Presepe Vivente recitato nel Castello Caracciolo di Sammichele di Bari

In il

maryam presepe vivente 2023 castello caracciolo

MARYAM – PRESEPE VIVENTE
CASTELLO CARACCIOLO – SAMMICHELE DI BARI

Il 26 e 30 Dicembre 2023, nella splendida cornice del Castello Caracciolo in Sammichele di Bari, si terrà la XXIII^ Edizione del Presepe Vivente. Un impianto scenografico e tecnico straordinario che vede 8 scene recitate, 12 ambienti immersivi, profumi e giochi di luce. Quest’anno si replica l’1 Gennaio 2024 ed il 6 Gennaio con l’arrivo dei Magi ed uno scenario completamente nuovo.

A cura dell’associazione TERRA, con il Patrocinio del COMUNE di SAMMICHELE di BARI, in collaborazione con la PUBBLICA ASSISTENZA Sammichele di Bari, il supporto della PRO LOCO “Dino Bianco” di Sammichele di Bari.


Presepe Vivente “Gesù luce di speranza”

In il

presepe vivente 2023 monopoli

MONOPOLI – La Comunità de l’Assunta organizza la quinta edizione del Presepe Vivente “Gesù luce di speranza” presso la Masseria Mammut in C.da Macchia di Monte S.P. 212 – Monopoli (Bari).
Il percorso sarà visitabile dalle ore 18.00 alle 22.00, con tante novità.
Tutte le sere Sagra delle Pettole e Vin Brulè.

Giorni:
26 – 30 Dicembre 2023
1 – 5 – 6 Gennaio 2024 (6 Gennaio venuta dei Magi)

INGRESSO LIBERO

Infotel 3911307355 – 3339204542


Presepe Vivente sotto il campanile di Locorotondo

In il

Presepe Vivente sotto il campanile di Locorotondo

Presepe Vivente sotto il campanile di Locorotondo (Bari)
Quest’anno il Presepe Vivente torna tra le stradine del centro storico di Locorotondo!
Appuntamento il 26, 30 dicembre e il 6 gennaio dalle ore 17:00 alle 21:00
Ingresso: via Giannone

Si ringrazia:
Parrocchia San Giorgio Martire – Locorotondo
Comune di Locorotondo
Pro Loco Locorotondo
Panificio Zero
Panificio San Pietro
Spaccio Aziendale Argese
Garofoli SpA
BCC Locorotondo
Digita Stampa


A Putignano torna la Festa delle Propaggini, via al Carnevale

In il

propaggini carnevale putignano

LE PROPAGGINI, SFIDA IN VERNACOLO FRA 
OTTO GRUPPI DI POETI IRRIVERENTI
Il 26 dicembre si darà il via al 630° Carnevale di Putignano

Mentre sulle tavole di tutta Italia in questi giorni si consumano panettoni e si programmano cenoni, a Putignano cresce l’attesa per il primo appuntamento della 630^ edizione del Carnevale di Putignano. Inizia il conto alla rovescia che il 26 dicembre segnerà l’avvio dei festeggiamenti carnevaleschi – sì, proprio in piene festività natalizie – con l’allegro festival in dialetto “Le propaggini”.
A sfidarsi sul palco allestito quest’anno in Largo Porta Nuova saranno in totale otto gruppi per circa 80 propagginanti totali.
Come da buona tradizione, sarà l’occasione per stendere un bilancio dell’anno, e con pungente ironia, in perfetta rima baciata, puntare il dito sulle “malefatte” dei personaggi più in vista di Putignano. Per un giorno, si celebra a Putignano il perfetto ribaltamento dei ruoli: popolani in abiti contadini che salgono sul pulpito e autorità cittadine obbligate ad ascoltare senza diritto di replica. Le risate sono assicurate.

L’appuntamento con il primo evento del Carnevale di Putignano N. 630 è per martedì 26 dicembre, alle ore 15.30 in Largo Porta Nuova.

