Festival Ambientepuglia 2019

In il

festival ambientepuglia programma

La quarta edizione del Festival Ambientepuglia è promossa con l’intenzione di estendere la riflessione sui temi intessuti con la fragilità dell’ambiente, esplorando le strategie che arte, musica e design stanno adottando rispetto ad un presente senza plastica ed un futuro luminoso.

Il tema dell’edizione 2019 è Facciamo Luce.

Facciamo Luce perché, stando ai cambiamenti climatici in corso, è necessario prendere coscienza delle azioni da adottare per proteggere la Natura.
Facciamo Luce perché vogliamo capire la storia e la natura della Luce, essenza vitale della civiltà.
Facciamo Luce perché la riflessione diventi una presa di posizione per un presente senza plastica ed un un futuro luminoso.


II° Festival della Magia al Teatro Showville – Trofeo Agebeo

In il

festival della magia teatro showville

AGEBEO vi invita a partecipare al 2° FESTIVAL DELLA MAGIA – TROFEO AGEBEO.

Una serata all’insegna della magia, dell’illusionismo e della solidarietà con il 2° Festival della Magia, Trofeo Agebeo, in programma venerdì 3 maggio 2019 nel teatro Showville di Bari. Due gli spettacoli, alle ore 16.30 e alle ore 21.00, durante i quali si sfideranno i famosi maghi MAGO MARCO, MAGO AROLF, MAGO DODO, SIM MAGIC, ABA THE ILLUSIONIST, CRISTIANO GIOFFREDA E ALESSANDRO FUMAROLA.

Un appuntamento da non perdere grazie alla conduzione di Lucia Scarli e del Mago Rasul che accompagneranno il pubblico in una serata…magica. Due gli ospiti speciali della serata: il comico Tino Fimiani, che garantirà risate e divertimento, e Brigith Ramos, hula hoop dancer, con il suo meraviglioso spettacolo che porta in sé arte, giocoleria, danza e ginnastica

L’evento si svolgerà venerdì 3 maggio c/o il teatro Showville
Via Giannini 9 (Mungivacca) – Bari.

Sono previsti due spettacoli:
• Ore 16,30. Posto unico € 7,00
– Gruppi € 5,00;
• Ore 21,00. Posto numerato singolo in Platea € 15,00
– Posto Gruppi numerato in Platea € 13,00
– Posto numerato singolo in Galleria € 10,00
– Posto Gruppi numerato in Galleria € 8,00

Per info e prenotazioni:

Michele Farina 3290562888
Raimondo D’Innella 3388442007
Vito Calabrese 3471166645

Il ricavato della serata sosterrà la raccolta fondi per la realizzazione del “Villaggio dell’Accoglienza Trenta Ore per la Vita per Agebeo”, destinato all’accoglienza delle famiglie dei bambini ricoverati nel reparto di Oncoematologia Pediatrica del Policlinico di Bari provenienti dal centro sud e da paesi stranieri. Il rustico delle prime otto unità abitative è ormai completato, ma occorrono ancora molti fondi per la realizzazione dell’intero villaggio che prevede anche ampi spazi verdi attrezzati.

Vi invitiamo a partecipare in massa per aiutare l’associazione a concretizzare il progetto del Villaggio che diventerà una opportunità per tutta la comunità.


DIFFERENZE: Festival Internazionale TeatroLab 2.0 Chièdiscena

In il

differenze festival teatrolab chiediscena

Conto alla rovescia per il Festival TeatroLab 2.0 Chièdiscena!
Tema di questa terza edizione è la parola “DIFFERENZE”, la sua immagine una farfalla d’acqua: animale simbolo per eccellenza di trasformazione. 20 spettacoli in programma tra matinée realizzati da scuole superiori e compagnie professioniste, il Galà inaugurale affidato, come da tradizione, a 43 studenti del laboratorio teatrale “Chièdiscena” che porteranno sul palco lo spettacolo “Alice Freak Circus”, sotto la guida dal regista e direttore artistico del Festival Maurizio Vacca, una residenza artistica a cura della compagnia Eco di Fondo, una sezione internazionale con la conpagnia spagnola Melpòmene Teatro, 49 progetti di alternanza scuola lavoro riguardanti lo storytelling, la cura del pubblico e la tecnica di palco.

Teatrolab 2.0 Chièdiscena è realizzato in collaborazione con Etoile CTE – Reggio Emilia, I.I.S.S. “Canudo – Marone Galilei” – Gioia del Colle, con il patrocinio del Comune di Gioia del Colle, il sostegno della Regione Puglia – Programma straordinario in materia di cultura e spettacolo 2018 e dell’Anno Europeo del Patrimonio Culturale #EuropeForCulture e la partnership di Agita Teatro, Casa dello Spettatore, FITA PUGLIA, Palazzo Romano Eventi meeting, cultura & società, Università della Terza Età e del Tempo Libero – Gioia del Colle, CAPS Cooperativa Sociale, Etoile International, Melpómene Teatro. Con il contributo di Fondazione Puglia, Gioiella Latticini e Soardi Pneumatici sas.

IL PROGRAMMA

> GALA’ INAUGURALE
Giovedì 2 maggio 2019, Teatro Comunale Rossini
porta ore 20.00 – sipario ore 20.30
“Chièdiscena” laboratorio teatrale IISS “CANUDO-MARONE-GALILEI” – GIOIA DEL COLLE
ALICE FREAK CIRCUS
regia Maurizio Vacca
aiuto regia Anna Maria Stasi
produzione Sic! ProgettAzioni Culturali
Spesso, come Alice, ci ritroviamo a non saper rispondere ad una semplice domanda: “Chi sei tu?”. Allora è il momento di chiudere gli occhi e andare oltre lo specchio, oltre il semplice apparire, in un mondo dove nessuno è mai stato ma dove potremo sentirci a casa. Un mondo che non giudica la diversità, l’unicità che è in ognuno di noi. Un mondo in cui poter sentire tutto in tutte le maniere, poter vivere tutto da tutti i lati, essere la stessa cosa in tutti i modi possibili allo stesso tempo e realizzare in noi tutta l’umanità di tutti i momenti, in un solo momento diffuso, profuso, completo e distante. È la forza del nostro essere uomini.
La diversità ci spaventa e cerchiamo di nasconderla confondendoci in ciò che non siamo. Tuttavia,solo dalla diversità può nascere lo spettacolo della vita. Solo dalla diversità delle note nasce l’armonia della musica. Solo dalla diversità delle parole nasce una storia. La diversità ci rende liberi. Siamo animali da branco ma come tali non dobbiamo appartenere ad un gregge. La diversità è garanzia di unicità. Esserne consapevoli fa la differenza… in meglio!

