I Maltesi in concerto al Teatro Fava – Tributo a Fabrizio De André

In il

I Maltesi in concerto al Teatro Fava Tributo a Fabrizio De Andre

A.C. Paideia presenta:

I MALTESI – Tributo a Fabrizio De André
Live TEATRO G.FAVA

Line up:
Dario Di Stefano – Voce, armonica a bocca
Giuseppe Bruni – Batteria, percussioni
Francesco Corallo – Chitarra classica, acustica
Lorenzo “Freccia” D’Urso – basso, cori
Pierpaolo Mingolla – Fisarmonica, tastiera, cori

L’idea di proporre un tributo a Fabrizio De André nasce per caso, anzi quasi per gioco, sicuramente per la smisurata passione che lega indistintamente tutti i componenti della Band alla musica del grande cantautore genovese.
Indubbiamente, la straordinaria somiglianza della voce di Dario Di Stefano è il valore aggiunto per un ensemble che ripropone fedelmente gli arrangiamenti originali, nonché quelli (splendidi e molto ricercati) dell’ultimo tour di De André.

Il gruppo barese, nato a fine 2009, è attualmente composto oltre che dalla voce solista, da altri giovani musicisti pugliesi che al completo raggiungono i nove elementi. Vanta già 150 date ed annovera importanti esibizioni nei più suggestivi luoghi della Puglia (della Campania, del Lazio, della Basilicata e della Sardegna), riscontrando grande successo tra il pubblico.
Ricordiamo su tutte la serata del 23 settembre 2011 a Bari, dinanzi al Lungomare di Piazza Diaz, per la Festa Nazionale del Partito Democratico (2000 persone presenti) e il concerto di beneficenza del 30 dicembre 2011 presso l’ Auditorium Diocesano “Vallisa”, un luogo musicale prestigiosissimo nella cuore città vecchia di Bari (i 160 biglietti vanno esauriti in pochi giorni).

L’esordio Teatrale avviene l’11 gennaio 2012, a 13 anni dalla morte di Faber, sul meraviglioso palco del Teatro dei Limoni di Foggia: concerto organizzato in appena una settimana, 100 posti esauriti in prevendita dopo due giorni.
La mattina del 21 gennaio 2012 a Monopoli ci sono 10mila persone in piazza per dire “No alle trivellazioni in Puglia” e cantare assieme ai “Maltesi”.
A Dicembre è la volta di Roma, con un grande concerto presso il Live Pub “Lo Sciamano”.

Il 21 luglio 2012 i Maltesi hanno suonato a Tempio Pausania (OT, Sardegna) come unico gruppo di chiusura per una delle più importanti rassegne nazionali dedicate a Faber, con un pubblico stimato, in piazza, in almeno 2000 persone.

Nel 2013 (il 19 e 20 luglio) i Maltesi hanno nuovamente chiuso la manifestazione, fatto unico nella sua storia, con 2 grandi concerti di cui uno nello stupendo teatro di Tempio Pausania ed uno in piazza.

L’11 gennaio 2014, a 15 anni dalla morte di De André, una serata evento presso il Teatro Esedra a Bari, con 350 persone presenti e relativo “sold out”.

Il 10 e 11 gennaio 2015, per il 16° anniversario dalla scomparsa di Faber, i Maltesi sono protagonisti di 3 concerti, di cui 2 nel prestigioso Teatro Traetta a Bitonto (entrambi “sold out” con 500 persone) ed uno alla Taverna Vecchia del Maltese a Bari (anch’esso “sold out”, 140 partecipanti).

Il nome “I Maltesi” deriva proprio dal luogo in cui questa avventura musicale è nata: quella Taverna Vecchia del Maltese, primo storico locale barese, che tanto ha dato alla storia del gruppo e in cui questi otto ragazzacci provano i brani, si incontrano, suonano.

I Maltesi hanno in repertorio più di 60 brani della discografia di De André e, oltre a proporre una scaletta classica che comprenda Bocca di Rosa, Andrea, Il Pescatore, Un Giudice, La guerra di Piero, Volta la Carta per concerti di piazza in cui il pubblico “vuole sentire” i grandi classici, offrono situazioni assai particolari nelle quali eseguono integralmente interi album.
Parliamo – in particolare – di “Non al denaro, non all’amore, nè al cielo” e “La buona novella”
Inoltre, specialmente per le situazioni teatrali, hanno già eseguito integralmente i brani dell’ultimo concerto di Faber al Teatro Brancaccio di Roma, di cui v’è testimonianza video grazie al dvd omonimo.

