Festival dei Sensi 2021: il programma completo

In il

festival dei sensi 2021

Se amate la cultura e il paesaggio, non perdetevi il Festival dei Sensi: vi ritroverete in buona compagnia, a fine agosto, in Puglia, in una valle fresca, piena di trulli e di ulivi bellissimi. Scoprirete i motivi per cui ogni anno un pubblico numeroso e attento, proveniente da tutta Italia, sceglie questa specie di caccia al tesoro e gioca a perdersi tra le campagne della mitica Valle d’Itria, alla ricerca di luoghi belli e di incontri speciali. Il format, che ha ormai una storia consolidata, più che una rassegna si potrebbe definire uno stile: bene al riparo dai percorsi del turismo di massa, ad attendervi sotto un cielo incredibilmente stellato troverete un programma sorprendente e di qualità, con una scelta molto selezionata di conferenze, mostre, laboratori, attività fisiche, proposte per l’infanzia e altre specialità dai contenuti appositamente proposti.

“Le mani” sono al centro di questa nuova edizione: simbolo di azione, contatto, umanità. Dal tocco del pianista alla cyber security, dai dipinti agli schiaffi, dalla filosofia alle borsette, passando per gli smartphone e senza dimenticare la scienza, percorrerete il tema come un sentiero di campagna, in piena libertà, senza pretese di completezza e per il solo gusto di ricrearvi. Proprio per questo, forse, quest’anno il Festival dei Sensi durerà un giorno in più: da giovedì 26 a domenica 29 agosto tra Martina Franca, Cisternino, Locorotondo, Ostuni.

Qualche anticipazione dal programma: uno dei più importanti architetti del mondo, lo svizzero Mario Botta, dialogherà con Corrado Bologna, sull’importanza del disegno a mano nell’architettura (La matita dell’architetto); Corrado Bologna è filologo, autore di libri avvincenti  e di indimenticabili programmi radiofonici: noto anche per l’ampiezza dei suoi campi di studio, proporrà, sempre nell’ambito del Festival, anche una fascinosa lezione su Leonardo da Vinci e Michelangelo Buonarroti, intitolata enigmaticamente Leonardo aveva due mani.

Gian Piero Jacobelli, artefice di innumerevoli progetti culturali e mostre in Italia e all’estero, nonché direttore di MIT Technology Review (edizione italiana della rivista del MIT), rivelerà tutto il suo eclettismo parlando de L’anello, antichissimo oggetto simbolico che accompagna da sempre le nostre mani: dalla storia ai romanzi, dalla matematica alla magia.

Le mani in pasta è invece il titolo dell’incontro con Massimo Montanari, medievista celebre per gli innumerevoli libri di storia della gastronomia tradotti con grande successo in molte lingue e divenuti solida dote di ogni appassionato gastronauta (uno per tutti: Il cibo come cultura).

Gli appassionati di musica potranno incontrare Beatrice Rana, star assoluta del pianoforte eccezionalmente interpellata -sul tocco, ma anche sulla scena- dall’infallibile Alberto Spano, che ne organizzò un memorabile concerto a Bologna nel 2013. Da notare come si conoscano più di mille composizioni per pianoforte per mano sinistra, mentre quelle per mano destra sarebbero solo una decina. Anche di questo parlerà Arnaldo Benini, professore emerito di Neurochirurgia e neurologia presso l’Università di Zurigo, autore di libri e di intriganti articoli per i giornali: dei motivi tuttora misteriosi per cui la mano sinistra in presenza di forti emozioni reagisca più in fretta della destra, mentre invece per gesti informativi uomini e scimpanzé usino prevalentemente la destra. Insomma, Siamo tutti un po’ mancini.
Si potranno comunque usare entrambe le mani, quella destra chiusa e quella sinistra aperta, nel saluto tradizionale del kung fu, illustrato da Paolo Cangelosi, maestro di fama internazionale con una vita da romanzo, tra l’Italia e l’Oriente.

Il Festival dei Sensi sarà anche una preziosa occasione per capire dai racconti di un artista quale Tullio Pericoli, noto al grande pubblico per gli inconfondibili ritratti pubblicati sui maggiori quotidiani nazionali e internazionali, come nascano i dipinti, i disegni, ma anche le scene e i costumi, ma soprattutto quale ruolo giochi la mano nel mettere in relazione l’idea con il foglio e con la tela che la accoglie: con lui il geografo Franco Farinelli, a intuire le mappe dei paesaggi protagonisti della sua arte.

Dal 2009, al Festival dei Sensi gli incontri sono site-specific: unici e dal vivo, ideati per luoghi spesso privati e appositamente aperti. Innumerevoli in questi anni i luoghi aperti per la prima volta al pubblico: trulli, cave, grotte, masserie, terrazzi, vigneti, ma anche belvedere e antichi palazzi. Ricca fonte di nuove tendenze, il format ha ricevuto la Medaglia della Presidenza della Repubblica.
Fra i trulli della Valle d’Itria, a fine agosto, ci sarà anche il campione delle cyber investigazioni Umberto Rapetto, che dopo una folgorante carriera ai vertici della Guardia di Finanza, è divenuto il più ricercato consulente in materia: al pubblico del Festival spiegherà che cosa sono le impronte digitali oggi, come vengono raccolte e utilizzate e in che modo ci si possa proteggere dalle trappole quotidiane del web.

Tra storia, moda e leggenda, al Festival dei Sensi –forse- si riuscirà anche a capire per quali motivi le donne non trovino mai quello che cercano nelle loro borse, veri e propri microcosmi da cui raramente si separano. Il tentativo verrà condotto da Paola Jacobbi, docente e sceneggiatrice che scrive di spettacolo, costume e cultura per Il Venerdì di Repubblica, Grazia, Harper’s Bazaar, Marie Claire, Rolling Stone, con l’aiuto di Rossella Brescia, amatissima ballerina e attrice protagonista di tanta radio e televisione di successo.