Venerdì 3 maggio 2019, ore 9.00 e ore 11.15
“Chièdiscena” laboratorio teatrale IISS “CANUDO-MARONE-GALILEI” – GIOIA DEL COLLE
ALICE FREAK CIRCUS

Sabato 4 maggio 2019, ore 9.00
LICEO CLASSICO “GIOVANNI BERCHET” – MILANO
LE ALLEGRE COMARI DI LONDRA
Categoria: prosa
Nel 1600 in piena epoca elisabettiano-giacobita i teatri di Londra sono pieni, i drammaturghi sono famosi e i grandi attori sono divi a tutti gli effetti ma…le donne non possono recitare. Giovanotti imberbi interpretano le parti femminili con mossette vezzose che secondo loro fanno donna. Le donne di Londra – mogli fidanzate amanti di attori ma anche semplici spettatrici – sono sempre più irritate per questa situazione e l’iniquo trattamento che ritengono insopportabile. Decidono allora di fare teatro. Ma le donne non possono recitare, che fare? L’idea geniale è quella di vestirsi da uomini e presentarsi come una nuova ed emergente compagnia di provincia ma i problemi, manco a dirlo, non finiscono qui. Quale storia recitare? Una lunga serie di rivalità amorose e gelosie di ogni tipo porta alla messa in scena di “molto rumore per nulla”, interpretato da un caparbio gruppo di donne travestite da uomini. Ma ci sono parti femminili e alcune donne travestite da uomini devono ritravestirsi da donne. Insomma una sarabanda di equivoci che racconta la passione per il teatro e la lunga strada della lotta delle donne per la parità di diritti e dignità.
Lo spettacolo parte dai principi del teatro povero affidando alle interpreti evocare spazi e luoghi della vicenda e con pochi segni di costume ricreare le complicate trasformazioni da donna a uomo e di nuovo a donna.
Energia, vitalità, vivacità sono caratteristiche dello spettacolo che attraverso una metafora esilarante parla del nostro tempo e delle battaglie in corso.

Sabato 4 maggio 2019, ore 11.15
LICEO GINNASIO “UGO FOSCOLO”- ALBANO LAZIALE (RM)
FILOTTETE
Categoria: tragedia greca con canti in lingua originale
Ulisse e Neottolemo, figlio di Achille, arrivano sull’isola di Lemmo dove l’arciere Filottete, alla vigilia della partenza pern Troia, dieci anni prima, è stato abbandonato dai Greci per il fetore e gli insopportabili lamenti causati da una ferita al piede. I due, approdati su un’isola deserta dove Filottete ha ormai concepito per i suoi compagni di unn tempo solo rancore, tentano di indurlo con l’inganno a seguirli a Troia, o almeno a consegnare loro il suo arco, dono di Eracle e destinato ad espugnare Troia secondo un oracolo. L’eroe, però, deus ex machina, convincerà Filottete a partire con la promessa che sarà risanato dalla piaga che lo affligge e conquisterà la gloria.

> SPETTACOLO SERALE
Domenica 5 maggio 2019, ore 21.00
TEATRO DELL’ELFO PUCCINI/ECO DI FONDO
DEDALO E ICARO
con Giacomo Ferraù, Vincenzo Giordano, Libero Stelluti, Giulia Viana
drammaturgia Tindaro Granata
regia Giacomo Ferraù e Francesco Frongia
La storia del mito ci racconta di un padre che costruisce un paio d’ali per liberare sé e suo figlio da un labirinto che li tiene imprigionati.
Nel nostro Dedalo e Icaro ci sono un padre e un figlio, come nel mito, ma per questo padre (che da noi si chiama Vincenzo) il labirinto nel quale si perde quotidianamente è suo figlio (che da noi si chiama Giacomo).
Nella nostra storia Dedalo/Vincenzo siamo noi, il nostro ottuso desiderio di risolvere ogni cosa,
la nostra necessità di far quadrare i conti, la nostra rinuncia a credere all’impossibile, il nostro ozio alla vita che corre, il nostro orgoglio ferito dalla natura, il nostro fegato marcio e le nostre bestemmie per ciò che non torna.
Ma è anche il nostro coraggio felice, è la nostra forza di continuare a sorridere, è un’attitudine alla vita che abbiamo tutti.
Il nostro Icaro/Giacomo è la diversità che ci imbarazza, è la parola che scompagna le nostre carte.
È la storia irrisolta che ci innervosisce, è la finestra che sbatte col vento, è quel sorriso di fronte ad uno sbaglio, è quel grazie detto sottovoce, è una lampadina fulminata, è un tuono e un lampo, scompagnati, fanno paura.
È rassegnazione.
È una gioia vista al rovescio, è labirinto e noi lì dentro, una specie di ciechi.
È la nostra incapacità ad accettare un Mistero, è Mistero!
Ma mi viene voglia di gridare: “ma grazie al cielo! Icaro/Giacomo, grazie al cielo!”
Tindaro Granata

Lunedì 6 maggio 2019, ore 9.00
I.I.S. “GALILEO FERRARIS” – ACIREALE (CT)
SIAMO FATTI DELLA STESSA MATERIA DEI SOGNI?
Categoria: prosa
La ricerca continua della conoscenza accomuna scienza e teatro e l’uomo ne è protagonista.
Sulla natura dell’uomo e sulla sua analogia con l’universo si esprimeranno i ragazzi del laboratorio indagando dopo energia, spazio e tempo – tutti elementi base della vita- la materia. I due protagonisti, adolescenti, intraprendono un viaggio affiancati da paura, angoscia, momenti di rassegnazione in cui vorranno tornare indietro, ma anche momenti di coraggio, di forza e di amore. Lungo il viaggio, ascoltando il loro cuore, faranno scelte per capire che alla fine è stata la decisione stessa di partire la cosa veramente importante e che la metà arriverà perché hanno deciso di raggiungerla. I contrasti e le differenze, ingredienti della vita, a cui andranno incontro li relazionerà nell’esperienza del mondo e con il mondo.

