Festa del Cioccolato a Monopoli

In il

Le “Feste del Cioccolato Nazionali” sono un evento culturale che interessa la gastronomia di settore con lo scopo di diffondere sempre più la cultura del cioccolato artigianale e l’arte della sua lavorazione.

Fulcro della manifestazione è il Cioccolato a 360°, non solo come prodotto puramente commerciale, ma valorizzato come prodotto artigianale.

Particolare attenzione viene quindi data all’arte della lavorazione del cioccolato, intesa come arte artigiana dei maestri cioccolatieri tramandata da padre in figlio ed arricchita dalle moderne tecniche di lavorazione del prodotto.

Tale iniziativa è voluta e sostenuta dal gruppo di artigiani cioccolatieri con la sigla “Choco Amore” Associazione Nazionale Cioccolatieri.

Piazza Vittorio Emanuele – 70043 Monopoli (Bari)

Per maggiori info www.festedelcioccolato.it


Giobbe – storia di un uomo semplice

In il

Giovedì 1° febbraio alle 21:00 continua la rassegna teatrale dell’Apad con “GIOBBE – storia di un uomo semplice” spettacolo tratto dal romanzo omonimo di Joseph Roth e vincitore dei “Teatri del sacro” 2017.
In scena lo straordinario attore milanese Roberto Anglisani che festeggerà, proprio a Monopoli, i suoi 40 anni di carriera.

*Giobbe* è un racconto che attraversa la storia del primo novecento e narra della vita di Mendel, un umile maestro ebreo di un piccolo villaggio in Russia ai confini con la Polonia. Uno spettacolo tragicomico proprio come la vita, dove si ride e si piange, si prega e si balla, si parte, si arriva e si ritorna, si muore in guerra e si rinasce.

BIGLIETTI
Prevendita presso Libreria Children in Largo Plebiscito, Monopoli oppure al botteghino del teatro la sera dello spettacolo

Ingresso € 10 – Ridotto € 5 per ragazzi fino a 18 anni


“MERAVIGLIOSO” Omaggio a Domenico Modugno

In il

“MERAVIGLIOSO”

Omaggio a Domenico Modugno
Ensemble “SUONI del SUD”
Cantattore Cristian LEVANTACI
Direzione Artistica Raffaele DE SANIO

Ingressi € 8,00 intero € 6,00 ridotto biglietti su www.amicimusicamonopoli.com

Il desiderio di dedicare uno spettacolo a metà fra il teatro e la musica al grande Domenico Modugno nasce dal voler omaggiare un emblema del cinema, del teatro e della musica popolare italiana.
Oltre a cantante, attore, cantautore, dalla travolgente forza interpretativa, mister Volare è stato uomo semplice e forte, umile e rivoluzionario, un esempio da seguire fermamente ancorato alla sua origine, alle sue radici meridionali mai rinnegate, anche se spesso confuse e tenute a distanza.
Nella sua opera Modugno ha sempre ricordato la sua gente, quelle persone figlie dell’amara e dura terra del sudore, dai volti scuri e dalle mani incallite, quelle stesse mani che pizzicando le corde di una chitarra si sono pian piano levigate, senza mai dimenticare le passate fatiche quotidiane. Così un po’ per gioco un po’ per sfida nasce “Meraviglioso”.
In scena un attore-cantante, orchestra ritmica e quartetto d’archi rievocano attraverso suoni, canzoni, monologhi ed immagini un viaggio con l’artista, con i suoi personaggi e con quelli che a sua volta sono stati suoi maestri e punti di riferimento.
L’Ensemble “SUONI del SUD” opera da circa quindici anni nello sviluppo e nella diffusione della cultura e dell’arte organizzando manifestazioni altamente qualificate in collaborazione con RAI UNO, Mediaset, coproduzioni con il Teatro San Carlo di Napoli, registrazioni di musiche da film con maestri di eccezione come il M° Ennio Morricone, Luis Bacalov, Nicola Piovani.


SUDESTIVAL – Il programma completo del Festival del cinema italiano in Puglia

In il

sudestival 2018 monopoli festival del cinema italiano locandina

Comunicato stampa
Otto i film italiani in concorso. Tra le novità il Faro d’Argento della Città di Monopoli e la sezione Incontri del Sudestival. La 19/esima edizione del Sudestival, il festival lungo un inverno, dal 27 gennaio al 17 marzo a Monopoli.

Sarà l’attore e regista Sergio Rubini a inaugurare la
diciannovesima edizione del Sudestival, il 27 gennaio, alle ore 21:00, nella sala del Cinema
“Vittoria” di Monopoli. Per l’occasione verrà proiettato il suo primo film, LA STAZIONE, a cui
seguirà l’incontro con il pubblico presente.
“Il festival lungo un inverno”, si terrà nelle date successive nel Cinema “Vittoria”, nella “Sala
Eventi” della rinata Biblioteca “Rendella” e nel Teatro “Radar” di Monopoli, con alcune
proiezioni presso il cinema “Norba” di Conversano, fino al 17 marzo 2018.
La storica manifestazione di cinema italiano d’autore è organizzata dall’Associazione Sguardi per
la direzione artistica di Michele Suma.
Il festival, come di consueto, ospiterà opere prime e anteprime, percorrerà le complesse e
apprezzate dinamiche della cinematografia italiana, raccontando i testimoni di un cinema
resistente e audace, intercettando una pluralità di generi e un’ampiezza di contenuti oltre a una
frastagliata geografia ambientale e una spiccata vocazione narrativa.
“Il Sudestival – ha spiegato Suma – vuole continuare a essere un osservatorio, una occasione di
conoscenza e una vetrina del cinema italiano in Puglia con il contributo fondamentale degli
autori chiamati a parlare e a confrontarsi col pubblico. A partire dal 2018 si trasforma nel Festival
del Cinema di Monopoli, un festival lungo un inverno, ricco di appuntamenti e ricco di ospiti”.

Il programma
Il programma del festival sarà strutturato in più sezioni: 8 film in Concorso (prime e anteprime
italiane e pugliesi), “Sudestival in corto” (dedicata ai cortometraggi), “I mestieri del cinema”
(quattro lezioni mattutine di cinema per gli studenti), gli “Incontri del Sudestival” (sette
incontri‐aperitivo con il mondo del documentario e i suoi protagonisti) e “Sudestival in food” , la
sezione nata dalla collaborazione con lo SLOW FOOD Piana degli Ulivi, un percorso
enogastronomico in quattro puntate nella Terra di Puglia, teso alla conoscenza e valorizzazione
della cucina e dei prodotti appuli.

