I Gemelli di Guidonia a Ruvo di Puglia per l’Ottavario del Corpus Domini

In il

I gemelli di guidonia show

Saranno i “Gemelli di Guidonia” gli ospiti d’onore a Ruvo di Puglia (Bari).
Sarà uno spettacolo musicale straordinario per vivere l’Ottavario del Corpus Domini 2024, che si svolgerà dal 7 al 9 giugno.

Il trio si esibirà in uno show sabato 8 giugno, alle ore 21:00, in piazza Matteotti.
Per acquistare i biglietti, con posti a sedere, rivolgersi alla sede del Comitato Feste Patronali (Piazza Bovio n.4) tutti i giorni dalle ore 19:00 alle ore 21:00.

Biografia
I Gemelli di Guidonia – Pacifico, Gino ed Eduardo Acciarino – sono tre fratelli cantanti, comici, intrattenitori e speaker radiofonici.

La loro carriera inizia da giovanissimi.

Sono ospiti fissi delle trasmissioni notturne Rai come Trasgressioni, Eros, Buone Notizie, Emozioni. Sono inoltre ospiti in molteplici occasioni su Rai International, nel programma Cristianità.

Nel 2006 entrano nel cast artistico dello spettacolo teatrale “È permesso?” di Enrico Montesano, in veste di cantanti e attori. Sono al suo fianco in una lunga tournée, che culmina con la partecipazione alla manifestazione “O’scia” a Lampedusa, organizzata da Claudio Baglioni nella quale si esibiscono proprio al fianco del cantautore romano.

Nel maggio del 2013 approdano all’Edicola Fiore, la famosa rassegna stampa di Rosario Fiorello, che con un semplice smartphone commenta in maniera ironica le notizie dei giornali ascoltando gli umori degli avventori del bar. Nel giugno del 2013 i “Gemelli di Guidonia” – questo il nome che lo stesso Fiorello attribuisce ai tre fratelli – sono protagonisti di una puntata speciale dell’Edicola Fiore in diretta su Rtl 102.5, nella quale duettano con artisti del calibro di Max Pezzali, Biagio
Antonacci e Giuliano Sangiorgi. Affiancano lo showman per tutte le puntate sul web, quando l’Edicola approda dapprima su Radio 2 e in seguito su Radio 1 con il nome “FuoriProgramma”, rivelandosi punti saldi della trasmissione, nella quale quotidianamente si mettono in mostra con medley a tema e esilaranti gag musicali.

Il 28 Settembre 2014 sono ospiti nella trasmissione “Quelli che il calcio” condotta da Nicola Savino, esibendosi in divertenti numeri musicali.

Nel 2015 entrano nel cast dell’ultimo tour teatrale dello showman dal titolo “L’ora del Rosario”. La fortunata tournée attraversa l’Italia e l’Europa, toccando nel 2016 città come Parigi, Londra, Zurigo, Lugano e Bruxelles. Sempre nel 2016 continua la loro partecipazione ad Edicola Fiore; questa volta il nuovo format approda su Sky Uno e TV8 a giugno con un “antipasto” di nove puntate riprendendo a ottobre per 50 puntate. Nel marzo 2016 sono ancora protagonisti al fianco di Fiorello nella trasmissione Edicola Fiore, in onda su Sky Uno e TV8 per 40 puntate.

L’11 novembre 2017 partecipano alla trasmissione “Tú sí que vales” su Canale 5, riscuotendo un grande successo e ottenendo ben quattro “sì” dalla giuria e il 100% della giuria popolare. Il 2 dicembre 2017 approdano alla Semifinale, in diretta su canale 5, esibendosi in un’altra esilarante gag.

Il 30 aprile 2018 sono ospiti della trasmissione radiofonica “Il Rosario della sera”, condotta dallo showman Fiorello, in onda tutti i giorni alle 19 su Radio Deejay, per poi diventare ospiti fissi della stessa, dal 21 maggio all’8 giugno.

Nell’ottobre del 2018, debuttano al Teatro Tirso De Molina di Roma, con il loro nuovo spettacolo dal titolo “Disco-patia…dica 33 giri”, con la regia di Antonello Costa. Con tale spettacolo, girano diversi teatri italiani, riscuotendo un grande successo di critica e di pubblico.

L’avventura su Radio Deejay, come cast fisso, riprende nell’ottobre dello stesso anno per poi concludersi nel maggio 2019.

Nel novembre del 2019 entrano nel cast della trasmissione “Viva RaiPlay”, al fianco di Rosario Fiorello, in onda per cinque puntate su RaiUno, e in seguito, 18 puntate in esclusiva sulla nuova piattaforma streaming RaiPlay.

Nel febbraio 2020, sono nel cast de “L’Altro Festival”, di Sanremo, condotto da Nicola Savino, e che va in onda subito dopo il Festival di Sanremo, in esclusiva su RaiPlay.

Nel febbraio del 2020, sono anche ospiti della trasmissione “I soliti ignoti” su Rai 1 condotta da Amadeus. La loro esibizione suscita una standing ovation da parte del pubblico in studio.

Nel luglio del 2020 entrano nel cast della trasmissione “Made in sud” su Rai 2, lo show comico che vede protagonisti i comici del sud Italia.

Sempre nel luglio del 2020 entrano nella famiglia di Rai Radio 2, con un programma radiofonico scritto e condotto dai tre fratelli, dal titolo “Tre per 2 “, in onda il sabato e la domenica. Nel settembre dello stesso anno, Rai Radio 2 passa anche in visual su Rai Play.

Nel gennaio del 2021 entrano nel cast della fortunata trasmissione di intrattenimento “Stasera tutto è possibile”, in onda su Rai 2, prendendo parte a quattro puntate, in veste di spalla musicale e anche protagonisti di giochi con gli ospiti.

Nel 2021 entrano nel cast del fortunato programma di Carlo Conti “Tale & quale show”, vincendo l’edizione e trionfando anche nel torneo dell’anno successivo.

Iniziano una lunga tournée teatrale con il loro spettacolo “Tre x 2 tra radio e tv” che li vede protagonisti con un grande successo di critica e di pubblico nei più famosi teatri italiani.

Sono ospiti due volte del “Maurizio Costanzo Show”, esibendosi con gag e pezzi musicali.

Nel 2022 iniziano un nuovo programma che va in onda in contemporanea su Radio 2 e Rai 2 dal titolo “Radio2 Happy Family” con la speaker e dj Ema Stokholma.


DOMENICA AL MUSEO GRATIS: Ritorna l’iniziativa promossa dal Ministero dei Beni Culturali

In il

DOMENICALMUSEO
Il 2 giugno torna la #domenicalmuseo: musei, luoghi della cultura e parchi archeologici statali sono aperti gratuitamente per tutti i visitatori.
Per accedere a monumenti, musei, gallerie, parchi, giardini monumentali dello Stato non sarà più richiesto il possesso del green pass rafforzato, né di quello base. È raccomandato l’uso della mascherina.
Alcune sedi sono visitabili solo su prenotazione. Il Ministero della Cultura consiglia di consultare le schede di dettaglio prima di programmare la visita su www.cultura.gov.it/domenicalmuseo

Di seguito i luoghi visitabili a Bari e provincia:

Antiquarium e zona archeologica di Canne della Battaglia
Frazione Canne della Battaglia – 70051 Barletta (BT)

Castel del Monte
località Castel del Monte – 70031 Andria (BT)

Castello svevo di Bari
piazza Federico II di Svevia – 70122 Bari (BA)

Castello svevo di Trani
piazza Manfredi – 76125 Trani (BT)

Galleria nazionale della Puglia “Girolamo e Rosaria Devanna”
via Giandonato Rogadeo – 03029 Bitonto (BA)

Museo archeologico nazionale di Canosa di Puglia – Palazzo Sinesi
Via Kennedy – 70053 Canosa di Puglia (BT)

Museo archeologico nazionale e Castello di Gioia del Colle
piazza dei Martiri del 1799 – 70023 Gioia del Colle (BA)

Museo nazionale archeologico di Altamura
via Santeramo – 70022 Altamura (BA)

Parco archeologico di Monte Sannace
Strada Provinciale 61 – Gioia del Colle – Turi Km 4,5 – 70023 Gioia del Colle (BA)

Palazzo Simi – Centro operativo per l’Archeologia
Strada Lamberti – 70122 Bari (BA)


Ruvo di Puglia, Rerum Rubis Carafa e la Leggenda festival. Il programma completo

In il

rerum-rubis-carafa-e-leggenda-festival

RERUM RUBIS
Carafa e la Leggenda festival
Ruvo di Puglia (Bari)

Il 23 gennaio 1799 venne proclamata a Napoli la nascita della Repubblica.
 Ruvo di Puglia e i ruvesi, come testimoniato dal diario del decurione Domenico Tambone conservato presso la Biblioteca di Ruvo di Puglia, reagirono alle azioni patriottiche x la conquista della libertà con atti impulsivi.
Per ricordare quei fatti, riviverne i personaggi, gli usi e i costumi del tempo, una nuova edizione di Rerum RUBIS Carafa e la leggenda Festival nel cuore di Ruvo di Puglia.

Sabato 25 e domenica 26 maggio 2024, RERUM RUBIS Festival – Rievocazione storica, installazioni immersive, tableaux vivant, mercato storico, spettacoli nel centro storico di Ruvo di Puglia.

