Settimana Santa Conversanese

In il

settimana santa conversanese 2018

Di seguito il programma della Settimana Santa Conversanese.

– Sabato 24 marzo
ore 18,30: Chiesa del Purgatorio. Benedizione delle Palme e S. Messa
ore 20,00: Chiesa di San Benedetto inaugurazione mostra “Volti di Passione”

– Domenica delle Palme 25 marzo
ore 11,00: Benedizione delle Palme Scalinata Villa Garibaldi. Processione solenne e S. Messa presieduta da Don Felice Di Palma presso la Basilica Cattedrale partecipa la Confraternita del SS. Sacramento.
Nella mattinata Parrocchie e Rettorie. Benedizione delle Palme

– Lunedì 26 marzo
ore 19,30: Chiesa di S. Benedetto Concerto “Passione di Cristo”

– Martedì 27 marzo
ore 20,00 Cattedrale. Liturgia Penitenziale Zonale

– Giovedì Santo 29 marzo
ore 9,30: S. Messa Crismale nella Basilica Cattedrale.
ore 19,00: Santa Messa in Coena Domini in Cattedrale.
ore 20,30: Basilica Cattedrale consegna della chiave del Tabernacolo da parte dell’Arciprete al Priore della Confraternita del SS. Sacramento.
ore 20,00: Chiesa della Passione. Esposizione delle immagini dei Misteri.
ore 20,00: Chiesa del Purgatorio. Esposizione dell’Addolorata.
ore 20,00: Accensione del Falò dell’Addolorata c/o Calvario
ore 20,00: Santuario S. Maria dell’Isola.
Tradizionale pellegrinaggio e bacio del Cristo Nero.
ore 20,00: Parrocchie e Rettorie. Esposizione Eucaristica, visita dei “Sepolcri”.
ore 21,00: Chiesetta di San Rocco. Via Crucis e celebrazione della Compièta
ore 21,00: Basilica Cattedrale. Adorazione Eucaristica
ore 23,00: Basilica Cattedrale. Adorazione Eucaristica Comunitaria

– Venerdì Santo 30 marzo
ore 4,00: Santuario S. Maria dell’Isola. Processione del Cristo Nero. Tradizionali fermate e rito del “bacio”.
ore 6,00: Chiesa di San Rocco. Arrivo e sosta della Processione del Cristo Nero.
ore 6,30: Processione del Cristo Nero per le vie della città; soste per le vie e presso il Monastero di San Cosma, l’Ospedale, la Chiesa del Purgatorio, Palazzo Vescovile.
ore 9,00: Basilica Cattedrale. Ufficio delle Letture e Lodi Mattutine. Presiede Mons. Giuseppe Favale
ore 10,00: Palazzo Vescovile. Messaggio Pasquale di Mons. Giuseppe Favale e benedizione della popolazione con la statua del Cristo Nero.
ore 10,30: Chiesa del Carmine. Processione dell’Addolorata a cura della Confraternita S. Maria del Carmine.
ore 18,00: Basilica Cattedrale. Liturgia della Passione.
ore 18,45: Chiesa del Purgatorio uscita della Processione dell’Addolorata, a cura della Confraternita del Purgatorio.
ore 19,00: Chiesa della Passione uscita della Processione dei Misteri a cura della Confraternita della Passione
ore 19,30: Basilica Cattedrale. Processione del Santo Legno che si congiungerà alle Venerate immagini dei Misteri e dell’Addolorata in Largo San Cosma.
ore 21,00: Piazza Conciliazione. Benedizione e rientro del Santo Legno.
ore 21,30: Piazza XX Settembre. Saluto di Maria SS. Addolorata e rientro della Processione dei Misteri.

– Sabato Santo 31 marzo
ore 9,30: Basilica Cattedrale. Ufficio delle Letture e Lodi Mattutine, presiede Mons. Giuseppe Favale
ore 22,30: Basilica Cattedrale. Veglia Pasquale presieduta da Mons. Giuseppe Favale Vescovo della Diocesi Conversano-Monopoli.

