FRANKENSTEIN al Teatro Forma con l’Anonima G.R.

In il

frankenstein locandina anonima gr

FRANKENSTEIN
di Dante Marmone e Nicola Saponaro

Lo spettacolo è un comic-horror, tratto dall’omonimo romanzo di Mary Shelley.
 Nella riscrittura teatrale, pur seguendo le linee guida della storia originale, questa si arricchisce di nuovi elementi che contribuiscono a dare allo spettacolo una doppia lettura: l’horror, anima stessa del romanzo, e in thriller che, messi insieme, danno vita ad atmosfere intriganti e di suspence, oltre che la classica comicità insita nei lavori dell’Anonima G.R., che conduce alla paradossalità in una vicenda già paradossale di suo.

E’ la storia di Frankino, che sin da bambino giocava solo e soltanto con il Piccolo Chimico, usando gli insetti come cavie per i suoi esperimenti.
Con il passar degli anni, la passione per la biologia si trasforma in mania e poi in esaltazione, tanto da indurlo a voler realizzare ciò che all’antico e originale Professor Frankenstein non riuscì di fare, cioè la creazione dell’uomo!

Gli amici e i vicini da tempo sospettano che stia sperimentando qualcosa di terribile, tanto da soprannominarlo Professor Frankenstein.
 Dopo tanti tentativi malriusciti, finalmente riesce a realizzare il corpo del mostro, però non riesce a trovargli un buon cervello, quello di una persona sensibile, colta, intelligente. Ma ecco l’occasione giusta: un musicista di passaggio. Da questo momento, si aprono scenari inaspettati, equivoci e colpi di scena, con un ritmo sempre più incalzante.

Biglietti
Poltronissima: € 20,00
Poltrona: € 16,00

>>>Acquista Biglietti

INFO E PREVENDITE:
biglietteria@teatroforma.org – tel. 0805018161
(dal lunedì al venerdì, dalle ore 10:00 alle 18:00)


“Bar Qui si Gode” con Tiziana Schiavarelli e Dante Marmone in scena al Teatro Mercadante

In il

bar qui si gode marmone shiavarelli teatro mercadante

Una ronde di umanità è l’ultimo divertente spettacolo prodotto dall’Anonima G.R. dal titolo emblematico “Bar Qui si Gode”, con Dante Marmone e Tiziana Schiavarelli. In scena anche Mimmo Pesole e Gianni Vezzoso nei panni dei molteplici personaggi di passaggio dal Bar. Una sfilata di uomini e donne “strane”, colorite e macchiettistiche, calcano le scene di questo ultimo lavoro della famosa ed affiatata coppia barese. C’è molta umanità in loro, i personaggi stazionano in questo bar e si raccontano qualcosa di loro, del loro vissuto, dei loro problemi, dove ognuno, parlando semplicemente, cerca di scaricare lo stress e l’ansia quotidiana. C’è solo un problema in questo bar: è sempre vuoto, chissà perché!! Nonostante la bravura, le belle maniere del suo proprietario (Gianni Vezzoso) il suo bar è sempre vuoto. Forse incombe una maledizione? Forse si! Ma lui non si scoraggia perché quei pochi clienti che si fermano (ordinando solo bicchieri d’acqua) in compenso gli riempiono le giornate con il racconto delle loro storie fantastiche.

Certo le presenze sono dalle più stravaganti: si parte con un bullo che più rozzo non lo si poteva inventare, con tanto di carta igienica al seguito e capello biondo ossigenato che ne combina e ne racconta di tutti i colori, ad interpretarlo è il bravissimo Mimmo Pesole attore ormai consolidato della compagnia, sempre attento alla caratterizzazione dei personaggi da lui interpretati, passando attraverso un prete (Dante Marmone) dalla fattezze abbastanza improbabili che inscena un trasmissione dell’assurdo con tanto di consigli religiosi, fino alla presenza di un cliente che dice di essere addirittura Dio, sceso sulla terra per punire l’uomo, oramai in preda al vizio, alla corruzione e alla totale perdita di ogni moralità. Questi solo alcuni dei tanti uomini e donne che calcano le tavole del teatro dell’anonima, ognuno divertente ed anche un po’ triste sempre segnato da un vissuto. Bar Qui si gode (regia di Dante Marmone), si ride ci si diverte e si cita il passato dei ricordi della nostra tradizione barese (vedi la leggenda barese di Mezzo Culo), ma con un’interessante doppia lettura che va aldilà dell’apparenza istrionica di scena.