PROGRAMMA:

Sabato 25 maggio

SPETTACOLI E RIEVOCAZIONI
ore 18.30 via N. Cassano (pressi Anima Cafè)
Lunatique con Mater statua vivente

ore 19.30 – 20.30 – 21.00 piazza M. Garibaldi
Inis Kor: Libertà, Fraternità, Uguaglianza
Spettacolo di fuoco e fachirismo

ore 19.30 – 20.30
via V. Veneto, 48
Malarazza cantata teatrale

ore 18.45 – 19.45 largo Cattedrale
Eccomi: Armonia di Culture
spettacolo di musica, danza e teatro

ALLESTIMENTI – MERCATI
dalle ore 18.00 piazza M. Garibaldi
Antichi Mestieri

dalle ore 18.00 largo Cattedrale
Mercato a Km0

FUORI RIEVOCAZIONE
dalle ore 21.00 a tarda notte piazza Dante
Dario e la Banda. Ligabue Tribute Band
concerto
Dj Set con Dany dj e Grace voice
Area Food e Beverage

Domenica 26 maggio

CORTEO STORICO
ore 18:00 da Linea Comune (via Romanello)
Spettacoli, danze e animazioni itineranti

Percorso: Corso carafa, Corso Gramsci, Piazza Matteotti, Via Boccuzzi, Via Cattadrale, Corso Jatta, Piazza Dante, Corso Cavour, Via Vanini, Via Griffi, Via Mons. Bruno, Via Cattedrale, Via Vittorio veneto, Piazza M. Garibaldi.

ore 20.30 piazza M. Garibaldi
Rievocazione Storica

SPETTACOLI E RIEVOCAZIONI
dalle ore 19.30 largo Cattedrale
Teatro Singolo visual storytelling

alle ore 20.45 vico Loriano (nei pressi di Palazzo Caputi)
Per un battito d’ali
un viaggio teatrale con Carmen e Rustichello e la classe 1^ A della Scuola Elementare “G. Bovio”

alle 19.45 – 21.00 – 21.45 piazzatta Fiume
Corpo in volo
spettacolo di acrobatica aerea

ALLESTIMENTI – MERCATI
dalle ore 18.00 piazza M. Garibaldi
Antichi Mestieri

dalle ore 18.00 largo Cattedrale
Mercato a Km0

Per info e maggiori dettagli
0803615419 – 0803628428
3791281774 (anche WhatsApp)
prolocoruvodipuglia@libero.it
Infopoint Ruvo di Puglia – Via Vittorio Veneto, 48


Trame Contemporanee 2024, a Molfetta torna il festival di teatro e drammaturgia. Ecco il programma

In il

trame-contemporanee-2024

Trame contemporanee 2024

festival di teatro e di drammaturgia contemporanea – III edizione
con la direzione artistica di
MARIANNA De PINTO e MARCO GROSSI
23 maggio – 21 luglio
A cura di Malalingua ETS con il sostegno di ministero della Cultura, Regione Puglia
Molfetta Cittadella degli Artisti Teatro Babilonia Chiostro San Domenico Eremo Club Anfiteatro di Ponente

Con Index Muta Imago – Jacqueline Bulnés e Niklas Emborg Gjersøe – Chiara Gamberale – Teatro Filodrammatici di Milano – Silvio Peroni – Luca Amorosino e Carlo De Ruggieri – Matthias Martelli – Claudio Morici – Alessandra Mortelliti – Arianna Gambaccini e Michele Cipriani – Paolo Panaro – Franco Spadaro
***

Nel cuore della drammaturgia contemporanea. Con tanti ospiti, coproduzioni e sinergie multidisciplinari, prime regionali, proposte che guardano al teatro-performance internazionale, laboratori, senza dimenticare il legame con il territorio e con le migliori realtà teatrali che lo abitano.

La terza edizione di Trame Contemporanee (23 maggio- 21 luglio), il festival teatrale a cura della compagnia Malalingua con il sostegno di Ministero della Cultura e Regione Puglia, con la direzione artistica di Marianna de Pinto e Marco Grossi, si articola in 17 appuntamenti che attraverseranno l’intera città di Molfetta e toccheranno anche Bisceglie, in collaborazione con la libreria Vecchie Segherie Mastrototaro, e altri comuni della provincia Bat, per la sezione Trame contemporanee al tempo dei piccoli realizzata in collaborazione con il Festival La città bambina a cura di Kuziba e sQuola Garibaldi.

“Trame Contemporanee è una festa dedicata al teatro, alle arti performative e a quella pratica seducente, dirompente e inarrestabile che è la scrittura per la scena – spiegano Marianna De Pinto e Marco Grossi – la parola che si fa viva per raccontare un presente ricco di contraddizioni e di domande. È l’occasione per esplorare punti di vista diversi e per arricchire il bagaglio dei nostri dubbi. Un cartellone ricchissimo di eventi, con tanti ospiti nazionali e internazionali, percorsi di formazione e tante occasioni di incontro. Tutto questo è Trame Contemporanee, un festival giovane che ha davvero tanta, tanta voglia di crescere.”

L’ educazione sentimentale è al centro della scena, come filo conduttore tra gli spettacoli di quest’anno, uno sguardo particolare e originale sul privato, sulla sfera intima delle emozioni e sui suoi riflessi in ambito affettivo e relazionale, un tema tra i più urgenti e risonanti del vivere contemporaneo.

Trame Contemporanee 2024 è possibile grazie al sostegno di MIC Direzione generale spettacolo e Regione Puglia. Progetto finanziato dall’Unione Europea-Next Generation EU; con il sostegno del Mic Direzione generale Spettacolo; Boarding Pass 2024.

PROGRAMMA

Il festival si apre il 23 e 24 maggio alla Cittadella degli Artisti di Molfetta con “Old Fools” del britannico Tristan Bernays, per la regia di Silvio Peroni, una produzione della Compagnia Malalingua con Marianna de Pinto e Marco Grossi, nei panni di Viv e Tom: un incontro casuale, un ballo che diventa un vortice di ricordi intensi, frammenti che scandiscono le tappe di una vita, dalla prima scintilla fino all’ultimo momento insieme. Un appassionante movimento narrativo che mescola e confonde il tempo, seguendo il ritmo e le dissonanze inevitabili di una storia d’amore come tante.

Di particolare rilevanza, la presenza nel cartellone di Trame Contemporanee 2024 di Muta Imago, progetto di ricerca artistica e compagnia teatrale, attiva tra Roma e Bruxelles. Il 6 giugno nel Parco Archeologico di Santa Geffa a Trani, in collaborazione con Cavo Fest, andrà in scena il loro lavoro itinerante e interattivo “La Frontiera”, racconto sci-fi che muove dalle caratteristiche del luogo che lo ospita, il viaggio nel tempo di un uomo e una donna che si muovono alla ricerca del loro io passato e futuro. Riccardo Fazi e Claudia Sorace (anche tra i protagonisti della nuova sezione Lab), fondatori della compagnia, tornano in scena per generare un formato inedito di spettacolo che si muove a cavallo tra lecture, performance, podcast live, reading e concerto e che cerca di far dialogare al meglio le diverse linee di ricerca che la compagnia ha attraversato negli ultimi anni: il lavoro sul suono, la site-specificity dei progetti, la riflessione sul Tempo e sulla relazione che, in quanto esseri umani, intrecciamo con esso.

Al Teatro Babilonia, il 15 giugno, il festival apre uno squarcio sulle sperimentazioni intorno al corpo grazie a Jaqueline Bulnés, coreografa e danzatrice cubana-americana della Martha Graham Company, e al compositore danese Niklas Emborg Gjersøe. “D.O.S.E. Anatomic Sound” è una performance dal carattere fortemente interattivo, una conversazione tra danzatrice e compositore, entrambi in profonda sinergia con il pubblico. Un body unico progettato specificamente per registrare il respiro, il battito cardiaco e il ritmo coreografico dei gesti della performer a costruire un viaggio fisico ed emotivo che combina movimento, voce e musica elettronica, una narrazione di liberazione dai condizionamenti della società.

Tra le prime regionali in programma, il 14 giugno alle Vecchie Segherie Mastrototaro di Bisceglie, “Amleto di nessuno (Hamlet of no one)” di Nassim Solemainpour a cura di Bruno Fornasari del Teatro dei Filodrammatici di Milano. Una meditazione piena di sorprese su un autore italiano che affronta la lenta perdita della vista, la paura di non poter più vedere il mondo e il fatto di dover scrivere un adattamento di Amleto commissionato da un teatro di Mosca. Unici interpreti, un registratore e il pubblico stesso, che dovrà scoprire cosa sia realtà e cosa finzione, in un continuo gioco con il destino tra essere e non essere. Lo spettacolo sarà preceduto da “Le lingue dell’amore”, di e con la grande scrittrice Chiara Gamberale, un cammino di esplorazione attraverso i misteri di una lingua che ogni giorno reinventiamo e che forse solo la letteratura può aiutarci a capire davvero.

E ancora, per la prima volta in Puglia, il 16 giugno alla Cittadella degli Artisti, arriva “Il mistero buffo” del premio Nobel Dario Fo, nella felicissima interpretazione di Matthias Martelli per la regia di Eugenio Allegri. Una riproposizione targata Teatro Stabile di Torino da oltre 200 repliche in Italia e nel mondo: l’attore è solo in scena, senza trucchi, con l’intento di coinvolgere il pubblico nell’azione drammatica, passando in un lampo dal lazzo comico alla poesia, fino alla tragedia umana e sociale.

All’Eremo Club, l’8 giugno, spazio alle riflessioni sulla società e sulla politica italiana di “Un giorno come un altro”, spettacolo scritto e diretto da uno degli autori di Boris, Giacomo Ciarrapico, con due degli interpreti della serie di culto, Luca Amorosino e Carlo De Ruggieri. Un seggio elettorale nel giorno in cui Godot sono gli italiani e l’astensione raggiunge livelli quasi assoluti. Due scrutatori, tra loro sconosciuti, costretti ad una convivenza forzata e ad una reciproca mal sopportazione. La serata proseguirà con un dj set et a cura di Fabio Ricciuti e Marco Cassanelli.

Al Chiostro San Domenico, il 7 giugno, sarà la volta di “La malattia dell’ostrica”, prodotto dal Teatro Metastasio di Prato, nuovo spettacolo dello scrittore, attore e videomaker Claudio Morici, alle prese con l’interesse per la scrittura di suo figlio. Ma, dopo aver studiato decine di biografie per un programma tv, Claudio ha una sorta di illuminazione: gli scrittori sono tutti matti. Hanno subito guerre mondiali, miseria, traumi infantili, hanno avuto genitori terribili, come minimo un paio di grandi amori non corrisposti. Gente che sta malissimo, insomma. Che fare con suo figlio, quindi?