– Domenica 1 aprile
Pasqua di Risurrezione. SS. Messe secondo gli orari festivi.
Basilica Cattedrale SS. Messe ore 7,30 – 10,30 – 11,45 – 19,30
Chiesa del Purgatorio. S. Messa ore 10,00
Piazza Castello ore 13,00 Discesa della Quarantana

Info. 0804951228 (Proloco Conversano)


“Volti di Passione” mostra nella chiesa di San Benedetto

In il

volti di passione conversano

Nel percorso di valorizzazione della Chiesa di San Benedetto lo staff della Rettoria in collaborazione con la Pro Loco, con il patrocinio della Città Metropolitana di Bari e dell’Unpli Puglia, presenta la mostra “Volti di Passione” percorso artistico-storico allestito presso la cappella 800 della Chiesa.
La mostra sarà inaugurata sabato 24 marzo ore 20:00 da Sua Ecc. Mons. Giuseppe Favale, vescovo della Diocesi di Conversano-Monopoli, da don Felice Di Palma, rettore della Chiesa di San Benedetto e da Ninni Galasso presidente della Pro Loco, da Rosanna Virginia Guglielmo, restauratrice della Chiesa.
Renderanno suggestiva l’inaugurazione i Cantori del Venerdì Santo.
La mostra sarà visitabile tutti i giorni sino al 3 maggio.

Info. 0804951228 (Proloco Conversano)


DENTE e GUIDO CATALANO in Concerto a Conversano – “Contemporaneamente insieme” Tour

In il

DENTE & Guido Catalano in concerto
“Contemporaneamente insieme”
Casa delle Arti – Conversano (BA)

Il 20 gennaio 2018 avrà inizio il primo tour nazionale di Dente e Guido Catalano, dal titolo “Contemporaneamente insieme”.
Rime semiacustiche, metafore in quattro quarti danzano, dando vita a uno spettacolo inedito ed estremamente originale con la regia di Lodo Guenzi de Lo Stato Sociale.
Non un reading, non un concerto, non una commedia dialettale e nemmeno uno spettacolo circense, non un balletto, un workshop, uno spogliarello burlesco e neppure una dimostrazione di prodotti di bellezza o aspirapolveri: il cantautore emiliano e il poeta torinese incrociano chitarra e penna, per parlare d’amore a modo loro.
Guido Catalano è un talento letterario, scrive per Il Corriere della Sera Torino e collabora con Smemoranda. La sua scrittura è ciò che più si avvicina al mondo della musica.
Dente è un nome di punta della musica italiana, un cantautore dal linguaggio raffinato, dotato di grande originalità e di un indiscutibile talento. La sua musica è ciò che più si avvicina al mondo della poesia.

DENTE
Giuseppe Peveri detto DENTE, nasce a Fidenza (PR) nel 1976. Poco più che adolescente, intraprende la sua avventura musicale come chitarrista dei Quic, passando per la band La Spina, con cui pubblica due album alla fine del secolo scorso, per poi intraprendere la carriera solista nel 2006. DENTE ad oggi è uno dei più apprezzati cantautori italiani, un musicista che negli anni ha conquistato un pubblico sempre più numeroso e affezionato riuscendo a imporre il suo personalissimo linguaggio pop dai tratti essenziali e ricercati. Ad oggi ha pubblicato 6 album in studio, un Ep digitale e un libro. Ha collaborato con numerosissimi artisti del panorama italiano come autore, coautore o duettando con Perturbazione, Arisa, Marco Mengoni, Le Luci Della centrale Elettrica, Manuel Agnelli, Coez, Brunori s.a.s., Enrico Ruggeri e Selton per citarne solo alcuni.

GUIDO CATALANO
Guido Catalano nasce a Torino alle 8.50 del mattino del 6 febbraio del 1971.
A 17 anni decide che vuole diventare una rockstar, più tardi ripiega sulla figura di poeta professionista vivente, che ci sono più posti liberi. Produce sei libri di poesie. Le raccolte “Ti Amo Ma Posso Spiegarti” e “Piuttosto Che Morire M’Ammazzo”, edite da Miraggi Edizioni, vendono oltre 30.000 copie.
La lobby dei poeti lo accusa di essere un cabarettista, la lobby dei cabarettisti di essere un poeta: nonostante tutto Catalano rimane vittima di un passaparola irresistibile e i suoi versi iniziano a diffondersi sui social, nei bar delle periferie, nei circoli Arci, nelle librerie, sui palchi dei centri sociali, nei festival letterari e anche in quelli musicali. Conquista anche i palchi dei teatri e dei live club più importanti d’Italia registrando diversi sold out.
Nel febbraio 2016 pubblica per il prestigioso editore Rizzoli, il primo romanzo dell’ultimo dei poeti, “D’Amore Si Muore Ma Io No”, che riscuote un grande successo. Per l’occasione dichiara alla stampa: “Chiedermi di scrivere un romanzo è come chiedere a uno che ha sempre corso i 100 metri di tentare la maratona. Ma io amo le sfide e spero che, crampi a parte, questo libro possa regalarmi anche qualche soddisfazione”.
Parte per il suo fortunatissimo Grand Tour 2016, dopo più di cento date in tutta Italia isole comprese, 34.000 km e diversi sold out, si ritira a vita solitaria nella sua dimora torinese.
A novembre 2016 arriva sugli schermi del 34° Torino Film Festival con la pellicola “Sono Guido E Non Guido”, un mockumentary, firmato da Alessandro Maria Buonomo per Elianto Film e Fargo Film, che lo vede protagonista assieme al suo alter ego Armando Catalano.
Il 2017 è l’anno del nuovo libro di poesie dal titolo “Ogni Volta Che Mi Baci Muore Un Nazista”, edito da Rizzoli, e di “Ogni Volta Che Mi Baci Muore Un Nazista Live Tour” che lo vede di nuovo sui palchi più importanti d’Italia, fra moltissimi baci e altrettanti sold out.

