METROKLANG VILLAGE: Vinili, Vintage, Music & Fun

In il

metroklang ottobre conversano

Amanti della musica in vinile e non solo, domenica 16 Ottobre dalle 10:00 alle 22:00 ritorna il METROKLANG VILLAGE (Vinyl Edition), ancora una volta nella bellissima struttura di Casa delle Arti di Conversano. I protagonisti sarete voi e naturalmente gli espositori che con la loro passione e professionalità vi faranno vivere una intera giornata dedicata ai dischi in vinile, a 33 e 45 giri , MIX, CD, musicassette, etichette indipendenti, libri, ma anche vintage, arte, dj set & fun !!! Vi faremo viaggiare tra il Rock, Punk, Psichedelica, Elettronica, Afro, Soul, Jazz, Funk, Disco & Black Music.

Programma Domenica 16 Ottobre:
– Apertura ore 10,00 – ingresso gratuito
– Breakfast ore 10,00
– Market: dalle 10,00 alle 22,00

Dj Set: Norbeat – Ricky Erre Love

Casa delle Arti – via Donato Jaja 14 – Conversano
Ingresso gratuito
Infoline 3891823009


BIRRAMILANDIA: a Terlizzi la seconda edizione della Festa della Birra

In il

birramilandia terlizzi 2022

BIRRAMILANDIA il luppolo in festa!
14, 15 e 16 Ottobre 2022
Via Chicoli – Terlizzi (Bari)

Dopo il successo della prima edizione, quest’anno torna l’apprezzato format dedicato alla birra: “BIRRAMILANDIA”. Nelle serate di Venerdì 14, Sabato 15 e Domenica 16 ottobre  Terlizzi sarà una vera e propria capitale del luppolo per vivere fantastici momenti di relax e spensieratezza.
La protagonista indiscussa sarà la birra in tutto il suo dorato splendore, le sue diverse varianti ed un piccolo tour gastronomico ad accompagnare il tutto.
Non mancherà la musica dal vivo, tre band di altissimo livello saliranno sul palco per farvi scatenare a ritmo di pizzica salentina, balli popolari e musica italiana ed internazionale.
La pista da ballo di BIRRAMILANDIA sarà infiammata con dj set tutti da ballare!
Durante l’evento potrete divertirvi giocando nel mini luna park allestito appositamente per l’evento:
dal tiro a segno alla corsa dei cammelli, dal simulatore virtuale in 5D al beerpong, dal calcio balilla al gioco del razzo e tante altre entusiasmanti attrazioni.
Abbiamo pensato a tutto, persino ai più piccoli! Saranno allestiti spazi per i giochi gonfiabili, animazioni e mascotte, il tutto accompagnato da pop corn e zucchero filato!
A Birramilandia non potrà mancare lo spettacolo!
Non meravigliatevi di trovare nell’area giocolieri, mangiafuoco, cantastorie e trampolieri. Oh! attenti agli spettacoli improvvisati!
BIRRAMILANDIA: un’esperienza unica da vivere tutti insieme!

—————————————————
INGRESSO LIBERO
—————————————————

LIVE BAND:
I KOMANDANTI
VEGA 80
TARANTA FIL MORENA

MINI LUNA PARK:
Tiro a segno
Derby day
Simulatore 5D
Beer pong
Gioco del martello
Calcio balilla
Freccette gonfiabili giganti
Gioco del razzo
Bocca della verità

PARCO PER BAMBINI:
Gonfiabili / Playground
Mini canoe
Minni e Topolino
Pop corn e zucchero filato
Pesca peluche

ARTISTI DI STRADA:

Giocolieri
Trampolieri
Sputafuoco
Spettacoli di magia
Cantastorie

DJ SET:
DANNY DEE
RINALDO
BIRO
PAKY DT

FOOD:
Panzerotti
Pallone di Gravina arrosticini di pecora
Scrocchiarella
Crepes

ZONA RELAX:
Panche e tavoli
—————————————————
MEDIA PARTNER:
LOVE FM
RITMO 80
VIVA NETWORK
—————————————————
MAIN SPONSOR:
NINO BATTISTA CAFFE’ – TOTORIZZO – HABITAT BISCEGLIE – COSTRUENDA – DON CACTUS – UNIERUO TERLIZZI – STORMEN – PLANET GYM – DI NAPOLI
—————————————————
Official sponsor
OTTICA CIPRIANI – GROUPAMA TERLIZZI – GICA SNC – CINQUE SENSI – BREAK TIME – FEMME LAB – BOYCOTT – FIORE BUS – SANTI E MARINAI – CERAMICHE F.D’ANIELLO – FRANTOIO OLEARIO PERILLI – KARMA BEACH BAR – AUTOFFICINA DANTES – PAUSA CAFFE – REVENGE CAFE – FERRAMENTA BRICOLAGE BISCEGLIA – ALDO PARRUCCHIERE – BIBAP COFFE BREAK – RHYPS TERLIZZI – CAF TERLIZZI – SVINANDO – FLORETICA – TABACCHERIA BORAGINE
—————————————————
Evento organizzato da ASSOCIAZIONE IL RIFUGIO.
PARTNER: PDL COMUNICAZIONE – LIVEE EVENTI
Con il patrocinio del comune di Terlizzi.

INFOLINE:
Birramilandia@gmail.com
+39 3485974426
+39 3388723866


Torna a Molfetta la Fiera del Disco: vinili, cd, musicassette e tanto altro

In il

metroklang ottobre molfetta

Amanti della musica in vinile e non solo, domenica 02 Ottobre dalle 10:00 alle 22:00 ritorna il METROKLANG VILLAGE (Vinyl Edition), ancora una volta nella bellissima struttura della Cittadella degli Artisti di Molfetta. I protagonisti sarete voi e naturalmente gli espositori che con la loro passione e professionalità vi faranno vivere una intera giornata dedicata ai dischi in vinile, a 33 e 45 giri , MIX, CD, musicassette, etichette indipendenti, libri, ma anche vintage, arte, dj set & fun !!! Vi faremo viaggiare tra il Rock, Punk, Psichedelica, Elettronica, Afro, Soul, Jazz, Funk, Disco & Black Music.

Programma Domenica 02 Ottobre:
– Apertura ore 10,00 – ingresso gratuito
– Colazione in Cittadella ore 10,00
– Market: dalle 10,00 alle 22,00
– Dj Set dalle 17,00
– DJs: Ricky Erre Love + ???

Dj set a cura di Metroklang Records

Cittadella degli Artisti – Molfetta

Ingresso gratuito

Info line 3891823009 – powered by Metroklang Records


ARISA in concerto a Gravina in Puglia per la festa patronale di San Michele Arcangelo

In il

arisa live gravina di puglia

GRAVINA IN PUGLIA – Sarà Arisa a salire sul palco di piazza Scacchi, sabato 1 Ottobre, a Gravina in Puglia (Bari) in occasione dei festeggiamenti in onore di San Michele Arcangelo.

In una sorprendente alternanza fra ballate d’amore malinconiche e sfrenati ritmi dance anni ’90, acrobazie vocali e fraseggi rap, Arisa presenterà per la prima volta dal vivo il nuovo album Ero Romantica, un disco in bilico fra romanticismo e urgente bisogno di libertà, carnalità e spiritualità, un dualismo espresso già dalla separazione in due blocchi fra le canzoni più scatenate e elettroniche e quelle più lente e sentimentali, come in un ideale lato A e lato B.
11 tracce che sono un atto d’amore verso l’umanità nelle sue varie sfaccettature, che celebrano la femminilità e le sue contraddizioni, che parlano di autodeterminazione femminile e di schiavitù volontaria urlando l’esigenza di cambiare punto di vista per non rimanere schiacciati dall’omologazione.
Non mancheranno in scaletta i singoli che hanno anticipato il disco come Potevi di fare di più, Psycho, Altalene, Cuore oltre alle hit che hanno fatto conoscere Arisa al grande pubblico: Sincerità, Controvento e La Notte.


