La Festa Contadina a Santeramo in Colle – IIIª edizione

In il

la festa contadina

La festa ha l’obiettivo di riscoprire gli usi ed i costumi della civiltà contadina che ci sono stati tramandati negli anni, ma che rischiano con il tempo e l’evoluzione di perdersi. Attraverso la sinergia di più enti ed associazioni, coordinati dalla Pro Loco e dal Comune di Santeramo, nel centro storico verrano proposti stand di prodotti tipici, giochi antichi, arti e mestieri antichi, balli e canti popolari, la sfilata di carri e carrozze d’epoca e la possibilità nelle due giornate di visitare i palazzi e monumenti storici di Santeramo in Colle.

Programma:

Venerdì 31 Agosto

Ore 19,30 – Inaugurazione III edizione La Festa Contadina con la partecipazione del Coro Civico Città di Santeramo con canti in vernacolo, diretto dal Maestro Francesco Tritto, presso atrio Palazzo Marchesale.

Ore 20,30 – Presentazione opere di Hero Paradiso a cura del Prof. Raffaele Bongallino, presso la sala Giandomenico del Palazzo Marchesale.
Degustazione “Pane ed Olio” a cura dell’azienda Il Vero di Santeramo.

Sabato 1 Settembre

Ore 09,30 – Aria di Masseria varie attività presso azienda La Ferula Masseria Didattica : percorsi naturalistici, laboratori e degustazione prodotti tipici.

Ore 19,30 – Sfilata delle carrozze e carri d’epoca con circa 100 cavalli e 50 carrozze. Percorso : Via Matera ang. Via Jazzitiello, C.so Roma, P.zza Di Vagno, C.so Italia, Via Perugia.

Ore 21,30 – Concerto gruppo musicale i Terraross, P.zza Garibaldi.

Domenica 2 Settembre

Ore 19,30 – Discesa del Marchese. Percorso: C.so Roma, P.zza Di Vagno , P.zza Garibaldi
Balletti in costume a cura della Palestra Silhouette, coreografia di Monica e Luminosa Pichichero.

Ore 20,30 – Degustazione “Dai Greci all’era moderna: il fascino dei vini rosati” a cura dell’Associazione Italiana Sommelier -Puglia delegazione Murgia-, ed in collaborazione con Vini Zullo, presso atrio del Palazzo Marchesale. Richiesta prenotazione al num. 368 7137978 o e-mail aismurgia@gmail.com

Ore 21,30 – Concerto gruppo musicale i Komandanti Vasco Rossi Cover Band, P.zza Garibaldi.

Sabato 1 e Domenica 2 Settembre

Ore 10,00 – Passeggiate in carrozza partenza P.zza Garibaldi.

Ore 18,00 – Visita ai palazzi storici di Santeramo: Chiesa Sant’Eligio, centro storico, a cura dell’associazione Lions Santeramo
Laboratorio gastronomico a cura dell’associazione A.I.D.E. Santeramo

Mostra e rappresentazione: “Il bucato delle nostre nonne “ a cura del club Femminile dell’amicizia di Santeramo.

Museo Civiltà contadina: esposizione antica trebbiatrice con trattore a cura azienda agricola Leonardo Tinelli.

Sagra dei prodotti tipici locali: Peèkere alla Rezzòle, carne arrosto tipica locale, formaggi e latticini dei pascoli della murgia.

Si ringrazia la Pro loco di Laterza per la collaborazione e per la fornitura di preziosi abiti d’epoca.

 


BIRRA FRA I TRULLI, la festa della birra di Alberobello

In il

birra fra i trulli 2018

Diventiamo maggiorenni con la 18ª edizione di Birra Fra I Trulli !!!!

L’associazione turistica Pro Loco Alberobello con il sostegno: Regione Puglia – WeAreinPuglia , Comune di Alberobello – Capitale dei Trulli, Unpli Puglia, Associazione Italiana Celiachia e Bcc Alberobello e Sammichele di Bari, presentano la 18ª EDIZIONE DI BIRRA FRA I TRULLI.

