ERASMUS FESTIVAL 2019 a Monopoli

In il

erasmus festival 2019 monopoli

Dal 14 al 19 maggio è in programma a Monopoli, l’importante festival internazionale ERASMUS FESTIVAL 2019, organizzato dal Conservatorio “Nino Rota”: esso ospiterà artisti provenienti da tutta Europa che si affiancheranno a docenti e studenti locali in un ricco e articolato programma di concerti e masterclass. L’anteprima del Festival si è svolta in Conservatorio venerdì 10 maggio, con la presentazione del CD per canto e organo del compositore contemporaneo Biagio Putignano;  a partire da martedì 14 si susseguiranno tutte le altre manifestazioni. Segnaliamo, in modo particolare, il concerto inaugurale di martedì 14 maggio al Teatro Radar (ore 21 – Ingresso libero) che vedrà protagonista il Vienna Music Institute Ensemble (Gisele Jackson – Singer; Harry Tanschek – drums; Alexander Lackner – Bass; Ernst Ritsch – Jazz Guitar).


“Gioia Bambina”: il programma della IIIª edizione del festival teatrale e pedagogico

In il

festival gioia bambina

FESTIVAL “GIOIA BAMBINA” DAL 13 AL 18 MAGGIO 2019

Giunto alla sua terza edizione, “Gioia Bambina” è un festival teatrale e pedagogico, dedicato all’arte teatrale e le sue interazioni, con un focus sul mondo dell’infanzia.
Questo progetto nasce dall’interazione tra drammaturgia, animazione e letteratura. Un’occasione, durante la quale, il Teatro incontra la nostra Città per celebrare l’infanzia.
La cittadinanza avrà la possibilità di sperimentare differenti e molteplici gradi di apprendimento da protagonisti ed, al contempo, da spettatori. Un’ambivalenza che permette una
visione ampia e solidale, oltre che uno strumento di socializzazione globale.

Programma del festival:

Lunedì 13 Maggio
Presso il IL GELSO Ritrovato (contrada Pavoncelli-Gioia del Colle)
16:30:
-Laboratorio Ecologico nella natura per la costruzione di bombe di semi a cura di TRACCEVERDI_Società Cooperativa Sociale. (Età 7-13 anni);
-Laboratorio Gastronomico “Dalla farina alla pasta” a cura dell’ Università della Terza Età e del Tempo Libero – Gioia del Colle e del Cap Anziani (Età 8-13);
18:00:
-Esposizione collettiva d’arte a cura di TRACCEVERDI_Società Cooperativa Sociale con le opere di Annamaria de Bellis e Donato Montuoso.
Ingresso gratuito

Martedì 14 Maggio
Presso Teatro Comunale Rossini
10:30:
-Proiezione dei cortometraggi “Rentrée des classes” e “Petite Lumière” per il progetto CinEd con spiegazione a cura di Sofio Zissou Giancotti (Età dai 6 anni)
Ingresso gratuito;
16:30:
-Laboratorio di aquiloni a cura di Elio Benincasa
(Età 8-13);
18:00:
-Inaugurazione mostra d’illustrazione “Carta dei diritti dei bambini all’arte e alla cultura” in collaborazione con IMAGINARIA
e Teatro Testoni Ragazzi – La Baracca
Ingresso gratuito;
19:00:
-Spettacolo “Concerto Fragile” di Casa degli alfieri (Età 2-8 anni) ;

Mercoledì 15 Maggio
Presso Teatro Comunale Rossini
10:30:
-Proiezione del cortometraggio “La Tigre Blu” di Peter Oukropec per il progetto CinEd con spiegazione a cura di Sofio Zissou Giancotti (Età dai 7 anni)
Ingresso gratuito;
16:30:
-Laboratorio di illustrazione “Fantasia al potere” a cura di Elio Benincasa (Età 7-14);
-Laboratorio di giochi tradizionali “I quattro cantoni” a cura dell’ Università della Terza Età e del Tempo Libero – Gioia del Colle
Ingresso gratuito;
18:00
-Focus pedagogico “Diritto alla salute e alle cure speciali” con gli interventi della Dott.ssa Giovanna Ciancio e della Dott.ssa Antonietta Conte.
Ingresso gratuito;
19:00
-Spettacolo “Il principe e il povero” di Teatro Casa Di Pulcinella (Età 7-10);

Giovedì 16 Maggio
Presso Teatro Comunale Rossini
9:30:
-“Pane e Tulipani”: Focus sulla nutrizione a cura del Dott. Filippo Procino.
Ingresso gratuito;
11:30:
-Laboratorio gastronomico di panificazione a cura dell’ Università della Terza Età e del Tempo Libero – Gioia del Colle
Ingresso gratuito;
16:00-19:00:
-Laboratorio teatrale a cura di Roberto Corradino (Età 10-14 anni);
16:30:
-Laboratorio di biodanza a cura di BioEssentia (Età 8-10 anni);
19:00:
-Spettacolo “Dentro e fuori la caverna” di Silvio Gioia e Michele Lobaccaro (Età 7-99);

Venerdì 17 Maggio
Presso Teatro Comunale Rossini
10:00-19:00:
-Laboratorio teatrale a cura di Roberto Corradino (Età 10-14);
10:30:
-Spettacolo matinée “I guai di Pulcinella” di Compagnia La Luna nel Letto e Associazione culturale tra il dire e il fare (Età dai 3 anni);
17:30:
-Focus pedagogico “Diritto al Gioco e all’Educazione e diritto di essere un bambino” con gli interventi del Dott. Ludovico Abbaticchio, Dott.ssa Cinzia Catacchio, Dott.ssa Giuseppina Maria Porro e di Valentina Tafuni
Moderatrice: Dott.ssa Anna Maria Luigia Tullio.
Ingresso gratuito;
19:30:
-Artisti di strada con spettacolo di giocoleria ed equilibrismo con Roberto Magic Sciò (Età 0-99)
Ingresso gratuito;

