KATIA RICCIARELLI in concerto gratuito a Bitonto per ricordare le vittime della Shoah

In il

katia ricciarelli teatro traetta bitonto

Aspettando il Traetta Opera Festival 2020

Martedì 28 gennaio ore 21:00
Teatro Tommaso Traetta – Bitonto (Bari)

Il Comune di Bari e l’Orchestra della Città Metropolitana di bari incontrano il Traetta Opera Festival di Bitonto
In collaborazione con Memento e Basilicata opere in atto
RECORDARE
in memoria delle vittime della SHOAH
con la partecipazione straordinaria di
KATIA RICCIARELLI
solista voce recitante

Kurt Weill
Sinfonia n.2

Vincenzo Anselmi
Il suono del silenzio
testo di Antonietta Cozzoli
liberamente tratto dal Diario di Anne Frank

direttore Vito Clemente

INGRESSO GRATUITO
Diritti di prenotazione del posto 5 euro
Infotel: 0803742636


KATIA RICCIARELLI in concerto gratuito al teatro Piccinni per ricordare le vittime della Shoah

In il

katia ricciarelli teatro piccinni

Sabato 25 gennaio ore 21:00
Teatro Piccinni
BARI

Il Comune di Bari e l’Orchestra della Città Metropolitana di bari incontrano il Traetta Opera Festival di Bitonto
In collaborazione con Memento e Basilicata opere in atto
RECORDARE
in memoria delle vittime della SHOAH
con la partecipazione straordinaria di
KATIA RICCIARELLI
solista e voce recitante

in programma musiche di
K. Weill
V. Anselmi

direttore Vito Clemente
introduzione a cura del prof. vito Antonio Leuzzi direttore ipsaic

INGRESSO GRATUITO*

*Sarà possibile ritirare il proprio titolo d’ingresso, fino ad esaurimento dei posti, presso la biglietteria del teatro in corso Vittorio Emanuele 84 a partire da mercoledì 22 gennaio. Ciascun cittadino potrà ritirare massimo 2 biglietti.
Orario botteghino: mercoledì-venerdì-sabato dalle ore 11:00 alle 13:00 – giovedì dalle ore 16:30 alle 19:00.


“Mese della Memoria”, in Puglia un mese di eventi interamente dedicati al tema della Shoah

In il

mese della memoria

Dal 25 gennaio al 28 febbraio in varie location di tutta la Puglia si terrà il “Mese della Memoria”, una manifestazione interamente dedicata al tema della Shoah.

In tutta la regione si terranno infatti seminari, laboratori, concerti, incontri con gli autori e con i sopravissuti dell’Olocausto, mostre, reading e spettacoli teatrali per mantenere desta l’attenzione su una tragedia che è parte della nostra storia, ma per la quale è ancora forte il rischio della dimenticanza.

L’evento è organizzato dall’associazione I Presidi del libro.

Clicca qui per visionare il programma completo


Giornata della Memoria: le iniziative in programma in città per commemorare le vittime dell’olocausto

In il

giornata memoria shoah bari

Giornata della Memoria: le iniziative in programma in città per commemorare le vittime dell’olocausto

In occasione del 27 gennaio, Giornata della Memoria istituita nel 2005 dall’Assemblea generale delle Nazioni Unite per commemorare le vittime dell’Olocausto, sono diverse le iniziative in programma nella città di Bari che godono del patrocinio del Comune – assessorato alle Culture.
In occasione del 27 gennaio, Giornata della Memoria istituita nel 2005 dall’Assemblea generale delle Nazioni Unite per commemorare le vittime dell’Olocausto, sono diverse le iniziative in programma nella città di Bari che godono del patrocinio del Comune – assessorato alle Culture.

“La memoria è un obbligo di chi rimane – commenta l’assessore alle Culture Silvio Maselli -. Ma con il tempo tutto sfuma, anche la tempra morale di una generazione che, uscita dalla seconda guerra mondiale, aveva dedicato la propria esistenza a impedire che accadessero altri olocausti. Oggi, però, l’olocausto è proprio della memoria collettiva. A questo servono dunque le numerose iniziative che patrociniamo e incoraggiamo a svilupparsi in città: perché l’orrore e la devastazione non accadano mai più”.

