FlataTùm – Festival bandistico città di Bitonto, il programma completo delle iniziative

In il

flatatum bitonto 2018

FlataTùm [Festival bandistico città di Bitonto]

La Puglia vanta una delle più consolidate tradizioni bandistiche del mondo. La fama di alcune bande ed orchestre di fiati pugliesi ha varcato persino i confini nazionali essendosi queste ultime distinte in performances tenute in vari Paesi d’Europa e in America Settentrionale grazie alle peculiarità del repertorio ed all’eleganza delle divise.

Banda è sinonimo di festa. Se intesa come “organismo unitario”, costituisce la rappresentazione simbolica dell’essere umano. È fatta di battito (affidato al ritmo delle percussioni) che evoca quello cardiaco e fiato (quello emesso per suonare gli strumenti presenti nel suo organico) che evoca il respiro, FLATA (fiati) Tùm (riproduzione onomatopeica delle percussioni), caratteristica questa che ha inconsciamente contribuito alla sua diffusione capillare, rendendola parte del tessuto endemico cittadino.

L’edizione di quest’anno è la più ricca: una potente miscela di innovazione e tradizione volta a catturare il pubblico più variegato possibile. In questa intensa tre-giorni si condenseranno mostre, conferenze, con musica di tutti i generi legata al mondo bandistico, strizzando un occhio, come ogni anno, alle commemorazioni patriottiche! Ingresso libero. Info: 3475422371

Questo il programma delle iniziative

VENERDI’ 22 GIUGNO “L’Innovazione”
ORE 18:30 – 22:30 Chiesa di S. Gaetano | Inaugurazione mostra fotografica “Angelo Inglese: in marcia tra i due mondi”. Mostra fotografica in occasione del centenario della nascita del compositore, didatta e direttore di banda (1918-2018) della collezione privata del Dott. F. Stanzione.
ORE 20:00 | Esibizione per le principali vie cittadine di “GUARDA CHE BANDA (la banda musicale di nuova concezione)”.
ORE 21:30 | Spettacolo in Piazza Cavour con le speciali coreografie di “GUARDA CHE BANDA”.

SABATO 23 GIUGNO “La Tradizione”
ORE 18:30 – 22:30 Chiesa di S. Gaetano | Apertura mostra fotografica “Angelo Inglese: in marcia tra i due mondi”.
ORE 19:00 | Giro per le vie della città della “GRANDE ORCHESTRA DI FIATI G. LIGONZO città di Conversano”.
ORE 20:00 | Esibizione in cassa armonica della “GRANDE ORCHESTRA DI FIATI G. LIGONZO città di Conversano” diretta dal m° ANGELO SCHIRINZI.
ORE 20:00 | Giro per le vie della città del “GRAN COMPLESSO BANDISTICO S. CECILIA città di Molfetta”.
ORE 21:30 | Esibizione in cassa armonica del “GRAN COMPLESSO BANDISTICO S. CECILIA città di Molfetta” diretta dal m° PASQUALE TURTURRO.

DOMENICA 24 GIUGNO “Tra Storia e Teatro”
ORE 18:00 – 21:00 | Chiesa di S. Gaetano: apertura mostra fotografica “Angelo Inglese: in marcia tra i due mondi”.
ORE 18:30 | Centenario della Prima Guerra Mondiale, Commemorazione della Battaglia del Solstizio, Onore ai Caduti a cura della “FANFARA DEI BERSAGLIERI ANB città di Altamura” con la partecipazione delle autorità civili e militari.
ORE 19:00 | Sfilamento della Fanfara per le vie del centro storico.
ORE 20:00 | Concerto in Piazza Cavour della “FANFARA DEI BERSAGLIERI ANB città di Altamura”.
ORE 21:00 | Cortile dell’Episcopio della Cattedrale: spettacolo teatrale musicale “SCORRIBANDA” di e con RAFFAELLO FUSARO e “L’ORCHESTRA SINFONICA DI FIATI DAVIDE DELLE CESE città di Bitonto” diretta dal m° VITO VITTORIO DESANTIS con la partecipazione straordinaria di ROSSELLA GIUGLIANO.


