Teatro nel Chiostro, rassegna teatrale comica nelle calde sere d’estate

In il

teatro nel chiostro

RASSEGNA DI TEATRO COMICO in collaborazione con FITA Puglia.

Risate e buonumore nelle calde sere d’estate

Tre spettacoli d’autore e di qualità per divertirci insieme.

Vogliamo promuovere il TEATRO nelle forme e nelle modalità adeguate a questo particolare periodo; sentiamo il bisogno di ritrovarci, di divertirci ed emozionarci insieme per continuare a pensare al futuro.

PROGRAMMA:

– 19 AGOSTO: Compagnia il Teatro della Colonna con “Matrimonio…no grazie!” da Molière / Regia Cristina Angiuli;

– 26 AGOSTO: Compagnia Artemisia Teatro “Coppia aperta quasi spalancata” di Dario Fo e Franca Rame, per la regia di Ernesto Marletta;

– 2 SETTEMBRE: “Ride bene, chi ride Shakespeare” presentato dalla Compagnia La banda degli onesti

Vi aspettiamo numerosi.

Viva il TEATRO!


Chiostro Santa Chiara
 via Cesare Battisti, 22 – 
Mola di Bari (Bari)

Ingresso ore 20.30 – Sipario ore 21
.00

Biglietti:
Singolo 8 euro – Abbonamento 20 euro

Info. 3408639036 – 3495145355


Sagra del Polpo 2020 a Mola di Bari

In il

sagra del polpo mola di bari

A CAUSA DELLE DISPOSIZIONI GOVERNATIVE ANTI COVID ATTUALMENTE IN VIGORE LA 47ª EDIZIONE DELLA SAGRA DEL POLPO 2020 DI MOLA DI BARI NON AVRA’ LUOGO

SAGRA DEL POLPO 2020
47ª Edizione – Mola di Bari
23, 24, 25 e 26 Luglio p.v.

Dopo quattro anni torna a Mola di Bari la Sagra del Polpo con la sua 47esima edizione. La manifestazione è stata inserita negli eventi del cartellone Gustiamola d’Estate.
La sagra si terrà la prossima estate dal 23 al 26 luglio 2020.


Festival “Suoni a Santa Chiara”: nove concerti a Mola di Bari da Elio ad Antonella Ruggiero agli omaggi a Battisti e Beethoven

In il

festival suoni a santa chiara 2020

Festival “Suoni a Santa Chiara”
dal 27 giugno al 27 agosto 2020
Chiostro di Santa Chiara
(Mola di Bari)

Con Elio, Antonella Ruggiero e gli altri artisti ospiti dell’Agìmus, la musica riparte anche a Mola di Bari, dove sono previsti nove concerti dal 27 giugno al 27 agosto per il festival «Suoni a Santa Chiara». Ma si torna in scena senza dimenticare quanto è accaduto negli ultimi mesi. Perché l’emergenza non è ancora finita. Però si può e si deve pensare un presente, anche nell’arte, naturalmente con le dovute cautele, alle quali l’Associazione Giovanni Padovano Iniziative Musicali ha deciso di attenersi scrupolosamente col pensiero rivolto alle migliaia di vittime di questi mesi, alla cui memoria l’11 luglio viene dedicato l’omaggio a Beethoven che rappresenta il concerto numero settecento dalla dinamica associazione pugliese.
Dopo mesi di stop, dunque, quest’estate si torna in uno dei luoghi cari all’affezionato pubblico dell’Agìmus, che nel rigoroso rispetto delle disposizioni anticontagio viene accolto nel Chiostro di Santa Chiara per un ciclo di concerti da camera disegnato dal direttore artistico Piero Rotolo nella Rete di musica d’arte Orfeo Futuro. Si spazia tra i generi, dal cantautorato alle contaminazioni jazz passando per il grande repertorio classico. Nove concerti che solo in parte in parte rappresentano recuperi di appuntamenti saltati a causa del lockdown, a partire dall’inaugurale omaggio a Lucio Battisti del cantattore Cristian Levantaci, di scena il 27 e 28 giugno con l’ensemble Suoni dal Sud.
Successivamente ci si delizierà con il recital «Las lágrimas de amor y popular anime», un florilegio di raffinate canzoni spagnole e brasiliane, tra classico e popolare, interpretate dal duo composto dal soprano Veronica Granatiero e dal chitarrista Luciano Pompilio (4 luglio). Quindi, l’omaggio a Beethoven nel 250° anniversario della nascita, tributo per il quale i solisti Paride Losacco, giovane promessa pugliese del violino, e il pianista Piero Rotolo, si alterneranno con l’Agìmus String Quintet (11 luglio): sarà questo il concerto numero settecento dello storico sodalizio. Seguirà l’excursus nell’universo Tango attraverso i linguaggi del jazz dell’acclamato Duo formato da Fabio Furia al bandoneon e da Marco Schirru al pianoforte (18 luglio).
Poi, due eventi speciali, il primo con Elio di Elio e le storie tese, che mette il frac per il suo stravagante omaggio al mondo del melodramma con lo spettacolo «Opera buffa!», scorribanda musicale tra «Il flauto magico» di Mozart e «Il barbiere di Siviglia» di Rossini (30 luglio, due turni), e il ritorno di una delle voci più rappresentative nella storia della canzone italiana, Antonello Ruggiero, che con il suo «Stralunato recital» riprende i grandi successi con i Matia Bazar, alcune cover e i suoi progetti da solista accompagnata dal Maurizio Di Fulvio Group (2 agosto, due turni).
Previsto anche un inedito progetto dedicato alla musica napoletana con lo spettacolo «Nun me scetà», protagonista il cantattore Maurizio Pellegrini (12 agosto, due turni). Quindi, un ulteriore omaggio a Beethoven con l’acclamato Duo Pianistico di Firenze (22 agosto) e la chiusura nel segno di Ennio Morricone con il Duo Nova-Giachino in un’affascinante rilettura per flauto e pianoforte delle sue celebri colonne sonore (27 agosto).

