RITRATTI, IL TEATRO DI ALDO NICOLAJ in scena all’Auditorium Vallisa

In il

ritratti il teatro di aldo nicolaj auditorium vallisa

Auditorium Vallisa Bari
Dal 14 ottobre al 1 novembre 2020
(Tre distinti spettacoli presentati in successione alternata nei giorni di programmazione)

RITRATTI, IL TEATRO DI ALDO NICOLAJ
COMPAGNIA DIAGHILEV
una raccolta di testi di Aldo Nicolaj
drammaturgia e regia Paolo Panaro
produzione Diaghilev

AMORI IMPOSSIBILI
Viva la Regina | Otto Secondi | Il belvedere
con Deianira Dragone, Carlo D’Ursi

LE INTELLETTUALI
L’ultima musa | L’autografo | La tentazione
con Tiziana Manfredi, Altea Chionna, Francesco Lamacchia

FISSAZIONI SENTIMENTALI
Nozze coi sassi | Solidarietà | Il cadavere
con Elisabetta Aloia, Alessandro Epifani, Paolo Panaro

Ogni spettacolo sarà nel pieno rispetto delle norme anti-Covid.
I posti sono limitati.
I biglietti sono a posto unico non numerato € 5,00 per ciascuna delle tre parti in cui si articola il progetto.

Info e Prenotazioni al 3331260425

Aldo Nicolaj ha accompagnato con il suo pungente umorismo i cambiamenti sociali che hanno attraversato la più recente storia di Italia, rimarcando l’eternità delle debolezze dell’uomo contemporaneo. Dietro la sua opera si cela una lunga e nobile tradizione, quella del teatro che passa attraverso il café-chantant, il cabaret colto degli
anni ’20 e ’30, la rivista da camera del secondo dopoguerra, che trova i suoi massimi esponenti nell’esperienza della compagnia de I Gobbi (Alberto Bonucci, Vittorio Caprioli e Franca Valeri) e in quella formata da Franco Parenti, Dario Fo e Giustino Durano. Il teatro di Nicolaj è a metà strada tra l’arte e l’artigianato; la sua scrittura è caratterizzata da un’armonica fusione fra le tecniche del più aristocratico teatro comico e la rapidità del lazzo e della battuta del numero del varietà, dello sketch televisivo.


“QUANDO È STATA L’ULTIMA VOLTA?” al Teatro Van Westerhout di Mola Di Bari

In il

quando è stata l'ultima volta

“QUANDO È STATA L’ULTIMA VOLTA?”
una commedia di Emmanuel Robert Espalieu
traduzione Giulia Serafini
regia Giuiseppe Marini
scene e costumi Pier Paolo Bisleri
con Paolo Panaro e Deianira Dragone

produzione Diaghilev
Teatro Van Westerhout Mola Di Bari

Proseguendo la sua indagine drammaturgica
 sulla coppia e le sue contraddizioni, l’autore francese Emmanuel Robert Espalieu approda con Quando è stata l’ultima volta? a una paradossale commedia 
in cui tale indagine si declina in umorismo nero,
 feroce e sulfureo. 
Cosa c’è di più efficace per risolvere un problema 
che sbarazzarsene definitivamente?
 A questa sconcertante conclusione approda una sera,
 come tutte le sere della sua piccola e insulsa vita ordinaria, una donna che sta per commettere il peggio:
 l’indicibile e innominabile atto di avvelenare suo marito. 
Una commedia delirante, mai rappresentata in Italia sino ad ora, venata di assurdo e piena di divertentissimi colpi di scena, in cui due soli personaggi, un marito e una moglie appunto, brillano per i loro difetti, le loro fragilità, i loro errori di volta 
in volta risibili e accattivanti.

sab 29 febbraio | dom 1 | mer 4 | gio 5 | ven 6 | sab 7 | dom 8 | mer 11 | gio 12 | ven 13 | sab 14 | dom 15 marzo 2020
feriali ore 21 domeniche ore 19