Dal 19 al 26 agosto 2018 ad Alberobello in Via Bainsizza!!
Otto giornate ricche di animazione, musica live, gastronomie locali, giochi per bambini, dj set, musica popolare, ma sopratutto tanta. . . ma tanta birra!

Oltre trenta birre provenienti da tutto il mondo: bionde, rosse, ambrate e non mancheranno le artigianali pugliesi.

Il programma della 18ª edizione:
Domenica 19 agosto: Pino Campagna – I Notte Tempo
Lunedì 20: Orchestra Mancina
Martedì 21: Super Classifica Show
Mercoledì 22: Terraross
Giovedì 23: Nico Marzocca Leader Bambini di Vasco
Venerdì 24: SPECIAL EVENT – Sud Sound System in concerto
Sabato 25: Music & Dance con Dj Flee e Veronica Radionorba.
Domenica 26: Antonio Da Costa

Ingresso gratuito (tranne il 24/08)
Disponibilità di birre e pizze per celiaci
direzione@birrafraitrulli.it – 348.8972795

Non mancare!


51° Corteo Storico di Giovinazzo: il percorso

In il

corteo storico giovinazzo 2018

La Pro Loco di Giovinazzo con il patrocinio del Comune di Giovinazzo, del Comitato Feste Giovinazzo, della Regione Puglia e dell’Unpli Puglia organizza la 51^ edizione del Corteo Storico in onore della nostra protettrice Maria SS. di Corsignano.
Il corteo si terrà sabato 18 agosto 2018 dalle ore 19.00 con partenza dall’Istituto Vittorio Emanuele II e percorrerà le seguenti vie e piazze cittadine:
P.zza Vittorio Emanuele II, Via Cappuccini, Via Sottotenente De Ceglie, III Trav. Daconto, Via Daconto, Via Celentano, P.zza Sant’Agostino, Via Marconi, Via G. Sasso, Via Bitonto, P.zza Vittorio Emanuele II.
L’evento sarà allietato dall’esibizione di musici e sbandieratori Gruppo Sbandieratori Battitori Nzegna e Melphicta nel Passato e si concluderà con un combattimento con spade infuocate.

IL CORTEO STORICO DI GIOVINAZZO

Il Corteo Storico di Giovinazzo è costituito da due parti ambientate in epoche diverse, che rievocano entrambe avvenimenti legati alla nostra patrona, Maria SS. di Corsignano, e si sviluppa secondo la sequenzialità degli eventi storico-religiosi e di quelli tramandati dalla tradizione orale.

Nella prima parte, ambientata in epoca medioevale, viene raffigurata la leggenda secondo cui, nel lontano 1187, un crociato francese di nome Gereteo Alesboysne, tornando dall’Oriente, donò alla chiesetta del casale di Corsignano un’immagine della Madonna che aveva preso da un tempio di Edessa. Accanto a Gereteo sfilano i crociati e il parroco del casale di Corsignano, don Erasmo Fanelli.

Nei primi mesi del 1188 ci fu un lungo periodo di carestia e di siccità, raffigurato dalla stuoia con l’erba secca. In tale circostanza il popolo affidò le sue speranze e le sue preghiere alla Vergine Maria e, penitenzialmente, portò in processione la sacra icona. Si unirono i nobili con umili sai e con le proprie insegne: si riconoscono i blasoni delle famiglie Brayda, Chiurlia, De Risis, Framarino, Lupis, Sagarriga, Saraceno, Sasso, Vernice, Volpicella e Zurlo.

