BIFEST 2018: Il programma della 9ª edizione del Bari International Film Festival

In il

Torna a Bari, dal 21 al 28 aprile, il Bif&st – Bari International Film Festival: la dichiarazione del Governatore della Regione Puglia Michele Emiliano

“Sono molte migliaia – ha dichiarato il presidente Emiliano – i giovani, e non solo, che attendono con curiosità e trepidazione le novità proposte dal Bif&st, il festival del cinema di Bari, e che poi seguiranno le centinaia di proiezioni ed eventi che caratterizzano questa imponente e popolare festa del grande cinema italiano e internazionale. La straordinaria partecipazione di pubblico, che si mette in coda dalle prime ore del mattino sino a tarda notte per assistere agli appuntamenti in programma, è il vero fenomeno di questa manifestazione convintamente sostenuta dalla Regione Puglia. E in ragione dell’intenso e vivace programma di questa nona edizione e delle personalità che terranno le Lezioni di cinema annunciate dal direttore Felice Laudadio sono certo che quel pubblico stupendo sarà entusiasta anche quest’anno. Voglio ringraziare Laudadio e il suo gruppo di lavoro, l’Apulia Film Commission e tutta l’organizzazione del festival. Il successo del Bif&st è il successo di una straordinaria squadra della quale il pubblico fa parte ed è protagonista”.

PROGRAMMA DEL BIF&ST 2018

Il programma del Bif&st 2018 presentato oggi a Bari dal direttore Felice Laudadio, con il Governatore della Regione Puglia Michele Emiliano, il Sindaco di Bari Antonio Decaro, l’Assessore all’Industria Turistica e Culturale Loredana Capone e il presidente dell’Apulia Film Commission Maurizio Sciarra

Teatro Petruzzelli

Gli Eventi speciali

Nella sezione non competitiva “Anteprime internazionali” il Teatro Petruzzelli ospiterà in serata di gala, oltre agli Eventi speciali sotto descritti, sei film in anteprima italiana assoluta.

ULTIMO TANGO A PARIGI di Bernardo Bertolucci con Marlon Brando, Maria Schneider, Jean-Pierre Léaud, Maria Michi, Massimo Girotti, Italia-Francia 1972, 129’
Un uomo, rimasto vedovo della moglie suicida, si aggira per Parigi in preda a una irrefrenabile malinconia, dovuta, oltre che alla perdita della sua compagna, a un passato confuso e alla perdita della giovinezza. L’incontro con una giovanissima ragazza borghese e il loro fulmineo rapporto sessuale cambierà la vita di entrambi. Ma l’uomo sembra imprigionato in una sorta di ossessione erotica, che solo in un primo tempo è condivisa dalla giovane donna.

L’evento “Ultimo tango a Parigi”

Quella in programma al Teatro Petruzzelli di Bari il prossimo 28 aprile alle 20.30 sarà l’anteprima mondiale di Ultimo tango a Parigi nell’edizione restaurata in 4k dal grande autore della fotografia Vittorio Storaro (3 volte Premio Oscar) per la Cineteca Nazionale del Centro Sperimentale di Cinematografia. Il leggendario film di Bertolucci – 2 candidature ai Premi Oscar, un premio ai Nastri d’argento, un premio ai David di Donatello e 2 candidature ai Golden Globes – verrà distribuito in maggio nelle sale cinematografiche a cura della CSC Distribution. Un evento di eccezionale importanza. Il film, considerato oggi un classico della storia del cinema, suscitò scandalo alla sua uscita; la censura avviò un procedimento penale contro la pellicola che sfociò nella condanna al rogo del film, decretata il 29 gennaio 1976, per poi essere riabilitata nel 1987. Ultimo tango a Parigi ebbe un enorme successo di pubblico, che portò il film a piazzarsi secondo negli incassi della stagione 1972-1973 in Italia e poi, una volta riabilitato nel 1987, a divenire il più grande incasso di sempre per il cinema italiano con circa 87 miliardi di lire. Al 2016 il film di Bertolucci risulta essere il film italiano di maggior successo della storia in Italia per numero di biglietti staccati con ben 15.623.773 spettatori paganti. Nel 2002 l’American Film Institute lo ha inserito al 48º posto della lista dei “100 migliori film sentimentali di tutti i tempi”.

ARMANDO TROVAJOLI, LA MUSICA TRA TEATRO E CINEMA. Cine-concerto con Rita Marcotulli al pianoforte, Peppe Servillo alla voce, Luciano Biondini alla fisarmonica, Daniele Tittarelli al sax, Ares Tavolazzi al contrabbasso, Alessandro Paternesi alla batteria, Enrico Rava alla tromba. Una produzione originale del Festival Creuza de Mà – Musica per Cinema, ideata da Gianfranco Cabiddu, con la direzione musicale di Rita Marcotulli.
Evento speciale introdotto da Pippo Baudo, grande amico e estimatore di Trovajoli.

Oltre ai film, il programma serale del Teatro Petruzzelli prevede il 22 aprile un evento speciale: un cine-concerto di 90 minuti in ricordo del grande Maestro nel centenario della nascita, con proiezione di immagini dai suoi film e le sue musiche e le sue canzoni, trascritte e arrangiate in una veste nuova, e affidate all’esecuzione di grandi musicisti, in omaggio alla passione di Trovajoli per il jazz che fra l’altro curò le musiche di quasi tutti i film diretti da Ettore Scola, presidente onorario del Bif&st e presidente effettivo fino alla sua scomparsa. Verrà inoltre presentata l’ultima intervista audiovisiva rilasciata dal Maestro (17’) per il Bif&st 2013, pochi giorni prima della sua scomparsa. Il tributo comprenderà inoltre il documentario Armando Trovajoli. Cent’anni di musica di Mario Canale e Annarosa Morri, che verrà presentato al Mulcinema Galleria alle 17 del 21 aprile in Sala 1.

