XMASPOP FEST a Gravina in Puglia: Clementino, Mr Rain, Slf e Dj set

In il

xmaspop fest gravina in puglia

XMASPOP FEST
22/23/24 Dicembre 2022
Fiera San Giorgio – Gravina in Puglia (Bari)

L’unico festival in Puglia con l’atmosfera Natalizia.
Vieni a goderti lo spettacolo dei concerti, dello street food e della magia di questo fantastico evento.

PROGRAMMA:

22 Dicembre 2022:
– Mr Rain Live
– SLF Live

23 Dicembre 2022:
– Clementino Live

24 Dicembre:
– San Mich Sound Fest

Tutto in un unico festival!!

Apertura cancelli ore 18:00

Info e Ticket 3492582354

>>>Acquista Biglietti


Torna il Bari International Gender Festival, scopri il programma

In il

Bari International Gender Festival 2022

BIG BODY – Bari International Gender Festival
Bari 9/19 Novembre 2022
Danza, teatro, musica, cinema, dialoghi

Corpo, oltre il binarismo di genere, non solo umano, maschile/femminile, in transizione, cambiamento, mutazione, fragile e vulnerabile, abile/disabile; corpo come paesaggio, violato, inquinato, oltraggiato; corpo estraneo, emarginato e di confine; corpo infinitamente piccolo, microrganismo, eppure così virale e potente; corpo invisibile, percepibile anche nella sua assenza; sostituibile, dalle macchine, dalla tecnologia, dalla robotica; corpo sempre politico, nella sua presenza e compresenza, persistenza carnale, folla, nella moltitudine degli spazi pubblici, in armonia o contrasto con la natura e le logiche del consumo; corpo come collettività, corpo-sociale, corpo che si allea con altri corpi e si potenzia in valori condivisi, nel rispetto verso le differenze, alla dignità delle persone, alla sacralità dei luoghi.

BIGBODY è il tema dell’edizione 2022 del BIG – Bari International Gender festival. Il corpo in tutte le sue sfaccettature: concettuali, artistiche, anatomiche, filosofiche, antropologiche. La molteplicità dei corpi richiede la molteplicità delle discipline artistiche, nella convinzione che la contaminazione e lo sconfinare da una disciplina all’altra, con rigore e maturità d’intenti, siano in grado di generare nuove traiettorie nelle programmazioni della scena contemporanea.  Riportando il discorso sul corpo come spazio di trasformazione e confronto, l’edizione 2022 del BIG coinvolge artistǝ, nazionali e internazionali, che propongono produzioni frutto d’indagini inedite, istituenti.

Infomail. info@bigff.it

Scopri il programma cliccando QUI


BALAFON FILM FESTIVAL 2022: il programma completo delle proiezioni

In il

BALAFON FILM FESTIVAL 2022

A ritmo del Balafon, antico strumento africano, prende il via la XXXII edizione del Balafon Film Festival Arte e cultura Africana e della Diaspora nera, dall’ 8 all’ 11 novembre al Cinema Esedra di Bari: la rassegna cinematografica che mette il focus sulle tradizioni e suoni africani, un caleidoscopio di tante realtà artistiche e culturali.
L’Africa è fermento, cultura, modernità. Questa 32° edizione è “Vision d’Afrique” partendo dalla capitale del Burkina Faso, Ouagadougou, l’antico cuore del regno Mossi, recente teatro di un nuovo golpe militare, il secondo in un anno, e dove si svolge il festival cinematografico più importante dell’Africa, FESPACO.
E l’apertura ha questo significato: uno sguardo potente su un paese che soffre di instabilità politica e minacce alla sicurezza, ma è determinato a mostrare cosa sa fare.
Balafon Film Festival dedica una sezione speciale alle scuole, con la visione di pellicole selezionate per il pubblico giovane ed invitandolo a matinée, per vivere l’esperienza della visione collettiva sul grande schermo: un momento di incontro e di relazione, per stare in contatto con questo clima di passione che il cinema innesca e che è diventato uno strumento capace di connettere culture lontane e filosofie di ogni tipo.