Sabato 18 Maggio
Presso Teatro Comunale Rossini
10:30:
-Presentazione del libro “Adama e Tonio” delle due autrici Chiara Curione e Laura Tullio
Ingresso gratuito;
18:00:
Presso Castello normanno-svevo (Gioia del Colle)
-Esito del Laboratorio teatrale “Capuleti- Montecchi/ Zero a Zero- il Derby di Verona” con la regia di Roberto Corradino
Ingresso gratuito;

Tutti i giorni alle 16:30, “Favole e cuscini” tutti i bambini e gli adulti che lo desiderano potranno ascoltare le Storie Donate, letture a cura dei volontari appassionati di lettura. (Ingresso gratuito)

Ticket spettacoli:
Intero: 6 euro
Ridotto (gruppi di 8 persone): 5 euro
Info e prenotazioni spettacoli serali: 3455259883 (Filippo)
Mail: botteghino.ombre@gmail.com
Matinée: 4 euro
Info e prenotazioni spettacoli matinée: 3394488125(Mariana)

Info Laboratori:
Per tutti i laboratori in cui non è specificato “ingresso gratuito” è previsto il pagamento di una quota di iscrizione:
Laboratorio di Roberto Corradino: 40 euro/ 30 euro(iscritti a “Piccoli Attori Lab)
Altri Laboratori: 3 euro
Info e prenotazioni: 3402375943 (Rossella) – 3923157004 (Monica) – 3471763941(Giulia)
Mail: comunicazione.ombre@gmail.com

Vi aspettiamo


RIMBAMBAND in “Manicomic” al Teatro Radar

In il

rimbamband teatro radar costa dei trulli

MANICOMIC – Il nuovo spettacolo della Rimbamband in scena al Teatro Radar di Monopoli (Bari).

con: Con Raffaello Tullo, Renato Ciardo, Francesco Pagliarulo, Vittorio Bruno, Nicolò Pantaleo.
Regia: Gioele Dix
Produzione: Rimbamband

Sono in cinque. Sono una band. Suonano e sono più o meno consapevoli di essere tutti affetti da numerose patologie mentali: ansie da prestazione, disturbo della personalità multipla, sindromi ossessivo compulsive. Uno di loro è un alcolista depresso, non essendo riuscito a realizzare il sogno di una vita: ballare alla Scala. E poi c’è un imprevedibile bipolare, cioè come sarebbero Jekyll e Hyde se fossero un
pianista… Un medico psichiatra prova, aHraverso un percorso terapeutico, a sbrogliare questa
intricata matassa e a condurre i suoi pazienti alla guarigione: musica, sport, piHura,
viaggi, cinema: tutto è terapia. Ma i nostri cinque sono duri a guarire e nonostante i continui richiami del medico, le loro migliori intenzioni e l’assunzione di farmaci dai nomi grotteschi, non riescono a
liberarsi dalle loro ossessioni. Una sorta di “Qualcuno volò sul nido del cuculo” in versione comico/teatrale, in cui la follia si trasforma in libertà, energia, divertimento e creatività. Perché non può esserci
arte senza follia e… da vicino, nessuno è normale.
Quando ci chiedono cosa sia la Rimbamband siamo sempre un po’ in difficoltà, credeteci . In passato
rispondevamo in svariati modi: «La Rimbamband usa il linguaggio della musica a supporto di un contenuto comico»; «È la musica che si dilata e che ti fa guardare, oltre che ascoltare»; e ancora: “La
Rimbamband racconta la musica nel suo aspetto più folle e surreale”. Tutto vero e condivisibile, ok! Ma mancava qualcosa. Ci rendevamo conto che davanti a tali definizioni la gente rimaneva sempre un po’ interdetta, con stampata in volto la tipica espressione, del tipo «non ho capito una mazza!».
Poi abbiamo capito. Mancava un’anima! Quella che ha semplicemente una gran voglia di giocare! Gioca-
re! Giocare alla vita e raccontarla giocando. Insieme dal 2006, da bravi pestiferi e loschi figuri mixiamo tutti i linguaggi possibili dell’arte e dello spettacolo. Musica, mimo, clown, tip tap, teatro di figura, rumorismo, fantasia teatrale, parodie. Il tutto shakerato con un ritmo comico incalzante e servito con energia travolgente.

>>>Acquista Biglietti

Sabato 11 maggio 2019
Teatro Radar
MONOPOLI
Inizio ore 21.00


Maggio all’infanzia 2019 Bari – Festival di teatro per bambini e ragazzi

In il

maggio all infanzia 2019 bari

Una carovana di artisti nazionali e internazionali si prepara a festeggiare bambini e bambine per la ventiduesima edizione del Festival Maggio all’Infanzia, diretto da Teresa Ludovico.

Spettacoli, laboratori, visite guidate, letture e visioni. Il festival – organizzato da Fondazione SAT e Teatri di Bari, con Associazione Italiafestival – prosegue il lavoro, cominciato ventidue anni fa di formazione delle giovani generazioni all’arte, al teatro e alla cultura.

Novità di quest’anno – Il festival Maggio all’Infanzia parte e si conclude a Bari e arriva per la prima volta a Monopoli, che sarà sede ufficiale della vetrina nazionale.