Biglietti in vendita sul circuito Vivaticket

Info e prenotazioni
3331260425 – 3471788446
infi.centrodiaghilev@gmail.com


L’UOMO, LA BESTIA E LA VIRTU’
 di Luigi Pirandello

In il

l uomo la bestia e la virtu luigi pirandello

L’UOMO, LA BESTIA E LA VIRTU’

di Luigi Pirandello

regia Paolo Panaro

scene Michele Tataranni

costumi Francesco Ceo

luci Giuseppe Ruggiero

con Altea Chionna, Deianira Dragone, Alessandro Epifani, Francesco Lamacchia, Mario Lasorella, Paolo Panaro, Riccardo Spagnulo

direzione tecnica Gianni Colapinto

produzione Diaghilev

Info e prenotazioni 3331260425 – 3471788446
info.centrodiaghilev@gmail.com


Biglietti online e circuito rivendite VIVATICKET

TEATRO VAN WESTERHOUT MOLA DI BARI

ven 10 | sab 11 | dom 12 | mer 15 | gio 16 | ven 17 | sab 18
dom 19 | mer 22 | gio 23 | ven 24 | sab 25 | dom 26
 gennaio 2020 

feriali ore 21 domeniche ore 19

PREZZI E CONDIZIONI DI ACQUISTO DEI BIGLIETTI

posto unico numerato recite di mercoledì e giovedì 
€ 8,00 / € 6,00 ridotto over 65 e under 30

posto unico numerato recite di venerdì 
€ 10,00 / € 8,00 ridotto over 65 e under 30

posto unico numerato recite di sabato e domenica € 12,00

2019|2020

DIAGHILEV LE VIE DEL SUD

COMUNE DI MOLA DI BARI

ASSESSORATO ALLA CULTURA

foto Mimmo Loiotine


LE SMANIE PER LA VILLEGGIATURA di Carlo Goldoni al Teatro Van Westerhout

In il

le smanie per la villeggiatura carlo goldoni paolo panaro

Compagnia Diaghilev

LE SMANIE PER LA VILLEGGIATURA

di Carlo Goldoni

adattamento e regia Paolo Panaro

costumi Francesco Ceo

con

Altea Chionna, Marco Cusani, Deianira Dragone, Carlo D’Ursi, Alessandro Epifani, Francesco Lamacchia, Paolo Panaro, Riccardo Spagnulo

produzione Diaghilev

MER. 20 | GIO. 21 | VEN. 22
ORE 21:00

TEATRO VAN WESTERHOUT MOLA DI BARI

COMPAGNIA DIAGHILEV | PROGETTO LE VIE DEL SUD | STAGIONE 2019-2020

Comune di Mola di Bari – Assessorato alla Cultura

prenotazioni 3331260425 / 3471788446

Biglietti:

Intero € 8 – Ridotto € 6 (over 65 e under 30)


LA TEMPESTA 
di William Shakespeare in scena al Teatro Van Westerhout

In il

la tempestra william shakespeare

STAGIONE 2019/ 2020

Diaghilev – Le vie del Sud

Comune di Mola di Bari – Assessorato alla Cultura

Teatro Van Westerhout Mola di Bari

LA TEMPESTA

di William Shakespeare

regia Paolo Panaro

scene e costumi
 Tommaso Lagattolla, Francesco Ceo

luci Giuseppe Ruggiero

con Livio Berardi, Altea Chionna, Doriana Costanzo, Nicola Di Chio, Carlo D’Ursi, Alessandro Epifani, Francesco Lamacchia, Mario Lasorella, Loris Leoci, Paolo Panaro, Antonio Valenzano

produzione Diaghilev

La Tempesta non è solo l’ultimo capolavoro di Shakespeare.
È il testo teatrale che chiude irrimediabilmente l’epoca d’oro del rinascimento europeo, decretando la fine della grande stagione della filosofia ermetca e neoplatonica. L’uomo non è più al centro dell’universo, non è più il punto di contatto tra il divino e la materia, fra l’eternità dello spirito e la caducità della materia. L’uomo che emerge agli inizi del seicento è un essere che naviga sulle acque sterminate di un tempestoso oceano.
A volte il viaggio si conclude sulle rive di continenti sconosciuti; altre, finisce con un naufragio su una piccola isola deserta. Testo misterioso, struggente, intriso di uno sconfortante pessimismo verso la natura dell’uomo e il suo destino, verso il significato dell’amore, l’inutilità della politica come strumento della felicità, la vanità della cultura e della sapienza. È il canto di addio del mago Prospero che, dopo aver dedicato tutta la sua vita allo studio dei segreti dell’universo, decide di ritirarsi dal mondo. È il racconto, metà epico e metà rappresentato, dell’ultima azione di un uomo che prima di prepararsi alla morte, decide di cancellare ogni traccia di sé. È la storia degli ultimi anni della vita di Shakespeare. Una sensazione di imminente apocalisse pervade l’opera: il mondo, così come lo abbiamo conosciuto, andrà presto incontro al suo tramonto. L’uomo contemporaneo conosce perfettamente questa emozione; egli porta in sé l’esperienza luttuosa di aver attraversato un mondo che ormai non esiste più.

