“La città immaginaria” a Bari le opere del maestro Armando Marrocco

In il

la citta immaginaria armando marrocco

L’arte, la creatività e la grande unicità di Armando Marrocco, uno dei più significativi maestri italiani del Novecento, arrivano nel cuore di Bari. La rassegna, dedicata alle storiche opere in metallo dell’artista salentino, dal titolo “La città immaginaria” approda nel capoluogo pugliese dopo il grande successo ottenuto a Torino, presso Spaziobianco, la nongalleria di Silvano Costanzo.
L’appuntamento espositivo sarà inaugurato sabato 30 marzo alle ore 18:30 nella galleria Formaquattro in via Argiro a Bari.
La mostra, a cura di Toti Carpentieri, rimarrà aperta fino al 4 maggio 2019 e rappresenta una summa ideologica della ricerca dell’artista.
«Tutti gli artisti sperimentano – spiega Silvano Costanzo, gallerista di Spaziobianco – alcuni lo fanno per periodi più o meno lunghi della loro vita. Altri, pochissimi, lo fanno per sempre. Armando Marrocco lo sta facendo da sessant’anni. Nessuno, come lui, è riuscito ad attraversare i decenni più travagliati della storia dell’arte mantenendo, costante, il coraggio di confrontarsi: con le idee, con le persone, con le tecniche e con i materiali».
Una rassegna “dura come il metallo” con le opere in ferro, bronzo e anticorodal che partono dai suoi infiniti accadimenti, dalle riflessioni del proprio percorso e riescono a mettere sempre insieme arte e scienza.
«Ecco, i materiali. – continua il gallerista torinese – Armando Marrocco ha usato tutto nella sua lunga vita: il ferro, il marmo, la carta, la plastica, la tela, il gesso, l’oro, la luce, il fuoco, l’acqua, il suono, il legno, la pietra, le parole, perfino le formiche. E sé stesso. Non c’è idea artistica della seconda metà del ‘900 nella quale Marrocco non abbia posto un suo segno originale. È stato ed è uno scultore, un pittore, un fotografo, un designer, un poeta, un performer, un musicista, un architetto. Un artista vero, insomma. Un maestro».
L’opera storica che dà il titolo all’esposizione è stata realizzata nel 1976 ed era stata presentata per la prima volta nel 1980 negli spazi della prestigiosa galleria Il Milione a Milano.
«La mostra che Armando Marrocco ha ora deciso di presentare a Bari – conclude Costanzo – con la curatela di Toti Carpentieri, evidenzia uno dei filoni più significativi del suo lungo percorso creativo: quello della città utopica. Quella che ora viene presentata alla galleria Formaquattro, insieme ad altre opere “metalliche”, è dunque la madre di tutte le città utopiche sognate da Armando Marrocco. Pur essendo un sogno, è elegante e poetica, salda e forte come l’artista che l’ha realizzata.

Galleria Formaquattro – via Argiro 73, Bari
Ingresso gratuito
Orari d’apertura dalle 11,00 alle 13,00 e dalle 17,00 alle 20,00
Lunedì chiuso
Tel. 3466260299


“Leonardo e la Puglia, tra passato e futuro”: Le macchine di Leonardo da Vinci in mostra al Politecnico di Bari

In il

le macchine di leonardo da vinci in puglia

Il 27 marzo alle 13:00, nell’atrio scoperto del Politecnico di Bari, all’interno del Campus “Quagliariello”, sarà inaugurata la mostra delle macchine di Leonardo Da Vinci in occasione del 500esimo anniversario della morte del grande genio, realizzate fedelmente nei materiali, nella meccanica e nelle dimensioni dal maestro Giuseppe Manisco, di Galatone, sulla base dei disegni di Leonardo.
L’evento è promosso dall’Accademia Pugliese delle Scienze nell’ambito di un convegno dal titolo “Dal Volo degli Uccelli al Volo spaziale”, che si terrà nell’aula magna del Politecnico, sempre all’interno del Campus, dalle 10 e rientra in un ampio calendario di iniziative dedicate al cinquecentenario di Leonardo, a cura dell’Accademia Pugliese delle Scienze insieme con il Politecnico e l’Università di Bari, l’Università del Salento, l’Università della Basilicata, l’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, il Museo Leonardo da Vinci di Galatone, Sitael Spa e l’Autorità Portuale di Bari.