Teatro Mercadante
Via dei Mille, 159 – Altamura (Bari)
Tel. 080310122


“DUE IN UNA MUTANDA” al Teatro Norba con Tiziana Schiavarelli e Dante Marmone

In il

due in una mutanda teatro norba

Anonima G.R.
DUE IN UNA MUTANDA di Dante Marmone e Tiziana Schiavarelli
con Dante Marmone, Tiziana Schiavarelli, Toni Vavalle, Michele Santomassimo, Azzurra Martino.
Regia Dante Marmone
Produzione Coop. Anonima G.R.

Un uomo e una donna, una vita di coppia indissolubile ma al tempo stesso insostenibile. Uniti dalla nascita, incollati nel corpo, due gemelli siamesi ormai adulti, vivono la loro quotidianità rinfacciandosi continuamente la vicendevole mal sopportazione e imprecando contro il destino che non gli ha concesso una vita indipendente. Chiusi nel loro guscio di abitudini, fatto di appuntamenti con i programmi tv, le medicine e gli orari del pranzo e della cena, non hanno smesso mai di sognare la separazione che da piccoli non avvenne perché gli organi interni di lei li usa anche lui e viceversa. Non sanno però che il destino sta per riservargli circostanze paradossali in cui avranno a che fare con ambigui personaggi che gli promettono di renderli due persone normali, con una propria esistenza. Si troveranno così coinvolti in un vortice di disavventure tragicomiche, che li indurrà a rimpiangere il loro mondo fatto di piccole abitudini e reciproche attenzioni. Forse però, proprio in questo subbuglio, si creerà l’occasione che gli renderà più appagante la vita.

Biglietti: intero € 18,00 – ridotto anziani € 15,00 – ridotto bambini € 12,00

Infotel: 0804959547


“Io, la seconda figlia” con Tiziana Schiavarelli al Teatro AncheCinema

In il

ANONIMA G.R.
Presenta
“IO, LA SECONDA FIGLIA”
Scritto e interpretato da
Tiziana Schiavarelli
Musiche originali: Dante Marmone
Video animazioni e selezione musicale: Nole Biz
Video editing – luci/fonica: Daniele Domanico
Audio editing: Nico De Cesare
Scene e costumi: Luigi Spezzacatene
Sartoria: Atelier-Casa d’arte Bari
Regia: Nole Biz

“Io, la seconda figlia” è la riflessione sul percorso di vita di una donna un po’ particolare, letta in modo ironico e giocoso, dalla sua infanzia con l’impostazione educativa ricevuta in famiglia, alla sua adolescenza con le sue prime ribellioni, con i suoi primi amori, con le sue prime esperienze “trasgressive”, per poi arrivare ad essere moglie, madre e donna comunque diversa dai canoni.
Una donna che ha seguito il suo istinto, che legge in se stessa e che vuol far valere le proprie aspettative, una donna, consapevole architetto degli spazi della sua anima e del suo intimo, che per questo è disposta a pagare il prezzo di una vita non omologata, mettendosi anche di spigolo contro un mondo che la destina ad un ruolo da millenni costituito. Non è una competizione con il maschio dominante, che anzi sente teneramente amico, ma la voglia di far valere la propria personalità come ricchezza interiore che non si lascia chiudere nello stretto recinto storicamente destinato a lei.
Oltre alla comicità nel raccontare i vari episodi della vita e nell’interpretazione dei vari personaggi che ne fanno parte, diversi video e musiche, tracciano perfettamente i vari periodi della storia.
“Io, la seconda figlia” è tratto dall’omonimo racconto di Tiziana Schiavarelli, edito da Gelsorosso.