DOVE : Cinema Esedra
Largo Mons. A. Curi, 19 – Bari

Ingresso valido per tutta la programmazione del giorno € 5.00
Abbonamento € 15.00
Tutti i film sono in lingua originale e sottotitolati in italiano
#BalafonFilmFestival #BFF22

PROGRAMMA:

MARTEDÌ 8 NOVEMBRE

ore 18.30 Selezione fuori concorso
OUAGA CAPITALE DU CINÉMA di Mohamed Challouf (Burkina Faso-Italia-Tunisia)

ore 20. 00 Selezione fuori concorso
TOUIZA di Karim Bengana (Algeria-Francia, 2018)

ore 20.30 Selezione in concorso
LE BAIN di Anissa Daoud (Tunisia-Francia, 2020)

ore 21.00 Selezione in concorso
THE LAST TREE di Shola Amoo (Grand Bretagna, 2019)

MERCOLEDÌ 9 NOVEMBRE

ore 16.00 Selezione fuori concorso
TWO WEEKS IN LAGOS di Kathryn Fasegha (Nigeria-Canada, 2019)

ore 18.00 Selezione in concorso
THE LAST TREE di Shola Amoo (Grand Bretagna, 2019)

ore 20.00 Selezione in concorso
LE BAIN di Anissa Daoud (Tunisia-Francia, 2020)

ore 20.30 Selezione in concorso
LE DÉPART di Saïd Hamich Benlarbi (Marocco-Francia, 2020)

ore 21.00 Selezione in concorso
LE CHOIX D’ALI di Amor Hakkar (Algeria, 2019)

GIOVEDÌ 10 NOVEMBRE

ore 16:00 Selezione fuori concorso
TAHAR CHERIAA A L’OMBRE DU BAOBAB di Mohamed Challouf (Tunisia, 2014)

ore 18.00 Selezione in concorso
LE CHOIX D’ALI di Amor Hakkar (Algeria, 2019)

ore 20:00 Selezione in concorso
LE DÉPART di Saïd Hamich Benlarbi (Marocco-Francia, 2020)

ore 20.30 Selezione in concorso
CHITANA di Amel Guellaty (Tunisia-Qatar-Norvegia, 2021)

ore 21.00 Selezione in concorso
BINTI di Frederike Migom (Belgio-Paesi Bassi, 2019)

VENERDÌ 11 NOVEMBRE

ore 16.30 Selezione fuori concorso
CLESSIDRE di Francesco Clerici (Italia, 2022)

ore 17.30 Selezione fuori concorso
DOAH di Farzad Samsami (Marocco-Norvegia, 2020)

ore 18.00 Selezione in concorso
BINTI di Frederike Migom (Belgio-Paesi Bassi, 2019)

ore 20:00 Selezione in concorso
CHITANA di Amel Guellaty (Tunisia-Qatar-Norvegia, 2021)

ore 20.30 Selezione in concorso
TUK TUK di Mohamed Kheidr (Egitto, 2020)

ore 21.00 Selezione in concorso
YOU WILL DIE AT TWENTY di Amjad Abu Alala (Sudan-Francia-Egitto-Germania-Norvegia-Qatar, 2019)

FILM FUORI CONCORSO:
CLESSIDRE di Francesco Clerici (Italia, 2022)
DOAH di Farzad Samsami (Marocco-Norvegia, 2020)
TOUIZA di Karim Bengana (Algeria-Francia, 2018)
OUAGA CAPITALE DU CINÉMA di Mohamed Challouf (Burkina Faso-Italia-Tunisia)
TAHAR CHERIAA A L’OMBRE DU BAOBAB di Mohamed Challouf (Tunisia, 2014)
TWO WEEKS IN LAGOS di Kathryn Fasegha (Nigeria-Canada, 2019)

CORTOMETRAGGI IN CONCORSO:
CHITANA di Amel Guellaty (Tunisia-Qatar-Norvegia, 2021)
LE BAIN di Anissa Daoud (Tunisia-Francia, 2020)
LE DÉPART di Saïd Hamich Benlarbi (Marocco-Francia, 2020)
TUK TUK di Mohamed Kheidr (Egitto, 2020)