Altro oggetto dal quale la mano contemporanea non riesce più a separarsi, titolo di una conversazione terribilmente attuale e anche terribilmente avveniristica, è lo Smartphone. Un grande esperto di mappe come il geografo Franco Farinelli e un grande esperto del rapporto tra tecnica ed estetica come il filosofo Pietro Montani, apriranno sipari inattesi sugli sviluppi e le conseguenze di uno strumento chiave del nostro mondo.

Imperdibile già dal titolo, Schiaffi, si annuncia poi l’intervento di Fulvio Abbate: lo scrittore che ha ricevuto il Premio della satira politica di Forte dei Marmi e ha fondato Teledurruti, la “TV monolocale”, reduce dal Grande Fratello, interverrà con la sua vena affilata e anticonformista in una sorprendente conversazione con Nancy Dell’Olio, ambasciatrice della Puglia nel mondo.

Tutto dal tramonto a notte fonda, spesso accompagnati dal suono delle cicale e dal profumo della mentuccia. E di mattina? Prima del mare, un’ora di pratiche metodo Feldenkreis, per migliorare lo stato fisico e l’umore, con Emanuele Enria, performer e istruttore esperto ed eclettico; di pomeriggio anche per i più piccoli, sotto i ciliegi del Conservatorio botanico, a Cisternino (600 varietà di fichi): così mentre i bambini scoprono il Feldenkreis, i grandi possono approfittare per visitare questo paradiso della biodiversità in compagnia del suo fondatore, Paolo Belloni. Chi vorrà concedersi una passeggiata nel fiabesco centro storico di Martina Franca, oltre alle deliziose paste di mandorla, troverà all’ingresso il Palazzo Ducale, con le sue Sale nobili affrescate, che ospiteranno la nuova mostra realizzata dal Festival dei Sensi in partnership con il Touring Club Italiano, intitolata Homo faber: piccole e grandi opere fatte a mano. Frutto di nuove ricerche condotte nella sezione fotografica dell’Archivio Storico del TCI, uno dei più imponenti d’Italia, l’esposizione ambisce a replicare il successo ottenuto la scorsa estate con la mostra “Puglia 1900 – 1950”. Sin un inedito gioco di sguardi si potranno ammirare per la prima volta in mostra immagini mozzafiato della miglior tradizione industriale italiana -dal varo della mitica nave Rex alle scocche Pininfarina, dagli aerei costruiti artigianalmente allo zinco colato a mano negli stampi-, immagini affiancate a ritratti di attività arcaiche e anche a imprese straordinarie che oggi pare incredibile aver realizzato senza la recentissima intelligenza artificiale. Mondi diversi della conoscenza, gesti insoliti e divertenti. Una rassegna di generi e approcci accomunati da una qualità che ha segnato la storia, la cultura e il successo del nostro Paese: l’intelligenza della mano.

Se poi a Martina Franca vi inoltrerete tra i vicoli candidi e ombreggiati, la passeggiata nel centro storico più celebrato per la sua eleganza vi regalerà un’atmosfera di quiete, ideale per l’incontro con  Kazumasa Mizokami. Discendente da un’antica stirpe di ceramisti, l’artista giapponese che coniuga tutta la grazia orientale  all’astrazione moderna dell’Occidente, condurrà uno stage di manipolazione della creta in un antico e peculiare edificio, aperto appositamente per l’occasione.

In ogni caso, se a fine luglio, leggendo il programma completo del Festival dei Sensi, ci si trovasse nell’imbarazzo della scelta, l’ispirazione potrebbe arrivare con i simboli e la chiromanzia, di cui Tommaso Duranti, storico dell’Università di Bologna, tratteggerà con sapienza il meraviglioso percorso millenario.

Il Festival è stato organizzato anche con il sostegno di Alce Nero.

I biglietti costano 4,00 euro e si possono acquistare sul posto prima di ogni evento, in prevendita a Cisternino alla libreria Mondadori (via Monte La Croce 37), a Locorotondo alla tabaccheria Cervellera (piazza V. Emanuele 1) e a Martina Franca alla edicola e tabacchi Gioiello (piazza XX Settembre 17).

Prenotazione obbligatoria solo per i laboratori e le attività fisiche (335.691.25.55): per tutti gli altri incontri non si effettuano prenotazioni. Gli incontri sono organizzati nel rispetto delle norme anti-Covid: si consiglia di arrivare sul posto con qualche minuto di anticipo.

PROGRAMMA:

GIOVEDÌ 26 AGOSTO 2021
Giovedì 26 agosto | ore 18,00
Cava Conti (Cisternino)
Inaugurazione
Giovedì 26 agosto | ore 19,00 | euro 4,00
Cave Conti (Cisternino)
Digitalizzazione
L’era degli statali smart
Renato Brunetta
Giovedì 26 agosto | ore 19,00 | euro 4,00
Parco del Vaglio (Locorotondo)
Il tocco e la scena
Beatrice Rana con Alberto Spano
Giovedì 26 agosto | ore 21,30 | euro 4,00
Masseria Lama Pellegrini (Cisternino)
Smartphone
Franco Farinelli
Pietro Montani
Giovedì 26 agosto | ore 22,00 | euro 4,00
Stazione Ippica (Martina Franca)
Leonardo aveva due mani
Corrado Bologna

VENERDì 27 AGOSTO 2021
Venerdì 27 agosto | ore 18,30 | euro 4,00
Masseria Gianecchia (Cisternino)
Le mani in pasta
Massimo Montanari
Venerdì 27 agosto | ore 20,00 | euro 4,00
Masseria Capece (Cisternino)
Chi sa disegnare
sa scrivere
Tullio Pericoli
con Franco Farinelli
Venerdì 27 agosto | ore 22,00 | euro 4,00
Stazione ippica (Martina Franca)
L’anello
Gian Piero Jacobelli