La Notte dei Cori, a Bitonto cinque formazioni corali nei luoghi di cultura, per celebrare la Festa della Musica 2018

In il

La Notte dei Cori 2018 bitonto

Anche il Traetta Opera Festival, promosso dal Comune di Bitonto, partecipa alla Festa della Musica di giovedì 21 giugno, sostenuta dal Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo. E lo fa con “La Notte dei Cori”, uno spiegamento di forze importante: dalle 19 in poi, il TOF celebrerà infatti una delle Feste più affascinanti che la cultura possa offrire, con una nuova modalità di fruizione culturale dedicata al territorio. Sarà la musica a riempire di suono alcuni dei più bei luoghi d’arte di Bitonto, con esibizioni a distanza di venti minuti l’una dall’altra e replicate in una seconda tornata (tutte ad ingresso libero): Chiesa di San Gaetano, Galleria Nazionale della Puglia “Girolamo e Rosaria Devanna”, Biblioteca Comunale del Museo Civico, Palazzo Vulpano Sylos, Palazzo Cioffrese.

Cinque diversi cori, già protagonisti negli anni delle importanti produzioni sinfonico-corali del Festival, saranno impegnati per un solstizio d’estate in musica con brani che esaltano la grande tradizione soprattutto italiana, dalla tradizione polifonica a quella operistica. Un’invasione del TOF per le strade di Bitonto: un invito a cercare la bellezza nel quotidiano e a lasciarsi stupire dalla grande penna dell’armonia.

Il programma de “La Notte dei Cori” partirà alle 19,20 nella Chiesa di San Gaetano (Piazza Cavour) con il Coro Città di Bitonto diretto da Anna Lacassia, che eseguirà musiche di Rossini, Verdi e Vivaldi, con Emanuele Petruzzella al pianoforte. Replica alle 21.

Alle 19,40 appuntamento alla Galleria Nazionale Devanna (via Rogadeo 14) con la Corale polifonica “Michele Cantatore” di Ruvo di Puglia diretta da Angelo Anselmi, con il trio formato da Alessio Giove (fisarmonica), Mauro Altamura (clarinetto), Giuseppe Barile (pianoforte): nel ricco programma, musiche di Caccini, Busto, Miserachs, Piazzolla. Replica alle 21,10.

Alle 20 toccherà alla Biblioteca Comunale, nel Museo Civico (via Rogadeo 52), con il Coro Alter Chorus di Molfetta diretto da Antonio Allegretta (al pianoforte Emanuele Petruzzella): musiche di Verdi, Bellini, Lehar. Replica alle 21,20.

Alle 20,20 a Palazzo Vulpano Sylos (via Planelli 51), sarà la volta del Coro Jubilate di Conversano, diretto da Donato Totaro, con al pianoforte Loretta Tanzarella. Anche qui programma ricchissimo, con musiche della tradizione medievale, ebraica, irlandese e napoletana. Replica alle 21,30.

Alle 20,40, nel Palazzo Cioffrese (via Principe Amedeo 28), concluderà la serie il Coro Harmonia dell’Ateneo Barese diretto da Sergio Lella, con al pianoforte Barbara Rinero. Musiche di Rossini, Mozart, Puccini, Händel, Genèe. Replica alle 21,40.


Pedalando verso l’alba – Da Quasano al Pulo di Altamura

In il

Pedalando verso lalba Da Quasano al Pulo di Altamura

ECCOCI DI NUOVO QUI!!!
La A.S.D. Dynamik Bike organizza un’escursione notturna in mountain bike per gli amanti della natura e delle due ruote.
Protagonista, questa volta, è il territorio della Murgia che dal borgo di Quasano si spinge verso la meravigliosa vallata del Pulo di Altamura.
Il percorso sarà di circa 35 km e di difficoltà media da affrontare con una mtb adatta e un minimo di esperienza sui tratti sterrati e più tecnici.
L’escursione è programmata nella notta fra Sabato 9 e Domenica 10 Giugno.

