Bach in Jazz concerto di Maestri Rosario Mastroserio e Domenico Balducci

In il

I Maestri Rosario Mastroserio e Domenico Balducci eseguiranno alcune trascrizioni per pianoforte di Bach a Due Pianoforti con libere improvvisazioni.
Il Concerto avrà luogo presso l’Auditorium Nino Rota Conservatorio Di Bari.

Via Cifarelli, 26 – Bari
Lunedì 18 dicembre 2017
ingresso libero
Info. 3486618546


GUSTO JAZZ live music e food experience

In il

L’Amministrazione Comunale di Corato presenta la prima edizione di GUSTOJAZZ, che si terrà da sabato 16 a martedì 19 dicembre 2017, una nuova manifestazione nata dalla evoluzione di due importanti attività, “Corato Jazz Festival” e “Metti un weekend a Corato”, dedicate alla musica ed alla gastronomia.
GUSTOJAZZ è promosso dal Comune di Corato in partenariato con l’Associazione Culturale Art Promotion e con l’Agenzia per l’Occupazione e lo Sviluppo dell’area Nord Barese-Ofantina, realizzato con la Direzione Artistica di Alberto La Monica per gli eventi musicali e di Alessandro Buongiorno per gli eventi gastronomici.

“GUSTOJAZZ – dichiara il Sindaco Massimo Mazzilli – vuole rappresentare il più esclusivo appuntamento culturale della città nelle prossime annualità, con l’obiettivo di essere coinvolgente per i residenti, ma anche attrattivo per i turisti. Le attività prevalenti in programma sono la musica jazz in tutte le sue forme, coniugata con l’enogastronomia, il cinema, le arti figurative, la danza. L’obiettivo è invadere la città, scegliendo di volta in volta gli spazi opportuni a ciascun esperimento, passando dai contenitori culturali già presenti, come il Teatro Comunale, a palazzi storici, piazze, strade, locali del centro storico e cantine vinicole. Questa è solo la prima parte del progetto che abbiamo candidato all’Avviso Pubblico emanato dalla Regione Puglia per “Presentare Iniziative Progettuali Riguardanti lo Spettacolo dal Vivo e Le Residenze Artistiche”, che a regime realizzerà tante altre attività dedicate alla musica, all’enogastronomia, alla formazione musicale e gastronomica, alle arti figurative in tutte le sue forme, con il coinvolgimento di diversi attori del territorio.”

PROGRAMMA:

Il programma della prima edizione, che prevede la partecipazione di nomi importantissimi del panorama artistico e jazzistico italiano, inizia sabato 16 dicembre alle ore 19 con la “Guida Emotiva”, un emozionante itinerario a stazioni, animato da attori e musici e accompagnato da una guida turistica, alla scoperta dei principali luoghi culturali della Città.
Partenza dall’INFO-POINT in Piazza Sedile 45, con partecipazione gratuita su prenotazione presso l’INFO-POINT.
Alle ore 21, presso il Teatro Comunale e ad ingresso libero, si terrà il talk show con Pupi Avati condotto dal critico Fabrizio Corallo. Il blasonato regista offrirà al pubblico una brillante conversazione sul suo appassionante passato jazzistico e sulla sua esperienza cinematografica molto spesso legata alla musica (in particolare, Bix – Un’ipotesi leggendaria, il film diretto da Pupi Avati nel 1991 basato sulla biografia del jazzista Bix Beiderbecke). Al termine dell’incontro, concerto di Lino Patruno, che con Pupi Avati scrisse il soggetto e la sceneggiatura di quel film, che riproporrà le splendide musiche jazz che andavano in voga negli anni ’30 e che hanno caratterizzato quel periodo storico.
Lino Patruno & His Blue Four (Lino Patruno: chitarra, banjo – Mauro Carpi: violino – Gianluca Galvani: cornetta – Giancarlo Colangelo: sax basso – Antonella Parnasso: voce).

Domenica 17 dicembre con partenza dal Palazzo di Città alle ore 19.00, concerto itinerante della Jazz Moment’s Streetband (Patty Lomuscio: voce – Mino Lacirignola: tromba – Pino Pichierri: clarinetto – Max Monno: banjo, chitarra – Muzio Petrella: contrabbasso e chitarra basso – Antonio Ninni: batteria). La banda con le sue performance jazz attraverserà le strade del centro storico e terminerà l’esibizione in Piazza Abbazia dove è in programma un evento di grande richiamo per il pubblico: alle ore 20 una serata spettacolo di street food e wine experience attraverso il racconto dei prodotti della nostra terra. Presenteranno i giornalisti Carlo Sacco e Annamaria Natalicchio.