Scopri qui il programma di Monopoli.
_____________________________________

I LUOGHI DEL FESTIVAL A BARI

CORTILE SCUOLA C. COLLODI
Via del Turco, Bari-Palese

TEATRO ABELIANO
Via Padre Massimiliano Kolbe, 3

C.C MONGOLFIERA JAPIGIA
Via Loiacono, 20

PIAZZA MASSARI

CORSO VITTORIO EMANUELE II

PIAZZA FERRARESE

Qui tutti i dettagli degli eventi in programma.
_____________________________________

BOTTEGHINO

Prenota il tuo carnet di 10 biglietti a 20 euro (abbonamento non nominale) inviando un messaggio privato con nome, cognome e recapito telefonico: la disponibilità degli abbonamenti è limitata!
____________________________________

INFO E PREVENDITE

TEATRO KISMET – 335 805 2211
Strada San Giorgio Martire 22/F, Bari
Dal lunedì al venerdì dalle 10 alle 17

TEATRO RADAR – 335 756 4788
Via Magenta 71, Monopoli
Dal lunedì al venerdì dalle 17 al 19

TUTTI I PUNTI VENDITA VIVATICKET

GLI ABBONAMENTI SARANNO DISPONIBILI ANCHE PRESSO:

INFOPOINT TURISTICO BARI – 080 5242244
Piazza del Ferrarese 29, Bari

BAR DARJEELING
Via Nicola Minervino 10, Bari – Palese

LIBRERIA CHILDREN – 080 6981751
Largo Plebiscito 9, Monopoli

LIBRERIA LE STORIE NUOVE – 080 2373003
Via Giuseppe di Vagno 11, Conversano


SINCRETICA – Festival delle Arti Contemporanee

In il

sincretica festival

Il 9 e 10 Maggio dalle 10:00 al Palazzo della Provincia di Bari si terrà Sincretica, il Festival delle Arti Contemporanee. L’artista visivo Pierpaolo Miccolis si esibirà con una performance di live painting; contestualmente, verrà proiettato il lavoro del video artista Ignazio Fabio Mazzola. Il 9 maggio inoltre, ci sarà un reading delle poesie dello scrittore Osvaldo Piliego. Il 15 Maggio il Festival si concluderà all’AncheCinema di Bari con il concerto di musica elettroacustica del compositore Marco Malasomma; per quest’ultimo, verrà creato un evento diverso nei prossimi giorni.
Il 9 e 10 Maggio l’ingresso sarà gratuito.
L’arte vi aspetta!

++PROGRAMMA++

—–Giovedì 9 maggio 2019—–
presso Palazzo della Provincia, Bari

Ore 10.00
Saluti istituzionali
Interverranno Loredana Capone, Assessore Industria Turistica e Culturale della Regione Puglia; Giuseppe Pirlo, Prorettore Università degli Studi di Bari “A. Moro”;
Vito Lacoppola, Assessore della Città Metropolitana di Bari.

Ore 10.30
Presentazione degli artisti Pierpaolo Miccolis e Ignazio Fabio Mazzola, conferenza e
intervento critico del direttore artistico Silvia Mazzilli, Le Mani di Proserpina; presentazione e
proiezione del video a cura di Fabio Ignazio Mazzola.

Ore 11.00
Incontro con le scuole.

Ore 12.00 – 13.00
Avvio della performance di live painting di Pierpaolo Miccolis e proiezione del video di
Ignazio Fabio Mazzola.

Ore 15.00 – 19.00
Live painting e proiezione video.

Ore 17.00 – 19.00
Reading dell’autore Osvaldo Piliego.

—–Venerdì 10 maggio 2019—–
presso Palazzo della Provincia, Bari

Ore 10.00 – 13.00
Live painting e proiezione video.

Ore 15.00 – 19.00
Live painting e proiezione video.

—–Mercoledì 15 maggio 2019—–
presso Teatro AncheCinema

Ore 21.00
Marco Malasomma in concerto


Festival Ambientepuglia 2019

In il

festival ambientepuglia programma

La quarta edizione del Festival Ambientepuglia è promossa con l’intenzione di estendere la riflessione sui temi intessuti con la fragilità dell’ambiente, esplorando le strategie che arte, musica e design stanno adottando rispetto ad un presente senza plastica ed un futuro luminoso.

Il tema dell’edizione 2019 è Facciamo Luce.

Facciamo Luce perché, stando ai cambiamenti climatici in corso, è necessario prendere coscienza delle azioni da adottare per proteggere la Natura.
Facciamo Luce perché vogliamo capire la storia e la natura della Luce, essenza vitale della civiltà.
Facciamo Luce perché la riflessione diventi una presa di posizione per un presente senza plastica ed un un futuro luminoso.


II° Festival della Magia al Teatro Showville – Trofeo Agebeo

In il

festival della magia teatro showville

AGEBEO vi invita a partecipare al 2° FESTIVAL DELLA MAGIA – TROFEO AGEBEO.

Una serata all’insegna della magia, dell’illusionismo e della solidarietà con il 2° Festival della Magia, Trofeo Agebeo, in programma venerdì 3 maggio 2019 nel teatro Showville di Bari. Due gli spettacoli, alle ore 16.30 e alle ore 21.00, durante i quali si sfideranno i famosi maghi MAGO MARCO, MAGO AROLF, MAGO DODO, SIM MAGIC, ABA THE ILLUSIONIST, CRISTIANO GIOFFREDA E ALESSANDRO FUMAROLA.

Un appuntamento da non perdere grazie alla conduzione di Lucia Scarli e del Mago Rasul che accompagneranno il pubblico in una serata…magica. Due gli ospiti speciali della serata: il comico Tino Fimiani, che garantirà risate e divertimento, e Brigith Ramos, hula hoop dancer, con il suo meraviglioso spettacolo che porta in sé arte, giocoleria, danza e ginnastica

L’evento si svolgerà venerdì 3 maggio c/o il teatro Showville
Via Giannini 9 (Mungivacca) – Bari.

