Notti di Poesia a Cassano delle Murge

In il

Notti di Poesia a Cassano delle Murge

Tante novità per la undicesima edizione di “Notti di Poesia – festival della cultura poetica” che si terrà a Cassano delle Murge (Ba) dal 19 al 21 luglio 2019.
Ricco il programma che prevede quest’anno una anteprima il 16 luglio presso la Collina di S. Lucia: “a voce libera” l’attore Loris Leoci leggerà le poesie di Giacomo Leopardi, a duecento anni dal suo capolavoro, quell’ “Infinito” che sulla collina che domina Cassano assumerà un gusto diverso.
Spazio anche ai più piccoli, in questa edizione, grazie alla collaborazione con il blog “La dote della formica” con lettura poetiche ad alta voce.
Per la prima volta in Puglia, poi, il concerto poetico di Ilaria Drago basato sulle poesie di Simone Weil e poi reading poetici, incontri con l’autore, presentazione di libri, musica e mostre d’arte per tre giorni animeranno il centro storico della cittadina murgiana.

“Notti di Poesia” è organizzato dall’Associazione “Officine del Sud” e si svolge in collaborazione con l’Associazione “I Presidi del Libro”, la Pro Loco “La Murgianella” e con il patrocinio del Presidente del Consiglio Regionale della Puglia e del Comune di Cassano delle Murge.

NOTTI DI POESIA 2019
Festival della Cultura Poetica

Martedì 16 luglio 2019

Collina S. Lucia – Ore 21.30 – Loris Leoci: “Leopardi a voce libera”

Venerdì 19 luglio 2019

Ore 20.30 – Pinacoteca Civica – Palazzo “Miani-Perotti”
a con TENTARE – esposizione e performance di Domenico Sciacovelli

Ore 22.00 – Arco di via Sanges
Rocco Chiumarulo legge Bernard-Marie Koltes

Sabato 20 luglio 2019

Arco di via Sanges
Ore 20.00: Antonella Vairano
Ore 20.30: Alfonso Guida
Ore 21.30: Monica Messa/Mariella Cuoccio
Ore 22.30: La poesia-canzone napoletana, con Tony Petruzzellis e il M° Tonino Errico

Piazzetta San Pietro
Ore 20.30: Dina Ferorelli/Giuseppe Milella/Lorena Liberatore
Ore 21.30: Raffaele Fiantanese

Piazzetta san Giuseppe
Ore 19.00: Letture illustrate ad alta voce (dai 4 anni in su) a cura di Francesca Mastrogiacomo de “La dote della formica”

Ore 20.30: Lucia Siciliano (Cassano delle Murge)
Ore 21.00: Vito Sciacovelli (Santeramo in Colle)
Ore 21.30: Pinuccio Casimo (Noicattaro)

Lungo i percorsi: “Improvvisazioni poetiche” con Letizia Cobaltini.

Domenica 21 luglio 2019

Arco di via Sanges
Ore 20.30: Giuseppe De Vito intervista William Vastarella (Stilo editrice)
Ore 21.30: Letizia Cobaltini
Ore 22.00: “Simone Weil: concerto poetico” di e con Ilaria Drago

Piazzetta San Pietro
Ore 21.00: “Viste DiVersi” a cura di Vincenzo Colonna, A.C. Lab Experience (Gravina in Puglia)
Rosa Buonamassa/Virginia Rescigno/Nicola Leoce/Davide Antonio Giustino/Vincenzo Mastropirro/Angela Marchetti/ Gaetano Desantis/Amelia Sgobba

Ore 22.00: Maria Nardelli/Giovanni Laera (Pietre Vive Editore)

Piazzetta San Giuseppe
Ore 20.30: Vito Campanale e la poesia delle storie di paese
Ore 21.00: Candido Daresta (Sammichele di Bari)
Ore 21.30: Peppino Carelli (Casamassima)

Per tutte le info: associazioneofficinedelsud@gmail.com – Tel. 3206623746


Ad Adelfia, Ind U Rion Street Festival

In il

Ind U Rion Street Festival Adelfia

Montrone City Movement, il comune di Adelfia e la Pro Loco presentano:

Ind U Rion Street Festival

Un’ inziativa che vede come protagonista la strada, luogo di aggregazione per eccellenza.
Colonne portanti saranno lo sport, il food e la musica, visto le origini urbane di alcune delle realtà musicali coinvolte, il connubio è del tutto naturale.

Attraverso lo sviluppo di questi contenuti, si cercherà di coinvolgere e valorizzare la nostra comunità, dando vita ad un evento fresco, culturale e gustoso.

Ore 19.00 Street Basket
Ore 20.00 Apertura Stand
ore 21.00 Dj Set & Live

I gruppi:

– Colpa Delay
– Fukushima Mon Amour
– Dj Puppet
Hosted: La Ragg (ElMarsica & Hanzo)

Piazza Trieste – ADELFIA (Bari)


World Dance Movement The International Festival alle Grotte di Castellana: il programma

In il

world dance movement grotte di castellana

World Dance Movement The International Festival
Alle Grotte di Castellana 3 settimane con 12 spettacoli di coreografi e compagnie da tutto il mondo, stage, audizioni, concorsi, cinema, incroci d’arte, talenti e tanta danza.

World Dance Movement The International Festival vi aspetta dal 7 al 28 luglio 2019 Piazzale Anelli, Grotte di Castellana (Bari)

INGRESSO GRATUITO

Info: 0804998211

PROGRAMMA:

11 Luglio – Kalinka ore 21:30
12 Luglio – WDM Gala ore 21:00
13 Luglio – WDM ore 18:00
14 Luglio – Il Canto di Itaca ore 21:30
18 Luglio – Cappuccetto Rosso ore 21:30
19 Luglio – Maybe Tomorrow ore 21:30
20 Luglio – WDM Gala ore 21:00
21 Luglio – Intrecciando Puccini ore 21:30
25 Luglio – All Ways ore 21:30
26 Luglio – Perfection Has No Dreams ore 21:30
27 Luglio – WDM ore 20:00
28 Luglio – WDM Gala ore 21:00

Vi aspettiamo per vivere insieme il World Dance Movement atmosfera magica alle Grotte di Castellana.
Ingresso Gratuito.

Sarà possibile da Castellana raggiungere le Grotte servendosi del Servizio di Trasporto Pubblico Locale, che per il periodo 11 – 28 Luglio funzionerà anche nelle ore serali.

Da Castellana Grotte
dalle ore 20:00 alle ore 23:30, con partenza ogni mezz’ora dal Largo Portagrande (nei pressi del civico 23)

Dalle Grotte
dalle ore 20:15 alle ore 24:00 con partenza ogni mezz’ora da via Orofino (ex via Matarrese)

Costo del biglietto valido per andata e ritorno € 1,00

****************************
World Dance Movement – The International Festival builds connections between dance and diverse cultures that inspire and transform dancers around the world. Our focus is to present dancers with an opportunity where they receive one-on-one training and attention in a noncompetitive atmosphere. The curriculum challenges dancers of all levels through a comprehensive study-vacation model.

You will be able to enjoy training with dancers from nearly 30 countries with the same passion and drive to be the best they can be. Immerse yourself in various cultures while learning from an international faculty of unparalleled talent… …There is nothing better!


Festival Ecomuseale delle Arti: a Palese, musica mostre e spettacoli

In il

festival ecomuseale delle arti 2019 bari palese

Dal 7 luglio al 7 settembre Palese ospita la sesta edizione del “Festival Ecomuseale delle Arti”, manifestazione nata nel 2013 per diffondere le arti nei luoghi storici e identitari del territorio, dal teatro alla musica classica, dalla pittura al cinema, dalla poesia italiana e dialettale alla letteratura, da spettacoli con burattini a momenti di musica leggera.

L’ingresso a tutti gli eventi è libero ma, per accedere ai luoghi privati, è necessario inviare una comunicazione a ecomuseourbanodelnordbarese@gmail.com.

PROGRAMMA:

– Domenica 7 luglio alle 20.30
presso villa Longo De Bellis (in via Tenente Saverio Noviello, 3) si terrà la proiezione del videocollage di Eugenio Lombardi “I bambini e il tempo”. A seguire, spettacolo teatrale della compagnia Formediterre “La conquista del Sud (correva l’anno)”.

– Venerdì 12 luglio alle 20.30
presso villa Longo De Bellis concerto dell’Orchestra Sinfonica Metropolitana di Bari “Il magico mondo dell’Operetta”.

– Sabato 13 luglio alle 20.30
presso villa Framarino (in Strada Provinciale 156 – Areoporto Bari – Palese) presentazione del libro e della mostra di Mariano Argentieri (la mostra è realizzata con Donato Sciannimanico) “La Route du Soleil”. A seguire A seguire, reading teatrale e installazione fotografica di Pasquale D’Attoma Fanizzi e Arturo Del Muscio “TransumanzaLuoghi”.

