“Rossini, genio e gourmet” di Chiaramonte e Bietti al Teatro AncheCinema

In il

rossini genio e gourmet

ROSSINI, GENIO E GOURMET
Lezione di musica e cucina
(in 5 movimenti e 4 Intermezzi video) di e con
Giovanni Bietti: pianoforte, interprete, autore
Carmelo Chiaramonte: cuoco, interprete, autore
contributi video a cura di Vincenzo Cascone

“Rossini, genio e gourmet” è un progetto originale che propone un dialogo tra musica e cucina, tra un musicista e uno chef, nel segno comune di Rossini: Carmelo Chiaramonte realizzerà dal vivo, sul palco, la sua personale interpretazione dei Maccheroni ripieni alla Rossini, una delle più celebri ricette originali del maestro, mentre Giovanni Bietti ci introdurrà alla figura e alla musica del compositore marchigiano, raccontandone la poetica, leggendo lettere e aneddoti, ma soprattutto suonando sue composizioni.

Rossini dedica infatti al cibo (e al vino) una parte di rilievo nelle proprie composizioni, sia in quelle più “salottiere” (la raccolta pianistica dei Quatre hors – d’oeuvres et quatre mendiants , per esempio: quattro brani dedicati agli antipasti e quattro alla frutta secca!) che nei celebri capolavori teatrali. Non c’è quasi opera, in particolare tra quelle buffe, che non comprenda una scena di Brindisi o un sontuoso banchetto. Scene sempre vivacissime, indiavolate e brillanti, in cui il movimento vorticoso tanto caratteristico della musica di Rossini – il “crescendo rossiniano” – risulta letteralmente elettrizzante per l’ascoltatore. Basterà una sola citazione per cogliere l’arguzia e lo spirito scintillante che si sprigionano dalla musica rossiniana in questi istanti: l’esplosiva, surreale cerimonia nel primo atto della Cenerentola , durante la quale Don Magnifico viene nominato “ Cantinier, e Intendente dei bicchier ” e autoproclamandosi “ Duca e Barone dell’antichissima Montefiascone ” decreta “ di più non mescere / per anni quindici / nel vino amabile / d’acqua una gocciola ” e finisce addirittura per stabilire un “ premio bellissimo / a chi più Malaga / si beverà ”.

Ci sono forse state, tra i musicisti, figure che oggi hanno una fama superiore a quella di Gioachino Rossini, e le cui opere vengono eseguite più frequentemente. Ma se si parla di musicisti-gourmet, allora non possono esserci dubbi di sorta: il grande pesarese svetta solitario in cima a questa ideale classifica. Da autentico cosmopolita, Rossini si faceva mandare prelibatezze da ogni parte d’Europa, comunicando con i suoi fornitori attraverso lettere vivaci, brillanti, sempre spiritosissime: sardine dal Golfo di Guascogna, tartufi dalle native Marche, salumi e zamponi da Modena, panettoni da Milano, vino dalle tenute Rothschild e dalla Germania (lo Johannisberg, in particolare).

Gli aneddoti riguardanti l’amore di Rossini per il cibo sono innumerevoli, e spesso leggendari, e lo spettacolo ne proporrà un’ampia selezione dal vivo. L’aspetto forse più originale della progetto consiste nel continuo dialogo tra lo chef e il musicista, che partono dalle composizioni e dalle ricette rossiniane per esplorare insieme le corrispondenze tra musica e cucina: è possibile infatti descrivere attraverso la musica l’armonia di un piatto, o far sentire grazie alle metafore gastronomiche il profumo di una composizione. E il dialogo riguarda anche gli “ingredienti”: si parlerà tanto della scelta e della conoscenza delle materie prime di un piatto, del modo di rispettarne e di esaltarne le caratteristiche, quanto della costruzione di un brano musicale, del modo di combinare le note per ottenere il risultato più emozionante. Allo spettacolo e ai suoi contenuti si aggiunge quindi anche una dimensione didattica e divulgativa, garbata e accessibile.