NUOVO CINEMA PARADISO. 30 ANNI DOPO
Alle 16 del 28 aprile al Teatro Petruzzelli verrà presentata, introdotta dal regista, l’edizione restaurata dalla Cineteca di Bologna di Nuovo cinema Paradiso di Giuseppe Tornatore (125’) che 30 anni fa, il 29 settembre 1988, ebbe a Bari – al Cinema Oriente allora esistente – la sua trionfale anteprima mondiale assoluta presente l’intero cast (Philippe Noiret, Jacques Perrin, Brigitte Fossey, Salvatore Cascio, Antonella Attili e il compositore Ennio Morricone).

Panorama internazionale

Verranno presentati in concorso 12 film provenienti da tutto il mondo e presentati al Bif&st in anteprima italiana o internazionale. Una giuria del pubblico – composta da 30 spettatori selezionati e presieduta dallo scrittore e sceneggiatore Gianrico Carofiglio – attribuirà i seguenti riconoscimenti:

Bif&st International Award per il miglior regista
Bif&st International Award per il miglior attore protagonista
Bif&st International Award per la migliore attrice protagonista.
N.B. – I film selezionati in tutto il mondo per le due sezioni verranno resi noti il prossimo 13 aprile in conferenza stampa alla Casa del Cinema di Roma, trasmessa anche in streaming.

Lezioni di cinema

Alcune prestigiose personalità del cinema e della cultura terranno ogni mattina al Teatro Petruzzelli intorno alle 11.00, al termine di un film da loro diretto o interpretato, una Lezione di cinema. Queste le personalità invitate, con indicazione dei film che precederanno le lezioni:

Pierfrancesco Favino – ACAB, All Cops Are Bastard di Stefano Sollima (21 aprile)
Pippo Baudo – presentazione di alcune clips con il famoso presentatore (22)
Micaela Ramazzotti – La prima cosa bella di Paolo Virzì (23)
in attesa di conferma da personalità del cinema (24)
Mario Martone – Il giovane favoloso di Mario Martone (25)
Margarethe von Trotta, Gianrico Carofiglio, Giancarlo De Cataldo – Il lungo silenzio di Margarethe von Trotta (26)
Vittorio Storaro – Il conformista di Bernardo Bertolucci (27)
Bernardo Bertolucci – Strategia del ragno di Bernardo Bertolucci (28).
“Federico Fellini Platinum Award for Cinematic Excellence”

I premi con il profilo di Federico Fellini disegnato da Ettore Scola e riprodotto in platino dai nostri sponsor Monile e MarioMossaGioielliere verranno conferiti all’attore Pier Francesco Favino, all’attrice Micaela Ramazzotti, al regista Mario Martone e al regista pluripremiato con l’Oscar Bernardo Bertolucci al quale il Premio Fellini verrà consegnato da un altro Premio Oscar, Giuseppe Tornatore.

A Pippo Baudo verrà conferito il “Federico Fellini Platinum Award for Artistic Excellence”.

Multicinema Galleria

ItaliaFilmFest – Lungometraggi in concorso

La giuria stabile del Bif&st composta da 9 critici – Francesco Alò (Il Messaggero), Valerio Caprara (Il Mattino), Paolo D’Agostini (La Repubblica), Francesco Gallo (ANSA), Alessandra Levantesi Kezich (La Stampa), Paolo Mereghetti (Corriere della Sera), Franco Montini (presidente SNCCI), Federico Pontiggia (Il Fatto Quotidiano e La Rivista del Cinematografo), Silvana Silvestri (Il Manifesto) – attribuirà i seguenti riconoscimenti scegliendo fra i migliori film italiani dell’anno selezionati dal direttore del festival e passati nelle sale o nei festival internazionali da aprile 2017 al 5 aprile 2018, ovvero ancora inediti: Premio Mario Monicelli per il miglior regista; Premio Franco Cristaldi per il miglior produttore; Premio Tonino Guerra per il miglior soggetto; Premio Luciano Vincenzoni per la migliore sceneggiatura; Premio Anna Magnani per la migliore attrice protagonista; Premio Vittorio Gassman per il miglior attore protagonista; Premio Alida Valli per la migliore attrice non protagonista; Premio Alberto Sordi per il miglior attore non protagonista; Premio Ennio Morricone per il miglior compositore delle musiche; Premio Giuseppe Rotunno per il miglior direttore della fotografia; Premio Dante Ferretti per la migliore scenografia; Premio Roberto Perpignani per il miglior montaggio; Premio Piero Tosi per i migliori costumi.

I film premiati per la sezione ItaliaFilmFest saranno annunciati il 13 aprile e verranno consegnati una sera dopo l’altra dal 21 al 27 aprile al Teatro Petruzzelli. I vincitori parteciperanno, prima della proiezione dei loro film al Galleria, ad un Focus su… condotto da Franco Montini al Circolo Barion.