In coproduzione con Coop. Crest di Taranto, con il sostegno del Trac Centro di residenza artistica pugliese_progetto 2022, nasce “A me m’ha rovinato la guera” di Arianna Gambaccini e Michele Cipriani, che debutterà alla Cittadella degli Artisti il 29 e 30 giugno. Tra macchiette, sketch, e canzoni d’autore, un omaggio al mondo dell’avanspettacolo che ha saputo trasformare la sofferenza e la fame in una risata collettiva, popolare e liberatoria.

In programma, il 29 e 30 maggio al Teatro Babilonia anche la mise en espace del testo “Lockdown” di Alessandra Mortelliti e Fabrizio Lombardo, che indagherà in modo originale le implicazioni sulla sfera emotiva delle ancora troppo recenti restrizioni pandemiche che tutti abbiamo vissuto. Altra coproduzione nel cartellone di Trame Contemporanee 2024, sarà “LinkedI’m” (9 giugno, Teatro Babilonia) un progetto di ricerca biennale curato dalla Compagnia Anomalia in coproduzione con la Compagnia Malalingua.

Ospiti, anche “La zia d’America” (31 maggio, Teatro Babilonia) di Leonardo Sciascia, nella rilettura della Compagnia Diaghilev, adattamento di Fabrizio Catalano; regia e interpretazione di Paolo Panaro e “Mi separo”, (4 luglio, Anfiteatro di Ponente), lo spettacolo comico dei record (340 repliche in quasi 4 anni) sulle dinamiche della vita matrimoniale firmato dalla Compagnia Piccola Ribalta di Franco Spadaro, assoluto mattatore in scena.

Chiuderà il festival, il 13 e 14 luglio nel Chiostro di San Domenico, la nuova proposta di Malalingua, dedicata al teatro musicale “Ma l’amore no” scritto e diretto da Marco Grossi con Maurizio Semeraro e Monica De Giuseppe e le musiche eseguite dal vivo dal maestro Alberto Iovene. Una commedia musicale dedicata alla canzone melodica italiana degli anni ’30, ‘40 e ‘50, in una girandola vorticosa di citazioni, stralci di varietà, vecchi cantanti, divi del cinema, film melodrammatici, fotoromanzi e soprattutto le vecchie canzoni a far da cornice alla storia d’amore dei due protagonisti, in un’Italia in piena rinascita.

TRAME CONTEMPORANEE AL TEMPO DEI PICCOLI

Novità dell’edizione 2024 del festival, in collaborazione con il Festival La città bambina a cura di Kuziba e sQuola Garibaldi è la sezione Trame Contemporanee al tempo dei piccoli dedicata alla drammaturgia contemporanea per le nuove generazioni.

Quattro appuntamenti a partire dal 31 maggio nell’Auditorium della scuola media Cotugno a di Ruvo di Puglia con “Q come scuola” scritto e diretto da Luca Chieregato con Rossella Guidotti. Una scuola con la Q è ciò che Giovanna desidera, vale a dire la scuola che ci vorrebbe per disegnare un mondo bellissimo, pieno di felicità, per smettere di pensare che siamo nati per stare semplicemente al nostro posto. Un inno alla libertà e alla vitalità.

Il 4 giugno a Terlizzi sarà la volta di “Arturo” di e con Laura Nardinocchi e Niccolò Matcovich, spettacolo, vincitore del Premio Scenario Infanzia 2020 e del Premio della Critica FringeMI 2022, che lavora creativamente sul tema del rapporto con i propri padri, trasformando l’autobiografia in atto creativo, con l’intento di rendere una memoria privata collettiva e universale.

Si prosegue il 22 giugno nella Villa comunale di Andria con “Humana Foresta”, performance esperienziale in natura alla scoperta degli spazi naturali, dei luoghi della memoria nei quali la natura ci parla, in cui la fascinazione performativa si mescola all’esperienza personale. Produzione della Compagnia teatrale Petra; ideazione e regia di Antonella Lallorenzi e Raffaella Giancipoli, con Antonella Lallorenzi.

In chiusura, il 23 giugno, nella Sala consiliare del Comune di Andria, “Spaiderman” di e con Giacomo Dimase, spettacolo scritto per tutti i bambini invisibili, per tutti gli adolescenti che si ritroveranno a piangere alla fine, mentre stanno ancora ridendo delle battute precedenti. Una produzione Armamaxa Teatro, realizzato con il sostegno di TRAC – Teatri di Residenza Artistiche Contemporanea con la cura della drammaturgia e della messa in scena di Enrico Messina.
Info: iltempodeipiccoli.it.

TRAME CONTEMPORANEE LAB

La seconda novità all’interno del programma di Trame Contemporanee 2024 è rappresentata dalla sezione LAB, con laboratori rivolti a professionisti nell’ambito del teatro e delle arti performative che si terranno al Teatro Babilonia, a Molfetta. Info: info@tramecontemporanee.it o al 3518528404.

“Mindful Acting” (dal 3 al 5 giugno) Workshop di alta formazione in cui i partecipanti esploreranno un training sulla recitazione consapevole attraverso sessioni incentrate sulla consapevolezza di sé, sulla presenza incarnata e sulla connessione emotiva. Integrando mindfulness e psicologia umanistica, si lavorerà sul perfezionamento delle capacità recitative e sulla promozione di una più profonda comprensione di sé stessi e del proprio mestiere. Conduce Daniel Bradford, attore, regista e fondatore del centro di Mindful Acting a Manchester e direttore artistico della società di produzione teatrale e cinematografica Play With Fire Productions.

“Scritto sul corpo” (17 – 18 – 19 – 20 – 21 giugno) Laboratorio che unisce danza, scrittura e fotografia in un percorso di ricerca sulla propria identità come percezione di sé tridimensionale composta da parola, immagine e movimento oltre al lavoro sull’autoritratto fotografico e la narrazione di sé attraverso la scrittura. Conducono Jacqueline Bulnés, coreografa e direttrice di movimento americana e Cristina Ki Casini, filmmaker, autrice e insegnante.

“Creavità” (15 giugno, Vecchie Segherie Mastrototaro di Bisceglie) è lo spazio di orientamento creativo fondato e diretto dalla scrittrice Chiara Gamberale, che presenta un percorso immersivo durante il quale – intrecciando i fili delle emozioni attraverso la scrittura creativa, la danza e l’arte – ogni partecipante sarà invitato a tessere parole, pensieri, corpi e visioni nuove per vestire la versione più creativa – e quindi più autentica – di noi, e andare così incontro all’altro. I laboratori saranno tenuti, oltre che da Chiara Gamberale, anche da Davide Manico (danzatore, coreografo e storyteller) e da Sabina D’Angelosante (pittrice e ricercatrice d’arte).

“Tempo, corpo e identità” (dal 19 al 21 luglio) sarà un laboratorio pratico per attori e attrici intorno a Il Giardino dei Ciliegi di Anton Cechov e alla possibilità di muoversi nel tempo a partire dal proprio presente. A condurre, Claudia Sorace, regista e direttrice artistica di Muta Imago.

Info: info@tramecontemporanee.it o 3518528404


Vino e fiori in piazza: a Ruvo torna “Rose e Rosati”. Ecco il programma

In il

rose e rosati 2024 ruvo

ROSE & ROSATI
Piazza G. Matteotti – Ruvo di Puglia (Bari)

Due giorni di musica, sapori, arte e cultura per ripartire dalla bellezza della città di Ruvo di Puglia.
A fare da contorno ai più rinomati vini rosati della regione e ai pregiati fiori tipici di questo periodo, ci saranno musica popolare, momenti culturali e visite guidate.
Rose & Rosati è un evento organizzato dalla Pro Loco di Ruvo di Puglia in collaborazione con l’Assessorato Cultura e Turismo del Comune di Ruvo di Puglia, con l’Assessorato Industria Turistica e Culturale della Regione Puglia e con il Comitato Regionale UNPLI Pug.

PROGRAMMA:

Giovedì 16 maggio

ore 18.45
Galleria Via de Cristoforis, 24
Inaugurazione mostra “Dal micro al macro”
(fino al 31/05 dalle ore 19 alle 21)

Venerdì 17 maggio

ore 18.30
Piazzetta dell’Info point
Presentazione del volume di Vito Ricci “I Templari nella Puglia medievale”

Sabato 18 maggio

ore 17.00
Piazza Matteotti
Apertura stand florovivaistici ed enogastronomici

ore 17.30
Piazza Matteotti
Laboratorio di Antichi Mestieri

ore 17.30
Partenza Info Point
Visite guidate
(Grotta di San Cleto, Ipogeo Cattedrale, Palazzo Camerino, Museo Nazionale Jatta, Museo della Civiltà Contadina)

ore 18.30
Piazza Matteotti
Laboratorio di pizzica

ore 21.00
Piazza Matteotti
Concerto Orchestra Popolare La Notte della Taranta

Domenica 19 maggio

ore 9.00
Piazza Matteotti
Raduno e partenza: Domenica in Bici (seconda edizione)

ore 10.00
Piazza Matteotti
Apertura stand florovivaistici ed enogastronomici

ore 10.00
Piazza Matteotti
Laboratorio di Antichi Mestieri

ore 10.15
Partenza Info Point
Visite guidate
(Grotta di San Cleto, Ipogeo Cattedrale, Palazzo Camerino, Museo Nazionale Jatta, Museo della civiltà contadina)

ore 10.30
Piazza Matteotti
Dj Set a cura di Arola’s
(dj Max e dj Roby)

ore 17.30
Partenza Info Point
Visite guidate
(Grotta di San Cleto, Ipogeo Cattedrale, Palazzo Camerino, Museo Nazionale Jatta, Museo della Civiltà Contadina)

ore 21.00
Piazza Matteotti
Concerto Band Music Flow
Best of 80s

VISITE GUIDATE:

Sabato 18 maggio

ore 16.00 Museo Nazionale Jatta
ore 17.30 Museo della Civiltà Contadina
ore 18.00 Palazzo Camerino
dalle ore 18.00 alle 20.00 Torre dell’Orologio

Domenica 19 maggio

dalle ore 10.00 alle 12.00 Torre dell’Orologio
ore 10.00 Grotta di San Cleto
ore 10.30 Passeggiata nel Centro Storico
ore 11.00 Palazzo Camerino
ore 16.00 Cattedrale e il suo ipogeo
ore 17.00 Palazzo Camerino