Considerato uno dei migliori divulgatori musicali italiani, GIOVANNI BIETTI è compositore, pianista e musicologo. E’ uno dei principali conduttori delle seguitissime “Lezioni di Musica”, la grande iniziativa di divulgazione musicale che va in onda settimanalmente su Rai-Radiotre, e tiene regolarmente conferenze e in particolare concerti-conferenze, direttamente al pianoforte, presso molti dei più prestigiosi Enti italiani: il Teatro alla Scala, il Teatro Regio di Torino, il Teatro dell’Opera e l’Accademia Nazionale di Santa Cecilia di Roma, Il Teatro La Fenice di Venezia, il Teatro Petruzzelli di Bari, il Teatro Massimo di Palermo, il Teatro Bellini di Catania, il Teatro Lirico di Cagliari, il Festival MitoSettembre Musica, il Bologna Festival, il Teatro Regio di Parma, lo Sferisterio di Macerata, il Teatro delle Muse di Ancona, il Teatro Olimpico di Vicenza, il Festival di Ravello, etc. Ha un rapporto particolare di collaborazione e di amicizia con la città di Mantova, dove è regolarmente ospite dell’Orchestra da Camera di Mantova, del Festivaletteratura e del Mantova Chamber Music Festival. Ospite frequente nelle trasmissioni televisive di Corrado Augias ha pubblicato come musicologo saggi e revisioni di spartiti per Longanesi, Ricordi, Skira e per l’Accademia Nazionale di Santa Cecilia. E’ autore di “Ascoltare la Musica Classica: la Sinfonia in Haydn, Mozart, Beethoven” (Edizioni Estemporanee, 2012), “Ascoltare Beethoven” (Laterza, 2013), “Mozart all’opera” (Laterza, 2015) dedicato alle tre opere mozartiane su libretto di Da Ponte: Le nozze di Figaro , Don Giovanni , Così fan tutte e del recente “Lo spartito del mondo” Breve storia del dialogo tra culture in musica (Laterza 2018).

Giovanni Bietti è inoltre un critico professionista in campo enogastronomico: è stato per anni degustatore della Guida “Vini d’Italia” dell’Espresso, e i suoi quattro volumi di “Vini Naturali d’Italia – Manuale del bere sano” (Ed. Estemporanee) sono stati premiati nel 2010 “Best in the World” nella categoria “Wine Guides” dal prestigioso Gourmand World Cookbook Awards .

CARMELO CHIARAMONTE nasce in Sicilia nel 1969. Per 25 anni si occupa di ristorazione professionale mediterranea con esperienze vissute tra la Sicilia e le cucine venete, liguri e laziali. Ha sempre amato la cultura del territorio e la letteratura popolare appassionandosi alla ricerca gastronomica e da circa 12 anni usa modi molteplici per comunicare questa sua passione: autore televisivo e conduttore su Rai Sat per Gambero Rosso Channel (circa cinquanta puntate), Geo&Geo, realizza dal 2012 al 2015 sedici soggetti didattici di gastronomia per l’Auditorium Parco della Musica di Roma dai temi più svariati: La cucina dell’amore , Il Vangelo secondo fornello , La cucina imperfetta della mamma , etc. Ha scritto testi monografici che gli sono valsi riconoscimenti in campo internazionale: A tutto tonno (Lodi 2006), L’estetica del fungo (Roma 2010) tradotto e pubblicato in Francia da Les Editions Balland con il titolo “Petite philosophie du champignon” e Arancia (Roma 2012) premiato come secondo miglior libro sul cibo nel 2013 al Paris Cook Book Fair, l’oscar dei libri di cucina. Carmelo ha cucinato in luoghi estranei alla cucina, dal viadotto 21 di Oporto, alla biblioteca di Berna, al Metropolitan Museum di NY come Executice Chef per l’inaugurazione della mostra su Antonello da Messina, in Giappone come testimonial dell’arancia rossa di Sicilia, oltre alle lezioni tenute negli States per aziende, privati, amici, che lo chiamano a cucinare nei loro eventi speciali, oppure tra le scogliere di Sampieri e in tutti quei luoghi in cui sia possibile piantare radici provvisorie e due fornelli per sollevare il mondo dagli affanni quotidiani perché: “un buon piatto, inserito in corpo, riesce a provocare una spinta di felicità, dal basso verso l’alto delle membra, pari all’intensità e al profumo che una buona forchettata esprime”.