PROGRAMMA

Ore 00.00 – Raduno dei partecipanti presso il Parcheggio della Piscina Comunale di Bitonto e iscrizione alla gara. Verrà versata inoltre la quota di partecipazione.

Ore 01.00 – Partenza verso Quasano in auto dove avrà inizio l’escursione

Ore 08.00 – Rientro a Quasano e ricca colazione a base di prodotti tipici dolci e salati

NOTE

– Per l’escursione è necessaria una mtb adatta al tipo di percorso.
– Casco e luci adeguate sono obbligatorie per ogni partecipante.
– È consigliato munirsi di borraccia e camera d’aria di riserva.

INFO UTILI

– Il costo di iscrizione è di Euro 10.
– L’iscrizione è riservata solo ai maggiorenni.
– È possibile iscriversi alla gara compilando il seguente modulo online e versare la quota al raduno:

CLICCA QUI

– È disponibile un servizio di trasporto SOLO bici fino ad esaurimento posti previa prenotazione con un messaggio sulla nostra pagina facebook Dynamik Bike
– Durante l’intero percorso verrà fornita assistenza tecnica e di supporto con quad e ambulanza
– Per velocizzare le iscrizioni consigliamo di stampare la seguente liberatoria e consegnarla compilata al raduno dell’evento:

CLICCA QUI


La Bottega del Candelaio, a Bitonto un laboratorio di archeologia sperimentale

In il

la bottega del candelaio bitonto

Teodoro Ugone, rievocatore storico del CERS (Consorzio Europeo Rievocazioni Storiche), presenta un laboratorio di archeologia sperimentale sulla produzione delle candele in cera d’api.

La durata del laboratorio è di un’ora.

Per i più piccoli lo spettacolo è gratuito

Per gli adulti il costo è di 5 Euro

Orari evento:
1) 17:00 – 18:00
2) 18:30 – 19:30
3) 20:00 – 21:00
Info prenotazione: 380 5168 938

Partendo dal Medioevo, il dottor Ugone, come un vero artigiano, in rigorosi abitanti settecenteschi, insegnerà in modo semplice e accattivante la metodologia per la fabbricazione delle candele, in uso nel XVIII secolo.

Ogni partecipante potrà creare la sua candela.

Cos’è la cera d’api?
Come si raccoglieva nel ‘700?

Interessantissime testimonianze iconografiche e tante curiosità.

Alla fine di questa attività laboratoriale ciascun partecipante (adulto o bambino) svilupperà la capacità di produrre una candela da portare con sé come ricordo.


Corteo Storico rievocativo della Battaglia di Bitonto

In il

corto storico rievocativo Della Battaglia Di Bitonto 2018

Si rinnova, come ogni anno, la tradizione di uno degli eventi più importanti per la città di Bitonto, sia sotto l’aspetto storico sia sotto quello turistico, che la rende un vero polo di attrazione per l’intero Meridione. È il “Corteo Storico”, promosso dall’Associazione Culturale “Accademia della Battaglia” con il patrocinio del Comune di Bitonto, che rievoca la Battaglia di Bitonto del 25 maggio 1734.

Per l’appuntamento, Bitonto diventa centro di condivisione, partecipazione civile, volano prezioso per quanti credono nella propria terra, la amano, la difendono, e si sentono non solo spettatori, ma attori di una comunità attiva, creativa e proiettata verso un futuro sempre più roseo.

«Il corteo intende presentare le diverse sfaccettature della società bitontina e meridionale in generale al tempo della battaglia – spiega la prof.ssa Tota Concetta, presidente dell’Associazione –. Quella stessa società che, grazie al riassetto che il sovrano Carlo III di Borbone diede all’intero Sud, poté vivere la rinascita illuministica, realtà dell’intera Europa, ma che al Meridione era stata negata da secoli di servilismo e sfruttamento straniero».