– Sabato 20 luglio alle 20.30
presso villa Framarino presentazione del libro di Marilena Abbatepaolo “Partitura in versi”. A seguire, esecuzione dell’opera d’arte in fa maggiore di Andrea Cramarossa “False Hamlet”.

– Sabato 27 luglio alle 20.30
presso villa Longo De Bellis proiezione del cortometraggio di Enrico Acciani “La figlia di Mazinga”. A seguire, personale artistica di Marisa Fanelli e concerto al pianoforte di Antoni O’ Breskey.

– Sabato 3 agosto alle 20.30
presso villa Luisa (in via Francesco Speranza, 18) presentazione del libro di Chiara Pepe “Voci dal mondo antico”. A seguire, spettacolo teatrale di e con Antonio Minelli e della compagnia Formediterre “La gabbia der Pipino”.

– Mercoledì 7 agosto alle 20.30
presso villa Longo De Bellis presentazione del libro di Valentino Losito “E la chiamano estate” presentato da Mario Sicolo. A seguire, spettacolo musicale “I Baila” con le musiche di Zucchero Fornaciari.

– Mercoledì 14 agosto alle 19.00
presso il Lungomare Massaro (accanto al lido Sun Beach) il teatro dei burattini di e con Enrico Francone “Pulcinellamoltomosso”. A seguire, alle 21, declamazione di poesie in vernacolo di Savino Morelli e concerto “Sciò Live Band: Pino Daniele forever”.

– Sabato 7 settembre alle 6.00
presso il Porticciolo di Palese si ammirerà il sorgere del sole tra spiritualità, poesia e musica con vari rappresentanti delle religioni monoteiste. A seguire, performance musicale del Duo Tankarp e declamazione di Pasquale D’Attoma Fanizzi delle poesie vincitrici del Concorso Letterario Nazionale Regina Bona Sforza.


FESTIVAL FRIDA KAHLO

In il

festival frida kahlo

Festival organizzato dall”associazione culturale EL ZOTTANO, collettivo QUINET GALERIA con il patrocinio del comune di Grumo Appula, città metopolitana di Bari in Puglia

Descrizione dell’evento
Prima edizione del FESTIVAL FRIDA KAHLO 2019 GRUMO APPULA a cura di Yanira Delgado Altamirano

Il Festival di Frida Kahlo a Grumo Appula è un viaggio tra i dolori e fra i colori di un’artista originale, tormentata, sofferente eppure sempre pronta a ricevere ed elaborare nuovi stimoli, finendo per dar vita ad uno stile unico nel suo genere, che si fa veicolo di emozioni e di simboli di un’anima incompresa e combattiva.

Mostra presentata dal 6 al 13 luglio 2019
Ingresso Libero
Potete venire in Costume di Frida Kahlo, una sorpresa speciale per loro!

Eventi
– Sabato 6 di luglio dalle ore 19:00 alle 22:30
Inaugurazione della mostra internazionale di pittura del collettivo QUINET GALERIA – Messico dal titolo “Por la ruta de las montañas a Italia” dedicata a Frida Kahlo con la partecipazione di 40 pittori messicani. Questa esposizione mette in luce diversi aspetti della sua poetica artistica: dal ricorrere degli autoritratti all’ossessione per il proprio corpo martoriato da un incidente, dall’ispirazione politica alle atmosfere primitiviste e naif di sapore precolombiano, dal tormento per la maternità mancata dalle esperienze con il surrealismo francese fino al soggiorno americano.

– Sarà affiancata una seconda mostra e concorso di Artisti locali, della regione Puglia e di tutta l’Italia che renderanno omaggio alla pittrice Messicana, icona dell’essere Femmina oltre ogni barriera, oltre ogni disabilità, oltre ogni avversità. Viene associato come evento collaterale, il concorso FRIDAMANIA dedicato alla creatività della pittrice messicana ( Per partecipare leggere il regolamento che sta alla fine).

– Lunedì 8 luglio: Incontro “Racconti, poesia e libri di Frida Kahlo”
Dalle ore 19:00 alle 20:30

– Mercoledì: Laboratorio di pittura . Verrà inserita una sezione per bambini “Mi pequeña Frida” fuori concorso rivolta ai bambini dai 5 ai 12 anni, Frida Kahlo è diventata anche un simbolo per le bambine ed i bambini del nostro tempo. Quota di partecipazione 5 euro
Dalle ore 18:00 alle 20:00

– Giovedì 11 luglio Incontro-Laboratorio per il
PROGETTO MURALES – ART STREET A GRUMO 2019 realizzazione di murales.
Per partecipare quota associativa da versare:
€ 20,00 Socio artista
€ 10,00 Socio sostenitore
Dalle ore 17 alle 21

– Sabato 13 luglio Chiusura Festival
– Installazione-Altar dia de los muertos a Frida Kahlo (unico giorno).
– Premiazione del vincitore della prima edizione del concorso FRIDAMANIA
dalle ore 19 alle 22

Sala della Cultura del Palazzo Municipale
Piazza Vittorio Veneto, 8,
di Grumo Appula
città metropolitana di Bari, Italia.
info. 3452222464

Orari da domenica 7 a sabato 13
mattina: dalle 10 alle 13 ore
Orari pomeriggio dalle 17 alle 20 ore
Prenotare gratuitamente visita guidata al 3452222464

Ingresso Libero
Sorpresa per chi venire in Costume di Frida Kahlo

Per partecipare:

Dal 28 giugno al 5 di luglio 2019 sarà possibile inviare le adesioni per la partecipazione alla prima edizione del Concorso creativo, la partecipazione è soggetta al seguente regolamento.

Regolamento per partecipare
1. I’invito è rivolto a pittori, artisti, artigiani, poeti, performance, artisti d’ art street, persone creative di vario genere che vogliono con la loro opera e creatività rendere omaggio alla pittrice messicana.
2. L’opera deve ispirarsi alla pittrice Frida Kahlo.
3. Va presentata una creazione artistico- creativa che sia installazione, scultura, dipinto, disegno, fotografia, poesie, hobby artistico, body painting, murales, performance teatrale o performance musical.
4. La partecipazione è gratuita.
5. Le adesioni andranno presentate dal 29 giugno al 5 luglio 2019 via e-mail all’indirizzo: festivalfridakahlo@gmail.com
6. l’opera dovrà pervenire entro le ore 12:30 di venerdì 5 e sabato 6 luglio nel c/o il locale ospitante e collocato dall’artista in accordo con il gestore della mostra nel pieno rispetto delle esigenze reciproche.
Per la mostra le opere devono essere consegnate entro le ore 13:00 di sabato 6 luglio.
7. Il ritiro dell’opera, salvo diverso accordo con il gestore della mostra, dovrà avvenire a chiusura della mostra ore 21:00 di sabato13 luglio.
8. Le opere verranno esaminate dal pubblico e da una giuria di esperti per il risultato
9. Tutti i partecipanti riceveranno un attestato di partecipazione, il vincitore un riconoscimento speciale.
10. Informazione: e-mail: festivalfridakahlo@gmail.com

Le manifestazioni artistiche hanno lo scopo di:
1) Favorire l’incontro fra tutti gli interessati ai temi del arte e la creatività.
2) Promuovere l’immagine del comune di Grumo Appula e dei suoi associati a livello internazionale;
3) Consolidare il vincolo associativo e la comunità.
4) Accrescere la sensibilità nella diversità.
5) Promuovere il miglioramento del nostro comune.


Festival Giornalisti del Mediterraneo 2019: il programma degli eventi

In il

Festival Giornalisti del Mediterraneo 2019

Festival Giornalisti del Mediterraneo 2019
Bari 5-6-7-Luglio 2019
Via Sparano – Sagrato Chiesa di San Ferdinando


PROGRAMMA:

Bari, 5 luglio 2019, ore 20.30, Via Sparano Sagrato Chiesa di San Ferdinando

La tutela dei diritti sul web: cyber bullismo e web reputation
Leo Palmisano, sociologo; Claudio Caldarola, avvocato; Elio Palumbieri, esperto di diritto del web; 
Vittorio Ricapito, consiglio di disciplina Odg Puglia
Modera: Mariateresa D’Arenzo, giornalista

___________________________________________________

Bari, 5 luglio 2019, ore 22.00, Via Sparano Sagrato Chiesa di San Ferdinando

Istituzioni politiche e comunicazione
Giulia Murolo, Comunicazione Istituzionale; Franco Liuzzi, esperto di comunicazione e marketing; Laura Bienna, giornalista e consulente politico; Francesco Strippoli, Corriere del Mezzogiorno.
Modera: Cenzio Di Zanni, Giornalista

___________________________________________________
Bari, 6 luglio 2019, ore 20.30, Via Sparano Sagrato Chiesa di San Ferdinando

Oltre la televisione: la sfida alla nuova cultura digitale
Gianni Svaldi, presidente di Doc Press; Claudio Caldarola, avvocato; Rossella Matarrese, Rai Tg3 Puglia
Modera: Cenzio Di Zanni, Giornalista

___________________________________________________
Bari, 6 luglio 2019, ore 22.00, Via Sparano Sagrato Chiesa di San Ferdinando

Tv e media: il dovere di raccontare verità
Paolo Magrone, Ansa; Giuseppe Scelsi, Magistrato; Michele Mongelli, avvocato;
Modera: Saverio Fragassi, avvocato

___________________________________________________
Bari, 7 luglio 2019, ore 20.30, Via Sparano Sagrato Chiesa di San Ferdinando

Qualità dell’informazione giudiziaria: la rappresentazione in tv
Lino Giorgio Bruno, Procuratore Aggiunto presso la Procura della Repubblica di Bari; Franco Di Chio, Corecom Puglia; Giovanni Stefani, Presidente Ordine degli Avvocati di Bari; Nicola Triggiani, Docente di Diritto Processuale Penale – Uniba; Michele Partipilo, Gazzetta del Mezzogiorno; Guglielmina Logroscino, Telenorba. 

