LA MUNICIPÀL in concerto a Palo del Colle – “Bellissimi difetti” Tour

In il

la municipal bellissimi difetti tour

LA MUNICIPÀL annuncia le prime date del tour estivo per presentare “BELLISSIMI DIFETTI” il nuovo album.
I fratelli Carmine e Isabella Tundo, nuovi romantici e sperimentatori del pop d’autore, sono il cuore pulsante del progetto La Municipàl.

La band, vincitrice nel 2018 del premio 1M NEXT, il contest del Concerto del Primo Maggio a Roma, si è esibita anche quest’anno sul palco del concertone di Piazza San Giovanni.

Il 06 Settembre sono attesi al laboratorio Rigenera di Palo del Colle (Bari).

Info. 3299331449


Festa del SS. Crocifisso di Auricarro a Palo del Colle: il programma civile e religioso

In il

festa ss crocifisso di auricarro palo del colle

Festa del Santissimo Crocifisso di Auricarro
1 – 22 Settembre 2019 – Palo del Colle (Bari)

La Festa del Santissimo Crocifisso di Auricarro presenta un ampio programma liturgico religioso e tantissimi eventi culturali tra cui il 13 settembre 2019 alle ore 20.00 accensione luminarie e a seguire  spettacolo musicale “YESWEPLAY “ a cura di  GIOVANNA DACHILLE. Il 14 settembre 2019 ore 20.30 la cover cult band the music of 60-70-80 musica italiana e internazionale e in questa occasione il 16 settembre alle ore 20,30 in piazza Santa Croce si esibiranno in occasione della festa patronale la band BLUE SUGAR & Friends Zucchero Cover Band capitanata dalla voce del ruvese Mimmo Fracchiolla.

festa ss crocifisso di auricarro palo del colle


Beer Run Palo

In il

beer run palo del colle

Finalmente Sabato 6 luglio 2019 a Palo del Colle arriva la prima edizione della BEER RUN PALO organizzato dalla Associazione Culturale ”Nuova Generazione”. Trattasi di una manifestazione gogliardica/podistica non competitiva con partenza/arrivo nella splendida Piazza Santa Croce e di un percorso ad anello di circa 1 km interamente nel centro storico di Palo del Colle. Trattasi di percorrere il percorso ad anello più volte nel giro di 60 minuti e ad ogni giro troverete la postazione di birra da bere. Ovviamente non mancheranno birra, musica ed allegria ad accompagnare l’evento.

Quota d’iscrizione:
€ 10,00 sino al 30/06/2019
€ 12,00 dal 01/07/2019 sino al giorno evento
Per iscriversi inviare copia del pagamento all’indirizzo e-mail: nuovagenerazione18@libero.it

Link per pre-iscrizione: https://www.icron.it/services/icronGO/elencoiscrittipubblico.php?idgara=2019249

Per maggiore informazioni contattare l’associazione culturale NUOVA GENERAZIONE diretamente in sede in Via Verdi n. 27 a Palo del Colle oppure inviando un e-mail all’indiriizzo: nuovagenerazione18@libero.it


Cena a Colori a Palo del Colle

In il

cena a colori palo del colle

La cena a colori a Palo del Colle nasce con l’idea di stare a tavola sotto le stelle e all’ombra dù Spiaun tutti insieme in una bella serata d’estate!
La prima edizione si è tenuta il 12 maggio 2018 a conclusione della settimana della Tenda promossa dal Servizio di Pastorale Giovanile dell’arcidiocesi di Bari-Bitonto! In quell’occasione parteciparono circa 600 persone che con i propri gusti allestirono magnifiche tavolate così da dare un bellissimo e grandioso impatto visivo e scenico al salotto di Palo del Colle, Piazza Santa Croce!
Il tutto fu organizzato e coadiuvato dai giovani e gli adulti delle cinque Parrocchie di Palo, che con grande entusiasmo, dettero la possibilità ai cittadini palesi e non, grandi e piccini, di vivere una serata all’insegna della spensieratezza, tra una portata e l’altra condita da una bella musica.
Ecco perché anche quest’anno ancora una volta i giovani e gli adulti delle parrocchie di Palo hanno deciso di ripetere questa bella esperienza di condivisione.
É un evento “fatto” dalle persone stesse e non solo uno spettacolo in cui andare ed assistere!
L’ idea é quella di “vivere il paese” e “amare Palo” semplicemente stando insieme a tavola, cenando e divertirsi come se si fosse un’unica famiglia!
É a “colori” perché ci piace pensare a tante “differenze”, “diversità” che si mescolano insieme per creare una bella armonia!
Quindi solo per una sera all’anno lascia tutto quello che hai “da fare” e goditi la bellezza del tuo paese senza motivazioni diverse dall’essere li, in Piazza Santa Croce, per stare bene insieme, tutti insieme!