I GRUPPI PARTECIPANTI ALLE PROPAGGINI
Pubblicata la lista dei gruppi di Propagginanti che prenderanno parte all’evento:
–    I zannier
–    Giugno 87
–    I caputrt du frallion
–    I trap’ lir cu i cippon
–    I Spatriat
–    La Zizzania
–    le Petècchie
–    Cem Cem d’rap i Ciuquer”

LA MATTINA DEL 26 IL RITO DEL PASSAGGIO DEL CERO
Già dalla mattina del 26 dicembre, giorno di Santo Stefano – Patrono di Putignano – avrà luogo un momento simbolico di grande valore per Putignano. 
Dopo la messa in onore del Santo, alle ore 10.00 nella Rettoria di Santa Maria La Greca, e la seguente processione per le vie della città con l’immagine e le Reliquie di S. Stefano, verso le ore 11.30 in Piazza Teatro si svolgerà il rito del “Passaggio del cero” fra la Fondazione Carnevale di Putignano e il Comitato Feste Patronali, a sancire l’inizio del periodo del “tutto vale”. Un passaggio simbolico, infatti, in cui la Fondazione del Carnevale chiede anticipatamente “venia” al clero per le goliardie che animeranno di lì a breve Putignano.

LE PROPAGGINI E L’ORIGINE CONTADINA DEL CARNEVALE DI PUTIGNANO
Le origini dell’antichissimo carnevale di Putignano sono strettamente legate alla religione e proprio Le Propaggini sono il filo che le tiene ancora oggi vive. Si narra che il 26 dicembre 1394, giorno della traslazione delle Reliquie di Santo Stefano nella Città di Putignano, i Cavalieri di Malta nel portare le Reliquie da Monopoli a Putignano per metterle al riparo dagli attacchi saraceni sulla costa, abbiano incontrato lungo la strada dei contadini intenti a innestare viti (in gergo a fare propaggini) che per la grande gioia di vedere arrivare la protezione del Santo sul proprio territorio, abbiano subito abbandonato i campi per accodarsi al corteo sacro e fare festa in libertà. Parte in questo modo il Carnevale di Putignano che nei secoli è mutato divenendo oggi uno delle più grandi manifestazioni di arte cartapestaia e spettacolo in Italia, ma che non ha mai abbandonato le sue origini che si rinnovato da 630 anni attraverso i riti.


Presepe Vivente a Cassano Murge

In il

u presepie all use nueste presepe vivente cassano murge

CASSANO MURGE – Torna il presepe vivente, a Cassano, “all’use nuéste” un’esperienza che è un tuffo nel passato in cui i più piccoli rivivono usi e costumi della tradizione contadina locale.

Nei vicoli della Città vecchia prenderanno vita le antiche botteghe del falegname tra livelle, scalpelli e biondi trucioli, del fabbro che con il martello e l’incudine forgia il ferro tra odori pungenti di brace, il ciabattino con il suo tocco ritmato tra le vecchie scarpe da riparare, le fioraie abbracciate dai petali profumati, le lavandaie che per non sentire la fatica cantano insieme ritmi del passato, la ricamatrice che come una chioccia accoglie le bambine per insegnare loro l’antico e nobile mestiere dell’ago e filo, le famiglie contadine affaccendate nei preparativi per il Natale, chi a fare le orecchiette chi i taralli e le cartellate perché “viene Natale”. E i bambini abbigliati con abiti d’epoca schiamazzano per le vie animate dalle loro risate.

E poi naturalmente la natività, nel silenzio del tempo infinito incornicia la famiglia divina protetta dagli angeli, dai pastori e dagli animali. Spaccati di tempi che furono che raccontano vita, amore, sentimenti genuini nel cuore di Cassano che torna a pullulare di vite e storie frementi di nuove narrazioni.

È la magia del presepe vivente “all’use nuéste” ideato dal gruppo donatori di Sangue Fratres “Santa Maria Assunta”, patrocinato dal Comune di Cassano ed organizzato in collaborazione con la Pro Loco “La Murgianella”, l’Associazione Chaos, il CAP Onlus, l’UTE – Università della Terza Età, l’associazione “Il Tappeto Volante”, la Comunità “Fratello Sole”, ‘Associazione Poliedrika.

Avrà luogo i giorni 25, 26 e 30 dicembre, 6 e 7 gennaio con ingresso gratuito da Piazza Moro per Via Gentile dalle ore 18.00 alle 20.30.

Info: 3204249822


Natale Subacqueo a Cala Incina: Gesù Bambino nasce a 13 metri di profondità

In il

natale subacqueo 2023 monopoli cala incina

Natale Subacqueo – 13ª edizione
Cala Incina – Monopoli (Bari)

La comunità di Frate Sub invita tutti, sub, non sub e famiglie a Cala Incina il 24 dicembre ore 9:30 per la celebrazione della Santa Messa di Natale e festeggiare insieme il Natale Subacqueo.

