerdì dalle 17 alle 19

TEATRO KISMET – 335 805 2211
Strada San Giorgio Martire 22/F, Bari
Dal lunedì al venerdì dalle 10 alle 17

TUTTI I PUNTI VENDITA VIVATICKET

GLI ABBONAMENTI SARANNO DISPONIBILI ANCHE PRESSO:

LIBRERIA CHILDREN – 080 6981751
Largo Plebiscito 9, Monopoli

LIBRERIA LE STORIE NUOVE – 080 2373003
Via Giuseppe di Vagno 11, Conversano

INFOPOINT TURISTICO BARI – 080 5242244
Piazza del Ferrarese 29, Bari

BAR DARJEELING
Via Nicola Minervino 10, Bari – Palese


Leonardo Sini dirige l’Orchestra del Teatro Petruzzelli al Teatro Radar di Monopoli

In il

sini nicosia teatro radar

Concerto dell’Orchestra del Teatro Petruzzelli al Teatro Radar di Monopoli (Bari)
Martedì 30 aprile ore 21:00

Leonardo Sini – direttore
Giovanni Nicosia – tromba

PROGRAMMA:

Franz Joseph Haydn [1732-1809]
Concerto per tromba e orchestra,
in mi bemolle maggiore, Hob:VII e:1

Wolfgang Amadeus Mozart [1756-1791]
Sinfonia n.38
in re maggiore, KV504, “Praga”

Info e biglietti: 0809752810


Nicola Piovani in concerto a Monopoli, “La musica è pericolosa – Concertato”

In il

nicola piovani teatro radar costa dei trulli

La musica è pericolosa – Concertato
Nicola Piovani in concerto

Venerdì 26 aprile 2019
Teatro Radar
MONOPOLI
Inizio ore 21.00

Nell’ambito del programma di “Festival Costa dei Trulli – 2019”, la città di Monopoli ospita il maestro Nicola Piovani, vincitore della statuetta d’oro per le musiche del film di Benigni “La vita è bella”, protagonista dello spettacolo “La musica è pericolosa – Concertato”.

Il concerto è un racconto musicale, narrato dagli strumenti che agiscono in scena. A scandire le stazioni di questo viaggio musicale in libertà, Piovani racconta al pubblico il senso di questi frastagliati percorsi che l’hanno portato a fiancheggiare il lavoro di De André, di Fellini, di Magni, di registi spagnoli, francesi, olandesi, per teatro, cinema, televisione, cantanti strumentisti, alternando l’esecuzione di brani teatralmente inediti a nuove versioni di brani più noti, riarrangiati per l’occasione.

I video di scena integrano il racconto con immagini di film, di spettacoli e, soprattutto, immagini che artisti come Luzzati e Manara hanno dedicato all’opera musicale di Piovani.
Il Maestro Piovani sarà al pianoforte, accompagnato in scena da Marina Cesari(sax/clarinetto), Pasquale Filastò (violoncello/chitarra), Ivan Gambini(batteria/percussioni), Marco Loddo (contrabbasso) e Rossano Baldini (tastiere).
SI ricorda che il concerto rientra in “Festival Costa dei Trulli”, evento itinerante tra i Comuni di Monopoli, Alberobello, Castellana Grotte, Conversano e Fasano.

I biglietti sono in vendita qui o presso il botteghino del Teatro Radar in via Magenta 71 a partire dalle ore 17 (cell. 3357564788).