Lunedì 18 dicembre una combinazione eccelsa fra musica e cibo in una location alternativa, la Cantina Sociale Terra Maiorum, che per l’occasione si riveste di nuovo aprendo le sue porte al pubblico coratino. A partire dalle ore 19.00 saranno offerte delle visite guidate nei frantoi in piena attività con la degustazione dell’olio appena molito. Alle ore 21, ad ingresso gratuito, concerto di una delle maggiori esponenti in Italia del genere bossanova, Rosalia De Souza, un’artista di caratura internazionale che ha calcato i palcoscenici delle città più importanti del mondo e che si esibirà con il suo quartetto.
Rosalia De Souza Quartet (Rosalia De Souza: voce – Francesco De Giosa: chitarra – Piero Vincenti: piano – Fabio Accardi: batteria).

Martedì 19 dicembre al Teatro Comunale il momento più atteso ed a lungo inseguito: concerto del più grande trombettista italiano Paolo Fresu che presenta il progetto Jazzy Christmas, una scaletta dedicata alle musiche natalizie piuttosto variegata, che spazia da brani tratti dal più classico songbook americano ad altri che provengono dalla tradizione popolare.
Paolo Fresu Quintet featuring Daniele di Bonaventura (Paolo Fresu: tromba, flicorno e multieffetti – Daniele di Bonaventura: bandoneon – Tino Tracanna: sax tenore e soprano – Roberto Cipelli: pianoforte – Attilio Zanchi: contrabbasso – Ettore Fioravanti: batteria).
Questo è l’unico evento a pagamento (ingresso: 15€ Platea, 12 € Palchi I Ordine, € 10 Palchi II Ordine). I biglietti sono acquistabili presso il botteghino del Teatro Comunale dal mercoledì alla domenica, oppure on line sul sito www.bookingshow.it e presso tutti i punti vendita Bookingshow.
Media Partners:
CoratoLive.it, Lo Stradone, CoratoViva ||Project Partners:Pastificio Granoro, Nicotel Corato, Società Cooperativa Lavorazione Prodotti Agricoli “Terra Maiorum”

Con il Patrocinio di:
Associazione Nazionale Città dell’Olio, Gruppo di Azione Locale “Le Città di Castel del Monte”

Piazza Sedile 45, Teatro Comunale, Palazzo di Città, Piazza Abbazia, Cantina Sociale Terra Maiorum – Corato (Bari)
ingresso libero
Info. 080-8720861


“GRANDE” CHRISTMAS JAZZ 5et ad Altamura

In il

Concerto di musiche Natalizie in chiave Jazz

CHRISTMAS JAZZ 5et

Joosie (Giusy Abbruzzese) / voce
Nanni Teot / tromba / flicorno
Paolo Luiso / Piano
Gianfilippo Direnzo / contrabbasso / basso elettrico
Antonio Dambrosio / batteria

Info / prenotazioni:
Cinema Grande Altamura 0803117705 / 3289640030


XVII° BEAT ONTO JAZZ FESTIVAL in Piazza Cattedrale a Bitonto

In il

17ª edizione Beat Onto Jazz Festival

1, 2, 3 e 4 Agosto 2017 Piazza Cattedrale (Bitonto)

Ingresso Libero

IL PROGRAMMA:

  • 1 AGOSTO

I set ore 21

Maurizio Rolli & California Dream Band – Otmaro Ruiz, pianoforte; Manuel Trabucco, sax soprano; Christian  Mascetta, chitarra; Maurizio Rolli, basso; Marvin “Smitty” Smith, batteria.
II set ore 22

Jam session – Diretta dal Maestro Andrea Gargiulo con Pasquale Gadaleta (contrabbasso) e Saverio Petruzzellis (batteria).

  • 2 AGOSTO

I set ore 21

Mirko Signorile Quartet – Mirko Signorile, pianoforte; Giorgio Vendola, contrabbasso; Fabio Accardi, batteria; Cesare Pastanella, percussioni.
II set ore 22

Peter Erskine and The Dr.Um Band – Peter Erskine, batteria; John Beasley, pianoforte; Bob Sheppard, sax; Benjamin Shepperd, basso.

  • 3 AGOSTO

I set ore 21

Cercle Magique – Nando Di Modugno, chitarra; Vincenzo «Viz» Maurogiovanni, basso; Gianlivio Liberti, batteria
II set ore 22

Lowenthal – Cosentino – Fink – Marcelli Quartet – Marque Lowenthal, pianoforte; Filippo Cosentino, chitarre; Johannes Fink, contrabbasso; Andrea Marcelli, batteria

  • 4 AGOSTO

I set ore 21

Next Stop Quintet – Pierluigi Villani, batteria; Umberto Muselli, sax tenore; Andrea Sabatino, tromba; Mirko Maria Matera, pianoforte; Vincenzo «Viz» Maurogiovanni (basso)
II set ore 22

Diane Schuur Quartet – Diane Schuur – vocals, piano; Julian Siegel – saxophone; Adam Pache – drums; Francesco Puglisi – electric and acoustic basses.
Tutti i concerti saranno introdotti da Alceste Ayroldi, saggista, docente e critico musicale (Musica Jazz, editor manager Jazzitalia, editor Musica Jazz web).