Maggio all’infanzia, festival di teatro per le nuove generazioni – IL PROGRAMMA

In il

maggio-all-infanzia-2024

“Di foglia in foglia”: a Bari, Martina Franca, Molfetta, Monopoli e Ruvo la XXVII edizione del festival Maggio all’infanzia

Di foglia in foglia… da uovo a bruco…da bruco a crisalide …da crisalide a farfalla in volo… e poi, ancora e ancora. Tutto muta, tutto si trasforma… albero, cielo, tempo, mare, scoiattolo, pesce, airone… camaleonte… c’era una volta una bambina e un bambino e uno specchio che osservava, ascoltava e rifletteva… desideri, sogni, paure e… domande, tante domande… poi, con un filo invisibile, tesseva storie… che, di notte, sussurrava all’orecchio di lui, di lei, di noi, di voi… di essi, si, anche di essi… (Teresa Ludovico)

Teatri, ma anche ex conventi, palazzi d’epoca, piazze, sale parrocchiali e chapiteau si fanno palcoscenico per l’atteso appuntamento dedicato al giovane pubblico. Di foglia in foglia è il titolo della XXVII edizione del Maggio all’infanzia, il Festival di teatro per le nuove generazioni organizzato da Fondazione SAT Spettacolo Arte Territorio, con la direzione artistica di Teresa Ludovico, la cura del progetto di Cecilia Cangelli e la consulenza pedagogica di Giorgio Testa.
Per l’edizione del 2024 due nuovi Comuni si aggiungono al progetto: Ruvo di Puglia e Martina Franca che, insieme a Bari, Molfetta e Monopoli,ospiteranno per tutto il mese di maggio le più importanti produzioni di teatro per ragazzi a livello nazionale e internazionale, con debutti, repliche mattutine dedicate alle scolaresche e appuntamenti pomeridiani e serali aperti alle famiglie e al pubblico tutto. Protagoniste anche le arti circensi, all’interno di due chapiteau del Circo Madera e del Circo Paniko.
Al Teatro Piccinni il 12 maggio l’apertura barese con uno spettacolo di particolare intensità e poesia, pluripremiato e acclamatissimo in Italia e all’estero da 25 anni con oltre 700 repliche, Romanzo d’infanzia, nell’ambito della Stagione Teatrale 23/24 del Comune di Bari, in collaborazione con il Teatro Pubblico Pugliese.

Punto focale del Maggio all’infanzia è, come da tradizione, la vetrina degli spettacoli proposti ai numerosi operatori del settore che giungono appositamente in Puglia per incontrare compagnie esordienti e visionare nuovi spettacolida programmarenelle prossime stagioni teatrali in tutta Italia: 22 produzioni, di cui 10 debutti nazionali e quattro regionali – in programma dal 15 al 19 maggio nei teatri di Bari, Ruvo e Monopoli.

Prosegue anche lo scambio culturale internazionale con la Corea attraverso la partnership tra Fondazione SAT e Kofice (Fondazione coreana per lo scambio culturale internazionale) che arricchisce il programma di un nuovo debutto nazionale e rafforza il  respiro internazionale del Maggio all’infanzia. Il festival infatti rientra nella rete di Italiafestival ed EFA European Festivals Association (nell’ambito del progetto Effe Label).

Per gli eventi collaterali una varietà di linguaggi artistici, come quello filmico: i cortometraggi ‘Cara Alice’ (regia di Gabriele Armenise) e ‘Conto terzi’ (regia di Antonio Palumbo) intrecciano i temi del lavoro, ambiente e salute nell’incontro dedicato agli studenti delle scuole superiori, per l’iniziativa patrocinata e sostenuta dal Garante regionale dei diritti dei minori, in collaborazione con l’INAIL Puglia,al Kismet di Bari.
A Monopoli gli allievi del Conservatorio di Musica ‘Nino Rota’ cureranno concerti e performance musicali sul piazzale adiacente al teatro Radar.

Un Festival da vivere anche attraverso i collegamenti curati dalla radio media partner RKO, La radio che si vede.

Il programma si completa con la formazione per insegnanti, operatori ed educatori,a cura di Casa dello spettatore di Roma e Casa del contemporaneo, con la direzione del pedagogo Giorgio Testa; la formazione del pubblico di tutte le età dei Kismet Lab, i laboratori teatrali realizzati nel corso dell’anno al Teatro Kismet di Bari, che si concludono con gli esiti finali. Inoltre una speciale lezione ‘sensoriale – botanica’ tenuta da Nick Difino, realizzata nell’ambito del protocollo di intesa siglato da ARPA Puglia e Teatri di Bari.

Il Maggio all’infanzia avrà appuntamenti gratuiti, concerti e spettacoli con prezzi accessibili a tutti: un biglietto unico di 5 euro, eccetto per il Teatro Piccinni (5, 6 e 8 euro) e gli chapiteau (3 e 7 euro). Una scelta che si inserisce nell’impegno di Fondazione SAT di avvicinare la cultura a tutti, in particolare alle nuove generazioni, anche grazie al supporto delle aziende del territorio, che possono offrire alle scolaresche una giornata a teatro con il progetto ‘Invita una classe a teatro!’, come spiegato nella sezione dedicata sul sito www.maggioallinfanzia.it.

Le proposte in vetrina per gli operatori ospiti

Dal 15 al 19 maggio a Bari, Ruvo e Monopoli le proposte degli spettacoli presentati agli organizzatori nazionali, con importanti debutti come L’arrago. Storia di baby gang, una nuova produzione di Teatri di Bari che guarda al mondo della criminalità giovanile con i suoi riti e le sue regole. Evelina vien dal mare (Vincitore dell’edizione 2022/23 del bando per residenze artistiche rivolto a compagnie, artisti e performer pugliesi del TRAC Teatri di Residenza Artistica Contemporanea – Centro di residenza pugliese) – e Freevola si fanno invece voce controcorrente in una realtà che ci vuole tutti uguali, incasellati in schemi ben precisi, difficili da scardinare. L’Europa non cade dal cielo, del Teatro delle Albe, è un racconto a due voci che ha come nucleo centrale l’Unione Europea a partire dalla sua nascita fino ad arrivare ai giorni nostri.

Un programma che abbraccia anche la prima infanzia, con Il mio giardino– debutto nazionale ambientato nel luogo dell’anima in cui avviene il miracolo del germoglio, della prima fogliolina e della creazione della vita – e l’apprezzato LàQua, il piccolo canto che riecheggia dalla pancia della mamma. Non mancano rivisitazioni di fiabe tramandate di generazione in generazione, per la prima volta sui palcoscenici nazionali: La favola di Peter racconta il rapporto tra Peter Pan e la sua ombra, che guarda crescere il personaggio nato dalla penna di a J. M. Barrie; Jack, il ragazzino che sorvolò l’oceanoè il secondo spettacolo della trilogia ispirata al piccolo protagonista della favola inglese ‘Jack e il fagiolo magico’, mentre Nella pancia del lupoapprofondisce i lati più oscuri della storia più famosa del mondo, quella di Cappuccetto rosso. Per la prima volta in Puglia Arlecchino e il capitan mangiabambini, favoletta che incita a un amore consapevole.

Dalla favola si passa al mito con due strambi clown alle prese con il mistero dell’esistenza in Los Socrates e il mistero della caverna; i momenti salienti delle famose gesta eroiche del Pelide Achille e della sua ira funesta sono al centro di Le tragicomiche, vita da eroi(al debutto nazionale), mentre con Il Minotauro senza fili saremo catapultati nell’antica Grecia con il mitologico mostro mangiatore di bambini. Il programma vede anche spettacoli ‘onirici’ che uniscono linguaggi diversi, come The Barnard loop, Nutcracker orchestra, Habitat kids! -realizzato con il supporto del TRAC – e PerAria (debutto nazionale). Tra storia e contemporaneo si muovono: Il viaggio dei bambini, altro debutto che ripercorre le storie dei passeggeri della Katër i Radës, motovedetta naufragata nel 1997; Quando le stelle caddero nel fiume, coproduzione Compagnia del sole e Teatri di Bariche narra dell’eccidio dei cristiani copti in Africa nel 1937; il sognante ricordo degli anni del boom economico, così lontano dalla Brindisi dei giorni nostri in cui vive la protagonista di Revolution; l’incontro metaletterario con Virginia Woolf in Virginia allo specchio. Con La burlafacciamo infine la conoscenza di tre strampalati proprietari di un negozio di giocattoli. Per gli operatori presenti a Monopoli sarà organizzato un pranzo speciale: cuochi e camerieri saranno i ragazzi del progetto formativo dell’aps Piano Terra.

Gli altri appuntamenti

Il Maggio all’infanzia vede nelle città aderenti tante altre iniziative adatte a tutte le età. Come già anticipato, a Bari gli eventi teatrali si aprono il 12 maggio con il gradito ritorno della Compagnia Abbondanza/Bertoni, in sodalizio artistico con Letizia Quintavalla e Bruno Stori, per il teatro-danza per tutti, una dedica a coloro che non possono fare a meno dell’amore. L’ormai tradizionale Corteo del Maggio, la mattina del 14 maggio, con le scolaresche, che ‘di foglia in foglia’ animeranno il cuore della città. Una festa di comunità accessibile a tutti, anche alle associazioni per persone con disabilità, ai quali sono dedicati tre eventi realizzati con il sostegno del Garante dei diritti dei disabili della Regione Puglia. Il 25 e 26 maggio al Teatro Kismet per la prima volta in Italia lo spettacolo Poli Pop della compagnia coreana Brush Theatre, realizzato in collaborazione con Kofice e l’Istituto culturale coreano in Italia. Il piazzale del Teatro Kismet torna ad accogliere quest’anno le arti circensi nello chapiteau Circo Madera (dal 16 al 26 maggio).

A Monopoli in collaborazione con il Conservatorio musicale: due concerti al Teatro Radar e una performance degli allievi nel piazzale esterno del teatro comunale. Da largo Giuseppe Garibaldi il 19 maggio parte la parata di strada Fiesta che con tamburi, costumi colorati, trampolieri e fuochi raggiungerà piazza Vittorio Emanuele II.

