Sagra della Zampina 2020 a Sammichele di Bari

In il

sagra della zampina 2020 sammichele di bari

54ª Sagra della Zampina del Bocconcino e del Buon Vino
26 e 27 settembre 2020
Sammichele di Bari

PROGRAMMA:

26 SETTEMBRE

ore 17:00
“Un piatto per la Sagra”
diretta Facebook

ore 18:30
Convegno celebrativo “Ricordi di…Sagra”
Sala Consiliare del Municipio
diretta Facebook

ore 20:00
“Proiezione del video celebrativo e inaugurazione della Sagra”
Piazza Vittorio Veneto

ore 20:30
Intrattenimenti musicali e radio live in Piazza Vittorio Veneto e vie del Paese

Visite guidate al Museo della Civiltà Contadina

Mostre nel centro storico

27 SETTEMBRE

TREKKING SAMMICHELE DI BARI

ore 8:00
raduno in Piazza Vittorio veneto

ore 8:30
Partenza

ore 13:00
Panino con la zampina

ore 14:00
Visita al Castello Caracciolo

ore 15:00
Saluti

Prenotazione obbligatoria a segreteria@prolocosammicheledibari.it


Festa del Mare – Bari 2020: il programma

In il

festa del mare bari 2020 programma

Festa del Mare – Bari 2020

Bari in jazz, Premio Nino Rota, spettacoli, concerti, mostre e incontri letterari tra Torre a Mare e Santo Spirito per la rassegna del Comune di Bari

Prende il via il 24 settembre la terza edizione di Festa del Mare, promossa dalla Regione Puglia in collaborazione con Teatro Pubblico Pugliese e Pugliapromozione con la supervisione artistica del Comune di Bari. Anche quest’anno, nonostante l’emergenza sanitaria, quattro giornate di spettacolo e incontri letterari che attraversano la città, da Santo Spirito a Torre a Mare, per una rassegna multidisciplinare in grado di intercettare pubblici diversi. Una programmazione che sostiene le professionalità artistiche, tecniche e imprenditoriali che operano nella regione valorizzando il territorio attraverso le attività culturali.
A presentare il programma della manifestazione il sindaco Antonio Decaro, l’assessora alle Culture Ines Pierucci, Maddalenna Tulanti, componente del cda del Teatro Pubblico Pugliese, e i presidenti dei Municipi I e V, Lorenzo Leonetti e Vincenzo Brandi, insieme agli organizzatori Koblan Amissah, Christian Calabrese e Gianluigi Trevisi.
“Ringrazio la Regione Puglia che è al nostro fianco con Puglia Promozione e il Teatro Pubblico Pugliese anche per questa terza edizione della Festa del Mare – ha esordito Antonio Decaro -. I primi appuntamenti della rassegna, che celebra il rapporto della città con il suo mare, si terranno non a casa nelle due marinerie storiche, Santo spirito a nord e Torre a Mare a sud, nel rispetto delle norme di contrasto al Covid-19, dunque con il dovuto distanziamento tra il pubblico e con tutte le precauzioni del caso. A Bari abbiamo voluto riprendere la programmazione delle attività culturali subito dopo la riapertura del 4 maggio scorso perché crediamo che la cultura sia un elemento qualificante della vita della città anche in momenti difficili come quelli che stiamo vivendo. Per questo ci tenevo particolarmente ad essere qui, per ringraziare operatori e artisti per il lavoro straordinario che stanno portando avanti nonostante tutte le difficoltà”.
“La festa del mare è nata per unire la nostra città attraverso la cultura – ha sottolineato l’assessora alle Culture Ines Pierucci – valorizzando lo spazio che per eccellenza la caratterizza, ovvero il mare. Le città di mare, come diceva Cassano, sono abitate da persone libere, e se il mare non fa paura non è una distanza incolmabile ma un salto enorme oltre la linea d’ombra. È difficile non essere liberi e non amare la libertà se si è nati in riva al mare, e la Festa del mare sottolinea la nostra convivialità mediterranea, questa dis-economia che permette di riavvicinarci attraverso la cultura piuttosto che scomparire nella gelida prossemica delle solitudini e che la pandemia ci ha imposto. Tra le tante cose che una città di mare come Bari mi ha insegnato, poi, c’è la contaminazione: nella bellezza e nel valore delle diversità che la rappresentano pensiamo sia corretto mescolare le sue forme espressive culturali ed è per che questo operatori culturali “storici” e artisti baresi e pugliesi emergenti si ritrovano insieme nello stesso cartellone. Per questa terza edizione della Festa del Mare abbiamo scelto due piazze che abbracciano idealmente la città, da nord a sud, confermando la piazza di Torre a Mare come il palcoscenico ideale per rendere omaggio al Maestro Nino Rota e per riportare a Bari una rassegna storica come Bari in Jazz, e scegliendo la piazza di Santo Spirito per i primi appuntamenti di giovedì e venerdì prossimi. Per questa nuova edizione della rassegna abbiamo voluto valorizzare anche l’arte contemporanea partendo dalle nuove generazioni attraverso la mostra collettiva Z/000 Generation, che racchiude una storia importante legata ad un collettivo che negli anni 2000 ha iniziato a muovere i primi passi. Ringrazio la Regione Puglia, Pugliapromozione e Teatro Pubblico Pugliese, che sostengono il programma e l’organizzazione della Festa del Mare”.
“Anche quest’anno siamo al fianco dell’amministrazione di Bari nella realizzazione della Festa del Mare – ha proseguito Maddalena Tulanti, componente del cda del Teatro Pubblico Pugliese -, che in questa edizione si presenta ridotta nel numero di appuntamenti ma con un programma di qualità che mette insieme musica, teatro e arte con una vocazione inclusiva che ha come obiettivo intercettare pubblici diversi. Un programma che segna il ritorno di Bari in jazz, tra i festival più apprezzati del panorama regionale, e il premio Nino Rota che può e deve diventare un appuntamento cardine della programmazione cittadina. Una rassegna che si svolge nei due quartieri che maggiormente dialogano con il mare e che anche quest’anno, sono sicura, otterrà il successo degli anni passati. Con una interessante novità segnata dalla presenza di ben tre mostre che, oltre ad arricchire l’offerta culturale barese, vanno nella direzione della destagionalizzazione prolungando questa festa ben oltre la bella stagione”.
“Il mare rappresenta per il nostro Municipio la risorsa più importante, che va valorizzata dal punto di vista paesaggistico-naturale oltre dal punto di vista culturale – ha sottolineato Lorenzo Leonetti -. Ben vengano, perciò, iniziative come questa, con cui ci riscopriamo innamorati del nostro territorio e affascinati dalle suggestioni che l’arte ci regala”.
“Quello di avvicinare la città al mare è un obiettivo del Municipio V – ha dichiarato Vincenzo Brandi -. Mare e cultura sono due risorse indispensabili per lo sviluppo e la crescita del nostro territorio e dei suoi cittadini, e piazza San Francesco a Santo Spirito è la location ideale per ospitare i primi due appuntamenti della Festa del Mare 2020”.
Il programma prende il via giovedì 24 settembre, alle ore 21.15, nella piazza San Francesco di Santo Spirito, con la compagnia Badathea che presenta lo spettacolo teatrale 2 matrimoni su 4 ruote con la regia di Nicola Valenzano, liberamente tratto da “Taxi a 2 piazze” di Ray Cooney, classico della commedia brillante segnato da scambi di persona, suspense, ritmi mozzafiato, doppi sensi e situazioni al limite del paradosso. Venerdì 25 settembre, alle ore 21.00, ancora in piazza San Francesco a Santo Spirito, il concerto dell’Orchestra Metropolitan Musicart, che riunisce giovani talenti pugliesi, diretta dal Maestro Bruno Tassone e dal Maestro Fabio Lepore con un repertorio che comprende musiche di Burt Bacharach, Henry Mancini, Al Green, Stevie Wonder, R. Hernandez, Sting e Pino Daniele. Le due serate sono organizzate da Gruppo Ideazione (per informazioni Gruppoideazionesrl@gmail.com prenotazioni su www.bookeventi.it). Sabato 26 settembre, dalle ore 20.30, nella piazzetta della Torre a Torre a Mare, il Festival metropolitano Bari in Jazz, organizzato da Abusuan, torna a Bari dopo 4 anni con un doppio concerto: il produttore, dj e compositore Tommaso Cappellato e il suo Collettivo immaginario e il trombettista Angelo Olivieri con il progetto Other Colors (per informazioni e prenotazioni Bari In Jazz 080.80.90.139 info@bariinjazz.it).
Domenica 27 settembre, ancora nella piazzetta della Torre a Torre a Mare, alle ore 21.00, la cooperativa a/Herostrato presenta il Premio Nino Rota 2020, dedicato ai compositori di colonne sonore, che prevede la consegna dei riconoscimenti intitolati al Maestro Rota a Maurizio Mazzenga, fondatore e musicista dei MOKADELIC, a Carmine Padula e Francesco Cerasi, e a seguire, i concerti di Carmine Padula e il Quartetto e Francesco Cerasi feat. Antonio Loderini (per informazioni e prenotazioni 3385957238 e herostrato.coop@gmail.com).
Gli appuntamenti musicali saranno anticipati da presentazioni di libri, scelti coerentemente con la programmazione degli spettacoli, con l’obiettivo di promuovere la lettura: giovedì 24 settembre, alle ore 20.15, presentazione del libro di Gianni Ciardo Verosimile (Line-o-type, 2020); venerdì 25 settembre, alle ore 19.30, presentazione del libro di Fulvio Frezza “Meraviglioso” Vita e amori di Domenico Modugno in 12 canzoni (Florestano, 2018) chitarra e voce Domenico Mezzina; domenica 27 settembre, alle ore 18.30, presentazione del libro di Pierfranco Moliterni “Nino Rota” L’«ingenuo» candore di un musicista del Novecento (Radici Future, 2020) e, alle ore 19.30, presentazione del libro di Erica Mou Nel mare c’è la sete (Fandango, 2020), entrambi introdotti e moderati da Alceste Ayroldi.
La Festa del Mare 2020 proseguirà oltre l’estate con la mostra Z/000 Generation. Artisti pugliesi 2000>2020, collettiva di Carlo Maria Schirinzi, Pierluca Cetera, Cristiano Gaetano, Natascia Abbattista, Patrizia Piarulli, Stefania Pellegrini, Nicola Vinci, Nicola Curri, Raffaella Fiorella, Giuseppe Teofilo, Maria Antonietta Bagliato in programma all’AncheCinema Royal nel mese di ottobre e altre due mostre di arte contemporanea i cui ultimi dettagli sono in via di definizione.