Sono previsti due spettacoli:
• Ore 16,30. Posto unico € 7,00
– Gruppi € 5,00;
• Ore 21,00. Posto numerato singolo in Platea € 15,00
– Posto Gruppi numerato in Platea € 13,00
– Posto numerato singolo in Galleria € 10,00
– Posto Gruppi numerato in Galleria € 8,00

Per info e prenotazioni:

Michele Farina 3290562888
Raimondo D’Innella 3388442007
Vito Calabrese 3471166645

Il ricavato della serata sosterrà la raccolta fondi per la realizzazione del “Villaggio dell’Accoglienza Trenta Ore per la Vita per Agebeo”, destinato all’accoglienza delle famiglie dei bambini ricoverati nel reparto di Oncoematologia Pediatrica del Policlinico di Bari provenienti dal centro sud e da paesi stranieri. Il rustico delle prime otto unità abitative è ormai completato, ma occorrono ancora molti fondi per la realizzazione dell’intero villaggio che prevede anche ampi spazi verdi attrezzati.

Vi invitiamo a partecipare in massa per aiutare l’associazione a concretizzare il progetto del Villaggio che diventerà una opportunità per tutta la comunità.


DIFFERENZE: Festival Internazionale TeatroLab 2.0 Chièdiscena

In il

differenze festival teatrolab chiediscena

Conto alla rovescia per il Festival TeatroLab 2.0 Chièdiscena!
Tema di questa terza edizione è la parola “DIFFERENZE”, la sua immagine una farfalla d’acqua: animale simbolo per eccellenza di trasformazione. 20 spettacoli in programma tra matinée realizzati da scuole superiori e compagnie professioniste, il Galà inaugurale affidato, come da tradizione, a 43 studenti del laboratorio teatrale “Chièdiscena” che porteranno sul palco lo spettacolo “Alice Freak Circus”, sotto la guida dal regista e direttore artistico del Festival Maurizio Vacca, una residenza artistica a cura della compagnia Eco di Fondo, una sezione internazionale con la conpagnia spagnola Melpòmene Teatro, 49 progetti di alternanza scuola lavoro riguardanti lo storytelling, la cura del pubblico e la tecnica di palco.

Teatrolab 2.0 Chièdiscena è realizzato in collaborazione con Etoile CTE – Reggio Emilia, I.I.S.S. “Canudo – Marone Galilei” – Gioia del Colle, con il patrocinio del Comune di Gioia del Colle, il sostegno della Regione Puglia – Programma straordinario in materia di cultura e spettacolo 2018 e dell’Anno Europeo del Patrimonio Culturale #EuropeForCulture e la partnership di Agita Teatro, Casa dello Spettatore, FITA PUGLIA, Palazzo Romano Eventi meeting, cultura & società, Università della Terza Età e del Tempo Libero – Gioia del Colle, CAPS Cooperativa Sociale, Etoile International, Melpómene Teatro. Con il contributo di Fondazione Puglia, Gioiella Latticini e Soardi Pneumatici sas.

IL PROGRAMMA

> GALA’ INAUGURALE
Giovedì 2 maggio 2019, Teatro Comunale Rossini
porta ore 20.00 – sipario ore 20.30
“Chièdiscena” laboratorio teatrale IISS “CANUDO-MARONE-GALILEI” – GIOIA DEL COLLE
ALICE FREAK CIRCUS
regia Maurizio Vacca
aiuto regia Anna Maria Stasi
produzione Sic! ProgettAzioni Culturali
Spesso, come Alice, ci ritroviamo a non saper rispondere ad una semplice domanda: “Chi sei tu?”. Allora è il momento di chiudere gli occhi e andare oltre lo specchio, oltre il semplice apparire, in un mondo dove nessuno è mai stato ma dove potremo sentirci a casa. Un mondo che non giudica la diversità, l’unicità che è in ognuno di noi. Un mondo in cui poter sentire tutto in tutte le maniere, poter vivere tutto da tutti i lati, essere la stessa cosa in tutti i modi possibili allo stesso tempo e realizzare in noi tutta l’umanità di tutti i momenti, in un solo momento diffuso, profuso, completo e distante. È la forza del nostro essere uomini.
La diversità ci spaventa e cerchiamo di nasconderla confondendoci in ciò che non siamo. Tuttavia,solo dalla diversità può nascere lo spettacolo della vita. Solo dalla diversità delle note nasce l’armonia della musica. Solo dalla diversità delle parole nasce una storia. La diversità ci rende liberi. Siamo animali da branco ma come tali non dobbiamo appartenere ad un gregge. La diversità è garanzia di unicità. Esserne consapevoli fa la differenza… in meglio!

Venerdì 3 maggio 2019, ore 9.00 e ore 11.15
“Chièdiscena” laboratorio teatrale IISS “CANUDO-MARONE-GALILEI” – GIOIA DEL COLLE
ALICE FREAK CIRCUS