Lunedì 6 maggio 2019, ore 11.15
ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO “ENRICO FERMI” – FRASCATI (RM)
DON CHISCIOTTE
Categoria: prosa con musiche eseguite dal vivo
Don Chisciotte, come tutti gli archetipi, continua a parlarci. Il punto, dunque, è come lo si racconta? Don Chisciotte serve non soltanto per parlare dei sogni e del nostro bisogno di sognatori falliti o addirittura dell’assenza di fantasia della nostra nuova gioventù di internauti. Questo spettacolo nasce dall’idea di donare ai ragazzi, ma anche a tutti gli spettatori, quello che viene chiamato l’effetto Cervantes, ovvero quella necessaria ironia che rende la follia poetica ma anche umana. Uno spettacolo classico ma moderno, d’epoca ma con qualche contaminazione scenica da scoprire che arricchisce e che avvicina i personaggi ad una moderna visione della follia e delle differenze fra gli uomini. I viaggi di Don Chisciotte e del suo scudiero Sancio permettono di incontrare un mondo ricco e variegato più di quanto lo stesso don Chisciotte possa immaginare, ma è anche tale da produrre una serie crescente di scacchi, come la sconfitta in duello da parte di un cavaliere più finto di lui o la lotta contro i mulini a vento. Don Chisciotte è diventato un personaggio tragico e, prima di dichiararsi risanato e pentito e dunque vinto, sul letto di morte, esclama, come un mistico: io sono nato per vivere morendo. La musica dal vivo accompagna lo spettacolo ricco di colore e colpi di scena.

Martedì 7 maggio 2019, ore 9.00
I.I.S. “FEDERICO CAFFE’” – ROMA
CON…FUSIONI, Immagini, parole e suoni di una grande Guerra
Categoria: prosa
ll progetto “Con…fusioni” nasce dall’idea di creare uno spettacolo in cui arte, musica, teatro e movimento si fondano dando vita a suggestioni che coinvolgano lo spettatore in un’esperienza totalizzante. L’arte fa da filo conduttore, da “punto di appoggio” al “racconto” degli attori sulla scena, che si muove nell’arco temporale della prima guerra mondiale. E’, però, importante capire che la funzione delle immagini (così come quella della musica) non è sempre didascalica e descrittiva, molto spesso si tratta piuttosto di “evocare” idee, emozioni, stati d’animo per un coinvolgimento che travalichi il limite temporale, pur esistente, della storia. Lo spettacolo è arricchito anche dagli oggetti simbolici come la trincea o le lettere dal fronte, dalle parole degli attori e dai documenti visivi.
Gli attori metteranno in scena un vero e proprio “dialogo” con le opere d’arte proiettate, a volte utilizzandole come semplice fondale scenico, a volte riproponendone il tema centrale (come se i personaggi sul palcoscenico prendessero vita uscendo dal quadro) altre ancora potenziandone il messaggio attraverso le parole recitate e i movimenti.

Martedì 7 maggio 2019, ore 11.15
I.I.S. “ENRICO FERMI” – POLICORO (MT)
MITI USA E GETTA? NO, GRAZIE!
Categoria: prosa
E se Prometeo, offrendo il fuoco agli uomini per farli uscire dallo stato di ferinità, avesse aperto la strada non solo al progresso, ma anche alla perdita del “senso della misura”?
E se la tecnologia – diventata non più mezzo ma fine – fosse la causa di tutti i mali delle nostre società sempre più disorientate e in crisi? Potrà il grande Zeus, ridisceso tra gli umani, far riflettere gli uomini sulla necessità di delineare una nuova Etica sociale e della Natura per riconciliare l’uomo con se stesso, con gli altri e con il mondo che lo circonda? Sarà capace di suggerire come non farsi ingannare dai falsi miti dei mass media e superare pregiudizi, differenze e diffidenze per la costruzione di relazioni umane più autentiche e significative? Prima, però, dovrà affrontare “l’ira funesta” di sua moglie Hera che vuole il divorzio!

> EVENTO EXTRA
Martedì 7 maggio 2019, ore 21.00
(ingresso gratuito con prenotazione obbligatoria)
UNIVERSITA’ DELLA TERZA ETA’ E DEL TEMPO LIBERO – GIOIA DEL COLLE
FRAMMENTI
Categoria: prosa
regia Ugo Maurino
Lo spettacolo “Frammenti” è il risultato del percorso laboratoriale svolto quest’anno presso L’UTE di Gioia del Colle, ed è stato interamente scritto dagli allievi del corso. Esso affronta il tema dell’accettazione della diversità sotto molti punti di vista, mediante il dipanarsi di una serie di, appunto, “frammenti” teatrali, sia comici che drammatici, che cercano di dimostrare quanto sia importante l’accettazione della diversità, e quanto sia importante il cercare di mantenersi il più possibile scevri da pregiudizi di sorta, per poter riuscire a trovare una ricchezza in essa.

Mercoledì 8 Maggio, ore 9.00
I.T. “MICHELNGELO BUONARROTI” – FRASCATI (RM)
SS – SCHOOL SHOOTING
Categoria: prosa
Tra cinque minuti suonerà la campana in questa classe dove i ragazzi sono stati lasciati da soli a riposarsi qualche minuto prima che riprendano le lezioni. Ogni banco è un’isola con una sua minuscola storia da raccontare, piccole finestre che danno sulle vite di giovani ragazzi: paesaggi di relazioni e conflitti, ma anche di leggerezza e ironia. Suona la campana e l’ora è finita, da quel momento comincia un’altra storia. La storia di Tiziano e Andrea che in un pomeriggio come gli altri scoprono che mai nessuno in Italia è entrato armato in una scuola, mai nessuno è stato ucciso a scuola. Allora si chiedono che non possano essere proprio loro i primi a farlo. Sognano una gloria nera, ma pur sempre una gloria. Passerà il tempo e verranno prese decisioni, reperite armi, documentato tutto con il telefonino. Sono determinati, svuotati dalle motivazioni che all’inizio li avevano sospinti, ma determinati. Suonerà la campana ancora e sarà un’unica finestra su un paesaggio infranto.
La provocazione è ovviamente parte fondante di questo progetto e pur essendo una provocazione enorme, che denuncia un clima, una paura, un malessere, la fragilità diffusa di tutti, non solo dei ragazzi più giovani, l’intento è comunque e paradossalmente discreto, riservato, segreto, profondo, chiuso nella camera di due adolescenti.
Non ci arroghiamo un’opinione politica ma una curiosità antropologica. Non vogliamo dare un senso al perché dei ragazzi commettono una strage terminale, così profonda ed inspiegabile da indurci a cercare un significato, una colpa, una qualsiasi, al di fuori di noi. Ammettiamo l’addebito (come accusati in attesa di giudizio) di alcune responsabilità: la fama senza meriti, lo sdoganamento fascista, le armi facili, ma lo rifiutiamo sul piano ideale.