TEATRO G.FAVA c/o La Cittadella delle Arti – Via Piave 79 – Modugno (Bari)

INFO: 3892434715 – 3277317396


“IL MEDITERRANEO DI DE ANDRÉ” al Castello Svevo di Bari

In il

il mediterraneo di de andre castello svevo bari

Giovedì 11 Aprile, alle ore 10,30, il Castello Svevo di Bari vi aspetta per un altro appuntamento musicale!
La voce e la chitarra di Giuseppe Fiorante ci porteranno alla scoperta dell’universo di uno dei più grandi cantautori italiani, con uno spettacolo musicale tratto da “D’Ä MÊ RIVA – Il linguaggio mediterraneo di De André” di Andrea Martina, sull’incontro fra la musica d’autore e i dialetti italiani.
L’evento, pensato in particolare per le scuole di ogni ordine e grado e per gli studenti universitari, è aperto gratuitamente al pubblico fino ad esaurimento posti (non è inclusa la visita al monumento), previa prenotazione all’indirizzo mail pm-pug.castellosvevo@beniculturali.it entro le ore 13,00 del giorno 10 aprile 2019


“AMORE CHE VIENI, AMORE CHE VAI” Omaggio a Fabrizio De Andrè

In il

omaggio a fabrizio de andre teatro radar

AMORE CHE VIENI, AMORE CHE VAI

Omaggio a Fabrizio De Andrè

Cristina DONÀ – voce
Javier GIROTTO – sax
Fabrizio BOSSO – tromba
Rita MARCOTULLI – pianoforte
Saverio LANZA – chitarra elettrica
Enzo PIETROPAOLI – contrabbasso
Cristiano CALCAGNILE – batteria, percussioni

Amore che vieni, Amore che vai – Fabrizio De Andrè, le donne e le altre storie è il titolo dello spettacolo che Cristina Donà sta portando in giro per l’Italia accompagnata da Rita Marcotulli al pianoforte, Enzo Pietropaoli al contrabbasso, Fabrizio Bosso alla tromba Javer Girotto al sax, Saverio Lanza alla chitarra elettrica e Cristiano Calcagnile alla batteria e percussioni, il primo. ”Il mio incontro con la musica di De Andrè è arrivato grazie ad alcuni artisti che seguo e ad una serie di cover che mi hanno spinta ad approfondire un discorso sempre lasciato in sospeso con Faber. Ascoltandone i dischi, è impossibile non rimanere colpiti dalla sua poetica, dal suo modo di dar voce a personaggi paradossali, romantici, ironici, carichi talvolta di un’allegria che si trasforma in lieve cinismo, dalla sua visione dell’amore, della sua passione ma anche della sua incertezza e mutevolezza. Fabrizio De Andrè raccontava storie, al centro delle quali spesso c’erano donne. Con la sua poetica colta, curiosa della vita, attenta al mondo e alle sue ingiustizie, ha dato vita a storie struggenti, che fanno riflettere, al centro delle quali ci sono personaggi femminili davvero unici. Da qui parte il nuovo progetto di Cristina Donà, un omaggio a Faber non esclusivamente dedicato alle donne ma che dà ad esse lo spazio che a loro dava l’artista genoves”. Due ore di musica, due ore durante le quali sul palco si alternano Maria e lo strazio per la perdita di un figlio (Ave Maria e Tre Madri), Marinella “volata in cielo su una stella”, la Princesa Fernanda e la sua storia di abusi e voglia di riscatto. Entra in scena anche la donna crudele, pronta a tutto pur di soddisfare la propria vanità (La ballata dell’amore cieco), ma anche Bocca di Rosa, che “metteva l’amore sopra ogni cosa”. Uno spettacolo che commuove, che coinvolge. Non è facile interpretare le parole di De Andrè, ma la Donà riesce a farle sue incantando. In una piazza gremita di gente, le note e le parole di Faber prendono forma e trovano una nuova dimensione, quella del jazz. Il piano di Rita Marcotulli, il sax di Javer Girotto e la tromba di Fabrizio Bosso riescono ad ipnotizzare la platea che applaude e risponde con entusiasmo. Uno spettacolo che crea magia, quella che non ti fa alzare dalla sedia perché ne vorresti sempre di più.
Cristina DONÀ – All’inizio ci furono gli studi accademici e una passione ardente per la musica, il cinema, l’arte : oggi basta chiedere di lei, della sua voce e delle sue canzoni, per sentirsi rispondere che Cristina Donà ha lavorato intensamente e con pazienza per dar vita ad un lungo e felice percorso artistico di cantautrice, che la distingue nel panorama musicale contemporaneo. Grazie alle sue prime performance sospinte da una voce unica, nei primi anni novanta viene notata da Manuel Agnelli degli Afterhours: nasce la collaborazione che porta all’album di debutto, “Tregua” (1997), prodotto magistralmente dallo stesso Agnelli. Cristina vede arrivare i primi riconoscimenti : il pubblico, che la accoglie come una novità, la comunità musicale, che le riconosce un esordio sorprendente, la critica, che le assegna la Targa Tenco per il miglior album di debutto. Inizia nei primi anni novanta il lungo e felice percorso artistico che fa di Cristina Donà una delle voci più originali della scena musicale italiana. Cristina ha contribuito a definire una nuova stagione del rock di matrice mediterranea, riuscendo a conquistarsi il plauso di grandi figure quali Robert Wyatt, David Byrne e Peter Walsh (già produttore di Scott Walker, di Peter Gabriel e dei Simple Minds ). Prima artista italiana a esibirsi al Meltdown Festival di Londra, Cristina Donà è sicuramente una delle poche artiste italiane capaci di “rivaleggiare” con le grandi colleghe che all’estero, proprio come lei, hanno reinventato il modello di interprete e autrice nell’ambito della musica rock. Sempre in grado di rinnovarsi, Cristina Donà è divenuta prima punto di riferimento, poi figura ispiratrice per le nuove generazioni di musicisti italiani.