Chiaramonte ha scelto da più di dieci anni di non esercitare in nessun ristorante o albergo cercando di essere uno chef libero di poter esprimere la passione terragna del suo mestiere di cuoco viaggiatore tanto da essere conosciuto come “Il Cuciniere Errante”.

venerdì 30 novembre 2018 | ore 21
Teatro Polifunzionale Anche Cinema
Corso Italia, 112 – BARI
Parcheggio Corso Italia 45 + Gestipark Battisti Piazza Cesare Battisti
www.anchecinema.com
INFO TEL/SMS/WhatsApp 333 90 72 419

Biglietti disponibili al botteghino dle Teatro Anche Cinema
Biglietti RIDOTTI con AncheCinema Card


SHINE in concerto all’AncheCinema

In il

shine concerto anche cinema

MATTER OF TIME // Release Promo Tour

Un album molto atteso, scritto ed interpretato da due artisti dagli stili unici, già noti in ben quattro continenti: il pianista, compositore e produttore Kekko Fornarelli e il vocalist Roberto Cherillo.

Shine
Un connubio eccezionale di due rare personalità, per un mix di suggestioni sonore che spaziano dal puro piano jazz all’elettronica, passando per le contaminazioni nordeuropee, il trip-hop anglosassone, i richiami all’Oriente.
La voce di Roberto Cherillo ed il piano di Kekko Fornarelli, uniti all’elettronica, si armonizzano e si supportano a vicenda, amalgamandosi alle distorsioni create dai synth, dando vita ad atmosfere nuove dalla forza evocativa esclusiva.

Evento prodotto da Eskape Music con il supporto di “Puglia Sounds Records 2018”


URLO D’AMERICA con Robert Mc Neer al Teatro AncheCinema

In il

urlo d america teatro anchecinema

Il Centro Interuniversitario di Ricerca per il Teatro, le Arti Visive, la Musica e il Cinema in collaborazione con Anche Cinema presenta
lo spettacolo teatrale
URLO D’AMERICA
con ROBERT MC NEER
Regia di LELLO TEDESCHI
da un’idea di RAFFAELE GIRARDI
Musiche di PIERPAOLO MARTINO e PIETRO ROMANO MATARRESE

Ensemble
P. MARTINO (contabasso)
V. GALLO (sassofoni)
P. MATARRESE (chitarra elettrica)

martedì 27 novembre 2018 | ore 20.30
Teatro polifunzionale Anche Cinema
Corso Italia 112 BARI
Parcheggio Corso Italia 45 oppure Gestipark Battisti
INFO tel./SMS/WhatsApp 333 90 72 419

Biglietti disponibili al botteghino del Teatro Anche Cinema

L’evento è parte integrante delle Giornate di studio Narciso del 19,26,27,28 Novembre.
La partecipazione è gratuita per gli studenti Uniba che mostrino (anche su cellulare) l’e-mail d’invito alle Giornate.

L’urlo che risuona in questo spettacolo è la voce renitente di un’America altra, che fa riverberare nei suoni del jazz e della strada l’attesa di un diverso destino, l’espansione eccitata e irridente di coscienze renitenti, amiche di deliri e allucinazioni, di sogni e di malinconie. Vite che sanno d’asfalto e d’anfetamine, patemi dell’io e del noi: utopie dell’anti-consumo e di una giovinezza sognante altre strade, altri destini collettivi.