Sabato 4 maggio 2019, ore 9.00
LICEO CLASSICO “GIOVANNI BERCHET” – MILANO
LE ALLEGRE COMARI DI LONDRA
Categoria: prosa
Nel 1600 in piena epoca elisabettiano-giacobita i teatri di Londra sono pieni, i drammaturghi sono famosi e i grandi attori sono divi a tutti gli effetti ma…le donne non possono recitare. Giovanotti imberbi interpretano le parti femminili con mossette vezzose che secondo loro fanno donna. Le donne di Londra – mogli fidanzate amanti di attori ma anche semplici spettatrici – sono sempre più irritate per questa situazione e l’iniquo trattamento che ritengono insopportabile. Decidono allora di fare teatro. Ma le donne non possono recitare, che fare? L’idea geniale è quella di vestirsi da uomini e presentarsi come una nuova ed emergente compagnia di provincia ma i problemi, manco a dirlo, non finiscono qui. Quale storia recitare? Una lunga serie di rivalità amorose e gelosie di ogni tipo porta alla messa in scena di “molto rumore per nulla”, interpretato da un caparbio gruppo di donne travestite da uomini. Ma ci sono parti femminili e alcune donne travestite da uomini devono ritravestirsi da donne. Insomma una sarabanda di equivoci che racconta la passione per il teatro e la lunga strada della lotta delle donne per la parità di diritti e dignità.
Lo spettacolo parte dai principi del teatro povero affidando alle interpreti evocare spazi e luoghi della vicenda e con pochi segni di costume ricreare le complicate trasformazioni da donna a uomo e di nuovo a donna.
Energia, vitalità, vivacità sono caratteristiche dello spettacolo che attraverso una metafora esilarante parla del nostro tempo e delle battaglie in corso.

Sabato 4 maggio 2019, ore 11.15
LICEO GINNASIO “UGO FOSCOLO”- ALBANO LAZIALE (RM)
FILOTTETE
Categoria: tragedia greca con canti in lingua originale
Ulisse e Neottolemo, figlio di Achille, arrivano sull’isola di Lemmo dove l’arciere Filottete, alla vigilia della partenza pern Troia, dieci anni prima, è stato abbandonato dai Greci per il fetore e gli insopportabili lamenti causati da una ferita al piede. I due, approdati su un’isola deserta dove Filottete ha ormai concepito per i suoi compagni di unn tempo solo rancore, tentano di indurlo con l’inganno a seguirli a Troia, o almeno a consegnare loro il suo arco, dono di Eracle e destinato ad espugnare Troia secondo un oracolo. L’eroe, però, deus ex machina, convincerà Filottete a partire con la promessa che sarà risanato dalla piaga che lo affligge e conquisterà la gloria.

> SPETTACOLO SERALE
Domenica 5 maggio 2019, ore 21.00
TEATRO DELL’ELFO PUCCINI/ECO DI FONDO
DEDALO E ICARO
con Giacomo Ferraù, Vincenzo Giordano, Libero Stelluti, Giulia Viana
drammaturgia Tindaro Granata
regia Giacomo Ferraù e Francesco Frongia
La storia del mito ci racconta di un padre che costruisce un paio d’ali per liberare sé e suo figlio da un labirinto che li tiene imprigionati.
Nel nostro Dedalo e Icaro ci sono un padre e un figlio, come nel mito, ma per questo padre (che da noi si chiama Vincenzo) il labirinto nel quale si perde quotidianamente è suo figlio (che da noi si chiama Giacomo).
Nella nostra storia Dedalo/Vincenzo siamo noi, il nostro ottuso desiderio di risolvere ogni cosa,
la nostra necessità di far quadrare i conti, la nostra rinuncia a credere all’impossibile, il nostro ozio alla vita che corre, il nostro orgoglio ferito dalla natura, il nostro fegato marcio e le nostre bestemmie per ciò che non torna.
Ma è anche il nostro coraggio felice, è la nostra forza di continuare a sorridere, è un’attitudine alla vita che abbiamo tutti.
Il nostro Icaro/Giacomo è la diversità che ci imbarazza, è la parola che scompagna le nostre carte.
È la storia irrisolta che ci innervosisce, è la finestra che sbatte col vento, è quel sorriso di fronte ad uno sbaglio, è quel grazie detto sottovoce, è una lampadina fulminata, è un tuono e un lampo, scompagnati, fanno paura.
È rassegnazione.
È una gioia vista al rovescio, è labirinto e noi lì dentro, una specie di ciechi.
È la nostra incapacità ad accettare un Mistero, è Mistero!
Ma mi viene voglia di gridare: “ma grazie al cielo! Icaro/Giacomo, grazie al cielo!”
Tindaro Granata

Lunedì 6 maggio 2019, ore 9.00
I.I.S. “GALILEO FERRARIS” – ACIREALE (CT)
SIAMO FATTI DELLA STESSA MATERIA DEI SOGNI?
Categoria: prosa
La ricerca continua della conoscenza accomuna scienza e teatro e l’uomo ne è protagonista.
Sulla natura dell’uomo e sulla sua analogia con l’universo si esprimeranno i ragazzi del laboratorio indagando dopo energia, spazio e tempo – tutti elementi base della vita- la materia. I due protagonisti, adolescenti, intraprendono un viaggio affiancati da paura, angoscia, momenti di rassegnazione in cui vorranno tornare indietro, ma anche momenti di coraggio, di forza e di amore. Lungo il viaggio, ascoltando il loro cuore, faranno scelte per capire che alla fine è stata la decisione stessa di partire la cosa veramente importante e che la metà arriverà perché hanno deciso di raggiungerla. I contrasti e le differenze, ingredienti della vita, a cui andranno incontro li relazionerà nell’esperienza del mondo e con il mondo.