Festa del Mare – il programma

Giovedì 24 settembre
piazza San Francesco – Santo Spirito

ore 20.15
presentazione del libro di Gianni Ciardo Verosimile (Line-o-type, 2020)

ore 21.15
spettacolo teatrale 2 matrimoni su 4 ruote compagnia Badathea regia di Nicola Valenzano
Una scenografia divisa in due parti, per colori e arredamento, a simulare con due diversi interni di casa, che però sono uno spazio comune, la doppiezza della vita di Nicola Lorusso (Daniele Ciavarella) che ha due mogli e un lavoro sempre diviso fra il “turno di notte e il turno di giorno”, cioè fra la vita coniugale con Anna (Annamaria Vivacqua) e con Nathalie Lorusso (Tiziana Gerbino). Al fianco di Nicola Lorusso, Gianni Pastore (interpretato da Ugo Maurino), sfaccendato vicino di casa che, saputa la verità sulla bigamia dell’amico, si ritroverà suo malgrado complice e protagonista delle situazioni più comiche e imbarazzanti. E per concludere, due carabinieri che investigano su questo strano caso (interpretati da Mauro Milano e Giambattista De Luca). Tutto è doppio in questo spettacolo dove ogni personaggio si crea la propria versione dei fatti, poi per qualche motivo esce di scena e, al suo rientro, assiste ad un cambiamento totale dei ruoli e dei legami, tutto è cambiato. Le bugie si susseguono, creano equivoci e scenari validi fino all’ingresso dell’ennesimo personaggio che rimette tutto in discussione.
La regia di Nicola Valenzano non permette cedimenti, il ritmo è indiavolato, gli incastri perfetti, le controscene esilaranti: nulla è lasciato al caso. Un classico della commedia brillante con scambi di persona, suspense, ritmi mozzafiato, doppi sensi e situazioni al limite del paradosso.

Venerdì 25 settembre
piazza San Francesco – Santo Spirito

ore 19.30
presentazione del libro di Fulvio Frezza “Meraviglioso” Vita e amori di Domenico Modugno in 12 canzoni (Florestano, 2018), chitarra e voce Domenico Mezzina

ore 21.00
concerto Orchestra Metropolitan Musicart
diretta e creata dal M° Bruno Tassone, è un’orchestra moderna composta da musicisti professionisti, docenti e concertisti provenienti da tutta la Puglia. Il 25 settembre, con la partecipazione straordinaria della voce di Fabio Lepore, si esibiranno in un repertorio unico e, allo stesso tempo, magico. 20 Maestri d’Orchestra accompagneranno lo spettatore in un viaggio attraverso la musica di tutti, come dice il M° Tassone.
Un concerto che farà cantare il pubblico di ogni età, trasportandolo in un viaggio musicale attraverso le composizioni dei più grandi artisti che hanno segnato la storia della musica d’oltreoceano ma anche di quelli che sono e resteranno indelebili nella cultura italiana .
Con gli arrangiamenti curati dai Maestri Vince Tempera, Tassone, Lombardo, Losacco, la serata avrà un repertorio vario che spazierà dalle musiche di Da Burt Bacharach a Stevie Wonder, da Herry Mancini a Pino Daniele e tanti altri. Un concerto da non perdere, un concerto che resterà nel cuore.

Sabato 26 settembre
piazzetta della Torre – Torre a Mare

dalle ore 20.30
il Festival metropolitano Bari in Jazz, organizzato da Abusuan, presenta i concerti di
Tommaso Cappellato e Collettivo immaginario e Angelo Olivieri

Tommaso Cappellato e Collettivo immaginario
è un live ensemble ideato dal batterista e produttore Tommaso Cappellato che si propone di

esplorare nuovi paradigmi musicali, in cui suoni ancestrali e ritualistici si fondono con l’estetica della sintesi moderna e l’improvvisazione d’avanguardia, accennando alla cultura beat tape. Un suono di strutture atipiche, armoniche e ritmiche, contrapposte a ostinati e persistenti momenti di meditazione sonora ambientale, la cui anima risiede nella versatilità e nell’affascinante stile multidirezionale.
Alberto Lincetto (fender rhodes/synth), Nicolò Masetto (basso elettrico) e Tommaso Cappellato (batteria/percussioni) sono i membri principali del gruppo, che all’occasione sa ampliarsi grazie al contributo di artisti e ospiti speciali, per esperienze sempre differenti e poliedriche.

Angelo Olivieri
è musicista creativo e sperimentatore, apprezzato da pubblico e critica e che, fin dalla prima edizione del referendum popolare Jazzit Awards, figura stabilmente tra i 10 migliori trombettisti italiani e ha ricevuto inoltre numerose menzioni all’interno del TOP jazz sia come strumentista, sia per i suoi lavori discografici. A partire dal 2007 ha pubblicato alcuni significativi lavori come Oidé (tra i migliori album italiani nel 2007 nel referendum di Musica e Dischi) e Nadir ed Echoes, quest’ultimo con la partecipazione di due tra i più importanti musicisti del panorama jazzistico mondiale, William Parker e Hamid Drake. Nel 2009 pubblica CAOS Musique, con il violoncellista Vincent Courtois, definito “uno splendido esempio di immaginazione e sensibilità contemporanee” (Musica Jazz). Nello stesso anno incide con il quintetto Harafè, nato dalla collaborazione con il sassofonista brasiliano Alípio Carvalho Neto. Nel 2012 pubblica tre lavori: IF NOT – omaggio a Mario Schiano, CAOS Musique – live @ casa del jazz e DIALOGO, con la contrabbassista Silvia Bolognesi. IF NOT, del doppio trio Olivieri – C Neto, è stato indicato come una delle migliori uscite dal NEW YORK CITY JAZZ RECORD. Nel 2015 ha registrato, con il suo progetto ZY, il cd Nowhere’s Anthem (JAZZIT Records). Con il progetto ZY ha realizzato la colonna sonora della docu-fiction “Qualcosa di noi” di Wilma Labate. Dal 2013 al 2016 è stato direttore della MED FREE ORKESTRA, con cui ha realizzato l’album Background (I-Company) da cui un lungo tour con partecipazioni ai più importanti festival. È di maggio di quest’anno (2020) la pubblicazione dell’album “Other Colors”, che Olivieri ha prodotto con Antonio Iasevoli, Lorenzo Feliciati e Bruce Ditmas. Nella sua più ampia carriera ha collaborato con artisti del calibro di William Parker, Hamid Drake, Butch Morris, Vincent Courtois, John Sinclair, John Tchicai, Maria Pia De Vito, Andrew Cyrille, Bruce Ditmas, Paolo Damiani, Eddie Henderson, Madya Diebate, Alipio C Neto, Amir Issaa, Baba Sissoko, Ares Tavolazzi, Eugenio Bennato, Enrico Ruggeri.