BLUES TO BLUES – Omaggio ad Aretha Franklin al Teatro Showville

In il

chorus jazz studio orchestra 2018

Al via la stagione concertistica 2018/19 della Chorus – Jazz Studio Orchestra
Un ricco cartellone di spettacoli musicali omaggerà le indimenticabili musiche di Aretha Franklin, Duke Ellington, Ennio Morricone, Frank Zappa e molto altro ancora, vantando la partecipazione di artisti nazionali e internazionali.
Sarà un modo per continuare a diffondere, come facciamo da 41 anni, buona musica e cultura.

GIOVEDì 22 NOVEMBRE
BLUES TO BLUES – Omaggio ad Aretha Franklin
Teatro Showville ore 21,00 – Infotel. 080 2460493

GIOVEDì 6 DICEMBRE
LADIES IN JAZZ – Duke Ellington Story
Anchecinema Royal ore 21,00 – Infotel. 328 2549669

MERCOLEDì 26 DICEMBRE
90° Anniversario Ennio Morricone
Nicolaus Hotel ore 21,00 – Infotel. 080 5682111

Infotel Chorus: 0802460493
Mail: baricentromusica@gmail.com
Biglietti disponibili dal 22 Ottobre 2018 su TicketOne e presso i botteghini.


LA BAMBINA LIBRATA in scena al Teatro AncheCinema

In il

LA BAMBINA LIBRATA in scena al Teatro AncheCinema

LA BAMBINA LIBRATA
spettacolo teatrale per bambini dai 7 anni in su e per adulti
di Angela Iurilli con Marianna Ezia Di Muro e Angela Iurilli
liberamente ispirata a “Matilde” di Roald Dahl

Durata spettacolo 1 ora circa

Questo spettacolo è dedicato a tutti quei bambini che crescendo, non hanno avuto la fortuna di incontrare adulti capaci di vederli. Ai bimbi che dai grandi sono stati confusi e spinti (quasi sempre con amore e con tutte le buone intenzioni, certo!) il più lontano possibile dal sé più profondo.

LA STORIA

Protagonista della storia è Adele Gambero Rotto, una bimbetta di 5 anni che, nello svolgimento dello spettacolo, vedremo diventare adulta. Adele è una bimba speciale, divoratrice di libri, curiosa certo come tutti i bambini ma con un’intelligenza fuori dal comune. Per uno scherzo della sorte, nasce in una famiglia assolutamente disinteressata alla sua formazione. La sua intelligenza e curiosità vengono viste con sospetto ed una buona dose di fastidio soprattutto da parte del padre. In casa non ci sono libri, se non uno: un ricettario, che nella storia giocherà un ruolo importante.

La mamma di Adele, trascorre le sue giornate davanti alla tivvù, la sua unica preoccupazione è quella di mantenersi giovane, nutre una sola passione: giocare a Burraco con le amiche.
Il papà di Adele, è un grande chef, ha costruito la sua ricchezza sulla gastronomia, in realtà è un abile truffatore e nei suoi piatti sarà difficile trovare un solo cibo non contraffatto. Tratta Adele con aria di sufficienza, si occupa solo del fratello maschio: Francesco- In questo scenario, sembra che la bimba non abbia scampo, ma fortunatamente l’incontro con la bibliotecaria del paese, la signora Lana, e la conoscenza della sua maestra, Letizia De Grazia, l’aiuteranno a capire chi è e cosa desidera.

TEMI

“La bambina librata” affronta temi che sono cari al mondo degli adulti quanto a quello dei bambini.
1. L’ EDUCAZIONE vista come esperienza di crescita intellettuale ed emotiva per adulti e piccini, un luogo in cui il confine tra educatori ed educati è molto labile, perché la strada della crescita prevede, non di rado, un’inversione di ruoli e di posizioni. Adele conoscerà altri adulti oltre i suoi genitori e se per lei alcuni diventeranno dei veri e propri mentori, con altri sarà lei stessa a stimolare in loro delle “scosse”.

