“Il Sindaco pescatore” Ettore Bassi all’Auditorium Don Tonino Bello

In il

il sindaco pescatore ettore bassi

ETTORE BASSI in IL SINDACO PESCATORE

Tratto dall’omonimo libro di Dario Vassallo
Testi Edoardo Erba 
Regia Enrico Maria Lamanna 
PANART produzioni

Un racconto, un ricordo. La storia di un eroe che nell’ordinarietà di una vita ambientata in uno dei posti più belli e malati d’Italia, la Campania, scrive la straordinarietà di un esempio da emulare. Angelo Vassallo, il sindaco pescatore, un uomo che ha sacrificato la propria vita all’impegno di amministrare con cura, dedizione e trasparenza i suoi luoghi e migliorare le condizioni e le prospettive di chi li viveva. L’opera di un uomo semplice, onesto e lungimirante, che ha saputo ottenere sorprendenti risultati nel Cilento, sempre guardando al Bene Comune; sua anche l’iniziativa della Dieta Mediterranea assunta, grazie al suo impegno, a Patrimonio dell’Unesco. Il tragico epilogo porta, infine, verso una profonda e amara riflessione che carica l’intero spettacolo di forti emozioni.

Info, prenotazioni, biglietti e abbonamenti:
Ufficio Cultura – Biblioteca Comunale di Rutigliano
Palazzo San Domenico – Via Leopoldo Tarantini, 28
Tel: 0804767306 – Mail: cultura@comune.rutigliano.ba.it
Web: www.comune.rutigliano.ba.it


Auditorium «Don Tonino Bello»
Via Papa Paolo VI, Rutigliano – Bari


“Trapunto di Stelle” omaggio a Domenico Modugno all’Auditorium Don Tonino Bello

In il

RADICANTO NABIL BEY in TRAPUNTO DI STELLE teatro forma

RADICANTO & NABIL BEY in TRAPUNTO DI STELLE

Omaggio a Domenico Modugno

Maria Giaquinto – regia, drammaturgia, canto e narrazione

Giovanni Chiapparino – fisarmonica, basso elettrico

Adolfo La Volpe – chitarre elettriche, oud, chitarra portoghese

Giuseppe De Trizio – chitarre, mandolino, mandola

Francesco De Palma – batteria, percussioni

Questo spettacolo intende contestualizzare l’arte di Domenico Modugno,restituendola alla sua terra di provenienza,la Puglia.

Un concerto che rivisita la vita e le canzoni del grande cantautore, in forma di oratorio teatrale e musicale.

Suoni, storie, narrazioni che si sono riferite e ispirate alla tradizione millenaria del meridione d’Italia: una terra fatta di contatti.

Terra di emigrazione e di ospitalità al tempo stesso.
Terra di lavoro, di memoria, di sguardi che attraversano i filari di alberi per finire nel mare. Le impennate vocali di Domenico Modugno celebrano la terra, il senso dello stare insieme, la lingua del mare.
Sulla scena un articolato e completo ensemble musicale (archi, sezione ritmica, corde) di grande qualità e impatto sonoro ridisegna con fascino, eleganza e forte carica emotiva le melodie del cantautore.
La musica accompagna il racconto teatrale illustrato dalla voce narrante di Maria Giaquinto, che conduce lo spettatore in un viaggio emozionante attraverso la poetica frizzante e carica di pathos di Domenico Modugno, rievocando un pezzo importante della storia e del costume dell’Italia dal dopoguerra ai giorni nostri.

Le voci che si alternano nella reinterpretazione diacronica delle canzoni: dal folk degli esordi in dialetto salentino alla musica d’autore sono quelle di alcuni dei massimi talenti musicali del meridione d’Italia da Maria Giaquinto dei Radicanto a Nabil storica voce dei Radiodervish.

Info, prenotazioni, biglietti e abbonamenti:
Ufficio Cultura – Biblioteca Comunale di Rutigliano
Palazzo San Domenico – Via Leopoldo Tarantini, 28
Tel: 0804767306 – Mail: cultura@comune.rutigliano.ba.it
Web: www.comune.rutigliano.ba.it


Auditorium «Don Tonino Bello»
Via Papa Paolo VI, Rutigliano – Bari


AMLETO di e con Michele Sinisi all’Auditorium Don Tonino Bello

In il

amleto michele sinisi

AMLETO
DA WILLIAM SHAKESPEARE
DI E CON MICHELE SINISI
ASSISTENZA MARCELLA NOCERA
COSTUME LUIGI SPEZZACATENE
PRODUZIONE ELSINOR CENTRO DI PRODUZIONE TEATRALE

Amleto si trova in una stanza e vive in completa solitudine la sua storia. Fatti e personaggi sono tutti caduti davanti ai suoi occhi e, malgrado i suoi desideri, deve confrontarsi con ciascuno di questi, prendere delle decisioni. La tragedia sta nel fatto che deve comunque risolvere la sua storia da solo. La storia è quella che tutti noi conosciamo; il testo shakespeariano è smontato e reintrodotto sulla scena attraverso un soliloquio. Amleto contiene nella sua testa la memoria fastidiosa di tutti. Polonio, Re Claudio, Ofelia, Laerte, la madre Gertrude, l’attore della compagnia girovaga: tutti assenti. L’unica compagnia reale sarà il fantasma del padre che, in quanto tale, lo metterà al corrente di ciò che veramente è successo. Le sedie vuote saranno i soli testimoni della sua esperienza. Quella di Amleto è una tragedia che sfugge alle analisi o che le accetta tutte mentre racconta di un uomo che rifiuta tutto. Rimane il mistero di un essere umano chiuso in una stanza, assillato da ricordi e immagini da cui non vede l’ora di liberarsi. L’intensità favolosa delle sue utopie che non riesce a sostenere.

