“IL BARBIERE DI SIVIGLIA” ad Altamura con l’Orchestra Sinfonica Città Metropolitana di Bari

In il

il barbiere di siviglia altamura

L’Orchestra Sinfonica Città Metropolitana di Bari in “IL BARBIERE DI SIVIGLIA” melodramma buffo musica di Gioachino Rossini, libretto di Cesare Sterbini. Prima esecuzione: Roma, Teatro Argentina, 20 febbraio 1816 con: Il Conte d’Almaviva Nico Franchini, Don Bartolo Domenico Colaianni, Rosina Gaia Petrone, Figaro Marcello Rosiello, Don Basilio Pietro Naviglio, Berta Anna Maria Stella Pansini, Fiorello Vincenzo Parziale, Ambrogio Silvano Picerno. Direttore d’orchestra Giovanni Rinaldi. Coro Maschile Mercadante diretto dal M.° Alfredo Luigi Cornacchia. Balletto in collaborazione con Ecole d’Etoile di Mariagrazia Continisio, Coreografie Francesco Colonna
Maestri collaboratori: Barbara Rinero, Stefania Paparella – Consulenza artistica Loriana Castellano. Regia, scene e luci di Luigi Travaglio
Scene Damiano Pastoressa – Costumi Angela Gassi – Assistente di produzione Domenico Lombardi
Produzione: Luigi Travaglio e Teatro Mercadante

Sabato 23 Marzo 2019 ore 21:00
>>>Acquista Biglietti

Il barbiere di Siviglia è un’opera in due atti di Gioachino Rossini tratto dalla commedia omonima di Beaumarchais. Il titolo originale dell’opera era “Almaviva, o sia l’inutile precauzione”. Prima di Rossini, Giovanni Paisiello aveva messo in scena il suo Barbiere di Siviglia, riscuotendo uno dei suoi maggiori successi. Rossini non aveva nessuna responsabilità sulla scelta del soggetto. L’opera fu infatti scelta dal committente duca Francesco Sforza Cesarini che voleva un’opera per l’imminente carnevale. La prima rappresentazione ebbe luogo al Teatro Argentina a Roma e terminò fra i fischi. Il clima generale era di totale boicottaggio, dovuto ai sostenitori della versione dell’opera di Paisiello. Già dalla seconda recita, il pubblico acclamò l’opera di Rossini, portandola ad oscurare la precedente versione e diventando una delle opere più rappresentate al mondo.
Alla regia di stampo tradizionale non mancherà un tocco di innovazione e originalità, pur nel rispetto dei personaggi definiti con chiara ed efficace resa emotiva e drammaturgica. L’immagine scenica sarà anch’essa funzionale alla drammaturgia nella sua globalità: la scena del “Temporale”, ad esempio, sarà interpretata con movimenti coreografici aderenti la genialità compositiva di Rossini. Particolare attenzione sarà data agli effetti luce che costituiscono un elemento visivo fondamentale e caratterizzante per lo spettacolo in quanto di grande impatto emotivo per il pubblico. In sostanza tutto l’apparato scenico e registico sarà a servizio dell’opera per un risultato importante e credibile.
Luigi Travaglio


“Il Sindaco Pescatore” con Ettore Bassi al Teatro Petruzzelli per la Giornata della Memoria e dell’Impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie

In il

il sindaco pescatore teatro petruzzelli

La Regione Puglia celebra la “Giornata della Memoria e dell’Impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie” con un grande evento dedicato alla Legalità e alla Bellezza, organizzato dal Teatro Pubblico Pugliese in collaborazione con la Fondazione Angelo Vassallo, l’Associazione Libera e Avviso Pubblico.

Venerdì 22 marzo alle ore 21:00 nel Teatro Petruzzelli di Bari, andrà in scena lo spettacolo “Il Sindaco Pescatore”, tratto dall’omonimo libro di Dario Vassallo – con la regia di Enrico Maria Lamanna – e con la partecipazione dell’attore Ettore Bassi.

Lo spettacolo, rivolto alle scuole pugliesi, ha il merito di ricordare Angelo Vassallo, un amministratore che ha combattuto la camorra e l’illegalità nelle sue molteplici forme al costo della vita, diventato un esempio per tutti.