2. Il NUTRIMENTO del corpo e dell’anima.
Il cibo e i libri.

Non è un caso certo che il papà di Adele sia uno chef, in un epoca in cui questa figura ha raggiunto livelli di fama e popolarità, in cui la maggior parte delle persone si preoccupa di come appaiono i piatti e del sapore che hanno, Adele è l’unica in famiglia che capisce il valore delle materie prime da cui i cibi provengono e che smaschera il padre. Francesco, il fratello di Adele, ha sempre fame, mangia solo dolciumi e, rappresenta il prototipo di bambino super nutrito, non importa di cosa, “purché mangi…”
Ognuno di questi personaggi crescerà e muterà durante lo spettacolo, il futuro di Francesco per esempio, prenderà una svolta inaspettata, nonostante i tentativi del padre di educarlo a fare soldi sulla salute degli altri.
Anche Adele ha sempre fame, la sua però, è una fame di vita. Divora i libri, ed i suoi occhi sono curiosi e attenti sempre.

“Come attrice, madre, educatrice il mio allenamento quotidiano è quello di affinare la comprensione dei piccoli che incontro. Ma non è affatto facile mantenersi così in ascolto da percepire il cuore e accogliere l’essenza di qualcuno per guidarla ad esprimersi, sempre, davvero sempre, anche quando quell’essenza, quel nocciolo è molto diverso dal nostro e talvolta potrebbe non piacerci. È dura essere adulti!
Eppure … vietato impigrirsi: il nostro operato può costituire o una frattura o una conciliazione per chi ci sta davanti. Attraverso il nostro sguardo di adulti possiamo far sbocciare o distruggere. Un potere enorme nelle nostre mani e pochi aiuti dall’esterno; neanche la scienza è riuscita ad individuare i principi che legano l’azione di madri, padri e fratelli alle caratteristiche psicologiche di un bambino. Allora?
Allora partiamo da una storia. Partiamo da una bambina, Adele. Evidentemente speciale, impossibile non vederla. Eppure…
Adele, dunque: a dieci mesi cammina, a dodici parla correttamente, a tre anni impara a leggere da sola, a cinque ha già letto tutta la letteratura per l’infanzia della biblioteca del suo paese, a sei entra in una scuola elementare e….
Uno spettacolo divertente e toccante… A tutti i bambini e ai piccoli adulti che crescono in loro. A tutti”

INFO e PRENOTAZIONI tel./SMS/WhatsApp 333 90 72 419


“Io, la seconda figlia” con Tiziana Schiavarelli al Teatro AncheCinema

In il

ANONIMA G.R.
Presenta
“IO, LA SECONDA FIGLIA”
Scritto e interpretato da
Tiziana Schiavarelli
Musiche originali: Dante Marmone
Video animazioni e selezione musicale: Nole Biz
Video editing – luci/fonica: Daniele Domanico
Audio editing: Nico De Cesare
Scene e costumi: Luigi Spezzacatene
Sartoria: Atelier-Casa d’arte Bari
Regia: Nole Biz

“Io, la seconda figlia” è la riflessione sul percorso di vita di una donna un po’ particolare, letta in modo ironico e giocoso, dalla sua infanzia con l’impostazione educativa ricevuta in famiglia, alla sua adolescenza con le sue prime ribellioni, con i suoi primi amori, con le sue prime esperienze “trasgressive”, per poi arrivare ad essere moglie, madre e donna comunque diversa dai canoni.
Una donna che ha seguito il suo istinto, che legge in se stessa e che vuol far valere le proprie aspettative, una donna, consapevole architetto degli spazi della sua anima e del suo intimo, che per questo è disposta a pagare il prezzo di una vita non omologata, mettendosi anche di spigolo contro un mondo che la destina ad un ruolo da millenni costituito. Non è una competizione con il maschio dominante, che anzi sente teneramente amico, ma la voglia di far valere la propria personalità come ricchezza interiore che non si lascia chiudere nello stretto recinto storicamente destinato a lei.
Oltre alla comicità nel raccontare i vari episodi della vita e nell’interpretazione dei vari personaggi che ne fanno parte, diversi video e musiche, tracciano perfettamente i vari periodi della storia.
“Io, la seconda figlia” è tratto dall’omonimo racconto di Tiziana Schiavarelli, edito da Gelsorosso.