Era l’8 maggio 1188 e il miracolo avvenne: una pioggia torrenziale cadde copiosa a ciel sereno, ponendo fine alle sofferenze dei giovinazzesi. Le ancelle con la stuoia di prato verde testimoniano tale evento.
Da allora il popolo chiamò la Vergine “Madonna dell’acqua” e in quell’umile luogo di culto, sperduto tra gli ulivi, l’Icona si rivelò fonte di grazie e di eventi miracolosi.

Nel 1388, secondo lo storico G. De Ninno, il Vescovo Nicola proclamò la Madonna di Corsignano protettrice di Giovinazzo.

Nella seconda parte del Corteo, ambientata nell’epoca della dominazione spagnola, nel periodo compreso tra il 1677 e il 1731, si stabilì che la miracolosa icona fosse definitivamente traslata dal lontano casale di Corsignano alla Cattedrale.

Tale decisione era motivata delle precarie condizioni di sicurezza della campagna e dalla ferma volontà del popolo che voleva l’icona della sua protettrice solennemente collocata sull’altare maggiore della Cattedrale. Fu probabilmente il Vescovo Agnello Alfieri o uno dei suoi successori che decretò tale avvenimento.

Il Corteo prosegue con le ancelle e con gli araldi che, con argentee chiarine e rullare di tamburi, annunciano alla cittadinanza il festoso evento. Seguono i dignitari e, a cavallo, l’alfiere con il gonfalone dell’antica città di Giovinazzo; subito dopo il capitano, il protontino e il governatore, scortati dagli alabardieri.

Indi avanzano le congregazioni religiose con i rispettivi gonfaloni: giallo per la Purificazione, azzurro per la Madonna di Costantinopoli, verde per la Madonna degli Angeli, marrone per Maria SS. del Carmine, rosso per la Trinità, bianco-nero per la Vergine del Rosario, giallo-oro per S. Michele, bianco-avorio per il Santissimo e infine la bandiera del Vescovo Agnello Alfieri.

Segue poi Monsignor Agnello Alfieri, Vescovo di Giovinazzo, che precede il quadro della Madonna di Corsignano, in cornice argentata secentesca, portata dai rappresentanti del popolo. Dopo sfilano le ancelle col paliotto, i nobili e le dame, le guardie, il Duca feudatario Niccolò Giudice, figlio di Domenico, Principe di Cellammare, e la Duchessa Costanza Pappacoda, seguiti dalle coppie di dame e cavalieri.

Dietro alla coppia ducale si allineano i soldati con le spade, gli stendardi, i balestrieri, gli armigeri, i lancieri e i tedofori.

Il Corteo viene preceduto e concluso da gruppi di sbandieratori e musici che allietano la manifestazione con le loro esibizioni.

La rappresentazione storico-religiosa del Corteo testimonia che il popolo di Giovinazzo alle avversità della vita contrappone la forza della fede e al cielo rivolge la sua umile ed accorata preghiera:
“Sotto la Tua protezione cerchiamo rifugio, Santa Madre di Dio, non disprezzare le suppliche di noi che siamo nella prova, e liberarci da ogni pericolo, o Vergine gloriosa e benedetta. Così sia.


Cenando in Bianco

In il

cenando in bianco sammichele di bari

Eccoci alla terza edizione di questo magico evento.

REGOLAMENTO
L’obiettivo della cena in bianco è vivere insieme una serata semplice, come si usava una volta nei quartieri, nei centri storici delle città, nei paesi, quando ogni motivo era buono per trovarsi e trascorrere del tempo conversando in amicizia nei cortili, nelle strade attorno ad un tavolo. Tradizione, amicizia, amore per il bello, condivisione e rispetto saranno i valori in tavola, tutti insieme di bianco vestiti. Potrebbe essere l’occasione per festeggiare in modo originale il tuo compleanno, quello dei tuoi amici, un anniversario, qualsiasi occasione degna di nota. Il nostro centro storico si presta perfettamente per questa serata, un ambiente caratteristico, ricco di storia che ci ospiterà per tutta la cena.