Domenica 27 settembre
piazzetta della Torre – Torre a Mare

ore 18.30
presentazione del libro di Pierfranco Moliterni “Nino Rota” L’«ingenuo» candore di un musicista del Novecento (Radici Future, 2020)

ore 19.30
presentazione del libro di Erica Mou Nel mare c’è la sete (Fandango, 2020)

ore 21.00
la cooperativa a/Herostrato presenta il Premio Nino Rota 2020, con la consegna dei riconoscimenti intitolati al Maestro Rota e i concerti di Carmine Padula e il Quartetto e Francesco Cerasi feat. Antonio Loderini

Carmine Padula e il Quartetto
Giuseppe Spera violino, Eduardo Caiatta Viola, Michela Celotti viola, Matteo Giammario elettronica

Carmine Padula
è un giovanissimo compositore e pianista italiano. Nato a Foggia il 16 settembre del 2000, inizia gli studi di pianoforte a 11 anni e, dopo solo un anno, colpito dalla dolorosa perdita del padre, si rifugia nella musica e inizia a comporre.
Da qui la strada è in discesa: vince numerosi concorsi nazionali e mondiali e fa parlare del suo talento la stampa nazionale. A 15 anni pubblica il suo primo album “Orizzonti”, che si piazza subito nella Top Ten di iTunes. A 16 anni gli viene commissionata dal sindaco la realizzazione dell’inno del suo paese, che intitola “Apricena, Madrepietra!”, di cui scrive parole e musica e presenta in un suggestivo video girato tra le cave di pietra apricenesi (simbolo del paesino dauno), molto apprezzato da stampa e pubblico. A 17 anni pubblica “Dreamland”, nuovo album prodotto dal celebre compositore Roberto Cacciapaglia (suo maestro), che si piazza al primo posto su iTunes.
Nell’estate del 2018 viene notato dal celebre regista Giacomo Campiotti (regista tra gli altri di Braccialetti Rossi), che gli commissiona la colonna sonora della serie tv “Ognuno è Perfetto”, con la quale ha segnato l’esordio più giovane della storia in Rai ed ha vinto premi come miglior colonna sonora per Serie Tv. A soli 19 anni vanta già una carriera di grandissimi successi e traguardi raggiunti: la sua musica è suonata ed eseguita da prestigiose orchestre internazionali tra le quali: l’Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai, l’Orchestra Roma Sinfonietta (orchestra del M° Ennio Morricone), la Cinematic Symphony Orchestra. Ha suonato e diretto le sue musiche nelle più importanti città italiane. Compositore eclettico, fonde nella sua musica diversi generi musicali, dalla musica per film alla musica jazz, creando un suo stile unico e inconfondibile. Tra i tanti lavori, c’è da menzionare sicuramente la canzone “Sei Come Me”, che Padula ha composto per la celebre cantante Emma Marrone nel dicembre 2019. Oltre Roberto Cacciapaglia, suo maestro e mentore, anche Ennio Morricone lo ha voluto accanto a sé, manifestandogli affetto e stima per le sue doti di compositore.

Francesco Cerasi feat. Antonio Loderini

Francesco Cerasi
è un compositore, produttore musicale e inventore italiano. Nato a Bari nel 1980, ha scritto la sua prima colonna sonora nel 2004 e da allora ha firmato più di 50 titoli tra cinema, tv e documentari. È il promotore di “Audioarte”, il primo progetto europeo dedicato alla composizione di opere musicali legate all’arte pittorica. Scrivendo musica dedicata ai quadri ha inaugurato nel 2010 l’iniziativa alla Galleria Nazionale di Roma, dove la sua mostra, realizzata con il sostegno del Mibact, è rimasta aperta per due mesi nel 2011. Collabora con registi italiani e stranieri e i film di cui ha firmato la musica sono stati distribuiti in Italia e nel mondo ricevendo numerosi riconoscimenti, anche in

ambito musicale. Si dedica allo sviluppo di tecnologie dedicate al rapporto tra il suono e lo spazio, anche nell’ambito paramedico, con Eyesound e Soundview, mirate alla possibilità, per gli ipovedenti e portatori di gravi handicap visivi, di orientarsi nello spazio e di percepire i colori della realtà circostante attraverso il suono.
Nastro d’argento 2011 per la miglior musica per ‘’Se sei così ti dico sì’’

Antonio Loderini
diplomato con lode in fisarmonica classica, sotto la guida del M° F. Palazzo, presso il Conservatorio di Musica “N. Piccinni” di Bari, ha al suo attivo numerosissimi concerti in tutta Italia e con artisti di chiara fama (fra tutte dal 2014 quella con il M° Peppe Vessicchio) che lo hanno portato a partecipare a trasmissioni televisive sulle principali reti nazionali, prestigiose rassegne e festival e a tenere concerti in tutta Italia e all´estero (Germania, Francia, Svizzera, Belgio, Portogallo, Cipro, Grecia, Kossovo, Inghilterra, Irlanda, Marocco, Israele) avendo spesso l´onore di esibirsi davanti ai rappresentanti delle maggiori istituzioni nazionali e internazionali e ottenendo prestigiosi riconoscimenti all’estero maturati in oltre 30 anni di carriera solistica e con ensemble di varia estrazione. Numerosissime le sue collaborazioni.

Ottobre 2020
AncheCinema Royal
Mostra
Z/000 Generation. Artisti pugliesi 2000>2020
foto di Carlo Maria Schirinzi, Pierluca Cetera, Cristiano Gaetano, Natascia Abbattista, Patrizia Piarulli, Stefania Pellegrini, Nicola Vinci, Nicola Curri, Raffaella Fiorella, Giuseppe Teofilo, Maria Antonietta Bagliato
Progetto spin-off di Speed of Life, retrospettiva di De Gaetano (artista tarantino scomparso nel 2013 a 37 anni) tenutasi nel 2017 presso la Fondazione Pino Pascali di Polignano a Mare e curata da Christian Caliandro, Z/000 GENERATION ruota attorno ai temi della figura umana, del volto, della maschera, del corpo, del sesso e della morte e del perturbante di Freud. Obiettivo dell’esposizione è quello di ricostruire la vicenda della generazione di artisti pugliesi cresciuta attorno e insieme a Cristiano De Gaetano tra la fine degli anni Novanta e l’inizio degli anni Zero.


A Rutigliano, la 478ª Fiera di San Lorenzo

In il

fiera di san lorenzo 2020 rutigliano

478ª FIERA DI SAN LORENZO
DOMENICA 9 AGOSTO 2020
Dalle 8:00 alle 23:00 nell’area mercatale di Via Dante
 
 
A cura dell’Assessorato comunale alle Attività Produttive, è in programma Domenica 9 Agosto, dalle ore 8:00 alle ore 23:00, la 478ª Fiera di San Lorenzo, tra le più antiche fiere di Puglia.
Oltre 150 espositori per i settori merceologici di artigianato, arredamento, casalinghi, calzature, abbigliamento, mobili, ferramenta, libri, bigiotteria, pelletteria e altro ancora, riempiranno l’area mercatale di Via Dante.
Quest’anno la Fiera si svolgerà nel pieno rispetto delle norme vigenti per il contenimento del contagio da Covid-19.
 
La Fiera di San Lorenzo ha origine nel XVI secolo.
Fu la duchessa di Bari e regina di Polonia Bona Sforza, feudataria di Rutigliano, ad autorizzarla con decreto emanato a Cracovia il 15 Maggio 1543 su istanza dei cittadini di Rutigliano.


BiARCH – Bari International Archifestival

In il

biarch bari international archifestival

“BiARCH – Bari International Archifestival” vince il bando nazionale per il festival di architettura: stamattina la presentazione a Palazzo di Città

È stato presentato questa mattina il festival di architettura della città di Bari, il cui progetto è risultato vincitore del bando pubblicato dalla Direzione Generale Creatività contemporanea e Rigenerazione urbana del ministero per i Beni e le Attività culturali e per il Turismo, con un punteggio complessivo di 98/100 e un finanziamento di 100mila euro (di cui 20mila di cofinanziamento comunale), cui si aggiungono le risorse già annunciate dagli sponsor, che potranno essere integrate attraverso una ulteriore call che si aprirà a breve.
BiARCH – Bari International Archifestival, che indagherà il tema “Margini, confini, frontiere”, è stato illustrato dal sindaco Antonio Decaro, dall’assessora alle Culture Ines Pierucci e da Alessandro Cariello, componente dello staff del sindaco che ha curato le diverse fasi della candidatura, alla presenza dei rappresentanti dei numerosi soggetti istituzionali e operatori culturali che hanno collaborato alla stesura della proposta progettuale.
“Siamo qui per presentare il progetto con cui la città di Bari ha vinto il bando ministeriale per la realizzazione di un festival dell’architettura collocandosi al primo posto su 49 proposte – ha esordito il sindaco Antonio Decaro -. Questa è la dimostrazione che esiste un altro Sud rispetto a quello che viene raccontato. È un risultato prestigioso e lo dobbiamo soprattutto al valore delle relazioni che abbiamo costruito in questi anni e che oggi si concretizzano nella collaborazione di numerosi soggetti istituzionali, italiani e stranieri, e in una serie di cofinanziatori che saranno al nostro fianco nell’organizzazione del festival, in programma dal 1 al 20 maggio prossimi. Sarà una manifestazione legata al tema “margini, confini, frontiere” e noi, che siamo una città di mare, valorizzeremo il rapporto con l’Autorità portuale ma non solo. Metteremo al centro della riflessione i margini urbani, le periferie in cui maggiormente si concentra il disagio sociale ma anche i confini tra le diverse discipline, l’architettura, la cultura e l’innovazione sociale. Per questa ragione il festival si svolgerà sia nel centro cittadino e nei suoi luoghi più riconoscibili sia nei quartieri periferici grazie al coinvolgimento di un’ampia rete di soggetti della cittadinanza attiva. Insieme a loro lavoreremo materialmente nei prossimi mesi per organizzare gli eventi”.
“Questo festival sarà un altro momento importante per la città di Bari – ha proseguito Ines Pierucci -, grazie al grande lavoro portato avanti dall’amministrazione comunale e dai tanti partner che hanno collaborato alla costruzione della proposta progettuale attraverso un processo partecipativo che ricalca quanto già realizzato in diverse occasioni, dalle Reti Civiche Urbane alla festa per la riapertura del teatro Piccinni. Oggi vorrei citare Ernest Hemingway, che diceva che “la prosa è architettura”, perché, in effetti, tra letteratura e architettura c’è sempre stato un grande amore, nella misura in cui l’una è stata fonte d’ispirazione per l’altra. Saranno tante le installazioni, i cantieri-evento e le sperimentazioni diffuse su tutto il territorio. Sarebbe bello se nel corso del festival riuscissimo anche a realizzare un monumento al libro, che non sia un oggetto statico di bronzo ma un luogo dove ritrovarsi, scambiarsi dei libri e promuovere la lettura, magari in una piazza denominata “del sapere”.
Alessandro Cariello, componente dello staff del sindaco per l’urbanistica e la rigenerazione urbana ha evidenziato come il festival non sia soltanto una occasione per affrontare i grandi temi della trasformazione urbana, ma sia determinante per costruire una domanda più consapevole di città. “E questo – ha detto – è possibile attraverso una metodologia che già da tempo l’amministrazione sta mettendo in campo, ovvero quella di costruire un approccio partecipativo alla programmazione sulla rigenerazione urbana”.
 