REGOLAMENTO ED ISCRIZIONI:
La cena si svolgerà in Piazza Santa Croce dalle ore 20 alle ore 24 del giorno 22 giugno 2019.
I destinatari sono tutti i cittadini di Palo e non che si organizzeranno con propri tavoli e sedie così da abbellire Piazza Santa Croce.
In cosa consiste? Ecco poche e semplici regole per prepararvi al meglio e fare festa con noi:
• Ogni gruppo dovrà scegliere UN colore, a cui dovrà far riferimento sia per il vestiario che per l’allestimento del tavolo;

• Ognuno per partecipare si organizza e porta tutto da casa: tavolo (rettangolare o quadrato, non rotondo), sedie o sgabelli, piatti e bicchieri, tovaglie, candele, candelieri, fiori, vivande a piacere, acqua, vino e bollicine (sono vietati i super alcolici);

• Calcolate i posti per le persone al vostro tavolo (tenendo conto che NON esistono i posti capotavola: ogni tavolo verrà affiancato unito a quello accanto in fila. Quindi calcolate bene i posti a tavola per tutti);

• Lasceremo il luogo che ci ospiterà, ovvero la nostra splendida Piazza, pulito e in ordine come lo avremo trovato: ciascuno raccoglierà nei sacchi la propria spazzatura e la porterà via;

• Potrete iniziare a portare tutto il vostro materiale in Piazza S. Croce dalle ore 18.00. Alle ore 20.00 inizieremo ad allestire i tavoli e alle 21.00 saremo pronti per cenare. A cena già iniziata non ci sarà possibilità di aggiungere ulteriori tavoli, massima puntualità;

• Le iscrizioni dovranno pervenire entro mercoledì 19 giugno tramite messaggio privato alla pagina fb CenacoloriPalo oppure all’indirizzo e-mail: cenacoloripalo@gmail.com e ogni gruppo dovrà indicare:

> il nome del gruppo o dell’associazione;

> il colore;

> il numero dei partecipanti;
La cena é totalmente gratuita e non c è alcun costo di partecipazione!
La serata sarà animata da musica e balli, a cura di Radio Dee Jay Team Web


JUNIOR V per l’anteprima di Rigenera Smart City – Festival delle Periferie

In il

JUNIOR V anteprima Rigenera Smart City Festival delle Periferie

JUNIOR V Acoustic solo / chitarra e voce
+ Aftershow Shanty Crew e Mr. Rentman

INGRESSO LIBERO
con consumazione obbligatoria

L’edizione 2019 di Rigenera SmART City – Festival delle Periferie, parte con l’anteprima del musicista JUNIOR V, tra i talenti più interessanti dell’attuale scena conscious raggae e black music italiana. Dopo l’esibizione di Junior v, saliranno sul palco la Shanty Crew e Mr. Rentman per continuare a fare musica e riscaldare i nostri cuori!

