Apertura Sagra di Maggio di San Nicola

In il

Apertura Sagra di Maggio di San Nicola – domenica 23 aprile 2017 ore 18.00 Basilica San Nicola: Processione per le strade della Città Vecchia dei resti lignei della Cassetta della Traslazione. Secondo un’antica tradizione, che affonda le radici nelle cronache della Traslazione delle reliquie di San Nicola da Myra a Bari, Domenica 23 aprile si apre ufficialmente la Sagra di Maggio 2017 con la processione per le strade della Città Vecchia dei resti lignei della Cassetta della Traslazione. Niceforo, autore di una delle fonti narrative coeve della Traslazione, riassume così l’epilogo dell’impresa dei 62 marinai baresi: “Il santissimo corpo di San Nicola confessore di Gesù Cristo fu dunque portato via dalla città di Myra il 20 aprile; il 9 maggio, di domenica al tramonto, fu traslato a Bari. Correva l’anno dell’incarnazione del Signore 1087, durante la decima indizione”. Questo evento commemorativo della partenza da Myra nel suo 930° Anniversario è organizzato dal Comitato San Nicola insieme con i Padri Domenicani, custodi della Basilica Pontificia di San Nicola, in collaborazione con “Compagnia FormeDiTerre” (diretta da Antonio Minelli), e la partecipazione dei Gonfaloni dei Comuni di San Giuliano del Sannio (CB), Bonefro (CB) e San Polo Matese (CB); Militia Sancti Nicolai; Marinai della Traslazione; Fucilieri di San Giuliano del Sannio (CB); Giullari di Davide Rossi da Vacri (Chieti); Sbandieratori del Rione Castello di Carovigno; Figuranti di San Nicola; Teatro MuDi. ITINERARIO DELLA PROCESSIONE: Basilica San Nicola – Piazzetta 62 Marinai – Strada Martinez – Traversa Santa Maria – Piazza San Pietro – Strada Santa Teresa delle Donne – Via Pier l’Eremita – Strada Santa Chiara – Strada San Luca – Via delle Crociate – Via Carmine – Strada San Marco – Strada dei Gesuiti – Via Fragigena – Piazza Mercantile – Piazza del Ferrarese – Via Vallisa – Strada San Benedetto – Strada degli Orefici – Piazza Mercantile – Via Palazzo di Città – Largo Urbano II – Piazza San Nicola.


Casting per il Corteo Storico di San Nicola

In il

casting-corteo-storico-san-nicola.jpeg

Si terranno mercoledì 19 e giovedì 20 aprile i casting per i figuranti del Corteo Storico di San Nicola del prossimo 7 maggio, evento curato dalla cooperativa Doc Servizi sotto la direzione artistica della coreografa Elisa Barucchieri.
L’appuntamento è dalle ore 9 alle ore 18 nella galleria SpazioGiovani, in via Venezia 41, a Bari vecchia. Oltre a uomini e donne di diversa età, si cercano anche bambini accompagnati da madri, nonne o figure femminili adulte della famiglia, che insieme ricopriranno un ruolo nell’ambito del corteo.
Solo nella giornata di mercoledì 19 aprile, alle ore 16, si svolgeranno anche le audizioni per le Scuole di danza della città, che con i loro allievi parteciperanno, se selezionate, ai quadri coreografici ideati per il corteo. La location scelta in questo caso è l’AncheCinema Royal, in Corso Italia 112. Per la registrazione dati si consiglia di presentarsi alle ore 15.


FESTA DI SAN NICOLA 2016, il programma

In il

La festa di San Nicola del 6 dicembre (solennità liturgica) è un grande momento di fede per i baresi e molti sono anche i pellegrini provenienti da ogni parte della Puglia e da gran parte dell’Italia meridionale ma anche gli ortodossi i quali riconoscono in San Nicola il più potente intercessore presso Dio.
Di seguito il programma degli eventi in attesa della solennità liturgica del 6 Dicembre e quelli a seguire:

24 NOVEMBRE 2016
17.30 Basilica San Nicola. Presentazione del volume di p. Gerardo Cioffari OP, San Domenico. Il Fondatore dell’Ordine dei Frati Predicatori. Interventi: p. Carlo Longo OP (Istituto Storico Domenicano) e Angelo G. Dibisceglia (Facoltà Teologica Pugliese)
20.30 Basilica San Nicola. Harmonia Sacra. Concerto-Meditazione: Sebastiano Giotta (tenore); Vincenzo Cicchelli (pianoforte)
25 NOVEMBRE 2016
65° ANNIVERSARIO AFFIDAMENTO BASILICA SAN NICOLA ALL’ORDINE DOMENICANO
18.30 Basilica San Nicola. Solenne Concelebrazione Eucaristica presieduta da S. Ecc.za Rev. ma Mons. Francesco Cacucci, Arcivescovo di Bari-Bitonto e Delegato Pontificio per la Basilica
3 DICEMBRE 2016
18.00 Basilica San Nicola. Esposizione della Statua di San Nicola. Accensione delle luminarie artistiche natalizie realizzate dalla Ditta Paulicelli Light DesignSrl di Capurso (BA)
3-4-5 DICEMBRE 2016
TRIDUO IN ONORE DI SAN NICOLA
18.30 Basilica San Nicola. Concelebrazione Eucaristica presieduta da S. Ecc.za Rev.ma Mons. Claudio Maniago, Vescovo di Castellaneta (TA)
5 DICEMBRE 2016
10.30 Basilica San Nicola. Conferimento del Premio “San Nicola” a Sua Santità Bartolomeo I, Arcivescovo di Costantinopoli, Patriarca Ecumenico
17.00 Piazza San Nicola. Fondazione Myrabilia: “Aspettando San Nicola”. I bambini disegnano con candeline una immagine del Santo realizzata dall’illustratore olandese Harmen Van Straaten
20.00 Piazza San Nicola. Corteo dalla Basilica alla Cattedrale del Vescovo Nicola (interpretato da Francesco Innamorato), accompagnato dai suoni della banda “G. Marconi” dell’Istituto Scolastico “S. Giovanni Bosco”
21.00 Basilica San Nicola. Veglia di preghiera. La Basilica rimarrà aperta tutta la notte per accogliere pellegrini e devoti
6 DICEMBRE 2016
SOLENNITÀ LITURGICA DI SAN NICOLA
05.00 Basilica San Nicola. S. Messa presieduta da p. Ciro Capotosto OP, Rettore della Basilica
06.00-13.00 Basilica San Nicola. SS. Messe ogni ora
15.45 Basilica San Nicola. Consegna delle chiavi della Città a San Nicola dal Sindaco di Bari, Dott. Antonio Decaro
16.00 Basilica San Nicola. Processione con la Statua del Santo per le vie della Città Vecchia
Itinerario della Processione: Basilica S. Nicola – Strada delle Crociate – Strada Carmine – Strada S. Marco – Piazzetta S. Anselmo – Strada Palazzo di Città – Piazza Mercantile – Via degli Orefici – Strada S. Benedetto – Strada S. Bartolomeo – Largo Chiurlia – Strada Palazzo dell’Intendenza – Via S. Domenico – Piazza Federico II di Svevia – Piazza Odegitria – Arco della Neve – Via Tancredi – Strada Carmine – Strada delle Crociate – Basilica S. Nicola
18.00 Basilica San Nicola. Solenne Concelebrazione Eucaristica presieduta da S. Ecc.za Rev.ma Mons. Francesco Cacucci, Arcivescovo di Bari-Bitonto e Delegato Pontificio per la Basilica. Presenzia Sua Santità Bartolomeo I, Arcivescovo di Costantinopoli, Patriarca Ecumenico
20.30 Spettacolo pirotecnico della Ditta Firelight di Giuseppe Roberto di Valenzano (BA)
12 DICEMBRE 2016
20.30 Basilica San Nicola. Concerto del Coro Sinodale del Patriarcato di Mosca
14 DICEMBRE 2016
20.30 Basilica San Nicola. Concerto di Natale della Banda Interforze del Presidio Militare di Bari
19 DICEMBRE 2016
SOLENNITÀ LITURGICA DI SAN NICOLA SECONDO IL CALENDARIO GIULIANO
06.00 Apertura della Basilica. Accoglienza dei Pellegrini Ortodossi
09.00 Basilica San Nicola. Divina Liturgia
22 DICEMBRE 2016
VIII CENTENARIO FONDAZIONE ORDINE DEI PREDICATORI (1216-2016)
20.30 Basilica San Nicola. Concerto di Natale del Coro della Basilica Pontificia San Nicola


EnoFolk Festival a Modugno

In il

La A.C. PAIDEIA e la A.C. L’OFFICINA DELL’ETERE, con l’aiuto del KLIMT CAFÉ e del DEMODÉ CLUB, in occasione della Festa dei Santi Patroni San Rocco e San Nicola da Tolentino, vi invitano a partecipare all’ ENO-FOLK FESTIVAL 2016

Un percorso, che attraverso il cibo e il vino, vuole esaltare le tipicità enogastronomiche della nostra terra, invitando realtà attente al recupero e alla valorizzazione delle nostre prelibatezze. Gli stand saranno aperti sabato e domenica dalle 10 alle 14 e dalle 18 alle 24.

