“BINARIO 21 – Le Giornate della Memoria” a Bari, la mostra della Shoah nel museo di Santa Scolastica

In il

binario 21 le giornate della memoria bari

Dal binario 21 della stazione centrale di Milano, trasformato oggi in memoriale della Shoah, partivano i convogli carichi di deportati ebrei diretti ai campi di sterminio nazisti. Dal binario 21, il 30 gennaio 1944 circa 650 ebrei, tenuti in prigionia nel carcere di San Vittore vennero condotti ai campi di Auschwitz-Birkenau,e solo ventidue di loro riuscirono a tornare vivi dal lager.

“Binario 21” è il nome del progetto culturale, un “viaggio nella memoria” per non dimenticare il passato, per essere consapevoli della terribile capacità dell’uomo di commettere orrori, un viaggio che ha l’ambizione di smuovere coscienze: queste sono le premesse dell’esperienza culturale, di forte impatto emotivo, legata alle celebrazioni della Shoah, propostadall’Associazione Marluna Teatro di Trani, con il supporto organizzativo dell’agenzia Guastella Communication di Bari,  in partnership con le guide turistiche di Confguide Bari, e  il patrocinio di Regione Puglia, Consiglio Regionale Pugliese, Assessorato alla Pubblica Istruzione Regione Puglia, Città Metropolitana e del Comune di Bari, che si svolgerà nel Museo Archeologico di Santa Scolastica dal 19 gennaio al 9 febbraio 2019.

Binario 21, è rivolto non solo agli studenti delle scuole medie e superiori, (durante l’orario scolastico, ossia 9.00-13.00), ma a tutto il pubblico della città e dintorni, (negli orari di apertura) e si articola in tre momenti: una performance teatrale, di 15/20minuti, presentata all’interno di un carrozza di un treno merci, liberamente ispirata alle testimonianze di chi ha viaggiato su uno dei treni partiti dal Binario 21; una mostra fotografica illustrata da una guida, con testimonianze di lettere e ritrovamenti all’interno dei campi di concentramento di Auschwitz–Birkenau e una installazione video in cui musicisti e cantanti si esibiscono all’interno del campo di concentramento ormai abbandonato in memoria delle vittime dell’olocausto.

Il 26 e il 27 gennaio, il Museo osserverà un’apertura straordinaria, con orario continuato dalle 10 alle 21. Ai visitatori verrà offerto un percorso per visitare sia il Museo di Santa Scolastica, sia per Il percorso performativo allestito nel Museo Archeologico di Santa Scolastica – Ingresso Bastione – lungomare Imperatore Augusto.

La mostra sarà inaugurata sabato 19 gennaio alle ore 17,00 con le autorità e la stampa, e aperta alle scuole e al pubblico a partire da lunedì 21 gennaio.

PROGRAMMA:
Giovedì 17 gennaio ore 10.30: Conferenza stampa di presentazione
Sabato 19 gennaio ore 17.00 Inaugurazione con le autorità

Giorni e orari performance teatrale e visita del museo:
Dal 21 gennaio all’8 febbraio tutte le mattine: ore 9.00, 10.30 e 11.45
Domenica 20 gennaio: ore 11.00 e 12.00
Sabato 26 gennaio: mattina ore 12.00, pomeriggio ore 17.00 e 18.00
Domenica 27 gennaio: mattina ore 11.00 e 12.00, pomeriggio ore 17.00, 18.00 e 19.00
Sabato 2 febbraio: mattina ore 12.00, pomeriggio ore 17.00 e 18.00
Domenica 3 febbraio: mattina ore 11.00 e 12.00, pomeriggio ore 17.00 e 18.00

Per assistere alla performance teatrale occorre prenotare. La performance avrà luogo al raggiungimento di un gruppo minimo di 10 persone.
Costo del biglietto: 10 €. Sconto gruppo composto da minimo 10 persone: € 8 a persona.

