RAF in concerto gratuito a Gioia del Colle | Self Control 40th

In il

raf self control 40 th tour

Sulla scia del successo de “La Mia Casa Tour”, che lo ha visto protagonista di live da tutto esaurito, Raffaele Riefoli torna dal vivo: parte a maggio il SELF CONTROL 40th, una ricca stagione di concerti in tutta Italia per festeggiare il 40° anniversario di una delle hit più famose di sempre, che segna l’esordio di una carriera straordinaria e la storia della disco e pop music.

Le date del tour:

sabato 04 maggio 2024 – 21:00 
POSCHIAVO (SVIZZERA) · CONCERTI IN PIAZZA

sabato 11 maggio 2024 – 21:00 
OLBIA (SS) · PARCO FAUSTO NOCE
 (Gratuito)

domenica 12 maggio 2024 – 21:00 
VIDDALBA (SS) · PIAZZA ALDO MORO
 (Gratuito)

sabato 25 maggio 2024 – 21:00 
GIOIA DEL COLLE (BA) · PIAZZA PLEBISCITO
 (Gratuito)

venerdì 28 giugno 2024 – 21:00 
RIETI · PIAZZA MAZZINI
 (Gratuito)

martedì 23 luglio 2024 – 21:00 
SPERONE (AV) · PIAZZA MERCATO (Gratuito)

giovedì 25 luglio 2024 – 21:00 
MIRANO (VE) · MIRANO SUMMER FESTIVAL
 (con Ticket)

sabato 03 agosto 2024 – 21:00 
MAROTTA (PU) · MOLO ARENA
 (con Ticket)

domenica 08 settembre 2024 – 21:00 
BONDENO (FE) · PIAZZA GARIBALDI (Gratuito)

*****************************

Biografia
Raf, nome d’arte di Raffaele Riefoli, è uno dei più famosi cantautori italiani. Esordisce nel 1983 con l’album Self Control, suo primo successo discografico, cantato in lingua inglese. Nel 1987, debutta come interprete in lingua italiana con Gente di mare in coppia con Umberto Tozzi, arrivando terzo all’Eurovision Song Contest 1987.

Da lì in poi una serie di grandi successi, con brani che hanno segnato un’epoca come Cosa resterà degli anni ’80, Ti pretendo, Il battito animale, Due, Sei la più bella del mondo, Infinito, Nei silenzi, In tutti i miei giorni e Dimentica.

Durante la sua carriera Raf ha pubblicato in tutto 13 album di inediti: Self Control (1984), Svegliarsi un anno fa (1988), Cosa resterà… (1989), Sogni …è tutto quello che c’è (1991), Cannibali (1993), Manifesto (1995), La prova (1998), Iperbole (2001), Ouch! (2004), Passeggeri distratti (2006), Metamorfosi (2008), Numeri (2011) e Sono io (2015). Inoltre, ha partecipato a quattro edizioni del Festival di Sanremo e ha vinto due volte il Festivalbar, nel 1989 con Ti pretendo e nel 1993 con Il battito animale.

Nel 2018 è uscito il singolo Come una danza, in duetto con Umberto Tozzi, che ha anticipato il doppio cd Raf Tozzi, in cui sono contenuti i più grandi successi dei due artisti, oltre al brano inedito Come una danza.

A giugno 2022 Raf ha pubblicato il nuovo singolo, Cherie, a distanza di sette anni dall’ultimo. Segue l’estate seguente il brano 80 Voglia di te.


NOBRAINO in Concerto al Demodè Club

In il

NOBRAINO – ANIMALI DA PALCOSCENICO CLUB TOUR
Venerdì 24 maggio 2024
Demodè Club – Modugno (Bari)
>>>Acquista Biglietti

La storia discografica dei Nobraino conta quattro dischi. Il 2006 è l’anno del primo album ufficiale “The best of Nobraino”, nel 2007 un live di pezzi inediti “Live al Vidia Club”, il 2008 è l’anno della svolta, vincono il Premio rivelazione dell’anno al MArteLive, che li porterà a firmare il contratto di management. e produzione discografica con l’allora neonata etichetta MArteLabel. Da qui nel 2010 l’uscita dell’album “No USA! No UK! Nobraino”, con la direzione artistica di Giorgio Canali. Nel marzo 2012 esce il “ Disco d’Oro” prodotto nuovamente da MArteLabel e registrato con Manuele “MaxStirner” Fusaroli.

Negli anni i Nobraino hanno accumulato premi importanti come il DemoRai, il Sele D’oro, e tanti successi culminati con le apparizioni televisive nel salotto televisivo di Serena Dandini Parla con me su Rai Tre. Nel 2010 il brano L’onesta monarchia di Luigi Filippo viene incluso nella compilation della “Leva cantautorale degli anni Zero”. Nel settembre 2011 si sono aggiudicati al Supersound di Faenza il premio speciale MEI “Miglior Tour dell’anno”, insieme al Premio XL La Repubblica “Nuova Musica Italiana”.