BiARCH – Bari International Archifestival
 
La prima edizione del Festival biennale di Architettura BiARCH, indagherà il tema “Margini, confini, frontiere”, attraverso il dialogo/confronto/incontro tra le discipline architettoniche e urbanistiche e quelle umanistiche, scientifiche e artistiche.
Partendo dalla sua condizione liminare di città riversa sullo spazio adriatico-mediterraneo, Bari identifica il tema del margine come cifra distintiva del contemporaneo, proponendo un Festival laboratorio che sia in grado di coinvolgere il grande pubblico sugli aspetti di riflessione ma anche di attivazione legati alle sfide dell’architettura e della rigenerazione urbana.
BiARCH ha come meta-obiettivo quello di coinvolgere la cittadinanza in un percorso di riflessione collettiva e transdisciplinare sul rapporto tra architettura e città, favorendo la contaminazione tra discipline, saperi e pratiche e promuovendo la piena attivazione culturale e civile, attorno ad un evento culturale policentrico e democratico. BiARCH, non a caso, è pensato in forma di Festival Laboratorio, alternando public speech a laboratori partecipativi di co-progettazione, performance sullo spazio pubblico, esperienze di riuso collettive, con al centro del programma e della riflessione il rapporto tra rigenerazione urbana e beni comuni, su cui la città di Bari sta conducendo un’esperienza significativa.
Il tema scelto, “Margini, confini, frontiere”, rimanda all’esigenza di superamento dei perimetri esistenti (geografici, culturali, sociali e disciplinari) per promuovere un nuovo modo di fare architettura per tutti.
 
Il Partenariato
 
Il Comune di Bari, nell’ultimo quinquennio, ha intrapreso un programma integrato e transdisciplinare di rigenerazione urbana e di rilettura del rapporto tra la città e il mare attraverso l’architettura, che ha coinvolto diffusamente i principali stakeholder pubblici e privati del sistema urbano, sollecitando la partecipazione e il protagonismo civile.
In questo scenario, il Comune ha inteso avanzare anche la sua candidatura come capofila, selezionando attraverso una call pubblica tutti gli operatori pubblici e privati interessati ad operare in co-progettazione per l’elaborazione del Festival.
La governance di candidatura ha previsto 3 livelli di partecipazione:
1. Un partenariato istituzionale di 17 soggetti istituzionali che presidiano l’organizzazione e il coordinamento del Festival;
2. un network di supporto composto da 45 tra partner internazionali (università, agenzie nazionali, municipalità estere) e operatori culturali che costituiscono la parte attiva della cittadinanza, selezionati con una call pubblica del Comune di Bari, direttamente coinvolto nell’ideazione e produzione degli eventi;
3. Un partenariato di co-finanziamento che sostiene finanziariamente l’attuazione del Festival
 
La metodologia
 
BiARCH, che si inaugura nel 2020 e con cadenza biennale, è strutturato su 20 giorni (1-20 maggio). La prima edizione è centrata su “Margini, confini, frontiere”, intesi come luoghi concettuali in cui il progetto di architettura produce sempre più spesso i più interessanti fenomeni di innovazione culturale, sociale e ambientale; questi 3 luoghi concettuali costituiscono anche le 3 sezioni.
Affianco alle 3 sezioni sono previsti: gli eventi principali, che si tengono nella “casa del festival” il teatro Margherita, curati da team e con interventi inaugurali di profilo internazionale; il fuorifestival, con eventi collaterali e autopromossi, diffusi nella città, selezionati con una call per aprire al pubblico studi di architettura, atelier, gallerie e attivare piccole temporary exhibitions in locali sfitti, oltre a laboratori di gamification per coinvolgere anche i più piccoli.
All’interno di esse si inseriscono le 4 tipologie di attività:
1. Eventi principali
2. Festival centrale
(Lectio Magistralis, Conferenze/Tavole rotonde, Laboratori di co-progettazione, Mostre e premi);
3. Festival diffuso
(Cantieri-evento, Installazioni e padiglioni, Spettacoli, Performance, Temporary exhibitions, Studi aperti);
4. Festival in movimento
(Esplorazioni urbane, Gaming urbano, Site visit a piedi, in bicicletta o via mare).
 
La struttura
 
Il programma, da confermare nelle prossime settimane,  si struttura nelle seguenti 3 sezioni.
 
La “Sezione Margini – l’architettura e le ferite della geografia” si articola in eventi dedicati ai fenomeni urbani delle città sulle rive del Mediterraneo e ai contesti dominati da cesure irrisolte quali infrastrutture portuali e logistiche, o da potenzialità inespresse insite nel margine urbano-rurale, che nelle sue forme nette assume tratti distintivi delle città del meridione. Aprono le Lectio magistralis di Sassen, Studio Dogma e Aravena, oltre a laboratori di co-progettazione guidati da numerosi invitati con lunga esperienza progettuale nelle trasformazioni delle aree portuali e costiere e nei masterplan di edilizia pubblica in ambiti periferici, quali i docenti del DICAR – Politecnico di Bari Carlo Moccia, Francesco Defilippis e Francesca Calace, con gli architetti Armando Dal Fabbro, Uwe Schroeder, Christian Rapp, Victoriano Sainz Gutiérrez, Martino Tattara, Mickael Jackob, Joao Nunes, Cristina Petralla. Completano la sezione mostre e tavole rotonde sulle città-porto con invitati delle reti transnazionali con particolare riguardo ai paesi dell’adriatico orientale: Comune di Tirana, Ministero della Cultura del Montenegro, Agenzia nazionale della pianificazione del territorio albanese, RWTH Aachen University – Fakulty of Architektur, University of Montenegro – Faculty of Architecture, University of Porto – Faculty of Architecture, ETSA – Universidad de Sevilla – Departamento de Urbanistica y Ordenacion del Territorio, Polytechnic University of Tirana – Faculty of Architecture and Urbanism, Polis University of Tirana, TU Eindoven. Chiudono la sezione laboratori partecipativi sui margini interni della città sviluppati con comunità autoctone e migranti, e il padiglione/press-room dedicato al tema dei media dell’architettura.
 
La “Sezione Confini – Lo spazio visto da altre terre” si articola in esperimenti di riattivazione urbana attraverso i linguaggi transdisciplinare di cinema, fotografia, video, ecologia e politica, in grado di favorire i processi di placemaking soprattutto in contesti urbani ipo-significanti, che attendono da tempo nuove interpretazioni. Aprono le lectio magistralis di Diller, Ecosistema Urbano, Jaque, De Lucchi. Seguono mostre e laboratori sull’ecologia dello spazio pubblico, la politica e la sicurezza urbana con Weizman, la fotografia con Guidi e Purini, la psicologia con Bonaiuto. Vi sarà il premio per il monumento al libro, un’opera d’arte da collocare nella piazza del Sapere, dedicato al bookcrossing di architettura. Completano la sezione: le performance artistiche all’interno dei cantieri-evento, le proiezioni cinematografiche, una call per laboratori di partecipazione per l’autocostruzione di 5 installazioni in spazi pubblici in trasformazione (Molo S. Antonio, Largo Sorrentino, Waterfront San Girolamo, Castello di Ceglie, Porto Santo Spirito).
 
