Reportage Fotografico Sui Luoghi di Vita e della Traslazione Delle Reliquie di San Nicola

In il

STELLE DI FIAT LUX: DA DOMANI LA MOSTRA
DEL REPORTAGE FOTOGRAFICO SUI LUOGHI DI VITA E DELLA TRASLAZIONE DELLE RELIQUIE DI SAN NICOLA

Da oggi e sino lunedì 8 maggio, le stelle di FIAT LUX in corso Vittorio Emanuele (piazza dell’Economia), ospiteranno la mostra del reportage fotografico di Vincenzo Catalano sui luoghi di vita e della traslazione delle reliquie di San Nicola.

La grande storia di San Nicola è un progetto che mira, attraverso la fotografia, a produrre opere che enfatizzano la valenza ecumenica del Vescovo di Myra, santo d’Oriente e d’Occidente, nella prospettiva che vede Bari come ponte nel dialogo tra cattolici ed ortodossi.

Il lavoro di Vincenzo Catalano propone la vicenda agiografica di Nicola, attraverso una serie di reportage realizzati tra la Turchia e l’Italia, a un pubblico attento ed esigente, dagli archeologi agli storici dell’arte, dagli appassionati di fotografia ai devoti nicolaiani.
La ricca documentazione fotografica è accompagnata da dettagliate didascalie in grado di associare una descrizione rigorosa a un preciso percorso di visita. La presenza di planimetrie e stralci topografici, inoltre, consente di orientarsi comodamente all’interno di vaste aree archeologiche o di edifici di culto, percorsi che facilitano la diffusione del culto nicolaiano.

Le sezione sono due:

· I Luoghi di Vita di San Nicola
Reportage fotografico sui luoghi di nascita, predicazione e morte di San Nicola.
Il cuore pulsante è naturalmente il reportage fotografico, gli scatti che ripercorrono i luoghi geografici della nascita e del transito terreno del Santo; essi presentano Patara, la zona archeologica di Myra, Andriake fiorente con il suo porto e il granaio, la Basilica nicolaiana di Myra. Le immagini realizzate con passione e verità diventano potenti, come possono esserlo le parole e raccontano con una finalità, osservare il mondo con gli occhi non con il mirino per comunicare tale visione del mondo.

· Translatio Sancti Nicoläi
Il reportage fotografico sulla Traslazione delle Reliquie di San Nicola, ripercorrendo a bordo di una goletta la rotta da Bari a Myra navigata nel 1087 da 62 marinai baresi, ripropone in maniera visiva l’epica impresa che ha costituito il filone d’oro della quasi millennaria tradizione barese, dal momento della Traslazione delle reliquie di San Nicola che ha costituito l’evento straordinario cambiando la storia della città.

Per Bari quello che principalmente conta è che le reliquie del Santo venerato in tutto il mondo siano arrivate qui, diventando punto di riferimento del culto nicolaiano per tutti i devoti di questo Santo, realmente universale e squisitamente ecumenico, perché ugualmente venerato da cattolici e ortodossi.

Il vastissimo repertorio fotografico trova una preziosa sintesi nelle circa cento immagini a pieno formato esposte nell’installazione di corso Vittorio Emanuele. Le foto, puntualmente accompagnate da una scheda descrittiva, offrono la possibilità di ammirare le coste mediterranee dello Ionio meridionale, del Peloponneso, delle Cicladi meridionali fino a costeggiare la Turchia meridionale per giungere a Myra passando per Olü Deniz, Patara, Kastellorizo, Kekova e Andriake, fornendo così le giuste coordinate storico-geografiche e informazioni sulla rotta. Sarà inoltre esposto il volume dedicato alla traslazione accompagnato da testi a firma di esperti e in allegato il “Diario di bordo” scritto dalla giornalista Enrica Simonetti e arricchito da inediti scatti.