Nel novembre 2011 i Nobraino si sono esibiti al Teatro Ariston di Sanremo ospiti del Premio Tenco 2011. I Nobraino hanno suonato sul palco del Concerto del Primo Maggio 2012.

Dopo due mesi di stop in studio nella primavera del 2013 dedicati esclusivamente alla registrazione dei brani del loro prossimo disco che sarà pubblicato nei primi mesi del 2014 e conterrà diversi pezzi già presenti nei live, come Bigamionista, Lo scrittore ed Esca viva, già diventati dei classici per tutti i loro fan.


PINGUINI TATTICI NUCLEARI in concerto al Palaflorio di Bari

In il

PINGUINI TATTICI NUCLEARI Palaflorio Bari

PINGUINI TATTICI NUCLEARI Live
NON PERDIAMOCI MICA DI VISTA \ FAKE NEWS INDOOR TOUR – Palasport 2024
Venerdì 24 e sabato 25 Maggio
Palaflorio (Bari)

Dopo un fulmineo doppio sold out a Milano e 65.000 biglietti venduti in 6 ore, i PINGUINI TATTICI NUCLEARI annunciano due nuove date: 11 e 12 aprile 2024, Mediolanum Forum. Un tour quello del 2024 che vede anche Bari protagonista con ben due date il 24 e il 25 maggio al Palaflorio.

Il “NON PERDIAMOCI MICA DI VISTA \ FAKE NEWS INDOOR TOUR – PALASPORT 2024”, organizzato e prodotto da Magellano Concerti, vedrà la band sui palchi dei più importanti palasport italiani nella primavera del 2024.

Continua così, in una versione più intima e confidenziale, il tour che quest’estate ha portato i PINGUINI TATTICI NUCLEARI a incontrare fan di ogni età, da Nord a Sud fino alle isole. Dopo la calorosa accoglienza che il pubblico ha riservato alla band, Riccardo, Elio, Nicola, Simone, Matteo e Lorenzo decidono di tornare ad abbracciare il proprio pubblico nei palasport per continuare a raccontare la storia di una giovane band che negli anni ha saputo alternare grandi hit a brani cantautorali, capaci di far sorridere e di far pensare.

Le date del NON PERDIAMOCI MICA DI VISTA \ FAKE NEWS INDOOR TOUR – Palasport 2024:
03 e 04 aprile 2024 – Jesolo (VE) – Palazzo del Turismo
08 e 09 aprile 2024 – Milano – Mediolanum Forum – SOLD OUT
11 e 12 aprile 2024 – Milano – Mediolanum Forum – NUOVE DATE
16 e 17 aprile 2024 – Torino – PalaOlimpico di Torino
23 e 24 aprile 2024 – Pesaro – Vitrifrigo Arena
26 e 27 aprile 2024 – Bologna – Unipol Arena
29 e 30 aprile 2024 – Livorno – Modigliani Forum
02 e 03 maggio 2024 – Firenze – Mandela Forum
07 e 08 maggio 2024 – Roma – Palazzo dello Sport
20 e 21 maggio 2024 – Napoli – PalaPartenope
24 e 25 maggio 2024 – Bari – PalaFlorio >>>Acquista biglietti
28 e 29 maggio 2024 – Messina – PalaRescifina

Oltre un miliardo di stream, due anni in cima alle classifiche airplay e FIMI/Gfk Italia, il successo dell’album Fake News (tre volte Disco di Platino) e di RUBAMI LA NOTTE, nuovo singolo uscito a maggio, ai vertici di tutte le classifiche e già certificato doppio Disco di Platino, e un coinvolgente show che ha riscosso un grande successo di pubblico e critica: quello dei Pinguini Tattici Nucleari si è rivelato essere un gioco di squadra più che convincente, che ha portato la band, che da più di due anni colleziona numeri da record, ai vertici di tutte classifiche, regalandole un posto di assoluto rilievo nel panorama musicale nazionale e che ha mosso i primi passi in quello internazionale.


Marco Morandi in concerto a Bari | “20 canzoni da portare su un’isola deserta”

In il

marco-morandi-20-canzoni-da-portare-su-un-isola-deserta

AncheCinema in collaborazione con A.M.A.S.I. Bari O.d.v.
presenta il concerto

LE “20 CANZONI DA PORTARE SU UN’ISOLA DESERTA”
con MARCO MORANDI

“20 canzoni da portare su un’isola deserta” è un viaggio tra i pezzi intramontabili che Marco Morandi più ama, tra cui anche alcuni di Rino Gaetano, e di cantautori che fanno parte del suo mondo, come Lucio Dalla, Franco Battiato, Ivano Fossati, tra gli altri.
Tra i brani in scaletta anche Centonove, un omaggio a Rino Gaetano pubblicato da Marco Morandi il 28 ottobre 2022 al fine di celebrare l’artista che più di tutti ha influenzato la sua crescita artistica.