LUNGOMETRAGGI IN CONCORSO:
BINTI di Frederike Migom (Belgio-Paesi Bassi, 2019)
LE CHOIX D’ALI di Amor Hakkar (Algeria, 2019)
THE LAST TREE di Shola Amoo (Grand Bretagna, 2019)
YOU WILL DIE AT TWENTY di Amjad Abu Alala (Sudan-Francia-Egitto-Germania-Norvegia-Qatar, 2019)

SEZIONE SCUOLA:
UNE SAISON EN FRANCE di Mahamat-Saleh Haroun (Ciad-Francia, 2017)
WALLAY di Berni Goldblat (Francia-Burkina Faso-Qatar, 2017)
Il Festival è organizzato dalla Comunità di Corte Altini in collaborazione con ACLI Puglia, Missionari Comboniani, Associazione Murattiano, Cgil-Bari, Alliance Française, Università degli Studi “Aldo Moro” di Bari, Fondazione Migrantes e Apulia Film Commission. L’evento ha il patrocinio e il sostegno di Regione Puglia, Comune di Bari.

INFO:
Segreteria organizzativa

Tel. 080 8090139
balafonfestival@libero.it


APULIANTIQUA – Erlarly Music Festival, il programma

In il

APULIANTIQUA Erlarly Music Festival

APULIANTIQUA – Erlarly Music Festival
dal 30 Ottobre al 27 Novembre 2022
Monopoli-Gioia del Colle-Fasano-Melissano

Valorizzare e diffondere la musica classica con particolare riferimento alla musica antica dei secoli XVII – XVIII. Ma allo stesso tempo valorizzare i beni culturali della nostra Puglia per riappropriarci della nostra identità culturale e favorire l’appeal turistico di questo patrimonio. In questa edizione 2022 ben 14 concerti previsti in terra di Bari, Valle d’Itria e Salento. In una ricercata e attenta progettualità promossa da “Sentieri Armonici”. Diretto dal Maestro, Giovanni Rota, un ricco cartellone di eventi con ospiti prestigiosi di livello internazionali. Il tutto puntando anche a favorire la qualità dell’offerta per il suo carattere multidisciplinare e la molteplicità delle espressioni artistiche.

Per consultare il programma clicca qui


PUGLIA WINE FESTIVAL, a Rutigliano la Festa del Vino e dei Sapori d’autunno

In il

PUGLIA WINE FESTIVAL 2022

Torna il “Puglia Wine Festival – Festa del Vino e dei Sapori d’autunno”
La città che ci ospita quest’anno è RUTIGLIANO – Città d’Arte, dell’uva, del grano e del fischietto in terracotta.

29|30|31 ottobre e 1 novembre 2022
Piazza XX Settembre – Rutigliano (Bari)

VINO, CASTAGNE, GASTRONOMIA E MUSICA

Questi gli artisti che allieteranno le serate del Puglia Wine Festival 2022; dalle ore 20,00 sul palco:
29 ott – Exuvia + Tamburellisti di Torrepaduli
30 ott – Denny Music + Sciamaballà
31 ott – Metaverso + Mama Ska
01 nov – Colpa Delay + Cipurrid


PULCINELLA PIZZA FESTIVAL: a Bari i sapori, le tradizioni e le eccellenze napoletane

In il

pulcinella pizza festival 2022 bari

****EVENTO RINVIATO A DATA DA DESTINARSI****

PULCINELLA PIZZA FESTIVAL
7, 8, 9 e 10 Ottobre 2022
Piazzale Lorusso (vicinanze palestra McFit)
BARI