OTTOBRE 2019

mer 2 | gio 3 | ven 4 | sab 5 | dom 6 | mer 9 | gio 10 | ven 11 | sab 12 | dom 13 | mer 16 | gio 17 | ven 18 | sab 19 | dom 20 | mer 23 | gio 24 

feriali ore 21 domeniche ore 19

PREZZI E CONDIZIONI DI ACQUISTO DEI BIGLIETTI

posto unico numerato recite di mercoledì e giovedì € 8,00 € 6,00

posto unico numerato recite di venerdì € 10,00 € 8,00

posto unico numerato recite di sabato e domenica € 12,00

– Le riduzioni sono riconosciute agli over 65 e under 30 anni, previa esibizione di un documento.

– Per le recite programmate di sabato e domenica non sono previste riduzioni.

– I biglietti si possono acquistare con il servizio Vivaticket online o presso le rivendite autorizzate, con un costo aggiuntivo per i diritti di prevendita.
– E’ possibile prenotare per telefono o per mail. La prenotazione garantisce l’accesso in teatro, ma l’assegnazione del posto sarà effettuata solo al momento del pagamento.

Prenotazioni 3331260425 | 3471788446

info.centrodiaghilev@gmail.com


THE TEMPEST
 di William Shakespeare
 al Teatro Van Westerhout

In il

the tempest william shakespeare

Uno studio per 

THE TEMPEST

di William Shakespeare

produzione Compagnia Diaghilev

regia di Paolo Panaro

con

Apollonia Bellino | Andrea Carpiceci

Altea Chionna | Doriana Costanzo

Ariana Cutrone | Edoardo Epifani

Viviana Giustino | Antonio Guadalupi

Mario Lasorella | Serena Palmisano

Paolo Panaro

TEATRO VAN WESTERHOUT

MOLA DI BARI | COMPAGNIA DIAGHILEV

PROGETTO LE VIE DEL SUD | STAGIONE 2018-19

Comune di Mola di Bari Assessorato alla Cultura

Date:
giovedì 27 | venerdì 28 | sabato 29 giugno 2019 ore 21
.00
domenica 30 giugno 2019 ore 20.00

posto unico € 5,00

prenotazioni 3331260425 | 3471788446

biglietti on line e circuito VIVATICKET


“PROUST il tempo e la musica” in scena al teatro Van Westerhout

In il

proust il tempo e la musica compagnia diaghilev

PROUST il tempo e la musica
un progetto in tre spettacoli dedicato
alla “Recherche” di Marcel Proust
a cura di Paolo Panaro

regia e interpretazione
PAOLO PANARO
pianoforte
GIANNI LENOCI
produzione Compagnia Diaghilev

Un amore di Swann
Il tempo perduto
Il tempo ritrovato
ven. 5 | sab. 6 | dom. 7
ven. 12 | sab. 13 aprile 2019
ogni giorno andranno in scena i tre spettacoli in successione:
Un amore di Swann ore 18
Il tempo perduto ore 19,30
Il tempo ritrovato ore 21

posto unico € 12,00 per tre spettacoli (€ 4,00 per ogni spettacolo)
biglietti on line e circuito Vivaticket
prenotazioni
3331260425/3471788446

TEATRO VAN WESTERHOUT MOLA DI BARI COMPAGNIA DIAGHILEV | PROGETTO LE VIE DEL SUD | STAGIONE 2018-19
Comune di Mola di Bari Assessorato alla Cultura


A Rutigliano, al via la prima stagione teatrale all’Auditorium Don Tonino Bello

In il

stagione teatrale rutigliano auditorium don tonino bello

Da Domenica 17 Febbraio

Stagione Teatrale 2019 a Rutigliano
Spettacoli all’Auditorium «Don Tonino Bello»
a cura del Teatro Pubblico Pugliese
e dell’Assessorato comunale alla Cultura