Come PRENOTARE: Inviando una mail a direzioneartistica@marlunateatro.com e/o chiamando o mandando un sms o whatsapp al 3402326032 o al 3396462381 indicando il numero di partecipanti, un cognome e un numero di telefono.


“Crossing Over Art” mostra collettiva d’arte al Museo Archeologico di Rutigliano

In il

crossing over art rutigliano

Anche quest’anno, tra le iniziative collaterali alla Fiera del Fischietto in terracotta, non mancherà la collettiva d’arte a cura dell’associazione culturale Contaminazioni d’Arte.
Leit motive dell’edizione 2019, patrocinata dall’Assessorato comunale alla Cultura e al Turismo, sarà l’incontro e lo scambio di esperienze artistiche. Gli artisti coinvolti esprimeranno il loro estro mediante opere realizzate a più mani, con diverse cifre stilistiche legate tra loro dallo spirito artistico.
La mostra, dal titolo «Crossing over art», sarà inaugurata Sabato 12 Gennaio alle ore 19:00 nel salone a piano terra del Museo Archeologico di Piazza XX Settembre, con gli interventi del giornalista Gianni Capotorto, dell’architetto cultore di arte contemporanea Nico Lioce e della docente di Storia dell’Arte Mariarosaria Colamussi.
Fino a Domenica 20 Gennaio, con ingresso libero, si potranno ammirare le opere di: Grazia Dibattista, Giuseppe Torello, Vito Paparazzo, Carlo Azzella, Mariarosaria Colamussi, Francesco Valenzano, Clara Misceo, Rocco A. De Sario, Giuseppe Lombardo, Carlo Dicillo, Alessia Didonna, Michele Tansella, Angelo Samarelli, Pippo Moresca.

SABATO 12 GENNAIO


VERNISSAGE DELLA COLLETTIVA D’ARTE 

«CROSSING OVER ART»

Museo Archeologico di Rutigliano (Bari) ore 19:00
Ingresso libero


IO VADO AL MUSEO: a Gioia del Colle 20 giornate gratis al Museo Archeologico e al Parco di Monte Sannace

In il

io vado al museo

Museo nazionale archeologico di Gioia del Colle

Il Museo, istituito nel 1977 con sede nel Castello Normanno Svevo, splendido esempio di architettura federiciana in condizioni ottimali di conservazione e fruizione, si  presenta oggi con una veste completamente rinnovata, sia per quanto attiene i reperti in esposizione, sia per gli apparati didattici e illustrativi. Il percorso si sviluppa fra il piano terra e il primo piano del monumento e affronta il tema “Vivere in una città della Puglia antica”. L’esposizione è concepita in più sezioni tematiche: Casa, lavoro, vita quotidiana (Sala 1); Ruoli e funzioni: i bambini, le donne, gli uomini (Sala 2); Ideologia e stile di vita (Sale 3-4-5).
Glioggetti esposti, di provenienza domestica, cultuale e funeraria, risalgono ai secoli tra il VII e il III a.C. Si tratta di vasi di uso domestico e strumenti da lavoro, di corredi tombali con ceramiche di straordinaria fattura (vasi a decorazione geometrica e figurati, di produzione locale o di importazione dalla Grecia e dalle vicine città della Magna Grecia, Taranto in particolare), statuine fittili e ornamenti in bronzo, argento, avorio e ambra, di colonne, capitelli ed elementi architettonici policromi, di armi in ferro, cinturoni, elmi e corazze in bronzo, di particolare pregio e rarità.  Si segnalano, tra gli altri, un’armatura completa di guerriero del IV secolo a.C., composta da corazza, gambali ed elmo in bronzo, nella Sala 2, e le splendide ceramiche esposte nella Sala 4, fra cui il noto grande vaso corinzio denominato “cratere di Memnon”, risalente al VI secolo a.C..