Info. 3683718174


PFM canta De André “Anniversary” Tour al Teatro Comunale di Corato

In il

PFM canta De Andre Anniversary Tour

A quarant’anni dall’uscita di “Fabrizio De André e PFM in concerto” e a vent’anni dalla scomparsa del poeta, PFM torna sui palchi di tutta Italia con PFM canta De André Anniversary un tour che rende omaggio a quel fortunato sodalizio!

“PFM canta De André – Anniversary” avrà sul palco una formazione spettacolare, con due ospiti d’eccezione: Michele Ascolese, chitarrista storico di Faber, e la magia delle tastiere di Flavio Premoli.

“PFM canta De André – Anniversary” arriva dopo l’intenso tour mondiale che ha riscosso un travolgente successo dal Giappone alle Americhe passando per il Regno Unito, per poi fare tappa nel nostro paese durante tutta l’estate. Durante i concerti, oltre ai più grandi successi del suo vastissimo repertorio, PFM ha presentato anche brani tratti dal nuovo album “Emotional Tattoos” (uscito in tutto il mondo il 27 ottobre, per InsideOutMusic/SonyMusic).

Recentemente PFM è stata premiata con la posizione n. 50 nella “Royal Rock Hall of Fame” di 100 artisti più importanti del mondo. Il 13 settembre 2018 è stata premiata come “Miglior artista internazionale dell’anno” ai Prog Music Awards UK.

>>>Acquista Biglietti

Teatro Comunale
Piazza Marconi, 7 – Corato (Bari)
Tel. 0809592281


“De André 2.0” una serata per ripercorrere la carriera di Faber

In il

de andre 20 anchecinema

De André 2.0

1999.2019
A vent’anni dalla scomparsa arriva sul palco del Anche Cinema di Bari, De André 2.0 per ripercorrere insieme la carriera di questo cantautore straordinario. Una notte per emozionarci e ricordare uno degli artisti che meglio ha saputo far innamorare ogni generazione della sua musica.
Un vero e proprio spettacolo in cui i brani dal vivo si mescoleranno a immagini e testi per sfociare in un’unica, grande poesia.

La band:
Pollio – voce
Teo Manzo – voce / chitarra
Giuseppe Magnelli – chitarre
Mamo Iodrums – batteria
Eros Paolini – basso

Posto unico 12 euro
>>>Acquista Biglietti
Biglietti disponibili anche in cassa, la sera dell’evento, fino ad esaurimento posti.

Apertura porte h 20.30
Inizio concerto h 21.30

Ingresso gratuito per:
Bambini fino ad anni 12;
Accompagnatore di persona con disabilità.