Parte la prima Stagione Teatrale a Rutigliano.
La «Città d’Arte», infatti, è entrata da quest’anno nel circuito del Teatro Pubblico Pugliese (Tpp).
Gli spettacoli si svolgeranno all’Auditorium «Don Tonino Bello» di via Giampaolo, in doppia replica alle ore 18 e alle ore 20.30.
Si comincia Domenica 17 Febbraio, con il «Decameron» di Giovanni Boccaccio, con drammaturgia, regia e interpretazione di Paolo Panaro.
Domenica 10 Marzo sarà la volta di «Amleto» di William Shakespeare , con Michele Sinisi.
Domenica 24 Marzo è in programma «Trapunto di stelle…»: omaggio a Domenico Modugno di Nabil e Radicanto.
La rassegna si concluderà Domenica 7 Aprile con Ettore Bassi che interpreterà «Il Sindaco Pescatore» con la regia di Enrico Maria Lamanna.

Gli spettacoli si svolgeranno la domenica sera in doppia replica alle ore 18 e alle 20.30

Info, prenotazioni, biglietti e abbonamenti:
Ufficio Cultura – Biblioteca Comunale di Rutigliano
Palazzo San Domenico – Via Leopoldo Tarantini, 28
Tel: 0804767306 – Mail: cultura@comune.rutigliano.ba.it
Web: www.comune.rutigliano.ba.it


Auditorium «Don Tonino Bello»
Via Papa Paolo VI, Rutigliano – Bari


“DECAMERON” di e con Paolo Panaro all’Auditorium Don Tonino Bello

In il

paolo panaro compagnia diaghilev

DECAMERON
di Giovanni Boccaccio
diretto e interpretato da
Paolo Panaro
produzione Diaghilev
La storia è ben nota. Siamo nell’anno 1348. A Firenze, la più ricca e potente città d’Europa, infuria la peste nera. Per sfuggire al morbo, sette donne e tre uomini si rifugiano in una villa lontano dalla città. Per distrarsi dai luttuosi eventi, ognuno di loro, per dieci giorni, racconterà una storia al giorno. E’ grazie a questo ‘gioco narrativo’ che oggi possiamo leggere le cento novelle che il Boccaccio ha messo insieme, incorniciate nel libro di novelle per eccellenza, il Decameron.
Secondo l’attore e regista Paolo Panaro la straordinaria macchina narrativa del Decameron scaturisce direttamente dallo spettacolare evento catastrofico della peste di Firenze. Come mai le novelle, i cui caratteri di compiutezza e armoniosità rivaleggiano con i più grandi capolavori, vengono pronunciate nello sconfortante panorama di una città dove tutto è ormai lamento e lutto, con la popolazione decimata dal morbo e migliaia di cadaveri insepolti per le strade? La ricerca parte, dunque, dalla necessità di dimostrare che, sempre e in ogni luogo, è proprio dal gigantesco dramma della morte che nascono i più significativi e importanti corpus narrativi del patrimonio letterario universale. Più è mostruoso il contesto che dà vita a tali opere, più esse esalteranno il piacere della vita e la necessità di contar storie.
Immerso nell’orrendo scenario della pestilenza, Boccaccio sceglie di raccontare ai sopravvissuti alcune piacevoli novelle nella lingua più nobile e raffinata. Sono passati quasi sette secoli dalla peste di Firenze e gli uomini contemporanei ormai ignorano quanto poco valesse la vita durante i giorni di quelle cicliche epidemie. Tuttavia il generoso gesto letterario di Boccaccio, mentre intorno si scatena l’apocalisse, è per noi tutti di esempio e monito: quell’atto dà garanzia che fino a quando qualcuno continuerà a ‘raccontare’ il mondo sarà salvo.
Queste le novelle tratte dal Decameron inserite nello spettacolo: “Introduzione alla prima giornata: la peste nera”, “Madonna Oretta”, “Frate Alberto”, “Pietro di Vinciolo”.