Concorso
Tranne il primo film, in programma domenica 28, le proiezioni dei film in concorso, come di
consueto, saranno in programma ogni venerdì, alle 18:00 e alle 21:00 al cinema “Vittoria” di
Monopoli e votate da due giurie: la Giuria Giovani e la Giuria del Pubblico.
Domenica 28 gennaio, infatti, a dare il via al concorso sarà il film giallo Finché c’è prosecco c’è
speranza, opera prima di Antonio Padovan con protagonista Giuseppe Battiston, tratto dal
romanzo di Fulvio Ervas e presentato all’ultima Festa del Cinema di Roma. Il regista, Giuseppe
Battiston e Teco Celio saranno presenti alla proiezione. Mentre venerdì 16 marzo sarà Al
massimo ribasso del regista Riccardo Jacopino a chiudere la 19° edizione. Film sulla malavita
organizzata che specula sulle gare di appalto pubbliche, presentato nella sezione Festa Mobile del
35° Torino Film Festival e prodotto attraverso un crowdfunding dalla Cooperativa Sociale
Arcobaleno. Il film sarà un’anteprima per la Puglia. Tra le altre opere in concorso: Nove lune e
mezza, esordio alla regia dell’attrice Michela Andreozzi, protagonista con Claudia Gerini, Giorgio
Pasotti e Lillo Petrolo di una commedia che affronta il tema della maternità surrogata (2/02).
Falchi, film poliziesco del regista Toni D’Angelo, ambientato nella città partenopea e interpretato
da Fortunato Cerlino, Michele Riondino, con la partecipazione straordinaria di Pippo Delbono e
Stefania Sandrelli (9/02). The Habit of Beauty, un dramma che si snoda fra i temi del sogno,
dell’amore e della perdita, diretto da Mirko Pincelli (16/02). Gatta Cenerentola, di Alessandro
Rak, Ivan Cappiello, Marino Guarnieri e Dario Sansone, opera d’animazione premiata all’ultima
Mostra del Cinema di Venezia e in corsa per l’Oscar 2018, che rilegge in chiave noir la favola di
Giambattista Basile (23/02). In anteprima la commedia Lovers di Matteo Vicino, che sbarca in
Puglia con una anteprima e si presenta a Monopoli dopo un lungo percorso festivaliero
internazionale (2/03) e L’Assoluto presente, un “thriller esistenziale” con cui il regista Fabio
Martina mostra l’impasse emotiva vissuta da molti giovani delle neo generazioni. L’opera sbarca
in Puglia con una anteprima proprio a Monopoli (9/03).
A valutare i film, oltre al pubblico e ai giovani, sarà la Giuria Cinema, che assegnerà il Faro
d’Argento della Città di Monopoli e che sarà composta da: Oscar Iarussi (Presidente), giornalista
e critico cinematografico de “La Gazzetta del Mezzogiorno”; Alessia Barela, attrice; Francesco
Carofiglio, scrittore; Alberto Crespi, docente, critico, autore e conduttore di Hollywood Party di
Rai Radio3; Salvatore De Mola, sceneggiatore; Viviana Del Bianco, direttrice New Italian Cinema
Events di New York; Maurizio Di Rienzo, critico cinematografico, selezionatore Nastri d’Argento.
Alan Palmieri, direttore artistico di Radionorba e Stefano Amadio, direttore di
cinemaitaliano.info

Sudestival in corto
Ogni lungometraggio sarà preceduto dalla proiezione di un cortometraggio della sezione
“Sudestival in corto”, spazio dedicato alla micro‐narrazione, in collaborazione con il Migranti
Film Festival – Culture in viaggio, ideato e organizzato dalla piemontese Università degli Studi
di Scienze Gastronomiche, in collaborazione con Slow Food, e facente parte del progetto MigrArti
del MiBACT.

I mestieri del cinema
Prosegue anche quest’anno il percorso formativo dedicato al giovane pubblico degli studenti con
“I mestieri del cinema”: quattro lezioni mattutine rivolte agli studenti liceali di Monopoli e
Conversano, che saranno coinvolti in proiezioni guidate e commentate da professionisti del
cinema italiano quali: Maurizio Sciarra, regista e presidente dell’Apulia Film Commission
(26/01), Alessandro Rak, animatore e regista (23/02), Marco Spoletini, montatore (9/03) e
Salvatore De Mola, sceneggiatore (16/03).

Incontri del Sudestival
Diventano un appuntamento fisso gli “Incontri del Sudestival”: sette incontri‐aperitivo con il
mondo del cinema e i suoi protagonisti, che si terranno, ogni sabato, alle ore 18:00, nella Sala
Eventi della rinata Biblioteca “Rendella” di Monopoli. Apre gli appuntamenti “Storia d’Italia in
15 film” con il giornalista Alberto Crespi (27/01); seguono “Son Morto che ero Bambino.
Francesco Guccini va ad Auschwitz” con l’autore Francesco Conversano (3/02); “Ritratto di
mio padre” di Maria Sole Tognazzi, presente Gianmarco Tognazzi, “Sono guido e non guido” con
il regista Alessandro Maria Buonomo (17/02); “Il senso della bellezza” con Valerio Jalongo
(24/02); “Lascia stare i santi” con il documentarista Gianfranco Pannone (3/03); “Naples 44”
con Francesco Patierno (10/03).

Sudestival in food
Tra le novità del palinsesto la sezione dedicata alla gastronomia tradizionale, “Sudestival in food.
Percorso Enogastronomico nella Terra di Puglia”, a cura della Condotta Slow Food Piana
degli Ulivi. Quattro appuntamenti presso la chiesa di San Pietro e Paolo di Monopoli che si
svolgeranno ogni sabato, alle ore 21:00: “La Capitanata” (17/02); “La Murgia” (24/02); “La
Valle d’Itria” (3/03); “Il Salento” (10/03).
La manifestazione si chiuderà il 17 marzo, presso il Cinema Teatro Auditorium “Radar” con le
premiazioni dei film vincitori, alla presenza dell’intera giuria nazionale e di tutti gli autori.
Ospite d’onore sarà Rocco Papaleo, presente in sala, a cui sarà dedicata la proiezione di
Basilicata coast to coast che commenterà al pubblico.
Altra novità sarà il “Sudestival accessibile” la proiezione che si terrà nel mese di aprile che
permetterà agli spettatori audiolesi e videolesi di fruire del film vincitore del premio “Sguardi”
(altra novità di quest’anno), consistente nella sottotitolazione e audio descrizione del film
designato dalla Giuria Sguardi. Il riconoscimento è organizzato in collaborazione con il progetto
Future in Research “Traduzione audiovisiva, saperi interdisciplinari e nuove professionalità” del
Dipartimento di Scienze della Formazione, Psicologia e Comunicazione dell’Università di Bari.
Premi

PREMIO CINEMA CITTA’ DI MONOPOLI: il Faro d’Argento dell’artista Paolo Cataldi al
miglior film, consegnato dal Sindaco di Monopoli, indicato dalla GIURIA del
SUDESTIVAL, composta da otto giurati nazionali e un presidente;

PREMIO TIM VISION: premio di € 500,00 assegnato alla miglior videohistory sul
Sudestival 2018 realizzata dai giovani con il proprio smartphone. Il premio sarà
consegnato da un rappresentante nazionale TIM e il video vincitore sarà proiettato la
sera delle premiazioni del 17 marzo.

PREMIO del PUBBLICO “laFusillo”: premio in denaro assegnato dalla GIURIA del
PUBBLICO al miglior film in concorso, consegnato dal senatore Nicola Fusillo;

PREMIO “Santa Teresa Resort”, una settimana di vacanza estiva presso la prestigiosa
struttura di Monopoli al regista del miglior film, conferito dalla GIURIA GIOVANI,
composta da 400 studenti delle scuole medie superiori di Monopoli, e consegnato dal
direttore del resort, Leo Capitanio;

PREMIO “Gruppo Norba” alla carriera, dedicato a Rocco Papaleo e consegnato da un
rappresentante del gruppo televisivo.

PREMIO “SGUARDI”: sottotitolazione e audio‐descrizione del film meritevole di
menzione da parte del comitato scientifico del festival. Il premio sarà consegnato dalla
rappresentante dell’Associazione SGUARDI, organizzatrice del festival. Il film sarà poi
proiettato nel mese di aprile.
Serata inaugurale € 7,00
Serata delle premiazioni € 8,00

Costo d’ingresso alle singole proiezioni dei film in concorso € 5,00
Disponibile la TESSERA DEL SUDESTIVAL al costo di € 28,00 per le proiezioni serali.
Ingresso repliche del sabato dei film in concorso € 4,00
Abbonamento pomeridiano del sabato € 20,00
Riduzioni studenti universitari e over 65: abbonamento € 20,00

Sudestival è un progetto dell’Associazione Culturale Sguardi, diretto da Michele Suma.Realizzato con il sostegno della Regione Puglia‐Unione Europea: PATTO PER LA PUGLIA‐FSC 2014‐2020
“Spettacolo dal Vivo e Residenze Artistiche”, della Città di Monopoli e della Fondazione Puglia.
Patrocini dell’Assessore all’Industria Turistica e Culturale – Gestione e Valorizzazione dei Beni Culturali
della Regione Puglia, della Città di Monopoli, del Comune di Conversano, di Apulia Film Commission, dei
100autori e dell’ UNIBA.