Info 368568412 – 3939935266 www.associazionepadovano.it.

PROGRAMMA ESTATE 2020
Chiostro Santa Chiara – Mola di Bari

Sabato 27 giugno 2020 ore 21.15 e in replica Domenica 28 giugno 2020 ore 20.30
PENSIERI E PAROLE: OMAGGIO A LUCIO BATTISTI
CRISTIAN LEVANTACI, cantattore
Ensemble SUONI DEL SUD

Sabato 4 luglio 2020 ore 21.15
LAS LÁGRIMAS DE AMOR Y POPULAR ANIME
VERONICA GRANATIERO, soprano
LUCIANO POMPILIO, chitarra

Sabato 11 luglio 2020 ore 21.15
700° concerto A.G.Ì.MUS.
Dedicato alla memoria delle vittime del coronavirus
BEETHOVEN 250
PIERO ROTOLO, pianoforte
PARIDE LOSACCO, violino
AGÌMUS STRING QUINTET

Sabato 18 luglio 2020 ore 21.15
NEXT TANGO
DUO FURIA-SCHIRRU
FABIO FURIA, bandoneon
MARCO SCHIRRU, pianoforte

Giovedi 30 luglio 2020 ore 20.30 (1°turno), ore 22.30 (2° turno)
Evento speciale
OPERA BUFFA!
Il Flauto magico e cento altre bagatelle…
con
ELIO, voce recitante e canto
SCILLA CRISTIANO, soprano
GABRIELE BELLU, violino
LUIGI PUXEDDU, violoncello ANDREA DINDO pianoforte

Domenica 2 agosto 2020 ore 20.30 (1°turno), ore 22.30 (2° turno)
Evento speciale
STRALUNATO RECITAL
ANTONELLA RUGGIERO, voce
MAURIZIO DI FULVIO GROUP

Mercoledi 12 agosto 2020 ore 20.30 (1°turno), ore 22.30 (2° turno)
NUN ME SCETÀ Napoli: poesia e sogni
MAURIZIO PELLEGRINI, voce
VALERIO FUSILLO, mandolino
NICOLA NESTA, chitarra

Sabato 22 agosto 2020 ore 21.15
Raccontare la musica
BEETHOVEN 250
Sinfonia n. 6 “Pastorale”
DUO PIANISTICO DI FIRENZE
SARA BARTOLUCCI – RODOLFO ALESSANDRINI

Giovedi 27 agosto 2020 ore 21.15
Per Giovanni Padovano
MORRICONE SUITE
DUO NOVA-GIACHINO
GIUSEPPE NOVA, flauto
LUIGI GIACHINO, pianoforte e arrangiamenti