Lunedì 6 maggio 2019, ore 11.15
ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO “ENRICO FERMI” – FRASCATI (RM)
DON CHISCIOTTE
Categoria: prosa con musiche eseguite dal vivo
Don Chisciotte, come tutti gli archetipi, continua a parlarci. Il punto, dunque, è come lo si racconta? Don Chisciotte serve non soltanto per parlare dei sogni e del nostro bisogno di sognatori falliti o addirittura dell’assenza di fantasia della nostra nuova gioventù di internauti. Questo spettacolo nasce dall’idea di donare ai ragazzi, ma anche a tutti gli spettatori, quello che viene chiamato l’effetto Cervantes, ovvero quella necessaria ironia che rende la follia poetica ma anche umana. Uno spettacolo classico ma moderno, d’epoca ma con qualche contaminazione scenica da scoprire che arricchisce e che avvicina i personaggi ad una moderna visione della follia e delle differenze fra gli uomini. I viaggi di Don Chisciotte e del suo scudiero Sancio permettono di incontrare un mondo ricco e variegato più di quanto lo stesso don Chisciotte possa immaginare, ma è anche tale da produrre una serie crescente di scacchi, come la sconfitta in duello da parte di un cavaliere più finto di lui o la lotta contro i mulini a vento. Don Chisciotte è diventato un personaggio tragico e, prima di dichiararsi risanato e pentito e dunque vinto, sul letto di morte, esclama, come un mistico: io sono nato per vivere morendo. La musica dal vivo accompagna lo spettacolo ricco di colore e colpi di scena.

Martedì 7 maggio 2019, ore 9.00
I.I.S. “FEDERICO CAFFE’” – ROMA
CON…FUSIONI, Immagini, parole e suoni di una grande Guerra
Categoria: prosa
ll progetto “Con…fusioni” nasce dall’idea di creare uno spettacolo in cui arte, musica, teatro e movimento si fondano dando vita a suggestioni che coinvolgano lo spettatore in un’esperienza totalizzante. L’arte fa da filo conduttore, da “punto di appoggio” al “racconto” degli attori sulla scena, che si muove nell’arco temporale della prima guerra mondiale. E’, però, importante capire che la funzione delle immagini (così come quella della musica) non è sempre didascalica e descrittiva, molto spesso si tratta piuttosto di “evocare” idee, emozioni, stati d’animo per un coinvolgimento che travalichi il limite temporale, pur esistente, della storia. Lo spettacolo è arricchito anche dagli oggetti simbolici come la trincea o le lettere dal fronte, dalle parole degli attori e dai documenti visivi.
Gli attori metteranno in scena un vero e proprio “dialogo” con le opere d’arte proiettate, a volte utilizzandole come semplice fondale scenico, a volte riproponendone il tema centrale (come se i personaggi sul palcoscenico prendessero vita uscendo dal quadro) altre ancora potenziandone il messaggio attraverso le parole recitate e i movimenti.

Martedì 7 maggio 2019, ore 11.15
I.I.S. “ENRICO FERMI” – POLICORO (MT)
MITI USA E GETTA? NO, GRAZIE!
Categoria: prosa
E se Prometeo, offrendo il fuoco agli uomini per farli uscire dallo stato di ferinità, avesse aperto la strada non solo al progresso, ma anche alla perdita del “senso della misura”?
E se la tecnologia – diventata non più mezzo ma fine – fosse la causa di tutti i mali delle nostre società sempre più disorientate e in crisi? Potrà il grande Zeus, ridisceso tra gli umani, far riflettere gli uomini sulla necessità di delineare una nuova Etica sociale e della Natura per riconciliare l’uomo con se stesso, con gli altri e con il mondo che lo circonda? Sarà capace di suggerire come non farsi ingannare dai falsi miti dei mass media e superare pregiudizi, differenze e diffidenze per la costruzione di relazioni umane più autentiche e significative? Prima, però, dovrà affrontare “l’ira funesta” di sua moglie Hera che vuole il divorzio!

> EVENTO EXTRA
Martedì 7 maggio 2019, ore 21.00
(ingresso gratuito con prenotazione obbligatoria)
UNIVERSITA’ DELLA TERZA ETA’ E DEL TEMPO LIBERO – GIOIA DEL COLLE
FRAMMENTI
Categoria: prosa
regia Ugo Maurino
Lo spettacolo “Frammenti” è il risultato del percorso laboratoriale svolto quest’anno presso L’UTE di Gioia del Colle, ed è stato interamente scritto dagli allievi del corso. Esso affronta il tema dell’accettazione della diversità sotto molti punti di vista, mediante il dipanarsi di una serie di, appunto, “frammenti” teatrali, sia comici che drammatici, che cercano di dimostrare quanto sia importante l’accettazione della diversità, e quanto sia importante il cercare di mantenersi il più possibile scevri da pregiudizi di sorta, per poter riuscire a trovare una ricchezza in essa.

Mercoledì 8 Maggio, ore 9.00
I.T. “MICHELNGELO BUONARROTI” – FRASCATI (RM)
SS – SCHOOL SHOOTING
Categoria: prosa
Tra cinque minuti suonerà la campana in questa classe dove i ragazzi sono stati lasciati da soli a riposarsi qualche minuto prima che riprendano le lezioni. Ogni banco è un’isola con una sua minuscola storia da raccontare, piccole finestre che danno sulle vite di giovani ragazzi: paesaggi di relazioni e conflitti, ma anche di leggerezza e ironia. Suona la campana e l’ora è finita, da quel momento comincia un’altra storia. La storia di Tiziano e Andrea che in un pomeriggio come gli altri scoprono che mai nessuno in Italia è entrato armato in una scuola, mai nessuno è stato ucciso a scuola. Allora si chiedono che non possano essere proprio loro i primi a farlo. Sognano una gloria nera, ma pur sempre una gloria. Passerà il tempo e verranno prese decisioni, reperite armi, documentato tutto con il telefonino. Sono determinati, svuotati dalle motivazioni che all’inizio li avevano sospinti, ma determinati. Suonerà la campana ancora e sarà un’unica finestra su un paesaggio infranto.
La provocazione è ovviamente parte fondante di questo progetto e pur essendo una provocazione enorme, che denuncia un clima, una paura, un malessere, la fragilità diffusa di tutti, non solo dei ragazzi più giovani, l’intento è comunque e paradossalmente discreto, riservato, segreto, profondo, chiuso nella camera di due adolescenti.
Non ci arroghiamo un’opinione politica ma una curiosità antropologica. Non vogliamo dare un senso al perché dei ragazzi commettono una strage terminale, così profonda ed inspiegabile da indurci a cercare un significato, una colpa, una qualsiasi, al di fuori di noi. Ammettiamo l’addebito (come accusati in attesa di giudizio) di alcune responsabilità: la fama senza meriti, lo sdoganamento fascista, le armi facili, ma lo rifiutiamo sul piano ideale.