Parco archeologico di Monte Sannace

Il parco archeologico di Monte Sannace comprende estese aree insediative del più importante centro dell’antica Peucezia, particolarmente florido fra VI e IV sec. a.C.. Sulla collina sorge l’acropoli con edifici pubblici, residenze aristocratiche e grandi tombe decorate in stile greco-orientale. Numerose abitazioni e gruppi di sepolture si collocano nella zona pianeggiante, il tutto variamente racchiuso da un imponente sistema difensivo formato da una triplice cinta muraria. In area extraurbana ricade la necropoli con ricchi corredi funerari dal pregevole vasellame.

Di seguito il calendario delle giornate ad ingresso gratuito:

* 06/01/2019
* 03/02/2019
* 03/03/2019
* 05/03/2019
* 06/03/2019
* 07/03/2019
* 08/03/2019
* 09/03/2019
* 10/03/2019
* 25/04/2019
* 09/05/2019
* 18/05/2019
* 19/05/2019
* 26/05/2019
* 02/06/2019
* 22/09/2019
* 06/10/2019
* 03/11/2019
* 01/12/2019
* 03/12/2019

Maggiori info su www.iovadoalmuseo.it


Apertura straordinaria del Museo del Fischietto in Terracotta e del Museo Archeologico di Rutigliano

In il

museo civico del fischietto rutigliano

Gli Assessorati comunali al Marketing territoriale e alla Cultura e al Turismo, in collaborazione con Pro Loco Rutigliano e Archeoclub d’Italia sede di Rutigliano, aderiscono all’iniziativa «MUSEI APERTI», indetta dal Mibact, con l’apertura straordinaria ad ingresso libero dei Musei Civici di Rutigliano nelle prime Domeniche di Dicembre e Gennaio e durante gli eventi natalizi e della Fiera del Fischietto in Terracotta.

Sabato 29 e domenica 30 dicembre, il Museo Archeologico di piazza XX Settembre e il Museo del Fischietto in Terracotta di Palazzo San Domenico, saranno aperti al pubblico, con ingresso libero e visite guidate gratuite.
Info: 3209041603

MUSEI CIVICI APERTI
Museo Archeologico
Museo del Fischietto in Terracotta
APERTURA STRAORDINARIA AD INGRESSO LIBERO


NATALE CON L’UOMO DI ALTAMURA

In il

NATALE CON L UOMO DI ALTAMURA

NATALE CON L’UOMO DI ALTAMURA
MUdA|Palazzo Baldassarre – Museo Nazionale Archeologico di Altamura – Centro Visite Lamalunga – Infopoint di Via Treviso

A concludere nei migliori dei modi un anno ricco di incontri e nuove esperienze, la Rete Museale Uomo di Altamura propone una serie di appuntamenti pensati per le tante giornate di festa nei luoghi della Rete.
Un invito a trascorrere insieme la magia e le suggestione del Natale con un’offerta culturale sempre nuova e per un pubblico variegato che si articola tra concerti, laboratori, incontri interattivi, degustazioni e passeggiate narrative, attività didattiche, laboratori creativi e appuntamenti speciali alla scoperta della nostra storia antica, secondo una formula ormai consolidata.

CALENDARIO:

Sabato 15 dicembre, ore 11
MUSEO NAZIONALE ARCHEOLOGICO ALTAMURA
In concerto l’Esamble “I Musici” composto dal coro e strumenti a fiato degli studenti della Scuola secondaria di I grado “Padre Pio” di Altamura.
(in collaborazione con la prof.ssa Luciana Vizziello)
– Consigliato: tutti
– Durata: 2 h ca.
Gratuito

Domenica 16 dicembre, ore 18
INFOPOINT VIA TREVISO
Appuntamenti legati da un unico filo conduttore: il racconto di Libae, donna che si sposta su vie e percorsi preistorici. Un filo rosso coerente e dinamico dato dall’arte con l’estemporanea di Marco Forte e la mostra d’arte a cura di Francesco Pontillo, musica con Vincenzo Cristallo e Sara Rotunno in concerto, ricostruzioni e allestimenti che consentirà di “rivivere”, nel miglior modo possibile, quel mondo perduto attraverso differenti linguaggi.
(a cura di IRIS Società Cooperativa)
– Consigliato: tutti
– Max: 100 partecipanti
Gratuito