La partecipazione è libera e gratuita. 


MENEGHETTI e HAIR CRIMAX FASHION SHOW, arriva a Bari l’appuntamento con l’alta moda

In il

MENEGHETTI e HAIR CRIMAX FASHION SHOW arriva a Bari l'appuntamento con alta moda

LE BOUTIQUE CHE RESISTONO: 
MENEGHETTI & HAIR CRIMAX FASHION SHOW, 
arriva a Bari l’appuntamento con l’alta moda

Grande attesa a Bari per il MENEGHETTI & HAIR CRIMAX FASHION SHOW. Domenica 17 marzo, alle ore 18.00, nell’incantevole location del The Nicolaus Hotel Bari – HO Hotels Collection, (Via Cardinale Agostino Ciasca, 27), vi aspetta una serata all’insegna dell’alta moda, del fascino, dell’eleganza.

L’evento, organizzato dalla storica realtà barese Meneghetti Boutique, in sinergia con professionisti di altri settori, sarà uno degli appuntamenti più glamour della prossima stagione, una festa per i clienti storici e per tutti gli amanti della moda e i curiosi. L’ingresso è gratuito. Non sarà una semplice presentazione, ma un vero e proprio viaggio alla scoperta dei colori e delle tendenze moda donna e uomo delle collezioni primavera/estate 2019 di importanti case di moda italiane e non solo. Abiti come opere d’arte: dal casual, allo chic, dal ricercato allo sportivo per look unici e impeccabili in cui la ricercatezza dei dettagli e la sartoria faranno la differenza.

Sarà la speaker di Radionorba, Antonella Caramia, volto tra i più amati della nota emittente radiofonica pugliese, a condurre la serata.

Tra i partner ufficiali dell’atteso evento ci sono i parrucchieri Hair Crimax Studio di Bari e Felitti Parrucchieri di Laterza, Ursini Gioielli di Bitritto, Veronico Saverio creazioni floreali dal 1966 di Bari e l’Arco delle Feste di Palo del Colle.

Contro il consumismo omologato dei centri commerciali, da oltre 32 anni, la Boutique Meneghetti, situata in C.so Sonnino, 112 a Bari e fondata da Michele Carnimeo, padre di Anna Rita, che attualmente gestisce il negozio insieme al fratello Mico, è sinonimo di professionalità, serietà ed esperienza.  

Da sempre Mico e Annarita selezionano grandi firme italiane e straniere di abbigliamento ed accessori per uomo e donna. Il punto di forza della Boutique è il grande amore per questo lavoro insieme alla ricerca costante della novità e di quei nuovi stili che anticipano le mode, senza assecondare il filone del ‘fast-fashion’ delle grandi catene di abbigliamento. Meneghetti Boutique offre consulenze d’immagine gratuite. La bravura dei consulenti d’immagine sta nel consigliare l’abito perfetto anche in base al luogo di ricevimento: ogni abito può diventare una grande occasione per esprimere al meglio la propria personalità che nel quotidiano non sempre viene fuori.

Perchè per Anna Rita, proprieteria della boutique: “Non c’è niente di meglio che sentirsi bene con se stessi indossando un abito che valorizzi corpo e anima. L’abito non è solo stoffa, è una seconda pelle. Deve essere un ricordo e avere un valore affettivo e magari potersi tramandare di generazione in generazione: la gioia che si prova nel vedere un capo, venduto anni prima ad una cliente, indossato dalla figlia, è impareggiabile; è l’essenza di questo lavoro.”  