JUNIOR V:
Vincenzo Stallone, in arte Junior V, è tra i talenti più interessanti dell’attuale scena “conscious reggae” e “black music” italiana. Le sue influenze musicali sono molto ampie. Chitarrista e bassista sin dall’età di nove anni, Junior V cresce musicalmente e si affaccia al mondo del reggae grazie ad alcuni artisti di fama mondiale tra cui Clinton Fearon (ex Gladiators) o i Wailing Souls, così come Sizzla Kalonji e Luciano. I suoi testi sono ricchi di consapevolezza e spiritualità: l’artista pugliese esprime al massimo i suoi sentimenti essendo già padrone di scrivere brani e arrangiarli per renderli molto personali e originali. Il suo stile particolare ha permesso di sviluppare un genere che va dal roots reggae al dub, con varie sfumature della black music come blues, jazz e folk.
Ha esordito discograficamente a diciassette anni con il singolo ‘Key Of Progress’ assieme al cantante giamaicano Mark Wonder che è stato stampato su 45 giri dall’etichetta inglese Marrow Records. Subito dopo ha pubblicato il suo primo album, “Running on Jah Way” (2016) per poi realizzare l’EP “Stop Discrimination” con Sista Awa: un disco di quattro tracce tra cui “Olive Wood” con il rapper statunitense M1 (Dead Prez). L’EP è stato prodotto da Bonnot e masterizzato da Chris Athens (già con Run Dmc, Damian Marley, Nas e molti altri) e l’ha portato a esibirsi su palchi importanti come quello dell’One Love Festival di Udine, de L’Acqua in Testa a Bari, e in due venue internazionali prestigiose: il Brixton Jamm e l’Hootananny a Londra. Nel 2018 ha pubblicato il suo nuovo album ‘My Shelter’ (SoulMatical) anticipato da “Il Temporale” giunto fino alle semifinali di Sanremo Giovani 2018. Si tratta di un disco che rappresenta un nuovo viaggio artistico per Junior V che elabora le sue radici legate reggae, mescolandole alla sua passione per il folk e il blues. Nel mese di maggio pubblica il secondo singolo I’ll be there forever accompagnato dall’omonimo videoclip firmato Enrico Conte.


Palio del Viccio 2019 a Palo del Colle: il programma

In il

Palio del Viccio 2019 a Palo del Colle

3 e 5 Marzo 2019
Palo del Colle (Bari)

Il Palio del Viccio – Una tradizione secolare

Per ciò che concerne la valenza etnico-antropologica del Palio occorre far riferimento ad uno degli studiosi di storia locale che più si è dedicato al tema, il prof. Dino Tarantino, che ha permesso di ricollocare, nelle sue opere, i diversi riferimenti storici presenti nei testi antichi, ricomponendo i diversi tasselli, un pò come si fa in un puzzle. Evidenziamo un brano particolarmente rilevante:

“Il Palio del Viccio è un rito-spettacolo della nostra cultura ancestrale connessa al ciclo agrario.
Alla ricerca delle origini storiche del Palio del Viccio, taluni studiosi (F. Polito) hanno richiamato l’autore della colossale fatica enciclopedica Naturalis historia, Plinio il vecchio (23-79 d.C.) che ivi parla dei “ludi qui fiebant more Palensium” (giochi che si svolgevano secondo la tradizione dei Palesi). Un riscontro si troverebbe anche in un documento del 1546 dell’Università di Palo, in cui si fa riferimento al “Palio detto di S. Luca). Altri (G. Birardi) osserva che la corsa dei cavalieri è sicuro inizio della presenza di molti cavalli “in loco” e collega l’istituzione del palio con la tenuta di allevamento di cavalli nella difesa di Auricarro al tempo degli Sforza. Iniziato nel 1477 da Sforza Maria Sforza che aveva una grande passione per i cavalli, l’allevamento fu largamente sviluppato da Ludovico il Moro, che – pur possedendo altre “difese” in diverse città pugliesi e calabresi – aveva in quella di Palo la “difesa” più preziosa e rinomata per le razze pregiate dei cavalli. Tanto che gli incaricati lo dissuadessero dall’istituirne di nuove perché “le iumente del V. Ex. Stano tanto bene, quanto dir se possa”. Se ne conclude che: “In tale allevamento la corsa del “viccio” affonda certamente le sue radici. Può essere avvenuto che, quando nel 1477 il duca Sforza Maria venne a Bari e fece una visita a Palo, gli addetti alla “difesa” vollero dimostrare la bontà e il grado di addestramento dei cavalli, oltre alla perizia di chi li montava, con la esibizione di una corsa in salita, lungo il pendio della collina che portava alla porta del castello. Una gara nata, insomma, come dimostrazione della efficienza dell’allevamento. (Birardi)
Senonché, se la presenza di allevamenti equini nel territorio potrebbe spiegare la forma di torneo cavalleresco assunto dal palio, essa non chiarisce il ruolo centrale che in questo rito-spettacolo svolge il “viccio”, che, tra l’altro, compare più tardi. In realtà, il protagonismo del gallinaceo, che è il vero oggetto del contendere e il fulcro attorno a cui ruota la giostra cavalleresca, spinge a cercare più indietro e a diverso livello l’origine del palio. Esso affonda la sua genesi nella cultura ancestrale dell’ambiente rurale ed è connesso alla ritualità, con la duplice funzione propiziatoria e apotropaica, legata al ciclo agrario.
A tal proposito, se è vero che il “Viccio” – nome dialettale di origine onomatopeica – è giunto in Europa dopo la conquista del Messico, sua terra originaria, da parte di Cortez nel 1522, alla luce della comparazione etnografica non è difficile sostenere che esso ha sostituito la funzione del gallo che costituisce il suo antecedente. Il tacchino, cioè, altro non è se non la variante aggiornata e risalente appunto alla scoperta del Nuovo Mondo, del preesistente gallo, la cui presenza-sopravvivenza è tuttora testimoniata in alcuni centri della penisola iberica e dell’Europa continentale”. 
(Prof. Dino Tarantino)