La città, infatti, ha una ricca storia da raccontare. Fondata prima ancora di Roma, i secoli l’hanno attraversata lasciando i segni indelebili di bellezza, arte e civiltà. Il Settecento l’ha vista particolarmente protagonista, tra i centri più importanti del Regno: «È il secolo di Tommaso Traetta, ma anche della storica battaglia del 25 maggio 1734, epilogo di una guerra europea che avrebbe visto nascere il Regno del Sud d’Italia. Una giornata in cui trovano spazio gli eventi storici e quelli miracolosi, in cui Bitonto è “celebrata” come la “pupilla” degli occhi della Vergine Maria, nostra protettrice», commenta il sindaco Michele Abbaticchio.

Ogni anno si rivivono quei momenti attraverso una serie di appuntamenti, il Corteo in particolare, che ha il merito di «coinvolgere piccoli, giovani e adulti nella riscoperta del nostro passato. La metafora di una collettività che camminano insieme verso il futuro, tenendo a mente la grandezza del suo passato. La decisione di spostare la data al 2 giugno è stata presa per avviare una nuova stagione, in cui la sfilata è solo uno dei momenti della rievocazione storica», conclude l’assessore al Marketing Territoriale, Rocco Rino Mangini.

Nella programmazione del 2018 ci saranno importanti novità.
➡️Giovedì 31 maggio, alle 18 e alle 20.30, all’interno del Teatro Comunale “T. Traetta” ci sarà la rappresentazione dello spettacolo “Bitonto in amore” (di Carlo Pice) dell’associazione “Amici per la crepapelle”. Aprirà la rappresentazione delle 18 l’esibizione del coro di voci bianche dell’Istituto Comprensivo “Cassano – De Renzio”, guidato dal Maestro Giuseppe Demichele.

➡️Venerdì 1 giugno, dalle 18 alle 21, all’interno di Palazzo Rogadeo, Palazzo Bove e Palazzo De Ferraris-Regna, tre compagnie teatrali (Associazione Culturale Mariott’Arte, Okiko the Drama Company e Associazione Culturale “Amici per la Crepapelle”) metteranno in scena rappresentazioni che rievocheranno le famiglie nobiliari bitontine che abitavano in quelle sontuose abitazioni.

➡️Sempre nella stessa giornata, durante il pomeriggio, il Torrione Angioino diventerà un vero e proprio laboratorio d’arte: il dott. Teodoro Ugone insegnerà a realizzare le candele del 1700 con elementi naturali.

➡️È per sabato 2 giugno, invece, l’atteso appuntamento con il Corteo Storico, che sfilerà per le vie del centro ottocentesco, con il consueto momento finale a Porta Baresana.

➡️Il momento clou di questa edizione sarà caratterizzato dal “Gran ballo del Settecento” che si terrà a Palazzo Gentile e nella zona antistante l’ingresso della sede comunale domenica 3 giugno, a partire dalle 20. In questa occasione, si potrà entrare a far parte della vita nobiliare, osservandone abitudini, usi, costumi e danze.

✔Per ogni informazione potete seguire la nostra pagina Facebook (https://bit.ly/2HWOIHB) o contattare il numero +39 380 516 8938.
✔N.B. Il laboratorio con il dott. Ugone e il “Gran ballo del Settecento” saranno eventi a pagamento, per questo è gradita la prenotazione.


Cortili Aperti: a Bitonto due giorni di visite guidate in oltre 60 siti storici e culturali

In il

cortili aperti bitonto 2018

Sabato 26 e domenica 27 maggio l’Associazione dimore storiche italiane organizza la sesta edizione di “Cortili aperti”, due giorni di visite guidate in oltre 60 siti storici e culturali di Bitonto disseminati fra il centro storico, la parte ottocentesca della città ed extra moenia, a cura di 700 studenti delle scuole medie e superiori.