Valore aggiunto di questo evento è l’inserimento di un vero e proprio festival dedicato alla musica folk e non solo.

E quindi vi aspettiamo sabato e domenica dalle 18 alle 24 nel cuore della villa comunale, zona anfiteatro, per ballare e divertirci con:

– U’Papun
– Rekkiabilly
– Olga & The GangBand
– Rosalba Santoro
– Ovenpasta
– Blumìa
e tanto altro…

Il progetto ENO-FOLK FESTIVAL 2016 sarà finanziato anche grazie al vostro aiuto, attraverso il crowdfunding.
Si è deciso di ricorrere all’utilizzo del crowdfunding per realizzare, finalmente a Modugno, un grande evento musicale: una due giorni di eno-gastronomia, cultura e buona musica. Sul palco, infatti, ai gruppi di musicisti locali, si alterneranno artisti di vario genere come poeti e scrittori, che con le loro performance , riavvicineranno la cittadinanza ai quei luoghi, quegli spazi, che per tradizione e per importanza artistica, sociale e culturale sono parte integrante di una comunità solida.

Sostenerci è facilissimo: basta cliccare sul link sottostante, loggarsi e scegliere il tipo di pagamento. Si può donare qualsiasi cifra, anche €1 per noi è importante.

Vi aspettiamo numerosi…PASSATE PAROLA!!