Dal 21 gennaio all’8 febbraio negli spazi della Mediateca Regionale Pugliese, in via Zanardelli 30, sarà allestita la mostra “Il campo di concentramento nazista-tedesco Konzentrationslager Auschwitz”, l’esposizione curata dal Museo Statale di Auschwitz-Birkeanau realizzata in collaborazione con l’associazione pugliese Italo Polacca, l’Istituto della Memoria Nazionale, l’ufficio consolare dell’Ambasciata della Repubblica di Polonia in Roma, il segretariato regionale del Ministero dei Beni Culturali per la Puglia, il dipartimento Turismo, Economia della Cultura e Valorizzazione del Territorio della Regione Puglia, la Mediateca Regionale Pugliese, l’Apulia Film Commission, l’assessorato alle Culture, Turismo, Partecipazione e Attuazione del Programma del Comune di Bari.

Un percorso fotografico e documentario estremamente accurato che ricostruisce la tappe della nascita e progressiva espansione del campo nel contesto della storia politica e militare europea, a partire dall’aggressione tedesca fino alla liberazione del campo, avvenuta il 27 gennaio del 1945 ad opera delle truppe dell’Armata Rossa.

Nel corso della cerimonia di inaugurazione, alle ore 17 del 21 gennaio, saranno proiettati i documentari “Ambulans” e “Archeologia” a cura del Museo Statale di Auschwitz-Birkenau, che saranno accompagnati dagli interventi musicali di Maria Serena Salvemini al violino e del maestro Pietro Laera al pianoforte (associazione culturale musicale “Nel Gioco del Jazz”) e di Giovanna Carone e Mirko Signorile con il loro progetto Far Libe.

Per tutta la durata della mostra, dal lunedì al venerdì dalle ore 9 alle ore 13.30, gli istituti scolastici potranno prenotare la visita alla mostra ed eventualmente assistere alla proiezione di un film a scelta tra “Train de vie” di Radu Mihaileanu (1999) e “Concorrenza sleale” di Ettore Scola (2001).

Dal 21 gennaio al 9 febbraio, il Museo Archeologico di Santa Scolastica ospita “Binario 21”, un progetto culturale ideato da Marluna Teatro di Trani, con il supporto organizzativo dell’agenzia Guastella Communication di Bari, in partnership con le guide turistiche di Confguide Bari, e il patrocinio di Regione Puglia, Consiglio Regionale Pugliese, Assessorato alla Pubblica Istruzione Regione Puglia, Città Metropolitana e del Comune di Bari.

Dal binario 21 della stazione centrale di Milano, trasformato oggi in memoriale della Shoah, partivano i convogli carichi di deportati ebrei diretti ai campi di sterminio nazisti. Dal binario 21, il 30 gennaio 1944 circa 650 ebrei, tenuti in prigionia nel carcere di San Vittore, vennero condotti ai campi di Auschwitz-Birkenau, e solo 22 riuscirono a tornare vivi.

“Binario 21” è un viaggio nella memoria per non dimenticare il passato, per essere consapevoli della terribile capacità dell’uomo di commettere orrori, un viaggio che ha l’ambizione di smuovere coscienze, che si articola in tre momenti: una performance teatrale, di 15/20minuti, presentata all’interno di un carrozza di un treno merci, liberamente ispirata alle testimonianze di chi ha viaggiato su uno dei treni partiti dal binario 21; una mostra fotografica illustrata da una guida, con testimonianze di lettere e ritrovamenti all’interno dei campi di concentramento di Auschwitz–Birkenau e una installazione video in cui musicisti e cantanti si esibiscono all’interno del campo di concentramento ormai abbandonato in memoria delle vittime dell’Olocausto.

La mostra sarà inaugurata domani, sabato 19 gennaio, alle ore 17, con le autorità e la stampa, e aperta alle scuole e al pubblico a partire da lunedì 21 gennaio.

Il 26 e il 27 gennaio, il Museo osserverà un’apertura straordinaria, con orario continuato dalle 10 alle 21. Ai visitatori verrà offerto un percorso per visitare sia il Museo di Santa Scolastica, sia per il percorso performativo allestito nel Museo Archeologico di Santa Scolastica – Ingresso Bastione – lungomare Imperatore Augusto.

Anche quest’anno, in occasione della Giornata della Memoria, Coop Alleanza 3.0 organizza, a livello nazionale, una attività di raccolta e donazione di volumi sul tema della Shoah realizzata sui territori locali.

A Bari, nell’ipermercato di Japigia, per tutta la giornata di sabato 26 gennaio sarà possibile acquistare e donare libri (per ragazzi/e e adulti) che saranno raccolti e poi destinati da Coop Alleanza 3.0 agli Spazi Sociali per Leggere realizzati dalla rete di Bari Social Book per continuare il lavoro prezioso di implementazione di piccole Biblioteche della Memoria e un utilizzo attivo e proattivo dei libri raccolti.