Mercoledì 8 Maggio 2019, ore 11.15
Liceo Scientifico “GIORDANO BRUNO” – TORINO
DELITTO A VILLA ROUNG
Categoria: prosa
Durante la festa di fidanzamento della ricca rampolla di casa Roung, viene assassinato Trismegian, il futuro sposo. Viene chiamato ad indagare sull’omicidio l’improbabile ispettore Brown e il suo assistente Mortimer. Achille Campanile, autore del testo, scrive una divertente e surreale parodia del giallo classico, giocando con gli elementi del genere, ribaltando completamente la loro funzione, regalandoci un perfetto meccanismo di comicità.

Giovedì 9 maggio 2019, ore 9.00
ITAF – Scuola di Alta Formazione delle arti dello spettacolo di FITA e Scuola di Teatro del Centro Teatrale Europeo “Etoile” – Reggio Emilia
180 – LA LEGGE DEI MATTI
direzione artistica Daniele Franci
Categoria: prosa
Una performance ispirata alla legge 180, divenuta il simbolo di una rivoluzione libertaria in cui i malati psichici per il solo fatto di uscire dalle mura del manicomio, per incanto divenivano esseri umani normali.
«Il 13 maggio non si è stabilito per legge che il disagio psichico non esiste più in Italia, ma si è stabilito che in Italia non si dovrà rispondere mai più al disagio psichico con l’internamento e con la segregazione. Il che non significa che basterà rispedire a casa le persone con la loro angoscia e la loro sofferenza. »
(Franca Ongaro Basaglia).
Una citazione che racchiude in sé quanto di problematico ma anche di immensamente rivoluzionario ha potuto lasciare l’esperienza di un uomo nella storia nella società italiana.
Il valore della rivoluzione di Franco Basaglia che – per l’ampiezza delle conseguenze del suo agire, per la ricaduta pubblica e istituzionale del suo pensiero, e per il fatto che la legge sulla chiusura dei manicomi è stata la prima di questo tipo al mondo – è senza dubbio, il più grande intellettuale italiano del dopoguerra. Ad interpretare la performance, i ragazzi di “ITAF International Theater Accademy Fita”, Scuola di Alta Formazione delle arti dello spettacolo di FITA (Federazione Italiana Teatro Amatori) volta a qualificare giovani artisti attraverso l’utilizzo di linguaggi teatrali, coreutici, musicali e artistici, e gli allievi della Scuola di Teatro di Etoile, entrambe sotto la direzione artistica di Daniele Franci del Centro Teatrale Europeo Etoile di Reggio Emilia.

Giovedì 9 maggio 2019, ore 11.15
Associazione culturale VS ARTLAB – BITONTO (BA)
L’EGO DI ZENO COSINI
Categoria: prosa
L’ego di Zeno Cosini è l’occasione per mettere a nudo la costruzione di un “Io”. E’ l’io di Zeno Cosini, che si racconta al Dottor S; è la somma di parole dette e taciute su un tessuto di vicende di vita cercate e subite. Zeno si lascia costruire, tassello dopo tassello, dai suoi legami più significativi; che gli cuciranno addosso un’esistenza; un abito sulla consapevolezza di un “Io” disgregato apparentemente, privo di certezze. L’inettitudine, l’ipocondria di Zeno sono i sintomi della sua “malattia”. Le sue convinzioni, poi, cronicizzano il suo stato, nonostante le diagnosi mediche refertino, che non ha problemi fisici di alcun tipo, anche se, accusa di zoppicare ogni tanto…
Tante le sue palesi incapacità, prima fra tutte smettere di fumare, nonostante i buoni propositi; non saper gestire i propri affari tanto da avere un tutore…; necessariamente infedele per ritrovare l’amore di sua moglie, ma malgrado ciò l’inettitudine convenzionale di Zeno rivelerà altro… diventerà l’uomo migliore della famiglia. Il percorso con il Dottor S non non ha un punto di arrivo, ma ad una inversione di ruolo; all’ultima domanda del dottore, Zeno rispondere con un interrogativo: Perchè?

Venerdì 10 maggio 2019, ore 10.30
LICEO CLASSICO LINGUISTICO “M.T. CICERONE” – FRASCATI (RM)
ALCESTI
Categoria: prosa
Admeto, re di Tessaglia, dovrebbe morire, ma Apollo, che è stato ospite in casa sua, ottiene dalle Moire di salvargli la vita, se qualcun altro accetterà di morire al posto suo. I genitori, benché anziani, hanno rifiutato di sacrificarsi per il figlio; la giovane moglie Alcesti, invece, è disposta a dare la propria vita, in cambio di quella del marito. Alcesti stessa pronuncia personalmente le parole di addio alla vita, ai figli, al marito, pregandolo di restarle fedele dopo che sarà morta e di non mettere mai i figli nella difficile condizione di avere a che fare con una matrigna. Admeto le giura eterna fedeltà e lei muore. Mentre la reggia è in lutto, giunge Eracle, di passaggio, mentre si reca a compiere una delle sue fatiche. L’eroe nota il turbamento nella casa, ma Admeto gli tace l’accaduto e lo accoglie ospitalmente, nonostante il dolore per la morte della moglie. Eracle torna in scena e apprende infine l’accaduto, Per ricambiare la generosità di Admeto, Eracle insegue dunque il demone della morte, gli strappa la giovane donna e la riconduce al marito. Nonostante la gioia, Admeto dovrà aspettare che Alcesti sia sconsacrata dall’Ade, prima di poter sentire di nuovo la sua voce. Admeto non ha più nessuna esitazione a dichiararsi fortunato e il coro conferma che a volte accadono, per volere degli dei, cose che gli uomini non si sarebbero mai aspettate.