TOUR 2018
(calendario in continuo aggiornamento)

20/01 Saluzzo (CN) – Teatro Magda Olivero
25/01 Catanzaro Lido (CZ) – Officine Sonore Lido
26/01 Palermo – Candelai
27/01 Catania – MA
28/01 Comiso (RG) – Teatro Naselli
02/02 Savignano sul Rubicone (FC) – Teatro Moderno
03/02 Abano Terme (PD) – Laboratorio Culturale I’M
10/02 Genova – La Claque
15/02 Perugia – Auditorium Capitini
22/02 Bologna – Teatro Duse
23/02 Siena – Teatro dei Rinnovati
01/03 Torino – Hiroshima Mon Amour
02/03 Torino – Hiroshima Mon Amour
03/03 Milano – Base
04/03 Milano – Base
10/03 Conversano (BA) – Casa delle Arti >>>Acquista Biglietti
14/03 Trento – Teatro Sanbapolis
16/03 Ascoli Piceno – Teatro dei Filarmonici
17/03 Firenze – Teatro Puccini
18/03 S. Maria a Vico – Smav
20/03 Roma – Auditorium della Musica


Festa delle donne: l’8 marzo screening gratuito per l’osteoporosi a Bari e Conversano

In il

Festa-della-Donna-La-Giornata-della-prevenzione-femminile-Osteoporosi-2018

In occasione della Festa della Donna, per il 7° anno consecutivo, i tre ospedali baresi di GVM Care & Research – Anthea Hospital, Ospedale Santa Maria e Villa Lucia Hospital a Conversano – offrono la possibilità di effettuare uno screening gratuito per l’osteoporosi.

Giovedì 8 marzo, dalle 10:00 alle 18:00 sarà possibile sottoporsi a un esame non invasivo e di rapida esecuzione: l’ultrasonometria ossea quantitativa effettuata a livello del calcagno, esame che aiuta a valutare il rischio di fratture.

Questo screening di primo livello permette di valutare la salute ossea tramite una tecnica diagnostica altamente efficace per studiare l’invecchiamento dell’apparato scheletrico. L’apparecchiatura impiegata utilizza gli ultrasuoni e ne misura la velocità e la capacità di penetrazione attraverso l’osso. Combinando questi due dati si ottiene quello che viene chiamato T-score, un valore utile per definire il rischio di fratture osteoporotiche.

Un importante appuntamento dedicato alla prevenzione e alla diagnosi dell’osteoporosi, patologia che provoca fragilità ossea e aumenta il rischio di fratture anche per traumi lievi e colpisce maggiormente proprio il genere femminile: in Europa colpisce il 30% delle donne in menopausa.

L’osteoporosi è una patologia dello scheletro caratterizzata da una riduzione della massa ossea e dalla compromissione della micro architettura del tessuto. Il decorso è spesso senza sintomi e la diagnosi viene fatta solo quando si verifica una frattura da fragilità, cioè per un trauma che sarebbe insufficiente a procurare la frattura in un soggetto sano. Le fratture osteoporotiche si verificano con maggior frequenza in alcuni segmenti dello scheletro: vertebre, femore e radio.

La patologia può essere legata a più fattori, tra cui quelli genetici, età, sesso, etnia, ipogonadismo primario e secondario nel maschio, stile di vita e propensione alle cadute. Nello stile di vita, il ruolo fondamentale di una corretta alimentazione, sia per lo sviluppo dello scheletro sia per il mantenimento e la riduzione della perdita di massa ossea dopo la menopausa, inizia fin dall’infanzia: occorre assumere ogni giorno la giusta quantità di Calcio e vitamina D insieme ad una dieta bilanciata che contenga tutti i nutrienti essenziali. A ciò va accompagnata la regolare attività fisica. No al fumo, al consumo eccessivo di alcool, all’abuso di caffeina.

Oltre all’ultrasonometria ossea per la diagnosi dell’osteoporosi può essere necessario eseguire la MOC (Mineralometria Ossea Computerizzata o Densitometria ossea) che misura il contenuto minerale osseo sulla scorta di parametri accreditati a livello internazionale. Anche in questo caso si tratta di un’indagine strumentale semplice e indolore che non richiede alcuna preparazione specifica.