Lunedì 17 dicembre, ore 17
MUSEO NAZIONALE ARCHEOLOGICO ALTAMURA
Concerto di brani natalizi a cura del Coro Polifonico dell’UPTE|Università Popolare della Terza Età “Leonardo Barnaba” di Altamura.
– Consigliato: tutti
– Durata: 2 h ca.
Gratuito

Martedì 18 dicembre, ore 17
MUSEO NAZIONALE ARCHEOLOGICO ALTAMURA
In concerto il coro di bambini dell’Istituto Annibale Maria di Francia.
– Consigliato: tutti
– Durata: 2 h ca.
Gratuito

Venerdì 21 dicembre, ore 19.00
MUDA|PALAZZO BALDASSARRE
A Natale archeologia e musica si fondono in un connubio perfetto e saranno le “Verde Voci” del giovanissimo coro della Scuola Padre Pio di Altamura a echeggiare tra le stanze di Palazzo Baldassarre. A seguire visita guidata al Museo dell’Uomo di Altamura – Palazzo Baldassarre.
(dirige il coro M° Antonella Nuzzi; pianoforte M° Giancarlo Direnzo)
– Consigliato: tutti
– Durata: 2 h ca.
– Max: 50 partecipanti
Gratuito (concerto)
Ridotto adulti € 2,00 (visita guidata)
Gratuito fino a 13 anni (visita guidata)

Sabato 22 dicembre, ore 16
INFOPOINT VIA TREVISO
I bambini, dopo aver ascoltato una magica storia, potranno cimentarsi nella creazione di addobbi natalizi e nella realizzazione di bigliettini di auguri davvero divertenti, utilizzando appositi kit, cartoncini, glitter e colla per un effetto a “sfere di neve’’.
– Durata: 2 h ca.
– Prenotazione obbligatoria
– Max: 20 partecipanti
– Consigliato: 5/10 anni
Biglietto € 5,00

Domenica 23 dicembre, ore 18
INFOPOINT VIA TREVISO
Appuntamenti legati da un unico filo conduttore: il racconto di Libae, donna che si sposta su vie e percorsi preistorici. Un filo rosso coerente e dinamico dato dall’arte con l’estemporanea di Francesco Kuci, la mostra fotografica e installazioni a cura dell’Associazione Peonia, musica con Maria Moramarco e Luigi Blognese in concerto, ricostruzioni e allestimenti che consentirà di “rivivere”, nel miglior modo possibile, quel mondo perduto attraverso differenti linguaggi.
(a cura di IRIS Società Cooperativa)
– Consigliato: tutti
– Durata: 3 h ca.
– Prenotazione obbligatoria
– Max: 50 partecipanti
Gratuito

Sabato 29 dicembre, ore 17
MUDA|PALAZZO BALDASSARRE
Un tour serale che parte dal MUdA|Palazzo Baldassarre e prosegue tra i tesori nascosti del centro storico, alla scoperta di chiese, palazzi nobiliari e i caratteristici claustri. Visiteremo infine un’antica cantina del 1500 realizzata in una grotta nel cuore del centro antico, dove gusteremo insieme un aperitivo con assaggio guidato di vini e prodotti tipici.
(in collaborazione con La Cantina Frrud – Museo del Vino)
– Meeting point: Palazzo Baldassarre
– Prenotazione consigliata
Intero: € 9,00 (solo visita)
+ € 5,00 (degustazione)
Ridotto: € 4,00 (bambini età 6-13)