> RESIDENZA ARTISTICA
Venerdì 10 maggio 2019, ore 21.00
Esito della residenza artistica internazionale tra i ragazzi del laboratorio teatrale “Chièdiscena” IISS “CANUDO-MARONE-GALILEI e l’associazione “Melpómene” di Móstoles, Madrid
a cura della compagnia ECO DI FONDO
Un viaggio attraverso miti e fiabe intesi come metafore di scottanti temi di attualità. Una lente d’ingrandimento sulle relazioni che gravitano dentro e fuori l’ambito famigliare. Uno spazio protetto di confronto, divertimento e riflessione condivisa sulle nostre storie; per provare a spingerci insieme appena oltre quella sottile linea dove la storia del singolo diventa universale.

> SEZIONE INTERNAZIONALE
Sabato 11 maggio 2019, ore 21.00
MELPÓMENE MÓSTOLES, MADRID

sceneggiatura e regia Alejandro Cavadas
Motivato dal presente, CADENS (dal latino, “colui che cade”) è parte del nostro interesse verso il mondo che ci circonda e verso il dramma di milioni di persone di tutto il mondo. Per parlare della miseria dell’essere umano, non è necessario guardare molto lontano. Migliaia di migranti stanno arrivando alle nostre frontiere, esiliati che appaiono senza vita sulle nostre coste; crisi umanitarie così devastanti che rendono ingiusto realizzare uno spettacolo che centri l’attenzione in un unico caso specifico.
Che cosa faremmo se un giorno vivessimo questa realtà nelle nostre città? Ciò che vogliamo è parlare della miseria umana, della lotta, del cameratismo, della débacle più assoluta. Ma gli esiliati, i rifugiati, i migranti non possono raggiungere la loro Itaca sognata. La maggior parte di loro condivide una sensazione di vuoto assoluto, non solo per quello che hanno vissuto, ma anche per il “benvenuto” dei cittadini dei luoghi in cui arrivano. Questo ci ha portato alla conclusione che la fine del viaggio di questi esseri umani invisibili era solo l’inizio di un percorso, sempre più all’interno di un vortice diabolico.
Dove andare quando la libertà non è una garanzia?

> GALA’ DI CHIUSURA
Domenica 12 Maggio, ore 21.00
“Chièdiscena” laboratorio teatrale IISS “CANUDO-MARONE-GALILEI” – GIOIA DEL COLLE
ALICE FREAK CIRCUS

INFORMAZIONI e PRENOTAZIONI
sic.progettazioniculturali@gmail.com
3289569724 / 3470945331


Maggio all’infanzia 2019 Monopoli – Festival di teatro per bambini e ragazzi

In il

maggio all infanzia 2019 monopoli

Una carovana di artisti nazionali e internazionali si prepara a festeggiare bambini e bambine per la ventiduesima edizione del Festival Maggio all’Infanzia, diretto da Teresa Ludovico.

Spettacoli, laboratori, visite guidate, letture e visioni. Il festival – organizzato da Fondazione SAT e Teatri di Bari, con Associazione Italiafestival – prosegue il lavoro, cominciato ventidue anni fa di formazione delle giovani generazioni all’arte, al teatro e alla cultura.

Novità di quest’anno – Il festival Maggio all’Infanzia parte da Bari e arriva per la prima volta a Monopoli, che sarà sede ufficiale della vetrina nazionale.

Scopri qui il programma di Bari.

Dal 16 al 19 maggio, un ricco calendario di spettacoli, animazione, laboratori per tutte le età che colorerà i teatri, le strade e le piazze della città.
_____________________________________

I LUOGHI DEL FESTIVAL A MONOPOLI

TEATRO RADAR
Via Magenta 71 – 73

TEATRO MARIELLA
Largo Cardinale Marzati

BIBLIOTECA PROSPERO RENDELLA
Piazza Giuseppe Garibaldi 24

CHIESA SS. PIETRO E PAOLO
Piazza Palmieri

PIAZZA GIUSEPPE GARIBALDI

PIAZZA VITTORIO EMANUELE II

Qui tutti i dettagli degli eventi in programma.
_____________________________________

BOTTEGHINO

Prenota il tuo carnet di 10 biglietti a 20 euro (abbonamento non nominale) inviando un messaggio privato con nome, cognome e recapito telefonico: la disponibilità degli abbonamenti è limitata!
____________________________________

INFO E PREVENDITE

TEATRO RADAR – 335 756 4788
Via Magenta 71, Monopoli
Dal lunedì al venerdì dalle 17 alle 19

TEATRO KISMET – 335 805 2211
Strada San Giorgio Martire 22/F, Bari
Dal lunedì al venerdì dalle 10 alle 17

TUTTI I PUNTI VENDITA VIVATICKET

GLI ABBONAMENTI SARANNO DISPONIBILI ANCHE PRESSO:

LIBRERIA CHILDREN – 080 6981751
Largo Plebiscito 9, Monopoli

LIBRERIA LE STORIE NUOVE – 080 2373003
Via Giuseppe di Vagno 11, Conversano

INFOPOINT TURISTICO BARI – 080 5242244
Piazza del Ferrarese 29, Bari

BAR DARJEELING
Via Nicola Minervino 10, Bari – Palese