MIGUEL ANGEL ZOTTO e DAIANA GUSPERO in “Te siento…tango” al Teatro Team

In il

miguel angel zotto daiana guspero teatro team bari

INAUGURAZIONE RASSEGNA DANZA&DANZA
Evento Straordinario con il più grande Tangheros del Mondo
al Teatro Team di Bari

MIGUEL ANGEL ZOTTO e DAIANA GUSPERO in
“TE SIENTO…TANGO”
con 3 coppie di ballerini e musica dal vivo
Ideazione, regia e coreografia di Miguel Angel Zotto

Le gambe s’allacciano, gli sguardi si fondono, i corpi si amalgamano e si lasciano incantare. Dal libro Te siento di Miguel A. Zotto
Un’opera tango con il più grande interprete al mondo della danza argentina, Miguel Ángel Zotto, a firmarne regia e corografie. Te Siento…tango è passione pura. Nessun ballo, nessuna danza è passionale come il tango. In scena ritmo e sensualità in un elegante gioco di provocazioni e sguardi.
Passi che si susseguono, si seducono e raccontano Buenos Aries e la storia del ballo più sensuale al mondo, incantando letteralmente il pubblico.
Sul palco la leggenda vivente del tango, Miguel Angel Zotto con Te Siento…tango, un nuovo spettacolo che racconta la sua singolare storia di vita che si intreccia a quella straordinaria del tango e dei suoi protagonisti più amati. Tutto questo a cura di Miguel Ángel Zotto, star della kermesse, che mette in scena in uno show mozzafiato con un parterre di artisti eccellenti: i ballerini della sua compagnia TangoX2. Un’opera teatrale a tutto tondo che saprà coinvolgere lo spettatore fino all’ultimo secondo. Assieme all’icona Zotto, la straordinaria Daiana Guspero, sei strepitosi tangheri e un duo musicale d’eccezione. Te Siento…tango: quando l’arte del ballo più erotico si unisce all’esperienza della vita di uno dei protagonisti, ne nasce uno spettacolo passionale, autentico, vero.

PREZZI
Biglietto Standard:
Poltronissima VIP: € 35 + € 1*
Poltrona: € 30 + € 1*
Galleria: € 25 + € 1*

RIDUZIONE GIOVANI (fino a 26 anni)
POLTRONA: € 22

RIDOTTO BAMBINI (da 4 a 12 anni) 30%
POLTRONISSIMA: € 26

PIANO FAMIGLIA (2 adulti + 2 bambini)
POLTRONISSIMA: € 70

* diritti di segreteria

>>>Acquista Biglietti


Bari Dance Week, lezioni gratuite in centri dislocati in tutta la città

In il

bari dance week

Fino al 15 settembre Bari si muove a passo di Danza!
La città di Bari ospita per la prima volta la Bari Dance Week, manifestazione ideata da Simona De Tullio in collaborazione con Senzasito Graphic e Web design con il coinvolgimento di otto centri di formazione danza della città con il patrocinio dell’Assessorato allo Sport presieduto da Pietro Petruzzelli.
L’evento vede nel corso della settimana lezioni gratuite presso i seguenti centri: Ballet Center, Centro Danza Ensemble, Heron, London Ballet, Broadway Musical Theatre Academy, Glissès, Artedanza Rossana, The Studio, dislocati per tutta la città. Il giorno 14 settembre alle ore 10.30 audizione per la compagnia di danza Breathing Art Company per la prossima stagione. Gli stessi centri di formazione offriranno lezioni gratuite di danza classica e moderna, hip hop, pizzica  e pilates nel corso del prossimo week end presso il Parco 2 Giugno di Bari a partire dalle ore 16.00 di sabato 14 e Largo Giannella a partire dalle ore 11.00 e 17.30. Evento conclusivo le performances di danza in Largo Giannella domenica 15 settembre alle ore 21 all’interno del Bari Beer Fest diretto da Christian Calabrese che ha ospitato per questa prima edizione l’evento.

Per maggiori info di seguito il link dell’evento facebook: https://www.facebook.com/baridanceweek/

foto: Clarissa Lapolla


Festa del Mare 2019: concerti, dj set, teatro, cinema, danza, libri, mostre, artisti di strada e mercato del vinile

In il

festa del mare 2019 bari

Festa del Mare – Bari 2019
15 giorni di programmazione ad ingresso gratuito tra concerti, dj set, teatro, cinema, danza, libri, mostre, artisti di strada, mercato del vinile per il cartellone estivo di Bari dedicato al mare

È in programma da sabato 3 a domenica 18 agosto la seconda edizione di Festa del Mare – Bari 2019 promossa dalla Regione Puglia in collaborazione con Pugliapromozione, organizzata dal Teatro Pubblico Pugliese con la supervisione artistica del Comune di Bari.
Accanto agli appuntamenti di piazza diffusi in diversi quartieri, dal 3 al 31 agosto il Teatro Margherita ospiterà On Board, una mostra fotografica con la direzione artistica di Phest – See beyond the Sea, il festival internazionale di fotografia, arte, musica e contaminazioni dal Mediterraneo che si tiene tutti gli anni a Monopoli, che per Bari ha scelto il tema dei porti declinato secondo la sensibilità degli artisti Federico Winer, Noelle Mason, Dario Agrimi e Jasmine Pignatelli

Con oltre 445.000 arrivi turistici annuali, 600.000 crocieristi, 327.000 cittadini e 1,2 milioni di abitanti della sua città metropolitana, Bari è la prima destinazione turistica e centro nevralgico di una regione che negli ultimi anni ha dimostrato si essere molto attiva nel campo della creatività e della cultura. A suggello degli ottimi risultati raggiunti, quest’anno è anche stata inserita al quinto posto delle mete turistiche estive europee – unica destinazione italiana – dalla prestigiosa guida Lonely Planet, vera e propria Bibbia per i viaggiatori di tutto il mondo.

Per queste ragioni il Comune di Bari e la Regione Puglia hanno deciso di promuovere un cartellone estivo ad ingresso gratuito che animi l’estate 2019 coinvolgendo i talenti del territorio in una programmazione multidisciplinare in alcuni dei luoghi più suggestivi della città. Un progetto in continuità con quello realizzato nel 2018 ma che rilancia alcuni temi importanti: valorizzazione del Mare, sensibilizzazione ai temi ambientali attraverso un programma variegato di numerosi appuntamenti tra concerti, dj set, teatro, cinema, danza, libri, mostre, artisti di strada e mercato del vinile.

La programmazione prevede quindici giorni di attività e molteplici iniziative che si dipaneranno in alcuni dei luoghi simbolo di Bari: il Fortino di Sant’Antonio Abate, piazza del Ferrarese, piazza Mercantile a Bari vecchia; il rinato Teatro Margherita, piazza Eroi del Mare a Madonnella, piazza della Torre a Torre a Mare, piazza dei Mille a Santo Spirito e il nuovo Waterfront di San Girolamo.

Festa del mare intende offrire una rappresentazione della qualità del territorio attraverso la cultura, la storia, la bellezza con una programmazione in grado di intercettare diversi segmenti di pubblico, compresi i più piccoli. Quest’anno il progetto si integra ad altre manifestazioni in programma a Bari al fine di realizzare un calendario estivo unico con Festa del Mare, On Board, Bari Piano festival (24 agosto-1 settembre), Premio Nino Rota – anteprima a Torre a Mare (7 settembre), Sentieri metropolitani – mese dedicato alla cultura enogastronomica (6 settembre- 7ottobre), Ad Museum anteprima Time Zones 34esima edizione Chiostro di Santa Chiara (21-22 settembre) oltre ad un evento speciale ancora in via di definizione.

Inoltre Festa del Mare lascerà un segno tangibile sul territorio con il coinvolgimento di 5 noti writers che lavoreranno in piazza Mercantile per realizzare altrettanti murales dedicati all’ecosistema marino con dei riferimenti all’inquinamento dei mari con l’obiettivo di sensibilizzare il pubblico al tema.

Ogni sera i baresi e i numerosi turisti presenti in città avranno l’opportunità di trovare occasioni di svago e intrattenimento e apprezzare alcuni dei luoghi più significativi del ricco patrimonio artistico barese. Il Fortino di sant’Antonio dal 5 al 18 agosto ospita Bari Vinyl Connection, a cura di Summit Club coordinato da Assioma, un fitto programma di dj set e un mercatino del vinile dedicato agli appassionati e dal 5 all’11 Sailing Books – Rotte letterarie a cura di Spine, con libri, fumetti, edizioni limitate e curiosità per gli amanti della lettura sul tema del mare. Il Teatro Margherita dal 3 al 31 agosto invece ospita la mostra ON BOARD con gli artisti Federico Winer, Noelle Mason, Dario Agrimi e Jasmine Pignatelli e la direzione artistica di PhEST. Piazza della Torre a Torre a Mare il 5 agosto ospita lo spettacolo Il sol ci ha dato alla testa della Rimbamband, in cui cinque straordinari musicisti un po’ suonati incantano, creano, illudono, emozionano, demistificano, provocano e giocano. Uno spettacolo in cui il reale si fa surreale, l’impossibile diventa possibile, il possibile improbabile.
Piazza Eroi del Mare invece il 6, 7 e 8 agosto ospita un ricco programma di live e dj set: il 6 agosto live di Spaghetti Brothers e i dj set di Innocent Soul e Dj Lillo; il 7 agosto live di Nicola Conte e Carolina Bubbico e dj set di Claudio De Tullio e Andrea Fiorito infine 8 agosto tre dj set di Amaronoj, Amerigo e Urban solution. Piazza dei Mille diventa un teatro a cielo aperto con spettacoli di tre icone assolute della scena teatrale barese: 9 agosto Anonima GR in Bar Qui Si Gode, 10 agosto Nico Salatino in Pane, Amore e Pomodoro e 11 agosto Gianni Colajemma in BariLand. E ancora il Waterfront di San Girolamo ospita il 12 agosto lo spettacolo di Danza aerea Prime Visioni – I Suoni del Mare di Elisa Barrucchieri, colonne sonore famose e visioni in danza a terra, in aria, in acqua al tramonto e diventa un’arena con le proiezione, in collaborazione con Apulia Film Commission, dei fil Cult Quo Vado?, 13 agosto, e La Capagira, 14 agosto. Infine Bari Vecchia dal 16 al 18 agosto ospita un gruppo di writers impegnati nella realizzazione di murales dedicati all’ecosistema marino e B.Arts, festival degli artisti di strada a cura di Trick e Ballack.