Parcheggio convenzionato in Corso Italia n.45
Info biglietti 328 254 9669 / 3496113475
Prevendita al botteghino del teatro e sul circuito Cinemaz.com


“Bar Qui si Gode” con Tiziana Schiavarelli e Dante Marmone in scena al Teatro Forma

In il

bar qui si gode schiavarelli marmone teatro forma

Una ronde di umanità è l’ultimo divertente spettacolo prodotto dall’Anonima G.R. dal titolo emblematico “Bar Qui si Gode”, con Dante Marmone e Tiziana Schiavarelli. In scena anche Nicola Traversa, Gianni Vezzoso e Antonello D’Onofrio nei panni dei molteplici personaggi di passaggio dal Bar. Una sfilata di uomini e donne “strane”, colorite e macchiettistiche, calcano le scene di questo ultimo lavoro della famosa ed affiatata coppia barese. C’è molta umanità in loro, i personaggi stazionano in questo bar e si raccontano qualcosa di loro, del loro vissuto, dei loro problemi, dove ognuno, parlando semplicemente, cerca di scaricare lo stress e l’ansia quotidiana. C’è solo un problema in questo bar: è sempre vuoto, chissà perché!! Nonostante la bravura, le belle maniere del suo proprietario (Gianni Vezzoso) il suo bar è sempre vuoto. Forse incombe una maledizione? Forse si! Ma lui non si scoraggia perché quei pochi clienti che si fermano (ordinando solo bicchieri d’acqua) in compenso gli riempiono le giornate con il racconto delle loro storie fantastiche.

Certo le presenze sono dalle più stravaganti: si parte con un bullo che più rozzo non lo si poteva inventare, con tanto di carta igienica al seguito e capello biondo ossigenato che ne combina e ne racconta di tutti i colori, ad interpretarlo è il bravissimo Nicola Traversa attore ormai consolidato della compagnia, sempre attento alla caratterizzazione dei personaggi da lui interpretati, passando attraverso un prete (Dante Marmone) dalla fattezze abbastanza improbabili che inscena un trasmissione dell’assurdo con tanto di consigli religiosi, fino alla presenza di un cliente che dice di essere addirittura Dio, sceso sulla terra per punire l’uomo, oramai in preda al vizio, alla corruzione e alla totale perdita di ogni moralità. Questi solo alcuni dei tanti uomini e donne che calcano le tavole del teatro dell’anonima, ognuno divertente ed anche un po’ triste sempre segnato da un vissuto. Bar Qui si gode (regia di Dante Marmone), si ride ci si diverte e si cita il passato dei ricordi della nostra tradizione barese (vedi la leggenda barese di Mezzo Culo), ma con un’interessante doppia lettura che va aldilà dell’apparenza istrionica di scena.

Biglietti:
Poltrona 15,00 euro – Poltronissima 18,00 euro
Infotel: 080 5018161
Mail: biglietteria@teatroforma.org


Teatro a Santo Spirito – Festa del Mare Bari

In il

Teatro a Santo Spirito Festa del Mare Bari

Festa del Mare è anche Teatro! Il Ferragosto dei baresi sarà in Largo Cristoforo Colombo a  Santo Spirito, dove sorgerà il palco che vedrà alternarsi nomi storici del teatro barese per tre serate in allegria e compagnia!

Ecco il programma:

Lunedì 13 agosto: Dante Marmone
Martedì 14 agosto: Gianni Colajemma in “U’ Sponzalizzie” ***CAUSA MALTEMPO LO SPETTACOLO E’ STATO RINVIATO A GIOVEDI’ 16/08***
Mercoledì 15 agosto: Nicola Pignataro e Giuliano Ciliberti in “Domenico è sempre Domenico”. ***CAUSA MALTEMPO LO SPETTACOLO E’ STATO RINVIATO A VENERDI’ 17/08***

Ingresso gratuito fino a esaurimento dei posti.


FESTA del MARE: a Bari due settimane di teatro, musica live, esposizioni vinili, dj set, spettacoli e artisti di strada

In il

festa del mare 2018 bari

Festa del Mare – Bari, dal 10 al 24 agosto.
L’iniziativa promossa dalla Regione Puglia in collaborazione con Puglia Promozione e organizzata dal Teatro Pubblico Pugliese con la supervisione artistica del Comune di Bari, che animerà la città da Santo Spirito a Torre a Mare.