Reliquie di San Nicola

In Bari tanto tempo fa,Galleria Foto il

428261_369550773066743_1834453165_n

Le ossa di San Nicola. Foto scattata in occasione della ricognizione canonica del 1953.
Nella notte tra il 5 e il 6 maggio 1953 fu eseguita – alla presenza di una speciale Commissione Pontificia, presieduta da S. Ecc. Mons. Enrico Nicodemo, Arcivescovo di Bari – la ricognizione Canonica dei resti scheletrici rinchiusi nella Tomba di S. Nicola, situata sotto l’altare maggiore della Cripta della Basilica Nicolaiana di Bari. Questa ricognizione costituiva un avvenimento assolutamente eccezionale, dato che per ben 866 anni nessuno aveva potuto toccare ne vedere le Ossa del nostro Santo Taumaturgo, ne d’altronde la Chiesa sarebbe mai addivenuta alla decisione di fare la ricognizione dello scheletro presente in questa tomba, se non fossero stati urgenti ed indispensabili alcuni imponenti lavori di restauro e di consolidamento della Chiesa con opere interessanti le pareti e il pavimento stesso della Cripta. La necessaria rimozione temporanea dei pesantissimi lastroni ricoprenti la tomba ha concesso di portare allo scoperto ed all’esame diretto il complesso dei resti ossei, che nel lontano 1089 furono collocati dalle stesse mani di Papa Urbano II nel fondo del loculo monolitico della tomba. A me fu dato l’incarico di riconoscere ed elencare i pezzi ossei esistenti e quelli mancanti dello scheletro contenuto nella tomba scoperchiata; in tale indagine anatomica fui aiutato dal collega dottor Alfredo Ruggieri, medico di Bari. Il loculo (aperto verso le ore 23 del 5 maggio) mostrò nel suo fondo rettangolare ossa sparse senza alcun particolare ordine sistematico (il che dimostrava che non era stato di certo un conoscitore di anatomia ad averle precedentemente deposte), con il cranio situato al centro di una estremità del loculo, e con i pezzi, in parte frammentari, di ossa lunghe e di ossa brevi accumulate irregolarmente di torno; il cranio era ben collocato con la base poggiata in basso. Insieme ai minuti frammenti ossei, presenti in gran numero, abbiamo trovato anche del piccolo pietrisco, che presumibilmente dovette essere stato trasportato nel momento del frettoloso trafugamento delle ossa effettuato dai coraggiosi marinai baresi.
Tutti i pezzi ossei si trovavano immersi in un liquido limpido, simile ad acqua di roccia, occupante il fondo del loculo per l’altezza di circa 2 cm; le parti delle ossa che sovrastavano al pelo dell’acqua risultavano tutte umide, mentre tutti gli spazi midollari delle ossa spugnose sbrecciate si trovavano colme di acqua e abbondantemente gocciolanti al sollevamento dei pezzi scheletrici.Devo dire che, dopo la estrazione di tutti i pezzi ossei e di tutto il liquido, il loculo fu ben prosciugato ed accuratamente esplorato nelle sue pareti a forte illuminazione: il loculo risulto monolitico, di pietra compatta e dura e privo di qualsiasi incrinatura nelle spessissime pareti. Lo scheletro e risultato appartenente ad un solo e ad uno stesso individuo ed è costituito da ossa molto fragili e molto frammentate. Il cranio é di esso la parte meglio conservata, il che fa credere che sia stata anche oggetto di maggiore attenzione e pertanto la parte maggiormente protetta durante le operazioni di trafugamento. Il cranio è completo nei suoi segmenti e manca soltanto della metà posteriore della emimandibola sinistra; i denti sono presenti in gran numero ed alcuni si trovano ancora infissi nei loro alveoli.
La colonna vertebrale e ridotta in frammenti: vi sono tutte e cinque le vertebre del segmento lombare, ma soltanto alcune vertebre del segmento cervicale (la seconda e la settima depezzata), quattro vertebre del segmento toracico in gran parte depezzate, ed unicamente la porzione centrale della base dell’osso sacro. La gabbia toracica è ridotta esclusivamente alle porzioni posterolaterali di quattro coste ossee del gruppo centrale del lato di sinistra e ad una costa bassa dello stesso lato; manca anche dello sterno. L’arto superiore è molto frantumato e depezzato: e rappresentato soltanto da alcuni brevi pezzi superolaterali delle scapole, da un pezzo centrale di un omero, dalle ossa infrante dell’avambraccio e da numerose ossicine dei carpi, dei metacarpi e delle falangi. L’arto inferiore e meglio conservato: dell’osso dell’anca si è trovato però soltanto l’ileo di sinistra, mentre sono perdute le parti restanti, oltrecché le parti superiori dei due femori e gran parte dei peroni. Si sono trovate le rotule, le tibie, e numerose ossa dei tarsi, dei metatarsi e delle falangi.
Quasi tutte le ossa si sono presentate non solo frantumate, più o meno estesamente, ma anche molto spesso sbrecciate per superfici e profondità di varia ampiezza.