“QUANDO È STATA L’ULTIMA VOLTA?” al Teatro Van Westerhout di Mola Di Bari

In il

quando è stata l'ultima volta

“QUANDO È STATA L’ULTIMA VOLTA?”
una commedia di Emmanuel Robert Espalieu
traduzione Giulia Serafini
regia Giuiseppe Marini
scene e costumi Pier Paolo Bisleri
con Paolo Panaro e Deianira Dragone

produzione Diaghilev
Teatro Van Westerhout Mola Di Bari

Proseguendo la sua indagine drammaturgica
 sulla coppia e le sue contraddizioni, l’autore francese Emmanuel Robert Espalieu approda con Quando è stata l’ultima volta? a una paradossale commedia 
in cui tale indagine si declina in umorismo nero,
 feroce e sulfureo. 
Cosa c’è di più efficace per risolvere un problema 
che sbarazzarsene definitivamente?
 A questa sconcertante conclusione approda una sera,
 come tutte le sere della sua piccola e insulsa vita ordinaria, una donna che sta per commettere il peggio:
 l’indicibile e innominabile atto di avvelenare suo marito. 
Una commedia delirante, mai rappresentata in Italia sino ad ora, venata di assurdo e piena di divertentissimi colpi di scena, in cui due soli personaggi, un marito e una moglie appunto, brillano per i loro difetti, le loro fragilità, i loro errori di volta 
in volta risibili e accattivanti.

sab 29 febbraio | dom 1 | mer 4 | gio 5 | ven 6 | sab 7 | dom 8 | mer 11 | gio 12 | ven 13 | sab 14 | dom 15 marzo 2020
feriali ore 21 domeniche ore 19

Biglietti in vendita sul circuito Vivaticket

Info e prenotazioni
3331260425 – 3471788446
infi.centrodiaghilev@gmail.com


“UN FATTACCIO ALL’IMPROVVISO” con l’Anonima G.R. al Teatro Angioino

In il

un fattaccio all improvviso anonima gr

Anonima GR
presenta
UN FATTACCIO ALL’IMPROVVISO

Teatro Angioino
Mola di Bari
22 e 23 febbraio

con Dante Marmone, Tiziana Schiavarelli , Mauro Pulpito, Mingo De Pasquale, Azzurra Martino e Leo Solfato
regia di Dante Marmone

Può capitare che in una famiglia qualunque, inaspettatamente, possa accadere un “un fattaccio all’improvviso” che mette a subbuglio la vita, i sentimenti e i legami tra parenti e amici.
Improvvisamente ci si trova a vivere in un thriller, come in uno di quei tanti film in cui sembra che la normalità sia una cosa lontana dalla vita di tutti i giorni e la violenza, le pistolettate, gli omicidi, siano il pane quotidiano.
Nel nostro caso, tutto nasce da un trasporto di salumi, un lavoretto extra per arrotondare lo stipendio di un rappresentante di farmaci, una cosa normale e semplice, in apparenza, ma che si rivelerà la causa di enormi guai e angosce.
Con questo spettacolo, scritto da Dante Marmone e Tiziana Schiavarelli, l’Anonima G.R. ironizza sulla violenza che nasce anche dal cinismo dei nostri tempi difficili e ci si chiede sino a che punto il cinema e la televisione facciano solo da specchio di una società in involuzione o addirittura, per certi versi, investono in questi sentimenti estremi per attirare l’attenzione del pubblico, creandoci una sorta di abitudine, di assuefazione alla violenza.
Ma la verità è che il mondo diventa sempre più violento. Sembra che un morbo ci stia lentamente infettando e che questa distorsione delle personalità dilaghi sempre più.
L’Anonima G.R. affronta questo tema scottante con la satira e la comicità che serve a sdrammatizzare e come si è detto a prendere in giro, come quando, nel pieno del terrore entra in scena un operaio dell’Enel che deve semplicemente controllare il contatore della casa e che si trova coinvolto in una serie di eventi esagerati.
Ma forse tutto è un sogno, un incubo, che però non ci abbandona neanche al nostro risveglio, e proprio allora ci accorgiamo e ci chiediamo cosa sia la normalità.