Corso Vittorio Emanuele (piazza dell’Economia) – Bari
da sabato 6 a lunedì 8 maggio 2017 ore 10:00
ingresso a pagamento
Info. 800018291


62° World Press Photo 2017 – Sala Murat Bari

In il

La Fondazione WORLD PRESS PHOTO dal 1955 tutela la libertà di informazione, inchiesta e espressione come diritti inalienabili promuovendo e tutelando il foto-giornalismo di qualità.

Oggi la 62° Mostra Internazionale WORLD PRESS PHOTO 2017 è il concorso di fotogiornalismo più prestigioso al mondo, che vede annualmente la partecipazione di circa 6.000 fotoreporter delle maggiori testate editoriali internazionali come National Geographic, BBC, CNN, Le Monde, El Pais.

Ogni anno, una giuria internazionale seleziona tra 100.000 scatti i 150 migliori che vanno a comporre la celebre mostra apprezzata da milioni di visitatori in tutto il mondo.

WORLD PRESS PHOTO rappresenta l’eccellenza della fotografia d’attualità con la foto vincitrice dell’anno “World Press Photo of the Year” e le diverse categorie: natura e ambiente, vita quotidiana, mutamenti climatici e sociali, ritrattistica e reportage di guerra.

La mostra internazionale “World Press Photo 2017” aprirà a BARI presso lo SPAZIO MURAT il 28 Aprile 2017 e rimarrà aperta fino al 21 Maggio 2017.

INAUGURAZIONE

28 Aprile 2017 dalle ore 20.30 alle ore 22.30

ORARI APERTURA MOSTRA

Lunedì – Venerdì: 11.00 – 20.30
Sabato e Domenica: 10.00 – 22.00

EVENTO DI CHIUSURA

21 Maggio 2017 ore 18.00

EVENTI EXTRA

Incontri con fotoreporter e giornalisti internazionali (in fase di definizione)


SCATTI DI PASSIONE mostra fotografica di Vito Coviello a Bitritto

In il

SCATTI DI PASSIONE, I MISTERI DIETRO LE QUINTE
Mercoledì 12 aprile 2017, ore 19.30
Sala Castello BITRITTO
La processione dei Misteri del venerdì santo è un momento di grande partecipazione per una comunità perché, oltre ad essere una delle più sentite espressione di fede, fa parte della tradizione del territorio. Ma di questo evento, spesso, sappiamo quello che vediamo, quando il corteo si snoda tra le vie del paese. Cosa accade prima? Quali le usanze del paese? È questo che Vito Coviello, un bitrittese appassionato, ha documentato per due anni, utilizzando un obiettivo per dare espressione al suo desiderio di fermare momenti inconsueti: il dietro le quinte della processione.
Questo il concept della mostra fotografica “Scatti di passione, i Misteri dietro le quinte”, sostenuta dall’associazione Arcobaleno di Bitritto, che sarà presentata mercoledì 12 aprile, alle ore 19.30, nella Sala Castello di Bitritto, da Alessandro De Luisi, presidente dell’associazione di promozione sociale PugliArte. All’inaugurazione, presenziata dall’autore degli scatti, Vito Coviello, porteranno i loro saluti il sindaco di Bitritto, Giuseppe Giulitto, il parroco della chiesa matrice Madonna di Costantinopoli di Bitritto, don Mimmo Lieggi, il presidente dell’associazione Arcobaleno di Bitritto, Stefano Mangialardi. L’incontro sarà moderato da Marilena De Nigris, giornalista per il Centro di servizio al volontariato “San Nicola”.

Sono 60 le fotografie esposte che immortalano una tradizione singolare bitrittese, che rende quello che avviene prima della processione qualcosa di ancor più “sacro” della processione stessa.
La sacralità sta nella dedizione dei proprietari dei Santi e del loro amore nel custodirli in casa, ognuno nella propria teca, per preservare nel tempo un tassello che ogni venerdì santo donano alla comunità, facendolo diventare patrimonio di tutti.