Questo complesso scheletrico, che, successivamente alla ricognizione, fu conservato in un’urna di vetro ed esposto alla venerazione dei fedeli per quattro anni (per il periodo cioè che e stato indispensabile per la esecuzione dei lavori predetti di restauro) è stato alla fine sottoposto ad un secondo esame anatomico, precisamente ad un esame antropologico, nella notte tra il 7 e l’8 maggio 1957, subito prima della rideposizione, con lo scopo di fissare e conservare le immagini e le caratteristiche dei singoli pezzi ossei, oltrecchè con il fine, più importante, di ricostruire la figura fisica, ed eventualmente la figura pittorica, del soggetto a cui lo scheletro appartenne. In tale operazione antropometrica mi sono giovato della collaborazione dei miei colleghi dott. Ruggieri Alfredo e dott. Venezia Luigi. Le tecniche da me adottate per tale lavoro antropologico sono state svariate, ed alcune di queste – da me ideate – sono state anzi messe in atto per la prima volta in occasione dell’esame ricostruttivo suddetto: io le descrivo minutamente in una ampia relazione scientifica che ho presentata alle Autorità Ecclesiastiche, alla quale relazione sono state annesse anche le numerose riproduzioni fotografiche e radiografiche delle parti scheletriche esaminate, oltrechè le tabelle dei valori metrici effettivi riscontrati nelle misurazioni delle ossa ritrovate. Uno studio lungo e paziente, effettuato con una metodica sistematica, mi ha permesso in secondo tempo di riconnettere tra loro i frammenti presenti di ciascun segmento osseo depezzato e poi di ricostruire tutto quanto lo scheletro articolato, in modo da conoscere infine di esso anche tutti i valori metrici presumibili secondo i rapporti di proporzionalità. Lo studio del complesso dei dati antropometrici, siffattamente raccolti ed elaborati, ci ha potuto fare effettuare molte ed importanti considerazioni. I resti ossei appartengono ad uno scheletro multisecolare, cosi come lo dimostra il fatto che essi sono estremamente fragili, assottigliati nello spessore, intimamente impregnati di pigmento brunastro, e molto frantumati.
La presenza dei numerosi frantumi ossei ci fa capire che i pezzi scheletrici, sottratti dai marinai baresi dalla tomba di Mira, dovettero essere gia in quell’epoca stessa, nel 1087, molto facilmente friabili e pertanto gia da allora di conservazione secolare. É presumibile che nelle operazioni dell’affrettato trafugamento, dovette essere trasportato, insieme alle ossa, anche del pietrisco, e che non fu più possibile, ai nuovi depositari delle reliquie, riconoscere e separare il pietrisco stesso dalle ossicine brevi e dai più minuti frammenti ossei. I resti scheletrici sono appartenuti inoltre ad individuo di età avanzata, e precisamente ad un uomo di età superiore ai 70 anni.
Ciò e dimostrato dal fatto che le ossa – in rapporto alla corporatura – presentano rilievi ed impronte abbastanza ben sviluppati, quali sono appunto più facilmente riscontrabili nei soggetti di sesso maschile. Il cranio infine dimostra una avanzata sinostosi delle suture della volta, anche delle pareti laterali (oblilaterazione delle suture temporo-parietali), quale si prese nta precisamente negli individui di età superiore al settimo decennio. I dati anatomici, che abbiamo fino a questo momento descritti, non sono quindi affatto in contrasto con la tradizione storica che ammette che lo scheletro in esame sia appartenuto al Santo Vescovo di Mira, Nicola di Patara, Patrono di Bari. La cronaca storica ci fa sapere che S. Nicola morì intorno ai 75 anni (secondo alcuni pero a 72 anni e secondo altri a 80 anni), il 6 dicembre 350 dopo Cristo, 1607 anni fa. Nel 1087, epoca del trafugamento e della traslazione delle Sacre ossa, erano quindi trascorsi di già 737 anni; è comprensibile pertanto che, dopo più di 7 secoli, le ossa dovessero essere spiccatamente fragili e che dovessero facilmente frammentarsi, sia perché raccolte affrettatamente da mani robuste e non aduse a trattare oggetti molto delicati, sia perché la loro traslazione avvenne per via mare e presumibilmente senza sufficiente protezione dagli urti provocati dagli ondeggiamenti della caravella. L’aspetto che presenta il corpo della settima vertebra cervicale fa supporre che qualcuno, in quella circostanza, abbia voluto conservare una reliquia del Santo, asportando a taglio netto, con un forte coltello, una sottile fetta di osso. I resti ossei sono appartenuti ad individuo di media altezza e di corporatura compresa tra il tipo mediolineo e il tipo longilineo; si è potuto assodare infatti – a mezzo delle operazioni di ricostruzione – che la statura corporea in piedi deve essere stata intorno ai m. 1,67, che la larghezza delle spalle deve essersi aggirata intorno ai 40 cm. e che la circonferenza toracica deve essersi mantenuta sugli 86 cm. o poco al di sopra. Se noi per dare un’idea concreta e pratica volessimo adoperare guanti per mani delle stesse dimensioni di quelle del Santo o anche scarpe corrispondenti, dovremmo usare il n. 8 e rispettivamente il n. 41 (la mano è infatti lunga 19 cm. e larga 8,7 cm. il piede è lungo 26 cm. e largo 10 cm.).
La capacità del cranio è risultata media (cc. 1510) cosi come è risultata di valore medio la circonferenza cranica (cm. 52,4). La testa è di normale conformazione, appena tendente alla forma allungata (subdolicocefalia). La faccia è risultata in prevalenza corta e larga, nel contempo che il mento si trova spinto in avanti poco più che di norma. La fronte è ampia, le orbite sono piuttosto larghe, il naso è di medie dimensioni e leggermente prominente con radice ben incavata, gli zigomi sono leggermente sporgenti lateralmente, il palato è largo, il mascellare è leggermente prognato, la dentatura è robusta. Lo studio della dentatura ha dimostrato inoltre che il Santo fu portatore di una anodontia degli ultimi molari, che i processi di carie dentaria furono in Lui poco estesi e che la Sua alimentazione abituale dovette essere prevalentemente vegetariana, stante la forte sgualivatura trasversale delle superfici trituranti dei molari e dei premolari. Le caratteristiche somatiche scheletriche riscontrate, ed in particolar modo quelle craniche, hanno permesso di assodare che la razza, alla quale appartenne il soggetto in esame, e la Razza bianca europoide mediterranea, e, potremmo aggiungere della varietà orientalide. Si e potuto escludere che il cranio in esame sia appartenuto ad individuo della razza alpina armena, stante il fatto che i soggetti di tale razza hanno cranio prevalentemente tondo, brachicefalo, ed occipite fortemente schiacciato, appiattito, caratteri questi mancanti nelle nostre reliquie. Se vogliamo confrontare tra loro tre campioni della razza mediterranea, S. Domenico, oriundo della Spagna, Dante Alighieri, oriundo dell’ Italia e S. Nicola, oriundo dell’Asia Minore, possiamo dire che S. Nicola si trova collocato nel mezzo, a riguardo dei valori della grandezza cranica; le capacità craniche ad esempio sono appunto rispettivamente di 1473 cc. in S. Domenico, di 1510 cc. in S. Nicola, di 1554 cc. in Dante. Gli Orientalidi (mediterranei del versante orientale) possedevano pelle tendenzialmente più brunastra di quella dei tipi razziali del Mediterraneo centrale ed occidentale, similmente a come furono trovate le Reliquie quanto si verifica ancora oggi nei cosiddetti tipi levantini.