Anche Cinema
Corso Italia, 112
70123 Bari (BA)
www.anchecinema.com

Info:
Ubique Concerti
+393475358799 (WhatsApp)
info@ubiquestudio.com


“LUCIO E FABRIZIO” al Teatro Purgatorio il recital dedicato a Dalla e De André

In il

lucio e fabrizio il recital giuliano ciliberti

Giuliano Ciliberti rende omaggio ai grandi Lucio Dalla e Fabrizio De André con un recital.
Come sempre di scena al teatro Purgatorio venerdì 29 marzo e 5 aprile alle ore 21:00.
Vi aspettiam per un viaggio pieno d’amore e un pizzico di nostalgia…
Vi aspettiamo in PIAZZA GRANDE

Le prenotazioni sono disponibili
Infotel. 3347776111 – 0805796577


Terzo appuntamento al Teatro Kismet con “ANIME SALVE, Storie di donne e uomini in lotta col proprio tempo”

In il

anime salve dori ghezzi francesca serafini de andre

“ANIME SALVE, Storie di donne e uomini in lotta col proprio tempo” è il titolo del ciclo di incontri curato da Nicola Lagioia, Presidente onorario dei Teatri di Bari da gennaio ad aprile al Teatro Kismet.

Terzo incontro
7 marzo h 21.00
Dori Ghezzi e Francesca Serafini
Su Fabrizio de Andrè

Per la prima volta Dori Ghezzi, la donna che dal 1974 è stata accanto a Fabrizio De André, parla della sua vita e del suo rapporto con il più carismatico cantautore italiano. E riesce nel prodigio di restituirci un De André inedito, perché visto attraverso i suoi occhi. Ad aiutare Dori a raccontare la sua, Francesca Serafini, autorice e sceneggiatrice del film-evento di
Claudio Caligari “Non essere cattivo”, e di “Principe libero”, miniserie di due puntate su De André, andata in onda su Rai 1.

BIGLIETTI
unico 5 euro

Acquistabili presso:
– Teatro Kismet, strada San Giorgio Martire 22/F
[tel. 080 579 76 67; dal lunedì al venerdì, ore 17.00-20.00]
– Infopoint turistico, Piazza del Ferrarese, 29
[tel. 080 524 2244; tutti i giorni, ore 10.00-13.00 e 15.00-19.00]
– Cittadella degli artisti Molfetta, Via Bisceglie 775
[tel. 080 338 70 82; tutti i giorni tranne il lunedì, ore 17.00
-20.00]
– tutti i punti vendita Vivaticket, tra cui Box Office/La Feltrinelli Bari, con una maggiorazione sul costo del biglietto.

Online su www.vivaticket.it

Info:
Teatro Kismet | strada San Giorgio Martire 22/F
☏ 080 579 76 67
✎ botteghino@teatrokismet.it
www.teatridibari.it


FABER, La Banda De André – “È stato meglio lasciarsi che non essersi mai incontrati”

In il

faber la banda de andre molfetta

…perché è sempre meglio lasciarsi che non essersi mai incontrati…

Vent’anni fa, l’11 Gennaio 1999, ci salutava uno dei più grandi poeti del ‘900, ma noi ostinatamente, come un mantra, continuiamo a cantarlo, suonarlo, citarlo e ricordarlo, questa volta ci è piaciuto farlo festeggiando il suo compleanno, perché per noi quel poeta è ancora qui, in mezzo a noi che canta e ci fa cantare! E abbiamo pensato di festeggiarlo con la fanfara, con il suono e l’energia della banda, l’orchestra del popolo, quel popolo a cui tanto era vicino e ch’era l’ispirazione di quel poeta, quel poeta si chiamava…si chiama Fabrizio De André. Siete impegnati il 17 Febbraio alle ore 21 00?

Sulla scena:
L’Ensemble di fiati dell’orchestra F. Peruzzi Città di Molfetta diretta dal Maestro Michele Consueto

Voce e testi: Pantaleo Annese
Chitarre: Vito Vilardi

PORTA ORE 20.30 – START ORE 21.00

TICKET:
Intero: 12 euro;
Ridotto: 1o euro per studenti, over 65 e possessori di ticket cinema della Cittadella degli artisti
Prevendita presso CLINIC, XO e CITTADELLA DEGLI ARTISTI

Info 3492308203


“De Andrè e la pace”: a Bari, serata dedicata a Fabrizio De Andrè per il ventennale della sua morte

In il

fabrizio de andre

Nei Diari di Fabrizio De Andrè, leggenda sacra non solo della musica, ma anche del pensiero libero italiano, sono raccolte le sue più intime e sincere riflessioni sul contesto che circonda l’animo umano.
Tra i passaggi più interessanti, sicuramente non può non esser menzionata la riflessione di Faber su una “pace ingiusta” e quanto a questa si possa preferire la guerra.