Le regole da rispettare sono semplici:
• Ognuno verrà vestito di bianco dalla testa ai piedi, portando sedie e tavoli rettangolari o quadrati anche non bianchi, perché verranno coperti da stoffe bianche;
• Tovaglie e tovaglioli bianchi di stoffa, stoviglie di ceramica bianche, bicchieri di vetro, posate di metallo;
• Cibi semplici, cucinati in casa, vino bianco, acqua, non superalcoolici;
• Niente lattine, niente carta né plastica;
• Sono gradite candele, centri tavola, fiori, a propria fantasia ed estro, tutto rigorosamente bianco per abbellire il proprio tavolo affinché possano essere scelti come miglior tavolo della serata. Ciascun tavolo sarà numerato in maniera progressiva; durante la serata, un membro della Pro Loco “Dino Bianco” di Sammichele di Bari chiederà ai commensali di ciascun tavolo quale allestimento preferisce: ciascun tavolo potrà esprimere una sola preferenza, escludendo il proprio.
• Tutti i partecipanti potranno scattare una foto nella “Cornice in Bianco” allestita nella strada
• Sarà necessario portarsi dei sacchi dell’immondizia per raccogliere i rifiuti possibilmente differenziandoli;
• Tutti i rifiuti dovranno essere raccolti e portati via da ognuno di noi;
• Il materiale portato per la cena è a totale responsabilità dei partecipanti, l’organizzazione si solleva da qualsiasi danno e/o furto del corredo della serata.

Avremo cura del luogo che ci ospita e lo rispetteremo senza rovinare o sporcare il bene comune e lo lasceremo quindi come lo abbiamo trovato. Facciamo nostra la regola delle 3E: etica – estetica – educazione, siete d’accordo?
Perché il colore bianco? È il colore della vita, della speranza, della semplicità, della trasparenza, è elegante, luminoso, essenziale, e ci rende tutti puri…

L’appuntamento è dalle ore 17 in via Capitano Dalfino dove si lascerà il materiale. Troverete ad accogliervi i nostri soci che vi guideranno e vi consiglieranno. I tavoli dovranno essere pronti entro le 19.15/19.30.
Tutto il materiale di riserva che rimane nelle borse, nelle ceste o nei carrelli andrà riposto sotto i tavoli, motivo per il quale, come nelle cene in bianco delle altre città, anche qui a Sammichele di Bari durante questa serata per motivi igienici non sarà possibile portare i nostri amici animali.

E’ vietato cucinare o scaldare sul luogo, non è consentito portare fornelletti, griglie o altro. Solo le pietanze e le vivande cucinate a casa.

Si consiglia ai gruppi di amici di arrivare insieme per mettersi vicini, in quanto non sarà possibile successivamente spostare i tavoli.
Non è previsto la creazione di una tavolata unica, così come organizzato nelle altre location, ma è preferibile la tavolata per gruppo per facilitare la premiazione finale.

Chi non avrà la possibilità di portare con sé esclusivamente le cibarie, potrà chiedere informazioni all’ organizzazione, acquistando il necessario (ad esclusione delle vettovaglie) presso i locali convenzionati con la Pro Loco “Dino Bianco” di Sammichele di Bari . Si accettano prenotazioni entro e non oltre l’ 11 agosto.

Al segnale convenuto, inizierà la nostra cena in bianco.

Per l’ottima riuscita dell’evento si pregano tutti i partecipanti di rimanere seduti a tavola per il tempo della cena, ed è gentilmente richiesto loro di volersi impegnare a rispettare il codice di regole, di estetica e di cura dell’iniziativa.

Si ringrazia di cuore tutti coloro che contribuiranno alla buona riuscita di questo evento. La condivisione sarà il nostro successo.
Si prega di voler confermare la propria partecipazione entro e non oltre l’11 agosto, affinché si possa organizzare al meglio lo spazio adibito alla cena.