A priori si esclude che il popolo turco attuale possa avere avuto alcuna affinità razziale con il nostro Santo, dato che i Turchi invasero dal Turkestan l’Asia Minore circa 500 anni dopo la morte del nostro Taumaturgo.

CLASSIFICAZIONE DELLE OSSA:
La mancanza dei caratteri antropologici cutanei limita, in indagini di questo genere, le possibilità di precisazione dei tipi razziali da discriminare: comunque, nel loro insieme, fanno propendere a riconoscere nello scheletro in esame la varietà orientalìde, la statura, la costituzione prevalentemente longilinea, la robustezza media dello scheletro, la dolicocefalia, la faccia pentagonoide allungata nel mento, il dorso nasale prominente, la media larghezza nasale, la fronte ampia, gli zigomi larghi, 1’occipite arrotondato. Una ultima considerazione ci rimane a fare, a conclusione della nostra indagine. Posso dire che S. Nicola portò sempre con sè, fino alla Sua morte, il morso delle sofferenze patite per amore del Signore, al quale aveva offerta la Sua vita. La storia ci dice che S. Nicola languì per più anni in umidi e malsane prigioni, dall’età di 51 anni: l’esame delle vertebre toraciche ha rivelato che il soggetto da noi studiato soffrì di artrite cronica vertebrale apofisaria, di grave entità, sì da esitare in anchilosi (spondiloartrite anchilosante). La indagine radiologica condotta sul cranio ha fatto scoprire anche una causa di sofferenza cefalica, evidenziata da un forte ispessimento osseo interno della teca cranica, molto esteso e molto accentuato (iperostòsi endocraniòsica diffusa).
I dolori rachidei ed i dolori cefalici dovettero ricordare probabilmente a Lui quanto il carcere possa lasciare lungamente nel corpo i segni della sofferenza. Ritengo che un esame anatomico, effettuato dopo ben 1600 anni dalla morte del soggetto abbia svelato già molti dei segreti conservati nella tomba. Io ho cercato però di spingermi ancora oltre ed ho voluto tentare di vedere il volto del nostro Santo sopra i resti ossei che di Lui ci sono rimasti. Avendo avuto a disposizione numerose riproduzioni fotografiche del cranio facciale, in proiezioni svariate, frontale, laterale ed oblique, ho pensato di rappresentare su carta lucida, che fosse perfettamente trasparente, il disegno delle varie parti molli (contorno cutaneo della testa, disegno dei sopraccigli, delle palpebre e degli occhi, del naso, delle labbra, del mento, delle guance, della barba) poste a ridosso delle formazioni scheletriche ossee corrispondenti. Le diverse figure facciali, che ho ottenuto, hanno avuto una caratteristica comune molto importante, quella della rassomiglianza dei volti, per cui si poteva ben dire al loro esame che fossero aspetti diversi di uno stesso individuo. Tale fatto ha, secondo me, un valore particolarmente notevole, e potrebbe convincerci che in effetti il viso che è apparso nei vari disegni, certamente proporzionato allo scheletro sottostante, non dovrebbe essere molto dissimile da quello vero. Se il volto di S. Nicola dovesse corrispondere in realtà a quello che ho potuto ottenere dal disegno della maschera facciale eseguito sulla figura dello scheletro cranico, si potrebbe ben dire che l’effigie del nostro Taumaturgo era veramente illuminata da una luce di bontà e di idealismo ascetico quale il viso piuttosto scarno, i grandi occhi e l’ampia fronte sembrano dolcemente riflettere intorno a loro. Tra le varie effigi pittoresche del nostro S. Vescovo di Mira, che fino ad oggi ho avuto possibilità di conoscere, quella, che più d’ogni altra mi risulta più vicina ai dati antropometrici da me riscontrati, è l’effige presente nel mosaico raffigurante la Vergine con i Santi Nicola e Giovanni Battista esistente nella Cappella di S. Isidoro della Basilica di S. Marco in Venezia. Le ossa del nostro Santo Taumaturgo riposano ora nuovamente nella loro tomba gloriosa, che come pegno di fede e di amore rimane a congiungere tra loro l’Oriente e l’Occidente Cristiano, in quella Bari che è destinata a divenire, prima o poi, l’anello di saldamento dei popoli dell’una e dell’altra parte, in quella grande pace dei cuori che tutti auspicano e profondamente desiderano.