L’iniziativa dell’8 marzo, in particolare, rientra nelle spirito etico di Anthea Hospital, Ospedale Santa Maria e Villa Lucia Hospital che ritengono fondamentale fornire il proprio contributo nell’ambito della prevenzione, punto cruciale per la correzione dei fattori di rischio modificabili con un corretto stile di vita.

Per informazioni sulle modalità dello screening gratuito questi sono i numeri da contattare:
Anthea Hospital +39 080 5644111 – Ospedale Santa Maria +39 080 5040111 – Villa Lucia Hospital +39 080 4080111


DON CHISCIOTTE con Nando Paone e Peppe Barra al Teatro Norba

In il

Comune di Conversano – Assessorato alla Cultura
Teatro Pubblico Pugliese
Stagione di prosa 2017/18
TEATRO NORBA – CASA DELLE ARTI
Conversano

Conversano già pronta ad ospitare la nuova stagione teatrale voluta dal Comune che ancora una volta decide di investire in cultura e spettacolo dal vivo in favore della cittadinanza. Un cartellone preparato d’intesa con l’Ufficio Programmazione del Teatro Pubblico Pugliese, guidato da Giulia Delli Santi.

Monica Guerritore, Francesca Reggiani, Sebastiano Somma, Massimo Ghini, Vittorio Sgarbi, Peppe Barra, Nando Paone alcuni dei nomi proposti insieme ad una folta rosa di attori di compagnie pugliesi, Ilaria Cangialosi con Animalenta ed in scena Sara Bevilacqua, Arianna Gambaccini, Angela Iurilli, foto di scena e video della conversanese Ambra Abbaticola e poi Gian Piero Borgia che dirige Donatella Finocchiaro e Fabio Troiano in una Produzione BAM teatro-Teatro Eliseo/Mittelfest 2017 in collaborazione con la Corte Ospitale e Teatro dei Borgia, un testo inedito-novità italiana sulla migrazione che ha debuttato al Mittelfest a Cividale del Friuli il 21 luglio scorso. Anche quest’anno un grande spazio sarà dedicato ai più piccoli, con una rassegna ospitata alla Casa delle Arti con produzioni selezionate tra le migliori dall’Ufficio Teatro Ragazzi del Tpp.

– Il 1 marzo spazio alle follie del Don Chisciotte, pietra miliare del romanzo moderno, il capolavoro della letteratura mondiale di Miguel de Cervantes, nella riscrittura di Maurizio De Giovanni, già autore di numerosi racconti e romanzi e padre del commissario Lojacono de “I bastardi di Pizzofalcone”. Va in scena, con gli esplosivi ed eclettici Nando Paone e Peppe Barra nei panni del bizzarro hidalgo spagnolo e del suo fido scudiero Sancho. Un viaggio inconsueto, ironico e profondo, alla ricerca di una identità posseduta e ogni volta riscoperta nell’immaginario del romantico e nobile principio del bene contro il male, combattuto ad ogni costo, a colpi di duro sarcasmo e disarmante coraggio.
Nel caotico, dolorante, esilarante e fecondo scenario di un secondo dopoguerra, immaginato dalla penna di De Giovanni, i personaggi muovono i loro passi, riflettono sulle proprie realtà, si configurano come presenze salvifiche di un incontrastato mondo marcio, in un gioco di immaginazione e roboante creatività. Con la regia di Alessandro Maggi, di forte visione evocativa e ricca di suggestioni, lo spettacolo si propone come una sottile inchiesta che conduce acutamente ad una riflessione su sé stessi e sul mondo tout court, attraversato, ieri come domani, da perenni e universali controversie che, in ogni epoca, si fanno specchio della società contemporanea.

– Il 16 marzo la narrazione di una storia dolorosa del regime trujillista, durato più di trent’anni, con l’uccisione di circa 30.000 haitiani in nome di un “sbiancamento razziale” a causa di una politica xenofoba, 50.000 vittime in tutto. “Farfalle” , scritto e diretto da Ilaria Cangialosi. Lo spettacolo narra la storia delle sorelle Mirabal, cresciute in una famiglia benestante, tra libri, musica, principi di tolleranza e amore, e che svilupparono nei confronti del regime un senso di rivendicazione e giustizia. Lottarono durante tutta la vita contro il regime, nascondendo gli haitiani prima e diventando attiviste poi, senza cedere mai alla paura. Le sorelle Mirabal furono perseguitate, arrestate e infine assassinate il 25 novembre del 1960, la loro morte indignò così tanto il paese che
distanza di pochi mesi Trujillo fu assassinato e con lui cadde il regime.