“Operazioni di “polizia” perché il mondo sia in pace: attenzione però che non sia una “pace terrificante”. Anche gli schiavi che costruirono la Piramide di Cheope erano in pace, essi erano più o meno pacificamente tenuti in vita per lavorare.
Credo che chiunque di loro avrebbe preferito una guerra con il rischio della morte, piuttosto di quella orribile pace.
Il fatto è che tutti desiderano essere ricchi, e mettiamoci in testa che i ricchi non possono esistere, se contemporaneamente non esistono i poveri.
Il problema va quindi al di là della pace e della guerra.
Certo, è preferibile la pace, ma ad una pace ingiusta si può preferire una guerra, soprattutto quando una pace ingiusta produce in definitiva gli stessi effetti di una guerra: per esempio la morte per indigenza di intere popolazioni.”

Il GEP (Gruppo Educhiamoci alla Pace) e il “Club della Canzone d’Autore Città di Bari” dedicano una serata per il ventennale della morte di Fabrizio DE ANDRE’: De Andrè e la pace.
La serata sarà condotta da Gegè SCARDACCIONE del GEP e da Michele CECERE, Presidente del Club della Canzone d’Autore Città di Bari.
Durante la serata ci sarà la partecipazione dei M.C.M. di Massimo DE DOMINICIS.

Infotel: 0805405685

Mediateca Regionale Pugliese
Via Giuseppe Zanardelli, 30 – Bari


Annibale Gagliani in “Impegno e disincanto di Pasolini, De Andrè, Gaber e Rino Gaetano” – PhilosophArs 2018

In il

Annibale Gagliani in Impegno e disincanto di Pasolini De Andre Gaber e Rino Gaetano PhilosophArs 2018

Domenica 14 ottobre, a partire dalle ore 18.00, nel Museo Speleologico “Franco Anelli”, Annibale Gagliani, giovane autore leccese, laureato in lettere moderne, giornalista, con “Impegno e disincanto di Pasolini, De Andrè, Gaber e Rino Gaetano”.

L’ingresso è gratuito.

Contatti
Telefona ai numeri 3387340867 – 3935872125
Scrivi a legatoamano@gmail.com

PhilosophArs 2018
Si terrà dal 12 al 14 ottobre 2018 a Castellana Grotte (Ba), la prima edizione di PhilosophArs, festival della Filosofia e delle Arti Umane, tre giorni dedicata alla filosofia e alle arti con lezioni magistrali tenute da filosofi, spettacoli musicali e teatrali e installazioni artistiche. Filo conduttore dell’edizione 2018 è il tema della libertà, con riferimenti a Giorgio Gaber, il filosofo ignorante, e con il sottotitolo “Libertà è Partecipazione”. PhilosophArs 2018 viaggerà attraverso diversi ambiti, legando la filosofia all’arte, alla parola e alla musica.

Sede principale della prima edizione sarà il complesso turistico delle grotte di Castellana (Ba). L’inaugurazione, invece, si terrà presso il Palazzo Municipale del Comune di Castellana Grotte. Tre serate, otto ospiti, quattro incontri tematici, un concerto e uno spettacolo teatrale caratterizzeranno la prima edizione.

Ideato e organizzato dall’ATC Legato a Mano, in collaborazione con la Grotte di Castellana srl e con il patrocinio di Regione Puglia, Città Metropolitana di Bari, Comune di Castellana Grotte, Università degli Studi di Bari “Aldo Moro” e Irrcs de Bellis di Castellana Grotte, per la direzione scientifica di Paolo Ponzio (professore associato nell’Università di Bari e direttore del Dipartimento di Scienze Umanistiche), PhilosophArs si rivolge ad un ampio target, con l’obiettivo di rendere la filosofia accessibile a tutti, attraverso collegamenti e riferimenti all’attualità e alle tematiche più popolari, e diventa un percorso emozionale tra i saperi più alti che toccano l’animo umano facendone scoprire le sfumature più profonde.

PhilosophArs 2018 – L’elenco degli appuntamenti in programma:

Venerdì 12 – ore 18,30 – PhilosophArs – Ponzio con Rovetta / ore 21,30 – PhilosophArs – Tricarico in concerto

Sabato 13 – ore 19,30 – PhilosophArs – Esposito con De Caro / ore 21,00 – PhilosophArs – A Mammà la Revolution

Domenica 14 – ore 18,00 – PhilosophArs – Annibale Gagliani / ore 19,00 – PhilosophArs – Valerio Capasa