Parcheggio convenzionato in Corso Italia n.45
Info biglietti 328 254 9669 / 3496113475
Prevendita al botteghino del teatro e sul circuito Cinemaz.com


Maurizio Colasanti dirige l’Orchestra Sinfonica Metropolitana di Bari al Teatro AncheCinema

In il

maurizio colasanti dirige orchestra sinfonica metropolitana di bari anchecinema

LUNEDÌ 12 NOVEMBRE 2018 – BARI
TEATRO ANCHECINEMA – ORE 21.00 *

MARTEDÌ 13 NOVEMBRE 2018
BARLETTA
 TEATRO CURCI – ORE 21.00
 **

PROGRAMMA:

Carl Maria von WEBER:
Der Freischuetz – Ouverture

Edward GRIEG:
Concerto per pianoforte in La minore op. 16

Robert SCHUMANN:
Sinfonia n. 3 in Mib maggiore op. 97 “Renana”

Pianoforte: Gregorio Goffredo

Direttore: Maurizio Colasanti

* Teatro Polifunzionale AncheCinema
Biglietti:
Singolo
 Intero € 10,00 

Ridotto € 5,00 (Studenti under 18, universitari, di Conservatorio, over 65, dipendenti dell’ Ente, dipendenti pubblici iscritti a circoli ricreativi)

** Per info: biglietteria
Teatro Curci tel. 0883332522
Biglietteria: tel. e fax 0883332456


Stefania Dipierro e the Paz Community: Base Terra

In il

base terra dipierro the paz

Presentazione del disco
“Stefania Dipierro & the Paz Community: Base Terra”
giovedì 8 novembre 2018 | ore 21
Teatro polifunzionale Anche Cinema
Corso Italia 112 BARI
Parcheggio Corso Italia 45 // Gestipark Piazza Cesare Battisti

Biglietti ONLINE disponibili a breve su www.anchecinema.com
Biglietti disponibili al botteghino del Teatro
Biglietti RIDOTTI con AncheCinema card
INFO tel/SMS/WhatsApp 333 90 72 419

LINE-UP

Stefania Dipierro | vocal
Mirko Signorile | pianoforte, synth
Vince Abbracciante | fisarmonica
Giuseppe Bassi | contrabbasso, basso elettrico
Fabio Accardi | batteria
Antonio Oliveti | percussioni, live elettronica
Gaetano Partipilo | sassofoni, elettronica live

La cantante, autrice e compositrice Stefania Dipierro è un interprete visionaria e avanguardista che spazia con innata semplicità dalla musica popolare brasiliana all’ elettronica passando per il jazz tradizionale, il soul ed il funk.

“Stefania Dipierro & the Paz Community : Base Terra “ ha preso forma intorno alla parola PAZ -dal portoghese Pace- e vive il contrasto poetico della natura, tra vibrazioni forti e delicate.

Pubblicato 12 ottobre 2018 per l’etichetta italiana Egea-Incipit e col sostegno di Intersuoni e di Puglia Sounds.

Il movimento musicale di Base Terra è fortemente di dialogo tra stili e strumenti ed include suoni mediterranei e pugliesi ( fisarmonica e tamburi ) rendendo la sonorità solare, a tratti notturna, e decisa.
Il suono è nato in studio con l’apporto di tutti i musicisti, in piena sinergia ed interplay sull’idea musicale della cantante che ha coinvolto ognuno di loro per le loro peculiarità naturali.
La tracklist di Base Terra è divisa in due sezioni : ‘Contemporanea’ e ‘Tradizione’ .
Stefania Dipierro ha scritto per la parte ‘contemporanea’ parole e musica di 7 tracce originali in 3 lingue : Italiano, portoghese, inglese. Mirko Signorile ha inserito degli special.