PROGRAMMA:
ore 9:30 Raduno dei sub sul bagnasciuga in prossimità delle grotte
ore 10:00 Benedizione dei sub e delle attrezzature
ore 11:00 Processione subacquea condeposizione del Bambino Gesù nella grotta della Madonnina a 13 metri di profondità nella culla del Presepe.
A seguire scambio di Auguri e brindisi finale!!!

Anche quest’anno ci scambieremo gli Auguri di Natale e del Nuovo Anno ormai alle porte.
Vi aspettiamo!


A Monopoli, Babbo Natale vien dal mare

In il

babbo natale vien dal mare monopoli 2023

MONOPOLI – Domenica 24 dicembre dalle ore 9:00 ci vediamo a Cala Fontanelle, per la 9ª edizione di “Babbo Natale vien dal mare“!

Sup, barche a vela e barche canottaggio, tutti insieme per colorare il nostro mare di rosso e augurare Buone feste alla città.

A seguire il party ufficiale da Mezzopieno e l’esibizione del giovane campione di skate monopolitano Biagio Deiaco!


“Presepe Vivente nel Borgo Antico di Mola di Bari” – E venne ad abitare in mezzo a noi

In il

Presepe Vivente nel Borgo Antico di Mola di Bari E venne ad abitare in mezzo a noi

16ª edizione Presepe Vivente Mola di Bari

Il Comune di Mola di Bari e l’associazione culturale “Rosa di Jericho” presentano la XVIª edizione di “E venne ad abitare in mezzo a noi”, presepe vivente in stile napoletano del ‘700.
In una location nuova ed ancora più suggestiva, il presepe prenderà vita tra antichi mestieri e tante coinvolgenti novità!
Venite a scoprirle il 23 e 27 Dicembre e 6 Gennaio dalle 19:30 in piazza degli Eroi a Mola di Bari.

23 e 27 Dicembre 2023: “E venne ad abitare in mezzo a noi”
La rievocazione nella giornata del 23 vede le figure di Maria e di San Giuseppe incamminarsi alla ricerca di un ricovero tra alcune strade del centro di Mola, domandando di tanto in tanto, a figuranti presenti lungo il percorso, riparo sino, poi, a giungere nel luogo individuato per la collocazione della grotta. In piazza degli Eroi saranno allestite postazioni nelle quali i figuranti rievocheranno alcuni mestieri antichi animando il luogo scelto e le immediate vicinanze con danze e musica dal vivo. Laddove possibile, in base alle norme vigenti ed in collaborazione con le attività commerciali della zona, si prevede la somministrazione di bevande e street food.
Nella giornata del 27 si ripeterà l’animazione del presepe con la sacra famiglia ormai stabilitasi nella grotta, alla quale i personaggi del presepe vivente faranno visita.

6 gennaio 2024: “Hanno visto sorgere la sua stella”
La rievocazione nella giornata del 6 vede le figure dei tre re Magi incamminarsi per alcune strade del centro di Mola alla ricerca del ricovero della sacra famiglia. Come dal racconto del vangelo, portano con sé doni che offriranno al loro arrivo al nuovo nato. Di contorno saranno allestite le postazioni animate dai personaggi del presepe settecentesco, con attività di animazione principalmente rivolte ai bambini.


Presepe vivente a Minervino Murge

In il

presepe vivente minervino murge

La magia del Natale a Minervino Murge è quest’anno impreziosita dal Presepe Vivente e dai Mercatini della tradizione.
Nel suggestivo Borgo Autentico del Presepe di Puglia il 23 dicembre e il 6 gennaio, immergendosi nel calore e nell’accoglienza locale, sarà possibile vivere un’esperienza all’insegna della fede, della storia, della tradizione e dell’enogastronomia.
Si comincia alle ore 19.00 con l’evento Presepe Vivente a cura delle parrocchie di Minervino. In sintonia con il messaggio che il Papa ha trasmesso con l’inizio del sinodo, sarà proposta una drammatizzazione del Presepe celebrando l’ottavo centenario del Primo Presepe realizzato da S.Francesco d’Assisi a Greccio. La partenza è prevista dalla antichissima e pregevole Cattedrale dedicata alla Vergine Assunta. Il percorso si snoderà nel cuore del centro storico, per poi concludersi con la Natività in uno scenario paesaggistico mozzafiato che si affaccia sulla Murgia. La drammatizzazione, rinnovando il miracolo della natività, trasmetterà emozioni e messaggi cristiani in un clima di fede e di spiritualità.
 