Dopo di Lei il Diluvio – Musical Comedy

In il

dopo di lei il diluvio

Nell’immaginario monastero montano di Saint Martsan des Alpes, la vita scorre monotona e tranquilla per il giovane Don Guglielmo e per la sua perpetua, Ortensia. Entrambi conducono da anni, un po’ a malincuore, una vita eremitica ed isolata, sperando ogni sera, tra una partita a carte ed un bicchiere di vino, che prima o poi accada qualcosa di diverso dalle solite lettere, cariche di peccati da confessare per corrispondenza, che quotidianamente arrivano dal paese vicino.
Quasi come se le loro “preghiere” fossero state ascoltate, in una fredda sera di dicembre don Guglielmo si trova a rispondere ad una telefonata a dir poco sconvolgente: all’altro capo della cornetta c’è niente meno che Dio in persona!
Egli annuncia l’intenzione di mandare sulla Terra, a distanza di due millenni dall’ultima volta, un nuovo, anzi una nuova Messia: si tratta di Raquel, ingenua adolescente che si ritrova all’improvviso catapultata in un mondo ben più terreno ed umano di quello a cui è stata abituata da sempre.
Ma quando la ragazza finalmente arriva a Saint Martsan non c’è una cosa che va per il verso giusto!

LO SPETTACOLO
Con leggerezza, spensieratezza ed ironia Dopo di Lei il Diluvio – Musical Comedy, grazie ad un testo brillante e a musiche inedite vivaci ed orecchiabili, mette in risalto le peculiarità dell’Uomo e al tempo stesso gioca con il suo rapporto con il divino, tra fede e scetticismo, tra razionalità ed istinto. Dio più che come un Padre Eterno, appare come un eterno amico, che scena dopo scena si fa complice dei personaggi; un Dio che, a tratti, ha connotati quasi umani.
Lo spettacolo sottolinea ed esalta tutta la bellezza dell’umanità in quanto tale: gli uomini potranno non essere logici, non essere razionali e sicuramente non essere perfetti, ma forse la bellezza della vita risiede proprio in questo.
A vestire i panni dello scanzonato don Guglielmo è Francesco Paolo Caragiulo, già autore e compositore nel campo del musical, attualmente direttore artistico del gruppo ExMachina e firmatario dello spettacolo. L’arzilla Ortensia è interpretata da Caterina Dellaere, mezzosoprano lirico, vincitrice di numerosi premi e concertista in tutta Italia. A calarsi nel personaggio di Raquel è invece Costanza Nisi, che approda alla commedia musicale dopo diverse esperienze nel teatro di prosa.
La Voce di Lassù è interpretata, ogni sera dal vivo, da Rino Giuliani, reduce dal successo, con la Compagnia Teatramico, de La Lunga Notte del Dottor Galvan attualmente in scena in tutta la regione Puglia.
Lo spettacolo è interamente cantato live ed è corredato da imponenti scenografie fisiche con sezioni semoventi, ed innovativi effetti speciali digitali.

Dopo di Lei il Diluvio – Musical Comedy è in scena il Venerdì 14 e Sabato 15 Febbraio 2020 (ingresso ore 20.30, Sipario ore 21.00) e Domenica 16 Febbraio (ingresso ore 16.30, Sipario ore 17.00) presso il Teatro Angioino a Mola di Bari (BA).
Si accede per invito. Per informazioni e prenotazioni è possibile contattare la pagina Facebook Dopo di Lei il Diluvio, o chiamare o mandare un messaggio Whatsapp ai numeri 3925389325 e 3408639036.


“Omaggio a Fellini” con l’Orchestra Sinfonica Metropolitana di Bari diretta da Federico Mondelci

In il

omaggio a fellini federico mondelci

GIOVEDÌ 13 FEBBRAIO 2020
BARI – TEATRO ABELIANO
ORE 21.00*

VENERDÌ 14 FEBBRAIO 2020
MOLA – CHIESA DEL SACRO CUORE
ORE 20.00 – INGRESSO LIBERO


PROGRAMMA:

NINO ROTA:
“Omaggio a Fellini”
Suite per Sassofono e orchestra
(arr. Roberto Granata)
Prova d’Orchestra
Amarcord
Rocco e i suoi fratelli
I Clowns
La strada
Il Gattopardo
Il Padrino
La Dolce Vita
Otto e Mezzo

ARTHUR HONEGGER:
Pastorale d’été
Poema sinfonico

SERGE RACHMANINOV:
Vocalise Op.34 no.14

DARIUS MILHAUD:
Scaramouche
Vif
Modéré
Brazileira: Tempo di Samba

Direttore e solista:
Federico Mondelci

*Teatro Abeliano
Prezzi Biglietto Singolo
Intero € 10,00
Ridotto € 5,00**

**Studenti under 18, universitari, di Conservatorio, over 65, dipendenti dell’ Ente, dipendenti pubblici iscritti a circoli ricreativi