DIK DIK in concerto a Bitetto per la festa patronale di San Michele Arcangelo

In il

dik dik in concerto a bitetto

BITETTO – Saranno i Dik Dik a salire sul palco di piazza Aldo Moro, venerdì 30 settembre, a Bitetto (Bari) in occasione dei festeggiamenti in onore di San Michele Arcangelo.

Prima Dreamers, poi Squali, dopo un provino procurato al gruppo grazie ad una segnalazione dell’allora arcivescovo di Milano Giovanni Battista Montini, futuro Papa Paolo VI, ottengono un contratto discografico con la Dischi Ricordi, cambiando il nome in Dik Dik (nome di un’antilope africana, trovato da Pietruccio Montalbetti per caso, guardando un dizionario Inglese – Italiano). Debuttano nel 1965 col singolo 1-2-3/Se rimani con me.
1-2-3 è la reinterpretazione dell’omonimo brano di Len Barry; la facciata B, intitolata Se rimani con me, era scritta da un ancora sconosciuto Lucio Battisti, prima del suo incontro con il paroliere Mogol. Agli inizi dell’anno successivo, questi fa ascoltare a Montalbetti una canzone che, appena uscita negli Stati Uniti d’America, sta riscuotendo un successo clamoroso: California Dreamin’ dei The Mamas & the Papas; l’impasto delle voci, la melodia trascinante e le soluzioni musicali (con l’assolo di flauto al termine della seconda strofa) colpiscono Montalbetti, che convince Mogol a scrivere un testo in italiano. Il paroliere si mantiene abbastanza fedele al testo originale, cambiando solo delle piccole cose ma lasciando inalterato il desiderio del caldo di Los Angeles che nasce da una fredda realtà evidenziata dal cielo grigio e dalle foglie gialle.
Anche in Italia, con il titolo Sognando la California la canzone riscuote un successo clamoroso (nella hit parade di Lelio Luttazzi la canzone rimane stabile per settimane al secondo posto, superata solo da Strangers in the Night di Frank Sinatra), consentendo ai componenti del gruppo di abbandonare i loro lavori precedenti e di dedicarsi a tempo pieno alla musica. Sul retro del 45 giri vi è Dolce di giorno, scritta da Mogol e Lucio Battisti, che hanno iniziato a collaborare. Dolce di giorno viene incisa anche dallo stesso Battisti, che utilizza la stessa base musicale realizzata dai Dik Dik e la pubblica come lato B del suo primo 45 giri Dolce di giorno/Per una lira.
Lucio Battisti, i Dik Dik ed Aldo Novelli durante un episodio di Teleset, 1966.
Sempre nello stesso anno il complesso collabora con Ornella Vanoni, suonando nel 45 giri Io ti darò di più/Splendore nell’erba.
Da allora si susseguono i 45 giri di successo: nel 1967, Il mondo è con noi (ancora una reinterpretazione dei The Mamas & the Papas, con sul retro Se io fossi un falegname, versione italiana di If I were a carpenter di Tim Hardin); nel 1967 Inno (cover, sempre ad opera di Mogol, di Let’s go to San Francisco dei The Flower Pot Men), Senza luce (cover, sempre con i testi di Mogol, di A Whiter Shade of Pale dei Procol Harum, con la celebre intro di organo Hammond), con la quale raggiungono il primo posto nella Hit Parade; nel 1968 esce Il vento (ancora di Mogol e Battisti, con sul retro L’eschimese, una versione italiana di The mighty Quinn di Bob Dylan, ancora opera di Mogol), mentre l’anno seguente Il primo giorno di primavera, con Lucio Battisti alla chitarra acustica e Pino Presti al basso elettrico, che arriva prima in classifica per due settimane.
Sempre nel 1969 presentano al Festival di Sanremo Zucchero, in coppia con Rita Pavone. Al festival tornano l’anno dopo con Io mi fermo qui; altro successo del 1970 è L’isola di Wight (cover di Wight Is Wight del cantautore francese Michel Delpech); poi Vendo casa (1971, ancora di Mogol e Battisti, che partecipa alla registrazione), Viaggio di un poeta (1972), di nuovo prima nella Hit Parade, Storia di periferia (1973), Help me (1974).
Non così fortunata è la loro carriera a 33 giri: dopo tre raccolte assemblate con i singoli di successo più qualche inedito (pubblicate rispettivamente nel 1967, 1969 e 1970) nel 1972 i Dik Dik danno alle stampe il primo album originale, dal titolo Suite per una donna assolutamente relativa. Il lavoro, composto da Mario Totaro con i testi di Herbert Pagani, è un esperimento di rock progressivo, ma il pubblico, che si aspettava brani di pop melodico, non gradisce il cambiamento di rotta e l’album costituirà per il gruppo il più grande insuccesso di vendite.