ItaliaFilmFest – Opere prime e seconde in concorso

Una giuria del pubblico – composta da 30 spettatori selezionati e presieduta dallo scrittore e sceneggiatore Giancarlo De Cataldo – attribuirà i seguenti riconoscimenti ai 12 film italiani selezionati in concorso prescelti dal direttore artistico fra le migliori opere prime e seconde dell’anno uscite in sala o passate nei festival internazionali entro il 5 aprile 2018, ovvero ancora inediti: Premio Ettore Scola per il regista della migliore opera prima o seconda; Premio Mariangela Melato per il cinema per la migliore attrice protagonista; Premio Gabriele Ferzetti per il miglior attore protagonista; due Premi Nuovo IMAIE agli attori rivelazione. Questi i primi 11 film selezionati:

Brutti e cattivi di Cosimo Gomez
Cuori puri di Roberto De Paolis
Gatta Cenerentola di Alessandro Rak, Ivan Cappiello, Marino Guarnieri e Dario Sansone
Hannah di Andrea Pallaoro
Figlia mia di Laura Bispuri
Il contagio di Matteo Botrugno, Daniele Coluccini
La ragazza nella nebbia di Donato Carrisi
L’intrusa di Leonardo Di Costanzo
Sicilian Ghost Story di Fabio Grassadonia, Antonio Piazza
Tito e gli alieni di Paola Randi
Veleno di Diego Olivares
Pressoché tutti i registi dei film in concorso nelle due sezione dell’ItaliaFilmFest saranno presenti al Bif&st, quasi sempre accompagnati dagli attori protagonisti.

Cinema & Scienza: Werner Herzog

Sull’onda della estremamente positiva esperienza svoltasi nel 2016 con il ciclo “Cinema & Scienza” patrocinato dal Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR) e dall’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV), il Bif&st 2018 presenterà una rassegna di sette film documentari diretti dal grande regista tedesco Werner Herzog, al termine di ciascuno dei quali un insigne scienziato commenterà per e con il pubblico le immagini passate sullo schermo. Il ciclo, coordinato da Orsetta Gregoretti e Silvia Mattoni, dell’ufficio Comunicazione e Stampa del CNR, e organizzato in collaborazione con l’Università degli Studi Aldo Moro di Bari, con il Politecnico di Bari e il Goethe-Institut Rom, vedrà Margarethe von Trotta – insieme al critico Klaus Eder – impegnata a presentare i sette film di Herzog in programma al Multicinema Galleria che verranno commentati dagli scienziati Enrico Alleva, Carlo Doglioni (presidente dell’INGV), Domenico Laforenza, Antonio Meloni, Massimiliano Pasqui, Guido Ventura, e da Vito Pertosa.

Lo and Behold, Reveries of the Connected World di Werner Herzog – USA 2016, 108’
Into the Inferno di Werner Herzog. Con Werner Herzog, Clive Oppenheimer, Tim White, Adam Bobette, Yun Yong Gun – Gran Bretagna, Austria 2016, 104’
Cave of Forgotten Dreams di Werner Herzog. Con Werner Herzog, Charles Fathy, Jean Clottes, Julien Monney, Jean-Michel Geneste – Francia, Canada, USA, Gran Bretagna, Germania 2010, 95’
Encounters at the End of the World di Werner Herzog – USA 2007, 99’
Grizzly Man di Werner Herzog – USA 2005, 103’
The White Diamond di Werner Herzog – Gran Bretagna, Germania 2005, 90’
Fata Morgana di Werner Herzog. Con Lotte Eisner, Wolfgang Bachler, Manfred Eigendorf, Wolfgang Von Ungern-Sternberg – Germania 1970, 78’.
Verranno inoltre presentati tre altri contributi di e con Herzog:

Lezioni di cinema di Werner Herzog. L’orientamento nel cinema, 1991, 35’. Video
Lezioni di cinema di Werner Herzog. Su e con Volker Schlöndorff, 1991, 29’. Video
Un commento di Werner Herzog, 42’. Video

Cinema & Arte

Un binomio inscindibile che ha trovato, nella narrazione cinematografica, decine di capolavori che hanno saputo fondere le immagini dell’arte e quelle (in movimento) del cinema. Verranno presentati tre film significativi, uno dei quali – di Luca Verdone – in anteprima mondiale:

THE GIRL WITH A PEARL EARRING (La ragazza con l’orecchino di perla) di Peter Webber con Scarlett Johansson, ColIN Firth, Tom Wilkinson, UK-Lussemburgo 2003, 90’
LE MEMORIE DI GIORGIO VASARI: UN ARTISTA TOSCANO di Luca Verdone con Brutius Selby, Dino Santoro, Daniele Monterosi, Italia 2017, 94’, anteprima mondiale
LA MIGLIORE OFFERTA di Giuseppe Tornatore con Geoffrey Rush, Jim Sturgess, Sylvia Hoechs, Donald Sutherland, Italia 2013, 131’

Cinema & Musica: Luis Bacalov

Per onorare la memoria del Maestro Luis Bacalov, recentemente scomparso, verranno presentati quattro film fra i tanti da lui musicati. Il Premio Oscar Luis Bacalov, per altro, è stato direttore principale dell’Orchestra ICO della Magna Grecia di Taranto. Questi i film in programma:

IL POSTINO di Michael Radford con Massimo Trosi, Philippe Noiret, Italia 1994
DJANGO di Sergio Corbucci con Franco Nero, Italia 1966
IL CONSIGLIO D’EGITTO di Emidio Greco, con Silvio Orlando, Italia 2002
HOTEL MEINA di Carlo Lizzani con Ivana Lotito, Ernesto Mahieux, Italia 2007