“La sua opera di uomo semplice, onesto e lungimirante – ha dichiarato il Presidente Michele Emiliano – farà riflettere ciascuno di noi sulle scelte quotidiane da compiere per far vivere la legalità anche nelle piccole cose di ogni giorno. Le mafie si annidano ovunque diventando spesso soggetti economici e soggetti politici. Angelo Vassallo ha combattuto proprio questo sistema malato e lo ha fatto sapendo bene che lottare contro le mafie significava, innanzitutto, difendere la bellezza, costruire il recinto dei diritti dei cittadini, custodire tutto ciò che è bene comune”.

“Noi, come Angelo Vassallo – ha continuato Emiliano – coltiviamo la stessa consapevolezza ed è per questo che abbiamo voluto caratterizzare il nostro percorso di impegno civile ancorandolo a due temi centrali: il senso della “Bellezza”, che ha ispirato l’elaborazione di un disegno di legge in fase di condivisione partecipata e l’educazione alla responsabilità sociale, che ha ispirato il disegno di legge “Testo unico in materia di legalità, regolarità amministrativa e sicurezza”, prossimamente all’esame del Consiglio Regionale”.

Lo spettacolo racconta la storia di un eroe normale, Angelo Vassallo, un uomo che ha sacrificato con la sua vita l’impegno di difendere e migliorare il suo territorio e le sue persone, con la sua opera, i successi straordinari ottenuti nel Cilento nell’ottica del Bene Comune, compresa l’operazione Dieta Mediterranea assurta grazie a lui a Patrimonio dell’Unesco, fino al suo tragico epilogo.

Info: 0809752810


“Aldo Moro: per ricordare” a Bari la mostra dedicata allo statista pugliese

In il

mostra aldo moro per ricordare

Nel 41° anniversario del sequestro Moro, il Consiglio Regionale Puglia dedica allo statista pugliese la mostra dal titolo “Aldo Moro: per ricordare”, per approfondire le fasi della sua prigionia, la sua figura di uomo di Stato e il ruolo dell’Assemblea pugliese.
La mostra, organizzata in collaborazione con La Gazzetta del Mezzogiorno è visitabile presso la nuova sede del Consiglio Regionale Puglia in via Gentile 52 a Bari.
Il percorso espositivo si articola attraverso 83 pannelli che riproducono le prime e le ultime pagine de La Gazzetta del Mezzogiorno, dedicate in gran parte ai 55 giorni di prigionia dello statista pugliese, dal 17 marzo al 20 maggio 1978, qualche giorno dopo l’omicidio di Aldo Moro.
L’inaugurazione è prevista l’11 marzo 2019, alle ore 11.00, nell’agorà del palazzo del Consiglio regionale della Puglia.
Porteranno i saluti Mimma Gattulli, Segretario Generale del Consiglio regionale della Puglia e Anna Cammalleri, direttrice dell’USR Puglia; introdurrà l’on. Gero GrassiGrassi, funzionario del Consiglio Regionale della Puglia già componente della Commissione parlamentare d’inchiesta sul Caso Moro; interverranno Michele Emiliano, Presidente della Regione Puglia, Mario Loizzo, Presidente del Consiglio regionale della Puglia e Giuseppe De Tomaso, direttore de La Gazzetta del Mezzogiorno.

La mostra sarà visitabile fino al 9 maggio 2019, nell’agorà del Palazzo del Consiglio Regionale, dalle lunedì al venerdì dalle ore 9 alle ore 18.

Per le classi e i gruppi, è necessario prenotare la visita guidata scrivendo a comunicazione@consiglio.puglia.it, indicando la data prescelta e il numero dei partecipanti.

Per informazioni:
dott.ssa Elena Infantini
Sezione Biblioteca e Comunicazione Istituzionale Consiglio Regionale della Puglia
Via Gentile 52 – 70126 Bari
Tel.: 0805401556 e-mail: comunicazione@consiglio.puglia.it


Aspettando il Traetta Opera Festival

In il

Aspettando il ll Traetta Opera Festival

L’Orchestra Sinfonica della Città Metropolitana di Bari esegue uno dei concerti bitontini “aspettando” il Traetta Opera Festival, manifestazione di punta del Comune di Bitonto e della Regione Puglia, che in aprile e maggio avrà la sua XV edizione.