Benedizione dei Cani e Concorso “FotografiAMO San Rocco”

In il

benedizione dei cani festa san rocco

Il 16 e il 17 agosto nel Centro Storico di Mola di Bari, come di consueto, si svolgerà la Festa di San Rocco, organizzata dalla Confraternita devota al Santo e con la collaborazione della Chiesa Matrice (collegiata San Nicola).

Anche quest’anno la festività vede il coinvolgimento attivo dell’Associazione Turistica A.p.s. Pro Loco di Mola di Bari, promotrice di due manifestazioni:

– Benedizione dei cani (avrà luogo il 17 agosto alle ore 21 circa presso la piazzetta di Donna Flor);
– Contest fotografico “FotografiAMO San Rocco” (16 e 17 agosto)

Alla benedizione canina potranno partecipare tutti gli amanti degli animali, in compagnia del proprio cane, semplicemente recandosi sul posto.
Per il contest fotografico, invece, è necessaria una registrazione mediante e-mail all’indirizzo di posta prolocomola@libero.it con il proprio nome, cognome e la tipologia di attrezzatura che si intende utilizzare. Al termine delle festività è richiesto l’invio, allo stesso indirizzo di posta elettronica, di numero 3 scatti con breve descrizione del soggetto.
La foto più bella, giudicata dagli utenti facebook, sarà utilizzata per realizzare la locandina ufficiale della Festa di San Rocco 2019. Tutte le altre saranno esposte in una mostra dedicata ai festeggiamenti del Santo.


Notte di San Lorenzo sulla Torre dell’Orologio

In il

notte di san lorenzo 10 agosto stelle cadenti

La Torre dell’Orologio come un osservatorio celeste per la notte di San Lorenzo
Un visita polisensoriale tra arte e degustazioni

Venerdì 10 agosto in occasione della serata più attesa e romantica dell’estate dedicata a San Lorenzo la Torre dell’Orologio si trasformerà in un vero e proprio osservatorio celeste, dove si potrà salire fuori orario (dalle 19:00 alle 21:00) per ammirare il cielo notturno solcato dagli astri più luminosi.
Un evento da non perdere, dedicato alla notte estiva più famosa e suggestiva dell’anno, dove ognuno potrà confrontare il meraviglioso panorama notturno sulla città sotto di sé con quello stellato sopra di sé. L’edifico del 1604 possiede un terrazzino panoramico restaurato alla fine dell’800 dove è possibile restare affascinati dagli scorci mozzafiato sul centro storico, fino a riconoscere Castel del Monte e spingere lo sguardo sulla costa adriatica.
Per garantire il regolare accesso al terrazzino panoramico è vivamente consigliato l’uso di calzature comode; l’accesso al monumento sarà consentito a gruppi di massimo dieci persone per volta. Il contributo da riconoscere per l’accesso al terrazzino panoramico è di 1 €.

Per informazioni sull’apertura del monumento:
Associazione Pro Loco Ruvo di Puglia – Via V. Veneto, 48 – Tel.: 080.3615419 –
email: prolocoruvodipuglia@libero.it. Info Point – Tel.: 080.3628428.

Dopo la visita alla Torre dell’Orologio, viene proposta una degustazione, a base di prodotti tipici ruvesi, presso l’Azienda Agricola Mazzone (SP 22 Ruvo-Palombaio 460/a – Ruvo di Puglia), per promuovere la città e coniugare ancora una volta cultura, arte ed enogastronomia.

Info e prenotazione obbligatoria: mail: info@aziendamazzone.it – Tel.: 3482591858
Ad allietare la serata ci sarà la variegata proposta musicale della giovane artista ruvese Rosita Brucoli; il repertorio spazierà da brani inediti a cover pop, rock e blues arrangiate in chiave acustica.


Cena in Bianco a Toritto

In il

cena in bianco toritto

LA CENA IN BIANCO SI SVOLGERA’ SUL VIALE DELLA CHIESA E ATTORNO LA ROTONDA DELLA MADONNA A QUASANO

1) – POSSONO PARTECIPARE RESIDENTI E NON RESIDENTI DI QUASANO.