MERCATO DEL VINILE E DJ SET

Dal 5 al 18 agosto, 19:00–02:00
Bari – Fortino Sant’Antonio
Bari Vinyl Connection II Edizione a cura di Summit Club Bari, coordinamento gruppo Assioma

5 agosto – Tuppi, Papaceccio & Meelone – “From Here To Eternity”;
6 agosto – EXP Records Store: DJ Plant Texture & Guests – “Exploration Part 2”;
7 agosto – Ivan Piepoli, Pierpaolo Guaragno & Arcangelo DJ – “Hard To Explain”;
8 agosto – Mix Market Records: Michele Lamparelli & Guests – “Disco Not Disco”;
9 agosto – Jamano, DJ Riot & DJ Puppet – “The Black Music Ship”;
10 agosto – Tomy & Valentino DJ – “Interstellare Part 2”
11 agosto – Giorgio Di Natale & Enzo Blasi – “From The Space”;
12 agosto – Misspia & Bonnie Valentine – “Swing, Soda & Rock’n’Roll”;
13 agosto – Mauro Manzo & Gianpiero Carbonara – “We Gotta Feeling Part 2”;
14 agosto – Roaming Radio: Ikävä Pii & Guests – “Nomadic Music”;
15 agosto – Summit DJs & Claudio Cellamare Live – “Ferragosto Italiano”;
16 agosto – Mars, Giuseppe Arezzo & Tania Rosito – “Terrazza Sul Mare”;
17 agosto – Midnight Resistance Hi Fi: Mengo Tee & Guests – “Bass Me Crazy”;
18 agosto – Gianluca De Tullio, Innocent Soul & Aslape – “House Family”

LIBRI

Dal 5 all’11 agosto, 19:00–00:00
Bari – Fortino Sant’Antonio
Sailing Books – Rotte letterarie a cura di Spine
Libri alla Festa del Mare: alcune tra le librerie indipendenti più attive della città di Bari presentano al pubblico un’accurata bibliografia ragionata attorno al tema del mare. Il mare che ha da sempre ispirato scrittori, poeti e illustratori. Un modo nuovo per conoscere i libri, i librai e il loro lavoro di presidio culturale al di fuori delle loro case.

5 agosto – Spine e Millelibri;
6 agosto – Libreria 101 e Bari Ignota;
7 agosto – Svoltastorie e Libreria 10;
8 agosto – Campus e Spine;
9 agosto – Svoltastorie e Spine;
10 agosto – Ziczic e Spine;
11 agosto – ZicZic e Spine

SPINE
Spine Bookstore è una libreria itinerante e interattiva dedicata all’editoria indipendente, al self-publishing e al libro illustrato per bambini e per adulti. Propone workshop e corsi sull’educazione alla lettura, sul mondo del libro, sui linguaggi dell’immagine e sulle tecniche dell’artigianato, tra analogico e digitale. Collabora con altre realtà per consulenze bibliografiche e progettare e organizzare market e book corners, incontri, eventi e laboratori su misura. Quest’anno per la Festa del Mare 2019 ha chiamato a raccolta alcune tra le migliori librerie indipendenti baresi.

BARI IGNOTA
Bari Ignota è la libreria-casa editrice specializzata nella produzione e vendita di libri dedicati alla storia di Bari. Inaugurata il 1° giugno del 2018, ha sede a Bari in via de Rossi 183. Organizza e promuove seminari, dibattiti e manifestazioni pubbliche.

CAMPUS
Nata come libreria scientifica e tecnica è diventata punto di riferimento per professionisti e studenti universitari. Nel tempo, ha arricchito il proprio catalogo con una selezione di narrativa e saggistica, rivolgendo particolare attenzione agli autori ed editori pugliesi. Non ha saputo resistere alla bellezza dei libri dedicati all’infanzia, alle suggestive illustrazioni e ai racconti sorprendenti, tanto da dedicare ai lettori più giovani una parte sempre più ampia della libreria. Una panchina e un albero di legno, piccole sedie e un tavolino, sono oggi circondati dai volumi per bambini, scelti accuratamente insieme a giocattoli di alta qualità, con uno sguardo sempre attento agli illustratori emergenti e agli editori più innovativi. Grazie agli espositori mobili, la libreria si trasforma di volta in volta per ospitare laboratori creativi, incontri culturali, letture e presentazioni per tutte le età.

LIBRERIA 101
La Libreria 101 è una libreria indipendente. Si occupa principalmente di narrativa, poesia e saggistica. Nasce il 23 settembre 2017 da una grandissima passione per l’editoria di qualità e dal piacere di ricercare continuamente pubblicazioni di valore, con una particolare attenzione a quelle di editori anche piccoli e indipendenti.

MILLELIBRI
Millelibri è una libreria specializzata in poesia, contemporanea e anche lontana nel tempo, talvolta di difficile reperibilità. Tra i suoi scaffali, vecchie librerie di famiglia, trovano spazio libri nuovi e usati. Siamo in Via dei Mille 16, in una piccola e accogliente bottega.

SVOLTASTORIE
Svoltastorie è una libreria per ragazzi e ragazze di ogni età. Ci puoi trovare storie per riconoscere svolte da non perdere.

ZICZIC
“zic-zic” è un modo di dire dialettale, vuol dire “perfetto, ma per puro caso”. ziczic è un’associazione di promozione sociale nata nel luglio 2017, a seguito della vittoria del bando regionale “PIN-Pugliesi innovativi”, con l’intento di promuovere la cultura del libro, dell’arte grafica e illustrata, con particolare attenzione al mondo della tipografia e delle metodologie di stampa artigianali, attraverso la programmazione di eventi, mostre, workshop e laboratori. ziczic è uno studio di ideazione, stampa e confezione di manufatti editoriali, un luogo aperto ad autori, appassionati e curiosi che vogliano cimentarsi nel realizzare un prodotto stampato. È una piccola casa editrice che si occupa di microeditoria autoprodotta e che ha come principale filone di ricerca e pubblicazione la narrazione di luoghi, paesaggi e storie con linguaggi inediti e supporti di fattura artigianale.

ARTI VISIVE
Dal 3 al 31 agosto, tutti i giorni, 10:00-13:00 – 16:00-21:30
Mostra – On Board a cura di Phest – ingresso libero
Federico Winer, Noelle Mason, Dario Agrimi, Jasmine Pignatelli. Direzione artistica Phest
Il porto deve la sua eccezionalità all’essere un luogo che non è più qualcosa e non già qualcos’altro, uno spazio neutro sospeso che pone in relazione, che unisce luoghi, culture, immaginari lontani. Se Federico Winer con il suo Ultradistancia, prova a riportare luogo e parola sullo stesso piano di neutralità in un momento in cui quella neutralità sembra smarrita, i lavori di Agrimi e Pignatelli raccontano i porti come miraggio, come un nuovo luogo in cui si consuma la fragilità politica contemporanea, definendo un nuovo spazio di eccezione. E le radiografie di Noelle Mason pongono il porto, la frontiera come nuovo paradigma della bio-politica e la figura del rifugiato come elemento di crisi della finzione contemporanea della sovranità moderna.
Infine, una serie di cannocchiali gialli puntati verso il mare inviterà gli avventori ad avvicinarsi per scoprire un paesaggio inatteso in cui spazio e tempo si sospendono e si annullano per un istante.

Federico Winer – Ultradistancia
L’artista argentino Federico Winer parte dalla sua fascinazione per le mappe, rivelatrici della curiosità umana verso il mondo. A partire dalle immagini satellitari di Google Earth, con Ultradistancia Federico crea dei tableaux in cui le forme geometriche, i colori, ci portano fuori dal mondo e poi di nuovo dentro, vicini. Il mouse è il suo pennello, attraverso il quale seleziona e crea un paesaggio, una Geografia Estetica, che ci affascina per la sua bellezza e immensità, e allo stesso tempo ci riporta a una dimensione umana, riconoscibile, nostra.
Federico Winer (Buenos Aires, Argentina, 1973) è un artista visivo, fotografo e professore di Filosofia Politica all’università di Buenos Aires, con una formazione in scienze politiche, filosofia, architettura e arte. È uno dei membri fondatori del gruppo sperimentale Soy Cuyano, una squadra multidisciplinare di intellettuali e scienziati che esplorano la relazione tra la filosofia, le scienze e le arti.

Dario Agrimi – Gradi di vergogna
Diverse isole dalla forma regolare, di un colore impenetrabile e specchiante per effetto dell’olio nero che ricopre le vasche metalliche. Ne emergono volti e parti anatomiche segnati dal tragico destino del loro inabissarsi. Agrimi dispone i corpi in un sacrario, dove tutto appare posato e sospeso, tra la superficie e il baratro, tra la vita e la morte.
L’opera rievoca prepotentemente le recenti vicende migratorie lungo il Mediterraneo; luogo di storia, di culture e vita ma anche di attraversamenti, disperazione e decadenza, dove sulle acque limpide dell’orizzonte si addensano le acque putride e stagnanti di una civiltà che condanna alla morte e all’oblio. La misura esatta, regolare e modulare di questi “gradi di vergogna” rimanda alla fredda serialità del conteggio di corpi e ritrovamenti in mare, rendendo la scultura una somma di feretri disposti di fronte allo sguardo impassibile dell’osservatore.
Tra i protagonisti italiani della nuova generazione dell’arte contemporanea, Dario Agrimi realizza opere di forte valenza concettuale, caratterizzate da un deciso sarcasmo e dallo spiazzamento percettivo, ricorrendo ai media più differenti, dalla pittura alla scultura, dall’installazione ambientale alla fotografia e al video.

