La BOHÈME di Giacomo Puccini al Teatro Duse

In il

boheme teatro duse

Una nuova edizione per la “nostra” Bohème

Non si canta nella “nostra” Bohème ma l’evocazione strumentale delle più belle arie pucciniane costituisce la colonna sonora del racconto. Come in un film. Il linguaggio espressamente colloquiale, (impensabile nell’opera ottocentesca precedente), lo stile realistico, il parlare “comune” caratterizzanti il libretto, la “normalità” dei personaggi, sembrano legittimare la nostra “operazione”, la messinscena di un “dramma parlato”, in cui sia possibile recuperare quegli aspetti che nell’allestimento delle opere liriche, anche in quelle così moderne di Puccini, spesso passano in secondo piano: la credibilità dei rapporti, le sfumature psicologiche, la recitazione curata nei dettagli, l’aderenza degli interpreti a le phisique du rôle.
E’ altresì nota l’attenzione di Puccini per “l’evoluzione europea ed extraeuropea del teatro di prosa, per le novità registiche, scenografiche e luministiche, il suo bisogno di decidersi per un soggetto solo dopo la conferma di una comprovata funzionalità scenica”. Le scene della vita di Bohème, il romanzo di Henry Murger, a cui s’ispirarono per il libretto Illica e Giacosa, era stato, prima di essere pubblicato, una pièce di successo, che il commediografo Barrière aveva tratto da alcuni racconti di Murger, apparsi a puntate su un giornale satirico.
Il libretto dell’opera e il romanzo sono per noi lo spunto per una messinscena che alterna fedeltà e libertà nel trattamento delle fonti. Episodi comici e drammatici si avvicendano, rispecchiando il tratto fondamentalmente ossimorico della “vita gaia e terribile” dei bohémiens, un’esistenza “al limite”, condotta per scelta ai margini della società e nel rifiuto della morale borghese. E’ il trionfo della giovinezza, e anche della libertà sessuale, testimoniato dall’attrazione amorosa tra Rodolfo e Mimì, creatura tenera e insieme appassionata, febbricitante d’amore, di un’eccitazione dovuta anche alla malattia; dalle schermaglie erotiche che impegnano Musetta e Marcello; dalla convivenza more uxorio di giovani coppie che si sottraggono al controllo della famiglia e della società. E questo non corrompe la sostanza “sentimentale” del racconto ma, al contrario, ne potenzia l’intensità.
L’indipendenza dalle norme sociali è altresì rivelata dall’atteggiamento anarchico nei confronti della lingua. Giochi di parole, parodie, rovesciamenti semantici, scherzi, creano un’atmosfera giocosa e trasgressiva, nel contempo pervasa da un senso di perdita e di nostalgia e, dunque, intimamente corrosa dall’ironia drammatica: sappiamo che la bella stagione dell’amore e della giovinezza sarà breve.
La musica, nel nostro spettacolo, ha la funzione di soundtrack. L’impulso naturale di Puccini a trovare un nuovo e più avanzato equilibrio tra musica e messinscena lo mise in sintonia con il cinema, che da pochi anni muoveva i primi passi. L’Opera si avviava a essere superata come genere di spettacolo, nei favori del grande pubblico, dall’affermazione del nuovo medium. Puccini comprese che “il rinnovamento passava attraverso l’evoluzione non soltanto del linguaggio musicale ma anche del suo rapporto con i personaggi e la messinscena”. Molta “musica per film” sarebbe stata debitrice, in seguito, nei confronti delle melodie pucciniane. Una coincidenza: il 1895, che per convenzione segna la nascita del Cinema, è anche l’anno della creazione de La Bohème.
Lo spettacolo rientra in un progetto più ampio dal titolo “La messinscena della musica”. Alla luce degli stretti rapporti esistenti tra l’espressione musicale e la letteratura, ci proponiamo, mediante la drammatizzazione di concerti e l’allestimento di opere liriche, di avvicinare anche i più giovani alla Musica classica e al Melodramma.

Info e prenotazioni: 080 5046979 – 371 3791440


LA TRAVIATA di Giuseppe Verdi in scena all’Auditorium Regina Pacis

In il

la traviata giuseppe verdi regina pacis molfetta

Sarà una Traviata particolarmente preziosa, quella che andrà in scena il 18 marzo alle ore 18.30 al Teatro Regina Pacis di Molfetta, con la regia di Francesco Tammacco con la direzione artistica del Maestro Marilena Gaudio. L’opera vedrà la collaborazione di ALTER CHORUS diretto da Antonio Allegretta, l’esecuzione al pianoforte del maestro Alessandro Giusto e sarà interpretato dal corpo di ballo del Liceo coreutico “Leonardo Da Vinci” di Bisceglie dietro la direzione di Cinzia D’Addato.

Una Traviata che oltre all’originalità della chiave di lettura adottata dal regista, avrà una messa in scena che richiama direttamente la più alta tradizione pittorica ottocentesca.