Per il secondo anno il festival si svolge a Molfetta: nel teatro della Cittadella degli artisti sarà presentato in anteprima lo spettacolo L’arrago. Storia di baby gang, mentre nel parco urbano dedicato al fondatore degli scout, Robert Baden-Powell, tra alberi e opere d’arte verrà allestito dal 17 al 26 maggio lo chapiteau Circo Paniko con un nutrito programma di spettacoli e concerti.

A Ruvo di Puglia, novità di quest’anno, si terranno nel Teatro comunale e nell’ex convento dei Domenicani gli spettacoli programmati per gli operatori, realizzati in collaborazione con la Compagnia La luna nel letto.

Tra il Piccolo Teatro Comunale ‘Valerio Cappelli’, la sala consiliare del Palazzo Ducale e due piazze si snoda infine la programmazione di Martina Franca. Saranno messi in scena due spettacoli prodotti da Teatri di Bari: Come SeMe (coprodotto con Kuziba), un viaggio poetico fatto di suoni e una manciata di parole, e il racconto in musica Kirikù e la strega Karabà,di e conTeresa Ludovico, Maurizio Lampugnani eSudjembè Ensemble.
Protagonista anche la creatività dei piccolissimi, che a Martina Franca, Molfetta, Monopoli e Ruvo realizzeranno con matite, pennelli e colori I Manifestini del Maggio, variopinti disegni che abbelliranno gli spazi della rassegna e delle scuole.

I luoghi del Maggio
BARI Teatro Kismet – Teatro Piccinni – Granteatrino Casa di Pulcinella – Piazza Massari
MONOPOLI Teatro Radar – Teatro Mariella – Parrocchia Sacro Cuore – Piazza Vittorio Emanuele II – Largo Giuseppe Garibaldi
MOLFETTA La Cittadella degli artisti – Parco urbano Baden-Powell
RUVO Teatro comunale – Ex convento dei Domenicani
MARTINA FRANCA Sala consiliare Palazzo Ducale – Piazza Roma – Piazza Immacolata – Piccolo teatro comunale Valerio Cappelli

Il Festival è organizzato da Fondazione SAT Spettacolo Arte Territorio, con il sostegno del Ministero della Cultura, della Regione Puglia, dei Comuni di Bari, Martina Franca, Molfetta, Monopoli e Ruvo di Puglia, e della Camera di Commercio Bari, Teatro Pubblico Pugliese, Istituto Culturale Coreano e Kofice (Fondazione Coreana per lo scambio culturale internazionale). Con il patrocinio e il sostegno del Garante dei diritti del minore e del Garante dei diritti delle persone con disabilità della Regione Puglia.

In collaborazione con il Teatro stabile d’innovazione ragazzi Le Nuvole di Napoli e con Casa dello spettatore di Roma, Casa del contemporaneo, TRIC Teatri di Bari, Cooperativa Kismet, Assitej Italia (Associazione internazionale di teatro per bambini e giovani), TRAC rete delle residenze teatrali pugliesi, ARPA Puglia, Conservatorio di Musica ‘Nino Rota’ di Monopoli, Pro loco di Martina Franca. Il festival rientra nella rete di Italiafestival ed EFA European Festivals Association (nell’ambito del progetto Effe Label).

PROGRAMMA:

BARI

Giovedì 2 maggio | 9.45 – Teatro Kismet
CARA ALICE, SI PUO’ MORIRE DI LAVORO?
Mattinata di sensibilizzazione su ambiente, salute e lavoro per le scuole superiori.
In collaborazione con il Garante dei diritti dell’infanzia e dell’adolescenza della Regione Puglia.
gratuito

Venerdì 10 maggio | 10.00 – Giardino Kismet
COSMICO! La musica delle piante
Reading di e con Nick Difino
Musiche di Vittorio Curci e Gianni Console
gratuito con prenotazione

Domenica 12 maggio | 18.00 – Teatro Piccinni
ROMANZO D’INFANZIA
ABBONDANZA/BERTONI
regia e drammaturgia Letizia Quintavalla e Bruno Stori
55 min | da € 5 Botteghino Teatro Piccinni e Vivaticket

Martedì 14 maggio dalle 10.00 – da Piazza Massari a Piazza del Ferrarese
CORTEO DEL MAGGIO
Col patrocinio e il sostegno del Garante regionale dei diritti delle persone con disabilità. Partecipa
Raggi di Sole Onlus Corato. Con le scuole Il Mondo di Peter Pan Corato, Istituto Comprensivo
Don Lorenzo Milani Bari, Scuola dell’infanzia via Trentino Bari, Scuola dell’infanzia via Lanave Bari,
Scuola dell’infanzia De Fano Bari, Istituto Margherita Bari, Istituto Comprensivo De Gasperi – Pende
Noicattaro.

Mercoledì 15 maggio | 16.00 – Casa di Pulcinella
EVELINA VIEN DAL MARE
regia Elisabetta Aloia
con il sostegno di TRAC_Centro di residenza teatrale pugliese
da 8 anni | 60 min | € 5

17.15 – Teatro Kismet
HABITAT KIDS! FIKA DANZA
coreografia Agnese Lanza, Martina Francone, Sara Campinoti
con il supporto di TRAC_Centro di residenza teatrale pugliese
3-8 anni | 40 min | € 5 posti limitati

18.00 – Giardino Kismet
ARLECCHINO E IL CAPITAN MANGIABAMBINI
LANDE DEL VERO / DEBUTTO REGIONALE
di e con Eleonora Landi, Domenico Indiveri
4-10 anni | € 5 posti limitati

18.30 – Teatro Kismet
NUTCRACKER ORCHESTRA
BOTTEGA DEGLI APOCRIFI
regia e scene Cosimo Severo
da 5 anni | 50 min | € 5

Giovedì 16 maggio | 9.00 – Teatro Kismet
THE BARNARD LOOP DISPENSA BARZOTTI
regia Alessandra Ventrella
da 6 anni | 50 min | € 3

19.30 – Teatro Kismet
IL VIAGGIO DEI BAMBINI
FACTORY COMPAGNIA TRANSADRIATICA / DEBUTTO NAZIONALE
regia Tonio De Nitto
da 12 anni | 55 min | € 5

Sabato 25 maggio 18.30 e domenica 26 maggio 18.00 | Teatro Kismet
POLI POP BRUSH THEATRE / DEBUTTO NAZIONALE
spettacolo in collaborazione con KOFICE – Korean Foundation for International Cultural Exchange
da 3 anni | 60 min | € 5

ESITI LABORATORI KISMET LAB

Giovedì 30 maggio | 18.00 – Teatro Kismet
LIBRO TEATRO LIBERO, IL TEATRO INCONTRA GLI ALBI ILLUSTRATI
A cura di Gianna Grimaldi

Giovedì 30 maggio | 21.00 – Teatro Kismet
KISMET LAB – ESSERE (PRONTI) È TUTTO
A cura di Lello Tedeschi

Domenica 30 giugno | 20.30 – Teatro Kismet
LA TEMPESTA
TEATRI DI BARI
Racconto in musica di e con Teresa Ludovico
Musiche del M° Tommaso Scarimbolo
10 anni | € 5

CIRCO MADERA
Chapiteau Teatro Kismet | Bari
€ 7

Giovedì 16 e venerdì 17 maggio | 21
HESPERUS
60 min

Sabato 18 maggio | 18
A RUOTA LIBERA
di Roberto Sblattero
50 min

Domenica 19 maggio | 18 e 21
HESPERUS
60 min

Venerdì 24 maggio | 18
GRAN CABARET MADERA
60 min

Sabato 25 maggio | 21
GRAN CABARET MADERA
60 min

Domenica 26 maggio | 11 e 21
GRAN CABARET MADERA
60 min

MARTINA FRANCA

Sabato 4 maggio | 10.00-12.00 – Piazza Roma
I MANIFESTINI DEL MAGGIO ALL’INFANZIA
laboratorio con la partecipazione delle scuole primarie
gratuito

Domenica 5 maggio | 10.00 e 11.15 – Sala consiliare del Palazzo Ducale
COME SeMe
KUZIBA | TEATRI DI BARI
regia Annabella Tedone
2-5 anni | 40 min | € 5 posti limitati

Sabato 12 maggio | 18.00 – Piccolo Teatro Comunale Cappelli
KIRIKU’ E LA STREGA KARABA’
TEATRI DI BARI
adattamento e voce narrante Teresa Ludovico
musiche Maurizio Lampugnani
con Sudjembè Ensemble
da 6 anni | € 5

Domenica 26 maggio | 19.00 – Piazza Immacolata
OTTO PANZER SHOW
di e con Gianni Risola
gratuito

MOLFETTA

Giovedì 9 e venerdì 10 maggio | 10.00 – La cittadella degli artisti
L’ARRAGO, STORIA DI BABY GANG
TEATRI DI BARI /ANTEPRIMA
regia di Gianpiero Borgia
da 13 anni | 60 min | € 3

Domenica 12 maggio | 10.00-12.00 – Parco Urbano Baden Powell
I MANIFESTINI DEL MAGGIO ALL’INFANZIA
laboratorio con la partecipazione delle scuole primarie
gratuito

10.00 – 12.00 – Parco Urbano Baden Powell
CIRCOBUS
UN CLOWN PER AMICO
da 6 anni | gratuito

CIRCO PANIKO
Chapiteau Parco Urbano Baden Powell | Molfetta
tout public | € 3 e offerta libera a fine spettacolo

Venerdì 17 maggio | ore 21
APOCALIPPO
75 min

Sabato 18 maggio | ore 11.30
BAGATELLA
50 min

ore 18 e ore 21
APOCALIPPO
75 min

Domenica 19 maggio | ore 11.30
BAGATELLA
50 min

ore 18 e ore 21
APOCALIPPO
75 min

Giovedì 23 maggio | ore 18
NINA
50 min

Venerdì 24 maggio | ore 18
CABARET PANIKO
50 min

ore 21
APOCALIPPO
75 min

Sabato 25 maggio | ore 11
OTTO PANZER SHOW
di Gianni Risola

ore 18
CABARET PANIKO
50 min

ore 21
APOCALIPPO
75 min

Domenica 26 maggio | 11.30
Che coppia!!
spettacolo comico-acrobatico
40 min

ore 18
APOCALIPPO
75 min

ore 19.30
ELECTRO MAGMA
concerto del Circo Paniko
CIRCO PANIKO
Chapiteau Parco Urbano Baden Powell | Molfetta
tout public | € 3 e offerta libera a fine spettacolo