TUTTI GLI APPUNTAMENTI SONO APERTI AL PUBBLICO, INGRESSO LIBERO

Il Beat Onto Jazz Festival è in diretta streaming su www.eventiindiretta.it

 


3° Altamura Jazz Festival

In il

Altamura Jazz Festival – 25, 26, 27 e 28 luglio 2017 – 3^ edizione.
Organizzato dall’Associazione culturale AMICI DEL JAZZ di Altamura e dall’Associazione turistica PRO LOCO di Altamura

L’Associazione culturale Amici del Jazz di Altamura, dopo il successo delle due edizioni, ha ideato, promosso ed organizzato la terza edizione di Altamura Jazz Festival per i giorni 25/07/2017 (martedì), 26/07/2017 (mercoledì), 27 luglio 2017 (giovedì) e 28/07/2017 (venerdì) con rispettivi quattro concerti di musica jazz dal vivo, con ingresso ore 20.30 e inizio concerto ore 21.00, che si svolgerà ad Altamura presso il Chiostro del Museo Etnografico dell’Alta Murgia sito in Via Vittorio Veneto n. 53, in collaborazione con l’Associazione turistica Pro Loco di Altamura.
Tale festival musicale è organizzato per valorizzare il territorio e il centro antico della Città di Altamura, nonché far visitare la importante e prestigiosa collezione della civiltà contadina presente nel Museo, soprattutto in altri periodi, anche ai fini dello sviluppo turistico della città.
Il programma dettagliato degli artisti provenienti da varie città pugliesi, nazionali ed estere, che si esibiranno è il seguente:

martedì 25 luglio 2017 – NEW GENERATION QUINTET
Barbara Russo – voce e tastiere, Antonio Ninni – batteria, Alberto Di Leone
– tromba, Nicolò Fanelli – chitarra, Giulio Scianatico – contrabbasso;

mercoledì 26 luglio 2017 – ANTONIO TRINCHERA SEXTET feat. NIKALEO
Antonio Trinchera – chitarra, electronis, Nikaleo – voce, Dony Valentino –
piano e violino, Enzo Bacco – sassofono tenore e soprano, Piero Ancona –
basso, Miki Genualdo – batteria;

giovedì 27 luglio 2017 – TENCOLOR – Tributo a Luigi Tenco
MARCO GIULIANI QUINTET
Marco Giuliani – voce, Bruno Montrone – piano, Nico Catacchio –
contrabbasso, Fabio Delle Foglie – batteria, Vincenzo Gentile – tastiere;

venerdì 28 luglio 2017 – ONOFRIO PACIULLI TRIO meets RACHEL GOULD
Rachel Gould – voce, Onofrio Paciulli – piano, Luca Dalpozzo – contrabbasso,
Dario Mazzucco – batteria.

Direzione artistica Antonia Massaro, Ufficio stampa Onofrio Bruno, Coordinamento Domenico Sardone.
Presentano Angela Berloco e Vito Giordano.
Patrocini della Città di Altamura, Regione Puglia, Museo Etnografico dell’Alta Murgia, La Nuova Murgia, Tele Appula, altamurgia.it, Radio Altamura Uno.
Info e prenotazioni Associazione culturale Amici del Jazz di Altamura tel. 368 7760601.


15° Multiculturita Jazz Festival: il programma

In il

MULTICULTURITA SUMMER JAZZ FESTIVAL 2017
RASSEGNA MUSICALE a cura
dell’ ASSOCIAZIONE MULTICULTURITA
XV EDIZIONE
12-14 luglio 2017

12 luglio – ore 20
Jazz Village
Jazz History I
100 dischi per 100 anni di Jazz.
I suoni di un viaggio lungo un secolo
(a cura di Michele Laricchia e Alceste Ayroldi)
ore 21
Sagrato Reale Basilica S. Maria del Pozzo
Swing & Dance
Mino Lacirignola, tromba
Francesco Lomangino, sassofoni
Davide Saccomanno, organo Hammond
Mike Zonno, contrabbasso e voce
Antonio Di Lorenzo, batteria
Esibizione dei ballerini Lindy Hop
Francesca Caggiano, Fabio Delle Foglie,
Pompilio Vergine e Rossana Gentile.

