Puglia Outlet Village: aperture straordinarie e nuove boutique

In il

puglia outlet village molfetta

Puglia Outlet Village presenta due nuove Boutique in rampa di lancio nei giorni precedenti la Pasqua: Gant e Antica Sartoria Positano.
Il brand di abbigliamento Gant entra a far parte della famiglia Land of Fashion proponendo il proprio inconfondibile stile internazionale. Nato nell’aprile del 1949 dall’idea del fondatore Bernard Gantmacher, il marchio Gant ha avuto la capacità di non smettere mai di innovarsi, sin dalle prime camicie prodotte nella sede statunitense del Connecticut, avendo la precisa visione di definire un look casual, ma al contempo elegante.
La stravaganza di Antica Sartoria Positano ritorna nel Village molfettese, ascoltando il desiderio di “Moda Positano” dei clienti di Puglia Outlet Village. Garze indiane, sapientemente mescolate con la cultura dei merletti antichi, capi in bianco alternati a vestiti dai colori unici. Tutto questo identifica l’Antica Sartoria Positano, con i suoi capi originali che riescono a donare il sogno di essere sempre in vacanza.
L’altra grande novità arriva dalle aperture straordinarie nei giorni di festa del 22 e 25 aprile, oltre che dell’1 maggio, quando il Village pugliese resterà a disposizione nei suoi classici orari di shopping (dalle ore 10 alle 21).
Ecco come si propone la shopping destination più in vista del territorio, per continuare a essere il posto più bello e conveniente dove fare acquisti.

Aperture straordinarie: 22 e 25 aprile; 1 maggio.
Orari: dalle 10,00 alle 21,00.


Pasqua e Pasquetta a Bari: visite guidate del Teatro Petruzzelli, Castello Svevo, Santa Scolastica e Pinacoteca Corrado Giaquinto

In il

pasqua e pasquetta al museo

A Pasqua e Pasquetta il teatro Petruzzelli non va in vacanza. Sono state organizzate visite guidate domenica 21 aprile alle 11.00, alle 17.00 ed alle 19.00 e lunedì 22 aprile alle 10.30, alle 12.30, alle 16.00, alle 18.00 ed alle 19.30. L’ingresso alla visita ha un costo di 5 euro per gli adulti, 1 euro per gli studenti, i bambini e i disabili, mentre sarà gratuito per gli accompagnatori del disabile. Il botteghino aprirà 30 minuti prima dell’orario dell’avvio della visita e chiuderà contestualmente all’inizio della stessa. I biglietti di ingresso saranno disponibili fino ad esaurimento posti.
Aperto al pubblico anche il Castello Svevo, dalle ore 8.30 alle 18.30, con biglietto di ingresso al costo ordinario. NovaApulia propone visite guidate a tariffa agevolata con prenotazione obbligatoria allo 0805213704. Porte aperte anche al Museo di Santa Scolastica (10-14 con ultimo ingresso alle 13.15). Accoglierà i visitatori nella sola domenica di Pasqua, invece, la Pinacoteca ‘Corrado Giaquinto’, dalle ore 10 alle 13, che osserverà l’apertura straordinaria anche il 25 aprile.


LA PASSIONE VIVENTE ad Alberobello – 42ª edizione

In il

passione vivente 2019 alberobello

LA PASSIONE VIVENTE
ad Alberobello

Muretti a secco, vicoli e viuzze anguste, chiancole taglienti, nitriti di cavalli, sibili di fruste, bagliori di torce nel buio di una umanità ancora ferita e feroce…e Cristo passa!

E attraversa il cuore della città dei trulli, mescolandosi alla folla di figuranti e spettatori che man mano si fa sguardo, violenza, pietà, preghiera fino al “Golgota”, fino al luogo dove si innalza quel Legno che ha unito per sempre la terra al cielo. Questa è la ragione per cui i giovani della comunità di Sant’Antonio ad Alberobello da quarantadue anni puntano sulla rappresentazione della Passione Vivente.
Pare che offra luce. A loro innanzi tutto. E poi a chi viene da anni, ogni Venerdì Santo, non ad assistere ad uno spettacolo, ma a cercare luce, appunto.
Riflettere sulla Passione di Gesù per comprendere il proprio cammino e trovarvi senso.

E così più di cento figuranti si muovono su un palcoscenico naturale di pietra e di ulivi prima e poi lungo le strade del centro storico della Capitale dei trulli e ridanno voce alle parole dei Vangeli: pietre vive lanciate oltre lo spazio e il tempo dell’umanità.
E’ qui che il ricordo dei piedi lavati durante l’ultima cena di Gesù con i suoi diventa acqua, mani, sguardi, respiro, cuori di carne; è qui che il “Getsemani” diventa ancora buio, angoscia, lacrime di sangue, preghiera, abbandono, tradimento; è qui che il Cristo, il Creatore, si sottopone al giudizio dell’uomo, la Creatura, e accoglie lo scandalo della croce.
come si può arrivare ad amare così?
Il tentativo è proprio quello di dire l’indicibile: quanto perdutamente Dio ci abbia amati.