2) – PER ISCRIVERSI E’NECESSARIO METTERSI IN CONTATTO CON I COMPONENTI DIRETTIVO PROLOCO O TELEFONARE AI NUMERI: 3505366536 – 3473273466 O SCRIVERE A: prolocotoritto@libero.it

3) – L’ACCESSO SARA’ CONSENTITO SOLO A COLORO CHE AVRANNO CONTATTATO LA PROLOCO ED ESSERSI REGOLARMENTE ISCRITTI.

4) – E’ IMPORTANTE CHE IL NUMERO DEI COMMENSALI PARTECIPANTI ALLA CENA NON SIA PIU’ DEL NUMERO COMUNICATO AGLI ORGANIZZATORI.

5) – SI FA OBBLIGO DI ESSERE VESTITI IN BIANCO, DI PORTARE A SEGUITO LA CENA, TAVOLO, SEDIE, TOVAGLIATO, PIATTI E STOVIGLIE SEMPRE RIGOROSAMENTE DI COLORE BIANCO ALL’INSEGNA DEL’ELEGANZA E DELL’ESTETICA.

6) – ALLESTIRE LA TAVOLA IN MODO ELEGANTE CON CANDELIERI, LUMI. FIORI, TUTTO DI COLORE BIANCO. NON USARE POSATE, BICCHIERI O PIATTI IN PLASTICA .
7) – LA SISTEMAZIONE DEI TAVOLI AVVERRA’ DALLE ORE 17.00 ALLE ORE 19.00.

8) – L’AMORE PER QUASANO CI HA SPINTI AD ORGANIZZARE QUESTO EVENTO, QUINDI ALLA FINE DELLA CENA TUTTI I RIFIUTI DEVONO RIGOROSAMENTE ESSRE CONFERITI IN MANIERA DIFFERENZIATA ALL’INSEGNA DELL’EDUCAZIONE, DELL’ETICA E DEL RISPETTO DELL’AMBIENTE.

9) – LA QUOTA DI PARTECIPAZIONE E ‘ DI EURO 5,00 A PERSONA PER ORGANIZZAZIONE E ANIMAZIONE.

10) – ALLA FINE DELLA CENA VERRA’ PREMIATO IL MIGLIOR TAVOLO E IL MIGLIOR MENU’.

IL SUCCESSO DELL’EVENTO E’ NELLE VOSTRE MANI.


“Murgia Balloon Flights”: in mongolfiera su Gravina in Puglia

In il

Murgia Balloon Flights gravina in puglia

Gravina in puglia, città dell’acqua e della pietra, sorge nel cuore del Parco Nazionale dell’Alta Murgia, a ridosso dell’omonimo canyon. Città modellata dal fluire della storia, agli occhi dei visitatori si presenta come un museo a cielo aperto che conserva in ogni anfratto preziose testimonianze del suo glorioso passato.

Dal 20 al 22 luglio ammireremo la sua rude bellezza da una nuova prospettiva: dall’alto di una mongolfiera.

Arriva il “Murgia Balloon Flights”, pronto a regalarvi emozioni ad alta quota.

La tre giorni “on air” sarà scandita da voli liberi, alle ore 06:30 del mattino, e voli frenati, dalle 19:00 alle 22:00 circa. Location d’eccezione il piazzale antistante il Parco Archeologico Padre Eterno, in via Madonna della Stella.

Il “Murgia Balloon Flights” è promosso dal Comune di Gravina in Puglia in collaborazione con la Fondazione “Ettore Pomarici Santomasi” – museo, e rientra nell’ambito del calendario dell’Estate Gravinese 2018.

Per maggiori informazioni su costi e prenotazioni, visita il sito www.landingonsouthitaly.com, o scrivici a info@landingonsouthitaly.com.