Ecco l’elenco completo dei musei, cortili, giardini, e dimore della città che saranno aperti al pubblico:

Nel centro storico

1) Palazzo Sylos Sersale, piazza Sylos Sersale 3;

2) Chiostro di S. Pietro Nuovo, Vico Storto S. Pietro Nuovo 6;

3) Cappella San Salvatore, via Mozzicugno;

4) Cappella de Ildaris, Corte de Ildaris, 6;

5) Loggia Agera, via F. Saponieri;

6) Chiesa S. Caterina d’Alessandria, via San Rocco, 13;

7) Palazzo Cioffrese, via Amedeo 28;

8) Arco Pinto, Corte Pinto ang. Via Amedeo 21;

9) Palazzo de Ferraris Regna, piazza Cavour 8;

10) Chiesa San Gaetano, piazza Cavour;

11) Palazzo Sylos Calò, via G. Rogadeo 14;

12) Galleria Nazionale della Puglia “G. e R. Devanna”, via G. Rogadeo 14;

13) Chiesa del Purgatorio, via G. Rogadeo 17;

14) Episcopio Cattedrale, corte Vescovado 3;

15) Cappella Bove – S. Maria della Pietà, via G. Rogadeo 30;

16) Palazzo Bove, via G. Rogadeo 46;

17) Cappella Rogadeo – S. Anna, via G. Rogadeo 50;

18) Palazzo Rogadeo, via G. Rogadeo 52;

19) Giardini Palazzo Rogadeo, via G. Rogadeo, 52;

20) Palazzo Giannone Alitti, piazza Cattedrale 23;

21) Cattedrale di Bitonto, Piazza Cattedrale;

22) Succorpo Paleocristiano della Cattedrale, piazza Cattedrale;

23) Cortile San Nicola, Piazza Cattedrale 34;

24) Palazzo de Lerma, piazza Cattedrale 34;

25) Chiesa Santa Maria delle Vergini, via Robustina 35;

26) Palazzo Barone Gentile Sisto, via Robustina 41;

27) Palazzo Albuquerque, via Maggiore, 19;

28) Chiesa San Leucio Vecchia, Corte San Leucio;

29) Cappella dei Misteri, via Ambrosi,16;

30) Chiostro S. Domenico, via Ambrosi;

31) Palazzo Gentile Labini Sylos, via Ambrosi 42;

32) Casa Martucci Zecca, via Termite 41;

33) Palazzo Bove Planelli Termite, via Termite 17;

34) Palazzo Planelli Sylos, via Planelli 37;

35) Palazzo Vulpano, via A. Planelli, 51;

36) Palazzo Santorelli, via V. Rogadeo 35;

37) Giardini Pensili, piazza Minerva – via F. Aporti 1;

38) Chiesa San Francesco d’Assisi, via F. Aporti 1;

39) Chiostro Medioevale S. Francesco d’Assisi, via Aporti, 1;

40) Teatro Traetta, largo Teatro 17;

41) Torrione Angioino, piazza Marconi, 8;

Nel borgo ottocentesco

42) Casa “F. Berardi” (già dei Veneziani), via Perrese 4;

43) Museo archeologico della fondazione de Palo Ungaro, via Mazzini 44;

44) Palazzo Pannone Ferrara, piazza Marconi 18;

45) Cantine Palazzo Pannone Ferrara, Piazza Marconi n. 21;

46) Cappella San Matteo, piazza Moro 28;

47) Palazzo de Marinis, via Traetta 6;

48) Palazzo Ventafridda, via Traetta 5;

49) Palazzo Luise, Piazza A. Moro 36;

50) Chiesa San Francesco di Paola, Piazza Moro;

51) Palazzo de Michele Rolli Ranieri, c.so V. Emanuele 36;

52) Palazzo Gentile, c.so V. Emanuele 41;

53) Chiostro Istituto “Sacro Cuore”, via Santa Lucia Filippini 23;

54) Chiesa San Vito, via Cavallotti;

Extra moenia

55) Chiostro S. Leone, viale Giovanni XXIII 121;

56) Chiesa San Leone, Piazza San Leone 1;

57) Chiostro Santa Teresa, piazza C. Sylos 6;

58) Chiesa Santa Teresa, piazza C. Sylos;

59) Chiesa San Valentino, piazza Caduti del terrorismo;

60) Chiesa Santa Maria della Chinisa, Piazza M. L. King;

61) Chiesa del SS Crocifisso, Piazza Mons. N. Fornelli.