Domenica 30 dicembre, ore 16
MUdA|PALAZZO BALDASSARRE
Utilizzando materiali naturali e ispirati alla Preistoria realizziamo insieme preziosi oggetti di ornamento ispirati al passato.
– Consigliato: bambini tra 7-12 anni
– Durata: 2 h ca.
– Prenotazione consigliata
– Max 20 partecipanti
Biglietto: € 4,00 (a bambino)

Sabato 5 gennaio, ore 20.00 e 21.15
PIAZZA DUOMO | TORRE DELL’OROLOGIO
Discesa delle “Befane Speleologiche” del CARS – Centro altamurano ricerche speleologiche dalla Torre dell’Orologio della Cattedrale di Altamura accompagnate da musiche, canti, danza e altri spettacoli animati da supereroi e personaggi dei cartoni animati più amati dai bambini.
(in collaborazione con l’Associazione Progettualmente)
– Consigliato: 7-12 anni
– Durata: 2 h ca.
Gratuito

CONTATTI:
Uomo di Altamura – Rete museale
Via Fratelli Baldassarre, 1
Altamura (Bari) – 70022
rete@uomodialtamura.it
Messenger: reteuomodialtamura
www.uomodialtamura.it
Tel. 3402645147


“La Stanza dei Ricordi” mostra personale di Renato Sciolan

In il

la stanza dei ricordi renato sciolan

Sabato 1 settembre alle ore 20.00, con il patrocinio del Comune di Rutigliano – Bari, si inaugura la mostra personale dell’Artista Renato Sciolan dal titolo: LA STANZA DEI RICORDI
Il giorno 1 settembre alle ore 20.00, alla presenza di autorità e graditi ospiti, l’artista Renato Sciolan inaugurerà la propria mostra ” La stanza dei Ricordi”, presso Il Museo Archeologico , sito in piazza XX Settembre a Rutigliano. La mostra, che gode del patrocinio dell’Assessorato alla Cultura del Comune di Rutigliano è inserita nel cartellone dell’estate rutiglianese 2018, sarà visibile fino all’8 settembre, dalle ore 19.00 alle ore 21.00, sabato e domenica sino alle 22.00, con ingresso libero e gratuito.
Dopo diverse bellissime mostre, l’artista barese ma residente in loco, da oltre quarant’anni colleziona presenze artistiche in esposizioni ed eventi nazionali ed internazionali, torna con un’altra imperdibile personale.
Il suo è un ritorno che vuole essere una sfida: emozionare immortalando nei suoi dipinti quegli attimi, quegli istanti che maggiormente lo hanno colpito e che sono rimasti indelebili nella memoria, con tutte le loro sfumature, dalle più grigie alle più luminose, dove la sua creatività si esprime in un contesto armonioso, ricco di effetti poetici.
La tranquillità raggiunta in tutte le sue rappresentazioni è la distesa e distaccata consapevolezza cosmica dei luoghi, come suggeriscono a volte i sogni, in maniera un po’ sorprendente come quando ci sovviene di un tempo, quell’attimo dalla memoria, il dettaglio, che l’artista ci riconsegna in modo indelebile, come un percorso visivo dell’anima, il suo impegno di testimone, percorre strada nell’arduità dei contenuti e svela un bisogno d’abbandono di se stesso, tramite la magia della gestualità, al mistero dell’apparire ponendo ad altri quanto gli urge dentro.
Ci si perde in racconti ed emozioni che tornano alla mente stimolati da colori che trasudano di sicurezze interiori che spaziano in un mondo idilliaco, quasi a voler sotto-lineare un rapporto privilegiato dell’essere in un abbandono romantico che è tenerezza e poesia.
Un titolo che appare un invito promettendo un viaggio coinvolgente nella dimensione emozionale non solo intima dell’artista, ma quale luogo comune di incontro in cui chiunque potrà ritrovarsi e rivivere momenti di un proprio passato incancellabile.
Otto giorni per apprezzare appieno la sensibilità e la delicatezza di questo artista, che pur definendosi “pittore impressionista”, attraverso la rappresentazione delle sue opere sarà in grado di far ripercorrere sensazioni emozionali, molto spesso dimenticati.
Organizzatori : Comune di Rutigliano – Ass. Cultura.
Location: Sala Espositiva Museo Archeologico ” P.zza xx Settembre – Rutigliano (Bari)
Periodo: Dal 1 settembre al 9 settembre 2018 .
Ingresso : Libero e gratuito.
Tutti i giorni ore 19.00 alle ore 21.00 sabato e domenica 19.00 – 22.00
Sito web: sciolanrenato.it
Per informazioni cell. 3334674441