MONOPOLI

Martedì 7 maggio 10.00-12.00 – Piazza Vittorio Emanuele II
I MANIFESTINI DEL MAGGIO ALL’INFANZIA
laboratorio con la partecipazione delle scuole primarie

Domenica 12 maggio | 18.30 – Teatro Radar
IL CARNEVALE DEGLI ANIMALI
Ensemble del Conservatorio di Musica Nino Rota di Monopoli
gratuito, fino a esaurimento posti

Venerdì 17 maggio | 9.00 – Teatro Radar
L’ARRAGO, STORIA DI BABY GANG
TEATRI DI BARI /DEBUTTO NAZIONALE
regia di Gianpiero Borgia
da 13 anni | 60 min | € 3

10.15 – Parrocchia Sacro Cuore
IL MIO GIARDINO
SCHEGGE DI COTONE / DEBUTTO NAZIONALE
di e con Letizia Fata
2-5 anni | 35 min | € 3

11.15 – Teatro Mariella
QUANDO LE STELLE CADDERO NEL FIUME
COMPAGNIA DEL SOLE | TEATRI DI BARI
regia Alessandro Maggi
11 anni | € 3

16.00 – Parrocchia Sacro Cuore
LOS SOCRATES E IL MISTERO DELLA CAVERNA
ARETÉ ENSEMBLE
di e con Annika Strøhm e Saba Salvemini
8-11 anni | 75 min | € 5

17.45 – Teatro Mariella
NELLA PANCIA DEL LUPO
KUZIBA / DEBUTTO NAZIONALE
regia e drammaturgia Raffaella Giancipoli
da 6 anni | 50 min | € 5

18.45 – Piazzetta del Teatro Radar
WALT DISNEY FANTASY
Quartetto d’archi del Conservatorio di Musica Nino Rota di Monopoli
gratuito, fino a esaurimento posti

19.15 – Teatro Radar
LA BURLA
MADAME REBINÉ
di e con Andrea Brunetto, Max Pederzoli, Alessio Pollutri
5-10 anni | 50 min | € 5

20.30 – Teatro Radar
REVOLUTION
MERIDIANI PERDUTI
di e con Sara Bevilacqua
da 11 anni | 60 min | € 5

Sabato 18 maggio | 9.00 – Teatro Mariella
LA FAVOLA DI PETER
PRINCIPIO ATTIVO / DEBUTTO NAZIONALE
regia e drammaturgia Giuseppe Semeraro
da 6 anni | 60 min | € 3

10.00 – Teatro Radar
Per Aria
SOSTA PALMIZI / DEBUTTO NAZIONALE
coreografie e creazione scenica Giorgio Rossi
da 4 anni | 50 min | € 3

16.45 – Parrocchia Sacro Cuore
LAQUA
TEATRO KOREJA
di e con Emanuela Pisicchio e Maria Rosaria Ponzetta
0-3 anni | 20 min | € 5

18.00 – Teatro Mariella
IL MINOTAURO SENZA FILI
ADAMÀH TEATRO
di e con Cecilia Bartoli e Margherita Galli
5-10 anni | 50 min | € 5

19.30 – Teatro Radar
VIRGINIA ALLO SPECCHIO
ANIMALENTA
scritto e diretto da Ilaria Cangialosi
13 anni | 60 min | € 5

Domenica 19 maggio | 19.00 – da Piazza Garibaldi a Piazza Vittorio Emanuele II
FIESTA
Parata di strada | A cura di Teatro dei due mondi

Martedì 28 maggio | 19.00 – Teatro Radar
MOLTE VOCI – UNA VOCE
Concerto dei cori interscolastici | A cura del Conservatorio di Musica Nino Rota di Monopoli
gratuito, fino a esaurimento posti

RUVO

Giovedì 16 maggio | 11.00 – Teatro Comunale
JACK, IL RAGAZZINO CHE SORVOLO’ L’OCEANO UNA STORIA TRA CIELO E MARE
LA LUNA NEL LETTO / DEBUTTO NAZIONALE
testi, regia e scene Michelangelo Campanale
da 4 anni | 50 min | € 6

12.00 – Teatro Comunale
I MANIFESTINI DEL MAGGIO ALL’INFANZIA
laboratorio con la partecipazione delle scuole primarie

12.15 – Teatro Comunale
L’EUROPA NON CADE DAL CIELO
TEATRO DELLE ALBE
Ideazione e regia Alessandro Argnani
da 11 anni | 55 min | € 6

15.00 – Ex convento dei Domenicani
FREEVOLA. CONFESSIONI SULL’INSOSTENIBILE BISOGNO DI AMMIRAZIONE
TRENTO SPETTACOLI
di e con Lucia Raffaella Mariani
da 14 anni | 60 min | € 5

16.30 – Teatro Comunale
LE TRAGICOMICHE, VITA DA EROI
CREST e I NUOVI SCALZI / DEBUTTO NAZIONALE
testi e regia Savino Maria Italiano
da 10 anni | 70 min | € 5

LABORATORIO PER GUARDARTI MEGLIO!
OSSERVATORIO PEDAGOGICO IN FESTIVAL diretto da Giorgio Testa
Corso di formazione per docenti di scuole di ogni ordine e grado, operatori ed educatori
Un progetto di Casa dello Spettatore / Centro Nascita Montessori
con il sostegno di Ministero della Cultura
26 ore – dal 15 maggio al 18 maggio
INFO 333 4954424 – info@casadellospettatore.it

I LUOGHI DEL FESTIVAL

BARI
TEATRO KISMET strada S. Giorgio martire 22/F | Tel. 0805797667 – 3358052211 | botteghino@teatrokismet.it
dal martedì a venerdì ore 10.30 – 12.30 e 16.30 – 19.00
CASA DI PULCINELLA Arena della Vittoria 4/A | Tel. 0805344660
TEATRO PICCINNI Corso Vittorio Emanuele II 84 | Tel. 0805772465 – 3286917948 | dal mercoledì al sabato
dalle 10.00 alle 13.00 e dalle 17.00 alle 20.00

MARTINA FRANCA
PICCOLO TEATRO COMUNALE CAPPELLI | Vico II Giuseppe Testa 16 | Tel. 0804113121
SALA CONSILIARE PALAZZO DUCALE | piazza Roma 32
PIAZZA ROMA
PIAZZA IMMACOLATA

MOLFETTA
LA CITTADELLA DEGLI ARTISTI via Bisceglie 775 | Tel. 0803387082 – 3921638782 | info@cittadellartisti.it
tutti i giorni tranne il lunedì ore 17 – 20
PARCO URBANO BADEN POWELL via Leonardo Azzarita 118 e via Fremantle angolo via G. Falcone

MONOPOLI
TEATRO RADAR via Magenta 71 | Tel. 3357564788 | info@teatroradar.it | dal martedì al venerdì ore 17.00 –
19.00
TEATRO MARIELLA largo Cardinale Marzati 2 | Tel. 3317772088
PARROCCHIA SACRO CUORE via Fiume 15 | Tel. 080802992
PIAZZA VITTORIO EMANUELE II

RUVO DI PUGLIA
TEATRO COMUNALE via Sandro Pertini | Tel. 0803603114 | info@teatrocomunaleruvo.it
EX CONVENTO DEI DOMENICANI via Madonna delle Grazie 2

BOTTEGHINO
Spettacoli nei teatri € 5
Spettacolo Teatro Piccinni € 5/6/8 (acquistabili on line e al botteghino del teatro)
Circo Madera Bari € 7
Circo Paniko Molfetta € 3 euro (più offerta libera a fine spettacolo)


Ruvo Art Festival la maratona di arte, musica e spettacolo

In il

ruvo art festival

RUVO ART FESTIVAL – Prima Edizione
La maratona di Arte, Musica e Spettacolo
Pineta Comunale Ruvo di Puglia (Bari)

Benvenuti al RUVO ART FESTIVAL 2024 – I° Edizione
La maratona di arte, musica e spettacolo! Introduciamo con entusiasmo la RUVO ART, una nuova realtà di Ruvo di Puglia composta da un eclettico gruppo di artisti locali, tra musicisti, cantanti, DJ, artisti delle arti figurative e delle arti performative del teatro e della danza.

La RUVO ART sta dando vita alla prima edizione del RUVO ART FESTIVAL, un’eccezionale maratona di arte, musica e spettacolo che si svolgerà dal 29 al 30 aprile e il 1° maggio 2024 nella suggestiva cornice della nostra pineta comunale. Questo evento unico celebra la creatività e l’espressione artistica, offrendo al pubblico un’esperienza indimenticabile immersa nella cultura e nell’innovazione.

“Siate affamati, siate folli” S.J.
Come sottolineava Steve Jobs, è essenziale mantenere la fame di apprendimento e la follia creativa nel perseguire gli obiettivi personali e professionali. Pertanto, vi invitiamo a non smettere mai di avere fame di musica, arte, danza spettacolo e di BELLEZZA!!!

Abbiamo bisogno della vostra energia e presenza per rendere il nostro evento un’esperienza straordinaria. Unisciti a noi per tre giorni straordinari di ispirazione e divertimento al RUVO ART FESTIVAL, dove il fascino dell’arte si fonde con la magia della musica e dello spettacolo. Sarà un’occasione imperdibile per celebrare l’arte in tutte le sue forme e connettersi con la vibrante comunità artistica di Ruvo di Puglia.

Vi invitiamo a partecipare e vivere un’esperienza che stimolerà la mente e l’anima. La certezza di divertimento è garantita, poiché l’intrattenimento è la nostra passione e il nostro mestiere da anni.

Siamo pronti a offrirti giornate di puro godimento e celebrazione della creatività al RUVO ART FESTIVAL 2024 – I° Edizione.