Modera: Michele Lorusso, Ordine Nazionale dei Giornalisti

___________________________________________________
Bari, 7 luglio 2019, ore 22.00, Via Sparano Sagrato Chiesa di San Ferdinando

Le storie dei migranti: l’integrazione
Riccardo Leonetti, Magistrato Tribunale per i Minorenni; Anita Sciacovelli, Docente di Diritto Internazionale – Uniba; Domenico Viola, docente di statistica – Uniba; Paolo di Giannantonio, Rai Tg1
Modera: Luisa Amenduni, giornalista


XVIII° Festival IL LIBRO POSSIBILE a Polignano a Mare

In il

il libro possibile 2019

LA XVIII EDIZIONE DEL FESTIVAL IL LIBRO POSSIBILE DAL 3 AL 6 LUGLIO A POLIGNANO A MARE

“IL PASSO DELL’UMANITÀ” SARÀ IL TEMA DEL FESTIVAL

IL 23 GIUGNO UN’ANTEPRIMA D’ECCEZIONE CON IL PREMIO PULITZER RICHARD POWERS

COMUNICATO STAMPA

Bari, 6 giugno 2019 – Si terrà dal 3 al 6 luglio a Polignano a Mare la diciottesima edizione del Festival IL LIBRO POSSIBILE, sostenuto per il secondo anno da Pirelli. Il tema sarà “Il Passo dell’umanità”: un omaggio allo sbarco sulla Luna, di cui a luglio ricorre il cinquantesimo anniversario. Il primo passo dell’uomo in un “universo” fino ad allora solo sognato diventerà punto di partenza per un confronto sulle grandi questioni che hanno attraversato la storia e su quelle che ci attendono nel futuro.

Il programma è stato presentato oggi a Bari con la partecipazione di: Michele Emiliano, presidente della Regione Puglia; Loredana Capone, assessore all’industria turistica e culturale della Regione Puglia; Aldo Patruno, direttore generale del dipartimento turismo, economia della cultura e valorizzazione del territorio; Antonio Decaro, sindaco della città metropolitana di Bari; Domenico Vitto, sindaco di Polignano a Mare; Simonetta Dellomonaco, presidente dell’Apulia Film Commission; Rosella Santoro, direttrice artistica del Festival IL LIBRO POSSIBILE; Gianluca Loliva, presidente dell’associazione culturale Artes.

Compie diciotto anni la kermesse culturale considerata ormai la più importante del Mezzogiorno. A far da cornice all’evento e al prestigioso parterre d’ospiti, ben sei piazze del suggestivo centro storico di Polignano a Mare: piazza Aldo Moro, piazza San Benedetto, piazza dell’Orologio, vico Porto Raguseo, Balconata Santa Candida, Via Mulini.

Fondamentale, anche quest’anno, il sostegno di realtà del territorio che hanno dimostrato di credere fortemente nel Festival: Regione Puglia, Comune di Polignano a Mare, Apulia Film Commission, Università degli studi di Bari ‘Aldo Moro’.

Il Libro Possibile, inoltre, conferma il suo impegno nel sociale e nella ricerca con importanti iniziative e nuove partnership.
In continuità con quanto fatto nel 2018, il Festival sosterrà il progetto della Regione Puglia Dona Emozioni, per la sensibilizzazione alla ‘cultura del dono’, di organi e sangue.
In collaborazione con l’Istituto Acustico Maico di Bari, verrà inaugurato lo spazio “I miei passi nel silenzio”. Protagonisti di una tavola rotonda sul tema: il dott. Michele Cassano, primario di otorinolaringoiatria all’Ospedale di Foggia; Marilena Abbatepaolo, consigliere comunale di Polignano a Mare e presidente della commissione cultura; il giovane cantautore Roberto Valenza, in arte Shago.
Il Festival sosterrà e darà voce, infine, all’IRCCS De Bellis di Castellana Grotte (istituto di ricovero a carattere scientifico specializzato in gastroenterologia), centro di eccellenza italiana per la ricerca antitumorale.
“L’IRCCS Saverio de Bellis, all’interno della manifestazione il Libro Possibile si presenta come un’istituzione pubblica, a carattere scientifico che vuole scrivere virtualmente il libro della ricerca in ambito sanitario. Illustrare come sia possibile essere parte integrante dei più importanti scenari della ricerca internazionale, valorizzando le risorse umane del territorio, diminuendo l’emorragia dei giovani talenti figli della nostra Terra, ottimizzando quelle economiche, aprendosi alla internazionalizzazione delle collaborazioni scientifiche. In questo scenario l’IRCCS “Saverio de Bellis” si pone come un esempio virtuoso di ricerca medica, come punto di riferimento non solo dell’ambito regionale e nazionale, dimostrando con i fatti che in Puglia si può” – Prof. Gianluigi Giannelli, direttore scientifico dell’Ente.

Pirelli al Festival

Pirelli è per il secondo anno main sponsor della manifestazione con l’obiettivo di far crescere ulteriormente un Festival che rappresenta un appuntamento letterario importante, capace di lasciare spazio all’attualità e al confronto e che contribuisce a valorizzare il volto positivo del Sud, fatto di bellezza, tradizione e cultura. L’azienda milanese, che da sempre alimenta il dialogo tra il mondo dell’impresa e la cultura, sosterrà l’evento anche con la partecipazione attiva ai suoi appuntamenti. Il 6 luglio, infatti, il Vice Presidente Esecutivo e Ceo, Marco Tronchetti Provera e Enrico Mentana saranno insieme sul palco a dialogare sul tema del Festival, “Il passo dell’umanità”, rispondendo alle domande del pubblico, moderati da Dario Vergassola. Antonio Calabrò, Direttore della Fondazione Pirelli, presenterà Umanesimo industriale. Antologia di pensieri, parole, immagini e innovazioni volume di prossima pubblicazione da parte di Mondadori e curato dalla Fondazione Pirelli.

Tante le novità della XVIII edizione. Tra queste, la mediapartnership di Sky TG24 che racconterà l’evento con collegamenti dalle piazze principali e interviste ai protagonisti della kermesse.

XVIII EDIZIONE DEL FESTIVAL ‘IL LIBRO POSSIBILE’

IL TEMA

Il passo dell’umanità di Rosella Santoro
«Un piccolo passo per un uomo, un grande passo per l’umanità» sono le parole pronunciate da Neil Armstrong il 20 luglio 1969, esattamente cinquant’anni fa, appena messo piede sulla Luna. Un salto verso il futuro che apriva scenari imprevedibili in ogni campo dell’attività umana. Dallo spazio lunare, la ragione scientifica, concentrata nei pochi passi dell’astronauta americano, rifletteva sulla Terra la capacità di sperare e di sognare.
Armstrong aveva ragione: il suo era stato il grande passo dell’umanità. Un viaggio oltre i confini della superficie terrestre, oltre i limiti dell’occhio umano. La rinnovata consapevolezza che la nostra specie è fatta per conoscere, scoprire e superare le proprie barriere fisiche e mentali. Il rischio? Cedere a un delirio di onnipotenza autodistruttivo. Cercare di soggiogare, sfruttare e colonizzare senza remore Madre Natura; creare macchine che potrebbero finire per dominare il loro stesso creatore. Pericoli da non sottovalutare.
Da quel primo passo sulla Luna, grandi sono stati i passi che ha compiuto l’uomo. È necessario, oggi, riflettere.

ANTEPRIMA FESTIVAL IL LIBRO POSSIBILE

Il 23 giugno, si terrà una speciale anteprima del Festival con Richard Powers, Premio Pulitzer 2019 per il romanzo Il sussurro del mondo (La nave di Teseo), un appassionato atto di resistenza e impegno, un inno d’amore alla letteratura, al potere delle storie, alla grandiosità della natura.