CONTATTI
Per informazioni:  080 553 0479


Una, nessuna, centomila

In il

una nessuna centomila

In occasione della festa della donna, l’associazione intende rivalutare la festività riportandola al suo significato originario.
Una giornata in cui ricordare le conquiste sociali e politiche delle donne, un’occasione per rafforzare la lotta contro le discriminazioni e le violenze, un momento per riflettere sui passi ancora da compiere. La Giornata Internazionale della Donna, che cade ogni anno l’8 marzo, è tutto questo e anche di più. È un modo per ricordarsi da dove veniamo, noi donne, e dove stiamo andando.

PROGRAMMA:

Venerdì 8 marzo
Ore 18:30 Inaugurazione della mostra di arti espressive dedicata alla figura della donna, presentazione del progetto, visione dello shortmovie “I colori delle Falene” di Leonardo Ginefra

Sabato 9 marzo
Ore 10/13 e 18:00/21:00 mostra
Ore 18:30/20:30 Reading poetico – musicale a cura di Andrea Savoia e Paola Isaja

Domenica 10 marzo
Ore 10/13 e 18:00/21:00 mostra
Ore 18:30/20:30 Presentazione del libro “ Disturbi di luminosità” di Ilaria Palomba, dibattito sulla psicologia femminile, disturbi mentali e il loro legame con la creatività.
Modera l’incontro la giornalista Fabia Tonazzi.
A seguire art performance a cura di Ilaria Palomba e Miguel Gomez.

Tutti gli eventi sono ad ingresso gratuito.

Dinamiche Culturali – via Napoli, 125 – Santo Spirito (Bari)

Si ringrazia Debora Piteo per aver autorizzato l’uso dell’immagine


Settimana dei Musei 2019: al Castello Svevo di Bari concerti, presentazione di libri e conversazioni a tema

In il

settimana dei musei castello svevo bari

In occasione della Settimana dei Musei prevista dal Mibac per l’anno 2019 dal 5 al 10 marzo, la Direzione del Polo Museale della Puglia e la Direzione del Castello Svevo di Bari, nell’ambito delle attività di promozione culturale del Polo Museale della Puglia, propongono una serie di iniziative quali presentazione di libri, concerti e conversazioni a tema.
Una settimana densa di appuntamenti, che vede il Castello Svevo di Bari centro propulsore e nucleo di riferimento dell’identità culturale cittadina.

Di seguito il programma degli eventi organizzati:

Presentazione del libro “ALLE ORIGINI DELLA MAIEUTICA” di Dorella Cianci.
GIOVEDÌ 07 MARZO ALLE ORE 17,00 presso la Sala Multimediale del Castello Svevo di Bari verrà presentato il libro “Alle origini della maieutica” di Dorella Cianci – ed. Marisilio Feltrinelli, di Dorella Cianci  (prefazione di Guido Guidorizzi), con l’intervento del prof. Corrado Petrocelli, ex Rettore dell’Università degli Studi di Bari e attuale Rettore dell’Università degli Studi della Repubblica di San Marino. L’evento verrà moderato dal giornalista RAI Mimmo Spina.
Il termine ‘maieutica’, come spiega l’autrice, si è introdotto nell’uso contemporaneo per indicare come si possa partorire anche intellettualmente. Nel chiedersi, quindi, quando è iniziato l’accostamento, nella sfera educativa, fra parto e idee, partendo dal mito greco del ‘partorire con la testa’ e passando per la formula creata da Socrate, il libro verte sulla esigenza contemporanea di riflettere sul dialogo. Ci si chiede quanto la dialogicità  oggi sia più efficace rispetto a quella socratica, quella che forse (come sottolinea Umberto Eco) cercava di sfinire l’interlocutore a sostegno delle proprie convinzioni.
Alla presentazione interverrà la stessa autrice Dorella Cianci, grecista, filologa, dottorata in storia dell’educazione, assegnista di ricerca in storia della filosofia medievale presso l’Università LUMSA di Roma e collaboratrice di alcuni quotidiani quali l’Unità, la Repubblica, il Corriere della Sera ed il Sole 24 Ore.

Ingresso gratuito fino ad esaurimento posti.