SABATO 28 AGOSTO 2021
Sabato 28 agosto | ore 11,00 | euro 4,00
Trulli Beata Solitudo (Martina Franca)
Manifattura,
oggi e domani
René de Picciotto
Ermete Realacci
Italo Rota
Sabato 28 agosto | ore 18,30 | euro 4,00
Masseria Lama Pellegrini (Cisternino)
Impronte digitali.
Le nostre tracce
Umberto Rapetto
Sabato 28 agosto | ore 20,30 | euro 4,00
Masseria Pavone (Martina Franca)
La matita dell’architetto
Mario Botta con Corrado Bologna
Sabato 28 agosto | ore 22,00 | euro 4,00
Masseria Sant’Elia (Martina Franca)
Borse:da sempre il modo migliore per non trovare quel che cerchiamo.
Paola Jacobbi con Rossella Brescia

DOMENICA 29 AGOSTO 2021
Domenica 29 agosto | ore 11,00 | euro 4,00
Trulli Beata Solitudo (Martina Franca)
Il saluto del kung fu
Paolo Cangelosi
Domenica 29 agosto | ore 19,00 | euro 4,00
Masseria del Luco (Martina Franca)
Schiaffi
Fulvio Abbate / Nancy Dell’Olio
Domenica 29 agosto | ore 20,00 | euro 4,00
Villino alla Croce (Ostuni)
Siamo tutti un po’ mancini
Arnaldo Benini
Domenica 29 agosto | ore 22,00 | euro 4,00
Masseria Gianecchia (Cisternino)
Leggere le mani. Simboli e chiromanzia
Tommaso Duranti

MOSTRA
Giovedì 26 agosto – Domenica 26 settembre
Orari 10,30 – 12,30 / 17,00 – 19,00 | euro 4,00
Palazzo Ducale (Martina Franca)
Homo faber: l’intelligenza della mano
Touring Club Italiano

LABORATORI
Venerdì 27 agosto | Sabato 28 agosto | Domenica 29 agosto | ore 9,00
Stazione Ippica (Martina Franca)
Il giardino dei sogni
Laboratorio di manipolazione della creta
Kazumasa Mizokami
lezione 1 Venerdì 27 Agosto | lezione 2 Sabato 28 Agosto | lezione 3 Domenica 29 Agosto
ore 9,00
Conservatorio Botanico (Cisternino)
Pratiche Feldenkreis: dalla mano alla bocca, andata e ritorno A
Emanuele Enria


IMAGINARIA 2021,
 torna a Conversano il Festival Internazionale del Cinema d’Animazione d’Autore

In il

imaginaria 2021 conversano

IMAGINARIA 2021
 – XIXª edizione
International Animated Film Festival
Festival internazionale del cinema d’animazione d’autore
MARCHIO EUROPEO EFFE (Europe for Festival Festival For Europe) 2019/2021
Conversano (BA), 23 – 28 agosto 2021

Torna a Conversano l’unico evento pugliese sull’animazione internazionale d’autore con un imponente programma e la presenza del Premio Oscar Aleksandr Petrov.

Si preannuncia ancora una volta un’edizione di particolare rilievo culturale la diciannovesima edizione di Imaginaria, festival dedicato al cinema d’animazione d’autore, che si terrà dal 23 al 28 agosto in vari luoghi del centro storico della città d’arte di Conversano. Un’occasione unica per poter ammirare in esclusiva opere visionarie, surreali, oniriche, irriverenti, astratte, ma anche di approfondimento su tematiche contemporanee per uno degli eventi cinematografici fra i più attesi e partecipati dell’estate pugliese. Non mancheranno, inoltre, gli eventi collaterali, le mostre, i laboratori per bambini, le letture animate, masterclass, gli incontri con l’autore e gli ospiti internazionali.

“La prestigiosa presenza del Premio Oscar Aleksandr Petrov alla prossima edizione di “Imaginaria”, conferma quanto Apulia Film Commission, in linea con le strategie regionali, sta facendo in questo settore dell’audiovisivo sempre più in crescita – commenta Simonetta Dellomonaco, presidente di Apulia Film Commission-. Il cinema di animazione, così come l’intera filiera del digitale e della virtual reality, rappresenta oggi una frontiera importante a livello nazionale e internazionale, non solo per la distribuzione e la diffusione, ma anche per la produzione. In Puglia esistono realtà produttive del cinema di animazione che hanno raggiunto livelli qualitativi di primo piano, non è un caso che nel nostro Film Fund sia stato inserito questo formato, che può rappresentare una grande opportunità di sviluppo della filiera industriale cinematografica. In questo “Imaginaria”, con la sua lunga esperienza e la capacità di intercettare eccellenze della scena internazionale, rappresenta un elemento strategico ed essenziale, non solo per la conoscenza e la divulgazione di questo specifico formato cinematografico, ma anche per diventare un evento legato al settore industry, così come intendiamo fare con tutti gli altri festival della rete di Apulia Film Commission”.

Qui il programma day by day

IMAGINARIA – Festival Internazionale del Cinema d’Animazione d’Autore
Imaginaria è una kermesse che ha acquisito un respiro di livello internazionale e si inserisce in un solco di profonda innovazione culturale locale.
Imaginaria nasce, vive e si trasforma nel cuore della città d’arte di Conversano ed in particolare all’interno di spazi e contenitori di assoluto pregio architettonico ed artistico  (Castello Aragonese, Complesso di San Benedetto, Sagrato della Cattedrale, piazze storiche).