Media Partner: Canale 7, Radionorba e Cinemaitaliano.infoMain Sponsor: TIM
Sponsor: SO.ME.D, IMAGROSS, OTTICA BRIGIDA, LA FUSILLO COSTRUZIONI
Sponsor tecnici Santa Teresa Resort, Zi’ Ottavio, La dolce vita
Official car del Sudestival della Peugeot – F.lli Tartarelli di Monopoli
informazioni www.sudestival.org Facebook SUDESTIVAL Twitter SUDESTIVAL Instagram SUDESTIVAL

INFOLINE +39 3341310000
Ufficio stampa – Lo Scrittoio
Via Crema, 32 ‐ 20135 Milano Tel. +39 0278622290‐91
Antonio Pirozzi +39 3395238132 ufficiostampa@scrittoio.net
Bianca Badialetti + 39 3488596789 pressoffice@scrittoio.net
www.scrittoio.net

PROGRAMMA SUDESTIVAL 2018

SERATA INAUGURALE
27 gennaio Cinema Vittoria, Monopoli, ore 21:00
Omaggio a Sergio Rubini. Proiezione del suo primo film LA STAZIONE e, a seguire, incontro
del regista‐attore con il pubblico.

SEZIONE CONCORSO
Cinema Vittoria, Monopoli, ore 18:00 e 21:00.
28 gennaio ‐ Finché c’è Prosecco c’è speranza di Antonio Padovan (in sala il regista, Teco
Celio e Giuseppe Battiston). Replica il lunedì seguente alle ore 16:00
2 febbraio. Nove lune e mezza di Michela Andreozzi (in sala la regista). Replica il sabato
seguente alle ore 16:00
9 febbraio. Falchi di Toni D’Angelo (in sala il regista). Replica il sabato seguente alle ore
16:00
16 febbraio. The habit of beauty di Mirko Pincelli (in sala il regista). Replica il sabato
seguente alle ore 16:00
23 febbraio . Gatta Cenerentola di Alessandro Rak, Ivan Cappiello, Marino Guarnieri, Dario
Sansone (in sala il regista Alessandro Rak). Replica il sabato seguente alle ore 16:00
2 marzo. Lovers di Matteo Vicino (in sala il regista e gli attori Margherita Mannino,
Antonietta Bello, Luca Nucera) – ANTEPRIMA. Replica il sabato seguente alle ore 16:00
9 marzo. L’assoluto presente di Fabio Martina (in sala il regista e gli attori Yuri Casagrande
Conti, Gil Giuliani, Claudia Veronesi) – ANTEPRIMA. Replica il sabato seguente alle ore
16:00
16 marzo . Al massimo ribasso di Riccardo Jacopino (in sala il regista) – ANTEPRIMA.
Replica il sabato seguente alle ore 16:00

SEZIONE SUDESTIVAL in CORTO
Cinema Vittoria, Monopoli, ore 20:45
Suenos Americanos di Josue Oropeza ‐ 28 gennaio
New neighbors di E.G. Bailey ‐ 2 febbraio
Peace please di Tina Lagler & Blaž Miklič ‐ 9 febbraio
Bunkers di Anne‐Claire Adet ‐ 16 febbraio
A new home di Ziga Virc ‐ 23 febbraio
Les miserables di Ladj Ly ‐ 2 marzo
No jungle! di Carmen Menéndez ‐ 9 marzo
Fantassut di Federico Foglia ‐ 16 marzo

SEZIONE LEZIONI DI CINEMA
Lezione con Maurizio Sciarra‐ Effetto Notte – 26 gennaio, cinema Vittoria, Monopoli
Lezione con Alessandro Rak ‐ L’arte della felicità ‐ 23 febbraio, cinema Norba, Conversano
Lezione con Marco Spoletini ‐ Il racconto dei racconti ‐ 9 marzo, cinema Vittoria, Monopoli
Lezione con Salvatore De Mola ‐ La stoffa dei sogni ‐ 16 marzo, cinema Norba, Conversano

SEZIONE DOCUMENTARI ‐ GLI INCONTRI DEL SUDESTIVAL
Biblioteca Rendella, Monopoli, ore 18:00
Incontro con Alberto Crespi ‐ Storia d’Italia in 15 film ‐ 27 gennaio
Incontro con Francesco Conversano ‐ Sono morto che ero bambino. Francesco Guccini va
ad Auschwitz ‐ 3 febbraio
Incontro con Gianmarco Tognazzi – Ritratto di mio padre ‐ 10 febbraio
Incontro con Alessandro Maria Buonomo ‐ Sono Guido e non Guido ‐ 17 febbraio
Incontro con Valerio Jalongo ‐ Il senso della bellezza ‐ 24 febbraio
Incontro con Gianfranco Pannone ‐ Lascia stare i santi ‐ 3 marzo
Incontro con Francesco Patierno ‐ Naples ’44 ‐ 10 marzo

SEZIONE SUDESTIVAL IN FOOD
Chiesa di San Pietro e Paolo, Monopoli, ore 21:00
La Capitanata ‐ Esposizione e degustazione di prodotti agroalimentari e laboratorio didattico
“Le erbe spontanee commestibili” ‐ 17 febbraio
La Murgia ‐ Esposizione e degustazione di prodotti agroalimentari e laboratorio didattico
“I formaggi di latte 4.0” ‐ 24 febbraio
La Valle d’Itria ‐ Esposizione e degustazione di prodotti agroalimentari e laboratorio
didattico “La birra artigianale ‐ 3 marzo
Il Salento ‐ Esposizione e degustazione di prodotti agroalimentari e laboratorio didattico
“Cotture col vincotto” ‐ 10 marzo

SERATA PREMIAZIONI
17 marzo ‐ Cinema Teatro Auditorium “Radar” , ore 21:00
Premiazioni dei film vincitori, alla presenza dell’intera giuria nazionale e di tutti gli autori.
Ospite d’onore Rocco Papaleo. Proiezione di Basilicata coast to coast, a cui seguirà l’incontro
dell’autore‐attore con il pubblico.

FILM IN CONCORSO

– FINCHE’ C’E’ PROSECCO C’E’ SPERANZA di Antonio Padovan, Italia 2017, 101’
Produzione: K+
Distribuzione: Parthénos
Nel cast: Giuseppe Battiston, Teco Celio, Liz Solari, Roberto Citran, Silvia D’Amico
Campagna veneta. Il conte Desiderio Ancillotto, grande vignaiolo, pare essersi tolto la vita.
Trattasi di omicidio o suicidio? Un caso apparentemente impossibile da risolvere per il neoispettore
Stucky, impacciato ma pieno di talento, che dovrà fare i conti con le proprie paure e
un passato ingombrante per risolvere il caso. Tra filari e bollicine, l’ispettore si dovrà
confrontare con bottai, osti e confraternite di saggi bevitori, e realizzerà ben presto che la
soluzione del mistero passa attraverso il modo di vedere la vita, e la vite, del conte Ancilotto e
che nella sua cantina, tra vetro e sughero, alcol e lieviti addormentati, c’è un mondo che non
vuole scomparire ma, al contrario, rivendica un futuro.
Domenica 28 gennaio, cinema Vittoria di Monopoli, ore 18.00 e 21:00 ‐ OPERA PRIMA

FESTIVAL
2017 ‐ Festa del Cinema di Roma ‐ Alice nella città

IL REGISTA – Antonio Padovan
Antonio Padovan nasce a Vittorio Veneto e cresce in provincia di Treviso. Nel 2007, a
vent’anni, si trasferisce a New York dove frequenta la New York Film Academy e inizia la
propria carriera nel mondo del cinema e della pubblicità. Nel 2013 scrive e dirige Jack Attack,
cortometraggio horror, invitato a più di cento festival di cinema nel mondo, grazie al quale
riceve decine di premi e riconoscimenti. Nel 2015 vince il “Premio Speciale Giotto” al Giffoni
Film Festival e lo stesso anno con Eveless, segmento thriller scritto e diretto per il film Galaxy
of Horrors, viene invitato a Festival di Cannes. Nel 2016 torna in Italia per girare il suo primo
lungometraggio Finché c’è prosecco c’è speranza.