Pulcinella Pizza Festival, arrivano a Bari i sapori e le eccellenze della tradizione napoletana.
Capisaldi dell’evento saranno: L’arte tradizionale dei “pizzaioli napoletani”
Riconosciuta dall’ UNESCO come parte del patrimonio culturale dell’umanità, trasmessa di generazione in generazione e continuamente ricreata, in grado di fornire alla comunità un senso di identità, di continuità e di promuovere il rispetto per la diversità culturale e la creatività umana.
L’arte musicale della “pusteggia”
Questa è l’antica arte dei suonatori di strada. La pusteggia consisteva in un gruppo, più o meno nutrito di musicisti, che si riunivano in un posto pubblico e cominciavano ad intonare le canzoni più antiche e belle della tradizione napoletana. Uno cantava e gli altri lo accompagnavano con il mandolino, la chitarra, il violino e il tamburello.
L’arte teatrale delle “guarattelle”
Le guarattelle sono gli spettacoli di burattini a guanto della tradizione napoletana. Un’arte popolare tramandata oralmente da più di 500 anni. Protagonista e anima delle storie è Pulcinella, un essere libero che, con la sua magica voce, rinnova in scena l’eterno conflitto tra bene e male, tra il bianco e il nero della sua maschera, icona indiscussa di Napoli, chiamata anche “la città di Pulcinella”.

INGRESSO GRATUITO

Gli orari:
– Venerdì dalle ore 19.00 alle ore 24.00
– Sabato dalle ore 18.00 alle ore 24.00
– Domenica dalle ore 18.00 alle ore 24.00
– Lunedì dalle ore 18.00 alle ore 24.00


SPILLA! il Festival della Birra a Molfetta

In il

spilla il festival della birra molfetta

Spilla ist hier. Spilla ste ddo. Insomma, Spilla è finalmente arrivato. La prima edizione del festival della birra più buono e originale che c’è!
29-30 settembre e 1-2 ottobre, a Molfetta, in Via San Giuseppe Moscati (nello spiazzo di fronte la pizzeria Boh).
Ti aspettiamo con litri di birra, musica dal vivo e tanto cibo!

PROGRAMMA:

– Giovedì 29 Settembre
La prima serata di Spilla si apre a ritmo di rock and roll con i The Good Ole Boys. Da oltre 15 anni, la band fa scatenare la Puglia e l’Italia sulle note dei miti della musica rock and roll, surf, blues & beat.
In apertura e chiusura della serata, Mr Wario. Dj abile nel mixing di tutti i generi musicali, si contraddistingue con un vero e proprio stile “alla Wario”, suonando musica italiana, commerciale, reggaeton, hip-hop, trap, anni ‘90, house e dance.

– Venerdì 30 Settembre
I Sorelli: il duo che riempirà di musica la seconda serata di Spilla. Giuseppe Larocchia, in arte Tuppi, e Giovanni Moretti, in arte Giova VJ, uniti dall’amore per la musica e dallo stesso taglio di capelli. Propongono un Dj Set divertente e coinvolgente, che spazia dalle sonorità rock’n’roll anni ‘50 alla musica elettronica moderna.

– Sabato 1° Ottobre
“Non l’hai mica capito” che Spilla è il festival della birra “…stupendo”. Vuoi dare “un senso” alla fine di settembre? Allora “vieni qui”! Sarà una “splendida giornata”, insieme ai Bambini Di Vasco, cover band di Vasco Rossi che lascia tutti “senza parole”. “Eh… già”, non c’è un altro festival così.
E subito dopo, la festa continua con Mista P & Shogun. Per farvi scatenare sul loro Dj Set e concludere la serata in grande stile!

– Domenica 2 Ottobre
Per chiudere in bellezza, si balla con la birra, tra street food e street music!
Happy hour dell’ultima serata di Spilla, con il Dj Set di Dj Fato: Reggae, Hip Hop, Dance Hall.
E a seguire Vagaband: il collettivo di musicisti pugliesi che porta avanti uno show itinerante, spaziando tra vari generi musicali, Funk, Rock, Latin, Pop, Balcanico.
Insomma, impossibile restare fermi!


Di Voce in Voce Festival 2022, il programma completo

In il

Di Voce in Voce Festival 2022

Da sabato 24 settembre a domenica 2 ottobre presso il Nuovo Teatro Abeliano di Bari, torna il Festival “Di Voce in Voce” 2022, XIVª edizione, dedicato alla musica contemporanea d’autore e popolare, vi aspettiamo!