UN MARCHIO DI SUCCESSO PER UN FESTIVAL DELLA COMUNITA’
Imaginaria, unico nel suo genere in Puglia, è un festival internazionale di cinema d’animazione d’autore.
Dal 2003, anno della sua nascita, Imaginaria è cresciuta enormemente, meritandosi un’importante collocazione artistica e sociale nello scenario internazionale dei festival di settore.
Imaginaria riesce a creare  un’atmosfera familiare tra il pubblico e gli addetti ai lavori che giungono da ogni angolo della regione nelle sale cinematografiche a cielo aperto di Conversano. Imaginaria, che si contraddistingue per l’importanza dei “numeri” e per l’ottima qualità delle migliaia di opere di provenienza internazionale, è un progetto di formazione, promozione e diffusione del cinema d’animazione.
Imaginaria intende innescare, in una prospettiva di lungo periodo, tutte le sinergie possibili presenti nella comunità contribuendo a creare opportunità socio-economiche sul territorio e nello stesso tempo  promuovere la cultura del cinema d’animazione.  Il Festival, quindi, è un progetto che ha l’obiettivo di diffondere la fruizione e la conoscenza del cinema d’animazione non solo durante l’evento, in programma ogni anno in agosto a Conversano, ma anche in  luoghi e periodi dell’anno differenti utilizzando i network, costituiti da altri Festival e Rassegne (nazionali ed internazionali) a cui Imaginaria partecipa o di cui è promotore.
Imaginaria è soprattutto un evento fatto di “persone” e di “luoghi”, un festival della comunità che rende possibile e favorisce il coinvolgimento di tutti. I luoghi suggestivi del centro storico medioevale di Conversano (chiese, castello, strade e palazzi storici), ovvero spazi di fruizione culturale a cielo aperto in cui il festival si tiene, contribuiscono a creare un’atmosfera unica e “familiare”, che è considerata uno dei principali elementi di originalità e dunque il tratto che positivamente distingue Imaginaria dagli altri festival. Questa atmosfera si compone di una serie di elementi molto evocati tra cui la facilità di “accesso”, la prossimità con registi ed autori, l’alta frequentazione di  giovani e bambini. Ciò attribuisce al festival una funzione divulgativa e didattica, che riesce ad avvicinare anche un pubblico di non addetti ai lavori (si vedano ad esempio i laboratori cinematografici realizzati col mondo della scuola e i workshop formativi con i bambini, le mostre con gli illustratori, i concerti live per i giovani).  Imaginaria appare quindi come un’occasione unica di allargamento degli orizzonti culturali per la comunità locale e di contatto con mondi e culture altre, anche lontane, sia attraverso gli eventi cinematografici che, più direttamente, attraverso gli incontri con mondi paralleli al cinema d’animazione ovvero l’illustrazione e il fumetto d’autore. Imaginaria appare così, ai suoi fruitori come un’esperienza di benessere pieno, in quanto regala la possibilità di trascorrere un soggiorno culturale in un territorio capace di mettere a disposizione una ricchissima offerta turistica (evento culturale, eno-gastronomia, arte, storia, svago, ambiente e territorio).
Per la sua originalità in quanto a forme e contenuti, il festival diventa un elemento di attrazione trasversale e di contaminazione fra pubblici diversi e visitatori provenienti da altre zone, non solo della Regione Puglia ma anche e  soprattutto da altre regioni italiane e da Paesi stranieri.

IL CINEMA D’ANIMAZIONE D’AUTORE QUALE OPPORTUNITÀ DI SVILUPPO E PROMOZIONE DEL TERRITORIO
Uno degli obiettivi futuri di Imaginaria è quello di aumentare le presenze degli ospiti, non solo nei giorni dell’evento, ma durante tutto l’anno.
Grazie alle numerose attività che si realizzano all’interno del festival: formazione sul cinema d’animazione con le scuole, progetti di promozione trans-disciplinare: cinema d’animazione e letteratura, cinema d’animazione ed illustrazione, cinema d’animazione e fumetto, cinema d’animazione e musica dal vivo, cinema d’animazione e marketing culturale,  ecc. Imaginaria rappresenta una sintesi riuscita di due dei settori in forte crescita in Puglia, ovvero il turismo culturale ed il cinema quale industria con grosse possibilità di sviluppo e in forte espansione in regione anche grazie al supporto dell’Apulia Film Commission e la rete regionale Apulia Cinefestival Network di cui Imaginaria è parte integrante.
L’associazione Atalante compie un’opera di indubbio rafforzamento e consolidamento della domanda cine-turistica presente nell’area grazie alla qualità dell’offerta cinematografica e culturale in generale; alla originalità per la specificità del festival Imaginaria nell’ambito della rete dei festival internazionali di settore: design, contenuti, ubicazione (centro storico, paesaggi rurali, le coste e le spiagge del mare Adriatico, siti di interesse archeologico e culturale) e, soprattutto, modalità di interazione con la comunità in un’ottica di sostenibilità sociale, ambientale ed economica; tipicità in quanto Imaginaria riflette e valorizza fortemente l’identità, il carattere e la cultura locali in un’ottica di internazionalizzazione del brand “Made in Puglia”.

Il festival è organizzato e promosso da Atalante Ets sotto la direzione artistica ed organizzativa di Luigi Iovane.


Torna a Locorotondo VIVA! Festival 2021 con “Intervallo”, spettacoli, talk ed eventi speciali

In il

viva festival 2021 locorotondo

Il tema della quinta edizione di VIVA! Festival 2021 è “INTERVALLO”, un pensiero che unisce l’attitudine avanguardista di VIVA! e l’essenziale necessità di ridisegnare esperienze e percezioni dell’attuale momento culturale internazionale.
VIVA! Festival celebra la sacralità della pausa, un’esaltazione del pensiero meridiano realizzata con cura e passione.
Dal 5 all’8 agosto (e dall’1 all’8 agosto, considerando gli appuntamenti di Extra VIVA!) la Valle d’Itria diventa dunque il luogo per la convivialità creativa in cui vivere gli spettacoli, i talk e gli eventi speciali ancora una volta insieme alla sua incredibile community.
A guidare la community negli eventi targati 2021 saranno nuovamente i linguaggi del contemporaneo declinati attraverso suoni e visioni, un coerente incrocio di analogico e digitale dedicato a live in streaming mondiale e in presenza.
Le meraviglie paesaggistiche e architettoniche della Valle D’Itria tornano dunque protagoniste di questa unica commistione artistica, coinvolgendo i tetti del centro storico di Locorotondo (le cummerse), l’elegante ruralità della Masseria Aprile e la splendida Cala Masciola immersa nella luca dell’alba.