IL PROGRAMMA

Aprirà la XVIII edizione de IL LIBRO POSSIBILE, dedicata alla Luna, l’astronauta italiano Paolo Nespoli, intervistato da Marta Meli, il 3 luglio. Paolo Nespoli è stato in orbita tre volte ed è rimasto nello spazio per un totale di 313 giorni, 2 ore e 36 minuti. Nessuno meglio di lui può raccontare come si sogna da così lontano.
Tanti altri saranno i rappresentanti di mondi diversi che porteranno al Festival il proprio prezioso bagaglio di conoscenza ed esperienze.
Il direttore de Il Messaggero, Virman Cusenza insieme al direttore de Il Foglio, Claudio Cerasa, moderati da Giuseppe De Tomaso, direttore della Gazzetta del Mezzogiorno; il noto critico d’arte, saggista, politico, Vittorio Sgarbi; il Presidente Rai Marcello Foa, insieme all’attore pugliese Riccardo Scamarcio; il direttore di Sky TG24 Giuseppe De Bellis; Maurizio Landini, segretario generale della CGIL, insieme alla giornalista e conduttrice televisiva Bianca Berlinguer; l’economista, già ministro dell’economia e delle finanze, Pier Carlo Padoan insieme alla scrittrice Antonella Prenner; Peter Gomez, tra i fondatori de Il Fatto Quotidiano di cui dirige la versione online, insieme a Michele Pennetti, caporedattore del Corriere del Mezzogiorno; Sergio Rizzo, prestigiosa firma de la Repubblica; il matematico di fama mondiale Alfio Quarteroni; il fondatore della Comunità monastica di Bose, Enzo Bianchi insieme a Monsignor Francesco Cacucci e Domenico Castellaneta, caporedattore di Repubblica Bari; l’ingegnere e project manager del Gruppo Meta, Sam Habibi Minelli.
Il geologo Mario Tozzi e il musicista Enzo Favata, poi, porteranno a Polignano a Mare lo spettacolo Il Mediterraneo: la nascita del mito. Uno scienziato e un artista, insieme. Da questo incontro scaturisce un affresco inedito del Mediterraneo, della Sardegna e del mito di Atlantide, un film senza immagini raccontato con le parole e i suoni, nel quale prendono forma paesaggi arcaici e ricerca scientifica, rivelando allo spettatore una geografia antica, sepolta nella stratificazione delle ere geologiche e preistoriche.

Spazio ai libri!

Particolare rilievo è riservato, quest’anno, alle grandi voci della letteratura contemporanea internazionale.

Il 4 luglio lo svedese Bjorn Larsson, appassionato velista e scrittore tra i più seguiti in Italia, presenterà il suo ultimo romanzo La lettera di Gertrud (Iperborea).

Il 6 luglio, ci sarà Richard Mason, indimenticata firma di Anime alla deriva (Einaudi) e del Respiro della notte (Codice ed.). Scrittore inglese di origini sudafricane, sul palco del Festival, illustrerà in anteprima il progetto a cui sta lavorando: una serie TV internazionale su Michelangelo, per testimoniare il grande passo in avanti che l’umanità deve al suo genio e al suo coraggio.

Nella sezione “Il passo degli altri”, inoltre, verrà inaugurata la rassegna “I crocevia. Scritture, pensieri e voci dai Balcani”. A partire da quest’anno, il LIBRO POSSIBILE e la casa editrice BESA MUCI inviteranno gli autori più interessanti dei Balcani. Un’iniziativa volta a conoscere e raccontare tradizioni, storia e bellezza dei Paesi dell’altra sponda dell’Adriatico, che sono stati la culla dell’Europa di frontiera di oggi.
La prima edizione, tutta al femminile, avrà al centro il tema della bellezza: la bellezza delle città, ferita dalle guerre e dalle vicende che hanno attraversato il Novecento. Ospiti: la bosniaca Diana Bosnjak Monai con Da Sarajevo con amore. Diario dell’assedio; la serba Tijana Djerkovic con Il cielo sopra Belgrado; la bulgara Zdravka Evtimova con l’appena pubblicato La ragazza che mangiava poesie. Saranno queste tre scrittrici a tessere la trama di una storia che da secoli affascina conquistatori, viaggiatori e osservatori internazionali. La storia di una società che abbraccia etnie, religioni, lingue e tradizioni diverse in continuo dialogo/scontro sotto lo stesso tetto. Nell’occasione saranno, inoltre, presentati in anteprima nazionale i nuovi lavori di Diana Bosnjak Monai, A te che hai guardato muta, e Tijana Djerkovic, La regina dei cornetti salati.

Protagonisti anche gli autori italiani che porteranno a Polignano i loro libri e le loro idee.

Attesissimo il ritorno di Roberto Saviano, per la prima presentazione in Puglia di In mare non esistono taxi (Contrasto). Un’edizione illustrata in cui Saviano commenta, con parole di impegno e denuncia, le immagini di fotografi internazionali che testimoniano la tragedia dei migranti in mare.

Per la narrativa in giallo, grandi amici del Festival e nuovi ospiti calcheranno i palchi della kermesse.
Maurizio De Giovanni, in un dialogo tra parole e musica con il sassofonista Marco Zurzolo, leggerà alcuni passi de Il pianto dell’alba. Ultima ombra per il commissario Ricciardi (Einaudi), capitolo conclusivo della saga che ha appassionato i lettori di tutto il mondo.
Tornano al Festival: Gianrico Carofiglio con La versione di Fenoglio (Einaudi) e i suoi due protagonisti inattesi, ironici, umanissimi; Marcello Simoni con L’enigma dell’abate nero (Newton & Compton), presentato in anteprima al LIBRO POSSIBILE; Lorenzo Beccati con Il Resuscitatore – Il romanzo del Dr. Frankenstein italiano (DeA Planeta).

Il conduttore di «Atlantide» Andrea Purgatori parlerà di Quattro Piccole Ostriche (Harper Collins), thriller ambientato ai giorni nostri, con radici nel periodo berlinese della caduta del muro. Dialogherà con lui Paola Laforgia, responsabile Ansa Bari.
L’Etiopia di fine anni trenta e l’aspra guerra coloniale fanno da sfondo, invece, alla misteriosa vicenda narrata da Paolo Comentale in Quando le stelle caddero nel fiume (Edizioni di Pagina).
Fantasy ad alta tensione è, poi, Pietra nera (Nottetempo), l’ultimo romanzo che lo scrittore e saggista Alessandro Bertante porterà a Polignano.

Non mancheranno le voci femminili del noir. Di Magia nera (Bompiani) tratterà Loredana Lipperini, firma de La Repubblica e conduttrice di Fahrenheit su Radio Tre.
Gabriella Genisi, ideatrice pugliese del Commissario Lolita Lobosco, introdurrà al pubblico della kermesse il primo romanzo di una nuova avvincente serie: Pizzica Amara (Rizzoli).
Marilù Oliva presenterà Musica sull’abisso (HarperCollins), l’ultimo inquietante caso dell’ispettore Micol Medici.
Tra i sassi di Matera è ambientato Una favolosa estate di morte (Rizzoli), il nuovo thriller di Piera Carlomagno, firma de Il Mattino.
Nella Tripoli antisemita del secolo scorso si dipana il mistero di Leah e dei protagonisti di Qual è la via del vento (edizioni e/o), di Daniela Dawan, avvocato di origini libiche.

Non solo romanzi dalle tinte cupe. In programma anche storie d’amore, di riscatto e humor.

Enrico Galiano presenterà Tutta la vita che vuoi (Garzanti). L’autore è diventato uno degli insegnanti più amati d’Italia grazie alla sua web-serie Cose da prof che ha superato i dieci milioni di visualizzazioni su Facebook. Ha dato il via al movimento dei #poeteppisti, flashmob di studenti che “imbrattano” le città di poesie.
Coniuga insegnamento e scrittura anche Stefania Auci, che approderà al Festival con I leoni di Sicilia. La saga dei Florio (Nord edizioni): la storia di una famiglia dalle audaci ambizioni destinata a conquistare la Palermo di fine Settecento.

L’attore e scrittore Fabio Canino racconterà una complicata relazione sentimentale omosessuale, nata nel difficile e maschilista mondo del calcio di serie A. Con lui sul palco Vladimir Luxuria.

Agli ostacoli del cuore è dedicato anche Le convenienze (Castelvecchi) di Lorena Fiorelli.

Due giovani attori porteranno al Festival i loro romanzi d’esordio: Marco Bonini con Se ami qualcuno dillo (Longanesi) e Clizia Fornasier con È il suono delle onde che resta (HarperCollins).
Anche il celebre cantautore Gazzelle, pseudonimo di Flavio Bruno Pardini, sarà a Polignano nella veste inedita di scrittore.

Ascanio Celestini, regista e drammaturgo, farà divertire il pubblico con le sue dissacranti Barzellette (Einaudi).

Tra realtà e finzione si colloca la storia di trafficanti e produttori di cannabis dell’Olanda degli anni settanta-ottanta, raccontata ne Il cartello olandese (Mondadori Electa) da Federico Van Stegeren. L’autore è meglio conosciuto come l’Olandese Volante, noto dj delle principali emittenti radiofoniche italiane.