Mercoledì 8 Maggio 2019, ore 11.15
Liceo Scientifico “GIORDANO BRUNO” – TORINO
DELITTO A VILLA ROUNG
Categoria: prosa
Durante la festa di fidanzamento della ricca rampolla di casa Roung, viene assassinato Trismegian, il futuro sposo. Viene chiamato ad indagare sull’omicidio l’improbabile ispettore Brown e il suo assistente Mortimer. Achille Campanile, autore del testo, scrive una divertente e surreale parodia del giallo classico, giocando con gli elementi del genere, ribaltando completamente la loro funzione, regalandoci un perfetto meccanismo di comicità.

Giovedì 9 maggio 2019, ore 9.00
ITAF – Scuola di Alta Formazione delle arti dello spettacolo di FITA e Scuola di Teatro del Centro Teatrale Europeo “Etoile” – Reggio Emilia
180 – LA LEGGE DEI MATTI
direzione artistica Daniele Franci
Categoria: prosa
Una performance ispirata alla legge 180, divenuta il simbolo di una rivoluzione libertaria in cui i malati psichici per il solo fatto di uscire dalle mura del manicomio, per incanto divenivano esseri umani normali.
«Il 13 maggio non si è stabilito per legge che il disagio psichico non esiste più in Italia, ma si è stabilito che in Italia non si dovrà rispondere mai più al disagio psichico con l’internamento e con la segregazione. Il che non significa che basterà rispedire a casa le persone con la loro angoscia e la loro sofferenza. »
(Franca Ongaro Basaglia).
Una citazione che racchiude in sé quanto di problematico ma anche di immensamente rivoluzionario ha potuto lasciare l’esperienza di un uomo nella storia nella società italiana.
Il valore della rivoluzione di Franco Basaglia che – per l’ampiezza delle conseguenze del suo agire, per la ricaduta pubblica e istituzionale del suo pensiero, e per il fatto che la legge sulla chiusura dei manicomi è stata la prima di questo tipo al mondo – è senza dubbio, il più grande intellettuale italiano del dopoguerra. Ad interpretare la performance, i ragazzi di “ITAF International Theater Accademy Fita”, Scuola di Alta Formazione delle arti dello spettacolo di FITA (Federazione Italiana Teatro Amatori) volta a qualificare giovani artisti attraverso l’utilizzo di linguaggi teatrali, coreutici, musicali e artistici, e gli allievi della Scuola di Teatro di Etoile, entrambe sotto la direzione artistica di Daniele Franci del Centro Teatrale Europeo Etoile di Reggio Emilia.

Giovedì 9 maggio 2019, ore 11.15
Associazione culturale VS ARTLAB – BITONTO (BA)
L’EGO DI ZENO COSINI
Categoria: prosa
L’ego di Zeno Cosini è l’occasione per mettere a nudo la costruzione di un “Io”. E’ l’io di Zeno Cosini, che si racconta al Dottor S; è la somma di parole dette e taciute su un tessuto di vicende di vita cercate e subite. Zeno si lascia costruire, tassello dopo tassello, dai suoi legami più significativi; che gli cuciranno addosso un’esistenza; un abito sulla consapevolezza di un “Io” disgregato apparentemente, privo di certezze. L’inettitudine, l’ipocondria di Zeno sono i sintomi della sua “malattia”. Le sue convinzioni, poi, cronicizzano il suo stato, nonostante le diagnosi mediche refertino, che non ha problemi fisici di alcun tipo, anche se, accusa di zoppicare ogni tanto…
Tante le sue palesi incapacità, prima fra tutte smettere di fumare, nonostante i buoni propositi; non saper gestire i propri affari tanto da avere un tutore…; necessariamente infedele per ritrovare l’amore di sua moglie, ma malgrado ciò l’inettitudine convenzionale di Zeno rivelerà altro… diventerà l’uomo migliore della famiglia. Il percorso con il Dottor S non non ha un punto di arrivo, ma ad una inversione di ruolo; all’ultima domanda del dottore, Zeno rispondere con un interrogativo: Perchè?

Venerdì 10 maggio 2019, ore 10.30
LICEO CLASSICO LINGUISTICO “M.T. CICERONE” – FRASCATI (RM)
ALCESTI
Categoria: prosa
Admeto, re di Tessaglia, dovrebbe morire, ma Apollo, che è stato ospite in casa sua, ottiene dalle Moire di salvargli la vita, se qualcun altro accetterà di morire al posto suo. I genitori, benché anziani, hanno rifiutato di sacrificarsi per il figlio; la giovane moglie Alcesti, invece, è disposta a dare la propria vita, in cambio di quella del marito. Alcesti stessa pronuncia personalmente le parole di addio alla vita, ai figli, al marito, pregandolo di restarle fedele dopo che sarà morta e di non mettere mai i figli nella difficile condizione di avere a che fare con una matrigna. Admeto le giura eterna fedeltà e lei muore. Mentre la reggia è in lutto, giunge Eracle, di passaggio, mentre si reca a compiere una delle sue fatiche. L’eroe nota il turbamento nella casa, ma Admeto gli tace l’accaduto e lo accoglie ospitalmente, nonostante il dolore per la morte della moglie. Eracle torna in scena e apprende infine l’accaduto, Per ricambiare la generosità di Admeto, Eracle insegue dunque il demone della morte, gli strappa la giovane donna e la riconduce al marito. Nonostante la gioia, Admeto dovrà aspettare che Alcesti sia sconsacrata dall’Ade, prima di poter sentire di nuovo la sua voce. Admeto non ha più nessuna esitazione a dichiararsi fortunato e il coro conferma che a volte accadono, per volere degli dei, cose che gli uomini non si sarebbero mai aspettate.