Cinema & Medicina

Le relazioni tra cinema e medicina – scrive Nicola Laforgia – sono molteplici e hanno attraversato, da sempre, la storia della settima arte. Così come il cinema ha raccontato la sofferenza, la malattia, i successi, le gioie e le tragedie, la medicina ha veicolato i propri successi, le proprie incertezze, i dubbi e le certezze attraverso quello che resta uno dei più formidabili mezzi di diffusione della cultura. La cultura del sapere medico scientifico non è “altro” rispetto alla cultura del bello, dell’arte e del cinema, e l’incontro tra i due mondi consente a noi medici di essere più capaci di interpretare al meglio il nostro ruolo, perché cultura settoriale e “di parte”, solo scientifica, non è cultura. La conoscenza del mondo aiuta a strutturare il rapporto con il paziente che resta un obiettivo fondamentale della medicina, anche, e forse soprattutto, oggi, quando l’uso di tecnologie sempre più raffinate e invadenti rischia di mettere in secondo piano il rapporto personale che esprime quella capacità di cura che riesce ad essere davvero efficace. Sulla base di questi presupposti, il Bifest ospita la rassegna “Cinema e Medicina” che quest’anno – una sorta di anno zero che prelude a una collaborazione strutturata annuale – avrà incursioni diverse nelle varie branche della medicina, e che, oggi, si sviluppa toccando i temi dei disturbi dello spettro autistico del bambino e delle patologie degli organi di senso.

Sabato 21 aprile, Multicinema Galleria, Sala 3:

10.00 Io sono Mateusz di Maciej Pieprzyca, Polonia 2103, 112’
A seguire incontro con il prof. Nicola Laforgia (Direttore Neonatologia Università) e la Prof.ssa Lucia Margari (Direttore Neuropsichiatria Infantile Università). Intervengono la prof.ssa Maria Elisabetta Baldassarre e il dott. Antonio Di Mauro, associazioni di genitori.
15.00 Non guardarmi, non ti sento di Arthur Hiller, USA 1989, 103’
A seguire incontro con il prof. Antonio Quaranta (Direttore Otorinolaringoiatria Università) e il prof. Giovanni Alessio (Direttore Clinica Oculistica Università). Intervengono il dott. Giuseppe Porro e il dott. Ugo Procoli.
18.00 La Magnifica ossessione di Douglas Sirk, USA 1954, 108’
A seguire dibattito e discussione libera.
RETROSPETTIVE – con la collaborazione del CSC-Cineteca Nazionale

La memoria, la storia: Festival Marco Ferreri

Per la grande retrospettiva dedicata a Marco Ferreri – con la collaborazione determinante della Cineteca Nazionale del Centro Sperimentale di Cinematografia – questi i film previsti:

Lungometraggi:

El pisito, co-regia di Isidoro Ferry (1958)
El cochecito – La vetturetta (1960)
Una storia moderna: l’ape regina (1963)
La donna scimmia (1964)
Marcia nuziale (1965)
L’harem (1967)
Break up/L’uomo dei cinque palloni (1968)
Dillinger è morto (1969) copia restaurata dal CSC-Cineteca Nazionale nel 2017
Il seme dell’uomo (1969)
L’udienza (1971)
La cagna (1972)
La grande abbuffata (1973)
Non toccare la donna bianca (1974)
L’ultima donna (1976)
Ciao maschio (1978)
Chiedo asilo (1979)
Storie di ordinaria follia (1981)
Storia di Piera (1983)
Il futuro è donna (1984)
I Love You (1986)
Come sono buoni i bianchi (1988)
La casa del sorriso (1991)
La carne (1991)
Diario di un vizio (1993)
Nitrato d’argento (1996)

Cortometraggi

L’infedeltà coniugale (Gli adulteri) episodio di Le italiane e l’amore (1961)
Il professore episodio di Controsesso (1964)
L’uomo dei cinque palloni episodio di Oggi, domani, dopodomani (1965)

Documentari

Perché pagare per essere felici di Marco Ferreri (1971, 46’)
Corrida! di Marco Ferreri (1966, 88’)

Film TV

Yerma di Marco Ferreri con Edmonda Aldini, Franco Citti, Michele Placido, Italia 1978, 151’

Documentari su Marco Ferreri

La lucida follia di Marco Ferreri di Anselma Dell’Olio, 2017, 80’
Marco Ferreri. Il regista che venne dal futuro di Mario Canale e Annarosa Morri, 2007, 95’
Irriverente Ferreri di Maite Carpio, 2007, 60’

Mostra fotografica dedicata a Marco Ferreri

Circa 90 immagini provenienti dall’Archivio fotografico della Cineteca Nazionale, in bianco e nero e a colori, scattate sui set dei film di Ferreri, comporranno la grande mostra fotografica che, come ogni anno, si svilupperà all’aperto tutt’intorno al Teatro Petruzzelli.

Incontri su Marco Ferreri e Franco Cristaldi. Libri su Laura Morante e Luciano Tovoli

In collaborazione con la libreria La Feltrinelli si svolgeranno al Circolo Barion alle ore 19, dal 22 al 28 aprile, sette incontri dedicati alla figura e al lavoro di Marco Ferreri e di Franco Cristaldi coordinati dal critico francese Jean Gili, fra i massimi esperti del cinema italiano. È prevista la partecipazione di attori e attrici, e di altri collaboratori, che con Ferreri hanno lavorato e di autori di documentari sul grande cineasta, fra i quali Andréa Ferréol, Serge Toubiana, Nicoletta Ercole, Tilde Corsi, Maurizio Donadoni, Piera Degli Esposti, Anselma Dell’Olio, Mario Canale, Maite Carpio ecc.