La stagione conterrà anche uno spettacolo in fuori abbonamento previsto a febbraio. La strada (tratto dal film “La strada” di Fellini), prodotto da Onstage, con la regia di Vito Di Leo, coregia: Gipeto, musiche: Germano Mazzocchetti . Testi delle canzoni: Nicola Fano e Massimo Venturiello Coreografie: Sabrina Sisto

Due le sezioni per la rassegna “La Scena dei Ragazzi”. La prima è quella dedicata alle scuole, a partire dall’infanzia sino alle superiori e si terrà al Teatro Norba, in matinée. In questi giorni sono in corso gli incontri con gli istituti scolastici per definire il cartellone. La seconda sezione è dedicata a un pubblico di famiglie e si svolgerà di domenica pomeriggio alla Casa delle Arti. Cinque gli spettacoli previsti accomunati da un file rouge tutto nuovo per Conversano: la musica, protagonista indiscussa di ciascuno degli spettacoli in programma. Tra le compagnie coinvolte ci saranno I Radiodervish, con una produzione (Le mille e una notte) dedicata ai bambini ma che strizza l’occhio anche a un pubblico più adulto; e poi La Luna nel Letto con un intenso Cinema Paradiso; Bottega degli Apocrifi con una rivisitazione moderna dello Schiaccianoci, gli Armamaxa con una Regina delle Nevi in chiave rock e Principio Attivo Teatro col divertentissimo Mannaggia a’ Mort. Le date sono in via di definizione, ma l’inizio della rassegna è previsto per gennaio.
Info. 080 4959547


“IL COTTO E IL CRUDO” – Toti e Tata tre spettacoli a Conversano

In il

il cotto e il crudo conversano cinema teatro norba

Li abbiamo visti e rivisti in decine e decine di puntate delle loro sit-com televisive, in cui hanno a turno deriso, esaltato, esasperato pregi e difetti della vita e della società pugliese, creando infiniti “tormentoni” rimasti scolpiti nella memoria e nel linguaggio comune degli spettatori di tutte le età.

Sono Emilio Solfrizzi e Antonio Stornaiolo – ovvero il celebre duo comico barese Toti e Tata nato nel 1985 – che sabato 24 febbraio, venerdì 9 marzo (entrambi sold out) e sabato 17 marzo (replica straordinaria) saliranno sul palco del Teatro Norba di Conversano per lo spettacolo “Il cotto e il crudo”.

In un continuo scambio di battute, i due attori affronteranno argomenti di attualità come la crisi economica, la situazione politica e l’energia pulita, alternati a ricordi d’infanzia, poesie ed esercizi di linguistica.

Ingresso euro 22

Info e prenotazioni: 0804959547 – 3283130071


“CARNE SONICA” rassegna itinerante di azioni sonore e performative: Il programma completo

In il

carne sonica rassegna itinerante di azioni sonore e performative

“Carne Sonica” nasce dalla collaborazione dei due musicisti pugliesi Marialuisa Capurso e Walter Forestiere, dall’esigenza di portare avanti un movimento musicale performativo poco convenzionale, che purtroppo molto spesso resta all’oscuro per la poca voglia degli spazi culturali di sperimentare, di mettersi in gioco e di proporre qualcosa a cui il pubblico non è abituato.

“Carne Sonica” è una rassegna itinerante di azioni sonore e performative, l’avvenimento di azioni poetiche nello spazio, di incontri con la bellezza, con la fragilità, con la pienezza della carne e della volontà sonora, con la coscienza. E’ sentire, conoscere, incontrare, urlare, accettare, inglobare, amare, contemplare, trascendere, tracciare. Il corpo, l’altro, la grazia, la liminalità, lo spazio intimo e quello condiviso, l’interferenza, il flusso di coscienza, il suono impertinente.

I musicisti performer coinvolti: Vittorino Curci, Francesco Massaro, Gianni Console, Pablo Montagne, Adolfo LA Volpe, Marialuisa Capurso, Walter Forestiere, Pier Alfeo, Vittorio Gallo, Giacomo Mongelli, Maristella Tanzi, Iula Marzulli, Chiara Liuzzi, Mariasole De Pascali, Antonio Raia, Renato Fiorito, Maria Teresa DE Palma, Gianni Lenoci, Michele Ciccimarra, Giancarlo Pirro, Giovanni Chirico, Giovanni Cristino, Corrado Chiatti, Collettivo Subardente, Marco Colonna.