“20 canzoni da portare su un’isola deserta” rappresenta “un viaggio nelle canzoni della mia vita” – racconta l’artista.
Ogni canzone è una tappa della mia crescita umana e artistica. Canto i brani di cui non posso fare a meno, quelli che se fossi su un’isola deserta mi ricorderebbero il sapore di casa”.

domenica 12 maggio 2024 | ore 17.30

Teatro AncheCinema
Corso Italia 112 BARI

Acquista biglietti qui
biglietti disponibili anche al botteghino del Teatro AncheCinema.
Info sms/whatsapp 329 64 99 552

N.B. per chi acquista online: NON OCCORRE CONVERTIRE al botteghino la ricevuta di acquisto di VivaTicket che riporta la FILA e il POSTO assegnato. È sufficiente mostrare la ricevuta digitale o cartacea all’addetto all’ingresso della sala di spettacolo.

PARCHEGGI a pagamento aperti H24 MetroPark Corso Italia 138 (a 200 metri dall’ingresso del teatro) + GestiPark Battisti


Margherita Vicario in concerto a Molfetta – Gloria! Tour 2024

In il

margherita-vicario-gloria-tour-eremo-club-molfetta

Margherita Vicario torna finalmente dal vivo con GLORIA! TOUR 2024!

Calendario:
7 MAGGIO – AUDITORIUM GERVASIO – MATERA – con Orchestra
8 MAGGIO – CHIESA SAN PIO – MOLFETTA (BA) – con Orchestra
9 MAGGIO – TEATRO ORFEO – TARANTO – con Orchestra
7 GIUGNO – SHERWOOD FESTIVAL – PADOVA – Live Band
18 GIUGNO – RAVENNA FESTIVAL – RAVENNA – con Orchestra
28 GIUGNO – VILLA ADA FESTIVAL – ROMA – Live Band
29 GIUGNO – BORGATE DAL VIVO – SUSA (TO) – con Orchestra
28 LUGLIO – MITTELFEST – CIVIDALE DEL FRIULI (UD) – con Orchestra
10 AGOSTO – AGOSTO CON RADIO ONDA D’URTO – BRESCIA – Live Band

A pochi giorni dal debutto alla Berlinale con il suo film d’esordio alla regia “Gloria!”, la poliedrica artista romana annuncia il ritorno sul palco: sarà uno show incredibile!

Biglietti disponibili su vivoconcerti.com dalle ore 14:00 di domani venerdì 1° febbraio e nei punti vendita autorizzati dalle ore 10:00 di mercoledì 6 marzo.


Bari, The Michael Jackson Show – Human Tour Live arriva al Teatro Team

In il

The-Michael-Jackson-Show-Human-Tour-Live-Teatro-Team-Bari

La magia di Michael Jackson al Teatro Team!
HUMAN NATURE LIVE The Michael Jackson Show, il più grande spettacolo dedicato al re del pop al Teatro Team di Bari

Mercoledì 8 maggio 2024

Biglietti in vendita dalle ore 10:00 di mercoledì 7 febbraio online sul circuito TicketOne.it e nei punti vendita autorizzati del Teatro.

“Human Nature Live Show” offre un’esperienza musicale e visiva impeccabile che mostra l’arte e l’universo musicale di Michael Jackson, grazie alla coreografia perfezionata, costumi mozzafiato, un’accurata ricerca di musicisti, ballerini, coriste di talento e un frontman senza eguali che potesse ricreare l’illusione di averlo sul palco, Miguel Concha.

Uno spettacolo di altissima qualità, un progetto musicale coinvolgente, nato oltre 10 anni fa da un emozionante incontro: a Los Angeles, proprio Jonathan “Sugarfoot” Moffett, storico batterista dell’immenso Michael Jackson, consigliò ad Alessandro Sabbatini di creare uno show che trasformasse la sua passione per Michael Jackson in qualcosa di concreto. Così è nato questo progetto che ripropone le performance iconiche di Michael Jackson, rivisitate proprio come il Re del Pop le stava preparando per il suo ultimo grande show “This Is It”.

In “Human Nature” il pubblico ritroverà quello che Michael aveva pensato di mostrare per l’ultima volta. È tutto tranne che un semplice tributo, è un vero e proprio spettacolo dal vivo, dove ogni singolo dettaglio rimane fedele all’originale.