Rievocazione storica “Conte Roberto Gurguglione: tra leggenda e realtà”

In il

Rievocazione-storica-Conte-Roberto-Gurguglione-tra-leggenda-e-realta

CONTE ROBERTO GURGUGLIONE: TRA LEGGENDA E REALTÀ

Sabato 30 Giugno dalle 20:00 in Piazza dei Martiri 1799 va in scena la rievocazione storica “Conte Roberto Gurguglione: tra leggenda e realtà” ambientata alla metà del XIII Secolo da un’idea di Maria Antonietta Favia.
Grazie alle sinergie tra l’Associazione Culturale Teatrale “Fili d’Argento” e la Pro Loco “Curtomartino”, con la collaborazione di Opus Milites e il Centro Polivalente per Anziani, con il patrocinio del Comune di Acquaviva Delle Fonti – Assessorato alla Cultura, dalle 20.00 sarà possibile ammirare uno spaccato del XII Secolo ad Acquaviva, con balli, stand gastronomici con pietanze locali, danze, cortei storici, dimostrazioni di antichi mestieri, il tutto animato da falconieri e sbandieratori.

La rappresentazione che andrà in scena per ben 3 volte (alle ore 20:00, 20:45 e 21:30) è a cura di Maria Antonietta Favia, già autrice del Presepe Vivente del Centro Antico in collaborazione con la Pro Loco “Curtomartino” e di spettacoli itineranti anche in altre città della Puglia.

L’ingresso è gratuito.

Per l’occasione, l’Info-Point Turistico di Acquaviva delle Fonti organizzerà gratuitamente visite guidate al Centro Antico con partenza dall’Ufficio. A breve i dettagli e gli orari di visita.

PROGRAMMA:

• Ore 20:00: PRIMO SPETTACOLO
• Ore 20:45: SECONDO SPETTACOLO
• Ore 21:30: TERZO SPETTACOLO

INFORMAZIONI:
Info-Point Turistico Acquaviva delle Fonti
P.zza Maria SS. di Costantinopoli 16 – Acquaviva delle Fonti
Orari: dal Martedi alla Domenica 10-13 e 17-20. Chiuso Lunedì
392.3369394 (Tel. Sms o Whatsapp) • Mail: iat.acquaviva@gmail.com


Balconi Fioriti nel centro storico di Locorotondo

In il

balconi fioriti locorotondo

Torna il concorso Balconi Fioriti, giunto alla sua 11^ edizione, la manifestazione intende promuovere la conoscenza dei vicoli fioriti dello splendido centro storico di Locorotondo, dando il giusto merito ai residenti, i fautori di tanta bellezza.
Frutto della collaborazione fra le associazioni Pro Loco e I Briganti, il concorso prevede un w-e di giugno come data di inaugurazione ed un w-e di agosto per la premiazione dei balconi, vicoli, atri e finestre più votati dai visitatori.
Previste visite guidate nei vicoli.

Prevista anche sabato 23 la premiazione di due giovani talenti locali, Angela Curri, bravissima attrice apparsa già in diverse opere cinematografiche e fiction televisive e Giovanni Pinto calciatore che ha militato quest’anno in serie B ed ha contributo alla salvezza dell’Ascoli.

In villa comunale per il 23 e 24 giugno sono previste attività di animazione e la serata “Donna e musica” con diverse cantanti della valle d’Itria che si esibiranno, Flora Palmisano, Vicky Mastronardi, Vitania Scatigna, ed altre due ragazze, costituiranno una soave miscela tra musica e territorio.
Anche la parte culinaria verrà promossa con la Festa del Panzerotto e della focaccia pugliese.
Non puo’ mancare il vino con degustazioni di Cantine Locali.
Maggiori dettagli verranno forniti nei prossimi giorni…
intanto i fiori sbocciano, i muri si vestono di bianco e il sole illumina i vicoli.