LOCATION:
Pineta Comunale di Ruvo di Puglia (Bari)

DATE:
29 e 30 Aprile, 1° Maggio 2024
• 29 Aprile – dalle ore 19:00 alle 23:00
• 30 Aprile – dalle ore 19:00 alle 00:00
• 1° Maggio – dalle ore 10:00 alle 23:00

I PROTAGONISTI:

Ruvo Art
Produttori esecutivi e direzione artistica: Rino Straniero e Cecilia Pellegrini
Curatrici d’arte: Daniela Clitorosso, Katia Di Palo, Fidelia Catalano
Professore: Domenico Scarongella
Consulente artistico: Danny Howen
Referente Teatro in strada: Angela Faniello
Referente Danza: Anna Lorusso
Referenti Musicisti: Livio Minafra, Beppe Summo, Giovanni Mazzone
Referente Dj: Rino Straniero

Ruvo Art Festival
Musicisti e cantanti
* Gianni Mazzone
* Andrea di Bitonto
* Antonietta Pellegrini
* Adriana Petrone
* Paolo Tambone
* Filomena Minafra-Filly
* Mimmo Fracchiolla
* De Leo Filomena
* Adriano Palmieri
* Ricky Di Domenico
* Beppe Summo
* Livio Minafra
* Lillo Strillo
* Andrea Fracchiolla
* Gianluca Sabatino
* Edoardo Fresa
* Max Zaza
* William Sierra
* Donato Castagna
* Tommaso Summo

Dj
* Rino Straniero
* Tonio Ciliberti
* Giuseppe Tambone
* Bruno Cantatore
* Enzo De Leo
* Adriano Cantatore
* Flavio Di Gioia
* Danny Howen
* Maurizio Roselli
* Beppe DJ Reggae
* Biagio Petrone
* Franky Cantatore
* Nino Jaidee
* Gianni Montaruli

Danzatori
* Anna Lorusso
* Nino Capocchiano e Simona Ficco
* Deborah Minafra – Jonathan Lucarelli
* Silvio Antonio Anselmi
* Porzie De Nicolo – Piero Sorice
* Lola Hassan
* Maria Di Tullio

Vocalist
* Ezio Floriano

Presentatrice
* Alessia Di Terlizzi

Ospiti
* Gino Palmisano
* Simona Luglio
* Anna Milella
* Luigi Cutrone

Benvenuti al RUVO ART FESTIVAL 2024 – I° Edizione!
Un’esplosione di creatività e spettacolo che invaderà la Pineta Comunale di Ruvo di Puglia dal 29 al 1 maggio.
Non mancate!

Lasciatevi trasportare nell’universo magico della RUVO ART, dove artisti locali si uniscono per creare un’esperienza straordinaria al RUVO ART FESTIVAL 2024.

La Pineta Comunale di Ruvo di Puglia si trasformerà in un palcoscenico di arte e musica dal 29 aprile al 1 maggio. Non perdete la prima edizione del RUVO ART FESTIVAL!

Unisciti a noi per tre giorni di ispirazione e divertimento al RUVO ART FESTIVAL 2024! Una celebrazione della creatività con artisti eclettici provenienti da Ruvo di Puglia e oltre.

Vivete l’arte e la musica come mai prima d’ora al RUVO ART FESTIVAL! Dal 29 aprile al 1° maggio, la Pineta Comunale sarà il palcoscenico di un’esperienza unica.

RUVO ART FESTIVAL 2024 – I° Edizione: tre giorni di puro godimento e celebrazione della creatività! Non lasciatevi sfuggire questa straordinaria esperienza artistica.

Preparatevi a essere affascinati, provocati e ispirati! Al RUVO ART FESTIVAL 2024, esploreremo i sette peccati capitali attraverso l’arte, la musica e lo spettacolo.

RUVO ART FESTIVAL 2024: Un evento unico che celebra la bellezza dell’arte in tutte le sue forme. Partecipate e connettetevi con la vibrante comunità artistica di Ruvo di Puglia!

Scoprite l’oscurità e la complessità di ogni peccato capitale al RUVO ART FESTIVAL 2024. Una rappresentazione vivida e sensoriale vi attende dal 29 aprile al 1° maggio.

Siete pronti a immergervi in un mondo di lussuria, gola, avarizia e tanto altro? Al RUVO ART FESTIVAL 2024, ogni angolo dell’evento sarà una scoperta emozionante.

PROGRAMMA:

29 APRILE
• Ore 19:00 “LA GRANDE INAUGURAZIONE DEL FESTIVAL” presenta : Alessia Di Terlizzi
• Performance “SEVEN”e“VIRTUS” da un’idea di Daniela Raffaele CLITOROSSO in collaborazione con Tempio Danza, RevolutionDance, Hollywood Dance,JD Art School Dance Durante il festival : Mostra d’arte “L’ARTE UNISCE” pittura,poesia e banchetti espositivi con opere di artigianato artistico, cucito creativo e esposizione di Bonsai ( sono previsti laboratori e dimostrazioni)
• ARTISTA di STRADA “LUNATIQUE”
• Ore 20:00 MUSICA LIVE e Spettacolo di Danza
• Ore 22:00 DJ SET Con Adriano Cantatore, Bruno Mc e Gepposound,Tonio Ciliberti, Flavio Di Gioia vocalist :Ezio Floriano

CHIUSURA ore 00:00

30 APRILE
• Ore 19:00 APERITIVO al CHIOSCO con Dj set
• Ore 20:00 ospite della serata FAMIFARE ORCHESTRA Durante il festival : Mostra d’arte “L’ARTE UNISCE” pittura,poesia e banchetti espositivi con opere di artigianato artistico, cucito creativo e esposizione di Bonsai ( sono previsti laboratori e dimostrazioni) RITRATTI PAZZI “RubistArt” di Angela Faniello
• Ore 21:00 “VINIL e ROLLER SHOW” spettacolo di Roller Dance con Maria Di Tullio
• Ore 22:00 DJ SET con Bruno Mc e Gepposound, Nino Jaydee,Tonio Ciliberti, Gianni Montaruli vocalist :Ezio Floriano

CHIUSURA ore 01:00

1 MAGGIO
• Mattina ore 10:30 Spettacolo teatrale per bambini e… non solo! “COCCINELLA MADAME” di e con Angela Faniello
• A seguire : BABY DANCE in collaborazione con le scuole di ballo
• Ore 12:00 APERTIVO CARAIBICO ospite MIGUEL LAFORMULA Mostra d’arte “L’ARTE UNISCE” pittura,poesia e banchetti espositivi con opere di artigianato artistico, cucito creativo e esposizione di Bonsai ( sono previsti laboratori e dimostrazioni)
• Ore 17:00 VINIL SHOW al CHIOSCO
• Ore 18:00 inizio serata Performance “SEVEN”e“VIRTUS” da un’idea di Daniela Raffaele CLITOROSSO in collaborazione con Ins.Anna Lorusso e Tempio Danza, RevolutionDance, Hollywood Dance,JD Art School Dance
A seguire : MUSICA LIVE e Spettacolo di Danza
• Ore 19:00 ospite della serata GINO PALMISANO SHOW
• Ore 21:00 Dj set con DJ Danny Howen,Rosetta Stone,Rino Straniero
Vocalist :Ciccio Mass

Musicisti e cantanti: Gianni Mazzone, Mimmo Fracchiolla, Andrea Di Bitonto, Giovanni Gambino,Paolo Tambone,Adriano Palmieri,Cosimo Damiano D’Ingeo,Antonietta Pellegrini,Filomena De Leo, Filomena Minafra-Filly,Pierangelo Paparella,Nicola Catalano,Enzo Montaruli,Adriana Petrone,Anna Milella,Simona Luglio

Ballerini: Nino Capocchiano e Simona Ficco, Porzia De Nicolò e Piero Sorice,Deborah Minafra e Jonathan Lucarelli,Anna Lorusso e Vincenzo Pagano, Silvio Antonio Anselmi e Eleonora Riccardi,Rebecca Sorice e Pietro Lamonaca,Michelle Vallarelli,Gaia Di Bisceglie, Ilaria Chiapperini,Sara Boccucci,Laura Serafino,Aurora di Terlizzi,Sara Di Terlizzi,Giada Ciliberti,Erica Visicchio,Federica Siciliani,Martina Rutigliani,Emma Campanale,Eleonora Cascione,Marianna Montaruli,Giada Altamura,Kartika De Leo ESPONGONO per la collettiva d’arte: Katia Di Palo,Kabà(Barbara Cantatore)Francesca Zero,Gabriele Mansueto,Emanuela Pomponio,Serena Mazzone,Anna De Astis,Michele Marinelli,Angela Catalano,Maria Di Tullio,Michele Altamura,Sofia Grumo, Aldo Corcelli, Enzo Montaruli,Mariella Gattullo,” Il Giardino dell’Artista”di Fidelia Catalano e Raffaella Torelli


Scoppio della “Quarantana”, a Ruvo di Puglia pronta a bruciare la moglie del defunto Carnevale

In il

scoppio-della-quarantana-2024-ruvo-di-puglia

La Quarantana pronta a bruciare in strada a Ruvo di Puglia: la storia della moglie di Carnevale che, nell’usanza ruvese, è identificato dalla maschera di Mbà Rocchetidde Cape de Rafanidde.

La Quarantana è la raffigurazione simbolica della Quaresima, figura tipica in molti centri della provincia di Bari.

Appesa ai crocicchi delle strade fin dal primo giorno di Quaresima, simboleggia le penitenze quaresimali. Il suo nome deriva dai quaranta giorni che intercorrono tra il mercoledì delle Ceneri e la domenica di Pasqua. Assume le sembianze di una signora smunta e vestita di nero, a lutto per la morte del marito. Tra le mani vari oggetti: il fuso e il filo simboli del lavoro casalingo; il sarago alimento frequentemente consumato durante il periodo invernale; l’ombrello per affrontare le intemperie.

Inoltre, reca in mano un’arancia ove sono infilzate sette penne tante quante sono le settimane che costituiscono il periodo quaresimale. All’avvicinarsi della Pasqua, ogni domenica viene sfilata una penna dall’arancia, finché orami senza più penne, segnalerà il passaggio di tutte le settimane di penitenza, privazioni e digiuni. La sua esplosione rappresenta la vittoria della vita sulla morte, delle gioie sugli stenti e i sacrifici, della primavera sul freddo inverno.