Per gli incontri su Franco Cristaldi verranno invitati a parlarne Maurizio Nichetti, Paola Pitagora, Marco Bellocchio, Giuseppe Tornatore, Antonella Attili, e naturalmente Zeudi Araya e Massimo Cristaldi e altri ancora in attesa di conferma.

Infine verranno presentati a La Feltrinelli due libri: Laura Morante in punta di piedi di Stefano Iachetti e un secondo sul grande direttore della fotografia Luciano Tovoli.

La memoria, la storia: Festival Franco Cristaldi

Nel 1988 fu presentato a Bari in anteprima mondiale, nell’ambito del festival EuropaCinema ideato e diretto da Felice Laudadio, il film di Giuseppe Tornatore Nuovo Cinema Paradiso che successivamente avrebbe ottenuto il Premio speciale della giuria del festival di Cannes e il Premio Oscar. È questo lo spunto da cui prende avvio il tributo dedicato al grande produttore Franco Cristaldi, organizzato in collaborazione con la Cineteca Nazionale e la Cineteca di Bologna. Per l’occasione verrà allestita nell’atrio del Palazzo della Provincia una mostra iconografica a cura di Ninni Panzera incentrata sul film di Tornatore a 30 dalla sua anteprima barese. Questi i film, cui si aggiungerà il doc di Massimo Spano Franco Cristaldi e il suo cinema “Paradiso” (2008, 102’):

1988 Nuovo Cinema Paradiso (producer)
1986 Il nome della rosa (co-producer)
1980 Café Express (producer)
1979 Ratataplan (producer)
1979 Cristo si è fermato a Eboli (producer)
1973 Amarcord (producer)
1973 Lucky Luciano (producer) copia restaurata della Cineteca Bologna
1972 L’udienza (producer) anche per il Festival Marco Ferreri
1972 Il caso Mattei (producer)
1971 Nel nome del padre (producer)
1965 Vaghe stelle dell’Orsa… (producer)
1964 Gli indifferenti (producer)
1964 Sedotta e abbandonata (producer)
1964 La ragazza di Bube (producer)
1963 I compagni (producer)
1963 Omicron (producer)
1962 Salvatore Giuliano (producer)
1961 Divorzio all’italiana (producer)
1960 Kapò (producer)
1959 I magliari (producer)
1958 La sfida (producer)
1958 L’uomo di paglia (producer)
1958 I soliti ignoti (producer)
1958 Un ettaro di cielo (producer)
1957 Le notti bianche (producer)
Eventi speciali Multicinema Galleria

Dei di Cosimo Terlizzi, Italia 2017, prodotto da Riccardo Scamarcio e Valeria Golino.
The Fabulous Trickster di Luigi Cinque, Italia 2017, 96’ (anteprima), con – a seguire – un concerto dedicato a Antonio Infantino, il famoso musicista, poeta e artista lucano recentemente scomparso. A cura della Lucana Film Commission (27 aprile)
Io sono qui di Gabriele Gravagna, Italia 2017, 33’, documentario UNICEF.
Pertini il combattente di Graziano Diana e Giancarlo De Cataldo, Italia 2018, 76’

Laboratori (Palazzo ex Poste – Università degli Studi)

Dopo la positiva esperienza degli innumerevoli seminari formativi svoltisi negli anni passati verranno organizzati due laboratori di formazione con la partecipazione, per ciascuno dei due, di 30 giovani selezionati sulla base dei loro C.V.: un laboratorio dedicato al mestiere del direttore della fotografia, condotto da Luciano Tovoli; e un secondo dedicato alla critica cinematografica, condotto da un noto critico della stampa quotidiana, Paolo D’Agostini.

Conferenze e incontri al Colonnato del Palazzo della Provincia

Tutti i film presentati nelle diverse sezioni – esclusi quelli delle retrospettive – avranno la loro conferenza stampa, aperta anche al pubblico, il giorno successivo alla loro proiezione. Sono inoltre previsti i seguenti incontri:

Incontro sulle attività dell’UNICEF con Rossella Del Conte (22 aprile, h. 15.45)
Forum su “Cina e cinema” a cura dell’Apulia Film Commission (23 aprile, h. 15.45)
Nuovo IMAIE. La sua storia, le sue attività, con il presidente Andrea Micciché (26, h 15.45)

IL BIF&ST PER LE SCUOLE

Dal 21 al 28 aprile la Sala 1 del Multicinema Galleria ospiterà 8 proiezioni a ingresso gratuito per gli studenti delle scuole medie secondarie di Bari e provincia. I film in programma fanno parte del Tributo dedicato a Franco Cristaldi e sono i seguenti: I soliti ignoti di Mario Monicelli, Divorzio all’italiana di Pietro Germi, Salvatore Giuliano di Francesco Rosi, Nel nome del padre di Marco Bellocchio, Amarcord di Federico Fellini, Ratataplan di Maurizio Nichetti, Café express di Nanni Loy e Nuovo cinema Paradiso di Giuseppe Tornatore.