“Human Nature Live Show” è un evento per tutta la famiglia, un vero e proprio spettacolo travolgente, nato da un’amicizia sincera e dalla passione comune per un artista che ha fatto la storia della musica e che non ha mai smesso di far emozionare generazioni intere, esploso grazie all’acclamazione dei fan di tutto il mondo.Non perderti questa incredibile performance a Bari l’8 maggio 2024!

Le date:
10 dicembre 2023 – UDINE – Teatro Nuovo Giovanni da Udine
3 gennaio 2024 – TRIESTE – Politeama Rossetti
4 febbraio 2024 – FIRENZE – Tuscany Hall
5 febbraio 2024 – PADOVA – Gran Teatro Geox
6 febbraio 2024 – MILANO – Teatro Arcimboldi
7 febbraio 2024 – BRESCIA – Gran Teatro Morano
8 febbraio 2024 – TORINO – Teatro Colosseo
9 febbraio 2024 – TORINO – Teatro Colosseo
10 febbraio 2024 – GENOVA – Politeama Genovese
6 maggio 2024 – ROMA – Auditorium Conciliazione
7 maggio 2024 – NAPOLI – Palapartenope
8 maggio 2024 – BARI – Teatro Team
9 maggio 2024 – PESCARA – Teatro Massimo
10 maggio 2024 – ANCONA – Teatro delle Muse


Jo Squillo in concerto a Cellamare per la Festa di Sant’Amatore

In il

jo squillo in concerto

Jo Squillo, pseudonimo di Giovanna Maria Coletti, è una cantautrice, conduttrice televisiva e attivista italiana.
Affermatasi in un primo momento come esponente della musica punk rock insieme alle Kandeggina Gang, si è progressivamente spostata verso la dance pop ottenendo un forte successo con il brano Siamo donne, presentato al Festival di Sanremo 1991 insieme a Sabrina Salerno. Negli anni ’90 ha avviato una carriera anche nel mondo della televisione, conducendo o partecipando a vario titolo a numerose trasmissioni nel corso degli anni. Negli anni 2000 ha fondato un canale satellitare chiamato Class TV Moda. Fin dagli inizi della sua carriera è stata inoltre attivista per svariate tematiche, tra cui femminismo ed ecologismo.

Domenica 5 maggio alle ore 21:00 si esibirà sul palco di Piazza Aldo Moro a Cellamare (Bari) in occasione della Sagra di Sant’Amatore.

BIOGRAFIA:
Fine anni settanta: gli esordi punk
Esordisce non ancora maggiorenne come esponente del movimento punk italiano. La sua prima incisione risale al 1980 con l’etichetta Cramps, per la quale pubblica il 45 giri Sono cattiva/Orrore in qualità di membro del gruppo interamente al femminile Kandeggina Gang, nome scelto per simboleggiare la pulizia radicale che il gruppo si proponeva di fare con la tradizione musicale. Il gruppo, che si era precedentemente formato all’interno del centro sociale Santa Marta di Milano, è caratterizzato da forti accenti anti-maschilisti, che non mancavano di ribadire durante le loro esibizioni dal vivo, come quella del marzo 1980, durante la quale lanciarono dei Tampax macchiati di rosso su uno scioccato pubblico di Piazza Duomo, a Milano.
Nel giugno 1980 Jo Squillo è capolista del Partito Rock, che arriva a presentarsi alle elezioni comunali. Un anno dopo, nel 1981, passa alla casa discografica indipendente 20th Secret, appena fondata, per la quale pubblica l’LP solista Girl senza paura, contenente 16 brani punk rock. Con questo disco conferma il suo talento ribelle e rivela un forte spirito anarchico, in linea con le avanguardie del periodo. L’artista ottiene un buon riscontro a livello commerciale sia in Italia che all’estero, soprattutto in Germania. In questo album confluiscono alcune incisioni precedenti, come il suo primo successo Skizzo skizzo, nel cui videoclip finge di rapire il cantante popolare Christian, a simboleggiare il rinnovamento radicale e violento che la sua musica propone. Fra i brani inclusi nell’album figurano Violentami e Orrore canzoni che in quel periodo suscitarono scalpore.