Attraversamenti: Il Mito e la Poesia – Passeggiata letteraria

In il

Attraversamenti Il Mito e la Poesia Passeggiata letteraria

Protagonisti di questa esperienza sono il Museo Archeologico Nazionale Jatta, i vasi, i miti, e la poesia del loro esistere.
E’ una insolita passeggiata letteraria nel tempo dei Miti e della loro eternità fermata sui preziosi vasi del Museo. Una passeggiata attraverso una selezione di Miti raccontati su alcuni tra i più bei vasi ivi presenti. Una immersione tra il fascino della storia e la potenza narrativa della pittura. La poesia del manufatto artistico e del suo attraversamento spazio-temporale, del tratto del maestro cesellatore, della vita e delle vicende di dei e dee e del loro leggendario mondo. Ci faranno compagnia Niobe, Efesto e le Nereidi, Eracle e Le Esperidi, Bellerofonte, Talos, le loro storie, le loro gesta, la loro eternità, di cui leggeremo.
Vuole essere un modo diverso di visitare il Museo e di avvicinarsi alla lettura delle opere in esso ospitate, ognuna gemma unica e universale.
Nel cartellone della programmazione estiva Innesti del Comune Ruvo di Puglia Evoluzioni.

La partecipazione è gratuita con prenotazione obbligatoria. È previsto un numero massimo di 20 partecipanti.

Ritrovo alle ore 17.45 presso Museo Archeologico Nazionale Jatta Piazza – Bovio, 35. Si raccomanda la massima puntualità.

PER INFO E PRENOTAZIONI:
Info Point Ruvo di Puglia – Via V. Veneto, 48
Tel. 080.3628428
e-mail: prolocoruvodipuglia@libero.it


“Theorema” di Giulio De Mitri in mostra presso il Museo Archeologico di Santa Scolastica

In il

theorema giulio de mitri santa scolastica bari

“Giulio De Mitri – Theorema”
Bari, Bastione Santa Scolastica,
23 giugno – 30 settembre 2018

Sabato 23 giugno alle ore 18.30 presso il Bastione aragonese del Museo Archeologico di Santa Scolastica della Città Metropolitana di Bari, sarà inaugurata l’installazione ambientale site specific Theorema di Giulio De Mitri, considerato tra i protagonisti della Light Art e noto a livello nazionale e internazionale.

L’esposizione offrirà uno spaccato attuale dell’opera dell’affermato artista pugliese, da oltre quarant’anni impegnato a dare al proprio lavoro un valore sempre nuovo, sempre carico di stimoli e di significati.

Artista rigoroso e al contempo raffinato intellettuale dai molteplici interessi culturali, nel suo lungo percorso il De Mitri ha coltivato una costante e profonda riflessione estetica, che ha assecondato una formazione di matrice filosofica, fondata sul pensiero platonico ed eracliteo, coniugandola con una vivida attenzione per le istanze sociali e linguistiche del Novecento.

L’originalità dell’esposizione consiste nel confronto dialettico tra la sua installazione, composta da nove opere legate ad un repertorio cosmogonico attraversato da visioni mitiche e sacrali, e l’affascinante e storico spazio del Bastione aragonese di Santa Scolastica.

Questa formula è stata già sperimentata con successo con la Mostra Le sentinelle della duchessa di Mimmo Paladino e oggi si rinnova con Theorema di Giulio De Mitri, una creazione che ha un forte legame identitario con le origini millenarie della nostra antica civiltà.