Da quarantadue anni ogni VENERDI’ SANTO: una PASSIONE VERA.
Vi aspettiamo Venerdì Santo 19 Aprile 2019 in Piazzale Biagio Miraglia ad Alberobello. L’ingresso è libero e gratuito, non necessita di prenotazione, uno spettacolo unico con inizio alle ore 21:00.
In caso di pioggia la manifestazione si svolgerà Sabato Santo 20 Aprile 2019 alle ore 20.00.

Info: www.babetlemmeagerusalemme.it – 3335222150 – dabetlemmeagerusalemme@gmail.com


Basilica San Nicola, Processione dei Misteri e Via Crucis

In il

processione dei misteri via crucis basilica san nicola

PROCESSIONE DEI MISTERI
BASILICA PONTIFICIA DI SAN NICOLA
Venerdì Santo 19 Aprile 2019

PROGRAMMA:

8.30 Basilica San Nicola: raduno dei Portatori
9.00 Preghiera comunitaria
9.30 Partenza della processione
13.30 Arrivo e sosta in Cattedrale
15.00 Cattedrale: preghiera comunitaria
15.30 Partenza della Processione
20.00 Inizio transito Corso Vittorio Emanuele: Via Crucis
22:30 Basilica San Nicola: preghiera comunitaria


I Riti della Settimana Santa di Pasqua a Corato

In il

settimana santa 2019 corato

Programma dei Riti della Settimana Santa di Pasqua 2019 a Corato:

Venerdì Santo

PROCESSIONE DI MARIA SS.MA ADDOLORATA
La Confraternita di San Giuseppe organizza, da sempre, le processioni del Venerdì Santo, ossia quella di Maria SS.ma Addolorata e quella dei Misteri, mentre la processione della Pietà, che si svolge il Sabato Santo, è organizzata dalla Arciconfraternita di S. M. Greca.

ORE 04:00 prima dell’uscita della processione dell’Addolorata, la Confraternita di San Giuseppe vive un momento di preghiera riservato esclusivamente ai confratelli e ai devoti-portatori che si apprestano a partecipare alla processione.
Il momento di preghiera è presieduto dal Parroco don Gianni Cafagna e si svolge all’interno della Chiesa di San Giuseppe intorno alla statua dell’Addolorata. Durante il momento di preghiera la Chiesa rimane completamente al buio e le uniche fioche luci sono date dai faretti che illuminano la statua dell’Addolorata e dalle candele accese che vengono distribuite ad ogni confratello e devoto-portatore.
Dall’esterno, sul piazzale antistante la Parrocchia, partecipano al momento di preghiera anche migliaia di fedeli che seguono poi la processione per tutta la durata del percorso.

ORE 04:50 in un clima di massimo silenzio e commozione e con le luci della pubblica illuminazione che circondano la Parrocchia completamente spente, il suono stridente della “troccola”, portata in processione a turno dai confratelli più piccoli, annuncia l’inizio della processione, seguita dalla Croce penitenziale recante i segni della passione di Gesù e dai devoti-portatori e confratelli.

ORE 05:00 esce la statua dell’Addolorata, risalente alla seconda metà del 1700, accompagnata dalla marcia funebre “Eterno Dolore” del maestro Quatrano, molto cara ai coratini. Il primo tratto della processione, prima che inizi il chiarore dell’alba, si svolge completamente al buio con le strade illuminate solamente dalle candele accese portate in processione dai devoti-portatori e dai confratelli.

ORE 10:00 circa la processione, come solitamente avviene da diversi decenni, attraversa Piazza Ospedale per sostare qualche minuto dinanzi alla Casa di Riposo “Dono di Speranza”, ubicata all’interno del territorio parrocchiale di San Giuseppe, dove si svolge un breve momento di preghiera con gli anziani e gli ammalati ivi ricoverati.

ORE 10:30 la processione dell’Addolorata rientra nella Chiesa di San Giuseppe.

 Nel tratto iniziale e finale della processione tutti i Confratelli e devoti-portatori si coprono il volto con la buffa in segno di penitenza.
 Durante il resto del tragitto solo chi porta la statua dell’Addolorata in processione si copre il capo con la buffa.

Negli ultimi anni si è diffusa l’usanza di vivere un breve momento di preghiera al passaggio della processione dell’Addolorata dinanzi o nelle vicinanze di una delle Chiese della Città. Tale momento di preghiera è organizzato dal Parroco della Parrocchia interessata dal passaggio della processione ed è animato dalla rispettiva comunità parrocchiale.