“BINARIO 21 – Le Giornate della Memoria” a Bari, la mostra della Shoah nel museo di Santa Scolastica

In il

binario 21 le giornate della memoria bari

Dal binario 21 della stazione centrale di Milano, trasformato oggi in memoriale della Shoah, partivano i convogli carichi di deportati ebrei diretti ai campi di sterminio nazisti. Dal binario 21, il 30 gennaio 1944 circa 650 ebrei, tenuti in prigionia nel carcere di San Vittore vennero condotti ai campi di Auschwitz-Birkenau,e solo ventidue di loro riuscirono a tornare vivi dal lager.

“Binario 21” è il nome del progetto culturale, un “viaggio nella memoria” per non dimenticare il passato, per essere consapevoli della terribile capacità dell’uomo di commettere orrori, un viaggio che ha l’ambizione di smuovere coscienze: queste sono le premesse dell’esperienza culturale, di forte impatto emotivo, legata alle celebrazioni della Shoah, propostadall’Associazione Marluna Teatro di Trani, con il supporto organizzativo dell’agenzia Guastella Communication di Bari,  in partnership con le guide turistiche di Confguide Bari, e  il patrocinio di Regione Puglia, Consiglio Regionale Pugliese, Assessorato alla Pubblica Istruzione Regione Puglia, Città Metropolitana e del Comune di Bari, che si svolgerà nel Museo Archeologico di Santa Scolastica dal 19 gennaio al 9 febbraio 2019.

Binario 21, è rivolto non solo agli studenti delle scuole medie e superiori, (durante l’orario scolastico, ossia 9.00-13.00), ma a tutto il pubblico della città e dintorni, (negli orari di apertura) e si articola in tre momenti: una performance teatrale, di 15/20minuti, presentata all’interno di un carrozza di un treno merci, liberamente ispirata alle testimonianze di chi ha viaggiato su uno dei treni partiti dal Binario 21; una mostra fotografica illustrata da una guida, con testimonianze di lettere e ritrovamenti all’interno dei campi di concentramento di Auschwitz–Birkenau e una installazione video in cui musicisti e cantanti si esibiscono all’interno del campo di concentramento ormai abbandonato in memoria delle vittime dell’olocausto.

Il 26 e il 27 gennaio, il Museo osserverà un’apertura straordinaria, con orario continuato dalle 10 alle 21. Ai visitatori verrà offerto un percorso per visitare sia il Museo di Santa Scolastica, sia per Il percorso performativo allestito nel Museo Archeologico di Santa Scolastica – Ingresso Bastione – lungomare Imperatore Augusto.

La mostra sarà inaugurata sabato 19 gennaio alle ore 17,00 con le autorità e la stampa, e aperta alle scuole e al pubblico a partire da lunedì 21 gennaio.

PROGRAMMA:
Giovedì 17 gennaio ore 10.30: Conferenza stampa di presentazione
Sabato 19 gennaio ore 17.00 Inaugurazione con le autorità

Giorni e orari performance teatrale e visita del museo:
Dal 21 gennaio all’8 febbraio tutte le mattine: ore 9.00, 10.30 e 11.45
Domenica 20 gennaio: ore 11.00 e 12.00
Sabato 26 gennaio: mattina ore 12.00, pomeriggio ore 17.00 e 18.00
Domenica 27 gennaio: mattina ore 11.00 e 12.00, pomeriggio ore 17.00, 18.00 e 19.00
Sabato 2 febbraio: mattina ore 12.00, pomeriggio ore 17.00 e 18.00
Domenica 3 febbraio: mattina ore 11.00 e 12.00, pomeriggio ore 17.00 e 18.00

Per assistere alla performance teatrale occorre prenotare. La performance avrà luogo al raggiungimento di un gruppo minimo di 10 persone.
Costo del biglietto: 10 €. Sconto gruppo composto da minimo 10 persone: € 8 a persona.

Come PRENOTARE: Inviando una mail a direzioneartistica@marlunateatro.com e/o chiamando o mandando un sms o whatsapp al 3402326032 o al 3396462381 indicando il numero di partecipanti, un cognome e un numero di telefono.


“I Luoghi della Memoria” mostra fotografica presso la Presidenza del Consiglio Regionale della Puglia

In il

regione puglia mostra fotografica shoah

Dal 1° al 28 febbraio, presso la Presidenza del Consiglio Regionale della Puglia, in via Capruzzi 204 a Bari, sarà allestita la mostra “I Luoghi della Memoria”, un’installazione fotografica su Auschwitz I, Auschwitz II Birkenau e i Luoghi di accoglienza in Puglia.