Scatti che scoprono mani amorevoli sollevare la testa del “Cristo morto”; movimenti sincroni che si coordinano tra le rampe delle scale di un anonimo palazzo della 167 per far scendere “Gesù alla cannedd”; un Gesù in croce e ai suoi piedi il centurione romano a cavallo, immagine che li collocherebbe sul monte Calvario, invece li ritrovi in un giardino di un condominio su cui si affacciano tapparelle abbassate. Figure note che dalla decontestualizzazione acquisiscono una diversa forza emotiva.

Info: Vito Coviello, cell. 3297622977


VASCO ROSSI: A Bari la mostra fotografica ufficiale alla carriera dell’artista – dal 26 dicembre 2016 al 22 gennaio 2017 – Cittadella della Cultura

In il

LA MOSTRA UFFICIALE
Foto e immagini storiche e inedite, video, concerti, interviste, rarità e memorabilia sono esposti in un percorso cronologico che racconta tutte le tappe della straordinaria carriera di Vasco, dagli esordi nel 1977 fino ai recenti concerti allo Stadio Olimpico di Roma del LIVE KOM 016.

Oltre 500 scatti d’autore, centinaia di oggetti storici e da collezione, più di 10 ore di video di concerti e filmati inediti e rari, sono esposti in un’area di oltre 1.000 mq., nella prestigiosa location della Cittadella della Cultura, situata nel centro di Bari.

Il percorso della mostra è un continuo dialogo tra “esposizione tradizionale” e “tecnologica”, tra “reale” e “virtuale”, per (ri)vivere, ad esempio, l’emozione dei concerti di Vasco (maxi schermi e proiezioni in 3D), interagire con i backstage delle copertine, ascoltare Vasco DJ a Punto Radio negli anni settanta, leggere i manoscritti originali e autografi della stesura di alcune canzoni storiche (“Gli spari sopra” e “Senza parole” tra le altre).

Infine, aree social, come “scrivilo sui muri”, la gigantografia in cui lasciare le proprie dediche e condividere selfie e l’app della mostra con Informazione Aumentata (alcuni visibili, altri da scoprire) per approfondirne i contenuti e rendere l’esperienza della visita ancora più coinvolgente.

BARI – CITTADELLA DELLA CULTURA
Via Pietro Oreste, 45 (vicino alla Biblioteca Nazionale)

dal 26 Dicembre 2016 al 22 Gennaio 2017

BIGLIETTI
Biglietto intero: 10 euro
Biglietto ridotto da 13 a 18 anni: 8 euro
Biglietto ridotto Fan Club: 6 euro
Minori fino a 12 anni compiuti: gratuito
Portatore di handicap e accompagnatore: gratuito
Per gruppi e informazioni scrivere a info@vascolamostra.it

>>Acquista Biglietti a data LIBERA

>>Acquista Biglietti a data FISSA

ORARI
Tutti i giorni dalle 11:00 alle 20:00
1 gennaio 2017 dalle 14:00 alle 20:00
11, 12, 13, 18, 19 e 20 gennaio 2017 dalle 14:00 alle 19:00
Giorni di chiusura 31 dicembre 2016 – 9, 10, 16 e 17 gennaio 2017
Ultimo ingresso 1 ora prima della chiusura.

Mostra fotografica “Cartoline” di Tiziana Fato – dal 21 dicembre al 15 gennaio al teatro Anche Cinema

In il

INAUGURAZIONE Mostra fotografica “Cartoline” di Tiziana Fato.
Mercoledì 21 dicembre 2016 ore 20.00
AncheCinema Royal BARI

Ventiquattro stampe selezionate da un’opera composta da 110 fotografie che l’artista barese ha dedicato al grande amore per il cinema e alla città nella quale è nata ed è tornata a vivere dopo numerose esperienze.

“Cartoline” è un’opera di minuziosa fotocomposizione: nei luoghi più famosi e popolari di Bari “rivivono” scene e personaggi di celeberrimi film.

La mostra resterà aperta fino al 15 gennaio, dalle ore 11.00 alle 13.00 e dalle 19.00 nelle sere in cui AncheCinema Royal ospiterà eventi.