Quattro giorni di concerti, dj-set, performance e talk sulla musica contemporanea e sui suoi aspetti maggiormente interdisciplinari. ll cartellone del festival si completerà a breve con un nuovo annuncio per il Grand Opening presented by Audi e nuove sorprese.

VIVA! Festival nasce dalla collaborazione fra la società pugliese Turné e l’associazione Xplosiva, che organizza C2C Festival a Torino, un rapporto all’insegna della contaminazione creativa attraverso cui si rinnova anche la collaborazione con Audi, Official Partner sin dalla prima edizione.

GLI ARTISTI
In ordine di apparizione
NÍDIA – BOILER ROOM
BNKR44
LNDFK
NU GENEA DJ SET + KEYS (NEAPOLITAN-MIDDLE EASTERN SPECIAL)
STRAATI LIVE A/V Z.I.P.P.O, GIOVANNI ANGELINI, FAX
BOMBINO SOLO SHOW CON ADRIANO VITERBINI
JOHN TALABOT
BEATRICE DILLON
& MORE TO BE ANNOUNCED SOON

Sempre in bilico tra avanguardia e nuovo pop, il 2021 per VIVA! segna un’ulteriore spinta sul versante dei suoni transglobali, un’apertura all’Internazionale e alle sonorità altre, come nel caso di Nídia, una producer e DJ afro-portoghese di fama internazionale che vive a Vale da Amoreira, sulla riva sud del fiume Tago, di fronte a Lisbona. Nel roster dell’etichetta discografica e del collettivo artistico Príncipe Discos – che Pitchfork ha definito «Una delle più eccitanti dance label del pianeta – ha avuto un ruolo decisivo nel portare la sua idea di estetica nella dance alternativa e in particolare nel genere kuduro. Oltre alle sue pubblicazioni su breve e lunga distanza, Nídia ha anche avuto successo collaborando allo spettacolo The Honey Colony al Southbank Centre di Londra assieme a Bonnie Banane, Kelsey Lu, Lafawndah, Tirzah e Mica Levi. Si è esibita in festival come Sónar Barcelona, Red Bull Music Festival São Paulo, MoMA PS1 Warm Up, Just Jam al Barbican di Londra, WWWβ di Tokyo. Lo show di Nídia andrà in streaming worldwide su Boiler Room, la piattaforma online di base a Londra che conta oltre 1.200.000 follower solo su Instagram, per una partnership che ritorna in occasione dell’esibizione dalle Cummerse di Locorotondo dopo l’esaltante esperienza delle edizioni 2017 e 2018.
Nu Genea è invece il progetto artistico dei musicisti/dj napoletani – ma di base a Berlino – Massimo Di Lena e Lucio Aquilina. L’ispirazione del loro percorso artistico nasce da un’indagine storiografica sulla musica dance fin dai suoi albori: seguendo le rotte musicali del mondo, i Nu Genea hanno ricercato gli echi sonori che, nei secoli, hanno toccato le coste di Napoli, loro città natale e inesauribile fonte di sensibilità culturale. La loro meticolosa ricerca si distingue per esplorare territori ignoti, scovare la musica proveniente dal passato e dai luoghi più remoti della terra, per elaborarla in un’originale equazione groovy completamente pervasa da disco, funk, elettronica, dub, folk e molto altro. Il duo ha da poco comunicato il cambio nome passando da Nu Guinea a Nu Genea dopo una lunga riflessione sulle disuguaglianze e sulla carenza di diversità etnico-culturale, non solo nell’industria musicale, ma in più ambiti della società. Nu Genea sono tra le realtà musicali più apprezzate e innovative degli ultimi anni, non solo in Italia ma anche nel resto del mondo: dalla Francia all’Australia, dalla Germania al Brasile. Lo show “Neapolitan Middle-Eastern Special”, che si terrà il 6 agosto, è uno evento speciale appositamente prodotto per VIVA! e dedicato ai suoni del Mediterraneo e del Medio Oriente.
Caph, Piccolo, Faster, Fares, Erin, JxN e gheray0 sono i componenti di BNKR44, un collettivo fiorentino dedito all’arte in ogni sua forma. La formazione è attualmente nel roster ed etichetta di Bomba Dischi, una delle realtà italiane che meglio ha saputo interpretare la nuova spinta indie nazionale, lanciando artisti come Calcutta, Franco126, Carl Brave. Esploratori delle più diverse sonorità contemporanee, i BNKR44 racchiudono nei loro brani i tratti stilistici distintivi di ognuno di loro.
LNDFK è una producer e songwriter, figlia di due diverse culture, madre italiana e padre arabo, cresciuta a Napoli. La sua musica subisce l’influenza del jazz, del neo-soul e dell’hip-hop, il tutto filtrato tramite il suo bagaglio di esperienze e la sua sensibilità. La sua musica è stata supportata da numerose radio internazionali (BBC, Worldwide FM, NTS) e ha raggiunto più di un milione di ascoltatori sulle piattaforme digitali. Accompagnata dalla sua band, ha collezionato diverse date in tutta Italia, dividendo il palco, tra gli altri, con Kamasi Washington e MNDSGN. Attualmente è impegnata nella lavorazione del suo LP d’esordio, in uscita nell’autunno 2021 per l’etichetta newyorkese Bastard Jazz, e licenziato in Italia da La Tempesta.
Fra ai nomi di maggior richiamo di questa edizione, John Talabot occupa una posizione abbastanza unica nel panorama elettronico attuale. Il suo approccio aperto nel creare, collezionare e suonare musica gli permette di essere a suo agio sul palco principale di un grande festival estivo come in un piccolo club locale, guadagnandosi il seguito sia del fan occasionale che dell’intenditore esigente. Il suo bisogno di scoperta definisce anche la sua instancabile ricerca musicale, rendendolo uno di quei rari dj in grado di giustapporre senza sforzo efficacia, rischio e rivelazione. I suoi set sono stati protagonisti al Sónar, al Pickle Factory, e al Kelvingrove Art Gallery & Museum di Glasgow. Oltre a suonare musica, i suoi sforzi creativi continuano ad espandersi, avendo partecipato a festival come Primavera Sound o Nuits Sonores e portando le serate della sua etichetta Hivern Discs nei club di tutta Europa.
Ci sono corde che catturano per sound ed empatia e che hanno al tempo stesso la forza di legare emotivamente continenti differenti. Quelle delle chitarre di Bombino e Adriano Viterbini hanno anche un potere sciamanico, tellurico e ipnotico, capace di trasportare l’ascoltatore tra la polvere del deserto, in un tempo fuori dal tempo. Il suono è caldo, sabbioso e sensuale, il pubblico è avvolto in un’atmosfera magica e conturbante. Uno show magnetico e polveroso, l’occasione inedita per vedere all’opera insieme due tra i chitarristi più ispirati e sanguigni attualmente in attività sul Pianeta Terra. Bombino è la stella più luminosa del desert blues, canta nella lingua dei tuareg, il tamashek, e ha da tempo conquistato il cuore del pubblico italiano. Adriano Viterbini è chitarrista e fondatore di I Hate My Village e Bud Spencer Blues Explosion, autore di due album da solista (Goldfoil del 2013 e Film O Sound del 2015), apprezzatissimo sessionman in studio e dal vivo, è ricercato per la sua spiccata e poliedrica personalità da artisti come Rokia Traorè, Niccolò Fabi, Daniele Silvestri, Max Gazze, Nic Cester.
Beatrice Dillon è invece un’artista e musicista londinese, che esplora lo spazio liminale tra house e musica sperimentale. Il suo album del 2020 “Workaround” è stato indicato come il miglior disco dell’anno dalla prestigiosa rivista The Wire e ha preso il massimo dei voti dal The Guardian, che lo ha indicato come un “global future-folk manifesto”. Ha prodotto musica per Hessle Audio, The Trilogy Tapes, Boomkat Editions, PAN, Where To Now?, Timedance ed ha lavorato con numerosi produttori e musicisti tra cui Kassem Mosse, Laurel Halo, Call Super e Lucy Railton. Con un importante background nell’arte visiva, ha presentato commissioni sonore e musicali alla Lisson Gallery, Somerset House, Outlands Network, Études Paris, Southbank Centre, Macval Paris, ICA London. Le sue recenti esibizioni includono wwwX Tokyo, MUTEK Argentina, Barbican Center (a supporto di Tim Hecker), Strelka Moscow, Masåfåt Cairo.