Di Mariti (ed. PIEMME) parlerà la scrittrice e giornalista Annarita Briganti. Mentre di donne e del complesso universo femminile, parlerà lo Youtuber Yuri Sterrore, in arte Gordon, con Tu che mi capisci (Rizzoli).

Davide Grittani torna al LIBRO POSSIBILE con La rampicante (LiberAria), romanzo, candidato allo Strega, sull’importanza del “dono”.

In un’edizione che celebra la Luna e i desideri dell’uomo non mancherà il tema del sogno, esplorato dal noto sceneggiatore Ivan Cotroneo, attraverso una raccolta di racconti brevi: Le voci del sogno (La nave di Teseo).

Nel fantastico mondo onirico è ambientato anche Il ragazzo leone (Solferino), primo romanzo di Sonny Olumati, ballerino e coreografo, nonché testimonial del movimento degli Italiani senza cittadinanza.

Molti i volti noti della televisione italiana che si raccontano in pagine autobiografiche. Due celebri conduttrici, Rita Dalla Chiesa, con Mi salvo da sola (Mondadori), e Barbara Palombelli, con Mai fermarsi (Rizzoli).
L’attrice e cantante Bianca Guaccero, ora alla guida di “Detto Fatto” su Rai1, parteciperà con Il tuo cuore è come il mare. Lettera a mia figlia Alice sulla vita e sulle favole e su come nasce una perla (Rai libri).

Renderanno omaggio, con i propri libri, a italiani che hanno fatto la storia: Tony Di Corcia con Giorgio Armani – Il re della moda italiana, presentato in anteprima nazionale al Festival; Tommy Di Bari, con Pietro Mennea. L’uomo che ha battuto il tempo (Cairo); Michele De Feudis con Berto Ricci “L’Universale” – contributi per un’atmosfera (OAKS editrice).

Tra gli ospiti del Festival anche due protagonisti dell’imprenditoria italiana, che presenzieranno all’evento in veste di scrittori: Oscar Farinetti con Breve storia dei sentimenti umani (La nave di Teseo) e Brunello Cucinelli con Il sogno di Solomeo. La mia vita e l’idea di capitalismo umanistico (Feltrinelli).

Per la narrativa, non poteva mancare, infine, Simona Sparaco con Nel silenzio delle nostre parole, titolo vincitore del Premio DeA Planet 2019. Un romanzo corale che narra con sensibilità e passione quel momento in cui la vita incontra la morte e le barriere di ciascun essere umano crollano.

Ricca la sezione della saggistica, in cui si affronteranno i temi più caldi e sensibili di passato, presente e futuro del nostro Paese: tra passi falsi, passi avanti e passi indietro.
In occasione dei cinquant’anni dall’allunaggio, celebrati dal Festival, Ettore Perozzi presenterà il suo libro Luna nuova – Tra mito e scienza dalle eclissi alle basi lunari (il Mulino). L’autore è responsabile dell’ufficio per la sorveglianza spaziale dell’Agenzia Spaziale Italiana. Ha lavorato per i Centri ESOC e ESRIN dell’Agenzia Spaziale Europea. L’asteroide n. 10027 porta il suo nome.

Di Universo, stelle, pianeti e nuovi orizzonti della fisica e dell’astronomia, tratterà anche Gianfranco Bertone, in Sospesi tra due infiniti (Longanesi). Bertone è il portavoce del Centro di Eccellenza in Fisica delle Gravitazioni e delle Astroparticelle (GRAPPA – Gravitation, AstroParticle Physics Amsterdam), e professore associato all’Università di Amsterdam, dove dirige un team di ricerca che indaga sull’interazione tra fisica delle particelle e cosmologia.

C’è un altro cinquantenario da ricordare, oltre quello dell’allunaggio: nel 1969 nasceva il TPC (tutela del patrimonio culturale), il nucleo (ora comando) dei Carabinieri dedicato alla salvaguardia delle opere d’arte. Di questo parlerà il Generale dell’Arma, Roberto Riccardi, con il suo libro Detective dell’arte (Rizzoli).

Delle nuove frontiere di internet, tv e mezzi di comunicazione, tra pericoli e virtù, discuteranno, invece: il costituzionalista Michele Ainis con Il regno dell’Uroboro (La nave di Teseo), insieme a Giuseppe Cruciani e Sam Habibi Minelli; Christian Rocca, importante firma della stampa nazionale, con Chiudete internet. Una modesta proposta (Marsilio); Carlo Freccero, Direttore di Rai2, con Fata e strega Conversazioni su televisione e società (Edizioni GruppoAbele); il conduttore del TG1, Francesco Giorgino, con Alto volume. Politica, comunicazione e marketing (Luiss University Press).

C’è, poi, chi tenterà di far luce su pagine buie della storia italiana.
Il pm antimafia, sotto scorta dal 1993, ora presidente dell’Associazione Nazionale Magistrati di Palermo, Nino Di Matteo e il giornalista Saverio Lodato presenteranno Il patto sporco. Il processo Stato-mafia nel racconto di un suo protagonista (Chiarelettere). Con loro sul palco Giuseppe De Tomaso, direttore della Gazzetta del Mezzogiorno.

Di criminalità organizzata parleranno anche: Salvatore Borsellino e il senatore Nicola Morra, presidente della Commissione parlamentare antimafia, con il libro La mafia spiegata ai ragazzi (Paperfirst), presentato in anteprima nazionale insieme a Marco Lillo, nota firma de Il Fatto Quotidiano; il giornalista Paolo Borrometi, minacciato di morte da Cosa Nostra, con il suo testo-denuncia Un morto ogni tanto – la mia battaglia contro la mafia invisibile (Solferino).

Lo storico e politico Miguel Gotor dialogherà con il giudice Gian Carlo Caselli sul caso Moro, con il libro Io ci sarò ancora. Il delitto Moro e la crisi della Repubblica (PaperFirst).

Prende spunto da un fatto di cronaca recente, invece, Ventisei Madonne Nere (Delta 3 Edizioni), di Domenico Gallo, Presidente di Sezione della Corte di Cassazione. Il titolo fa riferimento alla vicenda della nave militare spagnola Cantabria, arrivata il 5 novembre 2017 nel porto di Salerno, con a bordo i cadaveri chiusi in sacchi neri di ventisei giovani donne africane.

Il direttore de Il Fatto Quotidiano, Marco Travaglio, presenterà il suo ultimo lavoro Padrini fondatori (PaperFirst), scritto insieme a Marco Lillo.

Antonio Padellaro presenterà Il gesto di Almirante e Berlinguer (PaperFirst). Con lui sul palco, la giornalista Francesca Fagnani.

Non mancherà, però, chi guarda al passato dell’Italia con nostalgia e meraviglia.
Lo scrittore di romanzi storici Valerio Massimo Manfredi tornerà a Polignano con il saggio Sentimento italiano. Storia, arte, natura di un popolo inimitabile (SEM). A dialogare con lui Gianni Riotta.

Walter Veltroni con il suo libro Roma. Storie per ritrovare la mia città racconterà la storia della capitale all’epoca del suo mandato da sindaco. Interverrà il direttore di Telenorba, Vincenzo Magistà.

Aldo Cazzullo porterà sul palco Giuro che non avrò più fame. L’Italia della ricostruzione (Mondadori).

Giordano Bruno Guerri, in Disobbedisco. Cinquecento giorni di rivoluzione. Fiume 1919-1920 (Mondadori), illustrerà quel periodo storico con documenti inediti.

La malinconia e l’eterno stupore per un passato ancor più remoto sono al centro di Nostalgia degli dei. Una visione del mondo in dieci idee (Marsilio), ultimo libro del giornalista e saggista pugliese Marcello Veneziani.

Di politica economica si occuperà l’economista e direttore dell’Osservatorio sui conti pubblici italiani Carlo Cottarelli, che anticiperà i temi del libro su cui è attualmente al lavoro, in uscita a settembre. A dialogare con lui, Giuseppe De Bellis.

Spazio, inoltre, al delicato tema del lavoro e della tutela dei lavoratori, con Aboubakar Soumahoro. Il sindacalista d’origine ivoriana parlerà del suo libro Umanità in rivolta (Feltrinelli) con la giornalista Francesca Biagiotti. Insieme a loro, sul palco, Mimmo Lucano, già sindaco di Riace conosciuto per il suo impegno in aiuto di migranti e rifugiati.

Ancora. Al Festival, una sezione dedicata alla grande arte italiana con: Luoghi e misteri di Caravaggio (Cairo), di Paolo Jorio, Rossella Vodret Adamo; Il genio infelice. Il romanzo della vita di Antonio Ligabue (Chiarelettere), di Carlo Vulpio.

Al patrimonio paesaggistico e culturale del nostro Paese e, in particolare, della Lucania sono dedicate, poi, le pagine del volume Andare per Matera e la Basilicata (Il Mulino), di Eliana Di Caro, giornalista dell’inserto culturale della “Domenica” del Sole 24 Ore.