La “Sezione Frontiere – Lo spazio di tutti” affronterà le “pratiche di frontiera” come i processi di appropriazione degli spazi, i beni comuni, e la coabitazione che, pur non del tutto definite dal lessico disciplinare, stanno dando nuove forme alle città, permettendo all’architettura di evolversi di pari passo, acquisendo nuove possibilità, linguaggi e orizzonti. Tra gli eventi, è prevista una Lectio magistralis di Settis che apre il tema dei beni comuni sui quali si concentrerà un laboratorio partecipativo che darà un contributo alla governance trattata dai regolamenti comunali di collaborazione tra cittadini, portatori d’interesse e amministratori. Troveranno spazio i temi di diritti alla città con una lectio magistralis di Amendola e approfondimenti sui diritti di genere e coabitazione.
 
I luoghi
 
BiARCH ospiterà lectio magistralis, dibattiti, tavole rotonde, mostre, laboratori, distribuiti tra il centro città e le periferie.
La distribuzione dei luoghi del Festival si articola su tre livelli che fanno tutti riferimento alla CASA DEL FESTIVAL che sarà istituita all’interno del ex Teatro Margherita. I principali luoghi del festival si articoleranno lungo la linea di costa e ospiteranno dibattiti, tavole rotonde e laboratori, gli altri luoghi saranno diffusi nell’intero territorio comunale, toccando luoghi nevralgici delle periferie e particolari luoghi oggetto di rigenerazione urbana o luoghi in cui insistono cantieri.
Saranno coinvolti all’interno del Festival anche gli studi di architettura della città che apriranno le loro porte al grande pubblico e i locali sfitti presenti in città che ospiteranno exhibition temporanee.


PASQUETTA e ZAMPINA 3.0 a Sammichele di Bari

In il

PASQUETTA & ZAMPINA – 3ª edizione
Lunedì 13 Aprile 2020
Sammichele di Bari

Musica, animazione, gonfiabili, mostre, visite guidate, escursioni, mercatini.
Il giorno di pasquetta il centro storico di Sammichele si trasforma in un mega barbecue a cielo aperto per offrire una giornata fuori porta all’insegna del buon cibo e del divertimento.
Piazze e stradelle anche extramurarie, saranno sin dal mattino travolte dal profumo delle braci accese pronte a celebrare la gustosissima Zampina proposta per l’occasione in invitanti panini farciti con le varianti più curiose. Delle vere e proprie aree pic nic saranno allestite in prossimità delle bracerie e attività gastronomiche del luogo che, oltre al classico menu in saletta, delizieranno gli avventori con un’offerta low cost di “cibo di strada” accompagnata da proposte d’intrattenimento sparse in perfetto carnival style. Un binomio vincente quello tra gastronomia e goliardia che nel programma vede una serie di attività culturali e didattiche concepite per soddisfare le aspettative di tutti. Infatti, visite guidate, escursioni, esposizioni artistiche, laboratori ludico didattici, giochi, gonfiabili, e spettacoli, renderanno sin dal mattino il lunedì dell’angelo una giornata indimenticabile. Il programma del gusto, oltre al panino con la Zampina, prevede primi piatti, caciocavallo impiccato, panzerotti, dolci, gelati, e tanto altro proposto dai gastronomi senza trascurare i vegetariani.

A breve il programma della giornata…


CARNEVALE DI PUTIGNANO 2020: il programma della 626ª edizione

In il

carnevale putignano 2020

COMUNICATO UFFICIALE: SOSPENSIONE MANIFESTAZIONE

Annullate le attività di sabato 29 febbraio

Progettare e realizzare una manifestazione come il Carnevale di Putignano richiede un impegno organizzativo complesso, che investe centinaia di persone in tempi e modi diversi. Noi negli ultimi 10 giorni abbiamo scrupolosamente monitorato la problematica afferente al contagio da Coronavirus nella nostra Nazione, restando sempre vigili e pronti a recepire informazioni e indicazioni ufficiali dalle preposte Autorità competenti. 
Già da mercoledì mattina, giorno successivo alla 4a sfilata (quella del martedì grasso, in cui precauzionalmente avevamo anticipato la premiazione di Carri Allegorici, Maschere di Carattere e Gruppi Mascherati) durante la riunione operativa di riallineamento, abbiamo cominciato a valutare le possibilità di realizzazione o meno dell’ultimo evento in calendario di questa splendida 626a edizione del Carnevale, quello della Pentolaccia, che, in sede di programmazione, abbiamo fortemente voluto e difeso al pari dell’eliminazione delle transenne e delle altre innovazioni apprezzate dal pubblico dei partecipanti.

Sarebbe stato semplice per noi, cavalcando l’entusiasmo rafforzato proprio dall’affluenza di pubblico del martedì grasso, che in un flusso colorato e festante di persone ha riempito fino a tarda serata il nostro paese, confermare l’evento.

Tuttavia, considerate le indicazioni del COC opportunamente istituito dalla nostra Sindaca e riunitosi in proposito nella tarda serata di giovedì 27, crediamo che sia doveroso tutelare tutti e, seppur a malincuore, prendere la decisione di sospendere la manifestazione e l’evento della Pentolaccia con tutte le attività in programma per sabato 29 febbraio.

Per noi il divertimento è sacro quanto la sua sicurezza. Conserveremo negli occhi e nel cuore la grande gioia e gli apprezzamenti condivisi di tutti i partecipanti…giusto per qualche mese, perché diamo già da oggi appuntamento ad ognuno per l’edizione dell’evento estivo a tema carnascialesco, in cui tra le altre attività ed ospiti di rilievo avremo, per la gioia dei suoi fans, Donatella Rettore. L’artista, anche lei dispiaciuta per il necessario rimando, ci ha confermato la sua presenza per un nuovo concerto live, tutto da vivere.

A prestissimo!

CDA Fondazione Carnevale – Il Presidente Maurizio Verdolino

**************************************************************************************************************

626ª edizione del CARNEVALE DI PUTIGNANO (BARI)

LO SPETTACOLO PIÙ ALLEGRO E DIVERTENTE DI PUGLIA VA IN SCENA

Un programma ricco di appuntamenti con concerti, spettacoli, laboratori per bambini, mostre e momenti di riflessione sul tema della sostenibilità. Dal 7 febbraio, ogni venerdì, “Four Fridays For Future” – conversazioni sul futuro possibile. Tullio De Piscopo in concerto il 9 febbraio, Selton il 23 febbraio, Donatella Rettore il 29 febbraio. Spazio al cabaret con Toti & Tata. 

Quattro sfilate il 9, 16, 23 e 25 febbraio, e una grande festa della pentolaccia il 29 febbraio. Torna il Carnevale di Putignano. Cinque appuntamenti con i grandi carri allegorici in cartapesta, le maschere di carattere e i gruppi mascherati, concerti, appuntamenti culturali e tanto divertimento per grandi e bambini.

“La terra vista dal Carnevale” è il tema dell’edizione 2020. Un viaggio di consapevolezza nel nostro pianeta, ispirati dalla bellezza della natura, dall’impatto dell’uomo, da un’idea di futuro sostenibile, da un nuovo umanesimo. Un tema attuale che vuole sensibilizzare all’ecosostenibilità al quale si ispirano i gruppi mascherati, le maschere di carattere e le sette opere degli artigiani della cartapesta: “Madre terra l’ultimo paradiso terrestre” dell’ass.ne Carta Bianca, “L’apocalisse” dell’ass.ne Carta e colore, “Kaosecoista” dell’ass.ne Carta…pestando, “Casca la terra, tutti giù per terra!” dell’ass.ne Carteinregola, “L’ultimo giro di giostra” dell’ass.ne Chiaro e Tondo, “…di domani non v’è certezza” dell’ass.ne Con le mani, “Codice rosso” dell’ass.ne La maschera.

Lo spettacolo a cielo aperto più colorato e divertente di Puglia andrà in scena il 9 e 16 febbraio alle ore 11:30, il 23 alle ore 15:00, il 25 alle ore 18:00 e il 29 alle ore 19:00. Ma il programma di eventi inizia ben prima, con i festeggiamenti dei “Giovedì del Carnevale”. Per tutta la kermesse, ogni giovedì spazio al programma radiofonico curato da Radio JP, dedicato ai personaggi custodi della tradizione, e agli incontri di lettura per bambini a cura dei Lettori volontari di Bi.A. In linea con il tema della 626ª edizione del Carnevale, ogni venerdì a partire dal 31 gennaio focus sulla sostenibilità con Four Fridays for Future: conversazioni sul futuro possibile. Quattro occasioni per approfondire e riflettere sulla sostenibilità delle nostre azioni quotidiane, al fine di salvaguardare e tutelare il nostro Pianeta. Quattro conversazioni per esplorare le prospettive future legate all’arte e all’artigianato creativo, la biodiversità e il consumo consapevole e le nuove pratiche di pianificazione cittadina, prendendo spunto da esperienze virtuose raccontate dalla voce dei protagonisti e di esperti del settore.

Grande attesa per i big events in programma. Domenica 9 febbraio il concerto del batterista, cantautore e percussionista Tullio De Piscopo. Domenica 16 febbraio spazio al cabaret con lo spettacolo del duo comico Toti & Tata. Domenica 23 febbraio sarà la volta di Selton, la band folk rock brasiliana che ci trasporterà in un’atmosfera brasileira con sonorità pop mescolate al tropicalismo. Chiuderà la grande Festa della Pentolaccia, sabato 29 febbraio, il concerto di Donatella Rettore, tra le più famose cantautrici del panorama musicale italiano.