– NOVE LUNE E MEZZA di Michela Andreozzi, Italia 2017, 100’
Produzione: Paco Cinematografica, Neoart Producciones
Distribuzione: Vision Distribution
Nel cast: Claudia Gerini, Lillo Petrolo, Giorgio Pasotti, Michela Andreozzi
Due donne di oggi, due sorelle, entrambe sulla quarantina, tanto unite quanto diverse. Livia è
una violoncellista bella e sfrontata, dall’anima rock. Modesta, detta Tina, è un timido vigile
urbano che ha messo da parte la laurea per il posto fisso. Livia convive con Fabio, un
osteopata dolce e carismatico; Tina con Gianni, un collega ordinario e intollerante. Livia
difende da sempre la sua posizione di donna che non desidera avere figli, mentre Tina tenta
da anni di restare incinta, senza risultato. Quando Tina, dopo tanti tentativi inizia a perdere la
testa, Livia decide di portare avanti una gravidanza per lei. Questi nove mesi saranno un
susseguirsi di situazioni paradossali e incontri folgoranti, che porteranno Tina e Livia a
scontrarsi, poi comprendersi e infine cambiare, per ritrovarsi sempre più unite.
Venerdì 2 febbraio, cinema Vittoria di Monopoli, ore 18.00 e 21:00 ‐ OPERA PRIMA

LA REGISTA – Michela Andreozzi
Conduttrice radiofonica, commediografa e attrice italiana. Esordisce alla regia con DUGU –
Dietro un grande uomo, interpretato con Luca Argentero, che vince numerosi premi. Nove lune
e mezza è il suo primo lungometraggio.

– FALCHI di Toni D’Angelo, Italia 2017, 97’
Produzione: Minerva Pictures Figli del Bronx con Rai Cinema
Distribuzione: Koch Media
Nel cast: Fortunato Cerlino, Michele Riondino, Pippo Delbono, Stefania Sandrelli
Napoli, la città delle mille contraddizioni. Peppe e Francesco sono due Falchi, poliziotti della
sezione speciale della Squadra Mobile di Napoli. In sella alla loro moto, portano la legge tra i
vicoli più malfamati della città, usando spesso metodi poco convenzionali. La loro vita, già
ricca di tensione, viene sconvolta da una tragedia personale e professionale. In preda allo
sconforto e assetati di vendetta, ingaggeranno una lotta senza esclusione di colpi contro una
potentissima e spietata organizzazione criminale cinese.
Venerdì 9 febbraio, cinema Vittoria di Monopoli, ore 18.00 e 21:00

FESTIVAL
2017 – Bari International Film Festival
2017 – Noir in Festival

IL REGISTA – Toni D’Angelo
Regista. Figlio del cantautore, attore e regista italiano Nino D’Angelo, si laurea al D.A.M.S. con
una tesi sul cinema di Abel Ferrara. Inizia la sua carriera cinematografica proprio con il
regista italoamericano, per il quale lavora come assistente alla regia, e con il quale scrive il
soggetto (mai realizzato in forma di film) Morire a Napoli.
Dopo diverse esperienze sul set, dirige il suo primo cortometraggio, Bukowski, Casoria,
liberamente ispirato a un racconto di Charles Bukowski. Nel 2007 realizza il suo primo
lungometraggio Una notte e viene candidato come Niglior Regista Esordiente ai David di
Donatello. Il documentario Poeti (2009) viene selezionato alla 66° Mostra Internazionale del
Cinema di Venezia in concorso nella sezione Controcampo e nel 2012 torna alla narrazione
con L’innocenza di Clara, unico film italiano al MWFF World di Montreal e al Courmayeur Noir
in Festival. L’ultimo film girato da D’Angelo è Filmstudio, Mon Amour, presentato al Festival di
Roma e vincitore del Nastro d’Argento per il Miglior Documentario.

– THE HABIT OF BEAUTY di Mirko Pincelli, Italia 2016, 89’
Produzione: Habit of Beauty Film, The, Orisa Produzioni – Rai Cinema
Distribuzione: EuroPictures
Nel cast: Francesca Neri, Vincenzo Amato
Elena ed Ernesto sono una coppia lacerata dalla tragica morte del figlio Carlo. Tre anni dopo
l’incidente Ernesto, fotografo di moda, che tiene dei corsi in carcere, incontra Ian, giovane
problematico che prende come suo assistente. La scoperta di una malattia terminale, spinge
Ernesto a contattare l’ex moglie per organizzare un’ultima mostra fotografica con le sue opere
migliori. Col passare del tempo tra i tre si crea una sorta di equilibrio familiare ed Ernesto ed
Elena capiscono che, aiutare Ian ad uscire dalla sua vita difficile, è l’unico modo per superare
l’immenso dolore per la perdita del loro figlio.
Venerdì 16 febbraio, cinema Vittoria di Monopoli, ore 18.00 e 21:00 – OPERA PRIMA

FESTIVAL
2016 ‐ BFI London Screening Breakthrough
2016 ‐ Montreal Film Festival
2016 ‐ Raindance Film Festival
2016 ‐ Braunschweig International Film Festival
2016 ‐ Festa del Cinema di Roma ‐ Alice Nella Città
2016 ‐ Trento Film Festival

IL REGISTA – Mirko Pincelli
Regista cinematografico e documentaristico con una profonda esperienza in campo
fotografico e fotogiornalistico, ha diretto documentari, web‐series, cortometraggi, spot
pubblicitari e video musicali nel Regno Unito, in Europa e negli USA. Il suo primo
documentario Uspomene 677 (2011), sulla Bosnia di oggi, è stato presentato al Raindance Film
Festival, nominato come migliore Opera Micro‐ budget e venduto in numerosi paesi del
mondo. Del 2012 sono My words and I e Conversations with Fishermen, documentario sul tema
della globalizzazione, girato nell’Isola Croata di Hvar.

– GATTA CENERENTOLA di Alessandro Rak, Ivan Cappiello, Marino Guarnieri, Dario
Sansone, Italia 2017, 86’
Produzione: Mad Entertainment con Rai Cinema
Distribuzione: Videa
Con le voci di: Maria Pia Calzone, Alessandro Gassmann e Renato Carpentieri
Mia è cresciuta all’interno della Megaride, un’enorme nave ferma nel porto di Napoli, di cui il
padre, Vittorio Basile, ne era l’armatore. La piccola, dopo la morte del padre, vive all’ombra
della matrigna e delle perfide sorellastre, che le hanno affibbiato il crudele soprannome di
Gatta Cenerentola.
Il sogno si Vittorio era quello di trasformare Napoli in una virtuosa città della scienza, sogno
che sta per essere spezzato da Salvatore Lo Giusto, detto O’ Re, un ambizioso trafficante di
droga che, d’accordo con la matrigna, sfrutta l’eredità, dell’ignara Mia, per fare del porto di
Napoli una capitale del riciclaggio.
Venerdì 23 febbraio, cinema Vittoria di Monopoli, ore 18.00 e 21:00

FESTIVAL
2017 – Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica della Biennale di Venezia – Concorso
Orizzonti

– LOVERS di Matteo Vicino, Italia 2017, 102’
Produzione: Showbiz Movies
Nel cast: Primo Reggiani, Margherita Mannino, Ivano Marescotti, Antonietta Bello, Luca
Nucera
Il film affronta in maniera simmetrica quattro storie che coinvolgono gli stessi cinque
protagonisti in ruoli diversi, chiusi in una spirale. In questo cerchio concentrico di vite che si
ripete all’infinito ha luogo “lovers”, un film in cui amore, commedia, dubbio, sospetto e
omicidio rappresentano le costanti della storia.
Venerdì 2 marzo, cinema Vittoria di Monopoli, ore 18.00 e 21:00 – ANTEPRIMA

FESTIVAL
2017 ‐ Festival Internazionale di Lisbona come miglior – Miglior Film
2017 ‐ Crystal Palace London International Film Festival – Miglior Film
2017 ‐ Fort Lauderdale International Film Festival – Premio alla Regia

IL REGISTA – Matteo Vicino
Matteo Vicino è un regista bolognese classe 1972. In suo primo film Young Europe (2011), da
lui scritto, diretto e montato, è stato presentato in esclusiva al Parlamento Europeo nel
novembre 2012. Premio per la “Miglior Regia” al Milano International Film Festival è stato
scelto quale evento speciale al Giffoni Film Festival 2012 e alla 70° edizione della Mostra
d’Arte Cinematografica di Venezia. È del 2012 Outing ‐ Fidanzati per Sbaglio, che ottiene un
eccellente riscontro di pubblico e critica.