> RESIDENZA ARTISTICA
Venerdì 10 maggio 2019, ore 21.00
Esito della residenza artistica internazionale tra i ragazzi del laboratorio teatrale “Chièdiscena” IISS “CANUDO-MARONE-GALILEI e l’associazione “Melpómene” di Móstoles, Madrid
a cura della compagnia ECO DI FONDO
Un viaggio attraverso miti e fiabe intesi come metafore di scottanti temi di attualità. Una lente d’ingrandimento sulle relazioni che gravitano dentro e fuori l’ambito famigliare. Uno spazio protetto di confronto, divertimento e riflessione condivisa sulle nostre storie; per provare a spingerci insieme appena oltre quella sottile linea dove la storia del singolo diventa universale.

> SEZIONE INTERNAZIONALE
Sabato 11 maggio 2019, ore 21.00
MELPÓMENE MÓSTOLES, MADRID

sceneggiatura e regia Alejandro Cavadas
Motivato dal presente, CADENS (dal latino, “colui che cade”) è parte del nostro interesse verso il mondo che ci circonda e verso il dramma di milioni di persone di tutto il mondo. Per parlare della miseria dell’essere umano, non è necessario guardare molto lontano. Migliaia di migranti stanno arrivando alle nostre frontiere, esiliati che appaiono senza vita sulle nostre coste; crisi umanitarie così devastanti che rendono ingiusto realizzare uno spettacolo che centri l’attenzione in un unico caso specifico.
Che cosa faremmo se un giorno vivessimo questa realtà nelle nostre città? Ciò che vogliamo è parlare della miseria umana, della lotta, del cameratismo, della débacle più assoluta. Ma gli esiliati, i rifugiati, i migranti non possono raggiungere la loro Itaca sognata. La maggior parte di loro condivide una sensazione di vuoto assoluto, non solo per quello che hanno vissuto, ma anche per il “benvenuto” dei cittadini dei luoghi in cui arrivano. Questo ci ha portato alla conclusione che la fine del viaggio di questi esseri umani invisibili era solo l’inizio di un percorso, sempre più all’interno di un vortice diabolico.
Dove andare quando la libertà non è una garanzia?

> GALA’ DI CHIUSURA
Domenica 12 Maggio, ore 21.00
“Chièdiscena” laboratorio teatrale IISS “CANUDO-MARONE-GALILEI” – GIOIA DEL COLLE
ALICE FREAK CIRCUS

INFORMAZIONI e PRENOTAZIONI
sic.progettazioniculturali@gmail.com
3289569724 / 3470945331


Maggio all’infanzia 2019 Monopoli – Festival di teatro per bambini e ragazzi

In il

maggio all infanzia 2019 monopoli

Una carovana di artisti nazionali e internazionali si prepara a festeggiare bambini e bambine per la ventiduesima edizione del Festival Maggio all’Infanzia, diretto da Teresa Ludovico.

Spettacoli, laboratori, visite guidate, letture e visioni. Il festival – organizzato da Fondazione SAT e Teatri di Bari, con Associazione Italiafestival – prosegue il lavoro, cominciato ventidue anni fa di formazione delle giovani generazioni all’arte, al teatro e alla cultura.

Novità di quest’anno – Il festival Maggio all’Infanzia parte da Bari e arriva per la prima volta a Monopoli, che sarà sede ufficiale della vetrina nazionale.

Scopri qui il programma di Bari.

Dal 16 al 19 maggio, un ricco calendario di spettacoli, animazione, laboratori per tutte le età che colorerà i teatri, le strade e le piazze della città.
_____________________________________

I LUOGHI DEL FESTIVAL A MONOPOLI

TEATRO RADAR
Via Magenta 71 – 73

TEATRO MARIELLA
Largo Cardinale Marzati

BIBLIOTECA PROSPERO RENDELLA
Piazza Giuseppe Garibaldi 24

CHIESA SS. PIETRO E PAOLO
Piazza Palmieri

PIAZZA GIUSEPPE GARIBALDI

PIAZZA VITTORIO EMANUELE II

Qui tutti i dettagli degli eventi in programma.
_____________________________________

BOTTEGHINO

Prenota il tuo carnet di 10 biglietti a 20 euro (abbonamento non nominale) inviando un messaggio privato con nome, cognome e recapito telefonico: la disponibilità degli abbonamenti è limitata!
____________________________________

INFO E PREVENDITE

TEATRO RADAR – 335 756 4788
Via Magenta 71, Monopoli
Dal lunedì al venerdì dalle 17 alle 19

TEATRO KISMET – 335 805 2211
Strada San Giorgio Martire 22/F, Bari
Dal lunedì al venerdì dalle 10 alle 17

TUTTI I PUNTI VENDITA VIVATICKET

GLI ABBONAMENTI SARANNO DISPONIBILI ANCHE PRESSO:

LIBRERIA CHILDREN – 080 6981751
Largo Plebiscito 9, Monopoli

LIBRERIA LE STORIE NUOVE – 080 2373003
Via Giuseppe di Vagno 11, Conversano

INFOPOINT TURISTICO BARI – 080 5242244
Piazza del Ferrarese 29, Bari

BAR DARJEELING
Via Nicola Minervino 10, Bari – Palese


MOLASUONO 2019: primo maggio in musica con il Festival delle Band Molesi

In il

molasuono 2019

Un primo Maggio in musica, proprio come i grandi eventi che si rispettino. L’ASD Peekaboo Sporting Club di Nicola Valentini e di Sabino Guardavaccaro, sita in Mola di Bari, ha pensato ad un evento che possa essere un connubio tra musica e libertà. Sul palco “delle grandi occasioni” si alterneranno 13 band tutte molesi. Il direttore artistico, Francesco Ungaro, ha saputo creare una sinergia tra i vari generi delle 13 band che saprà coinvolgere tutti coloro avranno il piacere di trascorrere un Primo Maggio musicale, dai più piccoli ai più grandi, ce n’ Per tutti i gusti. L’ASD Peekaboo Sporting Club è pronta ad ospitare la seconda edizione della manifestazione. Sin dal mattino la struttura aprirà i battenti con parco giochi per i più piccoli e spazi all’aaperto per i più grandi.