13 luglio – ore 20
Jazz Village
Jazz History I
100 dischi per 100 anni di Jazz.
I suoni di un viaggio lungo un secolo
(a cura di Michele Laricchia e Alceste Ayroldi)

ore 21
Sagrato Reale Basilica S. Maria del Pozzo
Raiz & Radicanto “Musica Immaginaria Mediterranea”
Raiz, voce
Giuseppe De Trizio, chitarra classica
Adolfo La Volpe, oud, basso, chitarra elettrica
Giovanni Chiapparino, fisarmonica
Francesco De Palma, percussioni

14 luglio – ore 20
Jazz Village
Jazz History I
100 dischi per 100 anni di Jazz.
I suoni di un viaggio lungo un secolo
(a cura di Michele Laricchia e Alceste Ayroldi)

ore 21
Sagrato Reale Basilica S. Maria del Pozzo
Conturband “Music In The Night”
Carmelo Lerede, Davide Scarafile, Vito Abbatepaolo – tromba
Nuccio Gargano, Michele Rotolo, Giuseppe Bucci, Francesco Pugliese, Tommaso Florio, Stefano Mastrosimini, Anna Grazia Leserri, Celeste Ludovico, Francesco Ludovico – sassofoni
Mimmo Panico, Francesco Rossi – trombone, tuba
Vincenzo Cianciola, Giuseppe Sorressa, Luca Antonio Di Dio, Francesco Bux – percussioni

XV edizione del Multiculturita Summer Jazz Festival, che conferma il Jazz Village, negli spazi antistanti il Sagrato della Reale Basilica e il MAC (Multiculturita Art Contest), che si distribuirà nelle tre serate. Dallo swing “da ballare” alle note mediterranee dei Radicanto con la inconfondibile voce di Raiz, fino al giovane e vigoroso large ensemble della Conturband. Tutti gli eventi sono a ingresso libero.

XV edizione per il Multiculturita Summer Jazz Festival, il festival ideato da Michele Laricchia nel 2003 e organizzato dall’associazione Multiculturita JS, con il contributo e il patrocinio del Comune di Capurso e della Regione Puglia e con il supporto promozionale di Jazzitalia, che si conferma uno degli appuntamenti più attesi dell’estate festivaliera pugliese, si terrà dal 12 al 14 luglio.
Nelle precedenti edizioni, la kermesse capursese si è sempre contraddistinta per aver portato in Puglia progetti innovativi ed esclusivi, come: Pat Metheny e Brad Mehldau Quartet, Enrico Rava, Rossana Casale, Danilo Rea, Funkoff, Goodfellas, Nick The Nightfly, Sarah Jane Morris e Montecarlo Orchestra, Tullio De Piscopo, Peppe Servillo, Abraham Inc., Manu Katchè, Bill Evans e Robben Ford, Mina Agossi, Quintorigo, Simona Bencini, Arturo Sandoval, Marcus Miller, The Manhattan Transfer, Gino Paoli, Stefano Bollani, Stefano Di Battista, Billy Cobham, Ana Maria Jopek, Pino Minafra Minafric, Roy Paci, Doctor 3, Antonio Sanchez, James Senese, Karima, Fabio Concato tra i tantissimi musicisti che vi hanno preso parte.
Visto il successo della precedente edizione, anche quest’anno nello spazio antistante il Sagrato della Reale Basilica Santa Maria del Pozzo, ci sarà il Jazz Villlage, dove sarà possibile degustare prodotti tipici di qualità del territorio. Ogni sera, a partire dalle ore 20, ci sarà la prima edizione di Jazz History: 100 dischi per 100 anni di Jazz.I suoni di un viaggio lungo un secolo, a cura di Michele Laricchia e Alceste Ayroldi.
Si conferma anche MAC – Multiculturita Art Contest con la direzione artistica di Rocco De Sario, che avrà un nuovo volto, concretizzandosi in un’estemporanea di pittura “in notturna” divisa nelle tre serate del festival, nell’arco delle quali si realizzerà l’opera che parteciperà al concorso a premi. Tutti gli artisti, dovranno avere come riferimento, nello svolgimento dei lavori e quindi nella realizzazione finale, la musica, in una qualsiasi delle sue forme.
Obiettivo del Multiculturita Summer Jazz Festival è anche quello di dare voce ai musicisti pugliesi e, quest’edizione, è interamente dedicata ai progetti di qualità della nostra regione.
Il main stage si riconferma lo splendido scenario offerto dalla Reale Basilica capursese, che mercoledì 12 luglio (ore 21) darà spazio al ben consolidato binomio tra jazz e ballo, con il progetto Swing & Dance con Mino Lacirignola (tromba), Francesco Lomangino (sassofoni), Davide Saccomanno (organo Hammond), Mike Zonno (voce e contrabbasso), Antonio di Lorenzo (batteria), che trasformeranno l’area interessata in una Savoy Ballroom en plein air.
Giovedì 13 luglio Capurso accoglierà le musiche del Mediterraneo dei Radicanto con un ospite d’eccezione: Raiz degli Almamegretta. La torrida voce del cantante partenopeo, sarà affiancata dalle corde di Giuseppe De Trizio (chitarra classica) e Adolfo La Volpe (oud, basso, chitarra elettrica), dalla fisarmonica di Giovanni Chiapparino e dalle percussioni di Francesco De Palma.
La kermesse capursese di chiude venerdì 14 luglio, con l’esplosiva esuberanza della Conturband: una street band formata da quindici elementi, tutti pugliesi che inonderà di musica e di festa l’intera Capurso.
In scena ci saranno: Carmelo Lerede, Davide Scarafile, Vito Abbatepaolo – tromba; Nuccio Gargano, Michele Rotolo, Giuseppe Bucci, Francesco Pugliese, Tommaso Florio, Stefano Mastrosimini, Anna Grazia Leserri, Celeste Ludovico, Francesco Ludovico – sassofoni;Mimmo Panico, Francesco Rossi – trombone, tuba; Vincenzo Cianciola, Giuseppe Sorressa, Luca Antonio Di Dio, Francesco Bux – percussioni.
Ingresso libero per tutti gli eventi.