(relazione del prof. Luigi Martino, docente di Anatomia umana normale dell’Università di Bari,
Bollettino di san Nicola, numero speciale, aprile-dicembre 1957).


Antica statua di San Nicola, Vescovo di Myra

In Bari tanto tempo fa,Galleria Foto il

sdforino_foto_095

Questa foto ritrae l’antica statua di San Nicola da Bari, Vescovo di Mira. L’oggetto venne sottratto nell’inverno del 1976 dal Santuario omonimo posto sul colle di Castello, e, a quanto ci è dato da vedere dalla foto, era un’opera artistica non di grande valore e bellezza, ma testimone di un tempo dove con pochi mezzi e senza molti sfarzi si cercava comunque di onorare la religiosità. Le fattezze della statua sono comuni a quelle della tradizione ortodossa. Infatti nell’aspetto è molto simile a quella posta esternamente alla Chiesa Russa di Bari dedicata a San Nicola, appunto. La venerazione del Santo nel nostro paese ha origini antichissime, risalenti al periodo della dominazione bizantina del nostro territorio: dapprima una “rozza immagine” appesa ad un albero, raccoglieva intorno a se i pochi abitanti di Furinum. Qualche secolo dopo fu eretta una cappella, che la tradizione tende ad identificare con l’ossario posto all’esterno, sulla sinistra, dell’attuale corpo di fabbrica del santuario. Sempre per narrazione di padre in figlio, come ci riferisce il Padre Tornatore (vedi “Storia di Forino”), verso il Mille vi fu collocata l’ immagine “che ancora oggi si venera” (anni ’30). Dice ancora il Tornatore “…che essa sia di quell’ epoca non ve dubbio, anche per chi è profano in arte. Il Santo vi è effigiato nei suoi paludamenti vescovili e seduto, in atto di benedire. Il volto ha un pò dell’irato. L’artista volle ritrarlo forse nell’ atto in cui ammonisce Ario e difende la divinità di Gesù Cristo. L’ immagine, tutta in legno, è finemente lavorata”. Queste sono le considerazioni del Tornatore, il quale ci ricorda in questo passo la partecipazione del Vescovo di Mira al Concilio di Nicea del 325. Tornando alla storia della statua, sono poche sono le notizie al riguardo.

Le visite al santuario e quindi all’effigie del Santo sono state continue nei secoli, ma mai la statua venne portata in processione per le strade di Forino. Finché, nel 1866, un’epidemia di colera si propagò nel nostro paese senza però provocare vittime. Il fatto fu visto come frutto della protezione del Patrono di Forino, e solo allora si tenne la prima processione che tutt’oggi si svolge verso la fine del mese di luglio. Quella fu l’unica volta che la vecchia statua del Santo venne portata in processione per le strade di Forino, alla luce di decine di falò. Già l’anno dopo, venne sollecitamente realizzata l’attuale statua, quella da noi tutti conosciuta, portata puntualmente da allora in processione ogni anno. E qui di nuovo si perdono tracce scritte della statua, fino al furto nel 1976. Ce ne dà triste notizia in vari suoi scritti, molto amareggiato, l’avv. Gennaro Vespucci, descrivendo la sottrazione come un atto compiuto da “…mani sacrileghe, frutto di una società corrotta e permissiva…”. Come potergli dare torto! In quegli anni furono molti i furti in danno al patrimonio culturale della comunità forinese, la quale perse pezzi importanti di storia dispersi tra i cosiddetti “collezionisti d’arte” che più che collezionisti sono da considerarsi “accaparratori”. Ma questa è un’altra storia.