Per il popolo raffigura la vedova di Carnevale, ma più propriamente è il simbolo visibile del digiuno e dell’astinenza ai quali si è tenuti durante la Quaresima. Imbottita di petardi, la Quarantana sarà fatta esplodere la domenica di Pasqua al passaggio del simulacro di Cristo Risorto.

L’iniziativa è promossa dalla Pro Loco UNPLI Ruvo di Puglia APS.

Vi aspettiamo domenica 31 Marzo 2024 alle ore 10:00 in Piazza Dante a Ruvo di Puglia.


“Donne Resistenti. 1936-1945” in una mostra l’omaggio alle donne che hanno combattuto i fascismi in tutta Europa

In il

Donne-Resistenti-1936-1945-mostra

Dopo l’esposizione al Museo Civico di Bari e le precedenti tappe in Francia e in Spagna, arriva a Ruvo di Puglia la mostra “Donne Resistenti. 1936-1945” organizzata dal Comune di Ruvo di Puglia-Assessorato alla Cultura insieme ad ANPI sez. Ruvo di Puglia.

La mostra fotografica e documentaria, che sarà visitabile dal 9 marzo al 3 maggio 2024 a Palazzo Caputi (in via Alcide De Gasperi 26), illustra il ruolo delle donne nella lotta antifascista durante l’opposizione al fascismo in Italia e Germania, la guerra civile in Spagna e la Resistenza europea, con particolare riferimento a quattro Paesi cui sono dedicate le sezioni della mostra: Spagna, Francia, Germania e Italia.

A inaugurare la mostra alle ore 18 di sabato 9 marzo nella sala conferenze del Museo di Libro a Palazzo Caputi sarà una conferenza introdotta dall’Assessora alla Cultura Monica Filograno che vedrà protagonisti la professoressa dell’Università di Bari Lea Durante con una lezione dedicata ad “Alba de Céspedes, una scrittrice a Radio Bari” e il dottor Vincenzo Colaprice di ANPI Ruvo di Puglia con un intervento su “Teodora Silenzi: una partigiana ruvese”.

Ospite della serata la professoressa Eva Gadaleta.

Saranno presenti il sindaco Pasquale Chieco e i rappresentanti dell’Amministrazione Comunale.

La mostra rimarrà visitabile per quasi due mesi sino a venerdì 3 maggio negli orari di apertura della Biblioteca Comunale e in alcune giornate in cui sono previste aperture straordinarie come la mattina del 25 aprile e quella del 1 Maggio.

Nel periodo di programmazione della mostra saranno organizzati incontri pubblici e approfondimenti storici su figure dell’antifascismo che integrano il racconto offerto dalla mostra, tra cui il 16 aprile la presentazione del libro di Giovanni Capurso La passione e le idee. La Puglia antifascista da Giuseppe Di Vagno a Giacomo Matteotti e il 23 aprile quella del libro di Pasquale Trizio 1943 guerra e liberazione.

Accesso libero alla mostra negli orari di apertura della biblioteca.
Sono previste aperture straordinarie e visite guidate.

Le scuole potranno visitarla avvalendosi anche della guida di referenti ANPI in giornate che saranno comunicate alle dirigenze scolastiche nei prossimi giorni.

Per info è prenotazioni è possibile contattare la Biblioteca Comunale ai numeri: 0809507503 – 0809507501.

L’evento rientra tra le iniziative culturali programmate dall’Amministrazione Comunale in collaborazione con ANPI sezione di Ruvo di Puglia per celebrare la Giornata Internazionale per i diritti delle donne dell’8 marzo e quella della Liberazione dell’Italia del 25 aprile.

L’organizzazione della mostra e delle relative iniziative culturali sono coordinate dalla Direttrice del Museo dott.ssa Teresa De Francesco.

Finanziata con il programma europeo Europe for Citizens, la mostra è parte del progetto MERME (Mujeres como elemento de resistencia de la memoria de Europa, «Le donne come elemento di resistenza della memoria d’Europa») promosso dalla Associación para la recuperación de la memoria historica, una ONG spagnola nata con il fine di cercare e recuperare i resti delle oltre 114.000 persone scomparse durante la dittatura franchista. Partner del progetto è l’ANPI che ha collaborato alla preparazione ed esecuzione della sezione italiana.


Sonoro Sud Festival, a Ruvo di Puglia la prima edizione

In il

Sonoro Sud Festival Ruvo di Puglia

Sonoro Sud Festival – Prima Edizione
8-9-10 Marzo 2024
Auditorium Santa Famiglia
Ruvo di Puglia (Bari)

Dall’8 al 10 marzo a Ruvo di Puglia la prima edizione di “Sonoro Sud Festival”, la tre giorni ideata e diretta da Livio Minafra conduce in un viaggio musicale fra strumenti e libri.
Quando un festival è capace di generarne altri diviene prezioso per un territorio. La fortunata città in questione è Ruvo di Puglia che, a breve, darà i natali ad una tre giorni, figlia del già noto Talos Festival.
Il suo nome è Sonoro Sud, il merito di averlo ideato va a Livio Minafra. È lui il direttore artistico della prima edizione del neonato festival, il cui sottotitolo recita così: musiche, storie e periferie.
Sono le tre parole chiave degli eventi che dall’8 al 10 marzo saranno in programma all’Auditorium Santa Famiglia di Ruvo di Puglia.
Sonoro Sud è il Sud, chiassoso, pettegolo, fatto di storie, intimo ed esagerato. Sonoro Sud è giallo-arancio come l’oro. In quanto figlio del Talos Festival, mantiene elementi delle proprie origini ma ne aggiunge di propri.
Un festival fatto di musiche, al plurale, storie, di persone che portano il proprio immaginario compositivo.  Sonoro Sud è periferia come tutte le musiche non commerciali, non inquadrabili, vivide, plastiche ma non di plastica.

Programma:

Tre giorni per cinque appuntamenti di cui tre concerti e due presentazioni di libri. Ad inaugurare il variegato programma del festival sarà, l’8 marzo alle 20, “Pulsar” con Giuseppe Berlen e Maurizio Lampugnani (percussioni).
Le percussioni sono un mondo infinito di possibilità, dai tamburi agli oggetti, dalla marimba ai gong. I bazar di Berlen e Lampugnani saranno esaltati dall’improvvisazione che lega i due artisti dai background aperti: jazz, pop, world, classica. “Pulsar” è la pazzia percussiva, l’attimo, il ritmo ma anche il suono.

Si proseguirà il 9 marzo, alle 19, con la presentazione di “Enzo Lorusso Book”, l’E-Book per la Timoteo Edizioni che raccoglie i migliori assolo al sax di Enzo Lorusso tra il 1958 e il 1965.
Un libro per jazzisti dedicato ad uno dei sax alti jazz più interessanti d’Italia nel dopoguerra. La serata sarà accompagnata da Nico Marziliano, al pianoforte, e Vincenzo Di Gioia, relatore della presentazione, al sax.
A seguire, alle ore 20, Vito di Modugno (organo hammond) e Nico Marziliano (pianoforte) saranno protagonisti di “Electro-acoustic”.
Pianoforte e organo, pur essendo a tastiera, non si incontrano quasi mai. Sia perché hanno ruoli simili di accompagnamento negli ensemble e sia perché i volumi tra Hammond e pianoforte sono imparagonabili.
Marziliano e Di Modugno, si confronteranno tra improvvisazioni, standard ed inseguimenti tra due strumenti “doppione”.

L’ultima serata di “Sonoro Sud”, il 10 marzo, vede in programma, alle 19, la celebrazione dei 25 anni del progetto musicale D’Ali d’Oro che fu registrato nel 1998 nel Castel del Monte.
Interverranno Michel Godard musicista, Pino Minafra musicista e Grazia Di Bari delegata cultura Regione Puglia. Modera Livio Minafra.

Il progetto nacque nel 1998 e vide la luce su compact disc nelle notti del 15, 16 e 17 settembre, proprio nel Castel del Monte, che fu fittato per l’occasione.
Una produzione Südwestrudnfunk (Achim Hebgen), Enja Records e Talos. Furono coinvolti musicisti come il contrabbassista Renaud Garcia-Fons, il percussionista Pierre Favre, le voci Linda Bsiri e Lucilla Galeazzi, il sassofonista Gianluigi Trovesi, il fisarmonicista Jean-Louis Matinier e gli stessi Michel Godard alla tuba e serpentone e Pino Minafra alla tromba e flicorno.

Proprio Pino Minafra scrisse all’epoca: “Erano anni che pensavo di dare un suono ad uno dei più misteriosi luoghi della mia terra: “Castel del Monte”.
Un luogo dove “silenzio” e “mistero” da secoli ci parlano. Ho dovuto aspettare l’incontro con Achim Hebgen e Michel Godard”.

A chiudere la tre giorni ideata e diretta da Minafra saranno il 10 marzo, alle 20, Maurizio Quintavalle (contrabbasso) e Livio Bartolo (chitarra) in “Bass Profile”.
Il basso è alla base degli ensemble classici, jazzistici, rock, pop. Il basso è il basamento degli edifici, le radici.
Pensare a Bass Profile significa tenere un basso profilo, che non sta a significare un atteggiamento di poca forza e determinazione ma, al contrario, di costruzione meno eclatante di qualcosa senza della quale non ci sono le chiome della musica, ovvero l’armonia e la melodia, senza parlare del ritmo.
Ed è per questo che Quintavalle si è ‘munito’ del chitarrista Livio Bartolo, proprio per creare queste trame ed anche per avere un partner che in comune avesse proprio le corde.
Contrabbasso e chitarra sono infatti strumenti a corda. Il repertorio sarà modern jazz tra sound modale e sperimentale.
Alla sua prima edizione, dunque, Sonoro Sud, sembra avere le carte in regola per farsi strada nel panorama dei più rinomati festival pugliesi.
Un festival il cui nome saprà ‘risuonare’ di nome e di fatto.

L’ingresso per tutti gli eventi è libero fino ad esaurimento posti.

Infotel. 3471490314