AVE MARIA – Dalla terra, alle terre, ai cieli

In il

AVE MARIA Dalla terra alle terre ai cieli

TRAETTA YOUTH
in occasione delle FESTE PATRONALI

AVE MARIA
DALLA TERRA, ALLE TERRE, AI CIELI
Repertorio pugliese ed internazionale dall’antico al contemporaneo

Musiche di Arcadelt, Carlos Gomes, Liszt, Stravinsky, Mozart, Rachmaninov, Franck, Villa Lobos, Fauré, Dvořák, Gomez, Gounod, Saint-Säens, Schubert, Petruzzella, Pappagallo, De Lillo, Morra

soprano Erika Mezzina
mezzosoprano Maria Candirri
pianoforte Leo Binetti
Coro Harmonia Mundi
direttore Nicola Petruzzella

Il TOF non manca di omaggiare le feste patronali di Bitonto con un concerto dedicato alla preghiera mariana per eccellenza con Venti Ave Maria. Si spazia dalla nostra terra di Puglia con un omaggio a figure di riferimento per intere generazioni di musicisti come don Salvatore Pappagallo ed Ottavio De Lillo, ad interessantissimi e giovani compositori come Morra e Petruzzella, fino ai grandi musicisti contemporanei e del passato che hanno fatto la storia della musica. I pochi versi che racchiudono il mistero e l’omaggio alla Santa Madre hanno ispirato da sempre composizioni solistiche e corali che questo concerto racchiude in un momento che dalla semplicità del canto e della musica raggiunge gli animi e si eleva al cielo.

Sabato 26 maggio, ore 20.30 – Bitonto, Cattedrale
INGRESSO LIBERO


Festa patronale Maria di SS. Immacolata a Bitonto

In il

festa maria ss immacolata bitonto

La nuova edizione della Festa di SS. Immacolata a Bitonto si terrà dal 20 al 28 Maggio 2018

Tra Storia e Fede

Alla fine del mese di Maggio del 1734 infuriava la guerra tra Austriaci e Spagnoli per il controllo dell’Italia Meridionale. Le battaglie decisive si combattevano nelle campagne del nord barese ed in particolare nella zona di Bitonto. Gli austriaci in difficoltà ripararono nelle mura della città. Gli spagnoli, sotto la guida del gen. Montemar, decisero di stringere d’assedio la città e pianificarono il saccheggio di Bitonto la mattina del 26 maggio.

Durante la notte, però, la Vergine Immacolata apparve in sogno al generale spagnolo e pronunciando una frase divenuta celebre tra i bitontini, Non oltraggiare questa città, perché è la pupilla dei miei occhi ed i cittadini sono figli miei!, lo dissuase dal compiere l’attacco decisivo e lo convinse a togliere l’assedio alla città.

I spagnoli nel frattempo batterono definitivamente la resistenza degli austriaci e iniziarono un una lunga dominazione nell’Italia Meridionale.

I bitontini da allora ricordano l’intervento miracoloso della Madonna con grandi festeggiamenti e all’alba del 26 maggio celebrano una messa solenne a Piazza XXVI Maggio, nei cui paraggi si trovava l’accampamento spagnolo.