INGRESSO LIBERO


S.P. 66 Mola-Conversano km.1
 – Mola di Bari

Info. 3917040500


Festival di Musica MAGGIO BARESE: il programma completo di tutti i concerti

In il

festival di musica maggio barese auditorium vallisa

Festival di Musica MAGGIO BARESE
1-12-19-26-29-30-31 Maggio 2019
9-30 Giugno 2019
Auditorium Diocesano La Vallisa
Bari

Tutta la programmazione con i 156 artisti

PROGRAMMA:

Mercoledì 1° Maggio
ore 19.00
Open Concert Brothers in Dance
Cianciotta Luca pianoforte
Giovanna ballerina
ore 20.00
Family Trio Amaj
Antero e Joseph Arena violini
Maria Assunta Munafò pianoforte

Domenica 12 Maggio
ore 19.00
Open Concert Coro in Canto
50 bambini Direttrice Grazia Albergo
ore 20.00
Concerto Ebanthology Mèditerranèe
Clarinet Ensemble
Direttore Antonio Tinelli

Domenica 19 Maggio
ore 19.00
Open Concert in Jazz and beyond
Vito Liturri
ore 20.00
Concerto
Alessandro Crosta flauto
Nadia Testa pianoforte

Domenica 26 Maggio
ore 19.00
Open Concert in Friends Trumpet
duo Antonio Grassi – Marco Farina
ore 20.00
Concerto
Piero Di Egidio pianoforte

Mercoledì 29 Maggio
ore 15.30 – 19.30
Piano MasterClass
M° Daniel Rivera
ore 20.00
Concerto
Daniele Adornetto pianoforte

Giovedì 30 Maggio
ore 9.00 – 13.00 // 15.00 – 19.00
Piano MasterClass
M° Daniel Rivera
ore 19.00
Prof. Giuseppe Pesce Retrospettiva pittorica Michele Guarnieri
ore 19.30
Ensemble di Fiati
Direttore Vito Vittorio De Santis

Venerdì 31 Maggio
ore 9.30 – 13.30 // 15.30 – 18.00
Piano MasterClass
M° Daniel Rivera
ore 18.30
Concerto e consegna Attestati dei partecipanti Piano Master Classe

Domenica 9 Giugno
ore 19.00
Open Concert in Family
Paride Losacco violino
Fiorella Sassanelli pianoforte
ore 20.00
Concerto Duo Pianistico “N.Rota”
Celestina Masotti – Annarita Partipilo

Domenica 30 Giugno
ore 19.00
Open Concert in Family
Francesco Palazzo fisarmonica
Tiziana Portoghese voce
Carlotta Maria violino
Adriano violoncello
ore 20.00
Concerto
Duo Pianistico “Fantasia”
Ivana Marija Vidovic – Vesna Miletic

29/39/31 Maggio ore 9.30 – 13.30 // 15.00 – 19.00 Mostra pittorica Michele Guarnieri di Noicattaro

Biglietto 6 Concerti con Open concert €13, ridotto €10
Biglietto 3 Concerti €10, ridotto €7
Abbonamento Festival €85, ridotto €75
Abbonamento solo 6 Concerti con Open concert €65, ridotto €55
Ingresso gratuito sino anni 10, ridotto over 65
Infotel. 3288924776


PREMIO MAGGIO Off 2018 – Il concertone gratuito targato Cgil

In il

premio maggio 0ff 2019 cgil bari

TORNA LA FESTA DI PREMIO MAGGIO: IL 30 APRILE IL LAVORO SI DIFENDE A RITMO DI MUSICA

Torna per l’ottavo anno consecutivo il Premio Maggio, ormai tradizionale appuntamento con il concertone del 30 aprile targato CGIL Bari, con il sostegno di CGIL Puglia, e dedicato alla musica e ai diritti degli artisti. La manifestazione è nata nel 2012 nell’ambito delle iniziative legate ai festeggiamenti della Festa del Lavoro.

L’ottava edizione del festival non si svolgerà all’interno dell’Arena della Pace di Bari come ogni anno, a causa dei lavori di ristrutturazione, ma nel cuore pulsante della nostra città. Vi aspettiamo numerosi in piazza Risolgimento con artisti di punta del panorama indie italiano ed europeo che saranno protagonisti di un’edizione caratterizzata dalla festa e dall’unione dei suoni del mondo nella musica italiana al di là di ogni barriera ed etichetta.

Dalle ore 20:00 in poi, sul palco:

Francesco De Leo
I Camillas

+ FINALISTI Contest OFF
Alessandra Valenzano
Keepers At Noon
SAMA

Premio Maggio Creative Zone
Spazio di intrattenimento ludico-creativo, per grandi e piccini

www.premiomaggio.it
www.cgilpuglia.it
www.facebook.com/premiomaggiobari/
www.facebook.com/premiomaggiocreativezone/


BIFEST 2019 – 10ª edizione del Bari International Film Festival

In il

bifest 2019 bari international film festival

L’edizione 2019 del Bif&st – edizione del decennale – si svolgerà dal 27 aprile al 4 maggio.

Il M° Ennio Morricone, 90 anni compiuti lo scorso novembre, autore di straordinarie colonne sonore che hanno segnato la storia del Cinema, due volte Premio Oscar (alla carriera nel 2007 e per The Hateful Eight nel 2016), sarà uno dei grandi protagonisti della edizione 2019, quella del Decennale, del Bari International Film Festival (Bif&st), una delle rassegne cinematografiche italiane di maggior successo – senza dubbio la più importante del Sud Italia – in programma nel capoluogo pugliese dal 27 Aprile al 4 Maggio prossimi. Per ora l’autore delle musiche di Novecento, Mission, Gli Intoccabili e di numerose altre pellicole di successo, è l’unico ospite di questa nuova edizione del Festival la cui presenza è nota, perché a lui sarà dedicata la grande retrospettiva di quest’anno (44 film) oltre ad essere insignito, nella giornata inaugurale, del Premio Federico Fellini Award for Cinematic Excellence, riconoscimento che andrà anche ad altre figure del cinema.