– L’ASSOLUTO PRESENTE di Fabio Martina, Italia 2017, 82’
Produzione: Circonvalla Film
Distribuzione: Lo Scrittoio
Nel cast: Yuri Casagrande, Gil Giuliani, Claudia Veronesi
Il film, ambientato e girato a Milano ai giorni nostri, è la storia di tre ragazzi sui vent’anni,
Cosimo, Riccardino e Giovanni. A bordo di un Suv percorrono le strade deserte del centro
città. All’improvviso fermano l’autovettura in prossimità di un parco, scendono e
aggrediscono un passante, apparentemente sconosciuto, in cui si sono casualmente imbattuti.
Venerdì 9 marzo, cinema Vittoria di Monopoli, ore 18.00 e 21:00 – ANTEPRIMA

FESTIVAL
2017 ‐ Piccolo Grande Cinema

IL REGISTA – Fabio Martina
Fabio Martina, autore e regista di documentari e film, firma e produce audiovisivi nella Milano
vibrante dei primi anni 2000. Iscritto all’associazione 100 autori, ha trattato nei suoi lavori
temi sociali, etici e filosofici che mettono in discussione i clichè e gli stereotipi della società
contemporanea, lavori che hanno trovato larga diffusione in festival nazionali e internazionali,
ottenendo successi di pubblico e di critica. È del 2003 la sua opera prima, Clochard si nasce ‐
premiato al Filmmaker Festival; del 2006 A due calci dal paradiso ‐ Premio Opera Prima alla
24ª edizione di Sport Movies & Tv / Milano International FICTS Fest, Menzione d’onore; a
metà tra rappresentazione del reale e rielaborazione poetica è infine il piccolo documentario
Che cos’è l’amore (2015 ) ‐ in concorso al Festival du Film Italien de Villerupt. Insegna cinema
all’Università Statale di Milano e linguaggio televisivo alla Scuola del Cinema di Milano.
L’assoluto presente è il suo secondo film di fiction.

– AL MASSIMO RIBASSO di Riccardo Jacopino, Italia 2017, 100’
Produzione: Cooperativa Arcobaleno
Nel cast: Matteo Carlomagno, Viola Sartoretto
Diego ha un segreto, che lo segna come una maledizione, un strana dote che lo rende diverso
dagli altri, che lui rifiuta ma che sfrutta per il suo lavoro. Carpisce segreti industriali grazie ai
quali aziende mafiose vincono gare di appalto pubbliche. E’ il sottobosco degli intrecci tra
corruzione e malavita. Diego lavora con i carnefici, ma vive in mezzo alle vittime. Un giorno si
innamora di una donna in lotta per ricostruirsi una vita. Le loro strade si intrecciano e lui sarà
costretto a scegliere.
Venerdì 16 marzo, cinema Vittoria di Monopoli, ore 18.00 e 21:00

FESTIVAL
2017 – Torino Film Festival – Festa Mobile

IL REGISTA – Riccardo Jacopino
Riccardo Iacopino è al terzo lungometraggio dopo 40% ‐ Le mani libere del destino (2010), e
Noi, Zagor (2013), docu–film realizzato con la collaborazione della casa editrice Sergio Bonelli,
entrambi prodotti da Arcobaleno e distribuiti da Microcinema. E’ autore e produttore di
documentari e ha collaborato con Rai, Telepiù/Canal Plus, Planet e altre emittenti nazionali ed
internazionali.

SUDESTIVAL in CORTO
Migranti Film Festival
“Il Migranti Film Festival, organizzato dall’Università di Scienze Gastronomiche, è
un progetto culturale che pone attenzione ai fenomeni migratori e alla
costruzione di una comunità inclusiva. Uno degli obiettivi del festival è creare
collegamenti tra le differenti radici, identità, culture, comunità, persone ed è così
che inizia a Monopoli il progetto di costruire un ponte tra il Migranti Film
Festival e il Sudestival, costruendo cinematograficamente, come parola chiave
dei rispettivi ambiti di interesse, la strada delle voci in viaggio.
Ci occuperemo quindi della sezione cortometraggi del Sudestival e sanciremo la
reciproca collaborazione scegliendo il film del Sudestival che meglio saprà
rappresentare la strada delle voci in viaggio, il quale verrà proiettato a Pollenzo
durante il Migranti Film Festival a Giugno.
Nasce quindi un legame che porterà confronti costruttivi e riflessioni concrete
attraverso un collage dinamico di storie, di immagini e di sentimenti.”
Dario Leone
Direttore Migranti Film Festival

– SUENOS AMERICANOS di Josue Oropeza, Messico, 4’
Un pezzo d’atmosfera che mette in risalto la vita dei bambini che strisciano nel
porto di San Ysidro ‐ coloro che sognano di attraversare il confine negli Stati
Uniti per vivere il sogno americano.
Venerdì 26 gennaio, cinema Vittoria di Monopoli, ore 20:45

– NEW NEIGHBORS di E.G. Bailey, Usa 2016, 9′
New Neighbors è una storia di una madre afroamericana che, con i suoi due figli,
si trasferisce in un nuovo quartiere a maggioranza bianca. Qui deve affrontare
tutta una serie di problemi e discriminazioni a causa dei pregiudizi nei loro
confronti, cercando di garantire la sicurezza della sua famiglia.
Venerdì 2 febbraio, cinema Vittoria di Monopoli, ore 20:45

– PEACE. PLEASE. di Tina Lagler & Blaž Miklič, Slovenia 2016, 7′
Nascosti dagli occhi del pubblico, più di 1200 uomini vivono nelle grandi sale
dell’antica stazione ferroviaria di Belgrado, in Serbia. La maggior parte di essi
viene dal Pakistan e dall’Afghanistan ed è fuggita a causa di problemi politici o
semplicemente per cercare una vita migliore. Il film ci immerge nella loro vita a
Belgrado nel bel mezzo di un terribile inverno: la loro lotta contro il freddo, la
neve e circostanze sfortunate, pur cercando di mantenere il buonumore. Sono
uomini e ragazzi coraggiosi, che hanno lasciato alle proprie spalle la vecchia vita,
la famiglia, gli affetti.
Venerdì 9 febbraio, cinema Vittoria di Monopoli, ore 20:45

– BUNKERS di Anne‐Claire Adet, Svizzera 2016, 14′
Un’immersione sensoriale e in prima persona nell’esperienza soffocante di un
rifugio sotterraneo in Svizzera risalente alla seconda guerra mondiale, nel quale,
a decine di metri di profondità, vengono oggi rinchiusi i richiedenti asilo. Il film
invita lo spettatore a vivere l’angoscia di uno di loro, Mohammad, che rievoca la
sua esperienza di vita sotterranea.
Venerdì 16 febbraio, cinema Vittoria di Monopoli, ore 20:45

– A NEW HOME di Ziga Virc, Slovenia 2016, 14′
Qual è il pericolo più grave che l’Europa deve affrontare: la crisi sui suoi confini o
la sua stessa paranoia, la paura? La protagonista, guidando per andare a lavoro,
passa attraverso la tendopoli di rifugiati nel parco. Non ha intenzione di fare loro
del male, né loro hanno intenzione di farlo a lei. Allora perché, quando le loro
strade si incrociano, le cose finiscono per prendere una brutta piega?
Venerdì 23 febbraio, cinema Vittoria di Monopoli, ore 20:45