Gli spazi che ospiteranno le performance sono:

Lik e Lak — Putignano
Foothold, Like a little disaster — Polignano
Scatola Sonora — Noci
Prinz Zaum — Bari
Officina dell’Arte – BKK — Mola di Bari
1984 Circolo Arci— Casamassima
Hub Lab – Andria — Andria
Libreria Le Storie Nuove — Conversano
Palazzo Marchesale, Officine Stand By — Santeramo in Colle
Spazio13 — Bari

IL PROGRAMMA COMPLETO:

24 FEBBRAIO — Presentazione Rassegna
+
“Collettivo Subardente”
h 20,30 presso Spazio13 [Bari]

2 MARZO — “Noci Saxophone Pool”
[V. Curci, F. Massaro, G. Console]
h 20,30 presso Lik e Lak [Putignano]

3 MARZO — “A Little Less”
[P. Montagne, A. La Volpe]
h 21 presso Foothold, Like a little disaster [Polignano]

16 MARZO — “Sempre Mutevoli”
[V. Curci, M. Capurso, W. Forestiere]
h 19,30 presso Prinz Zaum [Bari]

17 MARZO — “Discordanze”
[P. Alfeo]
h 21 presso Officina dell’Arte – BKK [Mola di Bari]

18 MARZO — “The Doktors: Uomini e Avanguardie”
[G. Mongelli, V. Gallo]
h 18,30 presso 1984 Circolo Arci [Casamassima]

30 MARZO — “Playlist Dance Solo”
[M. Tanzi]
h 20,30 presso Hub Lab – Andria [Andria]

31 MARZO — “Inverno_o delle Primavere” [I. Marzulli]
“Voices” [C. Liuzzi, M. De Pascali, P. Alfeo]
h 21 presso Foothold, Like a Little Disaster [Polignano]

13 APRILE — “Asylum” [A. Raia]
“Sacro Sangue” [R. Fiorito]
h 19,30 presso Prinz Zaum [Bari]

14 APRILE — “La Forêt”
[A. La Volpe, M. De Palma]
h 20,30 presso Libreria Le Storie Nuove [Conversano]

15 APRILE — “Francesco Massaro & Bestiario”
[F. Massaro, G. Lenoci, M. De Pascali, M. Ciccimarra]
h 18,30 presso Scatola Sonora [Noci]

27 APRILE — “Universum”
[G. Chirico, G. Pirro, W. Forestiere]
h 21 presso 1984 Circolo Arci [Casamassima]

28 APRILE — “Ritornello”
[C. Chiatti, G. Cristino]
h 21 presso Hub Lab – Andria [Andria]

29 APRILE — “Collettivo Subardente”
h 18,30 presso Palazzo Marchesale, Officine Stand By [Santeramo]

4 MAGGIO — “Foraminifera”
[M. Colonna]
h 19,30 presso Prinz Zaum [Bari]

5 MAGGIO — “Canto Plastico”
[C. Liuzzi, M. Capurso, A. Cruciani, W. Forestiere]
h 19,30 presso Lik e Lak [Putignano]

6 MAGGIO — “Like a Wave, echoing”
[C. Chiatti, M. Capurso]
+
Festa di Chiusura
h 20, 30 presso Spazio13 [Bari]


Carnevale Conversanese – Flashmob

In il

carnevale conversanese 2018 conversano bari

Flashmob Carnevale Conversanese!
Una lunga passeggiata per le vie della nostra Città mascherati! La partecipazione è aperta a tutti!!

Appuntamento 8-11-13 febbraio 2018 con raduna e partenza da Largo della Corte – Conversano (Bari)


VITTORIO SGARBI in “Michelangelo” al Teatro Norba

In il

Comune di Conversano – Assessorato alla Cultura
Teatro Pubblico Pugliese
Stagione di prosa 2017/18
TEATRO NORBA – CASA DELLE ARTI
Conversano

Conversano già pronta ad ospitare la nuova stagione teatrale voluta dal Comune che ancora una volta decide di investire in cultura e spettacolo dal vivo in favore della cittadinanza. Un cartellone preparato d’intesa con l’Ufficio Programmazione del Teatro Pubblico Pugliese, guidato da Giulia Delli Santi.

Monica Guerritore, Francesca Reggiani, Sebastiano Somma, Massimo Ghini, Vittorio Sgarbi, Peppe Barra, Nando Paone alcuni dei nomi proposti insieme ad una folta rosa di attori di compagnie pugliesi, Ilaria Cangialosi con Animalenta ed in scena Sara Bevilacqua, Arianna Gambaccini, Angela Iurilli, foto di scena e video della conversanese Ambra Abbaticola e poi Gian Piero Borgia che dirige Donatella Finocchiaro e Fabio Troiano in una Produzione BAM teatro-Teatro Eliseo/Mittelfest 2017 in collaborazione con la Corte Ospitale e Teatro dei Borgia, un testo inedito-novità italiana sulla migrazione che ha debuttato al Mittelfest a Cividale del Friuli il 21 luglio scorso. Anche quest’anno un grande spazio sarà dedicato ai più piccoli, con una rassegna ospitata alla Casa delle Arti con produzioni selezionate tra le migliori dall’Ufficio Teatro Ragazzi del Tpp.