Concerto “DONN’AMOR”, con Giovanna Carone (voce), Giuseppe Petrella (tiorba) e  Pippo D’Ambrosio (percussioni).
VENERDÌ 08 MARZO ALLE ORE 18.00 (apertura porte ore 17.30), in occasione della Giornata Internazionale della Donna, il Castello Svevo di Bari ospiterà presso la Sala Multimediale il concerto “DONN’AMOR”.
Il programma, che si muove nel complesso mondo delle emozioni al femminile, si sviluppa in una serie di canti sefarditi, arie, piccole cantate, villanelle, canzoni e mottetti di autori del primo ‘600 italiano (Sigismondo d’India, Johann Hyeronimus Kapsberger , Claudio Monteverdi, Nicolas Hotman, Robert de Visée, Girolamo Frescobaldi, Tarquinio Merula, Gaspar Sanz, Andrea Falconieri, Enrico Radesca).
Il concerto vedrà come protagonisti:
Giovanna Carone (voce),
Giuseppe Petrella (alla tiorba)
Pippo D’Ambrosio (alle percussioni).

Ingresso gratuito fino ad esaurimento posti.

Conferenza “LE DONNE DEL MARE” a cura di Enrica Simonetti e Tina Ottavino.
SABATO 09 MARZO ALLE ORE 10.00 presso la Sala Multimediale del Castello Svevo di Bari si terrà la conferenza “Le donne del mare” a cura di Enrica Simonetti, giornalista della Gazzetta del Mezzogiorno e scrittrice di libri sui fari e sul mare, Tina Ottavino dell’associazione “Alexott” ed il Festival “Mare d’Inchiostro” della Vedetta sul Mediterraneo.
In questa conferenza saranno trattate le storie di coloro che vivono il mare perché professionalmente coinvolte, come le donne in divisa impiegate sulle navi della Marina Militare, ma anche le veliste e altre che lo vivono indirettamente come, ad esempio, le mogli dei pescatori.
Interverrà e racconterà la sua esperienza anche Rita Di Loreto l’unica donna guardiano di un faro in Italia.

Ingresso gratuito fino ad esaurimento posti.

Concerto del Trio “GIOCONDA DE VITO”, con Liubov Gromoglasova (pianoforte), Silvia Grasso (violino) e Gaetano Simone (violoncello).
SABATO 09 MARZO ALLE ORE 17.30 (apertura porte ore 17.00), il Castello Svevo di Bari, in collaborazione con la Fondazione Paolo Grassi di Martina Franca, ospiterà all’interno della Sala Multimediale il concerto del Trio “Gioconda de Vito”, con introduzione di Nicola Santoro.
Attraverso le musiche di Robert Schumann e a 200 anni dalla nascita della moglie Clara, il tema delle ‘musiche periferiche’ sarà interpretato in relazione al ruolo spesso secondario assegnato alla donna nella musica e nell’arte in generale. Clara Schumann fu una delle pianiste più importanti e virtuose dell’epoca romantica, nonostante, all’epoca, si consentisse solo raramente ad una donna di esibirsi in concerti che non fossero privati. Anche dopo la morte di Robert, nel 1856, Clara continuò a girare per il mondo in tournée, cercando di valorizzare sia i lavori del marito che quelli dell’amico Brahms.
Durante il concerto verranno eseguite: di Robert Schumann ‘Fantasiestucke op.73’, di Clara Schumann ‘Tre Romanze op.22’ e il celebre ‘Trio in sol minore per pianoforte, violino e violoncello op.17’.
Il concerto vedrà come protagonisti:
Liubov Gromoglasova (al pianoforte),
Silvia Grasso (al violino) e
Gaetano Simone (al violoncello).
Introduce: Nicola Santoro.
Nel corso dell’evento l’attrice Valeria Pinto  leggerà alcune pagine del diario tenuto da Clara Wieck e Robert Schumann.

Ingresso gratuito fino ad esaurimento posti.