– LES MISERABLES di Ladj Ly, Francia 2017, 15′
Le tensioni tra giovani e polizia nei quartieri periferici delle città francesi. Una
particolare una forma di impunità: gli abusi della polizia.
Venerdì 2 marzo, cinema Vittoria di Monopoli, ore 20:45

– NO JUNGLE! di Carmen Menéndez, Spagna 2016, 16′
Attraverso le storie di alcuni rifugiati siriani accampati a Calais, non lontano dalla
“Giungla”, l’autrice fa luce sia sulla speranza di giungere in Inghilterra sia sulla
continua violazione dei diritti umani perpetuata in questi luoghi.
Venerdì 9 marzo, cinema Vittoria di Monopoli, ore 20:45

– FANTASSUT di Federico Foglia, Italia, 15’
Girato nel campo rifugiati di Idomeni, al confine tra Grecia e Macedonia. Circa
12,000 rifugiati dalla Siria, Iran, Iraq, Pakistan, Afganistan ed altre nazioni hanno
vissuto per mesi in condizioni disumane sperando nella riapertura delle
frontiere e di poter continuare il loro viaggio attraverso i Balcani.
Venerdì 16 marzo, cinema Vittoria di Monopoli, ore 20:45


Jasenovac, omelia di un silenzio di Dino Parrotta

In il

Scritto e diretto da Dino Parrotta

L’unico spettacolo in Italia che rivela una delle pagine della storia contemporanea più oscure e incredibili, che non mancherà di emozionare.

Gli ustascia, nazionalisti Croati cattolici filofascisti, sostenuti e finanziati dal regime di Mussolini, costituirono lo “Stato indipendente di Croazia”, con a capo Ante Pavelic . Obiettivo principale della loro politica razzista fu lo sterminio dei serbi cristiano-ortodossi, una vera pulizia etnica che per barbarie e ferocia superarono le SS naziste.

Jasenovac (denominata anche la Auschwitz dei Balcani) è stato un campo di sterminio di ebrei, ortodossi, serbi, zingari. Nel campo hanno perso la vita circa 74.000 bambini di età compresa fra zero e 15 anni. Comandante del campo di Jasenovac fu Miroslav Filipovic-Majstorovic (frate francescano), chiamato dal popolo ‘frate Satana’. Al suo processo si vantò della sua “prodezza” ammettendo l’uccisione nella zona di Banja Luka il 7 febbraio 1942 di 2.750 serbi ortodossi fra cui 250 bambini in sole dieci ore.
In 4 anni gli Ustascia hanno trucidato 700.000.persone

Un uomo rivive attraverso vari personaggi un percorso tra le testimonianze delle vittime e le dichiarazioni dei carnefici. Una vecchia sedia è il “camerino” a vista dove il pubblico segue le varie “trasformazioni”, a sottolineare quanto l’Uomo possa essere in grado di manifestare la più atroce crudeltà nei confronti dei propri simili attraverso le sue “maschere”. I testi dello spettacolo sono una raccolta di testimonianze, documenti, dichiarazioni delle vittime e dei carnefici; confermate nel video che raccoglie video originali dell’epoca, foto di archivio .
“Parrotta cambia registro per ogni quadro mettendo in luce una
versatilità invidiabile.. pendola tra opposti con naturalezza di trasformista.
Per cui se stringe il cuore dello spettatore allora che si veste dello smarrimento
dei pochi sopravvissuti, lo pesta quando fa il verso a Ante Pavelic o quando
“diventa” Miroslav Filipovic-Majstorovic, chiamato dal popolo ‘frate Satana’ …”
Italo Interesse “Il Quotidiano”

Auditorium Bianco Manghisi – Teatro dei Cappuccini
Largo Cardinale Marzati – Monopoli (Bari)


Quintorigo e Roberto Gatto in “Trilogy”

In il

QUINTORIGO & ROBERTO GATTO in “TRILOGY”

Alessio VELLISCIG – voce
Valentino BIANCHI – sax
Gionata COSTA – violoncello
Stefano RICCI – contrabbasso
Andrea COSTA – violino
Roberto GATTO – batteria

ingressi € 12,00 biglietti su www.amicimusicamonopoli.com

Il jazz, il blues, il rock. Charles Mingus, Jimi Hendrix, Frank Zappa: tre giganti della musica statunitense, letti, riletti, stravolti, scomposti e ricomposti, dall’inconfondibile stile dei Quintorigo.
Trilogy nasce dalla recente produzione discografica dei Quintorigo: Play Mingus, premiato da Musica Jazz come Miglior album 2008; Quintorigo Experience, dedicato al genio musicale di Jimi Hendrix e Around Zappa, tributo al grande musicista americano che segna anche l’inizio della proficua collaborazione con Roberto Gatto.
Trilogy non è un tributo, né di un insieme di cover, ma piuttosto un modesto, sentito, filologico omaggio sperimentale a Frank Zappa, Jimi Hendrix e Charles Mingus, attraverso le infinite influenze che sottendono la musica di queste tre icone, ispiratori e maestri di tanti musicisti del panorama jazz, rock, blues dell’ultimo millennio.

Roberto GATTO, nato a Roma il 6 ottobre 1958, il suo debutto professionale risale al 1975 con il Trio di Roma (Danilo Rea, Enzo Pietropaoli) e da allora ha suonato in tutta Europa e nel mondo con i suoi gruppi e a fianco di artisti internazionali.
Oltre ad una ricerca timbrica raffinata e a una tecnica esecutiva perfetta, i gruppi a suo nome sono caratterizzati dal calore tipico della cultura Mediterranea; questo rende senza dubbio Roberto Gatto uno dei più interessanti batteristi e compositori in Europa e nel mondo.
È sicuramente il più rinomato batterista Italiano all’estero e vanta importanti partnerships con artisti del mondo del jazz e non solo.
Numerose sono le sue collaborazioni come sideman: Chet Baker, Freddy Hubbard, Lester Bowie, Gato Barbieri, Kenny Wheeler, Randy Brecker, Enrico Rava, Ivan Lins, Vince Mendoza, Kurt Rosenwinkel, Joey Calderazzo, Bob Berg, Steve Lacy, Johnny Griffin, George Coleman, Dave Liebman, Phil Woods, James Moody, Steve Grossman, Lee Konitz, Barney Wilen, Ronnie Cuber, Sal Nastico, Michael Brecker, Jed Levy, George Garzone, Tony Scott, Paul Jeffrey, Bill Smith, Joe Lovano, Curtis Fuller, Kay Winding, Albert Mangeldorff, Cedar Walton, Tommy Flanagan, Kenny Kirkland, Stefano Bollani, Mal Waldron, Ben Sidran, Enrico Pieranunzi, Dave Kikosky, Franco D’Andrea, John Scofield, John Abercrombie, Billy Cobham, Bobby Hutcherson, Didier Lockwood, Richard Galliano, Christian Escoude, Joe Zawinul, Bireli Lagrene, Palle Danielsonn, Scott Colley, Eddie Gomez, Giovanni Tommaso, Paolo Damiani, Emmanuel Bex, Pat Metheny, Adam Rogers, Rita Marcotulli, Niels Henning Pedersen, Mark Turner, Lew Tabackin, Chris Potter, Mike Moreno, Dado Moroni.
Come leader ha registrato molti album: Notes, Fare, Luna, Jungle Three, Improvvisi, Sing Sing Sing, Roberto Gatto plays Rugantino, Deep, Traps, Gatto-Stefano Bollani Gershwin and more, A Tribute to Miles Davis Quintet, Omaggio al Progressive, The Music Next Door, Roberto Gatto Lysergic Band, Remebering Shelly.
Nel corso degli anni ha composto musica per il cinema, in particolare insieme a Maurizio Giammarco la colonna sonora di “Nudo di donna” per la regia di Nino Manfredi, e, in collaborazione con Battista Lena, le colonne sonore di “Mignon è partita”, che ha ottenuto cinque David di Donatello, “Verso Sera” e “Il grande cocomero”, tutti diretti da Francesca Archibugi.
Nel 1983 è stato eletto il primo batterista Italiano dal sondaggio della rivista mensile Fare Musica. Nel 1983 e nel 1987 con il gruppo Lingomania ha vinto il referendum Top Jazz della rivista Musica Jazz nella categoria miglior gruppo. Nel 1988, 1989, 1990 è stato al primo posto della categoria batteristi dei “vostri preferiti” di Guitar Club. Nel 2007, 2009 e 2010 è stato votato come il miglior batterista dal referendum Top Jazz della rivista Musica Jazz. Nel 1993 ha realizzato due video didattici “Batteria vol. 1 e 2”. È stato il direttore artistico di Jazz in progress presso il Teatro dell’Angelo a Roma. Per oltre dodici anni ha insegnato batteria e musica d’insieme presso i seminari di Siena Jazz.