In cartellone, infine, tematiche legate ad alimentazione e benessere.

Bruno Barbieri, chef stellato nonché famoso giudice di Masterchef, presenterà Domani sarà più buono. Da ogni piatto possono nascere nuove ricette (Mondadori Electa). Pagine di interessanti consigli su come riutilizzare gli avanzi e combattere gli sprechi a favore di maggiore consapevolezza e sostenibilità.

L’inscindibile legame tra corpo, mente ed emozioni, invece, è oggetto de L’intestino in testa. Il ruolo guida dell’intestino per la salute di tutto il corpo (Mondadori), di Antonio Moschetta. L’autore è medico e professore ordinario di Medicina interna all’Università Aldo Moro di Bari e ha ricevuto importanti riconoscimenti internazionali per la sua attività di ricerca.

La strada per la felicità va percorsa in bici, secondo Ludovica Casellati. La giornalista presenterà LA BiCi della felicità (Sperling&Kupfer): un manuale dedicato a chi voglia godere dei benefici fisici e spirituali del viaggio su due ruote.

In Ogni giorno un miracolo. Imparare l’arte di amare la vita (Tea), il regista e sceneggiatore Alberto Simone, dà, poi, indicazioni utili per affrontare le sfide della quotidianità e imparare ad “amare nello stesso modo i giorni di sole e quelli di tempesta”.

Questi sono solo alcuni degli incontri che animeranno la XVIII edizione della kermesse. Tra presentazioni e conversazioni sui grandi temi del nostro tempo, occhio anche alle “incursioni” esilaranti di Dario Vergassola, storico amico del Festival che con le sue “interviste impossibili” sorprenderà gli ospiti e il pubblico.

Spazio bambini

Tante sorprese anche per i più piccoli.
A partire dalle 17, al Libro Possibile Caffè di Polignano, si svolgeranno laboratori e attività di lettura animata con gli scrittori per bambini Annalisa Strada e Oreste Castagna, voce di Dodò ne L’albero azzurro e protagonista de La Melevisione nel ruolo dello gnomo giornalista Gipo Scribantino.

Il filosofo ed epistemologo Armando Massarenti porterà al Festival una nuova collana di libri di filosofia per bambini (La Spiga edizioni). Tra i titoli che saranno presentati Socrate, quell’adorabile rompiscatole, e Platone, l’uomo invisibile.

Per gli adolescenti, invece, è previsto l’incontro con la star del web Marta Losito, che presenterà il suo libro “#Nonostante” (Mondadori Electa) L’obiettivo è avvicinare i giovani alla lettura coinvolgendo i loro idoli e sfruttando i mezzi di comunicazione ed espressione dei “millenials”.

Dichiarazioni

“Si rinnova anche quest’anno l’atteso appuntamento de IL LIBRO POSSIBILE. Un festival che è diventato uno dei fiori all’occhiello delle politiche culturali di una regione che continua a scommettere sulla forza dei libri e della lettura.
Polignano e la Puglia non rinunciano a credere nella potenza evocativa della parola che costruisce relazioni, che edifica ponti, che ci permette di conoscere l’umanità che ci circonda e che ci consente di capire con quale passo affrontare il futuro che verrà. Il tema scelto quest’anno per il Festival è proprio questo: il passo dell’umanità.
Fatemi, poi, ringraziare gli organizzatori di questa manifestazione e la comunità di Polignano, perché ci permettono di vivere un evento che ogni anno continua a crescere, per presenze dei lettori, per impegno di editori e autori, per proposte innovative” – Michele Emiliano, presidente della Regione Puglia.

“Il Libro Possibile ha dimostrato come possa diventare possibile una cosa apparentemente impossibile: legare una manifestazione di carattere culturale a un territorio. È quello che è successo al festival con la città di Polignano, già diventata famosa come terra natale di Domenico Modugno, ed è quello che succede con tanti altri eventi dentro e fuori l’area metropolitana, sempre attraverso il dialogo continuo con la Regione Puglia” – Antonio Decaro, sindaco della Città metropolitana di Bari

“Il Comune di Polignano a Mare, anche quest’anno, parteciperà fattivamente alla realizzazione della XVIII edizione de IL LIBRO POSSIBILE. Una manifestazione di respiro internazionale che è diventata nel tempo polo di attrazione culturale. I numerosi e qualificati dibattiti sui diversi temi, che spaziano dall’economia alla politica, dalla storia alla scienza, rappresentano per l’intera comunità un importante momento di crescita e arricchimento che il Comune vuole sostenere. Non di secondaria importanza è il fatto che ogni anno, grazie a questo evento, la biblioteca comunale si arricchisce di nuovi pregiati volumi e di tantissimi nuovi lettori” – Domenico Vitto, sindaco di Polignano a Mare.

“La letteratura è una fonte inesauribile di storie e spesso le trasposizioni cinematografiche sono in grado di esaltare caratteri e personaggi, dando forma a ciò che vive solo nell’immaginazione del lettore. Sin dalle origini le due arti si sono incontrate e continuano a incontrarsi e toccarsi generando, a volte, straordinari capolavori cinematografici. Lavorando nel cinema, come accade a noi di Apulia Film Commission, spesso ci troviamo di fronte a questo connubio creativo, che vede coinvolti scrittori e registi, anche pugliesi, in uno scenario unico com’è quello di questa magnifica regione. Essere partner di un evento come IL LIBRO POSSIBILE è quasi naturale per la nostra Fondazione che si occupa di produzioni cinematografiche. Dopo l’entusiasmante riscontro delle edizioni precedenti, rinnoviamo con entusiasmo la partnership con una manifestazione così consolidata e incentrata sulla parola, le storie e la bellezza” – Simonetta Dellomonaco, presidente dell’Apulia Film Commission.

“Per il quarto anno consecutivo sosteniamo Il festival del Libro Possibile con l’obiettivo di fare sinergia anche in campo culturale con realtà di eccellenza come questa. Per la nostra banca è ormai prassi consolidata investire in cultura ad integrazione della nostra funzione istituzionale di supporto allo sviluppo economico del territorio, ovvero concorrere alla promozione civile e culturale della comunità, con una peculiare attenzione nei confronti del patrimonio artistico e culturale” – Emanuele di Palma, direttore generale della BCC di San Marzano

“Il Libro Possibile diventa maggiorenne! I diciotto anni sono un traguardo importante, un momento di crescita ed emancipazione. Così è per il Festival che, dopo essere nato e cresciuto nella nostra splendida Puglia, supera la dimensione locale per affacciarsi sulla scena nazionale e internazionale. Concludo con un augurio per queste 18 candeline. In sintonia con il tema di questa edizione, “Il passo dell’umanità”, auguro a Il Libro Possibile e a noi tutti di far tesoro dei passi compiuti finora e di continuare a crescere e a rinnovarci, passo dopo passo, “sino alle stelle, superando le difficoltà”. Per aspera ad astra” – Gianluca Loliva, presidente dell’Associazione Artes.

Ufficio stampa nazionale
Chiara Stangalino – Tel. +39 335 1414006 – chiarae.stangalino@gmail.com

Ufficio stampa regionale
Natale Cassano – Tel 349 3666170 – ufficiostampa@libropossibile.com
Giorgia Messa – Tel 345 8058767 – g.messa@libropossibile.com

ELENCO OSPITI

3 luglio 2019

– Piazza Moro
Borsellino Salvatore
De Tomaso Giuseppe
Di Matteo Nino
Guaccero Bianca
Lillo Marco
Lodato Saverio
Meli Marta
Morra Nicola
Nespoli Paolo
Partipilo Michele

– Piazza San Benedetto
Abbatepaolo Marilena
Bertone Gianfranco
Gazzelle
Pepe Chiara
Perozzi Ettore
Van Stegeren Federico

– Piazza Orologio
Bellomo Fabrizio
Borghesi Massimo
Di Bari Tommy
Di Corcia Tony
Genisi Gabriella
Mitola Filippo

– Balconata Santa Candida
Cretella Chiara
Carrozzo Marthia
Evtimova Zdravka
Mascellaro Vincenzo
Nabil Salameh
Gravina Ogata Maria
Cramarossa Andrea

– Via Mulini
Campanella Anastasia
Carapella Bruno
de Mola Carmen
Frezza Fulvio
Lacoppola Giovanni
Russo Cosimo Luigi

– Vico Porto Raguseo
Capotorto Domenico
Coluccia Enrico
Cramarossa Alberto
De Vivo Simone
Persico Nicky
Salvemini Ivana

4 luglio 2019

– Piazza Moro
Bechis Franco
Berlinguer Bianca
Cazzullo Aldo
De Giovanni Maurizio
Di Battista Alessandro
Gotor Miguel
Landini Maurizio
Sgarbi Vittorio
Valente Aurelio
Zurzolo Marco