Noelle Mason – X-Ray Vision vs. Invisibility
X-Ray Vision vs. Invisibility è un progetto sugli effetti fenomenologici delle tecnologie visive nella percezione di migranti clandestini. La serie fotografica trasforma in oggetti le immagini fatte al confine Stati Uniti/Messico per mostrare come le nuove tecnologie di visione (backscatter o retrodiffusione a raggi x, sonica, termica, digitale) replichino le modalità cartesiane della visione e pertanto rafforzino le relazioni politiche e sociali di stampo neocoloniale nei confronti del Messico.
La cianotipia è stata usata per creare immagini di camion da trasporto fatte con una macchina a raggi X a retrodiffusione, collegando questo nuovo tipo di immagine digitale ai processi storici di creazione delle immagini, sviluppati all’inizio dell’era moderna. Il processo della cianotipia, utilizzato per la riproduzione di planimetrie architettoniche, entra in risonanza con le figure “in rilievo” prodotte dalla macchina “backscatter”, attraverso immagini che rivelano una inquietante tensione tra l’aspetto meccanico dei camion e il cargo umano che trasportano.
La fisicità di queste immagini, ottenuta attraverso l’arte e le tecniche alternative di stampa, mette sul tavolo l’immediatezza con cui sono state originariamente prodotte e visualizzate, togliendole dallo schermo e dando loro una fisicità e uno spazio per essere visibili al di fuori del contesto originario di sorveglianza.
Noelle Mason è un’artista multidisciplinare il cui lavoro tratta la sottile seduzione del potere dovuta ai sistemi di controllo visuale e istituzionale. Noelle ha esposto i suoi lavori internazionalmente in vari spazi non tradizionali, oltre a gallerie e istituzioni quali il Museo Nazionale di Arte Messicana a Chicago, il museo di Orlando in Florida e il Museo di Arte di San Pietroburgo.
Nel 2004 Noelle ha fatto pratica presso la scuola di pittura e scultura di Skowhegan. Possiede una laurea in teatro e arte dall’Università Irvine, in California e ha ottenuto il suo master alla scuola dell’Istituto d’Arte di Chicago. È professore associato di arte all’università della South Florida.

Jasmine Pignatelli – Sono persone 8.8.1991
Un’opera di Jasmine Pignatelli, a cura di Stefano Straziota e Anna Gambatesa
realizzata da Misia Arte, Cellule Creative e Track Design con WeRent srl, Doronzo Infrastrutture, Elettrotecnica Italiana Smart, SEC Mediterranea srl
con il patrocinio di Arca Puglia Centrale, Comune di Bari
L’OPERA e la TRASMISSIONE MORSE per le CELEBRAZIONI dello sbarco della Vlora
SONO PERSONE 8.8.1991

SONO PERSONE è l’installazione permanente di Jasmine Pignatelli sul lungomare di Bari: un memoriale ad alta intensità poetica e civile a ricordo dei 20.000 albanesi arrivati a Bari con il mercantile Vlora nel 1991. La scultura traduce in codice morse la frase che il sindaco Enrico Dalfino (1935-1994) pronunciò alla fine di una giornata che ha segnato la storia della migrazione mondiale. L’artista rende indelebile una frase, un fatto storico, un cittadino e con lui l’intero popolo barese che ha saputo accogliere quando si doveva accogliere. In occasione dell’anniversario dello sbarco, dalla postazione radioamatoriale A.R.I. (sez.Bari) allestita al Teatro Margherita, le parole che hanno ispirato l’opera verranno affidate all’etere attraverso una trasmissione morse sonora, messaggio universale destinato a raggiungere tutto il globo. L’evento è realizzato da Misia Arte e Cellule Creative con il Patrocinio di Arca Puglia Centrale, Comune di Bari, Regione Puglia, Ordine degli Avvocati Bari, A.R.I sezione di Bari.

Jasmine Pignatelli sviluppa nei suoi lavori riflessioni intorno ai concetti di modulo, segno plastico e linguaggio morse, traducendoli in elementi/forme che determinano e interrogano lo spazio coinvolto. Nelle sue opere l’indagine sulle relazioni tra spazio, tempo, segno e movimento è sempre connessa a intenti emotivi e umanistici alla ricerca di una dimensione poetica ed emozionale della geometria che superi il dato puramente concettuale per comunicare passione civile, sentimento, umanità per una nuova lettura del nostro Essere nell’Esistente.
Jasmine Pignatelli (Toronto, Canada, 1968) vive e lavora tra Roma e Bari. Dopo gli studi artistici e la laurea in Architettura sceglie come campo privilegiato del suo agire artistico la scultura. Geometria Concettuale, Arte Analitica e Programmata sono le principali linee di ispirazione della sua ricerca. Il suo linguaggio artistico si affida ad una geometria umanistica che comunica passione civile, sentimento, umanità. Ha all’attivo mostre collettive e personali. Sue opere sono in collezioni private e pubbliche e ha realizzato sul territorio italiano diverse opere pubbliche.

PhEST – See Beyond the Sea
PhEST è un festival internazionale di fotografia, arte, musica dal Mediterraneo. Il festival si tiene tutti gli anni a Monopoli e inaugurerà la sua quarta edizione il 6 settembre. Tra gli eventi annunciati nelle giornate inaugurali, il concerto gratuito dei C’mon Tigre a Largo Castello a Monopoli.

ABOUT PhEST
Noi siamo una grande penisola gettata nel Mediterraneo e certe volte ce ne dimentichiamo.” (Franco Cassano, Il pensiero meridiano, 1996)
PhEST è fotografia, cinema, musica, arte, contaminazioni dal Mediterraneo.
PhEST nasce da una necessità, quella di provare a restituire una voce propria alle mille identità che compongono il mare in mezzo alle terre, quella di ridefinire un immaginario proprio e nuovo.
La necessità non è quella di cucire la distanza che il Mediterraneo crea tra queste identità perché questo mare semmai le identità le crea e le pone in relazione, ma di ricucire la frattura tra il reale e la sua rappresentazione fuori dal teatro delle verità, dalla scena della verità che spesso l’Occidente è in grado di imbastire.
Quando le voci autrici di quell’immaginario statico sembrano perdersi e vacillare, emerge con chiarezza la necessità di ridefinire, rivedere in forma non assoluta, ma in forma eternamente cangiante. Nel momento in cui tutto sembra dunque meritare una nuova definizione, ci sembrava giusto ripartire da qui, dall’idea destabilizzante di una continua riscrittura del presente.
L’area geografica di interesse, mai davvero restrittiva e sempre pronta a modificarsi, a estendersi, a focalizzarsi, coincide con la naturale panoramica di quello sguardo da qui, da Monopoli, dalla Puglia: il Mediterraneo, i Balcani, il Medio Oriente, l’Africa e oltre.
Questi sono gli spunti di partenza, scansando i dogmi e affidandosi poi all’infedeltà del mare.

PhEST è affidato alla direzione artistica di Giovanni Troilo, la curatela fotografica di Arianna Rinaldo, e all’organizzazione dell’associazione PhEST.

LIVE A TORRE A MARE

5 agosto
Torre a mare – piazza della Torre – 21:30
Live – Rimbamband, Il sol ci ha dato alla testa
con Renato Ciardo, Raffaello Tullo, Francesco Pagliarulo, Vittorio Bruno, Nicolò Pantaleo
Il sol ci ha dato alla testa Rimbamband è quanto di più eccentrico si possa inventare. Quando le arti si fondono in una esplosione di fantasia, lo spettacolo diventa “Il sol ci ha dato alla testa”. Cinque straordinari musicisti un po’ suonati che incantano, creano, illudono, emozionano, demistificano, provocano… giocano. Il reale si fa surreale, l’impossibile diventa possibile, il possibile improbabile. Una formazione eclettica, frizzante, folle, bizzarra, gustosa e scatenata che diverte e si diverte grazie al vivido sapore ironico delle sue interpretazioni musicali più che originali, in uno spettacolo che “usa” la musica per viaggiare anche al di là di essa. Come nella migliore espressione di un artista che interpreta se stesso, così la Rimbamband propone uno spettacolo fuori dai canoni convenzionali, oltre le righe, senza righe! Una dimensione nuova, inesplorata, dove la musica si dilata: si ascolta come fosse un concerto e si guarda come fosse un varietà. Un viaggio nel passato patinato dei classici da Buscaglione a Carosone ed Arigliano, la sorpresa di trovarli quanto mai simili a Mozart e Rossini, il piacere di scoprire i suoni della danza, l’incanto di ritrovare il proprio fanciullo perduto. La certezza che degli impeccabili suonatori riescano ad assurgere ad esilaranti “suonattori”.

LIVE E DJ SET

6 agosto
Bari – piazza Eroi del Mare – 21:00
Live – 21:00-22:30 – Spaghetti Brothers
Dj Set – 22:30-23:30 – Innocent Soul
Dj Set – 23:30-00:30 – Dj Lillo

7 agosto
Bari – piazza Eroi del Mare – 21:00
Live – 21:00-22:30 – Nicola Conte e Carolina Bubbico
Dj Set – 22:30-23:30 – Claudio De Tullio
Dj Set – 23:30-00:30 – Andrea Fiorito

8 agosto
Bari – piazza Eroi del Mare – 21:00
Dj Set – 21:00-22:30 – Amaronoj
Dj Set – 22:30-23:30 – Amerigo
Dj Set – 23:30-00:00 – Urban solution

TEATRO

9 agosto
Santo Spirito – piazza dei Mille – 21:00
Teatro – Bar qui si gode – Anonima Gr con Dante Marmone e Tiziana Schiavarelli, Gianni Vezzoso, Nicola Traversa, Antonello D’Onofrio. Regia Dante Marmone
Al “BAR QUI SI GODE” di clienti se ne vedono pochi. Il proprietario non riesce a capirne il perché, forse il motivo sarà che propina prodotti taroccati e marche sconosciute. Ma tra quei pochi avventori, capitano sempre tipi strani che non consumano mai nulla o non pagano mai, e che inoltre lo coinvolgono nelle loro storie contorte e stravaganti.
In questo Bar, con i tavolini all’aperto, si avvicendano una serie di storie curiose, ricche di colore e grande comicità, che nei caratteri e nelle manie dei personaggi, si mettono in evidenza tutti i lati grotteschi che ci portiamo addosso e nei quali il pubblico si può riconoscere… ridendo di sé.