Anni ottanta: New wave e Italo disco
Nel corso degli anni ottanta Jo Squillo sperimenta diverse correnti musicali, abbracciando il movimento new wave tipico di quegli anni. Nel 1982 incide il 45 giri Africa, dedicato a Nelson Mandela, e collabora con il gruppo dei Kaos Rock, guidato dal suo compagno storico, Gianni Muciaccia, con i quali contribuirà all’album Shake. Nel 1983 pubblica il singolo Avventurieri con cui partecipa al Festivalbar, il cui video musicale viene girato sul vulcano Etna in eruzione. L’anno successivo incide un secondo album Bizarre, il quale è orientato verso sonorità italo disco. Il disco include la hit I Love Muchacha (scritta in quattro lingue diverse, italiano, francese, spagnolo e tedesco) e anche con questo brano partecipa con successo al Festivalbar. Dall’album viene realizzato un video sperimentale sul brano omonimo Bizarre su polaroid manipolate di Antonio Contiero e la regia di Alessandro Furlan, tratto dal fumetto Soft Streams pubblicato sulla rivista Frigidaire da un testo di Carmen Covito.
Oltre al già citato singolo I Love Muchacha, pubblicato anche in Spagna e in Germania, un buon successo è rappresentato nel 1985 dal brano Roulette, con cui partecipa al Festivalbar. Un periodo più impegnato la vedrà presentare prima un brano in latino e inglese, O fortuna, rilettura dei Carmina Burana e un nuovo disco dance che porta al Festivalbar 1987, mentre nel 1988 pubblica l’album Terra magica un album alle tematiche ecologiste; l’album viene dedicato al suo maestro Demetrio Stratos. Nel 1989 partecipa a Sanremo Rock e si esibisce nella serata in cui sono presenti ospiti internazionali. Nel 1990 partecipa per la quinta volta al Festivalbar con il brano dance Whole Lotta Love, pubblicato sia come singolo che come disco mix. Il brano viene incluso nel suo quarto album Tracce 80/90, che contiene i singoli incisi nel corso del decennio degli anni ’80, più qualche inedito.

Anni novanta: svolta pop e carriera televisiva
Nel 1991 ottiene un grande successo partecipando al Festival di Sanremo, in coppia con Sabrina Salerno, con la canzone Siamo donne, scritta di suo pugno. Nello stesso anno debutta come conduttrice televisiva presentando su Antenna 3 il programma musicale Scorribande. L’anno successivo viene nuovamente selezionata per partecipare a Sanremo per poi venire esclusa dalla manifestazione quando si scopre che la sua Me gusta il movimento non è un brano inedito; viene sostituita dal celebre cantautore e conduttore televisivo toscano Enzo Ghinazzi in arte Pupo con la canzone rivolta a Gesù a causa dei tanti momenti di crisi che stava attraversando nella sua carriera artistica e anche nella sua vita umana, La mia preghiera. Sempre nel 1992 esce l’album Movimenti, prevalentemente orientato verso sonorità pop e dance, con un discreto risultato di vendite. Nell’estate dello stesso anno si esibisce con il singolo promozionale Aria in varie trasmissioni televisive. Sempre nel 1992 recita nel film di Pier Francesco Pingitore Gole ruggenti, dove canta la canzone Timido, inclusa nell’album Movimenti, e il 29 maggio conduce con Paolo Bonolis Caccia al ladro su Canale 5.
Nel 1993 si dedica prevalentemente alla televisione conducendo i seguenti programmi: Il grande gioco dell’oca per Rai 2, il Festival di Castrocaro e Sanremo famosi per Rai 1. Partecipa inoltre al Festival di Sanremo con la canzone Balla italiano, contenuta nell’omonimo album pubblicato dopo la manifestazione canora. Nell’album è inclusa anche il brano Voglio un microfono, presentato durante l’estate al Cantagiro di quell’anno e sigla del programma radiofonico (dall’omonimo titolo) che ha condotto su Radio Dimensione Suono. Sempre in quest’anno lavora per lo storico giornale per ragazzi Intrepido, in cui viene scelta per rispondere alla posta dei lettori ed è protagonista di una striscia di fumetti intitolati Le avventure di Jo Squillo. Nel 1994 pubblica un altro album, 2p LA – xy=(NOI), più semplicemente noto come Noi, in seguito alla partecipazione alla seconda edizione del Festival italiano di Canale 5, con la canzone Potresti essere tu. Il disco è stato promosso in varie trasmissioni con i brani Andiamo su, e Mille storie estratti come singoli promozionali. Nello stesso anno presenta nuovamente il Festival di Castrocaro su Rai 1.
Negli anni seguenti pubblica soltanto CD singoli e qualche raccolta, con una distribuzione molto limitata, concentrandosi prevalentemente sulla carriera televisiva. Nel 1995 conduce Bit Trip per la TV svizzera. Nel 1996 conduce per Rai 1 il programma di moda Kermesse, e pubblica il cd singolo Non vedo l’ora, duetto con il rapper Luca T. Nel 1997 presenta Una città per cantare per Rete 4. Nello stesso anno sperimenta il nuovo genere musicale Jungle pubblicando il cd singolo Jo In The Jungle, contenente una cover della canzone (You Make Me Feel Like) A Natural Woman di Aretha Franklin. Dal 1999 presenta per Rete 4 il programma settimanale TV Moda, dedicato al mondo delle moda, che segnerà negli anni a venire una svolta definitiva nella carriera di Jo Squillo.

