“Un Borghese piccolo piccolo” con Massimo Dapporto al Teatro Mercadante

In il

Massimo Dapporto Un borghese piccolo piccolo

UN BORGHESE PICCOLO PICCOLO
di Vincenzo Cerami
adattamento e regia Fabrizio Coniglio; con Massimo Dapporto, Susanna Marcomeni, Roberto D’Alessandro, Fabrizio Coniglio, Federico Rubino; musiche originali Nicola Piovani

Giovanni Vivaldi (Massimo Dapporto) è un impiegato di un ufficio pubblico della capitale, alla soglia della pensione. La sua vita si divide tra lavoro e famiglia. Con la moglie condivide grandi aspettative per il figlio Mario, un ragazzo poco brillante, neo-diplomato ragioniere, che asseconda volentieri il desiderio del papà di vederlo impiegato nel suo stesso ufficio. Per assicurare al figlio una raccomandazione al concorso pubblico indetto dal Ministero, Giovanni si iscrive a diversi partiti politici e, nonostante sia un convinto cattolico, prende parte alla loggia massonica. Ciò gli consente di acquisire amicizie e favoritismi, mai avuti prima. Ma proprio quando il suo piano sta per andare in porto, un evento sconvolge completamente la sua vita.

Il drammaturgo e regista Fabrizio Coniglio e l’attore Massimo Dapporto portano in scena il romanzo del ’76 di Vincenzo Cerami, diventato poi il celebre film di Mario Monicelli, con Alberto Sordi straordinario protagonista. Considerato tra i più graffianti film di Monicelli, la pellicola fu in concorso al 30° Festival di Cannes, e si aggiudicò 3 David di Donatello e 4 Nastri d’argento.
Le musiche dello spettacolo sono di Nicola Piovani.

Biglietti sul circuito vivaticket.it o al numero 0803101222


“Un Borghese piccolo piccolo” con Massimo Dapporto al Teatro Palazzo

In il

Massimo Dapporto Un borghese piccolo piccolo

UN BORGHESE PICCOLO PICCOLO
di Vincenzo Cerami
adattamento e regia Fabrizio Coniglio; con Massimo Dapporto, Susanna Marcomeni, Roberto D’Alessandro, Fabrizio Coniglio, Federico Rubino; musiche originali Nicola Piovani

Giovanni Vivaldi (Massimo Dapporto) è un impiegato di un ufficio pubblico della capitale, alla soglia della pensione. La sua vita si divide tra lavoro e famiglia. Con la moglie condivide grandi aspettative per il figlio Mario, un ragazzo poco brillante, neo-diplomato ragioniere, che asseconda volentieri il desiderio del papà di vederlo impiegato nel suo stesso ufficio. Per assicurare al figlio una raccomandazione al concorso pubblico indetto dal Ministero, Giovanni si iscrive a diversi partiti politici e, nonostante sia un convinto cattolico, prende parte alla loggia massonica. Ciò gli consente di acquisire amicizie e favoritismi, mai avuti prima. Ma proprio quando il suo piano sta per andare in porto, un evento sconvolge completamente la sua vita.

Il drammaturgo e regista Fabrizio Coniglio e l’attore Massimo Dapporto portano in scena il romanzo del ’76 di Vincenzo Cerami, diventato poi il celebre film di Mario Monicelli, con Alberto Sordi straordinario protagonista. Considerato tra i più graffianti film di Monicelli, la pellicola fu in concorso al 30° Festival di Cannes, e si aggiudicò 3 David di Donatello e 4 Nastri d’argento.
Le musiche dello spettacolo sono di Nicola Piovani.

Per info su Abbonamenti 0809753364 – 3661916284

I biglietti per i singoli spettacoli saranno in vendita a partire dal 15 ottobre 2018.


MASSIMO DAPPORTO e TULLIO SOLENGHI in “Quei Due” al Teatro Team

In il

MASSIMO DAPPORTO e TULLIO SOLENGHI in “Quei Due”
Sabato 23 Gennaio 2016 ore 21,00
Domenica 24 Gennaio 2016 ore 18,30

>>>Acquista Biglietti

MASSIMO DAPPORTO e TULLIO SOLENGHI
in
“QUEI DUE (Il sottoscala)”
di Charles Dyer

Regia Roberto Valerio
Massimo Dapporto e Tullio Solenghi, per la prima volta in scena insieme in una inedita coppia gay.

Saranno rispettivamente Charlie e Harry, barbieri della periferia londinese che vivono assieme da una trentina d’anni, con tutte le dinamiche di due coniugi provati da una vita fatta ormai di continui litigi, di futili battibecchi, di sofferenze inferte volontariamente: entrambi sapendo pero’ di non poter più fare a meno l’uno dell’altro… Una commedia che invita ad importanti riflessioni su temi ahime’ sempre attuali, e soprattutto una gara di bravura tra due consolidati interpreti della scena italiana che per la prima volta giocano con due personaggi davvero insoliti.