Info: 347.6504664
Website: www.multiculturita.it ; info@multiculturita.it

Alceste Ayroldi
Multiculturita Summer Jazz Festival

da mercoledì 12 a venerdì 14 luglio 2017 ore 19:45
Sagrato Reale Basilica Madonna del Pozzo
via Madonna del Pozzo 1 – Capurso (Bari)
ingresso libero
Info. 347.6504664


WOMAN TO WOMAN: Bari in Jazz al Teatro Petruzzelli

In il

 

WOMAN TO WOMAN: Bari in Jazz 2017 – giovedì 6 Luglio ore 21:00 – Teatro Petruzzelli

>>>Acquista Biglietti

Il Teatro Petruzzelli di Bari ospita, nell’ambito del festival Metropolitano Bari in Jazz 2017, l’eccezionale concerto del gruppo WOMAN TO WOMAN, formato da sole protagoniste femminili della musica jazz mondiale.
Un grande evento per l’estate barese, organizzato dall’Associazione Abusuan e dall’Associazione Murattiano, in collaborazione con Bass Culture Srl e Stati Generali delle Donne.
▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬▬

Le artiste del gruppo Woman To Woman si sono imposte sulla scena jazz internazionale, conquistando il pubblico della Philharmonie di Parigi lo scorso anno. Il gruppo riunisce un cast femminile al 100%, costituito da artiste di primo piano della scena jazz attuale: Cécile McLorin Salvant (voce), Anat Cohen (clarinetto), Melissa Aldana (sassofono), Ingrid Jensen (tromba), Linda Oh (basso), Terri Lyne Carrington (batteria) e Renee Rosnes (pianoforte, direttore musicale). Questo settetto, cosmopolita e transgenerazionale, rivisita la musica jazz tradizionale animandola con le proprie radici musicali.
«Lottare per l’uguaglianza nel jazz, come in molti altri campi, non è qualcosa di estremo. In realtà questo è il minimo che ci si può aspettare!» ha affermato Cécile McLorin Salvant, parlando di questo progetto decisamente femminista che, come ricordiamo, è stato originariamente presentato alla Philharmonie, in occasione della Giornata per i Diritti della Donna.

Quest’anno il gruppo Ladies si esibirà in grandi festival internazionali come Umbria, North Sea, Vittoria, Pescara, Molde, Wien, e durante il Festival Metropolitano Bari in Jazz a Bari il 6 luglio 2017 al Teatro Petruzzelli (inizio spettacolo: ore 21.00)


Multiculturita Jazz Festival 2016: il programma

In il

MULTICULTURITA SUMMER JAZZ FESTIVAL 2016
RASSEGNA MUSICALE a cura
dell’ ASSOCIAZIONE MULTICULTURITA
XIV EDIZIONE
7-9 luglio 2016

7 luglio – ore 20.15
Sagrato Reale Basilica S. Maria del Pozzo – Jazz Village
I Finale Europe Contest
Le Scat Noir
Three Floors Down

Sagrato Reale Basilica S. Maria del Pozzo – Main Stage
Karima & Diego Caravano – ore 21.30
Karima, voce
Diego Caravano, tastiere
Egidio Marchitelli, chitarre
Marco Siniscalco, basso elettrico
Puccio Panettieri, batteria
Federica Graziani, cori
Francesca Carbonelli, cori
Elisa Tronti, cori
Jolomie Urunden, cori

8 luglio – ore 20.15
Sagrato Reale Basilica S. Maria del Pozzo – Jazz Village
II Finale Europe Contest
Daniela Spalletta & Urban Fabula
Markevans Trio