Anni duemila: l’affermazione di TV Moda
Dopo tre anni di assenza di pubblicazioni discografiche, nel 2000 pubblica il cd singolo Donne al sole. Nello stesso anno è la presentatrice della prima edizione del Festival Show, manifestazione canora organizzata da Radio Birikina. All’inizio del 2002 fonda e diventa direttrice di un canale satellitare intitolato appunto TV Moda cui vengono trasmess esclusivamente sfilate, interviste, eventi e reportage dalle capitali della moda a cui la cantante prende parte; nel 2007 il canale entra a far parte del gruppo Class Editori, cambiando il nome in Class TV Moda.
Nell’estate del 2003 incide una cover dance del brano Can’t Take My Eyes Off You, che viene pubblicata come cd singolo. Negli anni successivi incide diverse canzoni accompagnate da video musicali utilizzate come sigle di TV Moda, che però non verranno pubblicate come singoli; fra di esse si segnalano i brani Il sogno, Potere all’anima, Fammi entrare, 24055 occupato 6 e Un altro amore è possibile. Nel 2005 prende parte come concorrente alla seconda edizione del reality show La fattoria, condotta da Barbara D’Urso su Canale 5, dove prende iniziative contrarie al regolamento della trasmissione tra cui l’organizzazione di digiuni collettivi e meditazioni di gruppo, nonché occupando una delle zone a lei proibite (la casa del fattore, a cui non aveva diritto d’accesso), venendo squalificata.
Nel 2009 realizza una nuova versione dance di Siamo donne, con la quale ha partecipato alla prima edizione dello show di Rai 1 Ciak… si canta! e al concerto benefico organizzato da Laura Pausini allo Stadio San Siro di Milano Amiche per l’Abruzzo, il 21 giugno 2009. Dopo dieci anni di messa in onda su Rete 4, a partire dalla stagione televisiva 2009-2010 TV Moda viene spostato su Italia 1, nella fascia mattutina.

Anni duemiladieci: attivismo per i diritti delle donne e progetti musicali e televisivi
Nel 2010 Jo Squillo incide la canzone La vita è femmina, utilizzata come sigla di TV Moda e di Doppio femminile, programma radiofonico condotto da lei su Rai Radio 1 assieme a Maria Teresa Lamberti dal 2010 al 2014; la canzone, assieme a un secondo brano intitolato 6 la più bella storia della mia vita anche questa utilizzata come sigla di TV Moda, viene inserita all’interno della compilation Tv Moda Compilation Vol. 1, pubblicata il 28 febbraio 2011. Il 28 giugno dello stesso anno pubblica un singolo dance intitolato Never Get Down, prodotto da Ben DJ e accompagnato da un video musicale. Da settembre 2011 TV Moda va in onda sulle reti Mediaset in una formula rinnovata dal titolo ModaMania. Nel febbraio 2012 pubblica il suo settimo album, intitolato Siamo donne e composto interamente da canzoni sull’universo femminile: l’album è composto da sei cover di altri artisti e quattro sue canzoni pubblicate negli anni duemila. Da dicembre dello stesso anno presenta inoltre il magazine Mode, in onda in terza serata su Rai 2 per quattro stagioni fino al 2015.
Da giugno 2013 allarga il suo impegno da attivista per i diritti delle donne ideando e organizzando il progetto “Wall of Dolls”, un’installazione permanente in Via Edmondo De Amicis a Milano per denunciare il femminicidio e la violenza sulle donne; negli anni successivi altri “Muri delle bambole” vengono allestiti a Roma, Venezia e altre città italiane, e ogni anno in occasione della Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne Jo Squillo è organizzatrice di eventi e manifestazioni al riguardo. Dal 2016 inoltre è ideatrice e regista di documentari sul tema che vengono annualmente durante i più importanti festival cinematografici italiani: Wall of Dolls alla Festa del Cinema di Roma 2016, Futuro è donna al Festival del Cinema di Venezia 2017, Donne & Libertà al Festival del Cinema di Venezia 2018 e Donne in prigione si raccontano al Festival del Cinema di Venezia 2019.
In campo musicale, nel 2013 e nel 2014 incide due brani dance in lingua inglese, rispettivamente Free Your Love e I Don’t Need You (Save the Woman), i cui videoclip vengono utilizzati come sigle di chiusura di ModaMania per quegli anni. Nell’autunno del 2014 è nel cast di Domenica in fra i cantanti del talent show interno al programma intitolato Ancora volare, in coppia con la cantante emergente Carolina Russi. Nel febbraio 2015 viene ristampato in vinile limitato dall’etichetta discografica Spittle Records il primo album dell’artista, Girl senza paura. L’8 marzo dello stesso anno, in occasione della giornata internazionale della donna, pubblica il video musicale di una nuova canzone contro la violenza sulle donne dal titolo La gabbia dell’amore, nuova sigla di chiusura di ModaMania.
Il 21 giugno 2016 pubblica un singolo di genere deep house dal titolo Spinball, accompagnato da un video musicale pubblicato lo stesso giorno. Il 21 luglio del 2017 pubblica un singolo di genere EDM intitolato Break It Off, accompagnato dal rispettivo videoclip. Nell’estate del 2018 annuncia sui propri social network l’uscita di una nuova canzone dance intitolata Happy Weekend: il brano tuttavia non viene pubblicato come singolo, ma viene utilizzato come sigla di chiusura di ModaMania. Da settembre entra a far parte del cast della settima edizione di Detto fatto, condotto da Bianca Guaccero su Rai 2, come esperta di moda; a gennaio 2019 lascia la trasmissione per tornare a Mediaset e prendere parte come concorrente alla quattordicesima edizione del reality show L’isola dei famosi, in onda su Canale 5, dove è costretta a ritirarsi dopo un mese di permanenza a causa di un infortunio. Nella stagione televisiva 2019-2020 riprende la collaborazione con Detto fatto come tutor ed esperta di moda. Dal 2019 è testimonial ufficiale dei City Angels.