Il congegno narrativo corrisponde al suono e gira su una dimensione musicale-filosofica di apertura e inclusione, libero da confini di genere e di territorio attraverso i temi comprensione-veritá – libertá –pace . Così la traccia “Vortici di Idee” sintetizza lo spirito di consapevolezza ed ha ispirato il videoclip ufficiale di lancio del disco -girato dalla MagroneProduzioni – Apre con il suono di un carillon evocando il dolce cullare, di soppiatto nasce il bisogno di svegliarsi e di affermare che ‘l’amore viene naturale, l’odio purtroppo insegnato e fa male fa male.. ‘
Sulle onde di un beat anni ’80 una scossa alla propria ‘sequenza della normalità’ tra ‘scorci panoramici sfuggiti all’oscurità’.


MARAVIGLIA – Burlesque Review al Teatro AncheCinema

In il

MARAVIGLIA Burlesque Review al Teatro AncheCinema

Dario Maretti, Soul Club e Anche Cinema
presentano:
MARAVIGLIA – Burlesque Review
Spalancate gli occhi! Siete ancora in grado di stupirvi?
Il Burlesque come avamposto Punk!
Edith Piaf e Judy Garland in formaldeide!
Ballerine dalle cosce chilometriche si confessano a Don Lurio! Piedi feticcio raccontano storie ULTRAMODERNE! …e i baffi abbondano sulla bocca degli stoici!!!
Da Roma gli artisti de La Conventicola degli Ultramoderni vi invitano a visitare il loro itinerante Padiglione delle Meraviglie!
Il Varietà è ULTRAMODERNO, oltre il tempo e lo spazio, verso la fine dei sogni!

+ FOYER MUSIQUE DJ Misspia

sabato 3 novembre
doppio spettacolo: ore 21 e a mezzanotte
Teatro Polifunzionale Anche Cinema
Corso Italia 112 BARI
Parcheggio convenzionato in Corso Italia 45
www.anchecinema.com
BOTTEGHINO tel./SMS/WhatsApp 333 90 72 419
INFO tel. 342 143 1005

La Conventicola degli Ultramoderni è il più importante club italiano del nuovo varietà #PostBurlesque. Oltre al passaggio dimensionale di Via di Porta Labicana 32 in Roma, una moltitudine di individualità si produce ogni sera in spettacoli di Arte Varia intrattenendo gli astanti tra canzoni e note di pianoforte, magia e circo, burlesque e avanguardia. Aperto su iniziativa dei fantasisti Sior Mirkaccio Dettori e M.me Maria Fernanda De Freitas ha ospitato oltre 600 artisti da tutto il mondo in soli due anni di attività; collaborazioni con cinema e televisione, una ULTRAscuola con Corsi di Varietà, un Atelier di Costumeria con le creazioni di De Freitas, tutte le sere fino alle cinque o alle sei del mattino spettacoli e musica dal vivo con Mirkaccio e i suoi ospiti…

La Conventicola Degli ULTRAMODERNI è un ULTRArifugio per chi desideri astrarsi dalle miserie della contemporaneità. Dopo l’esperienza salentina di Gipsyland 2018, gli ULTRAMODERNI approdano a Bari con il nuovo format “MARAVIGLIA – Burlesque Revue”, portando in teatro le ULTRAnotti della ritrovata Dolce Vita romana.

– Sior Mirkaccio Dettori: il mattatore del Varietà Canzonette! Macchiette! Musette! Sette per sette trentasette! In tutto il mondo conosciuto e non, non c’è piazza che non gli abbia tributato successi ed encomi unanimi. Patron dell’ULTRAMODERNITÀ, poliedrico e istrionico, è in scena da sempre. È stato insignito del Premio Petrolini 2018 per la sua opera di divulgazione. Il suo primo disco “I Tempi Belli Non Tornano Più” (2016) raccoglie le sue canzoni composte per spettacoli di Varietà Burlesque.
Giuditta Sin: burlesquer Suggestioni Belle Epoque e victorian, musa e tableau vivant. Di ritorno da un tour negli Stati Uniti è tra le più apprezzate burlesquer nel mondo. In Italia è conosciuta in particolare per le sue apparizioni a Chiambretti Night. Sophie D’Ishtar: burlesquer Amazzone, Walchiria, super donna. I suoi spettacoli sono riti ancestrali e atti di dominazione. Stella di punta delle notti burlesque del Salone Margherita di Roma, rappresenta un’idea di burlesque innovativa e provocatoria, unica nel panorama italiano.