Sagrato Reale Basilica S. Maria del Pozzo – Main Stage
James Senese Napoli Centrale – ore 21.30
James Senese, voce, sassofoni
Ernesto Vitolo, tastiere
Gigi De Rienzo, basso elettrico
Franco Del Prete, batteria
Fredy Malfi, batteria, cori

9 luglio – ore 20.15
Sagrato Reale Basilica S. Maria del Pozzo – Jazz Village
Premiazione Multiculturita Art Contest

Ore 21.30
Sagrato Reale Basilica S. Maria del Pozzo – Main Stage
Fabio Concato – Fabrizio Bosso – Julian Oliver Mazzariello
Fabio Concato, voce
Fabrizio Bosso, tromba
Julian Oliver Mazzariello, pianoforte

Ore 23.00
Sagrato Reale Basilica S. Maria del Pozzo – Jazz Village
L’allegra tristezza del Brasile
Choronotes & Sambaden
Martina Primavera, voce
Aldo Di Caterino, flauto
Giuseppe Todisco, tromba e flicorno
Andrea Iacobino, cavaquinho
Nicolo Fanelli, chitarra
Gianluca Fraccalvieri, basso
Giuseppe Santorsola, batteria
special guest Guido Di Leone, chitarra
Molte novità per la XIV edizione del Multiculturita Summer Jazz Festival. A partire da Jazz Night, l’opera pittorica realizzata dall’artista Catia Cavone che caratterizza il festival, fino all’inedito Jazz Village, curato dall’associazione Puglia in Corte, che ospiterà le finali dello Europe Contest e dove sarà possibile degustare prodotti tipici dell’enogastronomia pugliese, oltre che i dj-set afterhour. Tre concerti di caratura internazionale che confermano la policromia del festival capursese: l’inedito progetto di Karima e Diego Caravano (Neri per Caso), il dirompente sound di James Senese Napoli Centrale e la canzone d’autore italiana reinterpretata da Concato, Bosso e Mazzariello.

L’opera di copertina è realizzata dalla pittrice Catia Cavone: Jazz Night.
Organizzazione: Multiculturita J.S.; Supporto Promozionale: Jazzitalia; Coordinamento Artistico Multiculturita Europe Contest: Alceste Ayroldi; Coordinamento Artistico MAC: Rocco De Sario.
Il biglietto di ingresso è di 15 euro + prevendita. L’abbonamento di euro 30 + prevendita dà diritto all’accesso per tutte le serate con posto a sedere numerato. L’accesso all’area Jazz Village è a ingresso libero. Info: 347.6504664

Website: www.multiculturita.it – www.pugliaincorte.it
info@multiculturita.it – info@pugliaincorte.it

Prevendite:
Centro Musica, Corso Vittorio Emanuele n. 165/C – Bari
Box Office c/o Feltrinelli Libri e Musica, via melo n. 119 – Bari
Libreria La Sapientia, via Madonna del Pozzo n. 43 – Capurso

Alceste Ayroldi
Multiculturita Summer Jazz Festival
339/2986949


RAPHAEL GUALAZZI in Concerto al Teatro Petruzzelli

In il

Il maestro del jazz italiano si esibirà, con l’organizzazione de L’Albero dei Sogni, presso il Teatro Petruzzelli di Bari il giorno 12 dicembre 2015.