– Piazza San Benedetto
Barbieri Bruno
Caselli Gian Carlo
Favuzzi Domenico
Gallo Domenico
Gotor Miguel
Laforgia Paola
Purgatori Andrea
Quarteroni Alfio
Riccardi Roberto
Tatarella Fabrizio

– Piazza Orologio
Borrometi Paolo
Canino Fabio
Casellati Ludovica
Greco Grazia
Luxuria Vladimir
Maenza Rino
Olumati Sonny
Rocca Christian

– Balconata Santa Candida
Briganti Annarita
Carlomagno Piera
Fontana Sergio
Galiano Enrico
Leronni Giacomo
Regina Paolo

– Via Mulini
Berloco Rocco
Leandro Antonio
Marchioro Francesco
Minervini Francesco
Muscolino Claudia
Spinelli Pamela

– Vico Porto Raguseo
Cataleta Giovanni
Galante Giuseppe
Pastore Valerio
Signorile Achille
Tria Mariano
Tunzi Giuliana

– Balconata dei Tuffi
Mario Tozzi
Favata Enzo

Spazio Bambini – Libro Possibile Caffè
Strada Annalisa

5 luglio 2019

– Piazza Moro
Carofiglio Gianrico
Cazzullo Aldo
Celestini Ascanio
Cottarelli Carlo
De Bellis Giuseppe
Freccero Carlo
Magistà Enzo
Saviano Roberto
Veltroni Walter

– Piazza San Benedetto
Biagiotti Francesca
Fagnani Francesca
Giorgino Francesco
Larsson Björn
Lucano Mimmo
Massarenti Armando
Padellaro Antonio
Padoan Carlo
Prenner Antonella
Rizzo Sergio
Soumahoro Aboubakar

– Piazza Orologio
Bonini Carlo
Bosnjak Monai Diana
Dalla Chiesa Rita
Fornasier Clizia
Foschini Giuliano
Gordon
Palombelli Barbara

– Balconata Santa Candida
Bertante Alessandro
Dawan Daniela
Guerri Giordano Bruno
Magni Stefano
Oliva Marilù
Simoni Marcello

– Via Mulini
Caldarola Giuseppe
De Salvatore Ferruccio
Di Monde Domenico
Grittani Davide
Simone Alberto
Vulpio Carlo

– Vico Porto Raguseo
Allegretti Marcello
Ambrosecchia Caterina
de Leonardis Raffaele
Gargano Trifone
Giannelli Annalaura
Grieco Giuseppe
Grieco Michele

Spazio Bambini – Libro Possibile Caffè
Castagna Oreste

6 luglio 2019

– Piazza Moro
Calabrò Antonio
Cucinelli Brunello
Farinetti Oscar
Foa Marcello
Gesmundo Pino
Manfredi Valerio Massimo
Mentana Enrico
Papaleo Rocco
Riotta Gianni
Scamarcio Riccardo
Travaglio Marco
Tronchetti Provera Marco
Vergassola Dario

– Piazza San Benedetto
Ainis Michele
Bianchi Enzo
Castellaneta Mimmo
Cerasa Claudio
Mons Cacucci Francesco
Cruciani Giuseppe
Cusenza Virman
Gomez Peter
Mason Richard
Minelli Sam Habibi
Moschetta Antonio
Pennetti Michele
Veneziani Marcello

– Piazza Orologio
Bonini Marco
Cotroneo Ivan
Di Caro Eliana
Djerkovic Tijana
Jorio Paolo
Lipperini Loredana
Losito Marta
Simonetti Enrica
Sparaco Simona
Vodret Rossella

– Balconata Santa Candida
Auci Stefania
Beccati Lorenzo
De Feudis Michele
Fiorelli Lorena
Fiorino Maurizio
Iovane Antonio
Maralfa Chicca

– Via Mulini
Bellino Francesco
Curcio Carmine
De Giovanni Alfredo
Forte Gianni
Montemurro Francesco
Santoro Giuseppe
Stornaiolo Antonio
Troisi Della Marca Maria Luisa
Uricchio Antonio Felice

– Vico Porto Raguseo
Calia Lucia
Comentale Paolo
Di Giorgio Mauro
Mariković Milica
Piliego Osvaldo
Romano Antonio
Stasi Antonietta
Villani Angelo Pio

Spazio Comune di Troia
a cura di Antonio Gelormini

Spazio Bambini – Libro Possibile Caffè
Castellano Visaggi Chiara
Laera Antonella

Per esigenze organizzative le assegnazioni delle piazze in cui si svolgono gli incontri potrebbero subire modifiche.


BARI IN JAZZ 2019: il programma degli eventi

In il

bari in jazz 2019

Dal 29 giugno al 20 agosto si svolgerà la XV edizione del Festival Metropolitano BARI IN JAZZ, organizzata dall’associazione culturale Abusuan, sempre più parte integrante del tessuto sociale di un territorio splendido come quello pugliese, contribuendone all’immagine e alla valorizzazione. Il festival di quest’anno si svolgerà in nove tra i più caratteristici comuni pugliesi tra siti Unesco, uliveti secolari e testimonianze architettoniche di grande pregio, con molti nomi di spicco che attrarranno un pubblico eterogeneo per interessi, gusti musicali ed età.

Il Festival quest’anno è realizzato con il sostegno di Unione Europea, MiBAC, Regione Puglia, Comuni di: Bari, Acquaviva, Alberobello, Conversano, Fasano, Giovinazzo, Gravina, Monopoli,
Polignano, Sammichele.

Il programma prevede più di venti performance dal vivo per quasi due mesi di rassegna tra i comuni dell’area di Bari e di Brindisi con numerosi musicisti nazionali, internazionali e talenti locali che proporranno jazz ma anche melodie italiane, commistioni con elettronica, musica indiana, africana, brasiliana, nord europea.

Di seguito il programma completo degli eventi:

bari in jazz 2019 programma


Suoni della Murgia 2019: Il programma completo della XVIIIª edizione

In il

suoni della murgia 2019

Quest’anno Suoni della Murgia giunge alla XVIII edizione, per chi non lo conoscesse, parliamo di un festival di musica popolare (e non solo) nato nel lontano 2003 come l’evoluzione naturale del FIERI DI FIORE – TAMBORRA FESTIVAL, storico festival altamurano nato nel 2001 ed incentrato sulla musica popolare. Dal 2003 la rassegna ha rinnovato la sua guida coinvolgendo il gruppo Uaragniaun e Carlo Cardinale ed espandendo le location delle differenti esibizioni in tutta la provincia di Bari.

Dai Balcani alla Spagna, dall’Asia all’Africa al Sudamerica, dall’Europa del Nord alle regioni italiane, ampio e suggestivo è il panorama di esperienze musicali popolari proposto negli anni, tutte inserite in un contesto storico, culturale, architettonico e paesaggistico tra i più belli della nostra regione, favorendo così il confronto diretto tra le nostre tradizioni musicali e quelle di altre regioni italiane, la scoperta delle tradizioni culturali di altre nazioni, stimolando meglio di mille parole la voglia di ricercare, scoprire, tutelare e conservare il patrimonio culturale della nostra tradizione.
Questo continuo scambio di esperienze e tradizioni culturali non si limita alle forme tradizionali della musica popolare ma cerca, nelle forme innovative e sperimentali, il corpo vivo di una tradizione in continua evoluzione.
Dal 2003 in poi, diverse sono state le Città che hanno aderito ed ospitato Suoni della Murgia: Santeramo in Colle (2003) ha preceduto Gioia del Colle, Sannicandro di Bari e Bitritto (2005); Terlizzi e Corato (2009); Gravina in Puglia (2010), Poggiorsini, Mottola, Matera e molte altre.

Quest’anno diventa maggiorenne. Il tema è il mediterraneo e tutte le culture che si intrecciano in queste vasto mare e contenitore di vite. Tema attualissimo considerando tutte le accezioni negative che la culla di vita sta acquisendo per via dell’attuale amnesia e disinteresse nei confronti del genere umano, delle morti che si susseguono in mare. Il programma di Suoni della Murgia 2019 coinvolge diversi artisti internazionali e dall’elevato calibro culturale. Il tutto si inaugura stasera con l’esibizione alle ore 20:30 di Luca Ciarla, Ex- Monastero del Soccorso, definito da molti il mago del violino, un’artista a tutto tondo che rende il suo violino un’orchestra giocando con le sue loop station e sperimentando le sonorità più ricercate, basta visitare il suo sito per capire che oggi è ad Altamura, poi lo aspettano Libano, Cipro e Svizzera. Subito dopo è il turno dello storico gruppo barese di musica popolare, i Radicanto, tanti anni di attività e ricerca legata alla storia del territorio, un progetto legato al viaggi per mare, un approccio tutt’altro che filologico alle forme della musica etnica, basato più sulle suggestioni che essa suscita all’ascolto odierno, arricchito d’influenze e sonorità contemporanee.