Nel 1974, Panno e Totaro lasciano il gruppo e sono sostituiti da Roberto Carlotto detto “Hunka Munka” (ma che usa anche il soprannome di “Charlott”) alle tastiere, e Nunzio “Cucciolo” Favia alla batteria. Dopo aver pubblicato Help me e, nel 1975, Volando (una bella reinterpretazione di Sailing di Rod Stewart), il gruppo vive un periodo di appannamento e declino – quantomeno sul lato discografico – dovuto in parte al cambiamento dei gusti del pubblico, in parte a scelte discografiche un po’ azzardate e poco coerenti con il resto della produzione Dik Dik: si pensi a I’te vurria vasà (Eduardo Di Capua) del 1976.
Nel 1978 esce dal gruppo la voce storica Giancarlo “Lallo” Sbriziolo ed è rilevato dal chitarrista Roberto “Roby” Facini. Nel medesimo anno del 1978 è in commercio il singolo Io, te, l’infinito; sul lato A del 45 giri compare il nome di Giorgio Faletti, un giovane cabarettista ed autore di Asti al tempo quasi sconosciuto, per la stesura del testo. L’anno successivo entra anche un altro chitarrista, Rosario Brancati. Nel 1980 esce Roberto Carlotto ed entra in pianta stabile il tastierista Joe Vescovi, che collaborava già dal 1974 col gruppo. Nel 1980 Giorgio Faletti scrisse ancora due brani per il complesso musicale; Vuoto a rendere e Mamamadama. Dopo qualche singolo di successo come Laser vivente del 1980 e Giornale di bordo (1982) nel 1982 il gruppo diventa un trio, con tre degli elementi originali (Pietruccio-Pepe-Lallo). Nel 1983 esce il singolo “L’amico mio/Compagnia”; un anno dopo è la volta di un rifacimento reggae di Senza luce pubblicato nel singolo “Senza luce… reggae/Alza la vela (al vento)”.
Nel 1985 parteciperanno al progetto “Musicaitalia per l’Etiopia” incidendo con altri artisti Nel blu dipinto di blu (Volare). Dalla seconda metà degli anni ottanta, il terzetto originale è affiancato da vari musicisti di spalla che varieranno negli anni. Dal 1988 è tornato Joe Vescovi come tastierista fino alla fine degli anni novanta; dopo una pausa di alcuni anni Vescovi è rientrato nel gruppo all’inizio del 2007. Nel 1986 tornano alla ribalta Nunzio Favia e Roberto Carlotto formando il gruppo Carlotto e Cucciolo già Dik Dik, nome deciso in tribunale dove, dopo un contenzioso durato anni per l’utilizzo del marchio “Dik Dik”, la causa si è chiusa nel 2006 con il marchio originale assegnato a Pietruccio, Pepe e Lallo ed il marchio “Già Dik Dik” assegnato ai due ex membri del gruppo originale Carlotto e Cucciolo.
Tra la fine degli anni ottanta e l’inizio degli anni novanta con l’apprezzamento del pubblico riscontrato in “trasmissioni-amarcord” come Una rotonda sul mare, i Dik Dik tornano al successo che li porta nel 1993 a calcare nuovamente il palco del Festival di Sanremo insieme a I Camaleonti, altro gruppo storico degli anni sessanta e settanta, e a Maurizio Vandelli, ex voce degli Equipe 84, con la canzone Come passa il tempo, che pur venendo esclusa dalla finale avrà un buon esito commerciale. Da allora i Dik Dik hanno continuato ad apparire in trasmissioni televisive, fare concerti in giro per l’Italia e pubblicare nuovi lavori di buon successo. Dal 1997 hanno su Internet un sito ufficiale che aggiorna costantemente i fan sui loro progetti musicali. Nello stesso anno pubblicano un album di inediti molto moderno e raffinato, dal titolo Isole in viaggio.
Nel settembre 2020 si affidano ad un nuovo autore toscano, Luca Nesti, per produrre un nuovo disco di inediti, entrano in studio a fine settembre e producono un’opera con 6 canzoni inedite e 5 grandi successi tra settembre e dicembre 2020.
Il 18 dicembre 2020 muore all’età di 80 anni Erminio ‘pepe’ Salvaderi, per complicazioni da COVID-19.
Il 29 aprile 2021, una volta deciso di continuare da parte di Lallo e Pietruccio, esce il nuovo album dal titolo “Una vita d’avventura” scritto da Luca Nesti e Prodotto da Gaetano Rubino e Luca Nesti contenente anche l’ultima performance di Pepe Salvaderi.