Per info:
Castello svevo di Bari
Piazza Federico II di Svevia, 4
Tel. 3285499757
Mail: pm-pug.castellosvevo@beniculturali.it


Celebrazione della Giornata Mondiale delle Malattie Rare 2019

In il

racconti rari Giornata Mondiale delle Malattie Rare

Per dare VOCE alle persone che vivono la quotidianità di una Malattia Rara nella nostra regione, le 22 Associazioni di Pazienti Rari, riunite nella
Rete Regionale A. MA.RE Puglia,

hanno ideato e promosso l’evento

“RACCONTI RARI – Emozioni fra le righe della vita dei malati rari”
Celebrazione della Giornata Mondiale delle Malattie Rare 2019

L’evento, patrocinato da Regione Puglia, Comune di Bari, ARESS Puglia, Co.Re.Ma.R. Puglia, Uniamo FIMR, Eurordis, si terrà a Bari il 2 marzo 2019 presso l’Auditorium “La Vallisa”, in Via Vallisa, 24, dalle ore 9.30 alle ore 12.00, con l’obiettivo di sensibilizzare la società sul tema delle Malattie Rare e sui bisogni socio-sanitari e sociali delle persone che ne sono affette.

Gli attori Michele Cuonzo e Paola Martelli, impegnati in un percorso di Medicina narrativa, daranno voce ai racconti scritti dai pazienti o dai loro familiari: storie ricche di emozioni, aspettative, richieste, sogni e speranze, che coinvolgeranno autori, attori, decisori politici, medici e cittadinanza in uno scambio reciproco di riflessioni.

Modera il giornalista Valentino Losito.

Il racconto musicale è affidato al M° Michele Sgaramella.

Per maggiori informazioni visita la pagina facebook Rete Amare Puglia

L’ingresso è gratuito.
Invitate tutti i vostri amici, parenti, conoscenti, medici, infermieri, insegnanti, istruttori sportivi, chiunque vogliate.
Vi aspettiamo numerosi!!!


“ILLUCIAMOCI” alla Pinacoteca Corrado Giaquinto, una mostra di luci ad ingresso gratuito rivolta ai bambini

In il

ILLUCIAMOCI pinacoteca corrado giaquinto

In Pinacoteca dal 23 febbraio al 18 maggio 2019, si potrà visitare la mostra “Illuciamoci”, ad ingresso gratuito, rivolta a bambini e bambine.

L’allestimento della mostra è basato sulla LUCE
come elemento per suscitare immaginari meravigliosi e illusori.

L’installazione è rivolta a bambini/e di età 0-6 anni accompagnati da insegnanti, educatori o genitori, parenti. 
Per i gruppi scolastici è prevista un’attività di accoglienza animata finalizzata alla presentazione dell’esperienza.

Sarà possibile visitare la mostra nelle giornate di:

– giovedì, ore 9.30 – 12.30;
– sabato, ore 9.30 – 12.30 e dalle 16.00 alle 19.00;

– domenica, ore 10.00 – 13.00


La giornata di apertura mattutina infrasettimanale potrà essere eventualmente modificata in relazione a specifiche richieste da parte dei nidi e delle scuole dell’infanzia invitate a visitare la mostra.

La realizzazione di “Illuciamoci” è una delle azioni di contrasto delle povertà educative previste nell’ambito del progetto multiregionale “E Se Diventi Farfalla”, finanziato dall’Impresa “Con i Bambini” e rivolto alla fascia 0-6 anni, è coordinato dalla Coop. Soc. “Zaffiria” di Rimini e di cui la Coop. Soc. “Progetto Città” è partner e curatrice dell’esibizione barese.