IL BIF&ST

Il Bif&st 2018, nona edizione del Bari International Film Festival, è posto sotto l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica, promosso dalla Regione Puglia – presidente Michele Emiliano; dall’Assessorato all’Industria Turistica e Culturale retto da Loredana Capone; con la collaborazione del Comune di Bari, sindaco Antonio Decaro; prodotto dalla Fondazione Apulia Film Commission presieduta da Maurizio Sciarra, direttore generale Antonio Parente. Main media partner: RAI. Media partner: Corriere del Mezzogiorno, La Gazzetta del Mezzogiorno, La Repubblica, Ilikepuglia, La Feltrinelli. In collaborazione con l’Università degli Studi Aldo Moro e il Politecnico di Bari.

Presidente del Bif&st – ideato e diretto da Felice Laudadio – è la regista Margarethe von Trotta, presidente onorario è Ettore Scola. Consulente della direzione direzione artistica: Fabio Ferzetti, direttore organizzativo: Angelo Ceglie. RUP: Cristina Piscitelli. Coordinamento: Angela B. Saponari. Project manager: Serge D’Oria.

Sponsor della manifestazione – che nell’edizione 2017 fece registrare la presenza di oltre 75.000 spettatori – sono Confindustria Bari e BAT presieduta da Domenico De Bartolomeo, ANCE Bari e BAT presieduta da Giuseppe Fragasso, il Gruppo Menelao presieduto da Michele Boccardi e il Gruppo Marino Automobili presieduto da Luisa Cavallo Marino. Sponsor tecnici sono le società Monile di Aldo Arata e MarioMossa Gioielliere, Aeroporti di Puglia, Circolo Barion.

Il Bif&st è una iniziativa della Regione Puglia – Assessorato Industria Turistica e Culturale a valere sulla dotazione del FSC 2014-2020, Patto per la Puglia, Area di intervento IV.

www.bifest.it


Bifest 2018: PIERFRANCESCO FAVINO al Teatro Petruzzelli per Lezioni di Cinema – Ingresso Gratuito

In il

pierfrancesco favino bifest 2018 bari

Ad aprire il ciclo Lezioni di cinema di questa edizione sarà sabato 21 aprile ore 11.00 – Teatro Petruzzelli, al termine del film “ACAB, All Cops Are Bastard” di Stefano Sollima OfficialPage, l’attore Pierfrancesco Favino.
Ingresso libero e gratuito

Lezioni di cinema:

Alcune prestigiose personalità del cinema e della cultura terranno ogni mattina al Teatro Petruzzelli intorno alle 11.00, al termine di un film da loro diretto o interpretato, una Lezione di cinema. Queste le personalità invitate, con indicazione dei film che precederanno le lezioni:

Pierfrancesco Favino – ACAB, All Cops Are Bastard di Stefano Sollima (21 aprile)
Pippo Baudo – presentazione di alcune clips con il famoso presentatore (22 aprile)
Micaela Ramazzotti – La prima cosa bella di Paolo Virzì (23 aprile)
Antonio Albanese- Qualunquemente di Giulio Manfredonia (24 aprile)
Mario Martone – Il giovane favoloso di Mario Martone (25 aprile)
Margarethe von Trotta, Gianrico Carofiglio, Giancarlo De Cataldo – Il lungo silenzio di Margarethe von Trotta (26 aprile)
Vittorio Storaro – Il conformista di Bernardo Bertolucci (27 aprile)
Bernardo Bertolucci – Strategia del ragno di Bernardo Bertolucci (28 aprile)

Per il programma completo del Bifest CLICCA QUI


SPACE WORDS 2 – Scienza e Fantascienza alla Fiera del Levante

In il

rassegna cinematografica space words planetario sky skan

Cari amici,

il Planetario di Bari in collaborazione con la Fondazione Apulia Film Commission, l’Università degli Studi di Bari Seminario di Storia della Scienza e Multiversi Divulgazione Scientifica è lieta di presentare la Rassegna Cinematografica dal titolo “Space Words 2…Scienza e Fantascienza alla Fiera del Levante”.

All’interno della Fiera del Levante, tra il Planetario ed il Cineporto, nei giorni 5-12-19 Aprile alle ore 20:00 saranno introdotte da docenti e ricercatori universitari tre pellicole di fantascienza dalle quali saranno estrapolati spunti per un’indagine scientifica, letteraria e di costume.
Le presentazioni saranno tenute all’interno del Planetario di Bari, le proiezioni dei film saranno realizzate nella sala dell’adiacente Cineporto.

Questo il calendario :

Giovedì 5 Aprile
Il prof. Francesco Paolo de Ceglia presenta The Butterfly Effect

Giovedì 12 Aprile
Il dott. Lorenzo Leporiere presenta Mr. Nobody

Giovedì 19 Aprile
il dott. Stefano Daniele presenta Source Code

INGRESSO GRATUITO

Info e contatti
Pierluigi Catizone
www.planetariobari.com
info@ilplanetariodibari.com
tel 393 4356956


Festival delle donne e dei saperi di genere 2018 – VII° edizione

In il

festival delle donne e dei saperi di genere 2018

Festival delle donne e dei saperi di genere
2018 – VII edizione
Nel segno delle migrazioni