A cavallo di Ferragosto l’estate a Bari sarà animata da un’offerta di spettacolo comprendente quasi quaranta appuntamenti, dislocati da nord a sud della città, che proseguirà idealmente dal 25 agosto con la programmazione del Bari Piano Festival. Da Santo Spirito a Torre a Mare, la «Festa del Mare» toccherà spiagge, località balneari e luoghi del centro storico tra i più amati e frequentati dai baresi, che ogni sera avranno l’opportunità di trovare occasioni di svago e intrattenimento pensate anche per le tante presenze turistiche.

La terrazza del Fortino di Sant’Antonio, in città vecchia, per tutta la durata della rassegna, dalle ore 19 alle 2 di notte diventerà il regno del vinile con Bari Vinyl Connection, spazio curato dal Summit Club Bari comprendente un’esposizione di dischi e dj set ogni sera affidati a specialisti della consolle, con una finestra il 12 agosto dedicata a Dj Trip, al secolo Cesare Tripodo, lo storico e compianto dj del Rainbow e del Renoir che arrivò secondo ai campionati europei di DMC dopo aver vinto quelli italiani.

Il 10 agosto (ore 21), a Pane e Pomodoro, è in programma il multisensoriale Triplo Silent-WiFi Concert, ascoltabile solo tramite speciali cuffie wi-fi, al quale daranno vita il curatore Kekko Fornarelli, Alessio Bertallot e Andrea Vizzini.

Tre giorni di concerti sono previsti a San Girolamo a cura di Walter Tarallo. In piazzetta Paisiello il 10 agosto (ore 21.30) saranno di scena le tribute band Baila (Zucchero) e Condotto 7 (Ligabue), l’11 agosto Monster of Bari (Deep Purple) e Cultster (The Cult) e il 12 agosto (ore 20.30) Rhomanife, Pebble on the Beach e No Bra Club.

Riflettori sul teatro popolare dal 13 al 15 agosto (ore 21.30), in largo Cristoforo Colombo, a Santo Spirito, rispettivamente con gli spettacoli di Dante Marmone, Gianni Colajemma e di Nicola Pignataro e Giuliano Ciliberti.

Vito Signorile è, invece, il curatore della sezione Love and the Sea, con spettacoli in replica per tre giorni, dal 16 al 18 agosto, in quattro luoghi diversi della città vecchia. Alle ore 20 Rocco Capri Chiumarulo e Terrae presenteranno «Canti e disincanti.

Tradizioni e tradimenti» al Fortino Sant’Antonio, dove alle ore 23.00 Betty Lusito e Pino Petrella proporranno «L’amore a dispetto». Due gli spettacoli in piazzetta Santa Scolastica, alle 19.30 e alle 21 «Bari 3.0» con Davide Ceddìa e alle 22.30 «Odore di Bari» con Nico Salatino. In piazzetta Maurogiovanni doppia recita, alle ore 20.30 e alle 22, per lo spettacolo di danza di Mimmo Iannone e AltraDanza, mentre alle 23.30 Maria Giaquinto e Giuseppe De Trizio presenteranno «Canti e Conti». Infine, piazza del Ferrarese ospiterà alla mezzanotte la performance di Apulia Tango.

La «Festa del Mare» prevede, ancora, dal 19 al 21 agosto, per i vicoli e le piazze di Bari Vecchia (ore 21), B.Arts-Festival degli artisti di strada con giocolieri, maghi, trampolieri, acrobati e musicisti, organizzato dall’associazione culturale Trik&Ballak.

Infine, a Torre a Mare, nella piazza della Torre, il 22 e 23 agosto sono previsti i dj set a cura di Eremo Club, mentre il 24 agosto è in programma il dj set di Marco Guacci a cura di RadioNorba. Tutti gli appuntamenti sono ad ingresso libero sino ad esaurimento posti disponibili.

Media Partner Radionorba.