Info, prenotazioni, biglietti e abbonamenti:
Ufficio Cultura – Biblioteca Comunale di Rutigliano
Palazzo San Domenico – Via Leopoldo Tarantini, 28
Tel: 0804767306 – Mail: cultura@comune.rutigliano.ba.it
Web: www.comune.rutigliano.ba.it


Auditorium «Don Tonino Bello»
Via Papa Paolo VI, Rutigliano – Bari


A Rutigliano, al via la prima stagione teatrale all’Auditorium Don Tonino Bello

In il

stagione teatrale rutigliano auditorium don tonino bello

Da Domenica 17 Febbraio

Stagione Teatrale 2019 a Rutigliano
Spettacoli all’Auditorium «Don Tonino Bello»
a cura del Teatro Pubblico Pugliese
e dell’Assessorato comunale alla Cultura

Parte la prima Stagione Teatrale a Rutigliano.
La «Città d’Arte», infatti, è entrata da quest’anno nel circuito del Teatro Pubblico Pugliese (Tpp).
Gli spettacoli si svolgeranno all’Auditorium «Don Tonino Bello» di via Giampaolo, in doppia replica alle ore 18 e alle ore 20.30.
Si comincia Domenica 17 Febbraio, con il «Decameron» di Giovanni Boccaccio, con drammaturgia, regia e interpretazione di Paolo Panaro.
Domenica 10 Marzo sarà la volta di «Amleto» di William Shakespeare , con Michele Sinisi.
Domenica 24 Marzo è in programma «Trapunto di stelle…»: omaggio a Domenico Modugno di Nabil e Radicanto.
La rassegna si concluderà Domenica 7 Aprile con Ettore Bassi che interpreterà «Il Sindaco Pescatore» con la regia di Enrico Maria Lamanna.

Gli spettacoli si svolgeranno la domenica sera in doppia replica alle ore 18 e alle 20.30

Info, prenotazioni, biglietti e abbonamenti:
Ufficio Cultura – Biblioteca Comunale di Rutigliano
Palazzo San Domenico – Via Leopoldo Tarantini, 28
Tel: 0804767306 – Mail: cultura@comune.rutigliano.ba.it
Web: www.comune.rutigliano.ba.it


Auditorium «Don Tonino Bello»
Via Papa Paolo VI, Rutigliano – Bari


“DECAMERON” di e con Paolo Panaro all’Auditorium Don Tonino Bello

In il

paolo panaro compagnia diaghilev

DECAMERON
di Giovanni Boccaccio
diretto e interpretato da
Paolo Panaro
produzione Diaghilev
La storia è ben nota. Siamo nell’anno 1348. A Firenze, la più ricca e potente città d’Europa, infuria la peste nera. Per sfuggire al morbo, sette donne e tre uomini si rifugiano in una villa lontano dalla città. Per distrarsi dai luttuosi eventi, ognuno di loro, per dieci giorni, racconterà una storia al giorno. E’ grazie a questo ‘gioco narrativo’ che oggi possiamo leggere le cento novelle che il Boccaccio ha messo insieme, incorniciate nel libro di novelle per eccellenza, il Decameron.
Secondo l’attore e regista Paolo Panaro la straordinaria macchina narrativa del Decameron scaturisce direttamente dallo spettacolare evento catastrofico della peste di Firenze. Come mai le novelle, i cui caratteri di compiutezza e armoniosità rivaleggiano con i più grandi capolavori, vengono pronunciate nello sconfortante panorama di una città dove tutto è ormai lamento e lutto, con la popolazione decimata dal morbo e migliaia di cadaveri insepolti per le strade? La ricerca parte, dunque, dalla necessità di dimostrare che, sempre e in ogni luogo, è proprio dal gigantesco dramma della morte che nascono i più significativi e importanti corpus narrativi del patrimonio letterario universale. Più è mostruoso il contesto che dà vita a tali opere, più esse esalteranno il piacere della vita e la necessità di contar storie.
Immerso nell’orrendo scenario della pestilenza, Boccaccio sceglie di raccontare ai sopravvissuti alcune piacevoli novelle nella lingua più nobile e raffinata. Sono passati quasi sette secoli dalla peste di Firenze e gli uomini contemporanei ormai ignorano quanto poco valesse la vita durante i giorni di quelle cicliche epidemie. Tuttavia il generoso gesto letterario di Boccaccio, mentre intorno si scatena l’apocalisse, è per noi tutti di esempio e monito: quell’atto dà garanzia che fino a quando qualcuno continuerà a ‘raccontare’ il mondo sarà salvo.
Queste le novelle tratte dal Decameron inserite nello spettacolo: “Introduzione alla prima giornata: la peste nera”, “Madonna Oretta”, “Frate Alberto”, “Pietro di Vinciolo”.

Info, prenotazioni, biglietti e abbonamenti:
Ufficio Cultura – Biblioteca Comunale di Rutigliano
Palazzo San Domenico – Via Leopoldo Tarantini, 28
Tel: 0804767306 – Mail: cultura@comune.rutigliano.ba.it
Web: www.comune.rutigliano.ba.it

Auditorium «Don Tonino Bello»
Via Papa Paolo VI, Rutigliano – Bari