Biografia TIZIANA FATO

“Il mio nome è Tiziana Fato. Sono nata a Bari nel 1962 e, benché le mie attitudini
fossero prepotentemente emerse già durante l’infanzia, ho studiato qui discipline
lontanissime da me, seguendo le indicazioni di mio padre che mi voleva medico.
Nei primi anni ’80 mi trasferii a Roma, dove sono rimasta fino al giugno del 2012.
Ho lavorato sempre, occupandomi di cose anche bizzarre, purché proficue e lecite.
Sono stata giardiniera in Vaticano, agente di un’agenzia investigativa, insegnante di arti applicate al riciclaggio in una scuola
elementare di Ostia e altre mille cose, più o meno umili.
Non ho mai smesso di disegnare, dipingere, scrivere poesie, scolpire, fotografare e, per sopperire all’inconveniente
di abitare case sempre minuscole, ho voluto imparare ad usare il computer.
Uno dei 100 galleristi di Via Margutta mi aiutò a realizzare una prestigiosissima mostra delle mie tele ad olio
in via Sistina, presso la “galleria della tartaruga”, nel 1991, curata e recensita dal critico Elio Mercuri.
Ho realizzato centinaia di lavori di grafica manuale per diversi circoli sportivi romani, illustrato Menù,
copertine di varie pubblicazioni e fumetti per la Totem Editrice.
Nel giugno del 2012 sono tornata a Bari.
Nel 2014 ho esposto nel Colonnato della Provincia alcune mie sculture in pietra leccese, in occasione del Festival
per il quartiere Madonnella, a cura dell’Associazione Culturale Passeggeri.
Nel mese di giugno dello stesso anno ho realizzato una mostra dei miei “Camouflage” presso il MAD Bistrot Club Boutique.
Sono lavori di fotocomposizione su quadri d’epoca e fotografie di personaggi famosi.
Sulla scia di quell’entusiasmo, ho realizzato un progetto con le mie foto di Bari inserendovi
scene di film celeberrimi, come se questa città fosse l’unica scenografia possibile.
Il progetto “Cartoline” nasce dal desiderio di coniugare l’amore per la fotografia con il grande amore per il cinema,
offrendo un omaggio affettuoso alla città nella quale sono nata e tornata”.


“World Press Photo” Bari

In il

Anche quest’anno Bari ospiterà la mostra fotogiornalistica più importante al mondo dal 30 settembre al 23 ottobre 2016.
Cambia la location. Dal Teatro Margherita (in ristrutturazione per i prossimi 2 anni) dove è stata allestita per nelle due edizioni precedenti, registrando oltre 45mila visitatori, la mostra si sposterà nel nuovo Spazio Murat (ex Sala Murat – piazza del Ferrarese, Bari).

Qui i visitatori potranno ammirare le 150 immagini vincitrici del più prestigioso concorso di fotografia, nato ad Amsterdam nel 1955, e selezionate da una giuria internazionale presieduta da Francis Kohn, direttore fotografico dell’agenzia France-Presse.

Ogni anno migliaia di fotoreporter si contendono il titolo nelle diverse categorie (general news, spot news, contemporary issues, daily life, portraits, nature, sports) per aggiudicarsi un posto nella mostra che attrae milioni di visitatori in tutti e cinque i continenti. Nell’edizione 2016 erano in gara 85mila foto, scattate da 5.775 fotografi. Un viaggio per immagini tra gli avvenimenti più rilevanti del nostro tempo e pubblicati su alcune delle testate internazionali più prestigiose come Time, Le Monde, New York Times, The Guardian e National Geographic.