«Nella penombra del Bastione aragonese di Santa Scolastica – scrive Antonella Marino nel catalogo – nove strutture di essenziale geometria si stagliano con evocativo rigore in total white. Il candore assoluto delle teche in forma di spaziosi triangoli, cerchi, quadrati, sorretti in continuità da alti basamenti, contrasta in parte con l’ambiguità visiva delle immagini intrappolate al loro interno: apparizioni lattiginose di luce ora fredda ora più calda dai riverberi grigi e azzurri, da cui affiorano assonanze embrionali, traiettorie sfumate, sagome astrali, costellazioni fisse o pulsanti. Difficile descrivere ciò che gli occhi vedono e traducono in sorpresa mentale ed emotiva. In questa installazione Giulio De Mitri sembra voler condensare il processo originario della nostra esistenza, genesi cosmica, nascita, trasformazione, morte come continua rigenerazione. La silenziosa mistica sottende il mistero dell’eredità ancestrale: come è iniziato tutto? Che cosa è il creato? Qual è la nostra casa? Da dove è venuto tutto questo, in che modo ne facciamo parte?”, annota l’autore.»

Le risposte sono legate alle opere, Percezioni cosmiche I e II, Spazi sacrali, “Genesi” e Paesaggi dell’anima.

La mostra del De Mitri, immersiva e contemplativa, offre quindi un’attenta ricerca che spazia tra minimalismo mediterraneo, arte sociale e light art, in grado di evocare i grandi temi esistenziali e rappresenta la cifra espressiva di un artista tra i più significativi della sua generazione.

Curata da Clara Gelao e Antonella Marino, l’esposizione sarà accompagnata da un catalogo edito da Gangemi, Roma, e conterrà, oltre i testi istituzionali di Antonio Decaro, Sindaco della Città Metropolitana, e di Francesca Pietroforte, Consigliera delegata per i Beni e le Attività Culturali, contributi critici delle curatrici e di Gisella Gellini, docente di Light Art e Design della Luce alla Scuola del Design del Politecnico di Milano, oltre ad un apparato iconografico e nota bio-bibliografica sull’artista.

La mostra resterà aperta fino al sino al 30 settembre p.v.

Bastione di Santa Scolastica, Bari
Lungomare Imperatore Augusto – Largo Nino Lavermicocca

Giorni e orari di apertura: dal lunedì al sabato dalle ore 10.00 alle ore 17.00; domenica dalle ore 10.00 alle ore 14.00; martedì chiuso.

infotel: 080/5412394
e-mail: museoarcheologico@cittametropolitana.ba.it


18° Concorso di Creatività «Viaggio in Italia» al Museo Archeologico di Rutigliano

In il

concorso di creativita viaggio in italia rutigliano

18° CONCORSO DI CREATIVITÀ
«VIAGGIO IN ITALIA»

INAUGURAZIONE MOSTRA VENERDI’ 4 MAGGIO ORE 18:00
MUSEO ARCHEOLOGICO

«VIAGGIO IN ITALIA»: è questo il tema del diciottesimo Concorso di CREATIVITÀ, l’ormai tradizionale evento artistico di Primavera promosso dalla Libera Università della Terza Età (Lute) «Lia Damato» di Rutigliano, in collaborazione con l’Assessorato alla Cultura e al Turismo del Comune di Rutigliano e con il patrocinio della Regione Puglia.
Il concorso, rivolto in particolare ai corsisti delle varie Università della Terza Età, ma con partecipazione aperta a tutti gli artisti amatoriali di ogni età, prenderà il via OGGI, Venerdì 4 Maggio: un centinaio le opere pervenute da tutta la Puglia e dalla Campania.
Cinque le categorie: Creatività, Pittura, Ricamo, Scrittura Creativa, Fotografia.
L’inaugurazione della Mostra delle opere in Concorso, allestita al piano terra del MUSEO ARCHEOLOGICO di Piazza XX Settembre, è in programma alle ORE 18:00 con i saluti della presidente della Lute MARISA DAMATO e del sindaco ROBERTO ROMAGNO; interverrà la docente di Lettere ALESSANDRA DE SALVIA che terrà un prolusione su «Bona Sforza: riflesso del Rinascimento tra Bari e Cracovia», mentre il vice presidente della Lute GIANNI CAPOTORTO evidenzierà il rapporto tra Rutigliano e Bona Sforza, che negli anni Trenta e Quaranta del XVI secolo ha ricoperto contemporaneamente il ruolo di regina di Polonia, duchessa di Bari e amministratrice del feudo di Rutigliano.