Mercoledì 4 aprile ore 16:30
Ex PalaPoste Sala A, Piazza Cesare Battisti
Saluti
Titti Caterina De Simone (Consigliera del Presidente della Regione Puglia)
Paolo Ponzio (Direttore del DISUM UniBA)
Aurora Vimercati (Presidente CUG UniBA)
Rosa Gallelli (Coordinatrice CISCuG UniBA)
• Sicurezza e migrazioni. Un punto di vista femminista •
Tamar Pitch (UniPerugia) dialoga con Francesca R. Recchia Luciani (UniBA) e Julia Ponzio (UniBA)

Mercoledì 4 aprile ore 20:00
Cineporto di Bari, Lungomare Starita 1, Fiera del Levante
● CINEMA MIGRANTE E ATTRAVERSAMENTI IDENTITARI ●
a cura di Francesca R. Recchia Luciani e Rosanna Santoro
• La parola altra, le parole dell’altra •
“Terceiro andar” un film di Luciana Fina
Introduce Maurizio Sciarra (presidente della Fondazione Apulia Film Commission)
Ne discutono, alla presenza della regista, Giulia Colaizzi (Universitat de València), Lea Durante (UniBA) e Luciano Ponzio (UniSalento)
a seguire Aperitivo dal mondo a cura di Ethnic Cook – Bari presentato da Ana Estrela

Giovedì 5 aprile ore 16:30
Ex PalaPoste Sala A, Piazza Cesare Battisti
● NARRARE LE MIGRAZIONI AL FEMMINILE ●
in collaborazione con Corecom Puglia e Ordine Dei Giornalisti Della Puglia – Bari
• Altre migrazioni. “Cervelli in fuga”: quale informazione? •
Cecilia Laschi (Scuola Superiore Sant’Anna Pisa) Lorena Saracino (presidente CORECOM Puglia) Rosanna Quagliariello (CIHEAM-Istituto Agronomico Mediterraneo Bari) Khairy Aboughali (CAP Uniba – Progetto ComeIn) interviene Chantal Saint-Blancat (UniPadova)

venerdì 6 aprile ore 16:30
Aula Magna, Palazzo Ateneo
● NARRARE LE MIGRAZIONI AL FEMMINILE ●
in collaborazione con CORECOM e Ordine dei giornalisti di Puglia
e con Punti Cospicui – Corpi Migranti
• Storie di donne e di padroni: la rappresentazione del lavoro femminile nei campi tra molestie e schiavitù •
proiezione de “La giornata”, cortometraggio di Pippo Mezzapesa
Stefania Prandi (giornalista e fotografa) Yvan Sagnet (Cavaliere della Repubblica Italiana, presidente associazione NOCAP) Antonella Gaeta (giornalista) Rosaria Capuozzi (presidente Cooperativa Il Filo di Arianna Foggia)

MATERA
sabato 7 aprile ore 18:00
Museo Archeologico Nazionale D. Ridola – Via Ridola, 24
• Questioni di “gender” •
Introduce Vanessa Vizziello (associazione RiSvolta Matera)
Sara Garbagnoli (Université Paris 3 Sorbonne Nouvelle) e Massimo Prearo (UniVerona), autor* di La crociata “anti-gender”. Dal Vaticano alle manif pour tous (Kaplan ed.), ne discutono con Yàdad de Guerre (attivista diritti umani)

Lunedì 9 aprile ore 16:30
Ex PalaPoste Sala A, Piazza Cesare Battisti
• Questioni di “gender” •
Introduce Antonio Marzano (FeDoSaGe)
Sara Garbagnoli (Université Paris 3 Sorbonne Nouvelle) e Massimo Prearo (UniVerona), autor* di La crociata “anti-gender”. Dal Vaticano alle manif pour tous (Kaplan ed.), ne discutono con Yàdad de Guerre (attivista diritti umani)

martedì 10 aprile ore 16:30
Ex PalaPoste Sala A, Piazza Cesare Battisti
• Vulnerabilità soggettività migrazioni •
in collaborazione con Punti Cospicui – Corpi Migranti
Massimo Prearo (UniVerona), Marie Moïse (UniPadova) ed Ethan Bonali (blogger e attivista queer)

martedì 10 aprile ore 20:00
Buò – crudo, cotto e mangiato, Bistrot bio, Via Goffredo Mameli, 4
• Feminist Happy Hour •
in collaborazione con Punti Cospicui – Corpi Migranti
Incontro con Marie Moïse, traduttrice di “Donne, genere e razza” di Angela Davis (Edizioni Alegre), e con Alessandra Pigliaru (giornalista) e Francesca R. Recchia Luciani (UniBA)

mercoledì 11 aprile ore 16:30
Ex PalaPoste Sala A, Piazza Cesare Battisti
● NARRARE LE MIGRAZIONI AL FEMMINILE ●
in collaborazione con CORECOM e Ordine dei giornalisti di Puglia
• Speciale Bari-Albania: quando l’integrazione funziona? •
Saluti di Antonio Felice Uricchio (Magnifico Rettore UniBA “A.Moro”)
Alketa Vako (scrittrice), Alessandra Pigliaru (giornalista), Ketty Nardulli (sociologa), Uliana Gazidede (avvocata), Parashqevi Capo e Ermelinda Spaho (associazione Onda perfetta Bari)

mercoledì 11 aprile ore 20:00
Cineporto di Bari, Lungomare Starita 1, Fiera del Levante
● CINEMA MIGRANTE E ATTRAVERSAMENTI IDENTITARI ●
a cura di Francesca R. Recchia Luciani e Rosanna Santoro
• Biografie in movimento •
“My name is Adil” un film di Adil Azzab Andrea Pellizzer Magda Rezene
Ne discutono, alla presenza del regista Adil Azzab, Clarissa Veronico (curatrice teatrale) ed Erminia Rizzi (associazione Gruppo Lavoro Rifugiati)
in collaborazione con Punti Cospicui – Corpi Migranti