La scelta del programma è paradigmatica della strategia culturale del Festival: la “pugliesità” di ieri e di oggi.
Il recupero dei tesori del passato con le pagine di Logroscino, Traetta e La Rotella, triade d’eccezione tutta bitontina, si declina nel recupero delle fonti manoscritte, collazione delle stesse, trascrizione e revisione, pubblicazione ed esecuzione. L’attenzione alla contemporaneità si traduce nella commissione di nuove composizioni a giovani ed affermati compositori pugliesi, cui segue spesso anche l’incisione discografica. Completa il programma la parte solistica affidata a “nostre” eccellenze solistiche.
In apertura il “genius” assoluto Mozart, del quale Traetta è unanimamente riconosciuto come precursore.

Programma:

Wolfgang Amadeus MOZART
Don Giovanni – Ouverture

Nicola Bonifacio LOGROSCINO
Il Governatore – Ouverture*

Tommaso TRAETTA
Zenobia – Ouverture*

Francesco Onofrio MANFREDINI
Concerto per trombe piccole soliste e orchestra

Massimo PARENTE
A tempo e luogo – Prelude

Massimo DE LILLO
Ouverture dell’umanità perduta

Leonardo FURLEO SEMERARO
Beat on Ouverture**

Pasquale LA ROTELLA
Il Mattino della Montagna

Trombe piccole soliste
Michele Rivellini, Michele Ventrella
Orchestra Sinfonica della Città Metropolitana di Bari
Direttore Vito Clemente

Vi aspettiamo nella chiesa di San Gaetano – INGRESSO LIBERO


Scopri e fotografa il patrimonio geologico della Puglia – Vª edizione

In il

Scopri e fotografa il patrimonio geologico della Puglia concorso fotografico

La SIGEA Sezione Puglia, al fine di promuovere la conoscenza e la valorizzazione dei siti di interesse geologico (geositi) e i paesaggi geologici della Regione Puglia, bandisce la quinta edizione del concorso fotografico rivolto agli studenti delle scuole secondarie di secondo grado della Puglia. La partecipazione al concorso è TOTALMENTE GRATUITA. Possono partecipare tutti studenti delle scuole medie superiori della Puglia che sono interessati a condividere le emozioni ricevute attraverso la rappresentazione di uno degli aspetti dei “paesaggi geologici” della regione; riprese a volte estemporanee e inattese, spesso realizzate durante passeggiate o lavori di rilevamento, quando si prova un forte desiderio di non perdere quella forma, quel cromatismo, quel bel gioco bizzarro ed irripetibile di forme ed ombre che solo la natura riesce a creare.

1. La SIGEA Sezione Puglia organizza il concorso di fotografia “Scopri e fotografa il patrimonio geologico della Puglia”, 5^ edizione studenti 2019.

2. Il concorso comprende scatti che ritraggono luoghi, paesaggi, siti a valenza geologica dove le forme rappresentate sono determinate dagli elementi geologici del sito. Possono essere proposte foto di manufatti realizzati dall’uomo che si integrano nel contesto geologico o geomorfologico e immagini di fossili, rocce e minerali con particolare forma. Gli studenti potranno prendere spunto dai geositi e dalle emergenze geologiche censite in Puglia e disponibili sul sito www.geositipuglia.eu. N.B. Le foto devono riferirsi esclusivamente a siti e paesaggi della Puglia.

3. Saranno premiate 15 foto e il premio consisterà nella pubblicazione delle foto sul sito web degli organizzatori, un attestato di partecipazione e il dono di libri offerti dalla Zanichelli. Agli autori delle tre foto più rappresentative dello spirito del concorso sarà offerto un buono acquisto di euro 100 (cento/00).

4. La premiazione, la cui data sarà comunicata sul sito web degli organizzatori, avverrà durante una manifestazione appositamente organizzata ed associata ad una iniziativa pubblica da tenersi in Bari.