Ingresso libero fino ad esaurimento posti

Programma:

24/09 BARI TEATRO ABELIANO (ORE 20:30)
DUO CORO
RADICANTO

25/09 BARI TEATRO ABELIANO (ORE 20:30)
AFROTERREAN DUO
BIRKIN TREE

01/10 BARI TEATRO ABELIANO (ORE 20:30)
VITO SIGNORILE
SARITA

02/10 BARI TEATRO ABELIANO (ORE 20:30)
MICHELE LIBRARO
MARIA MORAMARCO & UARAGNIAUN


DISTORSIONI FESTIVAL 2022, il programma

In il

DISTORSIONI FESTIVAL 2022

DISTORSIONI FESTIVAL 2022
16, 17 e 18 Settembre
Atrio Palazzo De Mari
Acquaviva delle Fonti (Bari)

Siamo pronti a celebrare nuovamente la vera musica indipendente delle estati pugliesi, nella cornice dell’Atrio Palazzo De Mari, Acquaviva delle Fonti (Bari)

Acquista l’abbonamento early bird entro il 21 agosto: clicca qui

PROGRAMMA:

16 SETTEMBRE
Ever felt
Guatemala
Stain

Free entry

17 SETTEMBRE
Pastel
Cosmetic
Elephant Brain

Tickets: clicca qui

18 SETTEMBRE
Duocane
Comrad
Gomma

Tickets: clicca qui

Distorsioni Sonore festival è un evento co prodotto da Meh! e Altrementi Lab


PhEST 2022: Festival Internazionale di fotografia e arte a Monopoli

In il

phest 2022 monopoli

MONOPOLI – Giunto alla sua settima edizione, PhEST – See Beyond the Sea, Festival internazionale di fotografia e arte, si conferma un luogo di scambio culturale all’insegna della fotografia ma anche dell’arte, della musica, del cinema e delle infinite contaminazioni che, dal centro di Monopoli, della Puglia e del Mediterraneo, volge il suo sguardo verso un orizzonte sempre più internazionale. Dal 9 settembre al 1° novembre artisti da tutto il mondo – selezionati dal direttore artistico Giovanni Troilo con la curatela fotografica di Arianna Rinaldo – verranno coinvolti in esposizioni esclusive che trasformeranno la città in un museo a cielo aperto aprendo al pubblico palazzi storici e antiche chiese solitamente chiusi. Monopoli si riempirà di immagini e visioni ma anche di suoni e parole con il ritorno della musica e degli eventi live.

FUTURO è il tema centrale dell’edizione 2022. Non sarà però un modo per liberarsi dal groviglio del presente quanto piuttosto l’occasione per evocare l’interconnessione tra i differenti piani temporali. «La capacità di scorgere il futuro dipende sempre più dalla capacità di leggere il presente e “rivivere” il passato che cessa di essere statico e viene costantemente modificato, costringendoci ad una sua attenta, continua rilettura. L’altro scenario molto atteso sarà l’inizio del Novacene, l’epoca dominata dall’Intelligenza Artificiale e dagli algoritmi. Se fino ad ora abbiamo concentrato le attenzioni sul nostro sguardo, oggi abbiamo la necessità di introdurre questo nuovo soggetto: le macchine. Dobbiamo dunque iniziare a chiederci come le AI guardano il mondo e soprattutto come guardano noi», dichiara il direttore artistico Giovanni Troilo.

Mattia Balsamini, uno tra i più apprezzati fotografi emergenti del panorama internazionale, rifletterà sul tema dell’anno con Il Futuro in Puglia, un lavoro inedito in residenza artistica. Dopo gli studi in fotografia pubblicitaria presso il Brooks Institute di Los Angeles, nel 2010 Balsamini inizia a lavorare presso lo studio di David LaChapelle. Nel 2011 torna in Italia dopo aver conseguito un BA con menzione d’onore. Da allora insegna fotografia all’Università IUAV di Venezia oltre a fotografare ampiamente la tecnologia e le sue implicazioni sociologiche, concentrando la sua attenzione sul lavoro come fattore di identità dell’uomo. Negli anni ha realizzato progetti personali ed editoriali per istituzioni come MIT, NASA e Institute of Forensic Medicine University of Zurich. Le sue immagini rivelano un interesse per le persone e le loro storie, gli aspetti funzionali della tecnologia e gli elementi grafici dell’ordinario. Ha esposto alla Triennale di Milano, al MAXXI, alla Fondazione Sandretto Re Rebaudengo e all’Istituto Italiano di Cultura di San Francisco.