Di Voce in Voce Festival 2022, il programma completo

In il

Di Voce in Voce Festival 2022

Da sabato 24 settembre a domenica 2 ottobre presso il Nuovo Teatro Abeliano di Bari, torna il Festival “Di Voce in Voce” 2022, XIVª edizione, dedicato alla musica contemporanea d’autore e popolare, vi aspettiamo!

Ingresso libero fino ad esaurimento posti

Programma:

24/09 BARI TEATRO ABELIANO (ORE 20:30)
DUO CORO
RADICANTO

25/09 BARI TEATRO ABELIANO (ORE 20:30)
AFROTERREAN DUO
BIRKIN TREE

01/10 BARI TEATRO ABELIANO (ORE 20:30)
VITO SIGNORILE
SARITA

02/10 BARI TEATRO ABELIANO (ORE 20:30)
MICHELE LIBRARO
MARIA MORAMARCO & UARAGNIAUN


Birra nel Bosco a Castellana Grotte

In il

Birra nel Bosco a Castellana Grotte

Un’estate così non poteva finire senza una bella festa.
Saremo con le nostre birre e tanto sano divertimento presso Il Percorso del Sapore, una meravigliosa area immersa nella natura a 1 km dal centro di Castellana Grotte (Strada comunale contrada delle Gadiane 16A).
https://maps.app.goo.gl/VUnrKv2vYkQNDX3i7

Abbiamo pensato a tutto:
Musica popolare e musica rock
Birre artigianali Lieviteria
Panini e prodotti tipici pugliesi
Area Bimbi

Ingresso libero

Start h. 20:00

Vi aspettiamo venerdì 23 e sabato 24 settembre!


MUNICIPI SONORI PER L’UCRAINA: 5 concerti gratuiti dell’Orchestra del Teatro Petruzzelli in 5 luoghi della città di Bari

In il

municipi sonori per l'ucraina

“MUNICIPI SONORI PER L’UCRAINA”
DAL 18 AL 25 SETTEMBRE LA KHARKIV CHAMBER ORCHESTRA
IN CONCERTO NEI CINQUE MUNICIPI

La Fondazione Teatro Petruzzelli, in collaborazione con l’assessorato alle Culture del Comune di Bari, presenta “Municipi Sonori per l’Ucraina”.
L’iniziativa, organizzata con il sostegno del Ministero per i Beni e le Attività Culturali, vedrà protagonista la prestigiosa Kharkiv Chamber Orchestra nel corso di cinque appuntamenti musicali.
I concerti, a ingresso libero fino ad esaurimento posti, tutti con inizio alle 20.30, avranno luogo domenica 18 settembre nella Chiesa di San Gabriele (San Paolo), lunedì 19 settembre nella Chiesa di San Marcello (Carrassi), mercoledì 21 settembre nella Chiesa di San Nicola (Catino), venerdì 23 settembre nella Chiesa Santa Maria (Ceglie del Campo) e domenica 25 settembre nella Chiesa Santissimo Redentore (Libertà).
“La fondazione Lirico Sinfonica Petruzzelli è una delle 20 fondazioni italiane finanziate dal MIC per sostenere le artiste e gli artisti ucraini costretti a fuggire dalla guerra – spiega l’assessora comunale alle Culture Ines Pierucci-. Questa speciale edizione di Municipi sonori si svolgerà perciò all’insegna della solidarietà testimoniando, una volta di più, come la cultura possa davvero unire popoli e Paesi. Ringrazio come sempre il sovrintendente Biscardi per l’impegno organizzativo e professionale messo in campo per portare ancora una volta la bellezza della grande musica in tutti i quartieri della città”.