“Natale in casa Cupiello” con la compagnia instabile Napolinscena

In il

natale in casa cupiello napolinscena

La Compagnia Teatro d’Oggi, presenta, per la XX Stagione di Prosa 2019/20 del Teatro Angioino in Mola di Bari (Ba), con la direzione artistica di Francesco Capotorto

Sabato 8 febbraio 2020 alle ore 21,00

la Compagnia instabile Napolinscena in “Natale in casa Cupiello” di Eduardo de Filippo con
Bettina Calcagno, Francesco D’Andria, Mimmo Macri, Ascanio Cimmino, Simona Lezzi, Antonio Fago, Margherita Buono, Antonio LaGioia, Achille Zizzi. Regia Ascanio Cimmino Scene Luciano Mazzarano

Quella dei Cupiello è una umile famiglia della Napoli degli anni trenta. Il capofamiglia è Luca “uomo di fiducia” di una tipografia, amante del presepe e della tradizione che esso rappresenta. La sua sposa, Concetta, è una donna pragmatica, dura a volte, ma soprattutto stanca e segnata dall’età e dalle difficoltà. Tommasino è invece il giovane nullafacente che si regge sulle spalle dei due anziani e stanchi genitori e dello zio Pasqualino (fratello di Luca) al quale sottrae, quando può, oggetti e/o denaro. Infine, Ninuccia, la figlia “colta”, che ha studiato e che, soprattutto, ha sposato Nicolino Percuoco, ricco commerciante di bottoni, personaggio adorato e venerato quasi dai due anziani coniugi poiché rappresenta il classico “partito buono” con il quale Ninuccia si è sistemata, ma con il quale è sempre in attrito. Infatti, la giovane donna è innamorata, in realtà, di Vittorio Elia, amico di Tommasino, e per questi vuole lasciare Nicolino.
Tutta la storia si svolge nei pochi giorni che immediatamente precedono e succedono il giorno della vigilia di Natale, quello della santa cena dove, per puro caso, Nicolino e Vittorio, si incontreranno dando vita ad uno scontro che metterà Lucariello di fronte a quella verità che la moglie Concetta gli aveva tenuto volutamente nascoste. “Lucariello” non reggerà e lentamente ma inesorabilmente si spegnerà tra le braccia dei suoi familiari e di tutti i protagonisti della storia accorsi al suo capezzale.
Note di regia
E’ un duro e misero Natale quello di casa Cupiello. E ancor più lo diverrà per le sconsiderate scelte amorose della giovane figlia Ninuccia, sposata al “ricco” commerciante Nicolino Percuoco che tradisce con il giovane Vittorio Elia. Questa delicata situazione renderà i già fragili equilibri di questo nucleo familiare, ancora più instabili e metterà in luce contrasti, frizioni che nella lenta e progressiva quotidianità si trasformeranno in duri momenti di rottura, sino al drammatico epilogo della morte del capofamiglia. Luca Cupiello è forse la figura più fragile e tenera tra quelle raccontate dalla penna di Eduardo. L’amore di quest’uomo per il presepe, ridicolizzato dalla pragmaticità della “stanca” moglie Concetta e dal cinismo del giovane Tommasino, sembra rappresentare un ultimo sottile filo che lega Luca ad un mondo fatto di tradizioni, di gesti, di rispetto della famiglia che l’anziano uomo non riesce più a ritrovare intorno a sè. E quando, infatti, capirà che la figlia Ninuccia ha mandato all’aria il matrimonio con Nicolino – genero più “ammirato” per la sua ricchezza, che realmente amato – Luca capitolerà e sarà la fine.
Naturalmente, quello che non può che definirsi un dramma umano e familiare, attraverso la penna magistrale del grande Eduardo riesce a trasformarsi in un tragicomico racconto condito da esilaranti momenti comici alternati a momenti di drammatica intensità.
Tutto ciò rende questa commedia una pietra miliare della produzione teatrale di Eduardo e un testo che, anche grazie alla tradizionale rappresentazione televisiva natalizia, è entrato nelle case di milioni di spettatori e confermato, qual’ora ve ne fosse stato il bisogno, l’universalità del linguaggio teatrale eduardiano.
La Compagnia Teatro d’Oggi continua a praticare il “ biglietto sospeso” presso il Teatro Angioino di Mola di Bari per gli spettacoli della XX Stagione di Prosa 2019/2020.
L’iniziativa, che prende a prestito la tradizione napoletana del “caffè sospeso”, in collaborazione con l’Assessorato ai Servizi Sociali del Comune di Mola di Bari e, grazie al sostegno di stampa e tv, ha visto crescere la solidarietà, tanto da consentire di pensare di portare avanti questo progetto per i prossimi spettacoli della XX Stagione di Prosa in programma nell’anno 2020.
Rinnoviamo, pertanto, a tutti il nostro invito a donare un’esperienza di divertimento e conoscenza ai giovani appartenenti alle fasce più deboli della nostra comunità e del nostro territorio, affinchè “ nessuno escluso”, si riesca a portare avanti, con l’arte e la cultura un rafforzamento della coesione e integrazione.
Per informazioni e prenotazioni, il botteghino del teatro Angioino in via Silvio Pellico n.7 in Mola di Bari è aperto tutti i venerdì, sabato e domenica dalle ore 18.30 alle ore 20,30 tel.0804713061.