Anni duemilaventi
Dal 24 marzo al 17 maggio 2020, a causa dell’isolamento in tutta Italia imposto dalla pandemia di COVID-19, dà vita ad una serie di DJ set a cadenza quotidiana intitolati Jo in the House, in diretta su Instagram da casa sua, che ottengono alti numeri di visualizzazioni catalizzando l’attenzione mediatica del periodo. Il 22 marzo 2021, in occasione del trentennale del brano Siamo donne, realizza assieme a Sabrina Salerno un nuovo videoclip del brano in collaborazione con Netflix, per promuovere la serie televisiva Sky Rojo, di cui vengono mostrati diverse scene all’interno del videoclip; la nuova versione del brano utilizzata per il video, cantata però solamente da Jo Squillo, viene pubblicata come singolo il 2 aprile 2021. Il 3 settembre 2021 presenta fuori concorso alla 78ª Mostra internazionale d’arte cinematografica di Venezia il documentario da lei ideato e prodotto Matrimoni forzati. Dal 17 settembre al 5 novembre 2021 partecipa come concorrente della sesta edizione del Grande Fratello VIP, dove viene eliminata nel corso della sedicesima puntata. Il 4 novembre 2022 canta Siamo donne a Tale e quale show insieme a Alessandra Mussolini nelle vesti di Sabrina Salerno; l’anno seguente è una delle concorrenti dello stesso programma.


SAMUELE BERSANI Orchestra in concerto al Teatro Petruzzelli di Bari

In il

SAMUELE BERSANI Orchestra Bari Teatro Petruzzelli

Dopo i concerti di Roma e Milano dello scorso giugno, dove aveva presentato al pubblico la sua musica in una versione sinfonica, Samuele Bersani annuncia ora un’intera tournée con Orchestra per il prossimo anno.

I primi sette appuntamenti nei teatri d’Italia partiranno il prossimo 2 aprile dal Teatro Arcimboldi di Milano e proseguiranno il 10 aprile al Teatro Colosseo di Torino, il 15 e il 26 aprile all’Europauditorium di Bologna, il 17 aprile 2024 al Teatro Verdi di Firenze, il 23 aprile al Teatro Augusteo di Napoli, il 29 aprile al Teatro Petruzzelli di Bari.

In “Samuele Bersani & Orchestra – Tour Indoor 2024”, il cantautore riproporrà i suoi brani in chiave orchestrale, dandogli un nuovo slancio interpretativo e musicale. Come aniticipato in un comunicato stampa, “una scaletta inedita coprirà diverse sfaccettature del suo repertorio trentennale: dalle hit, fino ai brani del suo ultimo album ‘Cinema Samuele’”.

Le prevendite per i nuovi concerti si aprono oggi, 6 ottobre, alle ore 16:00 su ticketone e in tutti i punti vendita abituali.