Si riparte Lunedì 1 Luglio, Ex- Monastero del Soccorso, ore 22:00, con il Nomad Project, un quartetto capitanato da Robindro Nikolic, clarinettista di istruzione classica austriaca che collabora con orchestre del calibro della Barcelona Gipsy Klezmer Orchestra e altre formazioni dai numeri pazzeschi.

Successivamente, il 6 Luglio Ex Monastero del Soccorso ore 22:00, è il turno di Silvio Trotta e Massimo Giuntini, il primo è  finalista del premio Tenco, una rassegna storica di musica d’autore, il secondo ha collaborato nella colonna sonora del film di Martin Scorzese, Gangs of New York, ed ha militato nei Modena City Ramblers affermandosi come il maestro indiscusso della cornamusa irlandese.

Il giorno dopo, 7 Luglio Ex Monastero del Soccorso ore 22:00, è il turno della Christian Di Fiore & Sinfonia Ensemble, lui è l’organizzatore dello storico festival della zampogna di Scapoli, esordiranno con il loro primo e nuovo album a Suoni della Murgia, presentando un repertorio di sonorità tradizionali rivisitate in chiave moderna.

L’8 Luglio alle ore 20:00 si incomincia a respirare aria di Murgia a Lamalunga, riscalda l’atmosfera Michele Ciccimarra con il suo set di Cupa cupa e le sue percussioni animerà il tramonto murgiano con sonorità popolari e rivistazioni elettroniche, un mix che vi trasporterà in un altro ambiente, un altro spazio, un altro tempo.

Si ritocca la terraferma, soltanto per un momento, con i Visual Trio: un incontro, con studi e percorsi diversi. Musica immaginata scritta ed improvvisata. Suoni morbidi mischiati tra l’oriente e l’occidente. Le tracce sono ispirate all’intuizione, composte quindi con molta libertà. I titoli sono fotografie private, lettere immaginate in bianco e nero. Il suono delle Tabla si contraddistingue nelle atmosfere create dalla Chitarra con il
contrappunto del basso Fretless, creando una musica molto ispirata anche se complessa e ritmica. Non solo Jazz quindi, non mancano infatti linee medioevali, progressive o
sudamericane, musica del Mondo.

9 Luglio, ore 20:00, torna la musica medioevale di Giovannangelo De Gennaro, Alessandro De Carolis e Peppe Frana all’Ex Monastero del Soccorso, un viaggio musicale che inizia dalle composizioni poetiche di Jaufré Rudel, Bertran de Born, Bernard de Ventadorn, Raibaut de Vaiqueras, Giraut de Bornel, Walther von der Vogelweide e Alfonso X il saggio. Si completa con le danze reali ed estampide, componimenti strumentali che allietavano le danze di corte. Un excursus musicale attraverso la poesia e l’inno all’amore universale.

14 Luglio, ore 20:00 ci si incontra in Agor@teca grazie alla collaborazione con l’associazione Link, con Ettore Castagna ed il suo spettacolo “Tredici goal dalla bandierina”. La pista del libro incrocia letture e dialogo con il pubblico a musiche e canzoni eseguite dallo stesso autore, canzoni d’autore degli anni ’70 e ’80 tradotte in dialetto calabrese ed arrangiate per chitarra battente, strumento antico e affascinante. Tredici gol (veramente) segnati dalla bandierina fra il 1974 e il 1981 sono la metafora e la parabola di una giovinezza intera. Quella di un ragazzo di Catanzaro che sogna vita, musica e rivoluzione rivolgendosi alla presenza quotidiana e mitica di Massimeddu (Massimo Palanca), leggendaria ala sinistra del Catanzaro di quegli anni.

Successivamente tocca a Stefano Lorusso con il cineclub Formiche Verdi stupirci con un curioso film sul mondiale del 1942, chiamato per l’appunto Il mundial dimenticato.

17 Luglio ore 20:00, Lamalunga. Inaugurano la serata due giovanissimi: Michele Santarcangelo con il suo progetto Murgia e Vincenzo Cornacchia con il suo Elicriso, due giovani murgiani doc con tanta voglia di stupire attraverso la loro musica.

Successivamente Claudio Prima e Rachele Andrioli con il loro progetto in duo voce e organetto: Suoni di mare e d’attesa. Gli spettatori si faranno scompigliare le idee e restituire forma e lezione al mare, pazienza e distacco, sale e fortuna. Le canzoni nascono con il piglio curioso di chi non è stanco di mettersi in cammino, con mani attente. Le dita inumidite che indicano la rotta. Sono canzoni che hanno imparato il trucco del marinaio, mescola ardita di riso e pianto. L’organetto si fa bandiera delle tradizioni di tutti i venti, aria spinta a forza, che geme e germina. La voce di Rachele è la voce di tutte le donne del Sud.

6 Agosto ore 20:00 Lamalunga, è il turno di due grandi: Mimmo Epifani e Jose Barros con i loro Suoni del Mediterraneo: incrocio di corde e di repertori tra Portogallo e Salento, “Mar da Lua” è il disco che cristallizza l’amicizia e la lunga frequentazione artistica tra José Barros e Mimmo Epifani, due straordinari strumentisti accomunati dalla forte passione per i rispettivi background musicali. Ne è nato un viaggio sonoro di grande suggestione nel quale si fondono due universi sonori solo in apparenza differenti, dando vita ad un dialogo creativo sorprendente nel quale spiccano brani originali, riletture di materiali tradizionali e qualche gustoso divertissement.

A concludere la sessione estiva ci pensano gli Strepitz il 6 Settembre alla Cantina Frrud, ore 21:00, già ospiti l’anno scorso con Paolo Tofani, quest’anno tornano più carichi che mai con il loro progetto che incrocia Sacro e Profano in un ambiente musicale che rivede musicalità Prog in chiave elettronica, un set tutto da vivere, soprattutto nella fantastica cantina storica.

Non ci resta che augurarvi buon Suoni della Murgia 2019, nella speranza che possiate partecipare a tutti i nostri appuntamenti e godervi questi musicisti di elevatissimo calibro, qui per sorprendervi!


“La Traviata” di Giuseppe Verdi – I° Festival delle Arti per l’Inclusione

In il

La Traviata Giuseppe Verdi Festival delle Arti per Inclusione

Venerdì 28 e sabato 29 giugno 2019 il Chiostro dell’Istituto Sacro Cuore di Bitonto ospita “La Traviata” di Giuseppe Verdi sotto la guida dei direttori Renata Russo e Andrea Gargiulo, nell’ambito della prima edizione del “Festival delle Arti per l’Inclusione”.
Inserito nella rete dei festival “Bitonto, Città dei Festival 2019”, l’evento avrà come protagonisti i circa 40 bambini e ragazzi dell’Orchestra giovanile sociale MusicaInGioco di età compresa fra i 12 e i 19 anni, anche con diversa abilità, problematiche sociali e/o disturbi dell’apprendimento, coadiuvati da studenti del Conservatorio “Niccolò Piccinni” di Bari di età compresa tra i 13 e i 19 anni, che eseguiranno le musiche originali, non facilitate, e saranno diretti dalle bacchette di Renata Russo, maestro sostituto del corpo di ballo del Teatro dell’Opera di Roma, e di Andrea Gargiulo, docente del Conservatorio di Bari e fondatore dell’orchestra MusicaInGioco.
Sul palcoscenico accanto ai giovani solisti selezionati con audizione pubblica dai maestri Andrea Gargiulo, Margherita Rotondi e Lucrezia Messa, ci sarà anche il Coro lirico “Città di Bitonto”, diretto da Pino Maiorano e Anna Lacassia e più volte ingaggiato in produzioni liriche e festival in tutta Italia.
Per tutti un’occasione imperdibile per la propria crescita come artisti e come persone, partecipando a un festival promosso dall’associazione no profit MusicaInGioco, ispirata a “El Sistema” venezuelano di A.J. Abreu e individuata, unica in Italia, come buona pratica musicale per il sociale nell’ambito del progetto europeo Urbact, e realizzato in collaborazione con “La Macina” Associazione Socio Culturale, organizzatrice del BOF (Bitonto Opera Festival) giunto alla 16ma edizione, e da anni impegnata con successo al recupero sociale di minori provenienti da situazioni socio-familiari disagiate e al loro reinserimento nel campo dell’opera lirica, e con l’associazione “L’Atelier delle Arti”, presieduta dal mezzosoprano Margherita Rotondi e con sede a Palazzo Pesce a Mola di Bari, ormai punto di riferimento per la vita culturale del Mezzogiorno.
L’evento è realizzato con il patrocinio del Comune di Bitonto, del Conservatorio “Niccolò Piccinni” di Bari, del Centro interuniversitario per l’Innovazione didattica dell’Unisalento (CIID) e dell’Ordine degli Psicologi di Puglia.

Venerdì 28 giugno h 21.00 Istituto Sacro Cuore di Bitonto
Sabato 29 giugno h 21.00 Istituto Sacro Cuore di Bitonto

Per info e prenotazioni: 3391175513