10 agosto
Santo Spirito – piazza dei Mille – 21:00
Teatro – Pane, Amore e Pomodoro
Atto unico di Nico Salatino con Nico Salatino, Anna Maria Tisci, Aldo Fornarelli, Mnonica Angiuli e Anna Maria Damato
Colino suonatore ambulante riceve un invito da Marietta a cantare una canzone a casa sua e per questo gli offre 100 euro. Ma Marietta non dice tutta la verità. La canzone Colino la canterà davanti a Vincenzo, morto per finta. La farsa piena di spunti comici si rifà alla commedia dell’arte.

11 agosto
Santo Spirito – piazza dei Mille – 21:00
Teatro – Bariland con Gianni Colajemma
Tratta dall’opera teatrale di Vito Maurogiovanni “Chidde dì du 188″. Uno spaccato storico della città di Bari negli anni ‘30/‘40. L’attesa del popolo di Bari del passaggio del famoso transatlantico REX. Con Gianni Colajemma, Lucia Coppola e Maria Schino. Un amarcord di una Bari che non c’è più.

DANZA AEREA

12 agosto
San Girolamo – Waterfront – 19:00
Danza aerea – Prime visioni – I suoni dal mare – Ideazione e direzione Elisa Barucchieri, direzione tecnica Alessandro Catacchio, assistenti alla direzione Teri Demma e Germana Raimondo, cura dei testi Selene Favuzzi. Con ospiti speciali: Circ’Opificio di Marika Riggio e Josh Rizzuto e Vertical Studio di Giovanna Nargiso con ResExtensa Dance Company
Colonne sonore famose e visioni in danza a terra, in aria, in acqua al tramonto.
Come sfondo, il sole che tramonta, colonne sonore e parole da film che hanno narrato del mare, danza spettacolare a terra, in aria, in acqua, per uno spettacolo suggestivo e unico, perfetto per una sera di mezza estate. Un momento di musica, immagini, meraviglia, con i profumi e i sapori del mare.

CINEMA

13 agosto
San Girolamo – Waterfront – 21:00
Cinema – Quo vado? (Gennaro Nunziante 2016) – in collaborazione con Apulia Film Commission
Regia di Gennaro Nunziante. Un film con Checco Zalone, Eleonora Giovanardi, Sonia Bergamasco, Maurizio Micheli, Ludovica Modugno. Genere Commedia – Italia, 2016, durata 86 minuti.

14 agosto
San Girolamo – Waterfront – 21:00
Cinema – Lacapagira (Alessandro Piva 1999) – in collaborazione con Apulia Film Commission
Un film di Alessandro Piva. Con Dino Abbrescia, Teodoro Dante Marmone, Nicola Pignataro, Mino Barbarese, Teodosio Barresi. Drammatico, durata 75 min. – Italia 1999.

B.Arts – FESTIVAL DEGLI ARTISTI DI STRADA

Dal 16 al 18 agosto – 21:00–23:00
Bari Vecchia – B.Arts, Festival degli Artisti di Strada
Coinvolte 17 compagnie per un totale di più di 100 spettacoli.

21:30–22:45 – P1 – piazza del Ferrarese (sala Murat)
u luzze, spettacolo di magia con Luciano De Lucia
Prestigiatore, illusionista: incanterà grandi e bambini che entreranno nel magico mondo dell’artista: musica, colori e magia, apparizioni e sparizioni, ombrelli, sete colorate, bacchette magiche e grandi effetti. Il pubblico meravigliato sarà condotto per mano in un mondo fantastico dove i sogni diventano realtà!

Dalle 21:00 – P2 – via Vallisa
u pulpe, spettacolo musicale con Ugo Custodero
Hang music armoniosa e rilassante, ritmi suadenti in una cornice da fiaba

21:15–22:30 – P3 – piazza del Ferrarese (ex Mercato del Pesce)
l’alisce, stand up comedy con Mattia Triuzzi
Stand up comedy, cioè cabaret in piedi e senza quarta parete, uno spettacolo che nasce tra l’artista e il pubblico ogni volta diverso ed esilarante.

21:15–22:30 – P4 – piazza del Ferrarese (abside Chiesa della Vallisa)
le salipce, circo di strada con Circo Ramingo
Esibizione di circo di strada, i due artisti si proporranno con la rue cyr, i tessuti, il monociclo altissimo e tanto altro… tutto il circo in un unico coinvolgente cerchio.

21:15–23:00 – P5 – piazza del Ferrarese (verso piazza Mercantile)
la rasce, bike man (prima al B.Arts)
Un giocoliere supereroe capace di far muovere tutto ciò che è bike

dalle 21:00 – P6 – piazza Mercantile (ingresso)
le taratuffe, performance magica con Claudio Mottolese
Una performance magica unica che vi rimanderà a terre lontane creando un’atmosfera di illusione sbalorditiva.

21:30–23:00 – P7 – piazza Mercantile (Palazzo del Sedile)
le musce
16 agosto
Sputafuoco con Compagnia dei Birbanti
17–18 agosto
Fachirismo con Fachiro Nirmane
Gli sputafuoco e i fachiri sono artisti: il loro sangue, sudore e lacrime rendono ogni singola esibizione un capolavoro, perché un solo errore può farli finire in fiamme, ma questo non accadrà, l’unico ad infiammarsi sarà il pubblico per le splendide evoluzioni e danze delle lingue di fuoco.

21:15–22:30 – P8 – piazza Mercantile (ingresso Strada degli Orefici)
le rizze, contastorie su trampoli con Carlotta (16 agosto) e Ilaria Laterza (17–18 agosto)
Contastorie da un pulpito particolare: i trampoli, una performance unica e particolare.

21:00–22:45 – P9 – piazza Mercantile (fontana)
le cozze,
16 agosto
Giocoleria con Luca Andolfi
Uno spettacolo di altissima prestazione tecnica, spaziando dalla giocoleria al verticalismo, dall’equilibrismo al coinvolgimento del pubblico grazie alla sua indiscussa capacità istrionica
17–18 agosto
Soccer free style con Alessandro Colazzo
Il Soccer free style è l’arte del palleggio acrobatico, eseguita con un pallone da calcio. Il freestyler si cimenterà in gesti tecnici nei quali utilizza praticamente tutte le parti del corpo, tranne le mani: testa, gambe, petto, collo, schiena, e possono essere eseguiti dalla posizione eretta, da seduti o da sdraiati. Spettacolare!

21:30–23:00 – P10 – piazza Mercantile (lato Guardia di Finanza)
la pelòse
16 agosto
acrobatica aerea con Selvaggia MezzAppesa
Spettacolo di acrobatica aerea, trapezio fisso e tessuti aerei. Spettacolo poetico e divertente, con interazione del pubblico, adatto sia agli adulti che ai bambini.
17–18 agosto
Sand art con Donatello Pentassuglia
Sand art: le storie più belle, che animate sfruttando la plasticità della sabbia, raccolta sulle spiagge pugliesi, modellata dalle mani dell’artista regalano sogni ad un pubblico di ogni età e provenienza.

Dalle 21:00 – P11 – strada Palazzo di Città
l’allive, chitarra e ballerina con Roby Otel e Esmeralda
Una chitarra toccata da abili mani e sulle note latine l’emozionante esibizione di una ballerina romantica e passionale.

Dalle 21:00 – P12–13 – piazza Mercantile, piazza del Ferrarese e via Venezia (itinerante)
la capegnore e ‘mbrell de mare, trampoli del mare con Gabriel Tenrock e Houdry Tramp
I trampoli che non avete mai visto! Direttamente dal mare da ammirare e fotografare e vi faranno anche ballare.

Dalle 21:00 – P14 – piazza Mercantile, piazza del Ferrarese e via Venezia (itinerante)
le dattuè, clown fantasista con Elena nel mondo
Uno spettacolo itinerante, cioè un susseguirsi di gag e situazioni divertenti in movimento tra la folla, l’artista gironzola tra la gente interagendo con chiunque gli capiti a tiro…

STREET ART
Dal 16 al 18 agosto, 19:30
Bari – piazza Mercantile
Street Art in collaborazione con Galleria 206
Piazza Mercantile, 5 postazioni a forma ottagonale (come la sezione di un faro) per 5 writers – Awer, Seme, Milord, Sario De Nola e Nexdom – che con materiali spray dipingono opere ispirate all’ecosistema marino con dei chiari riferimenti al problema dell’inquinamento dei mari: il tema principale dell’evento. Tema al quale sensibilizzare il pubblico.