IL PROGRAMMA

GIOVEDÌ 5 AGOSTO — CUMMERSE, LOCOROTONDO
WORLDWIDE STREAMING
GRAND OPENING PRESENTED BY AUDI
NÍDIA – BOILER ROOM
& MORE TO BE ANNOUNCED VERY SOON

VENERDÌ 6 AGOSTO — MASSERIA APRILE, LOCOROTONDO
TICKET 11.5€
NU GENEA DJ SET + KEYS (NEAPOLITAN-MIDDLE EASTERN SPECIAL)
LNDFK
BNKR44

SABATO 7 AGOSTO — MASSERIA APRILE, LOCOROTONDO
TICKET 11.5€
JOHN TALABOT
BOMBINO SOLO SHOW CON ADRIANO VITERBINI
STRAATI LIVE A/V Z.I.P.P.O, GIOVANNI ANGELINI, FAX

DOMENICA 8 AGOSTO — CALA MASCIOLA, SAVELLETRI DI FASANO
INGRESSO LIBERO SU PRENOTAZIONE FINO A ESAURIMENTO CAPIENZA
UNUSUAL BREAKFAST BY LAVAZZA
BEATRICE DILLON
& MORE

EXTRA VIVA! 2021
Extra Viva! è lo spin off di VIVA! Festival che affronta il concetto di innovazione declinandolo su temi differenti da quelli strettamente legati al mondo della musica. Extra è un format di incontri, speech e dibattiti che ha l’obiettivo di creare connessioni tra diversi soggetti che guardano al futuro come occasione di costruzione di un mondo più sostenibile e condiviso. Extra è il racconto delle cose che cambiano. Extra VIVA! 2021 è curato da Christian Rocca.

DOMENICA 1 AGOSTO H19 — DOCKS101 VIA NARDELLI 101, LOCOROTONDO
OSSIGENO, PER TORNARE A RESPIRARE
“Ho l’impressione che nel mondo pre-pandemia ci fosse una promessa di futuro ridotta ai minimi, questo smottamento mischierà le carte aprendo degli squarci nuovi e grandi speranze per le giovani generazioni. Non sappiamo cosa accadrà, ma sarà interessante osservarlo.”
Paolo Giordano sin dal marzo dello scorso anno è stato, con una serie di interventi pubblici, il più lucido analista di quello che ci stava accadendo sottolineando con parole semplici e precise come non possiamo più considerarci entità isolate ma parte di un sistema globale che ci costringe a tenere conto della presenza degli altri nelle nostre scelte individuali.
Paolo Giordano è scrittore, ha vinto il premio Strega nel 2008, ed editorialista per il Corriere della Sera. Il suo saggio “Nel contagio” contiene una serie di riflessioni sul nostro tempo e sul nostro futuro
A dialogare con Paolo Giordano: Simonetta Sciandivasci, giornalista; Christian Rocca, direttore Linkiesta

LUNEDÌ 2 AGOSTO H19 — DOCKS101 VIA NARDELLI 101, LOCOROTONDO
NEW NEW JOURNALISM
Nuovi format e modelli di business, newsletter, podcast, piattaforme social e modalità di fruizione sempre più individuali. Come (ci) stanno cambiando informazione ed intrattenimento.
Giuseppe De Bellis, giornalista, direttore di Sky TG24 e direttore responsabile di Undici.
A dialogare con Giuseppe De Bellis: Simonetta Sciandivasci, giornalista; Christian Rocca, direttore Linkiesta

MARTEDÌ 3 AGOSTO H19 — DOCKS101 VIA NARDELLI 101, LOCOROTONDO
IL RACCONTO DEL MONDO, FUORI DA QUI
Marilisa Palumbo, giornalista, vice caporedattrice della redazione Esteri del Corriere della Sera, si occupa, in modo particolare, di Stati Uniti;
Paola Peduzzi, giornalista, vice direttrice del quotidiano Il Foglio, scrive di politica e cultura internazionale, in particolare americana, inglese ed europea;
Cecilia Sala, giornalista (Il Foglio, Vanity Fair, Will), autrice con Chiara Lalli del podcast “Polvere”.