Confermati anche per questa edizione l’appuntamento con Carnevale N’de Jos’r – balli, maschere e gastronomia nei bassi del centro storico e gli appuntamenti legati al mondo dello sport, che si arricchiscono con le adrenaliniche acrobazie e spericolate evoluzioni in aria di Ciccio White e il suo Motocross Freestyle di Carnevale.

Non mancheranno i riti della tradizione carnascialesca putignanese: la Festa dell’Orso il 2 febbraio, il goliardico giovedì in cui si celebrano i “cornuti”, con il corteo all’alba e il rituale per cancellare i segni del tradimento la sera, U’Ndondr, l’Estrema Unzione e il Funerale del Carnevale e la Campana dei Maccheroni.

Ampio spazio alle mostre e alle installazioni artistiche organizzate in collaborazione con l’Assessorato alla Cultura del Comune di Putignano. In programma mostre interattive, mostre fotografiche e percorsi espositivi sui riti del Carnevale, mostra di albi illustrati sul tema dell’ecologia e dell’ambiente e mostra di antichità della civiltà contadina.

Nella sezione “programma” di questo sito è possibile consultare e scaricare il programma completo. Nella sezione Ticketing tutte le informazioni utili e la procedura on-line per l’acquisto dei biglietti.

Il Carnevale 2020 va in scena. Tra storia e tradizioni, colori, divertimento e allegria è pronto a sorprendere la Puglia. Che la festa abbia inizio!

Novità, rispetto al passato, anche sui prezzi per assistere alle sfilate. Per rendere quella che è una festa popolare più accessibile, la Fondazione Carnevale di Putignano ha scelto di ridurre il costo dei biglietti al botteghino come segue:
* Biglietto intero (da 14 a 64 anni): 10€
* Biglietto ridotto (over 65, accompagnatore disabile): 7€
* Biglietto serale (dalle ore 18:00): 6€
* Gratuito: bambini fino a 14 anni e disabili
* Convezioni scuole (su richiesta da inviare a info@carnevalediputignano.it): 6€

I biglietti sono acquistabili anche online, attraverso Vivaticket, la società numero uno in Italia nel settore del ticketing presente al Carnevale di Putignano in qualità di sponsor ufficiale. Vivaticket sarà Provider Ufficiale di biglietteria attraverso una sua capillare rete di vendita che conta circa 1.300 punti sparsi su tutto il territorio nazionale. Oltre alla sua rete commerciale, Vivaticket metterà a disposizione la sua piattaforma on-line che confluirà direttamente sul portale della Fondazione Carnevale, dal quale sarà possibile acquistare i biglietti.

Per il turismo organizzato scrivere a travel@carnevalediputignano.it.

IL PROGRAMMA DETTAGLIATO:



2 FEBBRAIO (DOMENICA)
-19.30 Festa dell’orso – a cura della compagnia teatrale Hybris. Partenza del corteo Via Matteotti e arrivo in Piazza Plebiscito



6 FEBBRAIO (GIOVEDÌ DEI PAZZI)
-18.00 U’ndondr a cura dell’Istituto comprensivo “G.Minzele – G.Parini”. Partenza da Piazza Aldo Moro

- Corteo dei folli a cura del Sacro Ordine dei Pazzi

-Corteo per le vie cittadine. Raduno 17.30 Piazza Principe di Piemonte, arrivo alle 19.00 in Piazza Plebiscito

-19.30 Inaugurazione del Villaggio di Farinella in Piazza Aldo Moro

*Area attiva per tutta la durata della manifestazione con la presenza di stands enogastronomici, animazione e intrattenimenti

-20.00 SELECTIONS – ORS selezioni musicali a cura di Vocoder 

-20.00 Aspettando N’de Josr



7 FEBBRAIO (VENERDÌ)
-19.30 FOUR FRIDAYS FOR FUTURE: conversazioni sul futuro possibile dell’arte e dell’artigianato creativo” in collaborazione con Puglia Creativa presso Museo Civico

8 FEBBRAIO (SABATO)
-17.00 c/o Petrantiche, Corso Vittorio Emanuele, 28 “Le AVVENTURE di RICICARTA e MONNIZZO” – Laboratorio di cartapesta per bambini a cura di Gesi Bianco info e prenotazioni 328.8939456- max. 20 bambini

-17.00 Ogni scherzo MALA – Giornata di arte e spettacoli a cura di Malastudenti

-21.00 Concerto di Carnevale: Opening Vocoder Clap! Clap!



9 FEBBRAIO (DOMENICA)
-11.30 Prima sfilata dei carri allegorici, gruppi mascherati e maschere di carattere

-15.30 c/o Petrantiche, Corso Vittorio Emanuele, 28 “Le AVVENTURE di RICICARTA e MONNIZZO” – Laboratorio di cartapesta per bambini a cura di Gesi Bianco info e prenotazioni 328.8939456- max. 20 bambini

-20.00 Aspettando N’de Josr

-20.00 Concerto di Carnevale: opening Etno Drums a seguire Tullio De Piscopo live



10 FEBBRAIO (LUNEDÌ)
-Dalle 9.30 alle 11.00 Visita alle Botteghe dei Giganti di Cartapesta in collaborazione con Associazione Lavori dal Basso – info e prenotazioni 340.3561149 – presso Botteghe dei Giganti di Cartapesta in Via Padre Giovanni Lerario, 40

13 FEBBRAIO (GIOVEDÌ DELLE DONNE SPOSATE)
-Dalle 16.00 alle 19.00 Leggi…amo il Carnevale a cura dell’Assessorato alla Cultura del Comune di Putignano e del Gruppo Lettori Volontari – Incontri di Lettura ad alta voce per bambini da 0 a 13 anni presso la Biblioteca Comunale

-20.00 Solenne Corteo Nunziale delle Donne Sposate lungo le vie del centro storico a cura del Movimento di Rimpasto Matrimoniale, celebrazioni di sposalizi e nozze con rito carnascialesco

-19.00 Carnevale n’de josr a cura di Associazione Trullando – Balli, maschere e gastronomia nei bassi del Centro Storico

-20.00 SELECTIONS – ORS selezioni musicali a cura di Vocoder



14 FEBBRAIO (VENERDÌ)
-19.30 FOUR FRIDAYS FOR FUTURE: conversazioni sul futuro possibile della biodiversità e del consumo consapevole” in collaborazione con Ubuntu, Slow-food e Filiera21 presso Museo Civico

15 FEBBRAIO (SABATO)
-Dalle 15.00 alle 20.00 Visita alle Botteghe dei Giganti di Cartapesta in collaborazione con Associazione Lavori dal Basso – info e prenotazioni 340.3561149 – presso Botteghe dei Giganti di Cartapesta in Via Padre Giovanni Lerario, 40

-

17.00 c/o Petrantiche, Corso Vittorio Emanuele, 28 “Le AVVENTURE di RICICARTA e MONNIZZO” – Laboratorio di cartapesta per bambini a cura di Gesi Bianco info e prenotazioni 328.8939456

-19.00 Ciccio White Show: Motocross Freestyle di Carnevale

-21.30 Concerto di Carnevale: Le stelle di Hokuto

16 FEBBRAIO (DOMENICA)
-11.30 Seconda sfilata dei carri allegorici, gruppi mascherati e maschere di carattere

-Dalle 13.00 alle 18.00 La lunga tavolata di Dame e Cavalieri – Mercatino Medievale, giocoleria, cibi e balli medievali – a cura dell’associazione Porta Barsento lungo le vie del centro storico

-15.30 c/o Petrantiche, Corso Vittorio Emanuele, 28 “Le AVVENTURE di RICICARTA e MONNIZZO” – Laboratorio di cartapesta per bambini a cura di Gesi Bianco info e prenotazioni 328.8939456

-Dalle 12.00 alle 17.00 / dalle 19.00 alle 00.00 Carnevale n’de josr a cura di Associazione Trullando – Balli, maschere e gastronomia nei bassi del Centro Storico

-20,00 Spettacolo Cabaret: “Toti & Tata” in apertura “I Gemelli di Guidonia”

17 FEBBRAIO (LUNEDÌ)
-Dalle 9.30 alle 11.00 Visita alle Botteghe dei Giganti di Cartapesta in collaborazione con Associazione Lavori dal Basso – info e prenotazioni 340.3561149 – presso Botteghe dei Giganti di Cartapesta in Via Padre Giovanni Lerario, 40

20 FEBBRAIO (GIOVEDÌ DEI CORNUTI)
-Dalle 16.00 alle 19.00 Colori…amo il Carnevale a cura dell’Assessorato alla Cultura del Comune di Putignano e del Gruppo Lettori Volontari – Laboratorio a tema carnascialesco per bambini da 0 a 13 anni presso Biblioteca Comunale

Il Carnevale dei Cornuti a cura dell’Accademia delle Corna – Il Corneo, corteo dei Cornuti e successiva incoronazione del “Gran Cornuto dell’anno”, taglio delle corna