“Sogno di una notte di mezza estate” di W. Shakespeare al Teatro Van Westerhout

In il

sogno di una notte di mezza estate compagnia diaghilev

SOGNO DI UNA NOTTE DI MEZZA ESTATE di W. Shakespeare – regia di Massimo Verdastro dal 5 al 16 febbraio 2020 al Teatro Van Westerhout

Traduzione, drammaturgia e regia
MASSIMO VERDASTRO
Scene e costumi
PIER PAOLO BISLERI
Musiche a cura di
MARCO ORTOLANI
Luci MARCELLO D’AGOSTINO
Aiuto regia e movimenti di scena
GIUSEPPE SANGIORGI

Con
Elisabetta Aloia, Antonella Carone, Altea Chionna, Carlo D’Ursi, Francesco Lamacchia, Mario Lasorella, Loris Leoci, Tony Marzolla, Serena Palmisano, Massimo Verdastro

prenotazioni
3331260425 / 3471788446
biglietti online e circuito rivendite VIVATICKET

mer 5 | gio 6 | ven 7 | sab 8 | dom 9
mer 12 | gio 13 | ven 14 | sab 15 | dom 16
gennaio 2020
feriali h. 21 domeniche ore 19

PREZZI E CONDIZIONI DI ACQUISTO DEI BIGLIETTI
posto unico numerato recite di mercoledì e giovedì
€ 8,00 / € 6,00 ridotto over 65 e under 30
posto unico numerato recite di venerdì
€ 10,00 / € 8,00 ridotto over 65 e under 30
posto unico numerato recite di sabato e domenica € 12,00

2019|2020
DIAGHILEV LE VIE DEL SUD
COMUNE DI MOLA DI BARI
ASSESSORATO ALLA CULTURA


PsicoShakespeare di e con Fabiano Marti

In il

psicoshakespeare

La Compagnia Teatro d’Oggi, presenta, per la XX Stagione di Prosa 2019/20 del Teatro Angioino in Mola di Bari (Ba), con la direzione artistica di Francesco Capotorto

Sabato 11 gennaio 2020 alle h.21 la Compagnia I Buffoni del Destino (Bari) in
“PSICOSHAKESPEARE” testo e regia Fabiano Marti. Con F. Marti, M. Caffarella, M. De Giuseppe, D. Iaccheti Amati, E. Licino, M. Milella, C. Rinaldi.
Questa è la storia di Amleto, anzi no, di Romeo, di Amleto, di Romeo, di Amleto, di Romeo…
È questa la confusione che alberga nella testa del protagonista di questo “dramma comico” tanto da portarlo sulla sedia di uno psicoterapeuta – e che accompagna lo spettatore per tutta la durata dello spettacolo. Un intreccio continuo tra le due storie shakespeariane, in un crescendo di situazioni surreali e, talvolta, grottesche, in cui la logica della successione degli eventi incontra quasi sempre la follia, e le due tragedie diventano divertimento puro.
Accade perciò che due tra le più famose tragedie di tutti i tempi vengano destrutturate e come riscritte alla luce di uno squisito gioco teatrale, che presuppone un infinito rispetto per le intramontabili storie che i nostri Padri ci hanno generosamente tramandati.

Per informazioni e prenotazioni, il botteghino del teatro Angioino in via Silvio Pellico n.7 in Mola di Bari è aperto tutti i venerdì, sabato e domenica dalle ore 18.30 alle ore 20.30 tel. 0804713061