Info, prenotazioni, biglietti e abbonamenti:
Ufficio Cultura – Biblioteca Comunale di Rutigliano
Palazzo San Domenico – Via Leopoldo Tarantini, 28
Tel: 0804767306 – Mail: cultura@comune.rutigliano.ba.it
Web: www.comune.rutigliano.ba.it

Auditorium «Don Tonino Bello»
Via Papa Paolo VI, Rutigliano – Bari


RITRATTI: le opere di Aldo Nicolaj in tre spettacoli – Amori Impossibili / Le Intellettuali / Fissazioni Sentimentali

In il

ritratti teatro van westerhout

RITRATTI
Ridotto d’autore: appuntamenti con il teatro da camera
le opere di Aldo Nicolaj
undici atti unici in tre spettacoli
ideazione e regia di Paolo Panaro
dal 10 febbraio al 24 maggio 2019

Aldo Nicolaj ha accompagnato con il suo pungente umorismo i cambiamenti sociali che hanno attraversato la più recente storia di Italia, rimarcando, nello stesso tempo, l’eternità e l’universalità di certe debolezze dell’uomo contemporaneo.
Dietro la sua opera, pregna di humour inglese, si cela una lunga e nobile tradizione, quella del teatro che passa attraverso il café-chantant, il cabaret colto degli anni ’20 e ’30 e, soprattutto, la rivista da camera del secondo dopoguerra, che trova i suoi massimi esponenti nell’esperienza della compagnia de I Gobbi (Alberto Bonucci, Vittorio Caprioli e Franca Valeri) e in quella formata da Franco Parenti, Dario Fo e Giustino Durano. Il teatro di Nicolaj è a metà strada tra l’arte e l’artigianato; la sua scrittura drammatica è caratterizzata da un’armonica fusione fra le tecniche del più aristocratico teatro comico e la rapidità del lazzo e della battuta del numero dal varietà, dello sketch televisivo.
Ritratti è una trilogia di spettacoli (Amori impossibili, Le intellettuali, Fissazioni sentimentali) con i quali si rende omaggio all’opera di questo straordinario e, purtroppo, dimenticato drammaturgo. Tre spettacoli graffianti, ma intimi, tre momenti per lavorare con gli attori su una recitazione sommessa, ma ricca di sfumature vocali, per ricercare un’espressività mimetica lieve e sfumata, in situazioni sceniche molto raccolte a diretto contatto con il pubblico.

AMORI IMPOSSIBILI
VIVA LA REGINA | OTTO SECONDI | IL BELVEDERE
con Deianira Dragone, Carlo D’Ursi
DATE:
dom. 10 | lun. 11 | mar. 12 | lun. 18 | lun. 25 | mar. 26 | mer. 27 febbraio
lun. 4 | mar. 5 | ven. 14 | dom. 24 | mar. 26 | mer. 27 | gio. 28 | ven. 29 | sab. 30 | dom. 31 marzo mer. 3 | gio. 4 | mer. 10 | gio. 11 aprile

LE INTELLETTUALI
LA DONNA INTUITIVA | L’ULTIMA MUSA | L’AUTOGRAFO | LA TENTAZIONE
con Antonella Carone, Tiziana Manfredi, Altea Chionna, Francesco Lamacchia
DATE:
lun. 11 | mer. 13 | lun. 18 | mar. 19 | gio. 21 | lun. 25 marzo lun.1|mar.2|lun.8|mar.9 aprile

FISSAZIONI SENTIMENTALI
IL CADAVERE | NOZZE COI SASSI | DI MAMMA CE N’È UNA SOLA | SOLIDARIETÀ
con Elisabetta Aloia, Marco Cusani, Alessandro Epifani, Paolo Panaro
DATE:
lun. 15 | mar. 16 | mer. 17 | gio. 18 aprile
lun. 6 | dom. 12 | lun. 13 | mar. 14 | mer. 15 | gio. 16 | dom. 19 | lun. 20 | gio. 23 | ven. 24 maggio

Orari degli spettacoli: feriali ore 21:00 | domeniche ore 19:00

con Elisabetta Aloia, Antonella Carone, Marco Cusani, Altea Chionna, Deianira Dragone, Carlo D’Ursi, Alessandro Epifani, Francesco Lamacchia, Tiziana Manfredi, Paolo Panaro
produzione Compagnia Diaghilev

Rappresentazioni per un numero limitato di spettatori
posto unico € 5,00
prenotazioni
 3331260425 – 3471788446

TEATRO VAN WESTERHOUT MOLA DI BARI
Compagnia Diaghilev | Progetto Le Vie del Sud | Stagione 2018-19
Comune di Mola di Bari Assessorato alla Cultura