AWER
Nato a Polignano a Mare nel 1986, inizia a dipingere graffiti intorno al 2000 e nel 2005 si trasferisce a Milano dove si diploma come graphic designer e art director alla Nuova Accademia di Belle Arti e nel frattempo inizia la sua ricerca artistica personale e inizia la sua carriera professionale; attualmente lavora come artista indipendente e tatuatore e ha sede a Berlino.
Il suo lavoro è un mondo basato sulla linea in cui paesaggi e creature oniriche ipnotizzano lo spettatore in questo movimento fluido e vibrante. Ispirato dalle creazioni naturali, dal mare all’anatomia, Awer è un magma fluido in continuo movimento che avanza e si propaga caoticamente, prendendo forma nel flusso di idee che incontra e che il suo movimento genera in una sorta di danza. Uno scenario estetico ipnotico che si serve degli “stilemi” dell’Op Art, della Arte psichedelica e della computer graphic per realizzare surrealistici paracosmi visivi. L’immaginario di Awer è dominato da flussi irregolari di linee parallele che come mosse da onde di un ritmo sonoro si diffondono luminose a mo’ di scie energetiche. Nelle opere astratte come in quelle figurative, come pure nell’alternanza di questi due campi di pertinenza estetica nella medesima opera, l’impatto grafico che emerge dalle composizioni è un’armoniosa summa summarum multi-prospettica. Awer pare possedere un eco scandaglio che gli permette di scannerizzare e visualizzare, attraverso gli ultrasuoni emessi dai suoi pensieri, zone sensibili, tracce magnetiche che evidenziate dalle sue linee confluiscono in rappresentazioni olistiche delle realtà sovrasensibili. Produzioni artistiche che indagano i confini della percezione.

SEME
Uno degli esponenti in attivo della scena contemporanea del graffiti-writing. Dal 2015, è cofondatore di HelpYourSelf; progetto che, sfruttando il network del mondo dei graffiti, si occupa dell’autoproduzione di un brand e della relativa comunicazione. Nella sua pratica si è approcciato spesso anche alla pittura alla quale ha affiancato la dimensione installativa; sviluppando un’attitudine legata all’utilizzo e alla sperimentazione con materiali di risulta. Dal 2017 lavora anche come tatuatore. Si occupa dell’evoluzione fisica delle lettere.

MILORD
Dal 2002 sulla scena barese dei graffiti, nato in seno al background conterraneo, segue un’evoluzione secondo modelli newyorkesi. Il punto di partenza è la descrizione analitica della lettera, che viene scomposta, cancellando ogni stereotipizzazione di essa, quasi in una spirale che si autoavvolge di continua scomposizione, in un processo che non ha mai fine.

SARIO DE NOLA
Nelle opere di Sario, qualunque forma, qualunque linea, è con determinazione dissolta; la macchia di colore, irrisolta, può alludere a suggestioni e idee solo attraverso la gamma cromatica. È un lavoro informale, in senso radicale: dalle opere di Sario è escluso qualsiasi possibile suggerimento, riguardo all’intelligenza della forma. Sario si preoccupa di non inquinare la percezione dello spettatore con suggerimenti o titoli; gli preme, soprattutto, offrire un momentaneo strumento d’accesso a uno stato interiore. Lo spettatore coglie la suggestione inconscia, nascosta in ogni singola opera. Allo stesso tempo l’unità della serie, in cui ogni tela si pone in rapporto stretto con le altre, fa parlare l’artista di successive sequenze di un solo grande lavoro: un’opera unica, in più frammenti; capace, nella sua transitoria varietà, di mettere in scena la gamma piena dell’emotività ancestrale.

NEXDOM
Mondi immaginari in continua trasformazione che collidono e generano nuove geometrie in una miscela di colori, elementi realistici alternati a forme immaginarie, creano infinite possibilità di espressione. Il continuo divenire muta la forma e il colore.
Le bolle sono le cellule che si attraggono e si uniscono e prendono varie forme. Si segue il flusso di energia che arriva dallo spazio in un fluire continuo ed altalenante di energia spaziale. Si canalizza l’energia e la si ferma nell’attimo dopo l’esplosione. La singola cellula si aggrega, le altre si sommano per diventare la parte di un tutto che prenderà forma.

Festa del Mare – Bari 2019 è promossa dalla Regione Puglia in collaborazione con Puglia Promozione e organizzata dal Teatro Pubblico Pugliese con la supervisione artistica del Comune di Bari nell’ambito della programmazione PO FESR PUGLIA 2014 2020 AZIONE 6.8. Tutti gli appuntamenti sono ad ingresso gratuiti informazioni www.festadelmarebari.it


Balla Bella Murgia 2019 – Iª edizione

In il

balla bella murgia 2019

L’evento si svolgerà nei giorni dal 13 e 14 luglio, 20 e 21 luglio 2019 ed interesserà la zona del Centro Storico.
La manifestazione prevede la partecipazione di alcune scuole di ballo ed associazioni musicali del territorio di Santeramo in Colle, le quali avranno il compito di coinvolgere la cittadinanza nell’esprimere la propria creatività mediante il ballo, creando in tal modo un importante momento di socializzazione. Uno dei momenti più importanti delle serate sarà destinato alla valorizzazione di uno dei balli caratteristici della puglia, quale la tarantella. Inoltre, la presenza di stand enogastronomici darà l’opportunità ai fruitori di presentare e di far degustare le eccellenze del nostro territorio. La centralità della manifestazione si svolgerà in Piazza Chiancone, ove saranno istallati gli stand enogastronomici di cui innanzi, anche al fine di consentire alla popolazione di riscoprire il valore del nostro centro storico.

La manifestazione inizierà alle ore 18,00 ed avrà termine tutti i giorni alle ore 24,00.

Domenica 21 Luglio, il giorno della premiazione ci sarà una grande festa organizzata dalle associazioni promotrici del concorso, ognuna di esse sarà protagonista con varie iniziative: canti, recitazione, spettacoli, sport e tanta allegria.

Info: 3319971702


Il paese dagli occhi sorpresi: viaggio nello spazio tra le generazioni

In il

Il paese dagli occhi sorpresi

Signore e signori, bambine e bambini, benvenuti a Teatro!
Lo spettacolo sta per cominciare.

A Ruvo di Puglia, con questa formula magica da più di 25 anni abbiamo imparato a fermare il tempo. Ed ogni volta è bellissimo! Ti può capitare di vivere vite sconosciute o storie mitiche del passato, di sfidare la morte senza dover necessariamente morire, di visitare luoghi inaspettati e inaccessibili… e alla fine, con un battito di mani, l’incantesimo finisce.
Il tempo di un respiro e si torna alla realtà.
Ma la realtà, ogni volta, non è più la stessa.

Mentre sul fianco della collina rivolta al mare, sta sorgendo il Teatro Comunale di Ruvo di Puglia, questa estate il Festival IL PAESE DAGLI OCCHI SORPRESI porterà l’arte, il teatro, la danza, la musica, sulla #murgia a noi più vicina prima e per le strade, le piazze, gli edifici storici del centro poi. Guidati dalla luce della bellissima luna dell’artista britannico Luke Jerram, come comunità proveremo a dare una risposta ad una domanda che guarda al futuro: dove sono i bambini?

Katia Scarimbolo – Compagnia La Luna nel Letto

COSA SUCCEDERA’?

21 spettacoli fra teatro, musica e danza
4 laboratori
1 esposizione
per le vie del centro storico e della città, nei palazzi antichi

4 sezioni

1. PRELUDIO – con light dinner
Agriturismo Coppa 5 – 6 – 7 luglio

2. DOVESONOIBAMBINI? – un’occasione per partecipare
Piazza Menotti Garibaldi – Arco Melodia – per le vie e nelle piazze del centro storico e della città
8 – 10 – 11 – 17 – 18 luglio

3. ALCHIARODILUNA con Museum of the Moon
Pinacoteca Comunale di Arte Contemporanea
13 – 14 – 16 – 20 – 21 luglio

4. HEROES – I MITI NEL CONTEMPORANEO
per le vie e nelle piazze del centro storico e della città – Pinacoteca Comunale di Arte Contemporanea
15 – 16 – 17 – 18 – 19 luglio

INFO E BOTTEGHINO

Casetta Relazioni in Piazza Matteotti
Tabaccheria Lobosco in Piazza Bovio
www.vivaticket.it
info@teatrocomunaleruvo.it
+39 0803603114

IL PROGRAMMA

Sezione 1 – PRELUDIO – con light dinner
Agriturismo Coppa – ticket in vendita
5 – 6 – 7 luglio ore 19.30

Quelli di Grock / Teatro Leonardo-Manifatture Teatrali Milanesi
FUORI MISURA – il Leopardi come non ve l’ha mai raccontato nessuno. Con Andrea Robbiano, di Valeria Cavalli e Claudio Intropido – dai 10 anni

venerdì 5 luglio – durata 80’

Andrea ha un sogno: insegnare, ma per vivere è costretto a lavorare in un call center, finché un giorno riceve l’incarico di una supplenza. La professoressa che deve sostituire gli lascia l’arduo compito di spiegare “vita e opere di Giacomo Leopardi”. Così Andrea, anzi il Professor Roversi, dovrà misurarsi con una classe rappresentata dagli spettatori in Teatro. Nasce così una magica e coinvolgente “lezione”, un monologo divertente, appassionato e originale che prende per mano il pubblico accompagnandolo in una viaggio a ritroso tra i ricordi della scuola e dell’adolescenza; ma è anche uno spettacolo che parla dell’importanza di seguire i propri sogni, del bisogno della poesia e dell’arte nelle nostre vite.