A seguire,  tra i palazzi nobiliari di Corso de Gasperi e Piazza De Deo, nel cuore del centro storico, si accenderà la magia dei Mercatini della tradizione.
Un vero tuffo nel passato, fatto di storie di agricoltori e di maestri casari, di viticoltori e produttori locali, di sapienti mani di artigiani e di donne che tramandano la genuinità del loro saper fare.
La magia del Natale, tra suoni degli zampognari, street band, musica dal vivo e dj set, prende forma e regala emozioni autentiche in uno scenario che profuma di storia e antiche tradizioni.
Partendo da Corso De Gasperi fino a immergersi nel cuore di Piazza De Deo, porta d’ingresso dell’ammaliante labirinto Scesciola, il visitatore sarà affascinato da un percorso esperienziale del gusto, fatto di eccellenze che rendono Minervino Murge presidio enogastronomico riconosciuto.
Sarà possibile degustare e acquistare produzioni tipiche del Parco Nazionale dell’Alta Murgia, in primis formaggi e salumi di qualità, legumi e mandorle sgusciate biologiche, dolci della tradizione e prodotti da forno. Il tutto sorseggiando un bicchiere di ottimo vino locale o del più natalizio vin brulè, godendo di un clima di genuina convivialità. Uno spazio sarà ovviamente dedicato alla famosa cima di rapa di Minervino, inserita nel paniere PAT della Puglia, alle verdure selvatiche e agli ortaggi del territorio murgiano.
Non mancheranno i classici “cucl fritt” di Minervino abbinati all’antica arte delle orecchiette fatte a mano, ottime per un pranzo della tradizione pugliese.
Lungo il percorso, gli artigiani con le loro produzioni racconteranno storie di intrecci di ulivo, di ricami e di lavori all’uncinetto, di legno che prende forma e di oggetti che diventano un regalo autentico per Natale.


La Notte dei Fornai a Toritto

In il

la notte dei fornai toritto

La Notte dei Fornai a Toritto (Bari)
sabato 23 dicembre 2023

Torna la notte più emozionante del Natale Torittese! La notte dei Fornai . A partire dalle ore 18.00 il 23 Dicembre 2023 in Piazza Aldo Moro, un ricco programma di eventi allieterà la magica notte dell’antivigilia torittese ,con una rievocazione storica esclusiva della nostra comunità, rientrante tra i rituali legati al fuoco della Regione Puglia. Cantori e suonatori popolari della nostra comunità, rievocheranno la “questua” nella notte tra il 23 e 24 Dicembre al fatidico grido di “faciscitë u ciulatiddë o fërnarë” “fate il tarallo per i fornai” accompagnato da canti, stornelli e musiche popolari in vernacolo torittese.
Un ricco programma di eventi allieterà la serata già a partire dalle ore 18.00, con l’accensione del falò cittadino in Piazza A. Moro e spettacolo del fuoco alle ore 18.30 a cura dell’associazione Menti Ardenti ; a seguire e in attesa dell’arrivo dei fornai previsto per le 20.30, concerto a cura del coro UTET(Università della terza età di Toritto). Dopo l’esibizione dei fornai, concerto Gospell a cura del gruppo Joyful Gospell Chourus. Mercatini natalizi, degustazioni di prodotti tipici locali, vin brulè, percorso dei presepi e tanta atmosfera natalizia faranno da cornice all’intera serata.
“La tradizionale notte dei fornai, molto sentita nella nostra comunità, rievoca la “questua” dei “fornai”, che al “grido” e richiamo degli stessi, accompagnati da musiche e stornelli in dialetto torittese, invitano le massaie a infornare pane ed altri dolci presso i propri forni, con l’invito a lasciare qualcosa per i meno abbienti e i più poveri della nostra Comunità.
Oggi, la tradizione, è ancora molto sentita e per il valore storico, culturale e folkloristico è bene immateriale della nostra comunità , rientrando tra gli eventi dei rituali legati al fuoco della Regione Puglia, richiamando moltissimi visitatori.
Per l’occasione, la Pro Loco Toritto-Quasano, manderà in diretta sulla piattaforma Facebook l’evento e invita parenti e amici che hanno i propri cari fuori Toritto per diverse ragioni, a registrarsi sulla pagina Facebook della Pro Loco al seguente link:
https://www.facebook.com/prolocotorittoquasanounpli al fine di poter seguire la diretta Facebook.
Per l’occasione, sarà possibile effettuare lo scambio di auguri con i molti migrati torittesi sia in diretta che mediante messaggi video che la pro loco proietterà durante la serata.