INGRESSO GRATUITO


La Storia di un Italiano: Alberto Sordi – 37 appuntamenti ad ingresso gratuito nella Mediateca Regionale Pugliese

In il

La Storia di un Italiano Alberto Sordi Cinestorie live

Da mercoledì 6 febbraio inizia ufficialmente il ciclo di proiezioni della serie televisiva di Alberto Sordi, “Storia di un Italiano”. Nell’ultima versione, riveduta e corretta, Sordi ci racconta la “Storia di un Italiano” attraverso il suo pensiero ed il suo lavoro cinematografico. Trentasette puntate in ventisette appuntamenti dal vivo. Si tratta di un progetto dell’Associazione Culturale “aroruA” che, con la Mediateca Regionale Pugliese, presenta il ciclo di incontri ”La storia di un Italiano”. La rassegna di proiezioni è realizzata con il sostegno di Apulia Film Commission e Regione Puglia, in collaborazione con il Centro Sperimentale di Cinematografia CSC – Cineteca Nazionale, il Politecnico di Bari e con il patrocinio di Rai Radio Televisione Italiana Puglia. Ogni proiezione sarà introdotta e condotta da Benedetto Gemma e Guerino Amoruso che con l’approfondimento radiofonico Cinestorielive in diretta su Radio Social Web, racconteranno la vita e le opere del grande Alberto Sordi. Aneddoti, interviste e ospiti, arricchiranno la storia di questo grande Attore con la collaborazione del pubblico e degli operatori culturali.

Ecco il programma dettagliato dei 37 episodi, nelle sue tematiche, della serie completa “Storia di un Italiano” che verranno proiettati secondo il seguente calendario. Ingresso Gratuito alle ore 16:00 in Mediateca Regionale Pugliese, via Zanardelli 30 a Bari.

Mercoledì 6 Febbraio
 – “1900” 
Durata 74 min.
Martedì 12 Febbraio
 – “Imperatori e Fascismo”
 Durata 65 min.
 – “8 Settembre 1943”
 Durata 63 min.
 (Totale durata 128 min.)
Martedì 26 Febbraio
 – “L’immediato dopo guerra”
 Durata 64 min.
Martedì 5 Marzo
 – “Il Dopoguerra: La ricostruzione e l’arte di Arrangiarsi”
 Durata 67 min. – “Il Dopoguerra: L’arrivo dei partiti”
Durata 55 min. (Totale durata 122 min.)
Giovedì 7 Marzo 
– “La DC, la rinascita e il mito del Cinema” 
Durata 69 min.
Martedì 12 Marzo
 – “La Rinascita e il Teatro”
 Durata 81 min.
Giovedì 21 Marzo
 – “Vitelloni e Raccomandati” 
Durata 50 min. 
– “Il Boom e le prime Raccomandazioni”
 Durata 60 min.
 (Totale durata 110 min.)
Giovedì 28 Marzo 
– “La Famiglia del Boom”
 Durata 62 min.
 – “La Mafia e Little Italy” 
Durata 64 min.
 (Totale durata 126 min.)
Martedì 2 Aprile
 – “I Nuovi Ricchi e la TV”
 Durata 58 min. – “Turismo e Seduzione”
 Durata 62 min.
Giovedì 4 Aprile
 – “Le Vacanze” 
Durata 66 min.
Martedì 9 Aprile
 – “I Latin Lovers” 
Durata 67 min. – “Brevi Amori”
 Durata 52 min. (Totale durata 120 min.)
Giovedì 18 Aprile
 – “Il Cinematografo”
 Durata 67 min.
Martedì 7 Maggio 
– “Siamo tutti Mutuati”
 Durata 63 min.
Giovedì 9 Maggio
 – “La Contestazione” 
Durata 74 min.
Giovedì 16 Maggio
 – “W gli Sposi”
 Durata 72 min. 
– “I Problemi della Coppia” 
Durata 50 min. 
(Totale durata 121 min.)
Giovedì 23 Maggio
 – “Il Divorzio” 
Durata 39 min. 
– “Feste, Lusso e Denaro” 
Durata 63 min. 
(Totale durata 102 min.)
Giovedì 30 Maggio
 – “Giochi d’Azzardo”
 Durata 54 min.
 – “L’Emigrazione 1”
 Durata 48 min.
 (Totale durata 102 min.)
Martedì 4 Giugno
 – “L’Emigrazione 2”
 Durata 69 min.
Giovedì 6 Giugno
 – “La Giustizia e la Morte 1” 
Durata 74 min.
Giovedì 15 Giugno
 – “La Giustizia e la Morte 2”
 Durata 55 min. 
– “Borgo Rosso”
 Durata 48 min. 
(Totale durata 103 min.)
Giovedì 20 Giugno
 – “Alla ricerca di Sé Stessi”
 Durata 90 min.
Giovedì 27 Giugno 
– “Anni 80: Le Comunità e le Vacanze Intelligenti” 
Durata 78 min.
Martedì 2 Luglio
 – “L’Automobile”
 Durata 62 min.
Giovedì 4 Luglio
 – “La Droga” 
Durata 67 min.
Giovedì 11 Luglio 
– “Terrorismo e Guardie del Corpo”
 Durata 74 min.
Giovedì 18 Luglio 
– “Uomo e Robot”
 Durata 89 min.
Giovedì 25 Luglio 
– “2000” 
ULTIMA PUNTATA
 Durata 74 min.