La storia di San Nicola di Bari

In Bari tanto tempo fa,Galleria Foto il

Nicola nacque probabilmente a Pàtara di Licia, in Asia Minore (attuale Turchia), tra il 260 e il 280, da Epifanio e Giovanna che erano cristiani e benestanti. Fu cresciuto cristianamente, quindi, ma perse prematuramente i genitori a causa della peste. Divenne così erede di un ricco patrimonio che impiegò per aiutare i bisognosi. Si narra che Nicola, venuto a conoscenza di un ricco uomo decaduto che voleva avviare le sue tre figlie alla prostituzione perché non poteva degnamente maritarle, abbia preso una buona quantità di denaro, lo abbia avvolto in un panno e, di notte, l’abbia gettato nella casa dell’uomo, che così poté onestamente sposare le figlie. In seguito lasciò la sua città natale e si trasferì a Myra dove venne ordinato sacerdote. Alla morte del vescovo metropolita di Myra, venne acclamato dal popolo come nuovo vescovo. Un’altra leggenda non fa riferimento alle figlie del ricco decaduto, ma narra che Nicola, già vescovo, resuscitò tre bambini che un macellaio malvagio aveva ucciso e messo sotto sale per venderne la carne. Anche per questo episodio S. Nicola è venerato come protettore dei bambini. Imprigionato ed esiliato nel 305 da Diocleziano, fu poi liberato da Costantino nel 313 e riprese l’attività apostolica. Non è certo che sia davvero stato uno dei 318 partecipanti al Concilio di Nizza del 325, durante il quale avrebbe condannato duramente l’arianesimo, difendendo la verità cattolica, ma la leggenda ci tramanda che in un momento d’impeto prese a schiaffi Ario. Gli scritti di S. Andrea di Creta e di S. Giovanni Damasceno ci confermano l’ortodossa fede di Nicola. Nicola si occupò anche del bene dei suoi concittadini, ottenne dei rifornimenti durante una carestia e ottenne la riduzione delle imposte dall’Imperatore. Morì a Myra il 6 dicembre, presumibilmente nell’anno 343, forse nel monastero di Sion, e già allora si diceva compisse miracoli; tale convinzione si consolidò dopo la sua morte, con il gran numero di leggende che si diffusero ampiamente in Oriente, a Roma e nell’Italia meridionale. Le sue spoglie furono conservate con grande devozione di popolo, nella cattedrale di Myra fino al 1087. Grande è la venerazione a lui tributata dai cristiani ortodossi. Quando Myra cadde in mano musulmana, Bari (al tempo dominio bizantino) e Venezia, che erano dirette rivali nei traffici marittimi con l’Oriente, entrarono in competizione per il trafugamento in Occidente delle reliquie del santo. Una spedizione barese di 62 marinai, tra i quali i sacerdoti Lupo e Grimoldo, partita con tre navi di proprietà degli armatori Dottula, raggiunse Myra e si impadronì delle spoglie di Nicola che giunsero a Bari il 9 maggio 1087 : Nicola di Myra diventa, così, Nicola di Bari. Dopo la collocazione provvisoria in una chiesa cittadina, il 29 settembre 1089, le spoglie di Nicola trovano sistemazione definitiva nella cripta, già pronta, della basilica che si sta innalzando in suo onore. È il Papa in persona, Beato Urbano II (Ottone di Lagery, 1088-1099), a deporle sotto l’altare della cripta. Da allora S. Nicola divenne patrono di Bari e le date del 6 dicembre (giorno della morte del santo) e 9 maggio (giorno dell’arrivo delle reliquie) furono dichiarate festive per la città. S. Nicola è famoso anche al di fuori del mondo cristiano perché la sua figura ha dato origine al mito di Santa Claus (o Klaus), conosciuto in Italia come Babbo Natale.