5. Le domande di partecipazione dovranno essere presentate entro il 30 aprile 2019 compilando on-line la “scheda autore” sul sito www.sigeaweb.it

Qui il regolamento e modalità di partecipazione


A Torre a Mare, “Silent Art Experience” la mostra personale di Valeria Ferrari

In il

silent art experience mostra valeria ferrari

“Genius Loci” è il titolo della manifestazione culturale al cui interno è inserita la mostra personale dell’artista pugliese Valeria Ferrari che, venerdì 8 marzo alle 20, sarà inaugurata a Torre Pelosa (piazza della Torre), a Bari-Torre a Mare e sarà visibile fino al 22 marzo (dalle 16 alle 21). A presentare la personale dell’artista barese, sarà il critico d’arte Vito Cracas.

“Genius Loci”, sottolinea l’approccio che caratterizza il progetto: dare interazione di luogo e identità nello studio delle caratteristiche socio-culturali che, appunto, definiscono l’identità dei luoghi fisici. Realizzata dall’associazione culturale “Locomotion”, con il patrocinio di Regione Puglia, Comune di Bari, Università degli Studi “Aldo Moro” di Bari, Archeoclub e Politecnico di Bari, la mostra della Ferrari prevede anche un laboratorio di sei giorni.

La mostra, infatti, sarà dotata del sistema Silent System per usufruire di una Silent Art Experience, attraverso tre diversi canali di ascolto e visori in realtà Vr per conoscere e scoprire la realtà aumentata. Per 6 giorni di apertura (12, 13, 14, 19, 20 e 21 marzo dalla 10 alle 14), la Ferrari sarà protagonista del laboratorio “Pillole Esperienziali”. Alla alla fine del percorso espositivo, con l’ausilio di suoni chiamati Suoni Binaurali ascoltabili unicamente in cuffia, priverà del senso della vista gli spettatori dando a ognuno dell’argilla per costruire il proprio “idolo” attraverso un percorso conoscitivo del materiale usato.

Valeria Ferrari, figlia d’arte, inizia piccolissima gli studi di musica e pittura. Frequenta il conservatorio Niccolò Piccinni studiando violoncello, e segue corsi di ceramica, disegno, pittura e incisione. Prosegue i suoi studi iscrivendosi alla facoltà di psicologia. Lavora attraverso molteplici materiali, creando da dipinti a installazioni, sculture, performance e altro. Ricerca e curiosità, la portano a utilizzare mezzidi lavoro estrumenti alternativiper mettere in atto la sua creatività. Ideatrice della tecnica da lei descritta come “Pittura non duale”, Valeria Ferrari è stata e viene descritta da numerosi critici come un artista innovativa e in forte ascesa. Alcuni suoi lavori sono presenti nella collezione del noto critico d’arte Vittorio Sgarbi. Nel 2018 il suo nome è stato inserito nell’“Albo D’oro dei maestri d’oggi – edito dal centro accademico “Maison D’art” di Padova. Nel 2019 i suoi lavori vengono inseriti nel catalogo – Arte Moderna- edito da “Mondadori” e nel catalogo “L’elite” 2019 edito da “Artitalia” nella sezione – Arte Internazionale -. Infine, una sua opera è esposta in maniera permanente nella galleria “Accorsi” nella splendida cornice della città di “Venezia”.


La Storia di un Italiano: Alberto Sordi – 37 appuntamenti ad ingresso gratuito nella Mediateca Regionale Pugliese

In il

La Storia di un Italiano Alberto Sordi Cinestorie live

Da mercoledì 6 febbraio inizia ufficialmente il ciclo di proiezioni della serie televisiva di Alberto Sordi, “Storia di un Italiano”. Nell’ultima versione, riveduta e corretta, Sordi ci racconta la “Storia di un Italiano” attraverso il suo pensiero ed il suo lavoro cinematografico. Trentasette puntate in ventisette appuntamenti dal vivo. Si tratta di un progetto dell’Associazione Culturale “aroruA” che, con la Mediateca Regionale Pugliese, presenta il ciclo di incontri ”La storia di un Italiano”. La rassegna di proiezioni è realizzata con il sostegno di Apulia Film Commission e Regione Puglia, in collaborazione con il Centro Sperimentale di Cinematografia CSC – Cineteca Nazionale, il Politecnico di Bari e con il patrocinio di Rai Radio Televisione Italiana Puglia. Ogni proiezione sarà introdotta e condotta da Benedetto Gemma e Guerino Amoruso che con l’approfondimento radiofonico Cinestorielive in diretta su Radio Social Web, racconteranno la vita e le opere del grande Alberto Sordi. Aneddoti, interviste e ospiti, arricchiranno la storia di questo grande Attore con la collaborazione del pubblico e degli operatori culturali.