– Il 6 febbraio, l’arte spiegata da Vittorio Sgarbi. Dopo lo straordinario successo di “Caravaggio”, parte una nuova esplorazione sull’universo “Michelangelo”. La stupefacente arte di Michelangelo Buonarroti si farà palpabile alle molteplicità sensoriali, attraversate dal racconto del prof. Sgarbi, contrappuntate in musica da Valentino Corvino (compositore, in scena interprete) e assieme alle immagini rese vive dal visual artist Tommaso Arosio. Verrà così ricomposto un periodo emblematico, imprescindibile ed unico nell’arte, e assieme all’ambizione di scoprire un Michelangelo inedito, non resterà che farci sorprendere.

– Il 1 marzo spazio alle follie del Don Chisciotte, pietra miliare del romanzo moderno, il capolavoro della letteratura mondiale di Miguel de Cervantes, nella riscrittura di Maurizio De Giovanni, già autore di numerosi racconti e romanzi e padre del commissario Lojacono de “I bastardi di Pizzofalcone”. Va in scena, con gli esplosivi ed eclettici Nando Paone e Peppe Barra nei panni del bizzarro hidalgo spagnolo e del suo fido scudiero Sancho. Un viaggio inconsueto, ironico e profondo, alla ricerca di una identità posseduta e ogni volta riscoperta nell’immaginario del romantico e nobile principio del bene contro il male, combattuto ad ogni costo, a colpi di duro sarcasmo e disarmante coraggio.
Nel caotico, dolorante, esilarante e fecondo scenario di un secondo dopoguerra, immaginato dalla penna di De Giovanni, i personaggi muovono i loro passi, riflettono sulle proprie realtà, si configurano come presenze salvifiche di un incontrastato mondo marcio, in un gioco di immaginazione e roboante creatività. Con la regia di Alessandro Maggi, di forte visione evocativa e ricca di suggestioni, lo spettacolo si propone come una sottile inchiesta che conduce acutamente ad una riflessione su sé stessi e sul mondo tout court, attraversato, ieri come domani, da perenni e universali controversie che, in ogni epoca, si fanno specchio della società contemporanea.

– Il 16 marzo la narrazione di una storia dolorosa del regime trujillista, durato più di trent’anni, con l’uccisione di circa 30.000 haitiani in nome di un “sbiancamento razziale” a causa di una politica xenofoba, 50.000 vittime in tutto. “Farfalle” , scritto e diretto da Ilaria Cangialosi. Lo spettacolo narra la storia delle sorelle Mirabal, cresciute in una famiglia benestante, tra libri, musica, principi di tolleranza e amore, e che svilupparono nei confronti del regime un senso di rivendicazione e giustizia. Lottarono durante tutta la vita contro il regime, nascondendo gli haitiani prima e diventando attiviste poi, senza cedere mai alla paura. Le sorelle Mirabal furono perseguitate, arrestate e infine assassinate il 25 novembre del 1960, la loro morte indignò così tanto il paese che
distanza di pochi mesi Trujillo fu assassinato e con lui cadde il regime.

La stagione conterrà anche uno spettacolo in fuori abbonamento previsto a febbraio. La strada (tratto dal film “La strada” di Fellini), prodotto da Onstage, con la regia di Vito Di Leo, coregia: Gipeto, musiche: Germano Mazzocchetti . Testi delle canzoni: Nicola Fano e Massimo Venturiello Coreografie: Sabrina Sisto

Due le sezioni per la rassegna “La Scena dei Ragazzi”. La prima è quella dedicata alle scuole, a partire dall’infanzia sino alle superiori e si terrà al Teatro Norba, in matinée. In questi giorni sono in corso gli incontri con gli istituti scolastici per definire il cartellone. La seconda sezione è dedicata a un pubblico di famiglie e si svolgerà di domenica pomeriggio alla Casa delle Arti. Cinque gli spettacoli previsti accomunati da un file rouge tutto nuovo per Conversano: la musica, protagonista indiscussa di ciascuno degli spettacoli in programma. Tra le compagnie coinvolte ci saranno I Radiodervish, con una produzione (Le mille e una notte) dedicata ai bambini ma che strizza l’occhio anche a un pubblico più adulto; e poi La Luna nel Letto con un intenso Cinema Paradiso; Bottega degli Apocrifi con una rivisitazione moderna dello Schiaccianoci, gli Armamaxa con una Regina delle Nevi in chiave rock e Principio Attivo Teatro col divertentissimo Mannaggia a’ Mort. Le date sono in via di definizione, ma l’inizio della rassegna è previsto per gennaio.