Compagnia del Sole

IL CODICE DEL VOLO – dagli studi, i disegni, gli scritti, gli appunti di Leonardo, scritto diretto e interpretato da Flavio Albanese – dai 10 anni

sabato 6 luglio – durata 75’

“Quando avrete imparato a volare camminerete sulla terra guardando il cielo perché è lì che siete stati ed è lì che vorrete tornare.” (Leonardo da Vinci). Flavio Albanese, racconta la vita, le peripezie, i miracoli e i segreti del più grande genio dell’umanità, la sua particolarissima personalità, ma soprattutto la sua voglia di conoscere e insegnare. Perché Leonardo voleva volare? Protagonista assoluta è la curiosità, l’inquieta tensione dell’uomo verso la scoperta, l’incredibile capacità umana di arrivare oltre i limiti che la natura sembra imporci.

a seguire il Dott. Francesco Vespe dell’Agenzia Spaziale Italiana ci farà da guida alle stelle, mescolando scienza e mitologia greca

Compagnia Diaghilev

LA FAVOLA DE ZOZA – liberamente tratto da Lo Cunto de li Cunti, di Giambattista Basile, scritto e interpretato da Paolo Panaro e con Angelo De Leonardis, baritorno, Ivano Zanzarella, clavicembalo – dai 13 anni

domenica 7 luglio – durata 60’

La Favola De Zoza è un libero adattamento de Lo Cunto de li Cunti(1634), il più antico libro di favole europee. La sua lingua, un coltissimo e fantasioso napoletano, risponde all’ esigenza dell’autore di offrire un sommario di stili che vanno dal campano popolare al repertorio dei Comici dell’ Arte, fino all’ aulico Stile di Corte. Il risultato è un vero e proprio delirio barocco; ma anche un arcaico narrare intorno al fuoco, un racconto di nonna de chille appunto che sòleno dire le vecchie pe’ trattenimento de peccerielle. Per ricreare questa festosa atmosfera, lo spettacolo si avvale della collaborazione di un piccolo ensemble di musica antica(violino, spinetta e voce) che riprende brani del primo 600 spesso citati dallo stesso BASILE nei suoi racconti.

SEZIONE 2 – DOVESONOIBAMBINI?
un’occasione per partecipare

i luoghi:
Piazza Menotti Garibaldi
Arco Melodia
per le vie e nelle piazze del centro storico e della città
8 – 10 – 11 – 17 – 18 luglio

lunedì 8 e mercoledì 10 luglio ore 17
Piazza Menotti Garibaldi – ingresso libero

Incontro pubblico condotto da Maria Sasso esperta in Project Cycle Management a cura di Katia Scarimbolo

La parola ai cittadini, a chiunque voglia mettere in gioco energie e saperi o, ancora più semplicemente, le esperienze vissute e le proprie aspettative di miglioramento della qualità della vita nella propria città. Vi proponiamo quindi di sperimentare insieme un metodo, il “Project Cycle Management”, definito a livello comunitario per costruire strategie condivise che rispondano a problemi reali e sentiti. Il PCM è una guida per lavorare insieme a partire dall’analisi dello status quo, attraverso i seguenti passi:
analisi del problema, individuazione degli obiettivi, costruzione di un piano di azione.

Si arriva così a progettare un piano di azione sostenibile ed efficace. La cittadinanza attiva può cambiare la realtà.
Provare per credere!

dal 5 al 21 luglio – tutto il giorno
per le vie e nelle piazze del centro storico e della città

LATRUP…
la redazione dei bambini venuti dallo spazio, a cura di Paolo Antani Gubello e Annarita de Michele

In diretta dalla luna é l’approfondimento giornalistico a contenuto alieno che accompagnerà il festival a Ruvo di Puglia.
Incursioni, interviste, reportage, recensioni, critiche, opinioni, curiosità, backstage e stati d’animo a cura de LATRUP, una redazione di bambini venuti dallo spazio per guardarci da vicino.

mercoledì 17 e giovedì 18 luglio ore 19
Arco Melodia – con iscrizione

A PICCOLI PASSI, laboratorio di movimento creativo per bambini di 4 e 5 anni, a cura di Annarita De Michele

E’ a partire dall’esperienza, dall’agire che si costruisce il linguaggio delle parole. Nel laboratorio dei piccoli, attraverso il corpo, si scopre il mondo. E viceversa. La conoscenza che proviene dal mondo permette la conoscenza di sé . c’è sempre un’andata e un ritorno. Stabiliamo di volta in volta da dove partire: dal mondo o da sé.

mercoledì 10 ore 19.30
giovedì 11 luglio ore 11.30
per le vie e nelle piazze del centro storico – scegli tu il prezzo

BARBONAGGIO TEATRALE, a cura di Nasca Teatri di Terra di e con Ippolito Chiarello

Il Barbonaggio Teatrale è una modalità di proposta artistica che si ispira all’esperienza artistica dell’attore Ippolito Chiarello, che propone i suoi spettacoli, oltre che in teatro, anche per strada o luoghi non teatrali, su un palchetto, vendendoli a pezzi.
L’artista ha stabilito un prezzo per ogni porzione del suo spettacolo, ha fatto un listino e lo distribuisce al pubblico di passaggio. Lo spettatore sceglie il pezzo che vuole sentire, lo paga e l’artista si esibisce, cercando anche di spiegare il senso di questa esperienza. Di solito poi la sera lo spettacolo viene fatto a teatro. Spesso diventa un’esperienza autonoma di proposta.

giovedì 11 luglio ore 19.30 – durata 50’
Arco Melodia – ticket in vendita
Factory Compagnia Transadriatica – Fondazione Sipario Toscana, in collaborazione con Nasca Teatri di Terra

MATTIA E IL NONNO, di Roberto Piumini, con Ippolito Chiarello, regia Tonio De Nitto – dai 7 anni

Mattia e il nonno è un piccolo capolavoro scritto da Roberto Piumini, uno degli autori italiani più apprezzati della lettura per l’infanzia. In una lunga e inaspettata passeggiata, che ha la dimensione forse di un sogno, nonno e nipote, si preparano al distacco, a guardare il mondo, a scoprire luoghi misteriosi agli occhi di un bambino, incontri magici, piccole avventure pescate tra i ricordi e a capire che non basta desiderare per ottenere qualcosa, ma bisogna provare e soprattutto non smettere mai di cercare. In questo delicato passaggio di consegne il nonno insegna a Mattia, giocando con lui, a capire le regole che governano l’animo umano e come si può a rimanere vivi nel cuore di chi si ama.

FESTA ALLA LUNA
da P.zza Matteotti alla Pinacoteca – ingresso libero
venerdì 12 luglio ore 21

con i danzatori Compagnia Eleina D 🤸‍
i narratori Progetto HEROES
e Livio Minafra

In tempo di luna crescente, la città si trasforma.
Le piazze si riempiono, le vie si animano. Acrobati, danzatori cambiano l’architettura dello spazio; storie di miti e di eroi pervadono le mure della città vecchia. Lungo la strada che fu del castello, viandanti/spettatori compiono un vero e proprio viaggio, fatto di suoni, passi, parole, per guardare la luna da vicino. Per salvarsi. Quando la luna è crescente, tutto cresce in fretta, le paure si abbandonano e non si teme più quello che non si conosce. Si sale sulla navicella del teatro, un conto alla rovescia e via!

a seguire inaugurazione
MUSEUM OF THE MOON*
Installazione dell’artista britannico Luke Jerram

Museum of the Moon è una nuova opera dell’artista britannico Luke Jerram. Il suo diametro misura 7 metri ed esternamente è costituita dal “linguaggio figurato” dettagliato di circa 5 km della superficie lunare di qualità 120 dpi, fornito dalla NASA su scala 1:500,000. L’installazione è il frutto della fusione tra l’immaginario lunare, la luce lunare ed una composizione musicale del compositore Dan Jones, vincitore dei premi BAFTA e Ivor Novello. Nei secoli la luna è stata percepita come un dio e come un pianeta, usata come calendario e come sentinella per i naviganti. Storicamente la luna ha ispirato artisti, poeti, scrittori e musicisti in tutto il mondo. Ciascuna cultura ha il proprio rapporto storico, culturale e religioso con la luna e recentemente la luna è stata oggetto di ricerche ed esplorazioni scientifiche tuttora in corso. Per moltissime persone questa può essere un’occasione unica per osservarla nel dettaglio e in tre dimensioni. Museum of the Moon permette di contemplarne le differenze e similitudini culturali. Luke Jerram è impegnato nella raccolta delle storie e dei significati più particolari che si manifestano nelle varie presentazioni in giro per il mondo.

* sarà in Pinacoteca fino al 21 luglio

SEZIONE 3 – ALCHIARODILUNA
Pinacoteca Comunale di Arte Contemporanea
ticket in vendita
13 – 14 – 20 – 21 luglio ore 21
16 luglio ore 19.30

Cantieri Teatrali Teatro Koreja
PALADINI DI FRANCIA, di Francesco Niccolini, regia Enzo Toma, con Carlo Durante, Emanuela Pisicchio, Anna Chiara Ingrosso, Francesco Cortese – dai 7 anni

sabato 13 luglio – durata 55’

Giochi di bambini. Giochi di guerra. Marionette. Pupi. Roba vecchia e bellissima. Da spaccare in due a colpi di spada. Sotto: corpi, metallo, amore e guerra. Sopra: fili, voci tonanti e un destino tragico. Carlo Magno e i suoi paladini. Da ragazzo li odiavo quei personaggi, prototipi di conquistatori. Invece amavo con tenerezza e batticuore le loro raffigurazioni morte, quelle marionette fatte a pezzi, legate a un cielo di carta strappato. Vent’anni dopo, quando vedo uomini e/o marionette morire sui campi di battaglia, ho capito che tutti meritano compassione e i loro corpi vanno rispettati. La storia comica e tragica dei paladini di Carlo Magno – dall’arrivo a corte della bella Angelica al massacro di Roncisvalle – racconta la bellezza e la crudeltà della vita. E se da più di cinquecento anni grandi poeti e oscuri teatranti continuano a provare un piacere immenso a raccontarla, un motivo ci deve essere.

ATGTP Associazione Teatro Giovani Teatro Pirata
VOGLIO LA LUNA, ideazione e regia: Simone Guerro, drammaturgia: Lucia Palozzi, con: Fabio Spadoni, Simone Guerro, Silvia Barchiesi – dai 6 anni

domenica 14 luglio – durata 50’

Fabio è nella sua cameretta, alle prese con i suoi giochi ma soprattutto con comandi, raccomandazioni e rimproveri della mamma. Non è per niente tranquillo, gli sembra che le cose non vadano mai come lui vorrebbe e di non poter far niente per cambiarle. Finché una notte, come per magia, viene svegliato da un soffio di vento e si accorge che lì, proprio nella sua camera, è venuta a trovarlo la luna! E’ bellissima, grande, luminosa… giocano insieme e poi lei, così come è arrivata, scompare. Fabio non è mai stato così felice. Decide che vuole averla a tutti i costi e parte per una fantastica avventura.
NOTE DI REGIA:
L’idea di questo spettacolo nasce dall’incontro con Fabio, un ragazzo affetto dalla sindrome di Down. Fabio ha uno sguardo aperto al mondo come quello dei più piccoli e la capacità di credere che se si vuole davvero qualcosa sia possibile ottenerla. Per questo non poteva essere che lui l’unico interprete di questa storia.