>>>Acquista Biglietti

Raphael Gualazzi nasce ad Urbino l’11 novembre 1981. Dopo aver intrapreso gli studi di pianoforte al Conservatorio Rossini di Pesaro estende la sua ricerca musicale anche nel campo del Jazz, del Blues e della Fusion. Tanto da arrivare a creare un stile personalissimo che fonde la tecnica Rag-time dei primi anni del ‘900 con le sonorità tipiche del pre-jazz e dello stride-piano, senza trascurare le influenze più innovative di artisti eclettici della scena contemporanea, come Jamiroquai e Ben Harper. Nel 2005, le prime partecipazioni a rinomati festival come il Fano Jazz, il Java Festival di Giakarta, l’Argo Jazz e il Ravello International Festival, lo accreditano subito tra i migliori artisti della scena jazz italiana contemporanea. Mentre è il 2008 l’anno in cui la sua reinterpretazione di “Georgia on my mind” entra a far parte della compilation “Piano Jazz” accanto a nomi come Nora Jones, Diana Krall, Duke Allington e Ray Charles.
Nel settembre del 2009 incontra Caterina Caselli e firma con Sugar un contratto discografico. L’occasione per farsi conoscere subito dal grande pubblico è offerta dall’interpretazione della cover di “Don’t stop”, il successo degli anni ’70 dei Fleetwood Mac, che viene scelta come colonna sonora dello spot televisivo di eni. Il passo alla pubblicazione del primo EP digitale “Raphael Gualazzi” (2010) è breve e la conquista dei primi posti della classifica di iTunes immediata. Contemporaneamente il nome di Gualazzi comincia a farsi strada anche all’estero grazie al brano “Reality and Fantasy” che, nella versione remix di Gilles Peterson, entra a far parte delle compilation Nova Tunes 2.2 e Hotel Costes, prime nelle classifiche di vendita digitali di tutto il mondo, e conquista l’air play di alcuni dei più importanti network francesi. Il successo oltralpe lo porta ad esibirsi nello stesso anno al Louvre per debuttare poi al Sunside Club di Parigi, il tempio francese della musica jazz. Il 2011 è l’anno della sua trionfale partecipazione al Festival di Sanremo con il brano “Follia d’amore”, dove fa man bassa di premi, aggiudicandosi oltre al primo posto della categoria Giovani, il Premio della Critica “Mia Martini, il premio della Sala Stampa Radio e Tv, il Premio Assomusica per la migliore esibizione live e il Premio Siae come miglior compositore dell’anno. Il brano, scritto, prodotto e arrangiato dallo stesso Gualazzi è contenuto in “Reality and Fantasy”, il suo omonimo album d’esordio che esce il 16 febbraio. Nello stesso periodo la versione inglese del brano “Follia d’amore” viene inserita nella colonna sonora di “Manuale d’amore 3”, il film diretto Giovanni Veronesi e interpretato, tra gli altri, da Robert De Niro e Monica Bellucci.
Dopo il trionfo sanremese, Gualazzi partecipa all’Eurovision Song Contest a Düsseldorf dove si classifica secondo aggiudicandosi anche il primo premio della giuria tecnica. Nel corso dell’estate, raduna oltre 35 mila spettatori in un tour di circa 40 date, molte delle quali sold out, nelle più belle arene e anfiteatri italiani. A suggellare il successo dell’album “Reality and Fantasy”, il 18 ottobre esce una “Special Edition” contente alcuni brani inediti nella parte audio e il DVD “Live Documentary” che raccoglie le immagini del concerto alla Cavea dell’Auditorium Parco della Musica di Roma. Nel giugno 2012 arriva un altro importante riconoscimento internazionale: per consolidare il suo progetto discografico, Sugar sigla un accordo in esclusiva mondiale con la prestigiosa etichetta Blue Note/Emi Music France che ha lanciato nel mondo artisti del calibro di Norah Jones, Herbie Hankcock, St. Germain e molti altri. Nel frattempo il successo si espande anche alla Germania, dove nella primavera di quest’anno la storica WDR Symphony Orchestra di Colonia dedica un tributo al giovane artista, eseguendo in diretta radiofonica nazionale il suo repertorio unitamente a delle cover di classici brani jazz. Ma la vera consacrazione oltre i confini nazionali avviene in occasione del primo International Jazz Day tenutosi lo scorso 27 aprile presso la sede UNESCO di Parigi, dove il pianista e compositore italiano fa ufficialmente il suo ingresso nell’olimpo mondiale della musica jazz aprendo con un suo concerto la giornata celebrativa voluta da Herbie Hancock nel quartier generale dell’UNESCO a Parigi.