“Biancaneve e i due nanetti” con l’Anonima Gr al Teatro dei Borgia

In il

biancaneve e i due nanetti corato

L’ANONIMA G.R. presenta “Biancaneve e i due nanetti”

Rielaborazione e regia di Dante Marmone

Con: Dante Marmone, Tiziana Schiavarelli e Mimmo Pesole

“Biancaneve” è un gioco di ironia sui luoghi comuni tipici delle favole. I tre attori vestono i panni di tutti i personaggi della storia, in una girandola di continue trasformazioni. Il linguaggio è un italiano sporco o di radice, misto al gergo consumistico-televisivo, che dà alla favola un’atmosfera popolare- metropolitana.

Una serata di risate a non finire per raccogliere fondi da destinare al rifacimento del tetto della nostra Chiesa Parrocchiale.

Per maggiori info: 331 7772278 – 338 8866239


“DUE IN UNA MUTANDA” con Tiziana Schiavarelli e Dante Marmone al Teatro Angioino

In il

Anonima G.R.
DUE IN UNA MUTANDA di Dante Marmone e Tiziana Schiavarelli
con Dante Marmone, Tiziana Schiavarelli, Toni Vavalle, Michele Santomassimo, Azzurra Martino.
Regia Dante Marmone
Produzione Coop. Anonima G.R.

Un uomo e una donna, una vita di coppia indissolubile ma al tempo stesso insostenibile. Uniti dalla nascita, incollati nel corpo, due gemelli siamesi ormai adulti, vivono la loro quotidianità rinfacciandosi continuamente la vicendevole mal sopportazione e imprecando contro il destino che non gli ha concesso una vita indipendente. Chiusi nel loro guscio di abitudini, fatto di appuntamenti con i programmi tv, le medicine e gli orari del pranzo e della cena, non hanno smesso mai di sognare la separazione che da piccoli non avvenne perché gli organi interni di lei li usa anche lui e viceversa. Non sanno però che il destino sta per riservargli circostanze paradossali in cui avranno a che fare con ambigui personaggi che gli promettono di renderli due persone normali, con una propria esistenza. Si troveranno così coinvolti in un vortice di disavventure tragicomiche, che li indurrà a rimpiangere il loro mondo fatto di piccole abitudini e reciproche attenzioni. Forse però, proprio in questo subbuglio, si creerà l’occasione che gli renderà più appagante la vita.

Tel. 080.4713061 – teatroangioino@email.it


“Io, la seconda figlia” di e con Tiziana Schiavarelli

In il

ANONIMA G.R.
Presenta
“IO, LA SECONDA FIGLIA”
Scritto e interpretato da
Tiziana Schiavarelli
Musiche originali: Dante Marmone
Video animazioni e selezione musicale: Nole Biz
Video editing – luci/fonica: Daniele Domanico
Audio editing: Nico De Cesare
Scene e costumi: Luigi Spezzacatene
Sartoria: Atelier-Casa d’arte Bari
Regia: Nole Biz

Io, la seconda figlia” è la riflessione sul percorso di vita di una donna un po’ particolare, letta in modo ironico e giocoso, dalla sua infanzia con l’impostazione educativa ricevuta in famiglia, alla sua adolescenza con le sue prime ribellioni, con i suoi primi amori, con le sue prime esperienze “trasgressive”, per poi arrivare ad essere moglie, madre e donna comunque diversa dai canoni.
Una donna che ha seguito il suo istinto, che legge in se stessa e che vuol far valere le proprie aspettative, una donna, consapevole architetto degli spazi della sua anima e del suo intimo, che per questo è disposta a pagare il prezzo di una vita non omologata, mettendosi anche di spigolo contro un mondo che la destina ad un ruolo da millenni costituito. Non è una competizione con il maschio dominante, che anzi sente teneramente amico, ma la voglia di far valere la propria personalità come ricchezza interiore che non si lascia chiudere nello stretto recinto storicamente destinato a lei.
Oltre alla comicità nel raccontare i vari episodi della vita e nell’interpretazione dei vari personaggi che ne fanno parte, diversi video e musiche, tracciano perfettamente i vari periodi della storia.
“Io, la seconda figlia” è tratto dall’omonimo racconto di Tiziana Schiavarelli, edito da Gelsorosso.

Info e prenotazioni 3347776111 – 0805796577