Come ogni anno la rassegna si dipanerà fra Teatro Petruzzelli e Cinema Multisala Galleria, con un maggiore coinvolgimento, quest’anno, anche del Teatro Margherita, reduce da un restauro che segna la sua nuova vita di contenitore culturale.  E proprio al Margherita, splendido edificio d’epoca liberty costruito sul mare con un sistema di palafitte, si terranno la conferenza stampa di presentazione dei film in concorso, gli appuntamenti di ‘Focus su…’ con i protagonisti del cinema italiano e cinque monologhi teatrali interpretati da attrici italiane. Altre location saranno il Teatro Van Westerhout e il Castello Angioino di Mola di Bari.

Fra le novità di questa edizione, annunciate la proiezione della copia restaurata di “Polvere di stelle”, il film con Alberto Sordi e Monica Vitti, in parte girato proprio a Bari, e la proiezione, durante la serata di apertura, del film muto “Napoli che canta” (1926), opera diretta dal regista campano Roberto Roberti (alias Vincenzo Leone, padre del celebre Sergio Leone) con performance live della cantante e attrice Lina Sastri. In programma anche una mostra fotografica dedicata agli ospiti protagonisti di tutte le edizioni del Festival.

Anche quest’anno celebri protagonsiti del cinema italiano e internazionale terranno le Lezioni di Cinema mattutin, così come ritroveremo la sezione ‘Panorama internazionale’ con i dodici film in concorso nel pomeriggio, e le serali Anteprime Internazionali al Teatro Petruzzelli. A latere del già citato omaggio al grande Ennio Morricone, nel teatro Margherita si terrà una mostra dei manifesti dei tanti film di cui Morricone ha firmato la colonna sonora, provenienti dalla Cineteca nazionale del CSC.

Sempre per le retrospettive, il pubblico ne troverà anche una sul tema dell’intolleranza, molto attuale in questa particolare congiuntura storica. In programma la proiezione di 14 film tra i quali “Intolerance” di David W. Griffith (1961), pellicola che ha ispirato il titolo della retrospettiva. Torna anche la sezione ‘Cinema e scienza’ che quest’anno toccherà i temi dell’acqua, della sete e della guerra.

NUMERI E NOMI DI UN FESTIVAL DI SUCCESSO

Il Bif&st-Bari International Film Festival conta ogni anno 75.000 spettatori e, in appena nove edizioni, è divenuto uno dei più importanti eventi cinematografici italiani grazie alla sua vastissima offerta di alto valore culturale (il programma del 2018 ha presentato oltre 300 eventi in 8 giorni).
Il Bif&st, posto sotto l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica, è promosso dalla Regione Puglia con il Comune di Bari e prodotto dalla Fondazione Apulia Film Commission.
Margarethe von Trotta è il presidente del festival. Il regista Ettore Scola, che per molti anni lo ha presieduto, è il presidente onorario. Il direttore è Felice Laudadio, presidente del Centro Sperimentale di Cinematografia, ex direttore della Mostra di Venezia e della Casa del Cinema di Roma, e già presidente di Cinecittà Holding. La sede principale del Bif&st è uno fra i teatri più belli del mondo, il Teatro Petruzzelli (nella foto durante una Lezione di cinema), cui si aggiungono altre 12 sale occupate dal festival.

Tra gli ospiti ai quali nel corso degli anni è stato conferito il Federico Fellini Award for Cinematic Excellence, per aver illuminato il mondo del cinema con il loro contributo artistico, si segnalano: Jean-Jacques Annaud, Fanny Ardant, Luis Bacalov, Costa-Gavras, Stephen Frears, Abbas Kiarostami, Andrej Končalovskij, John Madden, Alan Parker, Jacques Perrin, Michael Radford, Edgar Reitz, Volker Schlöndorff, Barbara Sukowa, Bertrand Tavernier, Max von Sydow, Margarethe von Trotta, Andrzej Wajda; e fra gli italiani: Gianni Amelio, Antonio Albanese, Dario Argento, Pupi Avati, Marco Bellocchio, Bernardo Bertolucci, Andrea Camilleri, Claudia Cardinale, Sergio Castellitto, Liliana Cavani, Cristina Comencini, Pierfrancesco Favino, Sabrina Ferilli, Dante Ferretti e Francesca Lo Schiavo, Giancarlo Giannini, Tonino Guerra, Virna Lisi, Mario Martone, Giuliano Montaldo, Laura Morante, Nanni Moretti, Ennio Morricone, Ornella Muti, Nicola Piovani, Francesco Rosi, Sergio Rubini, Ettore Scola, Toni Servillo, Paolo Sorrentino, Vittorio Storaro, Paolo e Vittorio Taviani, Giuseppe Tornatore, Armando Trovajoli, Carlo Verdone, Paolo Virzì. Ognuno di questi grandi professionisti ha tenuto una Masterclass per un pubblico composto ogni volta da circa 1.400 persone che hanno affollato quotidianamente il Teatro Petruzzelli.
Le serate di gala del festival, nello storico Teatro Petruzzelli, presentano le Anteprime internazionali di film altamente spettacolari, tra i quali, nel 2010: Nine di Rob Marshall, Amabili resti di Peter Jackson, American Life di Sam Mendes; Bright Star di Jane Campion. Nel 2011: Il discorso del re di Tom Hooper, Il buongiorno del mattino di Roger Michell, London Boulevarddi William Monahan. Nel 2012: Molto forte, incredibilmente vicino di Stephen Daldry, Marigold Hotel di John Madden, Titanic 3D di James Cameron. Nel 2013: Come un tuono di Derek Cianfrance, Una fragile armonia di Yaron Zilberman, Uomini di parola di Fisher Stevens,  Stoker di Chan-wook Park. Nel 2014: Noah di Darren Aronofsky, Grand Budapest Hotel di Wes Anderson, The Invisible Woman di Ralph Fiennes, Gigolò per caso di John Turturro.  Nel 2015: L’ultimo lupo di Jean-Jacques Annaud, Ex Machina di Alex Garland, Ritorno al Marigold Hotel di John Madden, Miss Julie di Liv Ullmann. Nel 2016:  Agnus Dei di Anne Fontaine, Zona d’ombra di Peter Landesman, L’uomo che vide l’infinito di Matt Brown. Nel 2017: La tenerezza di Gianni Amelio, Miss Sloane di John Madden, Get Out di Jordan Peele, Le divan de Staline di Fanny Ardant, Land of the Gods di Goran Paskaljevic, Return to Montauk di Volker Schlöndorff etc. Nel 2018: The Captain di Robert Schwenkte, Unsane di Steven Soderbergh, Prima che la notte di Daniele Vicari e l’edizione restaurata di Ultimo tango a Parigi di Bernardo Bertolucci in world première.
Altri 12 film di tutto il mondo vengono selezionati ogni anno per la sezione competitiva Panorama internazionale, ospitata nel Teatro Petruzzelli, con premi al miglior regista, miglior attore protagonista e migliore attrice protagonista. Tra i registi dei film presentati in questa sezione: Lucas Belvaux, Paul Bettany, Marion Hansel, Annemarie Jacir, Lech Majewski, Goran Paskaljevic, Lone Scherfig, Brad Silberling, Liv Ullmann, Iram Haq, Samuel Tilman, Pantelis Voulgaris, Aleksej Fedorchenko.
Oltre a film fuori concorso, eventi speciali, laboratori e incontri con gli autori, il Bif&st presenta 2 concorsi riservati ai film italiani: il primo dedicato ai migliori film di lungometraggio distribuiti in sala o passati nei festival nell’ultimo anno, e un altro alle migliori Opere prime e seconde più recenti.
Il Bif&st inoltre ricerca negli archivi filmici e televisivi numerosi documenti inediti e preziosi, relativi a grandi personaggi, molti dei quali sono stati ambasciatori del cinema italiano nel mondo: le Retrospettive su Carmelo Bene, Franco Cristaldi, Vittorio Gassman, Federico Fellini, Marco Ferreri, Fritz Lang, Marcello Mastroianni, Dino Risi, Francesco Rosi, Ettore Scola, Alberto Sordi, Giuseppe Tornatore, Gian Maria Volonté sono tra le più ampie mai dedicate a questi maestri.