«L’Italia ha rappresentato un richiamo potentissimo per i viaggiatori di tutti i tempi», afferma Marisa Damato motivando la scelta del tema della diciottesima edizione del Concorso di Creatività, «una Nazione resa dalla Storia un museo a cielo aperto per la quantità di opere d’arte e il clima mite e radioso; un Paese ricco di siti archeologici, monumenti e biblioteche che raccontano il suo glorioso passato».

La premiazione del Concorso si svolgerà Venerdì 11 Maggio alle ore 18:30, mentre la mostra resterà aperta al pubblico, con ingresso libero, fino a Domenica 13 Maggio.


«Lo Spazio e il Luogo» mostra personale dell’artista Matteo Lucente

In il

lo spazio e il luogo mostra matteo lucente

A cura della Associazione Turistica Pro Loco Rutigliano, in collaborazione con l’Assessorato comunale alla Cultura e al Turismo e il Gal del Sud-Est Barese, è in programma Sabato 24 Marzo alle ore 19, nel Museo Archeologico l’inaugurazione della personale di pittura «Lo Spazio e il Luogo» dell’artista Matteo Lucente.

La mostra resterà aperta la pubblico, con ingresso libero, fino a Domenica 1 Aprile.

Nato nel 1965, Matteo Lucente studia da autodidatta la invetriatura con tecnica Tiffany, il mosaico in vetro e la pittura.

Dopo l’esperienza con il gruppo «Eccentriche Visioni» si dedica agli studi musicali. Frequenta il Teatro dell’Impegno di Gino Locaputo e Brigida Forte, entrando in contatto con il lanternista Claudio Correale. Impara la tecnica della pittura su diapositiva, tecnica che approfondisce negli anni sperimentando diversi materiali. Appassionato di architettura del paesaggio.

Partecipazione a mostre:

Collettiva d’Arte con il gruppo Eccentriche Visioni – Rutigliano, 1985
Personale Circolo Arci Vittorio Bodini – Rutigliano, 2006
Collettiva d’arte – Noicattaro, 2007
Personale Ex Viri – Noicattaro, 2013
Selezionato per la Biennale RomArt – Roma, 2015
Selezionato per il GrifioArtPrize Premio Emotional Artist 2015
Selezionato per LiveArtRoma2016 – Roma, 2016
Personale Zone en friche e altri luoghi della mente – Rutigliano, 2016
Collettiva Amore in cornice – Torino 2016
Premio COMEL 2016, Artista selezionato con l’opera Opus pocus
Collettiva Visionari al castello – Rocca Imperiale, 2016
Collettiva Byron – Terni, ottobre 2016
Personale Lo spazio e il luogo – Bari, aprile 2017
Premio Marchionni 2017, Artista selezionato con l’opera Simone
Collettiva “ Mater acquae” – Gallipoli, ottobre 2017
COMUNE DI RUTIGLIANO

Città d’Arte – Città che legge

www.comune.rutigliano.ba.it

SABATO 24 MARZO

«Lo Spazio e il Luogo»

Personale di pittura dell’artista

MATTEO LUCENTE

Vernissage ore 19 – Museo Archeologico

Ingresso libero