Ecco il programma dettagliato dei 37 episodi, nelle sue tematiche, della serie completa “Storia di un Italiano” che verranno proiettati secondo il seguente calendario. Ingresso Gratuito alle ore 16:00 in Mediateca Regionale Pugliese, via Zanardelli 30 a Bari.

Mercoledì 6 Febbraio
 – “1900” 
Durata 74 min.
Martedì 12 Febbraio
 – “Imperatori e Fascismo”
 Durata 65 min.
 – “8 Settembre 1943”
 Durata 63 min.
 (Totale durata 128 min.)
Martedì 26 Febbraio
 – “L’immediato dopo guerra”
 Durata 64 min.
Martedì 5 Marzo
 – “Il Dopoguerra: La ricostruzione e l’arte di Arrangiarsi”
 Durata 67 min. – “Il Dopoguerra: L’arrivo dei partiti”
Durata 55 min. (Totale durata 122 min.)
Giovedì 7 Marzo 
– “La DC, la rinascita e il mito del Cinema” 
Durata 69 min.
Martedì 12 Marzo
 – “La Rinascita e il Teatro”
 Durata 81 min.
Giovedì 21 Marzo
 – “Vitelloni e Raccomandati” 
Durata 50 min. 
– “Il Boom e le prime Raccomandazioni”
 Durata 60 min.
 (Totale durata 110 min.)
Giovedì 28 Marzo 
– “La Famiglia del Boom”
 Durata 62 min.
 – “La Mafia e Little Italy” 
Durata 64 min.
 (Totale durata 126 min.)
Martedì 2 Aprile
 – “I Nuovi Ricchi e la TV”
 Durata 58 min. – “Turismo e Seduzione”
 Durata 62 min.
Giovedì 4 Aprile
 – “Le Vacanze” 
Durata 66 min.
Martedì 9 Aprile
 – “I Latin Lovers” 
Durata 67 min. – “Brevi Amori”
 Durata 52 min. (Totale durata 120 min.)
Giovedì 18 Aprile
 – “Il Cinematografo”
 Durata 67 min.
Martedì 7 Maggio 
– “Siamo tutti Mutuati”
 Durata 63 min.
Giovedì 9 Maggio
 – “La Contestazione” 
Durata 74 min.
Giovedì 16 Maggio
 – “W gli Sposi”
 Durata 72 min. 
– “I Problemi della Coppia” 
Durata 50 min. 
(Totale durata 121 min.)
Giovedì 23 Maggio
 – “Il Divorzio” 
Durata 39 min. 
– “Feste, Lusso e Denaro” 
Durata 63 min. 
(Totale durata 102 min.)
Giovedì 30 Maggio
 – “Giochi d’Azzardo”
 Durata 54 min.
 – “L’Emigrazione 1”
 Durata 48 min.
 (Totale durata 102 min.)
Martedì 4 Giugno
 – “L’Emigrazione 2”
 Durata 69 min.
Giovedì 6 Giugno
 – “La Giustizia e la Morte 1” 
Durata 74 min.
Giovedì 15 Giugno
 – “La Giustizia e la Morte 2”
 Durata 55 min. 
– “Borgo Rosso”
 Durata 48 min. 
(Totale durata 103 min.)
Giovedì 20 Giugno
 – “Alla ricerca di Sé Stessi”
 Durata 90 min.
Giovedì 27 Giugno 
– “Anni 80: Le Comunità e le Vacanze Intelligenti” 
Durata 78 min.
Martedì 2 Luglio
 – “L’Automobile”
 Durata 62 min.
Giovedì 4 Luglio
 – “La Droga” 
Durata 67 min.
Giovedì 11 Luglio 
– “Terrorismo e Guardie del Corpo”
 Durata 74 min.
Giovedì 18 Luglio 
– “Uomo e Robot”
 Durata 89 min.
Giovedì 25 Luglio 
– “2000” 
ULTIMA PUNTATA
 Durata 74 min.