-20.00 SELECTIONS – ORS selezioni musicali a cura di Vocoder

-Dalle 19.00 alle 00.00 Carnevale n’de josr a cura di Associazione Trullando – Balli, maschere e gastronomia nei bassi del Centro Storico



21 FEBBRAIO (VENERDÌ)
-19.30 FOUR FRIDAYS FOR FUTURE: conversazioni sul futuro possibile delle nuove pratiche di pianificazione urbana “Alberi per la città, alberi per il futuro” in collaborazione con Legambiente presso Museo Civico

-21.00 Comici per tradizione a cura delle Compagnie Teatrali Putignanesi in Piazza Aldo Moro

22 FEBBRAIO (SABATO)
-Dalle 15.00 alle 20.00 Visita alle Botteghe dei Giganti di Cartapesta in collaborazione con Associazione Lavori dal Basso – info e prenotazioni 340.3561149 – presso Botteghe dei Giganti di Cartapesta in Via Padre Giovanni Lerario, 40

-Dalle 17.00 c/o Petrantiche, Corso Vittorio Emanuele, 28 “Le AVVENTURE di RICICARTA e MONNIZZO” – Laboratorio di cartapesta per bambini a cura di Gesi Bianco info e prenotazioni 328.8939456

-Dalle 17.00 alle 19.00 “Be Aware” Percorsi di Consapevolezza – seminario di aggiornamento gratuito per insegnanti, educatori, genitori e appassionati su gli albi illustrati esposti nell’ambito della mostra BE AWARE, a cura dei librai di Lik e Lak presso Biblioteca Comunale

-15.00 10^ Edizione Staffetta dei Ragazzi a cura dell’ASD Amatori Putignano- partenza Corso Umberto I

-18.30 26^ Edizione Staffetta di Carnevale a cura dell’ASD Amatori Putignano – partenza Corso Umberto I

-Dalle 19.00 alle 00.00 Carnevale n’de josr a cura di Associazione Trullando – Balli, maschere e gastronomia nei bassi del Centro Storico

-21.30 Dj set Paolo M. dj Resident del Purple Beach in Piazza Aldo Moro

23 FEBBRAIO (DOMENICA)
-15.00 Terza sfilata dei carri allegorici, gruppi mascherati e maschere di carattere

-10.30 c/o Petrantiche, Corso Vittorio Emanuele, 28 “Le AVVENTURE di RICICARTA e MONNIZZO” – Laboratorio di cartapesta per bambini a cura di Gesi Bianco info e prenotazioni 328.8939456

-Dalle 12.00 alle 17.00 / dalle 19.00 alle 00.00 Carnevale n’de josr a cura di Associazione Trullando – Balli, maschere e gastronomia nei bassi del Centro Storico

-20.00 Concerto di Carnevale: opening Popoulos a seguire Selton

24 FEBBRAIO (LUNEDÌ)
-Dalle 9.30 alle 11.00 / dalle 15.00 alle 20.00 Visita alle Botteghe dei Giganti di Cartapesta in collaborazione con Associazione Lavori dal Basso – info e prenotazioni 340.3561149 – presso Botteghe dei Giganti di Cartapesta in Via Padre Giovanni Lerario, 40

-Dalle 20.30 Estrema unzione del Carnevale a cura dell’associazione Argo

-20.00 SELECTIONS – ORS selezioni musicali a cura Vocoder in piazza Aldo Moro



25 FEBBRAIO (MARTEDÌ GRASSO)
-18.00 Quarta sfilata dei carri allegorici, gruppi mascherati e maschere di carattere

-15.30 c/o Petrantiche, Corso Vittorio Emanuele, 28 “Le AVVENTURE di RICICARTA e MONNIZZO” – Laboratorio di cartapesta per bambini a cura di Gesi Bianco info e prenotazioni 328.8939456

-A seguire U’ndondr a cura della Fondazione Carnevale in collaborazione con gli insegnanti e i genitori dell’istituto comprensivo “G. Minzele – G. Parini” 

-A seguire Funerale del Carnevale a cura dell’associazione Argo

-22.00 SELECTIONS – ORS selezioni musicali a cura Vocoder Piazza Aldo Moro

-Dalle 19.00 alle 00.00 Carnevale n’de josr a cura di Associazione Trullando – Balli, maschere e gastronomia nei bassi del Centro Storico

-21.30 La campana dei maccheroni a cura dell’associazione La Zizzania in piazza Principe di Piemonte

28 FEBBRAIO (VENERDÌ)
– 19.30 FOUR FRIDAYS FOR FUTURE: Carnevali, un futuro possibile a cura della Fondazione Carnevale e associazione Carnevalia

29 FEBBRAIO (SABATO)
– 19.00 Grande Festa della Pentolaccia

– 16.30 presso Petrantiche, Corso Vittorio Emanuele, 28 “Le AVVENTURE di RICICARTA e MONNIZZO” – Laboratorio di cartapesta per bambini a cura di Gesi Bianco info e prenotazioni 328.8939456

– 16,00 Farinella On The Road gara di atletica per ragazzi dai 6 ai 15 anni tesserati FIDAL a cura di Nadir on the Road presso Corso Umberto Primo

– Dalle 19.00 alle 00.00 Carnevale n’de josr a cura di Associazione Trullando – Balli, maschere e gastronomia nei bassi del Centro Storico

– 21.30 Concerto di Carnevale: Donatella Rettore

19 MARZO (GIOVEDÌ)
– Conferenza stampa di chiusura della 626/ma edizione del Carnevale di Putignano

I RITI del Carnevale – presso Museo Civico Romanazzi Carducci
Mostre e Installazioni Artistiche realizzate in collaborazione con L’Assessorato alla Cultura del Comune di Putignano

Inaugurazione sabato 8 febbraio alle ore 19.30

– “La festa dell’Orso: 30 anni di Hybris” percorso espositivo che racconta la storia della compagnia teatrale a cura di Hybris
– “Il Giovedì Grasso dell’Accademia delle Corna” mostra fotografica a cura dell’accademia delle Corna
– “U’NDONDR – la riscoperta di un’antica tradizione carnascialesca mostra fotografica di Luigi Bruno a cura dell’Istituto comprensivo “G.Minzele – G.Parini”

…e ancora:
– “BE AWARE” – ecologia e ambiente negli albi illustrati” mostra di albi illustrati a cura della libreria LIK E LAK presso la Biblioteca comunale
– Installazione interattiva a cura di Ogni Foto Vale – Archivio digitale del Carnevale di Putignano e Coopera
– “Dalla terra alla farinella” mostra di antichità della civiltà contadina a cura di Puglia Bella
– “Propaggini | Dal 1394 l’origine del Carnevale di Putignano” mostra fotografica a cura di Puglia Bella presso Forno Grande in via Mulini
– “Uno sguardo alla Terra” elaborati prodotti dagli alunni dell’Istituto Comprensivo “A. De Gasperi – Stefano da Putignano”
– “Una foresta a Palazzo” installazioni e performance a cura dell’artista Luigia Bressan

Maggiori info su www.carnevalediputignano.it


“Ma Che Natura!” Visioni e prospettive sull’ambiente in cui viviamo

In il

ma che natura adelfia

“Ma Che Natura!”
Visioni e prospettive sull’ambiente in cui viviamo
dal 15 dicembre 2019 al 6 gennaio 2020

Alauda, associazione per le arti e la cultura, con sede ad Adelfia (BA), organizza e promuove per il terzo anno consecutivo, un progetto artistico espositivo che mira a portare l’arte vicina alle persone, attraverso qualità, accessibilità e azioni artistiche di promozione sociale e territoriale.

Arte come riflessione critica sull’essere umano, attorno alla tematica “natura, ambiente e territorio”, in cooperazione con la Scuola Secondaria di Primo Grado, la Pro Loco di Adelfia e con il patrocinio del Comune di Adelfia.

Ecco come vi accoglierà il progetto “Ma Che Natura!”

15 dicembre 2019, ore 11.00
Torre Normanna in pazza Galtieri n.26, Adelfia (Bari)
*Inaugurazione e avvio dell’esposizione di creazioni realizzate da alunne e alunni delle classi terze della Scuola Secondaria di Primo Grado di Adelfia.