Il 14 febbraio 2013 esce il nuovo album “Happy Mistake”, mentre Raphael Gualazzi torna a calcare il palco del Festival di Sanremo, questa volta nella categoria Big, con i brani “Sai” e ” Senza Ritegno”.
Le due tracce fanno parte di “Happy Mistake”, che contiene tredici brani che rompono gli schemi e spiazzano l’ascoltatore, tra soul, gospel, country, blues, rock e l’immancabile jazz, passando dall’inglese, all’italiano al francese. Un lavoro di cui lo stesso Raphael è autore, compositore, arrangiatore e produttore.
In “Happy Mistake” Gualazzi duetta con l’estro delle Puppini Sisters, con la delicatezza di Camille e torna a collaborare con la destrezza musicale di Vince Mendoza e Fabrizio Bosso. Ma nell’album si ritrovano anche omaggi sorprendenti a Giuseppe Verdi e Nino Rota.
Il 28 marzo 2013, dopo il successo di pubblico e critica ottenuto al Festival di Sanremo, dove arriva quinto, Raphael apre l’ “Happy Mistake Tour” dal Cafè de la Danse di Parigi. L’artista sale sul palco con una formazione inedita composta da 9 musicisti, 7 dei quali francesi (tra cui 3 coriste), e presenta uno spettacolo dinamico e sfaccettato che alterna atmosfere suggestive a momenti dall’energia intensa e travolgente. La serata, che registra il sold out e si chiude con una standing ovation, è anche l’occasione per Raphael di presentare in Francia il suo nuovo progetto.
“Happy Mistake” esce oltralpe il 2 aprile e, dopo il successo di vendite avuto in Italia, scala subito anche le classifiche digitali francesi: si piazza nella Top20 di iTunes Francia, conquista la sezione jazz con ben 4 brani su 10 nella sezioni singoli jazz, e ottiene il terzo posto nella classifica degli album.
L’ “Happy Mistake Tour” arriva in Italia il 6 aprile 2013. La partenza italiana è da Senigallia, nelle Marche. E mentre la tournée infiamma i palcoscenici dei teatri delle principali città italiane, Gualazzi partecipa alla tappa francese della manifestazione “Play me, I’m your”, riceve il Premio Barocco nella sua 44esima edizione, e domina con successo le scene di importanti festival internazionali e nazionali, come il “Saint Germain Jazz” di Parigi, il “Dìa de la Musica” di Madrid, il “Festival dei Due Mondi” di Spoleto. Proprio alla straordinaria performance di Raphael a Spoleto, SKY dedica uno speciale televisivo in onda su Sky Uno HD, replicato più volte anche su CIELO.
Nell’autunno 2013 Gualazzi viene scelto da Fabio Fazio per curare tutta la parte musicale dell’undicesima edizione di “Che tempo che fa”. E mentre prosegue con successo l’ “Happy Misteke Tour” in Italia e all’estero, il 29 ottobre esce l’ep digitale “Rainbows” contenente anche la trascinante cover di “Svalutation” di Adriano Celentano.
L’anno si chiude un acclamato concerto in Giappone, a Tokyo, dove l’artista conferma l’internazionalità della sua musica.
Nel 2014 Gualazzi, con un progetto assolutamente inedito, partecipa alla 64esima edizione del Festival di Sanremo insieme al dee-jay The Bloody Beetroots con i due brani ‘Liberi o no’ (testo dallo stesso Raphael e musica di Raphael Gualazzi e The Bloody Beetroots) e ‘Tanto ci sei’ (testo di Giuliano Sangiorgi e musica di Raphael Gualazzi e The Bloody Beetroots). L’inedito duo conquista il secondo posto e domina l’airplay radiofonico italiano con il brano ‘Liberi o No’. Il progetto mantiene la sua particolarità anche nella sua pubblicazione: i due brani vengono racchiusi in un vinile prodotto in edizione numerata e limitata dal titolo ‘Accidentally on Purpose’, con una copertina dal sapore vintage firmata dall’artista Mecna.
Terminato con successo il Festival di Sanremo, Gualazzi vola in Canada, e si esibisce nel corso del prestigioso “Montréal en Lumière”, uno dei più grandi festival invernali di tutto il mondo. Il concerto si tiene a “l’Astral”, location storica della musica jazz mondiale.
Il 25 marzo 2014, a grande richiesta, viene pubblicata in Italia la deluxe edition di ‘Happy Mistake’, che racchiude tutto il 2013 in musica dell’artista. Insieme ai brani presenti in ‘Happy Mistake’, il cd contiene le due tracce portate sul palco dell’Ariston di Sanremo, “Liberi o no” e “Tanto ci sei”, i pezzi presenti nell’ep digitale “Rainbow” e la versione di “Luce (Tramonti a Nord-Est)” (quest’ultima inclusa nella versione digitale dell’album).
Il 18 aprile 2014, dopo la pubblicazione in Italia e in Francia, “Happy Mistake” esce in Germania, Austria, Svizzera e Olanda su etichetta Warner Music / Sugar. La release viene presentata ad Amburgo con un concerto live sold out, nello storico Mojo Club, davanti una folta schiera di stampa tedesca e internazionale che definisce Raphael ‘a unicum’, oltre che di numerosi fan.
Mentre prosegue i live in Italia e all’estero con il tour ‘Welcome to my hell’, Gualazzi compone per il cinema. A settembre 2014, infatti, l’artista firma la sua prima colonna sonora nel film ‘Un ragazzo d’oro’ diretto da Pupi Avati e composto da un grande cast con Sharon Stone (per la prima volta protagonista di un film italiano), Riccardo Scamarcio e Cristiana Capotondi.
A dicembre Gualazzi viene scelto per rappresentare la musica italiana e il successo del Made in Italy all’estero in occasione dell’Italian Innovation Day, a Bruxelles, evento promosso dalla Presidenza Italiana del Consiglio dell’Unione Europea per raccontare all’Europa l’innovazione e l’eccellenza nazionale in occasione della chiusura del semestre europeo.
A maggio 2015, mentre è al lavoro sul nuovo progetto discografico, Gualazzi riprende i live in Italia con il “Jazz me up Summer Tour”: un nuovo repertorio dal vivo composto da grandi classici e standard jazz che hanno fatto parte della sua formazione artistica e discografica d’esordio.