Per rievocare un momento storico in modo appropriato occorre operare secondo un approccio storico che richiede l’osservanza di metodiche di ricerca ben definite. A tal fine si è reso necessario creare un team di lavoro che annoverasse diverse figure tra cui storici locali, archivisti, curatori di biblioteche, artisti, sarti e stilisti, esperti di design e moda, rievocatori di professione, musicisti, maestri chef. Ognuno si è dedicato alla cura di un ambito della manifestazione: analisi sulla rigorosità storica, coerenza con gli usi e i costumi locali, congruità dei menu con quelli del tempo, allestimenti scenografici privi di anacronismi per scelta di materiale, scelte musicali storicamente fondate, ecc.
La differenza la fanno i dettagli e, noi, ce ne stiamo prendendo cura!

PROGRAMMA:

• Domenica 3 Marzo

h 15:00 – Corteo storico e sfilata dei carri allegorici
h 19:00 – Investitura Cavalieri
h 20:00 – Spettacolo Musicale “Tekemaya’s Band”

• Lunedì 5 Marzo

h 15:00 – Cerimonia apertura
h 19:00 – Premiazione cavalieri e carri allegorici
h 20:00 – Spettacolo a sorpresa
h 20:30 – Quinze band live feat. Carmen Montagna

Info Mail: info@ilpaliodelviccio.it


Fanove a Palo del Colle “A Sand Andùen mascker e sùen”

In il

Fanove palo del colle 2019 A Sand Anduen mascker e suen

A Sand Andùen mascker e sùen: FANOVE 2019 a Rigenera

Ingresso libero

Riscaldati dal fuoco, temprati dal buon cibo e circondati dagli amici, arrivano le Fanove a Palo del Colle!
Quest’anno siamo veramente in tanti ad organizzarlo: Gruppo Interforze Onlus, Agesci Palo del Colle, Tou.Play, Crazy Music Lab Centro Studi Musicali, Radio Dee Jay Team Web, AVIS Palo del Colle.

Cibi della tradizione, vin cotto, giochi tradizionali e tanta musica.
Ti aspettiamo attorno al fuoco!