CUARTETANGO in Concerto a Monopoli

In il

CUARTETANGO

Elisabetta CRINELLA – flauto
Giuliano BISCEGLIA – violino
Gianfranco BENIGNI – violoncello
Giampaolo COSTANTINI – bandoneon
Luis Gabriel CHAMI – pianoforte
Maria Victoria Arenillas – Leonardo Felix Elias ballerini

Il Cuartetango nato nel 1995 dall’incontro tra musicisti argentini ed italiani svolge un’intensa attività concertistica, partecipando con successo alle più importanti manifestazioni e rassegne musicali italiane, collaborando con rinomate associazioni musicali ed esibendosi in prestigiosi teatri e sale da concerto in Italia ed all’estero. Si è esibito con grande successo al Tabak Museum di Vienna, all’Auditorium Cemal Resit Rey di Istanbul, al nuovo Auditorium “Parco della Musica” a Roma, all’Anfiteatro Romano di Cagliari, al Teatro Greco di Taormina, all’Auditorium della Reggia di Capodimonte a Napoli per la rassegna “Maggio nei Monumenti”, al Colonnato del Pantheon a Roma, al Politeama di Lecce, al Chiostro di S. Micheletto a Lucca, è ospite fisso da diversi anni dei concerti al Chiostro del Bramante e dei concerti all’Orto Botanico a Roma. Il Cuartetango si è esibito nella Cavea dell’Auditorium Parco della Musica, durante il Festival Internazionale “Buenos Aires Tango” a Roma, che ha visto la partecipazione dei gruppi di tango argentini più rappresentativi nel panorama mondiale. I concerti nella Capitale italiana, hanno inoltre riguardato: i Musei Capitolini in piazza del Campidoglio, Palazzo Santacroce, Casa Argentina, Valle Giulia, il Pontificio Istituto di Musica Sacra, il Teatro dei Satiri, il Teatro Anfitrione, il Teatro dell’Ascolto, Villa Spalletti Trivelli, Ta Matete a Palazzo Colonna.
I concerti del Cuartetango sono stati tenuti per Associazioni Concertistiche di varie città italiane quali: Latina, Capalbio, Sabaudia, Otranto, Narni, Ostuni, Sassari, Bracciano, Catanzaro, Caltagirone, Viterbo, Ostia Antica, Montalto di Castro, Ronciglione, Anacapri, Trevignano ..ecc.
Per la sua opera di diffusione della musica di Astor Piazzolla, il Cuartetango è stato più volte invitato da S. E. l’Ambasciatore della Repubblica Argentina ad esibirsi in occasione delle celebrazioni della Festa Nazionale presso l’Ambasciata Argentina in Italia. In collaborazione con l’attore argentino Michelangelo Tarditti, il Cuartetango ha presentato lo spettacolo “Borges-Piazzolla” presso la sede dell’Istituto Italo-latinoamericano nell’ambito delle manifestazioni patrocinate dal comune di Roma per il centenario della nascita di Jorge Luis Borges, spettacolo poi replicato all’ Università La Sapienza di Roma presso la Facoltà di Lettere e Filosofia (sala Odeion). Il gruppo è stato seguito con interesse dal TG2 , TG3 , e RAI International che gli ha dedicato degli ampi servizi, in occasione dei suoi concerti più importanti.
Il CD intitolato “Cuartetango interpreta Astor Piazzolla” presentato nei programmi di Radio Vaticana, della Continental Radio di Buenos Aires, della New Hampshire Public Radio (USA), riporta la presentazione che Daniel Piazzolla (musicista figlio di Astor) dopo aver donato le partiture autografe del padre al Cuartetango
ha così scritto di loro:
… “Sono felice di aver fornito le partiture autografe di mio padre ai componenti del Cuartetango; non solo non mi hanno deluso, ma sono riusciti a sorprendermi per la loro eccellente interpretazione della musica del più grande compositore argentino e uno dei più grandi musicisti del Novecento. Mi auguro che proseguano in questa ardua impresa, perché anche mio padre si sarebbe sentito orgoglioso di loro”…
Daniel Piazzolla

Programma:

J. Plaza Payadora
A. D’Agostino Cafè Dominguez
J. Plaza Danzarin
A. Stampone Mi amigo Cholo
A. Aieta Palomita Blanca
F. Latasa Hotel Victoria
J. D’Arienzo Paciencia
P. Laurenz Milonga de mis amores
A. Piazzolla Oblivion
A. Villoldo El Choclo
A. Piazzolla Zum
J. De Dios Filiberto Quejas de bandoneon
J. C. Cobian Los mareados
J. Plaza Nocturna
E. Rovira A Evaristo Carriego
M. Rodriguez La Cumparsita
J. D’Arienzo Este es el Rey
A. Troilo La trampera
R. Melo Desde el alma

Cinema Teatro Vittoria
Via Rattazzi, 98 – Monopoli (Bari)
martedì 9 gennaio 2018
ingresso intero € 8,00 ridotto € 6,00
Info. 3683718174


Falò d’ Nonn Mariodd – Aspettando la Befana a Monopoli

In il

Immaginate la magia che si crea intorno a un caldo falò con tanti bambini che aspettano con ansia di vedere la Befana che arriva con tanti doni, facciamoli sognare .

Vi aspettiamo in tanti con le mitiche Befane…

Dimenticavo la cosa più importante degustazione di prodotti tipici e buon vino Il tutto allietato con i CIPURRID…

c.da ciporrelli – Monopoli (Bari)
venerdì 5 gennaio 2018 ore 19:00
ingresso libero
Info. 3289540202


Capodanno in Piazza a Monopoli

In il

PRO LOCO MONOPOLI in sinergia con la B&B Associati Monopoli
PRESENTA

31 DICEMBRE 2017 – UNA NOTTE DI NOTE
CAPODANNO A MONOPOLI
MUSICA – LUCI – EMOZIONI

Dopo tanti anni finalmente la città di MONOPOLI potrà vivere e festeggiare il CAPODANNO in PIAZZA!
Sarà un evento unico, dove l’unica certezza sarà il divertimento!

Aspetteremo tutti insieme la mezzanotte e festeggeremo l’inizio del nuovo anno in PIAZZA GARIBALDI, nel cuore del borgo antico della città!

ECCO IL PROGRAMMA DELLA NOTTE PIU’ LUNGA DELL’ANNO!

I CIPURRIDD – Start 22.45

A SEGUIRE DJ SHOW
FRANCESCO MARCIANO – PATRIK THE VOICE
FRANCESCO BELZE – TONY MC
ANGELO MINOIA – MR HYDE

MAIN PARTNER NEW YEAR’S EVE
My Alarm Sistemi di Sicurezza – Ingrosso & Distribuzione
Via Lepanto 54, 70043 Monopoli (Ba)
——————————————————————————————-

WATER FLY SHOW – Il 29 dicembre e il 1° gennaio dalle 18 alle 22 presso Cala Batteria a Monopoli esibizione sportiva di “Hydro-Fly”, spettacolo di acrobazie sull’acqua coronate dalla coreografia di scenografiche fontane d’acqua luce a cura della ASD “RACING SHOW”. Avremo l’onore di ospitare il campione nazionale di questa fantastica disciplina sportiva “Cristiano Perseu”, in sinergia con l’atleta “Andrea Salamina” già Vice-Campione Nazionale. Non fartelo raccontare, è una prima nazionale.