L’appuntamento rientra nel “Il carro all’opera”, la rassegna teatrale di lirica della Compagnia de Il Carro dei Comici diretta da Francesco Tammacco. Nei prossimi appuntamenti La Vedova Allegra il 22 aprile, e La Carmen il 20 maggio.

Per info e prenotazioni: 3397758173

Prevendita presso Expert Gadaleta – Corso Umberto 25 a Molfetta.

Email: ilcarrodeicomicimolfetta@gmail.com


Madama Butterfly di Giacomo Puccini al Teatro Mercadante

In il

madama butterfly giacomo puccini teatro mercadante

Opera in forma di concerto

Voce recitante Michele Mirabella
Soprano Cristina Giannelli
Mezzosoprano Loriana Castellano
Tenore David Sotgiu
Baritono Marcello Rosiello
Pianoforte M° Barbara Rinero

Madama Butterfly un’opera in tre atti di Giacomo Puccini, su libretto di Giuseppe Giacosa e Luigi Illica, definita nello spartito e nel libretto come “tragedia giapponese”. Michele Mirabella ci racconterà attraverso i momenti più salienti dell’opera, la potenzialità espressiva della giovane geisha sedotta, abbandonata e suicida. Un amore immenso e totale per il quale Cio Cio San rinnega fede e famiglia, aspettando “con sicura fede” accanto al bimbo (nato dal breve matrimonio) ed ella sua fedele amica Suzuki, il ritorno di suo marito Pinkerton, Ufficiale della Marina Americana. Sul palcoscenico le voci di giovani cantanti in carriera: il soprano Cristina Giannelli nel ruolo protagonista di Butterfly; il mezzosoprano Loriana Castellano nella fedele Suzuki; il tenore David Sotgiu come Pinkerton e il baritono Marcello Rosiello nei panni di Sharpless, Console degli Stati Uniti a Nagasaki. Ad accompagnarli al pianoforte, l’eccellente M° Barbara Rinero.

Musica
Giacomo Puccini

Librettista
Giuseppe Giacosa
Luigi Illica


DER FLIEGENDE HOLLÄNDER L’OLANDESE VOLANTE di Richard Wagner al Teatro Petruzzelli

In il

Der Fliegende Holländer (L’Olandese volante) di Richard Wagner aprirà la Stagione d’Opera e di Balletto 2018 del Teatro Petruzzelli domenica 21 gennaio alle ore 18.00, allestimento del Teatro Comunale di Bologna, per la regia di Yannis Kokkos.
Sul podio dell’Orchestra del Teatro il direttore stabile Giampaolo Bisanti, maestro del Coro del Petruzzelli Fabrizio Cassi.

Opera romantica in tre atti, libretto di R. Wagner

direttore Giampaolo BISANTI
regia, scene, costumi Yannis KOKKOS
maestro del coro Fabrizio CASSI
video Eric DURANTEAU

ORCHESTRA E CORO DEL TEATRO PETRUZZELLI

PERSONAGGI

Der Holländer Tomás TOMASSON [21/23/26/28 gen]
Daniel IHN KYU [27 gen]
Daland Yorck Felix SPEER
Senta Martina WELSCHENBACH [21/23/26/28 gen]
Tanja KUHN [27 gen]
Erik Brenden GUNNELL [21/23/26/28 gen]
Ewandro STENZOWSK/td> [27 gen]
Mary Kismara PESSATTI
Der Steuermann Cameron BECKER

Allestimento scenico | Teatro Comunale di Bologna


IL PIPISTRELLO [DIE FLEDERMAUS] di J. Strauss al Teatro Petruzzelli

In il

IL PIPISTRELLO
[DIE FLEDERMAUS]
di JOHANN STRAUSS

>>>Acquista Biglietti

Operetta in tre atti su libretto di Carl Haffner e Richard Genée.

 

direttore   Nir KABARETTI
regia, disegno luci   Daniel BENOIN
maestro del coro   Fabrizio CASSI
scene   Jean-Pierre LAPORTE
costumi   Nathalie BÉRARD-BENOIN
video   Paulo CORREIA

 

ORCHESTRA E CORO DEL TEATRO PETRUZZELLI

 

Gabriel von Eisenstein Simone DI SAPIA [13/15/17/20 dic]
Valdis JANSONS [14/16/19/21 dic]
Rosalinde Maria KATZARAVA [13/15/19/20 dic]
Ana PETRICEVIC [14/16/19/21 dic]
Alfred  Merto SUNGU [13/15/17/20 dic]
Sascha KRAMER [14/16/19/21 dic]
Adele Valentina FARCAS [13/15/17/20 dic]
Giulia DELLA PERUTA [14/16/19/21 dic]
Frank  Zoltan NAGY
Orlofsky Aya WAKIZONO [13/15/17/20 dic]
Antonella COLAIANNI [14/16/19/21 dic]
Falke Klaus KUTTLER [13/15/17/20 dic]
Davide GIANGREGORIO [14/16/19/21 dic]
Blind  Nao MASHIO

Allestimento scenico della Fondazione Teatro Lirico
Giuseppe Verdi di Trieste


AIDA di G. Verdi in scena al Teatro Petruzzelli

In il

AIDA
di GIUSEPPE VERDI

>>>Acquista Biglietti

Opera in quattro atti su libretto di Antonio Ghislanzoni.