Tra i primi ospiti confermati, Davide Monteleone proporrà Sinomocene, un progetto “data-driven” che prende spunto dalla documentazione dell’iniziativa cinese denominata “Belt and Road” o “New Silk Road” per indagare più ampiamente sui temi delle nuove forme di colonialismo, della globalizzazione e del rapporto tra poteri e individuali. Il lavoro si concentra sull’impatto sociale e ambientale dei grandi movimenti di capitali legati alle strategie geopolitiche a livello globale e locale. Davide Monteleone è un artista visivo, ricercatore e National Geographic Fellow il cui lavoro abbraccia la creazione di immagini, il giornalismo visivo, la scrittura e altre discipline. I temi ricorrenti includono geopolitica, geografia, identità, dati e tecnologia. Originario dell’Italia, Davide Monteleone ha trascorso, tra il 2000 e il 2021, oltre un decennio in Russia dove ha prodotto le sue prime serie e quattro acclamate monografie: Dusha (2007, Postcart), Red Thistle (2012, Actes Sud), Spasibo (2013, Kehrer), The April Theses (2017, Postcart).

Al FUTURO è dedicata la seconda edizione di PhEST POP-UP Open Call, il contest internazionale in formato pop-up, lanciato nel 2021 che, alla sua prima edizione, ha raccolto oltre 500 progetti provenienti da 56 paesi. Dal 16 al 30 maggio potranno essere inviati progetti visuali che con sguardi innovativi esplorano il tema del FUTURO. Si cercano lavori intensi, sorprendenti e profondi realizzati con ogni linguaggio, ogni tipo di media, immagini fisse o in movimento, dalla fotografia all’illustrazione, al collage, all’animazione. L’iscrizione al contest, promosso insieme a LensCulture e in collaborazione con Leica Akademie Italy, è gratuita e prevede 2 categorie: SERIES (immagini fisse, illustrazioni, etc) e SINGLES (video, animazione, etc.). La giuria, composta da Maurizio Beucci – Head of Leica Akademie Italia, Laura Sackett – Co-founder & Creative director di LensCulture, Giuseppe Oliveiro – Founder & Director di PHmuseum, Arianna Rinaldo – Curatrice di PhEST, e Giovanni Troilo – Direttore artistico di PhEST, indicherà i progetti vincitori a cui saranno assegnati i seguenti premi:

1. Una mostra nel contesto di PhEST 2022 (che inaugura il 9 settembre, 2022)
2. Una fotocamera Leica D-Lux7 del valore di 1.315,00 Euro
3. Tre workshop in presenza o online del valore di 290,00 Euro offerti da Leica Akademie Italy
4. Una pubblicazione su uno dei canali di comunicazione di LensCulture
5. Una pubblicazione su uno dei canali di comunicazione di PHmuseum

Regolamento e form di iscrizione a PhEST POP-UP Open Call saranno scaricabili a partire dal 16 maggio sul sito ufficiale della manifestazione www.phest.it

Novità di quest’anno la collaborazione con Panorama, una mostra itinerante diffusa organizzata da ITALICS (consorzio che riunisce circa settanta tra le più autorevoli gallerie d’arte italiane) che si svolgerà quest’anno a Monopoli dal 1 al 4 settembre 2022, anticipando così l’apertura della settima edizione di PhEST.

PhEST – See Beyond the Sea è prodotto e promosso dall’associazione culturale PhEST, con il sostegno della Regione Puglia e del Comune di Monopoli attraverso gli Assessorati al Turismo (Cristian Iaia) e alla Cultura (Rosanna Perricci).

Festival internazionale di fotografia e arte, nato nel 2016 a Monopoli in Puglia da un’idea di Giovanni Troilo, direttore artistico del festival, e di Arianna Rinaldo, cui è affidata la curatela fotografica. PhEST è fotografia, cinema, musica, arte, contaminazioni dal Mediterraneo. Un modo per restituire voce propria alle mille identità che compongono il mare in mezzo alle terre, ridefinendo un nuovo immaginario.