Info. 080 4959547


CALIBRO 35 in concerto alla Casa delle Arti – “Decade” Tour

In il

La storica formazione “Cinematic Funk” nata nel 2007 a Milano e riconosciuta in tutto il mondo per il suo sound inconfondibile, torna alla Casa delle Arti il prossimo 03 Febbraio per presentare il nuovo disco “Decade”.
Unica tappa in Puglia.

Sabato 03 Febbraio 2018
Calibro 35 presentano ‘Decade’
c/o Casa delle Arti
Via Donato Iaia, 14
Conversano (Bari)

Ingresso: € 15,00 + d.p.
>>>Acquista Biglietti

A 10 anni dal loro esordio Calibro 35 pubblicano il loro sesto album in studio. “Decade”, che uscirà il 9 febbraio per la label milanese Record Kicks, più che una celebrazione è una time capsule, in cui la band ha inserito tutti gli elementi di cui si è composta la sua storia fnora, per volgere lo sguardo in avanti. Una delle poche band indipendenti italiane ad aver costruito un percorso progressivo e duraturo in ambito internazionale, i Calibro – guidati dal vincitore di un Grammy Tommaso Colliva – hanno mosso passi in molti campi e declinato il proprio stile, ormai riconoscibilissimo, su diverse forme di espressione musicale: non solo dischi e moltissimi live, ma anche colonne sonore, produzioni tv, sonorizzazioni, library music, libri e spettacoli teatrali.
Per la prima volta su questo disco Calibro 35 allargano anche alla fase di registrazione di un intero album la propria formazione ad una piccola orchestra composta da archi, fati e percussioni: al fanco della classica band a quattro di Cavina, Gabrielli, Martellotta e Rondanini troviamo infatti gli Esecutori di
Metallo su Carta, ensemble fondato dallo stesso Enrico Gabrielli con Sebastiano De Gennaro. Insieme a questo importante elemento di novità, troviamo – oltre alla strumentazione vintage a cui Calibro ci hanno progressivamente abituato come clavinet, farfsa, synth analogici, eko e chitarre fuzz – una serie di elementi nuovi come Dan Bau, Balafon e Waterphone. Ne viene fuori una creatura strana e atemporale simile alle avanguardie architettoniche degli anni ’70 come SuperStudio e ArchiZoom, non a caso omaggiati nei titoli e nella copertina del disco. Movimenti che esploravano modi diversi di osservare la realtà per creare soluzioni alternative a problemi comuni, riuscendo ad esprimersi in un linguaggio unico e personale ma comunque comprensibile e POP.
Dal punto di vista delle infuenze musicali ritroviamo il crime-funk alla Calibro 35 perfezionato, esploso, espanso (“SuperStudio”), individuiamo le fgure dei grandi compositori come Morricone (nella finale struggente “Travelers”), Bacalov e David Axelrod, affancati alle infuenze afrobeat e cosmic jazz: “Psycheground” suona come Tony Allen impegnato a scrivere la colonna sonora di una produzione vintage hollywoodiana, mentre Sun Ra si nasconde tra le pieghe ipnotiche di “Modo”. Anche grazie alla compagine allargata che ha costretto la band a confrontarsi con nuovi metodi compositivi, con “Decade” Calibro 35 si giocano defnitivamente e ad armi pari la partita tra le grandi realtà mondiali di musica strumentale, band aperte a infuenze musicali di ogni latitudine, impegnate in una sperimentazione godibile, espressiva e appassionata. I riferimenti spaziano da quelli di collettivi più affni per identità come Jaga Jazzist e Budos Band (“Pragma”) ad artisti della nuova scena di jazz e hip hop alternativo come Makaya McCraven, Yussef Kamaal e Oddisee (“Modulor”).
Dopo essere stati campionati da Jay-Z e Dr. Dre, aver condiviso il palco con artisti come Muse, Sharon Jones, Sun Rae Arkestra e Thundercat, aver dato nuova vita a un importante flone di genere della tradizione musicale italiana e esplorato lo spazio, i cinque Calibro si aprono defnitivamente ad una contemporaneità che non ha barriere geografche, grazie ad un istinto artistico che permette loro di muoversi fuidamente in una metropoli postmoderna, una città globale e multietnica fatta di infniti grattacieli, che potrebbe essere in qualsiasi parte del mondo di oggi o del prossimo futuro