Attore di prosa, di cinema o cantante?
Indeciso su cosa sarebbe diventato in futuro, Alberto Sordi, oggi può raccontarci cento anni di Storia d’Italia, rendendola interessante e divertente soprattutto per i giovani studenti, grazie ai tanti personaggi che ha interpretato nella sua lunga carriera cinematografica.
Un attore dal successo senza fine, la cui carriera iniziò col doppiaggio: fu voce di Cary Grant e persino di Marcello Mastroianni, senza dimenticare che è stata la vera voce storica di Oliver Hardy in Stanlio e Ollio grazie alla vittoria di un concorso promosso dalla Metro Goldwyn Mayer tra la fine del ’37 e il 1939.
Alle scuole elementari il piccolo Alberto già andava in tournée per l’Italia con la piccola compagnia del “Teatrino delle marionette” e a 10 anni cantava da soprano nel Coro delle voci bianche della Cappella Sistina; da un giorno all’altro (un miracolo?) la sua voce subì una metamorfosi passando a quella di basso e diventando una delle caratteristiche distintive più apprezzate dell’amato attore.
Debitore ai Bersaglieri per aver accolto per sé da piccolo le feste del pubblico della fanfara in corsa, come se quegli applausi fossero per lui, negli anni del servizio militare è stato musicista, come il padre, ed ha suonato piatti e timpani nella Banda Presidiaria.


Wiki Loves Monuments: La grande mostra fotografica sui beni culturali legata a Wikipedia fa tappa a Bari

In il

Wiki Loves Monuments

Wiki Loves Monuments: gli scatti del grande concorso legato a Wikipedia in mostra dal 2 al 10 febbraio a Bari

Le fotografie premiate in Italia saranno esposte presso lo Spazio Giovani di via Venezia 41; inaugurazione sabato 2 febbraio aperta a tutta la cittadinanza.

Bari, 1 febbraio 2019

Dal 2 al 10 febbraio lo SpazioGiovani di Bari ospiterà la mostra fotografica degli scatti premiati per l’edizione italiana 2017 di Wiki Loves Monuments, il grande concorso che valorizza il patrimonio culturale sul web, entrato nel Guinness dei Primati per numero di fotografie raccolte in tutto il mondo.
La mostra è promossa da Wikimedia Italia – l’Associazione per la conoscenza libera, che promuove Wiki Loves Monuments nel nostro Paese.
Le fotografie esposte, più di trenta, sono state selezionate tra più di 20.000 scatti che ritraggono i beni culturali e le bellezze d’Italia, raccolti in Italia per l’edizione 2017.
Tutte le immagini sono rilasciate con licenza libera e pubblicate su Wikimedia Commons, il grande database multimediale connesso a Wikipedia. Le fotografie non solo vanno ad illustrare le pagine della grande enciclopedia libera ma sono liberamente riutilizzabili da parte di chiunque – istituzioni comprese – per ogni scopo, anche commerciale: un immenso patrimonio che viene consegnato alla collettività.
Nel quadro della mostra, sabato 2 febbraio alle 18:30 si terrà un evento di inaugurazione, che sarà anche un occasione di festa per presentare alla cittadinanza il concorso e le attività di Wikimedia Italia.