BUSKEAT, arriva a Bari il Buskers & Food Truck Festival

In il

buskeat bari Buskers e Food Truck festival

Per la prima volta a Bari, arriva Buskeat, il Buskers & Food Truck festival che si propone come primo e unico format in Italia che unisce tutte le eccellenze di strada: Cibo Gourmet, Artisti di Strada e Urban Market.
Dal 29 Luglio all’1 Agosto, Largo Luigi Giannella si animerà con i migliori Food Truck dello stivale per scaldarvi anima e stomaco. Come contorno (oltre alle insalate), musicisti improvvisati, artisti di strada e mercatini urbani… ovvero tutto quello che immaginereste di una grande festa organizzata come fosse vostra! L’ingresso è gratuito, altrimenti… che festa sarebbe?!

Cucine su Strada
Artisti di Strada & DJ Set
Urban Market
Attrazione per Bambini
Birra alla Spina

Giovedì 29 Luglio dalle 18.00 alle 24.00
Venerdì 30 Luglio dalle 18.00 alle 24.00
Sabato 31 Luglio dalle 12.00 alle 00.00
Domenica 1 Agosto dalle 12.00 alle 00.00

FREE ENTRY – FREE ENTRY – FREE ENTRY

INFO
– All’entrata attendere il proprio turno e seguire le indicazioni del personale addetto: in fila mantenere sempre la distanza di almeno 1 metro.
– All’interno dell’evento saranno resi disponibili prodotti a base di gel disinfettante per le mani. La disinfezione delle mani è obbligatoria e indispensabile.

Vuoi maggiori info sull’evento? Scrivici una mail a info@feednfood.it

Evento organizzato da Soul Club e Feednfood con il Patrocinio del Comune di Bari.


BARI FOOD TRUCK FESTIVAL sul lungomare

In il

BARI FOOD TRUCK FESTIVAL

Per la prima volta in Piazzale Diaz a Bari, arriva il Food Truck Festival che si propone come primo e unico format in Italia che unisce tutte le eccellenze di strada.
Dal 29 Luglio all’1 Agosto, Largo Luigi Giannella si animerà con i migliori Food Truck dello stivale per scaldarvi anima e stomaco. Come contorno (oltre alle insalate), musicisti improvvisati, artisti di strada e mercatini urbani… ovvero tutto quello che immaginereste di una grande festa organizzata come fosse vostra! L’ingresso è gratuito, altrimenti… che festa sarebbe?!

Cucine su Strada
Artisti di Strada & DJ Set
Urban Market
Attrazione per Bambini
Birra alla Spina

Giovedì 29 Luglio 18.00 alle 24.00.
Venerdì 30 Luglio 18.00 a 24.00.
Sabato 31 Luglio dalle 12.00 a 00.00
Domenica 1 Agosto dalle 12.00 a 00.00

FREE ENTRY – FREE ENTRY – FREE ENTRY
========================================

INFO
– All’entrata attendere il proprio turno e seguire le indicazioni del personale addetto: in fila mantenere sempre la distanza di almeno 1 metro.
– All’interno dell’evento saranno resi disponibili prodotti a base di gel disinfettante per le mani. La disinfezione delle mani è obbligatoria e indispensabile.
========================================

Vuoi maggiori info sull’evento? Scrivici una mail!

info@feednfood.it
Evento organizzato da Soul Club e Feednfood con il Patrocinio del Comune di Bari.


SOVERETO FESTIVAL 2021, il programma completo

In il

sovereto festival 2021

Sovereto Festival (29 luglio – 1 agosto): il programma completo

BARI – Al via la nona edizione del Sovereto Festival 2021, il contenitore di musica, teatro, cultura e cinema, promosso dal Comune di Terlizzi (nella persona del Sindaco Ninni Gemmato), organizzato dalla Chorus Jazz Studio Orchestra e che vede la direzione artistica del M° Paolo Lepore.

Tantissimi i nomi prestigiosi che si avvicenderanno, dal 29 luglio al 1 agosto, sul palco di Largo Lagodentro di Terlizzi (solo per il primo appuntamento) e quello del borgo antico di Sovereto (per tutti gli altri).

Di seguito il programma completo:

29 luglio a Terlizzi (Largo Lagodentro):
ORE 20.30: Giovane Jazz Studio Orchestra in concerto, diretta dal M° Paolo Lepore
ORE 21.00: Sarita – “Revés”
ORE 22.00: Luciana Negroponte and Band – “Le Grandi Voci Della Soul Music”

30 luglio nel borgo di Sovereto:
ORE 21.00: incontro con Peppe Barra
ORE 22.00: “Gli amori sospesi” con Gabriele Mirabassi (clarinetto), Nando Di Modugno (Chitarra) e Pierluigi Balducci (C.Basso)
ORE 23.30: Mirko Signorile – “Pianoforte solo”

31 luglio nel borgo di Sovereto:
ORE 21.15: Rossella Tempesta – “Diario Pendolare” Tra Musica e Poesia
ORE 22.00: Rossana Casale Quartet
ORE 23.30: Gloria Campaner – “Pianoforte solo”