Attore di prosa, di cinema o cantante?
Indeciso su cosa sarebbe diventato in futuro, Alberto Sordi, oggi può raccontarci cento anni di Storia d’Italia, rendendola interessante e divertente soprattutto per i giovani studenti, grazie ai tanti personaggi che ha interpretato nella sua lunga carriera cinematografica.
Un attore dal successo senza fine, la cui carriera iniziò col doppiaggio: fu voce di Cary Grant e persino di Marcello Mastroianni, senza dimenticare che è stata la vera voce storica di Oliver Hardy in Stanlio e Ollio grazie alla vittoria di un concorso promosso dalla Metro Goldwyn Mayer tra la fine del ’37 e il 1939.
Alle scuole elementari il piccolo Alberto già andava in tournée per l’Italia con la piccola compagnia del “Teatrino delle marionette” e a 10 anni cantava da soprano nel Coro delle voci bianche della Cappella Sistina; da un giorno all’altro (un miracolo?) la sua voce subì una metamorfosi passando a quella di basso e diventando una delle caratteristiche distintive più apprezzate dell’amato attore.
Debitore ai Bersaglieri per aver accolto per sé da piccolo le feste del pubblico della fanfara in corsa, come se quegli applausi fossero per lui, negli anni del servizio militare è stato musicista, come il padre, ed ha suonato piatti e timpani nella Banda Presidiaria.


SPECIALE LEZIONI DI STORIA al Teatro Petruzzelli – Storia del Mediterraneo in 20 oggetti

In il

lezioni di storia speciale teatro petruzzelli

SPECIALE LEZIONI DI STORIA – Storia del Mediterraneo in 20 oggetti

Domenica 3 febbraio 2019 alle ore 11 – Teatro Petruzzelli – Bari

Con
AMEDEO FENIELLO
ALESSANDRO VANOLI

alla chitarra
CARLO MIGLIORINI

introduce
Annamaria Minunno

Fin dove arriva il Mediterraneo? Sarebbe limitante dire che si arresta alle sue coste. La sua influenza, i suoi caratteri e la sua anima spaziano, si spingono molto oltre.

Domenica 3 febbraio alle 11.00 Amedeo Feniello e Alessandro Vanoli, introdotti da Annamaria Minunno e con l’accompagnamento musicale di Carlo Migliorini, ce lo racconteranno in uno Speciale Lezioni di Storia attraverso venti semplici ma straordinari oggetti che consentono di scandire i tratti di questo mare che si frappone fra le civiltà, spesso legandole e mischiandole.

Noi uomini nati sulla solida terra, ci siamo mai chiesti quanta storia contiene il mare? Quella del Mediterraneo è una storia grande. Per iniziare a raccontarla ci faremo guidare da venti oggetti: dal più antico e condiviso – il pane – alla bussola, l’anfora, la moneta, la chitarra, la padella, il corallo, l’abaco, la valigia…
Che cos’è il Mediterraneo? Un ‘mare tra le terre’. Un mare interno, come altri nel mondo. Eppure questo spazio, compreso tra lo stretto di Gibilterra e le coste del Medio Oriente, tra Venezia e Alessandria d’Egitto, ha qualcosa di speciale. Non soltanto perché è il nostro mare. Le acque del Mediterraneo sono una barriera tra i tre continenti che vi si affacciano, l’Europa, l’Asia e l’Africa, ma sono soprattutto un luogo di incontro e di passaggio. Quante civiltà, quanta gente, religioni, vite, amori, terrori, passioni e paure si sono incontrati su questo mare. Per secoli. Per millenni.