“IL MARE I MITI” mostra pittorica

In il

IL MARE I MITI
GALLERIA SPAZIOSEI MONOPOLI

UCCIO BIONDI, FLAVIA D’ALESSANDRO, GIULIO DE MITRI, MARIO DI CANDIA, LUIGI FILOGRANO, ENRICO GRASSO, IGINIO IURILLI, CRISTIAN LORETTI, GIANNA MAGGIULLI, MARIA MARTINELLI, ALESSANDRO PASSARO, PIPPO PATRUNO, FRANCESCA SPERANZA, ARIANNA SPIZZICO, ANNAMARIA SUPPA, FRANCO TARANTINO.
Sabato 16 dicembre alle ore 19.00 sarà inaugurata la mostra IL MARE I MITI a cura di Mina TARANTINO. Nella presentazione critica, la dott.ssa Santa FIZZAROTTI SELVAGGI, scrive: «Il tema del Mare e del Mito assume valenza fortemente simbolica per questa mostra che riconduce le Arti quali aree intermedie – le terze terre – tra l’Umano e il Divino, quale possibilità di sentirsi partecipi della Creazione. L’artista si fonde con la sua pittura, con le sue opere per lasciar vibrare quella luce che impregna la materia di cui è prigioniera dall’eternità.
Quale bellezza salverà il mondo? Dove va l’arte? … Sembra che queste siano le domande degli artisti contemporanei che sfidano il pensiero unico e l’omologante realtà in cui siamo inesorabilmente immersi tentando di tornare al gesto originario.
Il ritorno ai Miti pone il problema del ritorno delle Arti nella loro molteplicità, della non appartenenza ai linguaggi mediatici, dell’identità dell’uomo-artista. Di qui scaturisce la possibilità di provare a vedere “ oltre l’orizzonte” del mare, di quel Mare- Madre colmo di enigmi, luogo dell’origine del quale l’Artista pare abbia sempre nostalgia sì da “intelligere” diversamente la natura delle cose.
Nelle immagini rappresentate appaiono ricordi dolenti di una terra profumata di vento e di mare, di intrecci mitici che non svelano mai quell’unico impossibile sogno celato in fondo al mistero dell’arte. Ed è in tale ottica che trattasi di un Senso sempre aperto nel suo indefinibile accadere: un permanente Avvento che consente di scoprire quanto sia straordinaria la quotidianità. Arte è Eros alla ricerca di Psiche. Corporeità e anima . Luogo della trasformazione. Viaggio senza meta verso l’ignoto, un futuro che comunque non ci appartiene ma che l’Arte può rendere prefigurabile e pertanto affrontabile. Una avventura in mare aperto non sempre rassicurante che alcune volte permette di incontrare se stessi in luoghi sconosciuti tra le terre e i miti di confine.
Non si dimentichi che un insieme di scenari e civiltà hanno strutturato i nostri modelli di pensiero. Mare di percorsi identitari disposti ad andare oltre, verso l’altrove. In tal senso il mare pur essendo uno spazio geografico limitato, ci consente sempre di cambiare ottica e di lasciarsi attraversare dallo stupore.
Nel Mare i Miti hanno costruito il mosaico dell’origine, delle culture, delle religioni, delle tradizioni, dei linguaggi: Ed è per tali ragioni che il Mare è la metafora dell’abissalità mentre evoca il rimosso che ci abita dinanzi al quale riscopriamo la nostra fragilità e che l’artista maieuticamente porta alla luce .
Il Mare Mediterraneo , per esempio, esprime simbolicamente vari aspetti dell’uomo occidentale, da Ulisse ad Alessandro Magno, a Pericle, a Cristoforo Colombo, e ha sempre accolto storie differenti di civiltà diverse, talora, e oggi spesso, la tragicità dell’esistenza divenendo toma dei più vulnerabili e vulnerati. Ma il Mare Nostrum, come mi piace indicarlo alla maniera latina, è sempre costituito dal «non ancora», vale a dire dalla speranza… Mare di Cipride e di Ares, luogo fluttuante agitato dai venti nei quali ci sembra di udire miti, leggende e racconti delle Madri, di quel femminile del mondo che si nasconde nel gesto dell’origine . Luogo di pace e di guerra, di odio e di amore è sempre stato il Mediterraneo: luogo mitico che vide Europa rapita da Zeus in forma di toro dalle coste dell’Asia Minore e amata dal padre degli dèi sotto il leggendario platano di Gortina a Creta.
Quando si riflette sul Mare , e soprattutto sul Mediterraneo , è essenziale infatti anche la riflessione sull’identità culturale europea che scaturisce da nuclei fondanti quali il pensiero greco e i suoi miti e che rivisitò filosofie d’Oriente, l’idea romana di diritto, il monoteismo e l’idea cristiana di coscienza.
Mare e miti si fondono e confondono : il mare di Hestìa, la dea custode delle tradizioni e dei racconti, il mare di Penelope che tesse la tela degli affetti familiari, è ambivalentemente anche il mare di Medea. La Medea di Euripide quale simbolo estremo di un pregiudizio: l’ordine rigido che regnava a Corinto espose Medea all’indicibile sofferenza dei suoi stessi sentimenti fino all’interruzione per la continuità di tutti.
E come non riflettere che per esempio il Mediterraneo è anche una metafora che ci conduce oltre il Mediterraneo, al di là delle Colonne d’Ercole, simbolo del desiderio di conoscenza di sé e dell’Altro. Una metafora, così come è Itaca che deve essere sempre nella nostra mente, come ci ricorda Kavafis. Ma Itaca è il luogo da cui sempre si riparte per nuove avventure. Non a caso Dante scrive: «Fatti non foste a viver come bruti, ma per seguire virtute e conoscenza».
È chiaro che non è al mare nella sua «realtà fisica» che in questa mostra si pensa , ma al mare come simbolo della vita che trascende addirittura la vita vissuta che viene rappresentata dalle Arti nella loro complessità, Il mare , come meraviglioso spettacolo della natura non genererebbe alcun mito se non fosse investito di rappresentazioni mitiche . Non a caso Franca Mazzei Maisetti scrive: «La risacca, lo sciabordio delle onde, il vento che solleva le onde, la serenità dopo la tempesta evocano altro, quel luogo tutto femminile senza il quale non si può emergere dall’indefinito, nascere e morire».
Ed ancora all’Arte, alla sua capacità di ritrovare luoghi perduti, visioni lontane che possiamo affidare la nostra speranza e ripetere con il Poeta: “ non c’era Ares dio della guerra né Zeus né Crono né Poseidone, ma solo Ciprie sovrana…”
Ecco il senso dell’andar per mari e per terre: si tratta dell’erranza, di quel peregrinare che ci conduce in luoghi poco frequentati, forse pericolosi, ma estremamente necessari affinché dentro di noi possiamo veramente riconoscere con Holderlin che “ lì dove è il pericolo è la salvezza”.
Il viaggio nelle dimensioni del tempo che l’artista pone in essere non ha mete ma soltanto l’emozione del conoscere: come Ulisse che sognava Itaca, l’ambiente rassicurante , per poter ripartire e navigare in mare aperto, in quel luogo liquido colmi di mitiche narrazioni che ci lasciano intravedere l’Altro all’orizzonte. Quella similarità e quella differenza che sono già dentro di noi e che improvvisamente appare dinanzi al nostro sguardo.
Ma è proprio nel sentire profondamente il mare , che in francese si traduce la mer, che immancabilmente evochiamo la mère: la madre. Ovvero l’inizio e la fine della nostra vita. Si tratta della Grande Madre che il mare rende presente riattualizzando nelle Arti, nella pittura , nella poesia e nella musica la Memoria che ancora canta con Empedocle: “ fui arbusto ed uccello e muto pesce del mare?”».
La mostra resterà aperta dal 16 dicembre al 9 gennaio 2018_orario: da martedì a sabato, dalle ore 17.30 alle 20.30_ Info: spazioseimonopoli@gmail.com _cell. 339.6162515