16 dicembre 2019, ore 20.00
Ex Municipio in via Rutigliano n.2, Adelfia (Bari)
*Inaugurazione e avvio dell’esposizione d’arte di respiro internazionale con opere di artisti provenienti da tutta Italia e internazionali
*Inaugurazione con performance di Iula Marzulli “Per vedere la vigna fiorire”

21 dicembre 2019, ore 18.30
Ex Municipio in via Rutigliano n.2, Adelfia (Bari)
*Presentazione del libro “La rivoluzione perduta di poeti” di Andrea Semplici, Polaris Casa Editrice

Espongono: Alessia Amati, Angela Cascini, Angela Regina, Annamaria Cacciapaglia, Anna Kölle, Antonio Delluzio, Arnaldo Negri, Carla Massimetti, Cinzia Scarpa, Cristina Iottii,
Concetta Russo, Clara Patella, Donatella Alibrandi, Daniele Nitti, Demetrio Scopelliti,
Emanuela Casagrande, Francesca Pastore, Francesca Pracilio, Francesco Mosca, Giuseppe Regina, Grazia Salierno, Ida Chiatante, Ilaria Gonnelli, Iula Marzulli, Jara Marzulli, Jessica Spagnolo, Katia Scorza, Laurà Zerbib, Laura Muolo, Leo Ragno, Luigi Scaringello, Maria Ditaranto, Marina Mancuso, Massimo Cellamare, Michele Franco, Michele Di Pinto, Paky Bruno, Rocco Carnevale, Roberta Pepe, Roberto Praderio, Sebastiano Plutino, Valeria Di Ponio, Valentina Porcelli, Tania Tullo, Tom Colbie, Vanna Carlucci, Vincenzo Mascoli, Viviana Cazzato.

L’esposizione degli artisti ospiterà anche l’opera in terra cruda realizzata da Francesco Poli e Michele Todisco del collettivo LAN Laboratorio Architetture Naturali.

Il progetto “Ma Che Natura!” vuole porre l’accento sulla capacità dell’arte di essere vivo strumento di conoscenza e indagine attorno a tematiche attuali, unendo alla bellezza dell’arte la necessità di nutrire la consapevolezza sul mondo in cui viviamo.

GIORNI E ORARI DI APERTURA DELLE DUE SEDI:
le domeniche ore 10:30 – 12:30;
giorni 19 – 20 – 21 – 26 – 27 – 28 dic. ore 17:30 – 20:30
24 e 31 dic: 10:30 – 12:30;
2 – 3 – 4 – 6 gen. ore 17:30 – 20:30

info e prenotazioni visite: 3336576674 // 3495627533; alauda.ala@gmail.com; spazioalauda.wordpress.com


“Molfetta in Allegrezza” a Natale oltre 60 appuntamenti di cultura, musica, visite guidate, eventi per bambini, concerti, teatro di tradizione e mostre d’arte

In il

molfetta in allegrezza

Oltre sessanta appuntamenti, tra dicembre e gennaio, per il cartellone di “Molfetta in Allegrezza”, che giunge alla sua terza edizione, progettato e realizzato dalla Civica Amministrazione con il coordinamento degli Assessorati alla Cultura e al Marketing territoriale.
«Anche questa edizione – afferma l’Assessore Sara Allegretta – si connota per la forza di coinvolgimento, partecipazione e decentramento degli eventi in programma. Una scelta ricercata, con oltre 60 appuntamenti, per vivere momenti di cultura, musica, visite guidate, eventi per bambini, concerti, teatro di tradizione e mostre d’arte. Le iniziative che animeranno la città intera, sono frutto della sinergia tra il mondo associativo e quello delle professioni dello spettacolo, musica e teatro. Numerosi i momenti di intrattenimento dedicati ai bambini che si alterneranno ai tradizionali concerti di Natale delle corali della nostra città, oltre al teatro di tradizione e a quello civile che affronta i grandi temi di attualità. Allieteranno le serate gli spettacoli di Danza, Poesia e Canto popolare, senza dimenticare le grandi mostre con l’Omaggio a Tonino Nuovo. Non mancheranno i grandi Concerti di Natale con importanti ospiti del panorama nazionale ed internazionale. Confermato a grande richiesta il Gran Concerto di Capodanno, appuntamento immancabile per iniziare il nuovo anno. Sarà un’occasione – conclude l’assessore – per offrire, non solo ai cittadini molfettesi ma anche ai numerosi turisti, visto il trend favorevole, una città accogliente e ricca di eventi».
In cartellone spazio alla musica con il Concerto di Natale dell’Associazione Capotorti, il concerto dei Bimbi in coro dell’Associazione Teatrarte, il Concerto di Natale della Polifonica Sergio Binetti, i concerti proposti dall’associazione Don Salvatore Pappagallo , dall’associazione Musica e tradizioni, in favore di Telethon, dall’associazione culturale Polifonica e di Digressione Contemplattiva. E poi la Santa Allegrezza con il Circolo Anspi, Notte magica con Musicainsieme, Natale inCanto con i Damadakà e Fabulanova, l’Omaggio a Frank Sinatra promosso dalla Fondazione Valente. 
Da non perdere, il 20 dicembre, il concerto di Nicola Piovani, promosso dall’associazione Auditorium, il concerto Gospel con l’Orchestra Ico Magna Grecia, proposta dalla Fondazione Valente, il 27 dicembre, nell’auditorium Regina Pacis, e il Gran concerto di Capodanno nella Chiesa Sacro Cuore di Gesù, con l’associazione Legni pregiati.
Spazio anche agli eventi pensati per i più piccoli, con lo spettacolo Disney, Tra favole e cartoon, i laboratori proposti dalla cooperativa FeArt, le iniziative di Arterie Teatro. E poi spettacoli per gli amanti del teatro con le proposte del Collettivo La Rocca, del Teatro dei Cipis, dell’associazione Ananke e una ricca programmazione di film.
E poi visite guidate, iniziative di intrattenimento varie. E tra i numerosissimi appuntamenti in programma da segnalare anche il Solstizio d’inverno, il 21 dicembre, nei giardini di Casina Cappelluti. Per l’occasione, sarà possibile visitare gratuitamente il Museo archeologico del Pulo. Ma in programma c’è davvero tanto altro. Insomma, una programmazione tutta da vivere.

Di seguito il programma completo degli eventi:

molfetta in allegrezza

molfetta in allegrezza programma


Cantine Aperte a Natale

In il

cantine aperte a natale

La seconda domenica di dicembre, in Puglia e nel resto d’Italia, il popolo degli enoturisti sarà accolto in cantina per vivere una giornata che anticipa il clima allegro e caloroso delle feste. 
I vignaioli soci del Movimento Turismo del Vino ricevono appassionati e neofiti per alzare insieme i calici e fare un brindisi alle feste! L’iniziativa conclude il calendario annuale delle attività del Consorzio e rappresenta un’opportunità imperdibile per degustare e scegliere i vini che allieteranno le imminenti festività o per acquistare preziosi doni di Natale.
 Per l’occasione, infatti, in tutte le cantine sono allestiti corner di vendita e mercatini natalizi che propongono idee regalo originali e di qualità.

LE CANTINE APERTE SABATO 7 DICEMBRE
Coppi – Turi (BA)

SP Turi – Gioia del Colle snc

Tel. +39 080 8915049

GPS: 40.906701, 17.026555

www.vinicoppi.it


ORARI DI APERTURA


PROGRAMMA

17.30 – 22.30

Visite guidate gratuite dell’antica cantina del 1882 (ore 18.00, 19.00 e 20.00).
Dalle 17.30 alle 22.30, abbinamento cibo/vino con degustazioni a pagamento di Baccalà fritto con focaccia (euro 7,00), Panzerotti fritti (euro 6,00), dolci natalizi – cartellate e torrone di mandorle (euro 3,00)



Ore 19.00


Seminario vini “Primitivo che passione” con degustazione guidata del Primitivo Siniscalco igp (13.5°), Cantonovo Biologico igp (13°), Don Antonio igp (14.5°) e Senatore doc (13.5°), in abbinamento con piatto baccalà fritto (prenotazione obbligatoria – euro 16)



Ore 20.30


Cena della tradizione della vigilia con degustazione vini: Antipasto caldo con polpette di pane, baccalà ed olive fritte, panzerotti e calzone di cipolla – abbinato con Guiscardo Falanghina bianca; Primo: cavatelli e frutti di mare su letto di fave – abbinato con Sannace malvasia Nera; Frutta di stagione, pettole e cartellate – abbinato con Bollicine cherì spumante rosè Negroamaro (su prenotazione e a pagamento)


Le prenotazioni al seminario tecnico e alla cena – degustazione sono da effettuarsi entro il 3 dicembre  al numero 0808915049 oppure info@vinicoppi.it

La conferma del seminario e della cena sarà comunicata al momento del raggiungimento  del numero minimo di adesioni. L’adesione alla cena si perfeziona tramite bonifico.



Babbo Natale darà il benvenuto ai bambini in cantina!
Mercatino natalizio con sottofondo musicale.
Possibilità di acquisto e prenotazione in cantina di confezioni natalizie personalizzate.

LE CANTINE APERTE DOMENICA 8 DICEMBRE:
Mazzone – Ruvo di Puglia (BA)

Strada Provinciale 22 Ruvo-Palombaio 460 a

Tel. +39.348.2591858

GPS: 41.105553, 16.499867

www.aziendamazzone.it


ORARI DI APERTURA


PROGRAMMA

10.00 – 13.00

Visite guidata della cantina e degustazione dei vini di produzione


Emozioni di Natale a Turi

In il

emozioni di natale turi

Emozioni di Natale a Turi (Bari) che, anche quest’anno, porteranno il Natale tra le strade, negli occhi, nei cuori di quanti vorranno trascorrere con noi le loro Feste.
Di seguito il cartellone con tutti gli appuntamenti da vivere insieme:

emozioni di natale turi