1 agosto nel borgo di Sovereto:
ORE 20.00: Banda Gisonda
ORE 21.00: Francesca Biancoli – “Idolatria” Chitarra e Voce
ORE 21.30: Jazz Studio Orchestra con Mario Rosini & Ronnie Jones – “Soul Project”. Dirige il M° Paolo Lepore

Per info: 080.3517577 – biblioteca@comune.terlizzi.ba.it


ANNALISA SCARRONE in concerto a Monopoli – Festival Costa dei Trulli

In il

annalisa scarrone monopoli

Il cantautore napoletano si esibirà il 26 luglio, mentre la cantante lo farà il 27 luglio.
Monopoli è ormai pronta ad affrontare la nuova stagione turistica e si gioca il tutto per tutto con il Festival “Costa dei Trulli”, puntando su due artisti di grande livello: Gigi D’Alessio ed Annalisa, concerti in programma il 26 e 27 luglio in città.
“Siamo molto contenti della scelta fatta, perché parliamo di due artisti di grande notorietà, conosciuti ed apprezzati da un ampio pubblico – commentano gli Assessori al Turismo Cristian Iaia ed alla Cultura Rosanna Perricci – Gigi D’Alessio è ormai un nome che parla da sé, con alle spalle tanti anni di carriera, concerti internazionali, presentatore televisivo, musiche di grande successo, parliamo in definitiva di uno showman di grande calibro. Annalisa è invece una giovane cantante che, seppur è nel panorama musicale da meno tempo, si è ormai ritagliata uno spazio per la sua originalità e freschezza, con un pubblico prevalentemente giovanile”.
I concerti, per cui sarà previsto un biglietto di accesso, si svolgeranno nell’area delle ex casermette, in cui è in corso un ambizioso progetto di riqualificazione e rifunzionalizzazione, e che ospiterà altri importanti eventi di promozione culturale.
La scelta della location contempera quindi due esigenze: la prima è quella di riuscire a garantire il rispetto delle normative di sicurezza Covid, potendo usufruire di ampi spazi che permettono il distanziamento e la gestione dei flussi in ingresso e in uscita, la seconda è quella di ridare vita ad un nuovo spazio versatile nel centro della città, logisticamente posizionato in modo strategico.
L’importante percorso partecipato in corso che porterà alla definizione della destinazione dell’area dell’ex casermette, quest’estate potrà contare quindi della presenza oltre che di due eventi culturali anche di questi due concerti di due artisti del panorama musicale italiano di spicco.
“L’Amministrazione ha con forza deciso di reinvestire nelle attività di promozione turistica, di fare la sua parte per la ripartenza economica e sociale – dice l’Assessore Iaia – ma lo vuole fare nel pieno rispetto di tutte le norme per il contenimento del contagio e per questo l’area delle ex casermette ci dà tutte le garanzie perché è uno spazio ben delimitato che ci consentirà di disciplinare gli afflussi ed evitare assembramenti” concludono gli assessori.


GIGI D’ALESSIO in concerto a Monopoli – Festival Costa dei Trulli

In il

gigi dalessio monopoli

Il cantautore napoletano si esibirà il 26 luglio, mentre la cantante lo farà il 27 luglio.
Monopoli è ormai pronta ad affrontare la nuova stagione turistica e si gioca il tutto per tutto con il Festival “Costa dei Trulli”, puntando su due artisti di grande livello: Gigi D’Alessio ed Annalisa, concerti in programma il 26 e 27 luglio in città.
“Siamo molto contenti della scelta fatta, perché parliamo di due artisti di grande notorietà, conosciuti ed apprezzati da un ampio pubblico – commentano gli Assessori al Turismo Cristian Iaia ed alla Cultura Rosanna Perricci – Gigi D’Alessio è ormai un nome che parla da sé, con alle spalle tanti anni di carriera, concerti internazionali, presentatore televisivo, musiche di grande successo, parliamo in definitiva di uno showman di grande calibro. Annalisa è invece una giovane cantante che, seppur è nel panorama musicale da meno tempo, si è ormai ritagliata uno spazio per la sua originalità e freschezza, con un pubblico prevalentemente giovanile”.
I concerti, per cui sarà previsto un biglietto di accesso, si svolgeranno nell’area delle ex casermette, in cui è in corso un ambizioso progetto di riqualificazione e rifunzionalizzazione, e che ospiterà altri importanti eventi di promozione culturale.
La scelta della location contempera quindi due esigenze: la prima è quella di riuscire a garantire il rispetto delle normative di sicurezza Covid, potendo usufruire di ampi spazi che permettono il distanziamento e la gestione dei flussi in ingresso e in uscita, la seconda è quella di ridare vita ad un nuovo spazio versatile nel centro della città, logisticamente posizionato in modo strategico.
L’importante percorso partecipato in corso che porterà alla definizione della destinazione dell’area dell’ex casermette, quest’estate potrà contare quindi della presenza oltre che di due eventi culturali anche di questi due concerti di due artisti del panorama musicale italiano di spicco.
“L’Amministrazione ha con forza deciso di reinvestire nelle attività di promozione turistica, di fare la sua parte per la ripartenza economica e sociale – dice l’Assessore Iaia – ma lo vuole fare nel pieno rispetto di tutte le norme per il contenimento del contagio e per questo l’area delle ex casermette ci dà tutte le garanzie perché è uno spazio ben delimitato che ci consentirà di disciplinare gli afflussi ed evitare assembramenti” concludono gli assessori.


Bandalarga Puglia Festival 2021 – Conversano

In il

bandalarga 2021

Bandalarga Puglia Festival 2021
È possibile sottoscrivere un per le serate — —– al costo di € o acquistare un per un concerto al costo di €.
Per info

Vieni a trovarci a ,

Chiama al /

Invia un messaggio su Whatsapp al

Invia un email all’indirizzo @.
E non dimenticare di seguire la pagina Facebook ufficiale per tutte le novità!