Di seguito il calendario (in aggiornamento):

2 aprile 2024 – MILANO – Teatro Arcimboldi
10 aprile 2024 – TORINO – Teatro Colosseo
15 aprile 2024 – BOLOGNA – Europauditorium
17 aprile 2024 – FIRENZE – Teatro Verdi
23 aprile 2024 – NAPOLI – Teatro Augusteo
26 aprile 2024 – BOLOGNA – Europauditorium
29 aprile 2024 – BARI – Teatro Petruzzelli


MARLENE KUNTZ in Concerto al Demodè Club, Catartica Tour

In il

MARLENE KUNTZ in Concerto al Demodè Club, Catartica Tour

Marlene Kuntz live
Demodè Club – Modugno (Bari)
venerdì 26 aprile 2024

Catartica ha senza dubbio alcuno avuto il merito di tracciare un segno indelebile nel nostro panorama musicale. Con l’eccellente produzione di Lega e Maroccolo (CCCP e CSI) per la neonata etichetta indipendente di allora Consorzio Produttori Indipendenti, le 14 memorabili canzoni che compongono il disco sono state la risposta alla fame irrefrenabile di un suono diverso di cui soffriva il pubblico italiano dei primi anni ‘90, complici i modelli americani e inglesi che ai tempi sfornavano band grunge e hardcore del calibro di Nirvana e Pearl Jam.



Catartica è stato il primo album italiano a soddisfare questa fame di cambiamento, segnando così una strada tutta nuova nel rock indipendente e rinnovando in maniera determinante la scena musicale del nostro paese.



Catartica è il manifesto musicale della band che ha messo subito le cose in chiaro: linee di chitarra che hanno poi ispirato innumerevoli band a seguire, un sound che è diventato sin da subito simbolo assoluto di quel decennio musicale e un songwriting che, fino ad allora, non si era mai sentito prima. La raffinata poetica di Godano ferisce tutti, subito: termini inusuali, una narrazione molto verbosa e fascinosamente poetica ricca di immagini fantasiose e liriche antisociali che hanno dato vita a frasi indelebili, diventate cult. Un linguaggio crudo e diretto, insomma, che descrive, senza mai banalizzare, il vivere moderno di allora, ma che risulta tremendamente attuale.

“Catartica nel 2024 compie 30 anni. Si potrebbe dire ‘sembra ieri’, ma in realtà sembra quel che è: ovvero che sono passati 30 anni, e noi Marlene siamo consapevoli di quante cose sono state fatte in questo lasso di tempo durato quel che è durato, e che fa sì che i tempi di Catartica ci appaiano lontani, ma ci siano in realtà altrettanto vicini.”, commenta Cristiano Godano. “In apertura di Festa Mesta scrissi ‘Complimenti per la festa, una festa del cazzo’. Non è davvero arduo traslare spazialmente e temporalmente ai giorni nostri quella rabbia figlia delle paturnie esistenziali di un giovane di provincia, piegando il significato delle parole a qualcosa che ben può descrivere la pessima situazione del nostro mondo contemporaneo. Perché è una bruttissima festa quella a cui siamo stati invitati dallo scorrere del tempo, e l’umanità pare star prendendo una piega rischiosa, quella che ormai è sotto gli occhi di tantissimi. Il mondo brucia, dice a un certo punto una canzone del nostro ultimo disco, Karma Clima, e la festa del cazzo a cui siamo stati invitati è l’immagine che bene illustra questa affermazione. C’è ancora qualcuno che non sente le tante storture a cui stiamo andando incontro? Ognuno potrà avere le sue idee nell’individuare le cause di tutto ciò e noi abbiamo le nostre, ma le conseguenze paiono essere le stesse per tutti: turbolenza, rabbia, disillusione, delusione, scoramento, ribaltamento progressivo dei valori che avevamo pensato di poter dare per scontati. E se le cause possono essere le più diverse a seconda dei punti di vista, le incompetenze, le contronarrazioni, le mistificazioni, e le varie prese per il culo che la gente sta subendo accomunano i più in un sentimento sfinito. Complimenti per la festa! Una festa del cazzo”.



Catartica è stato, e lo è tuttora, un album epocale, intriso di un rock energico, abrasivo e allo stesso tempo melodico che è stato in grado di segnare per sempre un’epoca e che è destinato a restare indelebilmente nella testa e nel cuore di chi lo ha ascoltato e di chi lo ascolterà. Non solo una pietra miliare nella storia della musica italiana ma anche nella carriera dei Marlene Kuntz. Partiti 30 anni fa proprio con la pubblicazione di Catartica, dopo 11 album in studio, 4 dal vivo, 8 raccolte, 2 colonne sonore, 1 disco d’oro, 1 film documentario, innumerevoli tour in Italia e all’estero arrivano a Karma Clima, il progetto che unisce arte e sostenibilità nonché ultimo lavoro discografico della band. Cristiano Godano, Luca Lagash, Riccardo Tesio, Davide Arneodo e Sergio Carnevale ci faranno rivivere “in volo libero sugli anni andati ormai” tutta la potenza di quel periodo che ha fatto la loro storia e quella del rock italiano. 

Prevendite già attive su dice.fm