Principio Attivo Teatro
HANA’ E MOMO’, da un’idea di Cristina Mileti, con Cristina Miletie Francesca Randazzo – dai 3 anni

giovedì 16 luglio – ore 19.30 – durata 50’

La storia di Hanà e Momò è quella di due bambine che sedute l’una di fronte all’altra all’esterno di un grande cerchio fatto di sabbia, si ritrovano a giocare escogitando fantasiose invenzioni. Momò però non ha alcuna intenzione di condividere i suoi giochi con l’invadente amica, preferisce invece dedicarsi ai suoi disegni sulla sabbia. Anche Hanà vorrebbe farlo, ma ostacolata dalla arroganza di Momò, che la costringe in una piccola porzione di spazio, risponde stuzzicandola con le sue creazioni strampalate. Una progressiva e coinvolgente sfida trabambini che mette in evidenza le differenze caratteriali delle due in un susseguirsi di quadri dove prevaricazione e dispetti daranno spazio all’evolversi di giochi, resi possibili solo grazie alla loro reciproca e incalzante immaginazione.

Livio Minafra
VIAGGIO NELLA LUNA, con Livio Minafra al pianoforte

sabato 20 luglio

Livio Minafra ha già omaggiato la Luna col disco “Sole Luna” per la Incipit, 2016. Ma la verità è che la sua musica sospesa nell’aria con le sue armonie modali ben incontrerà il mistero del famoso satellite della Terra vissuto nel corto paradossale e buffo di Melier. Il contrasto tra il sogno e il progetto di andare sulla Luna avrà come fulcro il concetto di lontananza. I suoni, le luci e il video faranno da terreno per questo viaggio.

a seguire

Kuziba Teatro
NEL CASTELLO DI BARBABLU’, regia e drammaturgia Raffaella Giancipoli, con Livio Berardi, Rossana Farinati, Annabella Tedone – dai 7 anni

sabato 20 luglio – durata 55’

“Ma anche tu hai paura quando sei al buio e ti senti solo e non sai dove andare?” G., 9 anni Dentro questa storia c’è un castello, dentro al castello c’è un uomo dalla lunga barba blu, e poi ci sono una giovane sposa, una sorella, una madre, due fratelli e un labirinto di corridoi, porte e scale tutto da scoprire. Dentro questa storia ci sono i giochi che si fanno al buio, i segreti sotto i tavoli, i divieti che i genitori impongono ai figli e c’è una piccola chiave che apre la porta di una stanza proibita. Proibita fino a quando lei, la giovane sposa di Barbablù, non decide di ascoltare il suo istinto e aprirla. E dietro questa porta troverà… Nel castello di Barbablù è un viaggio avventuroso dentro ciò che non conosciamo ancora di noi e del mondo che ci circonda, è un percorso dentro la curiosità che ci permette di sfidare le nostre paure e che ci racconta di come a volte la disobbedienza può essere un passaggio importante per diventare grandi.

Compagnia La Luna nel Letto e Compagnia Eleina D
CAPPUCCETTO ROSSO, drammaturgia, regia, scene e luci Michelangelo Campanale, coreografie Vito Cassano, con i danzatori della Compagnia EleinaD Claudia Cavalli, Erica Di Carlo, Francesco Lacatena, Marco Curci, Roberto Vitelli – dai 6 anni

domenica 21 luglio – durata 50’

Un lupo si prepara a cacciare. Qualsiasi animale del bosco, può andar bene; l’importante è placare la fame. Ma la sua preda preferita è Cappuccetto Rosso. Come in un sogno ricorrente o in una visione, cura ogni dettaglio della sua cattura: un sentiero di fiori meravigliosi è l’inganno perfetto. Questo però gli costerà la vita. Così è scritto, da sempre. In questo show che chiamiamo vita, egli non è soltanto un lupo, ma IL LUPO, che non vince… ma non muore mai. Michelangelo Campanale dirige i danzatori – acrobati della Compagnia EleinaD affrontando la più popolare tra le fiabe: Cappuccetto Rosso, che arriva da lontano e grazie alla scrematura del tempo racconta argomenti legati alla vita, in maniera semplice, ma esatta. Le relazioni tra i personaggi e la dinamica della storia si rivelano sulla scena attraverso il corpo, il linguaggio non parlato, ispirato all’immaginario dei cartoni animati di inizio ‘900; le luci, i costumi e le scene si compongono in una danza di simboli, citazioni pittoriche (Goya, Turner, Bosch, Leonardo da Vinci), che ridisegnano la fiaba con la semplicità di ciò che vive da sempre e per sempre.

SEZIONE 4 – PROGETTO #HEROES “LA TERRA DELLE MADRI”
Un progetto di Compagnia La Luna nel Letto e TRAC Residenze Teatrali, a cura di Salvatore Marci e Antonella Ruggiero
nei locali del centro storico – da Piazza Matteotti a via Vittorio Veneto
15 – 16 – 17 – 18 luglio ore 21

Esito finale del percorso di formazione I MITI NEL CONTEMPORANEO/ Progetto Heroes: 13 week end di approfondimento e studio sul mito greco attraverso le discipline dello spettacolo dal vivo ( narrazione, drammaturgia, danza, canto, composizione musicale). Il progetto è stato condotto e coordinato da Salvatore Marco e Antonella Ruggiero con gli intervento di maestri di rilevanza nazionale quali Giorgio Testa, Roberto Anglisani, Renata Molinari, Giorgio Rossi, Gabriella Schiavone, Roberto Re David.

15 – 16 – 17 – 18 luglio ore 21 – dai 12 anni – durata 55′
nei locali del centro storico – da Piazza Matteotti a via Vittorio Veneto

Elettra – LA MADRE GUERRA – Patrizia Labianca
Cassandra – LA VISIONARIA – Angela Borromeo

Atena e Aracne – LA DEA DEL CERCHIO – Marianna Di Muro 🎭 Medea – CONFESSIONI- Nina Martorana

Penelope – CONTROCORRENTE- Raffaella Giancipoli
Procne – EVOÉ – Viviana Dorsi

Philoméla – MI CHIAMO FILOMENA: UN NOME, UNA TRAGEDIA – Filomena De Leo
Ippolito e Fedra – Ippolito ON AIR – Francesco di Tondo

Paride e il pomo d’oro – DALLA PARTE DI PARIDE – Giacomo Dimase
Persefone – CAMERA OSCURA – Francesca Danese

Penelope – TI ASPETTERÒ TUTTA LA VITA (SE NON CI METTI TROPPO) – Stella Addario

Miti della creazione – NASCIMENTI – Rossana Farinati
Eco e Narciso – L’ECOrrispondenze – Claudia Forte

venerdì 19 luglio ore 21 – dai 12 anni – durata 55’
Pinacoteca Comunale di Arte Contemporanea

Teatro Crest
ULISSE. NESSUNO E’ PERFETTO, di Paolo Gubello e Salvatore Marci, regia Salvatore Marci, con Nicola Conversano, Simonetta Damato, Salvatore Marci, Giuseppe Marzio

L’indipendenza morale non è mai stata un concetto scontato per l’uomo, fino a quando sul teatro del mondo è apparso Ulisse. Prima del suo mito, gli uomini sentivano di essere continuamente in balia di forze esterne a loro stessi, forze dominanti e imbattibili. Ulisse, attraverso la ricerca e la consapevolezza della propria libertà, ci ha liberato di questa dipendenza, insegnandoci che è solo nostra la responsabilità, è solo nostra la colpa. Il nostro spettacolo parte proprio da queste domande, non certo per esaudirle, ma per renderle carne viva in un viaggio fatto di dramma e humor, come è il viaggio della vita.
Tutto questo viaggio ci ha portato a smitizzare l’eroe e farne emergere vizi e virtù umane, soprattutto vizi in verità, visto che non lo abbiamo risparmiato di momenti poco edificanti della sua vita mitica, vedi il racconto di Palamede raccontato da Ditti Cretese (presunto leggendario cronista ufficiale della guerra di Troia). Un eroe affrontato nella sua umanità, un’umanità fatta di pregevoli imprese e di atti meschini, tutte questioni che alimentano ulteriormente la sua natura di uomo libero.

Casa dello Spettatore di Roma
DIALOGHI CON GLI ANTICHI A RUVO
Il Teatro Comunale di Ruvo di Puglia e la Casa dello Spettatore di Roma hanno avviato già da alcuni anni un progetto di educazione alla visione, momento di incontro tra due realtà e due territori, Ruvo e Roma: per imparare a vedere insieme, dal vivo, attivando una serie di azioni in grado di creare il terreno adatto ad accogliere l’esperienza teatrale, stimolando l’incontro tra conoscenze e spunti di riflessione. All’interno della ricerca del teatro si è inserito il percorso di formazione I MITI NEL CONTEMPORANEO/Progetto Heroes, sviluppato in tredici week end di approfondimento e studio sul mito greco attraverso le discipline dello spettacolo dal vivo (narrazione, drammaturgia, danza, canto, composizione musicale). L’esito del percorso ha dato vita a due eventi spettacolari: La Terra delle Madri ( 15-18 luglio); Ulisse. Nessuno è perfetto (19 luglio). Ruvo dunque incontra nuovamente Roma, in questa occasione con un osservatorio guidato.

dal 15 al 20 luglio
Palazzo Caputi – Museo della Cultura – ingresso libero

L’osservatorio condurrà un percorso di visione, ragionato e condiviso, sugli spettacoli del Progetto Heroes: un’occasione di riflessione attorno a contenuti, linguaggi e modi di raccontare il mito oggi.