INFO BIGLIETTI
– POSTO NUMERATO (platea, palchi di I e II ordine)
12 euro intero /10 euro ridotto
– POSTO UNICO (a partire dal III ordine)
7 euro intero / 5 euro ridotto

RIDUZIONI
– over 65
– under 26
– possessori carta fedeltà della Laterza libreria

ACQUISTO – PREVENDITA A PARTIRE DAL 15 GENNAIO
– Botteghino del Teatro Petruzzelli – Corso Cavour n. 6 – dal lunedì al sabato dalle 11:00 alle 19:00
– online www.vivaticket.it
– presso i punti vendita vivaticket

INFOLINE
tel. 080 9752 810
e-mail botteghino@fondazionepetruzzelli.it

Lo Speciale “Lezioni di Storia – Storia del Mediterraneo in 20 oggetti” è

ideato dagli Editori Laterza e organizzato in collaborazione con la Fondazione lirico sinfonica Petruzzelli e Teatri di Bari

Con il patrocinio di
Comune di Bari – Assessorato alle Culture, Turismo, Partecipazione, Attuazione del Programma
Regione Puglia, Assessorato Industria Turistica e Culturale Gestione e Valorizzazione dei Beni Culturali.

Con il sostegno di
Exprivia Italtel
Masmec S.p.A.
UniCredit Italia


Torna a Bari il Wired Digital Day 2019 nel Teatro Margherita

In il

Wired Digital Day 2019 bari Teatro Margherita

Dopo il successo della prima edizione del 2017, il Wired Digital Day torna a Bari grazie a Regione Puglia e Puglia Sviluppo per raccontare le storie di innovazione e come hanno cambiato l’ecosistema delle aziende italiane.

Digitalizzazione, intelligenza artificiale, blockchain e innovazione saranno tra i temi affrontati nel corso della manifestazione, che si terrà il 1° febbraio 2019, dalle 9:30 alle 15:30, nella cornice suggestiva del teatro Margherita, un pezzo della storia barese appena riaperto dopo un accurato restauro, simbolo che torna in vita per raccontare il futuro.

L’evento ospiterà incontri a tema innovazione, con un focus sull’impatto positivo delle politiche regionali in materia di innovazione e di attrazione degli investimenti: aerospazio e space economy, healthcare e biotecnologie, big data e agenda digitale, meccatronica e automotive, moda e design.

Relatori da tutta Italia faranno il punto su come la tecnologia sta rivoluzionando i settori strategici appena elencati, e con quale apporto dell’amministrazione del territorio.

L’evento è gratuito, ma l’iscrizione non garantisce l’ingresso. I posti sono limitati e fa fede l’ordine di arrivo.

Per iscriversi: https://digitalday2019.wired.it/

Promosso da: Regione Puglia e Puglia Sviluppo


“Il mondo non sarà più come prima” al Teatro Showville – Ingresso gratuito

In il

Il mondo non sara piu come prima showville

“Il mondo non sarà più come prima”
di Silvia Luzzi e Marco Consentino

Con il patrocinio di Regione Puglia, Comune di Bari e Camera di Commercio Bari.

INGRESSO GRATUITO

Raccontare gli anni sessanta, i desideri e i sogni… Da dove partire, questo era il punto. E farlo in un’ora, dentro un teatro.

Il movimento studentesco, la lotta di classe, lo scontro sindacale per il rinnovo dei contratti, l’autunno caldo, le manifestazioni femministe, la guerra in Vietnam.
Tutto riportava al sogno di un mondo migliore: ecco il perché delle parole di Di Vittorio, che quegli anni non li vide ma li aveva sognati. Parole vivide, profetiche…
Ma ancora troppi avvenimenti, troppi fatti, troppe emozioni per raccontarli solo con le parole.

Con quel tempo a disposizione, gli attori avrebbero potuto non essere abbastanza. Per questo ci sono i musicisti, e uno schermo pieno di immagini. Immagini alle quali la musica e le parole si aggrappano, come la fotografia dei fatti di Avola messa in locandina per evocare un “vuoto”, una via da cui partire per ricostruire quel “mondo migliore”.

Le immagini, le parole di ieri e di oggi, le canzoni. È un tuffo breve e potente nella memoria di quegli anni, così esplosivi e ancora presenti per noi tutti.

Con gli attori
Francesco ACQUAROLI
Gabriele GALLINARI
Alessandra GIGLI
Enrico ROCCAFORTE

i MUSICA DA RIPOSTIGLIO
Il Video di Mattia Levi e le Luci di Guido Levi fanno parte della narrazione.

Spero ci siate per condividere con noi … un palpito.
(Silvia Luzzi)