PROGRAMMA:

– Accensione Fanova

– Preparazione kniadd (zuppa calda di legumi misti), panini con salsiccia, pettole dolci e salate, patatine fritte – a cura di Agesci Palo del Colle 1 e Gruppo Interforze Onlus

– Giochi da tavola e tradizionali – a cura di Tou.play

– Live music con Crazy Music Lab

– DJ SET a cura di Radio Dee Jay Team web Radio


Festa delle Fanove a Palo del Colle

In il

fanove palo del colle

Le strade di Palo del Colle (Bari), il giorno 17 gennaio, s’illuminano con la festa delle Fanove.
Questa festa segna l’inizio del carnevale e coincide con la festa di Sant’Antonio Abate, il protettore degli animali domestici ed invocato contro ogni pericolo di fuoco.
La tradizione dice che, la sera prima dei falò, i palesi debbano raccogliere i legumi chiamati in dialetto “knniadd” per ottenere un lessato gustoso.
Le signore durante la notte hanno il compito di cucinarli dentro a pentoloni grandissimi e poi offrirli alla gente, che li consuma proprio attorno al fuoco.
Ad aprire la serata la tradizionale benedizione degli animali, a seguire le accensioni dei falò. E’ un’atmosfera magica: i falò, un piatto di knniadd, taralli, frittelle, bruschette condite con il nostro olio extravergine di oliva e un buon bicchiere di vino.


Sagra della Mandorla, a Palo del Colle la Iª edizione

In il

sagra della mandorla palo del colle

Sabato 24 e Domenica 25 Novembre 2018 a Palo del Colle (Ba) si terrà la 1° edizione della Sagra Della Mandorla. Palo del Colle si arricchirà di profumi, sapori, musiche e colori della Puglia: un evento imperdibile, una sagra di gastronomia, turismo, cultura e tradizione.

La Sagra della Mandorla, due giorni in cui questo frutto, dalle proprietà benefiche e dal gusto prelibato, sarà il centro di conferenze, spettacoli, degustazioni.

Un evento, ideato e curato dalla COOSFI insieme al Gas Giordano Bruno e il Gas La Convenienza, con il patrocinio della Comune di Palo del Colle, che avrà momenti di musica, mercatini di artigianato e prodotti locali, degustazioni di mandorle in tante pietanze.


TRE SULL’ALTALENA di Lunari in scena a Palo del Colle

In il

tre sull altalena lunari puntillo

COMPAGNIA A.d.A. TEATRO
presenta
TRE SULL’ALTALENA
di Luigi Lunari
con
Michele Cuonzo, Antonello Loiacono, Marco Pezzella, Marilena Piglionica
regia
Michele Puntillo

Note di regia

Divertente messa in scena dell’opera di Luigi Lunari, amata e rappresentata in tutto il mondo; è un misto di commedia, thriller e filosofia.

I tre protagonisti della commedia sono un uomo d’affari, un capitano dei servizi segreti e un professore. Si ritrovano tutti nello stesso posto, convocati per motivi diversi e in indirizzi diversi, peccato che questi indirizzi conducano tutti nella stessa stanza.

Il tempo passa e i tre uomini iniziano a “socializzare” forzatamente, come in tutti quei contesti in cui ci si ritrova per forza in compagnia di qualcuno che non conosciamo e che magari, come tipo umano, mal sopportiamo: la tensione sale a maggior ragione quando i tre rimangono bloccati per tutta la notte in questo losco stanzino a causa di un’esercitazione antinquinamento e per di più iniziano a verificarsi una serie di strani fenomeni solo apparentemente spiegabili con la logica, ma in realtà molto più facilmente definibili come paranormali.

“Gli uomini prima sentono senza avvertire; dappoi avvertono con animo perturbato e commosso, finalmente riflettono con mente pura”: questa una citazione di Giambattista Vico che il professore ad un certo punto snocciola per spiegare come ognuno di loro rappresenti uno di questi passaggi e di come in qualche modo le loro qualità si completano e si stimolano a vicenda: ma per quale scopo? Che siano forse bloccati in una sorta di limbo pre-aldilà per risolvere le loro questioni in sospeso? Questo è un mistero che rimane intatto fino alla fine, fortificato dall’enigmatica figura di una donna delle pulizie che dice cose talmente ambigue da far nascere nei tre malcapitati un nuovo grande terrore: è realmente una donna delle pulizie o è forse l’Angelo del Giudizio? O addirittura Dio? Tra equivoci, risate e timori i tre protagonisti condurranno il pubblico all’inevitabile finale…

Info al numero 392 8785329

Rigenera Laboratorio Urbano viale della Resistenza – Palo del Colle (Bari)