Il programma dei concerti propone:

di Wolfgang Amadeus Mozart [1756-1791] Divertimento in Re maggiore, KV 136,
di Myroslav Skoryk [1938-2020] Melody, dalla colonna sonora del film “The high pass” di Volodymyr Denysenko [1981] e Danza spagnola, per orchestra da camera [2001],
di Edward Elgar [1857 – 1934] Serenade in mi minore, per orchestra d’archi, op. 20 I. Allegro piacevole II. Larghetto III. Allegretto,
di Johann Sebastian Bach / August Wilhelmj Aria sulla IV corda, in Do maggiore, per archi arrangiamento per archi del secondo movimento della Suite orchestrale n. 3, BWV 1068 di J. S. Bach,
di Yuri Schevchenko [1953-2022] Tre canzoni ucraine e Auguri per la vita,
di Gustav Holst [1874 – 1934] St. Paul’s suite, per orchestra d’archi, op. 29 n.2 I. Jig: Vivace II. Ostinato: Presto III. Intermezzo: Andante con moto IV. Finale (The Dargason): Allegro.

La Kharkiv Chamber Orchestra è un ensemble musicale di Kharkiv, in Ucraina. La sfera principale dell’attività creativa dell’ensemble è la promozione della musica di compositori ucraini e la rappresentazione del loro lavoro all’estero. Nasce nel 2001 grazie all’iniziativa del Maestro Yuriy Yanko, detentore del titolo di “Honoured Worker of the Arts of Ukraine”, e vincitore del Concorso Internazionale di Direzione di Vakhtang Jordania, nominato nello stesso anno direttore musicale e direttore principale della Kharkiv Symphony Orchestra. Negli anni della sua esistenza, l’ensemble ha fatto un gran numero di anteprime di opere di compositori ucraini contemporanei: Valentyn Syl’vestrov, Volodymyr Zubyc’kyj, Ivan Karabyc’, Jevhen Stankovyč, Myroslav Skoryk, O. Kiva, Jurij Iščenko, Igor Ščerbakov, Hanna Gavrylec’, Karmella Cepkolenko, I. Kyrylina, O. Levkovyč, V. Hubarenko, V. Zagorcev, Ja. Vereščagin, Zoltan Almaši, Oleksandr Šimko e altri. L’ensemble collabora anche con i cantanti Nina Matvijenko, Oleksandr Vasylenko e Ljudmyla Vojnarovs’ka. L’ensemble ha partecipato a festival di musica accademica in Ucraina, Germania, Austria, Francia, Cina, Polonia, Grecia, Russia, Stati Uniti, Paesi Baltici, Armenia, Georgia.


Red Bull Cliff Diving World Series 2022 a Polignano a Mare

In il

red bull cliff diving 2022 polignano

Red Bull Cliff Diving World Series
Polignano a Mare, Bari – Italia
16, 17 e 18 Settembre 2022

ATTENZIONE:
A causa delle previsioni metereologiche incerte, il programma della tappa italiana del Red Bull Cliff Diving a Polignano a Mare è stato anticipato e modificato.
I primi due round sono previsti oggi pomeriggio, venerdì 16 settembre:
1° round: h. 13:30-14:20 – tuffi dalla piattaforma
2° round: h. 17:00-17:50 – tuffi da casa Guglielmi
Domani, sabato 17 settembre, è previsto il terzo round dalla piattaforma installata sulla terrazza di casa L’Abbate a partire dalle ore 13:00.
Mentre domenica 18 settembre dalle ore 14:00 ci sarà il round finale e alle 15:30 la cerimonia di premiazione.