Informazioni pratiche:
La mostra sarà esposta presso SpazioGiovani, la galleria dell’Assessorato alle politiche giovanili del comune di Bari, in Via Venezia 41, sull’antica muraglia della città. Si potrà accedere all’esposizione gratuitamente dalle 15 alle 20 nei giorni feriali e dalle 8 alle 22 nel fine settimana.

Wiki Loves Monuments
Wiki Loves Monuments – lanciato nel 2010 da Wikimedia Olanda – è entrato a far parte del Guinness dei Primati come il più grande concorso fotografico al mondo. I cittadini di oltre 50 Paesi a livello globale – tra cui, dal 2012, l’Italia – sono invitati a fotografare le bellezze del proprio patrimonio culturale, condividendo gli scatti con licenza libera su Wikimedia Commons, il grande database multimediale connesso a Wikipedia.
Le fotografie di monumenti condivise a partire dalla prima edizione del concorso in Italia a oggi sono più di 110.000; le immagini sono accessibili e riutilizzabili liberamente da parte di tutti – anche per scopi commerciali – oltre a essere utilizzate per illustrare le pagine dell’enciclopedia libera Wikipedia, uno dei dieci siti web più visitati al mondo.
Per maggiori informazioni si veda: http://wikilovesmonuments.wikimedia.it/

Wikimedia Italia
Wikimedia Italia (WMI) è un’Associazione di promozione sociale che dal 2005 favorisce il miglioramento e l’avanzamento del sapere e della cultura. In particolare, WMI promuove la produzione, la raccolta e la diffusione di contenuti liberi (open content), ossia di opere contrassegnate dai loro autori con una licenza che ne permetta l’elaborazione e/o la diffusione gratuita per ogni scopo (anche commerciale).
L’Associazione è inoltre impegnata a diffondere la conoscenza e aumentare la consapevolezza in merito alle questioni sociali e filosofiche correlate ai temi della cultura libera e del pubblico dominio.
In qualità di capitolo nazionale riconosciuto da Wikimedia Foundation Inc., WMI promuove e sostiene lo sviluppo dei principali progetti in lingua italiana della Fondazione, primo fra tutti Wikipedia, l’enciclopedia libera e collaborativa.
Da gennaio 2016 WMI promuove anche OpenStreetMap di cui è stata riconosciuta come capitolo ufficiale per l’Italia dalla OSM Foundation.
Per maggiori informazioni si veda: www.wikimedia.it


Torna a Bari il Wired Digital Day 2019 nel Teatro Margherita

In il

Wired Digital Day 2019 bari Teatro Margherita

Dopo il successo della prima edizione del 2017, il Wired Digital Day torna a Bari grazie a Regione Puglia e Puglia Sviluppo per raccontare le storie di innovazione e come hanno cambiato l’ecosistema delle aziende italiane.

Digitalizzazione, intelligenza artificiale, blockchain e innovazione saranno tra i temi affrontati nel corso della manifestazione, che si terrà il 1° febbraio 2019, dalle 9:30 alle 15:30, nella cornice suggestiva del teatro Margherita, un pezzo della storia barese appena riaperto dopo un accurato restauro, simbolo che torna in vita per raccontare il futuro.

L’evento ospiterà incontri a tema innovazione, con un focus sull’impatto positivo delle politiche regionali in materia di innovazione e di attrazione degli investimenti: aerospazio e space economy, healthcare e biotecnologie, big data e agenda digitale, meccatronica e automotive, moda e design.

Relatori da tutta Italia faranno il punto su come la tecnologia sta rivoluzionando i settori strategici appena elencati, e con quale apporto dell’amministrazione del territorio.

L’evento è gratuito, ma l’iscrizione non garantisce l’ingresso. I posti sono limitati e fa fede l’ordine di arrivo.

Per iscriversi: https://digitalday2019.wired.it/

Promosso da: Regione Puglia e Puglia Sviluppo