L’iniziativa è curata dalla Associazione Freelancer Photographers, ed è stata sostenuta dalla Sezione Biblioteca e Comunicazione Istituzionale del Consiglio Regionale della Puglia, in occasione della ricorrenza internazionale del Giorno della Memoria 2018, che ogni 27 gennaio ricorda la liberazione dei deportati presso il campo di concentramento di Auschwitz.

Il reportage di Vincenzo Catalano è suddiviso in cinque sezioni, l’allestimento ripercorre le atrocità che i deportati subirono nei campi di concentramento di Auschwitz I e Auschwitz II Birkenau, ma anche i luoghi di accoglienza in Puglia dove, alcuni di loro, trovarono rifugio, finalmente liberi.

La mostra, di cui in allegato è consultabile la scheda descrittiva, è visitabile, con accesso libero e gratuito, dalle 9.00 alle 13.00.
I gruppi di oltre 15 persone e le scolaresche devono prenotare chiamando il numero telefonico 0805402772, e possono richiedere la visita guidata gratuita.

Per informazioni:
Sezione Biblioteca e Comunicazione Istituzionale del Consiglio Regionale della Puglia
Tel.: 0805402772 e-mail: infopoint@consiglio.puglia.it
sito web: http://www.consiglio.puglia.it |http://biblioteca.consiglio.puglia.it
Facebook: Consiglio Regionale Puglia | Biblioteca Consiglio Reg Puglia “Teca del Mediterraneo”


Maus, un racconto della shoah per immagini

In il

castello svevo bari maus shoah

In occasione della Giornata della Memoria, Domenica 28 Gennaio al Castello Svevo di Bari Nova Apulia propone il laboratorio didattico Maus, un racconto della shoah per immagini, basato sul romanzo a fumetti di Art Spiegelman sul dramma vissuto da milioni di ebrei.

Durante il laboratorio, i piccoli partecipanti scopriranno il mondo grafico creato dall’autore in cui gli ebrei sono topi e i tedeschi gatti e impareranno a decodificare il significato dei tratti del disegno. L’analisi di alcune pagine significative consentirà di riflettere sui grandi interrogativi suscitati dalla shoah e sull’utilità/inutilità della memoria e del racconto.

Il laboratorio è rivolto a ragazzi dai 13 anni e dura 2 ore.

Per info e prenotazioni
Bookshop Nova Apulia
Castello Svevo di Bari
080 5213704 – castello.bari@novaapulia.it


“VOCI DALLA SHOAH” al Teatro Bravò

In il

Il testo accoglie le esperienze, narrate in prima persona, di Goti Bauer, Liliana Segre e Nedo Fiano, superstiti della indicibile tragedia di Auschwitz. E proprio questa indicibilità, paragonabile a quella della tragedia classica) indusse, alla fine del 1997, Leo Lestingi a trarne una versione drammaturgica che, rispettando le parole dei protagonisti (ma che, nella versione drammaturgica, diventano semplicemente “Uomo”, “Donna 1” e “Donna 2”), si propose di smontarle, accostarle e intrecciarle, cosicché ognuno vi raccontasse la propria storia all’interno della grande Storia di tutti.
Lo spettacolo Voci dalla Shoah, che fu presentato per la prima volta e con grande successo di pubblico e di critica il 17 gennaio 1998 nell’Auditorium “Vallisa” di Bari a cura della Fondazione “N. Piccinni” di Bari, ben tre anni prima dell’istituzione della “Gionata della Memoria”, è una sorta di oratorio laico nel quale i tre racconti, così uguali e così diversi, si rincorrono come in una fuga musicale, in una tessitura che, nel continuo rimando e confronto, restituisce risonanze laceranti alle emozioni che promanano dalla pagina scritta. Ed il contrasto – nella linearità della parola (vissuta, detta, scritta e interpretata) – nasce dal contrapporsi di affetti quotidiani, perduti e ritrovati, alla follia genocida che volle cancellarli e distruggerli. “Per fortuna – si dice nell’ultima battuta dell’oratorio – non è stato così”.
In Voci dalla Shoah furono impegnati, oltre allo stesso Lestingi, Ketty Volpe e Maria Teresa Pecoraro. Lo spettacolo intende costituire anche un omaggio alla memoria di Ketty Volpe, la grande attrice barese scomparsa prematuramente il 2 novembre 2017, che ne trasse un’interpretazione intensa e partecipata, e, appunto, memorabile.

Con Leo Lestingi, Cristina Angiuli, Barbara De Palma.

Ingresso euro 10
Ridotto under 24 e over 65 Euro 7
Info. 347 8158760 – 328 7470731