Le due Confraternite di San Giuseppe e di S. M. Greca condividono l’organizzazione delle processioni della Settimana Santa coratina e per questo motivo, limitatamente alle processioni dell’Addolorata e della Pietà, ogni anno vengono creati due distinti percorsi alternativi e complementari tra loro, in modo da attraversare tutti i quartieri parrocchiali della città.

ORE 18:00 anche la processione dei Misteri si snoda dalla Chiesa di San Giuseppe, e il suo inizio è annunciato dal suono stridente della “troccola”, portata in processione dai confratelli di piccola età, seguita dal Palio nero. L’uscita della processione dei Misteri è accompagnata dalle note dello “Stabat Mater” di Gioacchino Rossini ed è formata da nove statue, nell’ordine: Gesù nel Getsemani (portato in processione dall’Unitalsi), San Pietro con il gallo (trattasi di gallo vero imbalsamato portato in processione dall’Associazione Santa Bernadette e dalla Confraternita Misericordia), Gesù alla Colonna (portato in processione dalla Confraternita del Purgatorio), Gesù alla Canna (portato in processione dall’Arciconfraternita di Santa Maria Greca), Gesù con la Croce (portato in processione dalla Confraternita del SS. Rosario), la Veronica (portata in processione dalla Confraternita del Carmine), il Calvario (portato in processione dalla Confraternita dell’Immacolata), Gesù Morto (portato in processione dall’Associazione Madonna del Pozzo e dalla Confraternita di San Giuseppe) e l’Addolorata (portata in processione dai devoti-portatori della Confraternita di San Giuseppe).
L’uscita della statua di Gesù con la Croce è preceduta dall’uscita di un confratello, appartenente alla Confraternita del SS.mo Rosario, il quale trascina sulle proprie spalle, per tutto il percorso della processione, una croce rievocando così il brano evangelico che ci parla di Simone di Cirene, il quale fu chiamato ad aiutare Gesù nel trasportare la croce sino al Golgota.
I confratelli delle altre confraternite e i membri delle associazioni cattoliche, dall’uscita sino al rientro della processione, nel momento in cui portano a spalla le statue dei Misteri si coprono il viso con la buffa in segno di penitenza.

ORE 18:20 circa, dopo l’uscita in processione dei primi sette misteri, esce la statua dell’Addolorata che sosta, all’esterno, sul lato del sagrato, ed attende l’uscita della statua seicentesca in legno di tiglio policromo di Gesù Morto per poi incolonnarsi, in processione, dietro di essa.
Si vive una situazione molto suggestiva che si svolge senza il suono delle marce funebri, in un clima di massimo silenzio e compostezza con il solo rullo del tamburo ed è vissuto da migliaia di fedeli che riempiono il piazzale antistante la Parrocchia.
Nel tratto iniziale e finale della processione tutti i Confratelli e devoti-portatori della Confraternita di San Giuseppe si coprono il volto con la buffa in segno di penitenza.
Nel resto del tragitto solo chi porta la statua di Gesù Morto e dell’Addolorata in processione si copre il capo con la buffa.

ORE 21:30 inizia il percorso caratteristico delle vie del centro storico “a luci spente”. Tali vie vengono illuminate solamente dalla luce fioca dei lumini posizionati su tutti i balconi e cornicioni e dalla luce delle candele che vengono distribuite, accese e portate in processione da tutti i confratelli partecipanti e dai devoti-portatori dall’ingresso del centro storico fino al rientro in Parrocchia.
Durante il percorso “a luci spente” delle vie del Centro Storico tutti i confratelli di tutte le Confraternite e i membri delle associazioni cattoliche, e quindi non solo quelli addetti al trasporto delle statue, si coprono il viso con la buffa in segno di penitenza.

ORE 22:00 la processione giunge in Piazza Sedile dove ha luogo la Via Crucis Cittadina, presieduta dal Vicario Episcopale Zonale, don Peppino Lobascio, ed animata dalle comunità parrocchiali. Ogni anno, ciascuna statua dei Misteri viene assegnata ad una comunità parrocchiale che prepara un momento di preghiera con la lettura di un passo del Vangelo attinente al Mistero assegnatole ed una preghiera dei fedeli.
Man mano che ciascuna statua arriva in piazza, dove viene allestito un piccolo palchetto con un leggio, si recita e si prega la relativa stazione della Via Crucis.
Da lì, poi, continuando il percorso a luci spente, la processione si dirige verso la Chiesa di San Giuseppe, non molto distante, per il rientro che avviene solitamente alle 23:00 circa.

Caratteristico è anche l’ultimo tratto prima del rientro, con la statua dell’Addolorata che viene portata in processione da alcuni parroci, diaconi e seminaristi che hanno partecipato alla Via Crucis Cittadina.
Anche il rientro di Gesù Morto in Chiesa avviene, come l’uscita, nel massimo silenzio e col solo rullo del tamburo e senza il suono delle marce funebri.
Dopo il rientro di Gesù Morto, per ultima anche l’Addolorata rientra in Chiesa.