———————————————————————————-

La splendida Polignano a Mare si riconferma tappa italiana del Red Bull Cliff Diving World Series, il campionato di tuffi da grandi altezze.

Dopo essere ritornata nel 2021 con una stagione emozionante e da record, la Red Bull Cliff Diving World Series si prepara a prendere il via quest’anno con otto round previsti in altrettante località sparse per il mondo.

Lo scorso anno i campioni Gary Hunt e Rhiannan Iffland sono riusciti ad affermare il loro dominio conquistando rispettivamente il nono e il quinto titolo nelle categorie maschile e femminile, ma dai segnali visti finora sembra che questa stagione sarà una delle più combattute di sempre: i migliori cliff diver si preparano ancora una volta a darsi battaglia per conquistare gli ambiti trofei King Kahekili.

I primi salti da 27 metri sono ormai distanti pochi mesi, ed ecco dunque cinque motivi per cui non vediamo l’ora che questa nuova stagione cominci.

Mettendo per un istante da parte le spettacolari acrobazie aeree che l’elite dei cliff diver è in grado di eseguire, un altro degli aspetti che rende così affascinante questo sport è il lunghissimo elenco delle splendide località che lo hanno ospitato. Da luoghi idilliaci come le Filippine o le Hawaii fino a città brulicanti e dai maestosi monumenti, la World Series ha dato vita a un vero e proprio tour panoramico nel corso delle passate 12 stagioni.

Nel 2022, dopo essere tornata a Boston per la prima volta in nove anni in occasione del round di apertura fissato a giugno, il cliff diving si imbarcherà in un tour che toccherà alcune capitali europee. Si approderà in Francia, lì dove Gary Hunt – che risiede a Parigi – non dovrà fare poi molta strada per emozionare i fan che lo aspetteranno a Port Debill, proprio davanti alla Torre Eiffel.

Successivamente a luglio, in quella che per gli uomini sarà la quinta apparizione a Copenhagen, le donne avranno per la prima volta la possibilità di tuffarsi dall’iconica Opera House della città danese. Il viaggio tra le capitali d’Europa proseguirà ad agosto a Oslo, in Norvegia, lì dove un’altra Opera House farà da scenario a un appuntamento cruciale in ottica campionato.

A quel punto la World Series proseguirà il proprio cammino toccando tre località simbolo: a fine agosto si andrà a Mostar, in Bosnia ed Erzegovina, prima di dirigersi verso Sisikon in Svizzera e giungere in Italia, a settembre, nella caratteristica cornice di Polignano a Mare.

Maggiori info qui


SAN NICOLA DEL MARE, a Torre a Mare l’inaugurazione della barca di San Nicola dipinta dall’artista Lara Urso

In il

san nicola del mare torre a mare lara urso

SAN NICOLA DEL MARE
Dal recupero dell’imbarcazione all’opera d’arte

“San Nicola del mare” è l’evento organizzato dalla Pro Loco di Torre a Mare il 16 settembre alle ore 19:00 presso il centro parrocchiale di San Nicola a Torre a Mare, con cui l’associazione del borgo pelosino vuole rendere omaggio al Santo patrono del quartiere e della città di Bari.
In programma c’è l’inaugurazione della barca di San Nicola dipinta dall’artista Lara Urso, che sarà presentata dalla prof.ssa Paola De Marzo, e la partecipazione dello storico nicolaiano Prof. Enzo Varricchio che illustrerà la storia di San Nicola; dopo la presentazione, la barca verrà benedetta dal parroco Don Fabio Carbonara.

Interverranno:
Lara URSO, artista poliedrica
Paola DE MARZO, docente e scrittrice
Prof. Enzo VARRICCHIO, storico nicolaiano
Dott. Franco VIRGILIO, Presidente Pro Loco Torre a Mare
Don Fabio CARBONARA, Parroco della chiesa di San Nicola

Ingresso libero