 

direttore  Giampaolo BISANTI
Giuseppe LA MALFA [19 set]
regia  Joseph FRANCONI LEE
maestro del coro  Fabrizio CASSI
scene e costumi  Mauro CAROSI
disegno luci  Alessandro CARLETTI
coreografie  Marta FERRI

 

ORCHESTRA E CORO DEL TEATRO PETRUZZELLI

 

Aida Taisiya ERMOLAEVA [13/15/17/20 set]
Maria Teresa LEVA [14/16/19/21 set]
Radamès  Aquiles MACHADO [13/15/17/20 set]
Sung Kyu PARK [14/16/19/21 set]
Amneris  Nino SURGULADZE [13/15/17/20 set]
Alessandra VOLPE [14/16/19/21 set]
Amonasro  Elia FABBIAN [13/15/17/20 set]
Mansoo KIM [14/16/19/21 set]
Ramfis  Simon LIM [13/15/17/20 set]
Mariano BUCCINO [14/16/19/21 set]
Il Re d’Egitto  Dario RUSSO
Una Sacerdotessa  Marta CALCATERRA
Un messaggero Leon DE LA GUARDIA

mercoledì 13 settembre / ore 20.30 [turno A]
giovedì 14 settembre / ore 20.30 [fuori abbonam.]
venerdì 15 settembre / ore 20.30 [turno B]
sabato 16 settembre / ore 18.00 [fuori abbonam.]
domenica 17 settembre / ore 18.00 [turno C]
martedì 19 settembre / ore 20.30 [fuori abbonam.]
mercoledì 20 settembre / ore 20.30 [turno D]
giovedì 21 settembre / ore 20.30 [fuori abbonam.]

Allestimento scenico del Teatro Regio di Parma


TURANDOT di Giacomo Puccini in scena al Teatro Petruzzelli di Bari

In il

TURANDOT
Torna al Petruzzelli il capoavoro di Giacomo Puccini dal 9 al 17 Novembre con la meravigliosa regia di Roberto De simone.
A dirigere l’orchestra il M° Giampaolo Bisanti ; dirige il coro il M° Fabrizio Cassi, le scene sono di Nicola Rubertelli e i costumi di Odette Nicoletti, le luci di Vincenzo Raponi e coreografie di Domenico Iannone .

TURANDOT di GIACOMO PUCCINI
Dramma lirico in tre atti e quattro quadri su libretto di Giuseppe Adami e Renato Simoni.
mercoledì 9 novembre / ore 20.30
giovedì 10 novembre / ore 20.30
venerdì 11 novembre / ore 20.30
sabato 12 novembre / ore 18.00 *
domenica 13 novembre / ore 18.00
martedì 15 novembre / ore 20.30
mercoledì 16 novembre / ore 20.30
giovedì 17 novembre / ore 20.30

info: botteghino@fondazionepetruzzelli.it

tel 0809752810

>>>Acquista Biglietti

direttore Giampaolo BISANTI
regia Roberto DE SIMONE
maestro del Coro Fabrizio CASSI
scene
Nicola RUBERTELLI
costumi Odette NICOLETTI
disegno luci Vincenzo RAPONI
coreografia Domenico IANNONE

Interpreti :
Turandot Tiziana CARUSO
Maria BILLERI (9, 11, 13 e 16 novembre)
(10, 12, 15 e 17 novembre)

Altoum Rino MATAFÙ
Timur Deyan VATCHKOV
Cristian SAITTA (9, 11, 13, 16 novembre)
(10, 12, 15, 17 novembre)

Calaf Carlo VENTRE
Amadi LAGHA
(9, 11, 13, 16 novembre)
(10, 12, 15, 17 novembre)
Liù Daria MASIERO
Valentina FARCAS (9, 11, 13, 16 novembre)
(10, 12, 15, 17 novembre)

Ping Domenico COLAIANNI
Pang Saverio FIORE
Pong Massimiliano CHIAROLLA
Un mandarino Tiziano TASSI
Principe di Persia Raffaele PASTORE
Francesco NAPOLETANO (9, 11, 13, 16 novembre)
(10, 12, 15, 17 novembre)
Prima ancella Maria SILECCHIO
Roberta SCALAVINO
(9, 11, 13, 16 novembre)
(10, 12, 15, 17 novembre)
Seconda ancella Giovanna PADOVANO
Teresa CARICOLA
(9, 11, 13, 16 novembre)
(10, 12, 15, 17 novembre)
Orchestra e Coro del Teatro Petruzzelli
Produzione Fondazione lirico sinfonica Petruzzelli e Teatri di Bari