Programma incontri

dal 15 al 19 luglio
16.30 – 18.30
incontro con gli artisti a cura di Giorgio Testa
19 – 20.30
incontro con il pubblico a cura di Roberta Ortolano
20 luglio
9.30 – 11.30
incontro di approfondimento con il CREST e gli artisti del progetto Heroes a cura di Giorgio Testa

Il Paese dagli Occhi Sorpresi – Viaggio nello spazio fra le generazioni – è promosso dal Teatro Comunale di Ruvo di Puglia e dalla Compagnia La luna nel letto, in ATS con il Teatro Crest di Taranto, con il sostegno della Regione Puglia e del Comune di Ruvo di Puglia.


Isabella D’Aragona Duchessa di Bari – Una vita leggendaria

In il

isabella d aragona abeliano danza

Ultimo appuntamento con la rassegna AbelianoDanza 2019, lo spettacolo si sviluppa sulle musiche originali di Grazia Bonasia e narra la leggendaria vita di una delle donne più famose del Rinascimento che fu protagonista assoluta delle cruciali vicende politiche, storiche e culturali italiane a cavallo tra il 1400 e il 1500.
Duchessa di Milano, amica di Leonardo da Vinci (alcuni studiosi stranieri pensano che sia lei Monna Lisa), figlia del Re di Napoli Alfonso II d’Aragona, moglie di Gian Galeazzo Sforza e nipote del famigerato Ludovico (detto il Moro), cognata di Lucrezia Borgia, madre di Bona Sforza Regina di Polonia e infine Duchessa di Bari, segnò con le sue avventurose e spesso dolorose storie personali e con le sue scelte politiche, la vita dell’intera Italia rinascimentale e del capoluogo pugliese di cui fu oculata, retta e acuta amministratrice per venticinque anni. Certi che la sua figura storica debba essere riscoperta e raccontata specie nella città su cui governò cambiandone per sempre le linee architettoniche e la cultura. La Compagnia AltraDanza presenta con l’Associazione Culturale Il Mondo della Luna, uno spettacolo che, tra narrazione, musica e danza, ha l’obiettivo di rendere giustizia a una grande donna, spesso sconosciuta, troppo spesso dimenticata.
Lo spettacolo “Isabella d’Aragona, Duchessa di Bari – Una vita leggendaria” narra la sua vita in modo diretto, semplice e avvincente basandosi su quei pochi testi storici che delineano la sua formidabile personalità mista a uno spiccato senso etico, morale e dello stato, e le complicate trame delle corti italiane del rinascimento. Le stesse a cui autori come Shakespeare si ispirarono per i loro immortali capolavori.

Coreografie di Domenico Iannone.

Musiche composte e dirette da Grazia Bonasia.

Con Laura Gigante: Isabella D’Aragona;
Anila Roshi: violoncello;
Giada Ferrulli e Sara Mitola: danzatrici;
Roberto De Bellis: lighitng designer;
Gianni Pantaleo: direttore organizzativo;
Gennaro Guida: still photographer.

Info e prenotazioni: 3388431292


DEVOTEE prima regionale al Teatro Traetta

In il

network danza puglia 2019 teatro traetta

MP3 Project
DEVOTEE
con Gabriele Montaruli, Ivan Montis, Michele Pogliani
coreografia MICHELE POGLIANI

PRIMA REGIONALE
Protesi deriva dal greco prothesis, letteralmente “mettere avanti”, “anteporre”. Protesi sono i seni in silicone, ma anche quelli usati in chirurgia e odontoiatria; protesi sono le cosiddette cheetahs di Oscar Pistorius ma anche quelle di ORLAN, madre della Carnal Art. Il concetto di protesi è però strettamente connesso a quello di acrotomofilia, l’attrazione erotica per le vittime di amputazioni (o alla apotemnofilia, il feticismo per le amputazioni). Dunque, due polarità: la protesi come innesto e la “mancanza” come feticismo, in una conversazione altamente improbabile seppur vera e documentata. Michele Pogliani dopo il decennio trascorso a New York con molteplici collaborazioni torna in Europa: dal 2010 collabora con la Codarts di Rotterdam, dal 2015 sviluppa MP3 Project e dal 2017 è docente presso Accademia Nazionale di Danza di Roma.


MOZARTANGOSUITE di Domenico Iannone

In il

mozartangosuite

Suite: sostantivo femminile.
Composizione strumentale in più tempi, ciascuno dei quali costituito da un tipo di danza ora vivace e allegra, ora lenta e solenne in una alternanza ritmica di particolare spigliatezza; il tipo più frequente è quello costituito dalla serie di danze allemanda – corrente – sarabanda – giga.
Ha caratterizzato la danza contemporanea con una personalissima visione del movimento sempre in assoluta gestualità coreografica. La preparazione culturale con cui Domenico Iannone firma le sue coreografie, sono basi di quella danza che proposta a distanza di decenni, sarebbe letta dai critici e soprattutto dallo spettatore, come danza contemporanea proprio perchè contemporaneo è sinonimo di operazione di oggi. Il “domani” di Domenico Iannone sarà sempre “oggi”, specificando la metafora. E’ attuale. In quest’ ultimo lavoro, Iannone “torna” alla pura coreografia. Senza traccia drammaturgica, nè un testo dal quale ricavare un soggetto. Da precedenti e importanti titoli del suo repertorio, presentati con costanza negli anni per rassegne quali DAB19 organizzata dal Comune di Bari e dal Teatro Pubblico Pugliese e AbelianoDanza, manifestazione di proposte di giovani compagnie della danza contemporanea del sud, Iannone rinnova rigenerando sè stesso proponendosi come “chiave di volta” di una nuova e attuale tecnica narrativa coreografica. Osa abbracciare un arco di tempo artistico dall’immortale Mozart allo strumentista d’avanguardia Piazzolla, dimostrando abilità di transizioni tra barocco e contemporaneo abilmente riportati da una giovane e rinnovata compagnia di alta formazione classica. E’ un raro esempio di ritorno al balletto, coraggiosa operazione che applica dopo anni di sperimentazione e ricerca raggiungendo la “stasi” della danza: congela la purezza. Interseca dialoghi “cantati” con le fisicità coreografiche, ri-equilibra i volumi dei corpi nello spazio scenico percorrendo un passaggio inverso: il corpo esibito e danzato ritorna all’origine di sè stesso divenendo genesi del movimento stesso. La danza è percorsa e trasmessa, da odi all’amore a “fame” d’amore. Qui le transizioni Mozart/Piazzolla, sentimento/passione. Con ironia, con gioia, diventa piacere. Mozartangosuite è il traguardo e l’inizio di una nuova generazione, metro di misura di studi della danza che dopo anni di complesse e difficili interpretazioni di introspettivi sentimenti, ri-torna e propone la bellezza di un balletto.

Compagnia AltraDanza
Direzione Artistica: Domenico Iannone
Interpreti: Silvia Di Pierro, Mimmo Linsalata, Giada Ferrulli, Sara Alessia Giannini, Sara Mitola, Serena Pantaleo, Lucrezia Pastore.
Maître de Ballet: Milena Di Nardo
Lighting designer: Roberto De Bellis
Still photographer: Gennaro Guida
Direzione e Organizzazione: Gianni Pantaleo

Ingresso euro 10,00
Info e prenotazioni: 338 8431292


“FUORI DAL TEMPO – Racconti di danze urbane” spettacolo itinerante nel borgo antico di Conversano

In il

fuori dal tempo

***EVENTO RINVIATO A DATA IN VIA DI DEFINIZIONE A CAUSA DELLE AVVERSE CONDIZIONI METEO***

Sabato 4 maggio, alle ore 20.30, vi aspettiamo a Conversano per “FUORI DAL TEMPO – Racconti di danze urbane” della Compagnia Eleina D, un evento urbano lungo le strade del Borgo Antico di Conversano, uno spettacolo itinerante, un percorso ispirato alle storie e alle leggende del paese. 
Il Guercio di Puglia, la Badessa, il popolo, il potere, la forza femminile: storie intrecciate a sonorità capaci di muovere i corpi dei danzatori e gli acrobati-aerei della Compagnia Eleina D. Attraverso la commistione delle arti dal vivo, i performer daranno vita a evoluzioni in cui corpo, suono e parola, tra terra e aria, s’incontrano.

Lo spettacolo si svolge nel cuore della città e sarà realizzato:
– nei pressi della Torre Dodecagonale in Corso Domenico Morea
– dinanzi alla Pinacoteca Comunale in Piazza Castello
– davanti alla Cattedrale di Conversano in Via Casimiro Gennari

Ingresso Libero

Qui il programma del Maggio Conversanese


AS YOU WANT prima nazionale al Teatro Traetta

In il

network danza puglia 2019 teatro traetta

AWA As We Are production
AS YOU WANT
Artistic support Anne-Anne-Marie Hess / con il sostegno di TROIS C-L Centre de Création Chorégraphique Luxembourgeois, Luxembourg Ministry of Culture (LU)
coreografia e danza BAPTISTE HILBERT E CATARINA BARBOSA

PRIMA NAZIONALE
As you want è un lavoro concepito, creato come una piramide. In primo luogo, un fondamento potente e universale costituito da una storia comune a ogni essere vivente su questo pianeta. È la storia di due personaggi. Un uomo, una donna e i loro percorsi personali che li hanno portati a incontrarsi in cima a questa gigantesca avventura. Questo duetto è stato creato per ricordarci che veniamo tutti dallo stesso posto. Tuttavia, le nostre esperienze di vita ci modellano, rendendoci unici, rendendoci gli individui che siamo. E un giorno, potremmo incontrarci, essere attratti, innamorarci o semplicemente cadere in una fine profonda.