– Monsieur David: fantasista Mani e piedi prendono sembianze umane e raccontano storielle divertenti e romantiche! Un uomo e la sua valigia, vive l’Arte con rigore e la vita come un sogno. Ospite fisso di Colorado Caffè fino al 2016, ha poi deciso di dedicarsi solo a spettacoli dal vivo.

– Adel Tirant: chanteuse Cantante, attrice e cantautrice, celebre per le sue interpretazioni di Edith Piaf. Ha una vasta attività teatrale con grandi registi quali Melchionna, Sepe e Von Hoecke. È in uscita il suo primo disco “Settembre”.

– Mike Lu Pone: Last Divo L’ultimo Divo, il più potente cantore dell’epica di Broadway, Judy Garland gli passò il testimone. Giovane promessa del Nuovo Varietà Italiano, figlio di un Pulcinella napoletano, ha elaborato una maschera inedita e seducente. Si pasce di applausi e standing ovation ogni sera sull’ULTRApalco della Conventicola.

– Le ULTRAstelle Ritmo e immagine, il corpo di ballo ironico-onirico di Gonzalo Mirabella propone balletti d’avanguardia, attingendo dagli stili del ‘900 italiano. Mirabella è un performer boylesque tra i più apprezzati nel mondo, ballerino di carriera, vincitore di numerose gare di ballo internazionali e ha lavorato come vocalist con i più importanti dj italiani tra cui Joe T Vannelli e Claudio Coccoluto.

– Al suo fianco delle etoile d’eccezione: Ginevra Joyce, Miss Burlesque Italia 2018, e Lycia Cricchi, già ballerina Rai e impegnata in musical di grande successo.


Filippo Bubbico al Teatro Polifunzionale AncheCinema – “Sun Village” tour

In il

filippo bubbico sun village tour 2018 bari

FILIPPO BUBBICO keyboards, vocals
CAROLINA BUBBICO vocals
EMANUELE COLUCCIA sax
FEDERICO PECORARO bass
DARIO CONGEDO drums

Presentazione del disco d’esordio di Filippo Bubbico “Sun Village” uscito il 21 settembre per l’etichetta discografica Workin’ Label con il sostegno di Puglia Sounds Records e la distribuzione di I.R.D.

Polistrumentista, compositore, producer, Filippo propone musiche originali che esplorano nuovi sound da potenti groove funk a beat onirici alla ricerca del massimo potenziale espressivo. L’armonia, il ritmo e la melodia sono il fulcro pulsante del disco, insieme alla combinazione tra il background armonico proprio della musica “colta” e Jazz con la potenza del coinvolgimento sonoro della musica elettronica.

Filippo Bubbico mette in campo una contaminazione artistica e di stile, resa possibile anche grazie all’apporto di musicisti di provenienza internazionale e dalla sinergia creatasi con la sorella Carolina Bubbico che ha collaborato nella scrittura di alcune delle melodie e dei testi del disco.

Il titolo del disco “Sun Village” fa riferimento al nome del quartiere “Villaggio del sole” in cui è situato Workin’ Studio, centro di produzione e attività dell’etichetta Workin’ Label, dove tutti i processi di creazione e produzione sono avvenuti. Nella tracklist sono presenti 11 brani originali, con testi in lingua italiana e inglese, che compongono un lavoro omogeneo e dalla forte identità.

Workin’ Label management
BIG TIME – Ufficio Stampa per la musica
Programmazione Puglia Sounds Records 2018