Traetta e Dintorni

In il

Traetta e Dintorni

TRAETTA E DINTORNI

musiche di Mozart, Haendel, Traetta

Wolfgang Amadeus Mozart
Recitativo e aria da concerto K 255
Ombra felice….io ti lascio e questo addio.
Venga pur minacci e frema (da Mitridate Re di Ponto)
Recitativo e Aria Vadasi, oh ciel (da Mitridate Re di Ponto)
Già dagli occhi (da Mitridate Re di Ponto)
Al mio ben mi veggio avanti (da Ascanio in Alba)

Tommaso Traetta
Ah se la vedi piangere (da Antigone)

Georg Friedrich Haendel
L’ampio sleale indegno (da Giulio Cesare)
Recitativo e Aria Inumano Fratel ….Stille Amare (da Tolomeo)
Pena Tiranna (da Amadigi di Gaula)
Or la tromba (da Rinaldo)

Controtenore Nicola Marchesini
(vincitore concorso internazionale di canto “Tommaso Traetta”)
Clavicembalista Michele Visaggi

Quando si parla di prassi esecutiva canora del Settecento non si può non fare riferimento alla gloriosa scuola degli evirati cantori. A loro sono state dedicate opere e ruoli e per loro hanno scritto i maggiori compositori del tempo, da Haendel a Mozart…a Traetta. Il controtenore Nicola Marchesini già vincitore del concorso “Tommaso Traetta” nella edizione 2009 e con una importante carriera internazionale all’attivo, accompagnato dall’altrettanto noto clavicembalista Michele Visaggi, propone in n questo concerto alcune tra le più grandi arie del repertorio per riportarci indietro nel tempo e farci sentire da vicino la realtà musicale in cui operò il nostro Traetta.


SUONI DEL SUD – Musiche dal…Sud del Mondo a Bitonto

In il

suoni del sud musiche dal sud del mondo bitonto

EVENTO SPECIALE TRAETTA INTERNATIONAL

SUONI DEL SUD

Musiche dal…Sud del Mondo (Sudafrica, Italia, Argentina)

Pasquale La Rotella

Il mattino della montagna (orchestrazione per archi di Vincenzo Anselmi a cura del TOF)

Loure (versione a cura di Karendra Devroop per il TOF)

Astor Piazzolla

Oblivion
Milonga del angel
La muerte del angel

Abdullah Ibrahim

The Wedding

Soweto String Quartet Sunrise (Arrangiamento di Tsolofelo Sithole)

Traditional Kwela
(Arrangiamento di Tsolofelo Sithole)

Orchestra del Teatro “Tommaso Traetta”

sax Karendra Devroop

ingresso € 5

Il progetto Traetta International prosegue con questo concerto dedicato al Sud del mondo, una categoria non solo geografica, ma anche “dello spirito”. Dalla nostra terra, con i nostri autori, all’Argentina, meta di moltissimi migranti, fino alla musica tradizionale del Sudafrica. Sarà nostro ospite, per la prima volta, il sassofonista Karendra Devroop, figura di riferimento della prestigiosa Unisa – l’Università del Sudafrica di Pretoria con oltre 400.000 iscritti – e spesso protagonista di importanti jazz festival in tutto il mondo. Ancora sul palco l’Orchestra del Teatro Traetta, impegnata in una sfida attraverso un emozionante ed impegnativo programma senza direttore. In questa produzione la contaminazione dei generi diventa un inno alla musica dell’animo e all’espressione estemporanea del sentimento legato alla più grande tradizione nazionale.
Unica data in Italia.

KARENDRA DEVROOP

Sassofonista di respiro più che internazionale, Karendra Devroop si è esibito negli anni in tutti i continenti. Numerose le sue partecipazioni in qualità di solista con orchestra o in ensemble jazz in importanti festivals come l’Amersfoort Jazz Festival, il Samui Latin and Jazz Festival, il Taipei International Music Expo, il Gretna Jazz festival (USA), il Virginia Arts Festival (USA), il North Texas Jazz Festival (USA) ed il Beach Street (USA). Raffinato esecutore, è spesso chiamato a sperimentare generi e stili, fondendo il repertorio con l’improvvisazione e la tradizione sudafricana con la sua passione per le sonorità del sud, dalle Americhe all’Europa. È docente presso l’Università del Sud Africa di Pretoria ed in Italia ha suonato con l’Orchestra Sinfonica di Sanremo. Quella con il Traetta Opera Festival è la sua seconda collaborazione con il nostro Paese.