Il vincitore di quest’anno “World Press Photo of the Year” è il fotoreporter australiano Warren Richardson con la foto dal titolo ‘Speranza per una nuova vita’ scattata il 28 agosto 2015 presso la frontiera tra Ungheria e Serbia nei pressi della località di Röszke. Lo scatto è illuminato dalla sola luce della luna rivelando la tensione e l’ansia sul volto del profugo mentre ricevere un neonato sotto il filo spinato.
Il fotoreporter australiano racconta così quel momento: “Quella notte, dopo cinque giorni in un campo profughi ho visto un gruppo di circa 200 persone che si muoveva nascondendosi tra gli alberi, lungo la barriera del filo spinato. Mandavano le donne e i bambini e le persone anziane davanti. Abbiamo giocato tutta la notte al gatto e al topo… Erano circa le tre del mattino quando ho scattato la foto e non potei utilizzare il flash perché la polizia poteva vedere quella gente. Scattai al chiaror della luna”.
( http://www.internazionale.it/video/2016/02/18/la-parola-ai-giurati-perche-questa-e-la-foto-dell-anno )

Gli altri italiani premiati sono Francesco Zizola con la serie “In the same boat” (secondo posto nella categoria “Contemporary Issues”) e Dario Mitidieri con “Lost family portrait” (terzo posto nella categoria “People”).

Informazioni
– web: www.worldpressphotobari.it
– e-mail: info@worldpressphotobari.it
– facebook: www.facebook.com/worldpressphotobari – www.facebook.com/cimedirave.puglia
– twitter: twitter.com/wppbari
– youtube: www.youtube.com/channel/UCnvAyZntyiGMH3Prhzn5-eA
Organizzazione

CIME
info@cimepuglia.it


2^ Edizione Terlizzi Libero Feudo

In il

Auser Insieme, Unpli Pro Loco Terlizzi, Ass. Municipale Balcanica, Accademia Ristoratori Storici con il Patrocinio e cofinanziamento del Comune di Terlizzi, in collaborazione con CIOFS-FP Puglia (Ruvo di Puglia), Confesercenti, presentano una rievocazione per riproporre gli avvenimenti che contribuirono al Riscatto della Città avvenuto alla morte dell’ultima feudataria, la contessa Eleonora Del Giudice Caracciolo, e conclusosi con il pagamento alla Regia Corte della somma di centomila ducati concessa dal barone napoletano Gennaro Rossi, nel febbraio del 1779.

Il tutto, sarà ‘impreziosito’ da momenti musicali, di intrattenimento e spettacolo.

Ore 19.45 circa con partenza dalla Piazza antistante il Plesso Scolastico Don Pietro Pappagallo un drappello di musicisti e di alcuni figuranti percorrendo Viale Roma / C.so Vittorio Emanuele giungeranno presso Piazza Don Tonino Bello (Sagrato Concattedrale Terlizzi) luogo principale dell’evento. Durante il percorso saranno effettuate brevi soste durante le quali saranno rivolte brevi allocuzioni di invito alla serata.

Ore 20.30 circa inizio della manifestazione in Piazza Don Tonino Bello sino alle ore 24:00.

Durante la serata saranno messi in scena rappresentazioni teatrali, musicali, balletti ed esibizione del Gruppo Musicale “La Municipale Balcanica”.

Prevista sagra degustativa di profumi settecenteschi a cura degli allievi del Ciofs-Fp Puglia e Confesercenti.

Note storiche:

Dall’esame di alcuni testi storici, parrebbe che Terlizzi, nel lontano 21 luglio 1779, si riscattò dal giogo feudale, divenendo una delle città libere del regno delle Due Sicilie.
Fatto che anticipò di gran lunga il percorso naturale degli eventi storici. Da qui, la decisione degli organizzatori di approfondire la ricerca, e di creare una manifestazione che riproponesse il contesto storico-socio-culturale della città di Terlizzi nel Settecento.

In Piazza Don Tonino Bello sono previsti circa 200 posti a sedere gratuiti.
Facebook: terlizziliberofeudo
E-mail: terlizziliberofeudo@libero.it

Terlizzi (Bari)
Piazza Don Tonino Bello – Sagrato Cattedrale
ore 19:45
ingresso libero
Info. 3294298827