Per il programma completo del Bif&st 2019 clicca qui


Nicola Piovani in concerto a Monopoli, “La musica è pericolosa – Concertato”

In il

nicola piovani teatro radar costa dei trulli

La musica è pericolosa – Concertato
Nicola Piovani in concerto

Venerdì 26 aprile 2019
Teatro Radar
MONOPOLI
Inizio ore 21.00

Nell’ambito del programma di “Festival Costa dei Trulli – 2019”, la città di Monopoli ospita il maestro Nicola Piovani, vincitore della statuetta d’oro per le musiche del film di Benigni “La vita è bella”, protagonista dello spettacolo “La musica è pericolosa – Concertato”.

Il concerto è un racconto musicale, narrato dagli strumenti che agiscono in scena. A scandire le stazioni di questo viaggio musicale in libertà, Piovani racconta al pubblico il senso di questi frastagliati percorsi che l’hanno portato a fiancheggiare il lavoro di De André, di Fellini, di Magni, di registi spagnoli, francesi, olandesi, per teatro, cinema, televisione, cantanti strumentisti, alternando l’esecuzione di brani teatralmente inediti a nuove versioni di brani più noti, riarrangiati per l’occasione.

I video di scena integrano il racconto con immagini di film, di spettacoli e, soprattutto, immagini che artisti come Luzzati e Manara hanno dedicato all’opera musicale di Piovani.
Il Maestro Piovani sarà al pianoforte, accompagnato in scena da Marina Cesari(sax/clarinetto), Pasquale Filastò (violoncello/chitarra), Ivan Gambini(batteria/percussioni), Marco Loddo (contrabbasso) e Rossano Baldini (tastiere).
SI ricorda che il concerto rientra in “Festival Costa dei Trulli”, evento itinerante tra i Comuni di Monopoli, Alberobello, Castellana Grotte, Conversano e Fasano.

I biglietti sono in vendita qui o presso il botteghino del Teatro Radar in via Magenta 71 a partire dalle ore 17 (cell. 3357564788).


La Notte dei Giganti – Festival dei Trampolieri a Locorotondo

In il

la notte dei giganti locorotondo

LA NOTTE DEI GIGANTI a Locorotondo (Bari)

Musica, spettacolo e divertimento al calar del sole. Dal cielo stellato di Locorotondo scende la “Notte dei Giganti”, il grande evento fortemente voluto e organizzato dall’Amministrazione comunale, targato Associazione Smile – Organizzazione & Gestione Eventi, costantemente impegnata a 
contagiare di sorrisi tutta la Puglia, grazie all’impegno del suo giovane presidente Manuel Manfuso. 
Appuntamento al prossimo 25 aprile in Piazza Aldo Moro, alle ore 16.30, per assistere alla partenza della straordinaria parata, animata dalla One Beat Drumline, gruppo di percussioniste tutto al femminile 
contraddistinto dal famoso stile delle drumline americane, tra sonorità latino-americane e coreografie sensazionali. Parte integrante del loro spettacolo sarà proprio il pubblico, coinvolto in unico battito per saltare, ballare, cantare e divertirsi insieme. 
I vicoli del centro storico faranno da palcoscenico diffuso agli artisti di strada attesi per l’occasione, a partire da Carlotta raccontastorie: le sue “Favole Parlanti” prenderanno vita ad un metro e mezzo dal suolo, per catapultare i più piccoli in una realtà magica, a confine con la fantasia. Spettacolo sui trampoli anche per Cillo e Niky, meglio noti come Spirit bird, che si esibiranno in una romantica e suggestiva danza impreziosita da 
giochi di luce ed effetti speciali. A chiudere la cerchia dei trampolieri, arriva il Circo Dis-tratto, pronto a far volteggiare per aria palline, clave, sciabole e cappelli, in un mix di giocoleria, equilibrismo e gag esilaranti. 
Di tutt’altra natura lo show “Nuvole Bianche” che avvolgerà i presenti in un vortice di magia, tra bolle giganti, musica, coriandoli ed effetti pirotecnici. 
Per coloro che vorranno trascorrere un’intensa giornata all’insegna della spensieratezza e dello shopping, resterà aperto sin dalla mattina il Mercatino degli Hobbysti, lungo il centralissimo Corso XX Settembre, dove 
acquistare prodotti di prima qualità tra una vasta scelta di numerosi espositori, accuratamente selezionati dall’Associazione Smile. Non mancherà occasione per lasciarsi accarezzare il palato, sperimentando gustose 
prelibatezze presso i deliziosi locali del centro.

INGRESSO LIBERO

Associazione Smile 
Manuel Manfuso
Infotel: 3248679062 

Mail: associazionesmile2015@gmail.com