Alla processione dei Misteri partecipano le Autorità Civili e Militari, nonchè le altre Confraternite ed Associazioni Cattoliche che portano in processione le statue dei Misteri.
In particolare, la statua di Gesù Morto è scortata da due Carabinieri in G.U.S., mentre la statua dell’Addolorata è scortata da due Agenti di Polizia sul lato anteriore, e da due Vigili Urbani sul lato posteriore.

Il percorso della processione dei Misteri, che viene redatto dalla sola Confraternita di San Giuseppe, cambia ogni due anni ed attraversa, in ogni biennio, le strade di un quartiere parrocchiale.
Anch’essa è accolta da lenzuola bianche con segni di lutto appese ai balconi e da piccoli altarini o croci con lumini.

Sabato Santo

PROCESSIONE DI MARIA SS.MA DELLA PIETA’
Le due Confraternite di San Giuseppe e di S. M. Greca condividono l’organizzazione delle processioni della Settimana Santa coratina e per questo motivo, limitatamente alle processioni dell’Addolorata e della Pietà, ogni anno vengono creati due distinti percorsi alternativi e complementari tra loro, in modo da attraversare tutti i quartieri parrocchiali della città.

ORE 06:45 dalla Chiesa di Santa Maria Greca ha inizio la processione della Pietà che, come quella dell’Addolorata e dei Misteri, viene accolta nei vari quartieri con delle lenzuola bianche appese ai balconi col segno di lutto, con dei lumini accesi e con dei piccoli altarini.

ORE 11:30 la processione attraversa Via Luisa Piccarreta, strada limitrofa alla Chiesa di Santa Maria Greca, laddove la statua sosta, per diversi minuti, dinanzi all’Associazione della Serva di Dio Luisa Piccarreta (che ha sede nella casa in cui ha vissuto per tutta la sua vita terrena Luisa Piccarreta), per vivere un momento di preghiera molto sentito e partecipato da tutta la cittadinanza.

ORE 12:00 la processione fa rientro in Parrocchia.
I confratelli che portano a spalla la statua della Pietà si coprono il volto con la buffa per tutta la durata della processione, dall’uscita sino al rientro.

Informazioni:
www.settimanasantacorato.it
www.prolococorato.it


“Simboli e Tradizioni della Settimana Santa”

In il

simboli e tradizioni della settimana santa noicattaro

In occasione dei Riti della Settimana Santa, l’Info-Point Turistico e l’Associazione “NojaPro” presentano il tour “Simboli e Tradizioni della Settimana Santa”
Un viaggio tra il culto e la spiritualità del popolo nojano attraverso i segni visibili della propria devozione.

Orari e date dei tour:
Giovedì Santo (18 aprile 2019): Dalle ore 21.00 alle ore 23.00
Venerdì Santo (19 aprile 2019): Dalle ore 23.00 alle ore 01.30

Inoltre, nei giorni in cui si terranno le visite guidate sarà aperta al pubblico, nei locali del Polivalente (Piazza Umberto, I) una proiezione video-fotografica sulla Settimana Santa di Noicàttaro.

Per info e prenotazioni:
Info-Point Turistico in via Console Positano, 8
Cell. 3791404177 – 3701172538
E-mail. iatnoicattaro@gmail.com / associazionenojapro@libero.it


JESUS Passione Vivente a Sammichele di Bari – XVIª edizione

In il

passione vivente jesus sammichele di bari 2019

Nella splendida cornice del centro storico di Sammichele di Bari, oltre 160 figuranti metteranno in scena la XVI Edizione della Passione Vivente, organizzata dall’Associazione Culturale “Terra”.
Un percorso suggestivo, fatto di scenografie, atmosfere e giochi di luce, che toccherà gli scorci più caratteristici del borgo antico, conducendo lo spettatore dal Battesimo di Gesù fino alla Crocifissione attraverso 16 scene recitate.

regia: Alessandro Porzio

IN CASO DI MALTEMPO L’EVENTO SARÀ POSTICIPATO AL 24 APRILE


Ad Adelfia, la Sacra rappresentazione della Passione di Cristo – XVIª edizione

In il

sacra rappresentazione della passione di cristo adelfia 2019

XVIª edizione della Sacra rappresentazione della Passione di Cristo
Lo Spirito Santo guida la Chiesa tra realtà e sogno di comunione

Martedì 16 aprile 2019 ore 19:30
Corso Umberto I°, Adelfia (Bari)

Evento organizzato dalla Parrocchia San Nicola di Bari – Adelfia con il patrocinio della Regione Pugliae Comune di Adelfia