venerdì 13 ore 17:00
Alliance Française Bari, Via Marchese di Montrone, 39
● CINEMA MIGRANTE E ATTRAVERSAMENTI IDENTITARI ●
a cura di Francesca R. Recchia Luciani e Rosanna Santoro
• Marguerite Duras, la “decostruzione del cinema” •
Introduce Mimmo D’Oria (Alliance française Bari)
Corinne Collomb (Alliance française Bari) ricorda Jeanne Moreau e presenta “India song” (1974) 120’ film di Marguerite Duras

lunedì 16 aprile ore 16:30
Ex PalaPoste Sala A, Piazza Cesare Battisti
● NARRARE LE MIGRAZIONI AL FEMMINILE ●
in collaborazione con CORECOM e Ordine dei giornalisti di Puglia
e con Punti Cospicui – Corpi Migranti
• Dalla segregazione alla connessione: donne migranti e Islam •
Giuliana Sgrena (giornalista) Sabrina Marchetti (UniVenezia) Fulvia Antonelli (UniBologna) Roula Khadra (CIHEAM-Istituto Agronomico Mediterraneo Bari)

lunedì 16 aprile ore 20:00
Cineporto di Bari, Lungomare Starita 1, Fiera del Levante
● CINEMA MIGRANTE E ATTRAVERSAMENTI IDENTITARI ●
a cura di Francesca R. Recchia Luciani e Rosanna Santoro
• Pioniere: Alice Guy–Blanché, la prima donna regista •
Programma muto 43’ 1902/1906 con commento musicale al pianoforte dal vivo
Programma sonoro 20’ 1906
“Alice Guy–Blanché: Qui est Alice Guy?”, documentario di Nicole-Lise Bernheim, 1975, Francia, 14’, col
Saranno presenti Cecilia Mangini (documentarista) e Domenico D’Oria (presidente Alliance française Bari), introduce Giandomenico Vaccari (vicepresidente della Fondazione Apulia Film Commission), presentano Angela Bianca Saponari (UniBA) e Federico Zecca (UniBA)

martedì 17 aprile ore 16:30
Ex PalaPoste Sala A, Piazza Cesare Battisti
• La disputa sugli universali. Nomi, pronomi e soggetti politici •
Jamila Mascat (Università di Utrecht) dialoga con Natascia Mattucci (UniMacerata) e Valeria Stabile (UniBologna)

Mercoledì 18 aprile ore 18:00
Caffè D’Arte – Bari – DolceAmaro srl, Via San Francesco d’Assisi, 11
• Leggere in presenza •
in collaborazione con i Presìdi del Libro
Incontro con Caterina Serra su “Padreterno” (Einaudi)
Presenta Marina Losappio (associazione Presìdi del Libro) dialoga con l’autrice Clarissa Veronico (curatrice teatrale)

giovedì 19 ore 16:30
Aula Magna, Palazzo Ateneo
• Le parole per dirlo •
Paola Leone (regista e pedagogista teatrale) presenta il videoracconto
Le Spose di BB di Stelvio Attanasi
Benedetta Pintus e Laura de Bonfils, blogger di PASIONARIA.IT, dialogano con Caterina Serra (scrittrice e sceneggiatrice)

venerdì 20 ore 10:00-13:00 e ore 14:00-17:00
Ex PalaPoste Sala B, Piazza Cesare Battisti
• Conosci i tuoi diritti! Workshop sul diritto di libera circolazione in Europa •
a cura dell’organizzazione internazionale European Alternatives e dell’associazione culturale multietnica Mama Africa di Bari
Stephen Ogbonna (presidente dell’associazione Mama Africa)
Marina Schirone (vicepresidente dell’associazione Mama Africa)
Bledar Feta (Greek Institute of Research and Training on European Affairs di Atene – Grecia)
Urska Kriznar (Slovenian Institute for Sustainable Community Practice di Skofia Loka – Slovenia)
Martin Pairet (Network Manager European Alternatives)
Andrea Zitani (avvocato)

• Diritto alla parola! L’esperienza della “squola” •
a cura della Scuola Penny Wirton Bari: insegnamento gratuito della lingua italiana ai migranti
Rosalina Ammaturo e Licia Positò
Interventi e testimonianze degli studenti e delle studentesse della “Squola”

*Su richiesta sarà rilasciato attestato di frequenza per acquisizione crediti formativi

Festival delle Donne e dei Saperi di Genere è organizzato dal DISUM Dipartimento di Studi Umanistici e dal CISCuG Centro Interdipartimentale di Studi sulla Cultura di Genere dell’Università degli Studi di Bari “Aldo Moro”, con il sostegno della Regione Puglia, della Fondazione Apulia Film Commission e del CORECOM Puglia, nonché con il patrocinio dell’Ordine dei giornalisti di Puglia.

Direzione: Francesca R. Recchia Luciani (DISUM e CISCuG-UniBA)
Comitato scientifico-organizzativo: Rosa Gallelli (coordinatrice CISCuG-UniBA), Julia Ponzio e Ida Porfido (CISCuG-UniBA), Lea Durante (DISUM-UniBA), Clarissa Veronico (Punti Cospicui), Marina Schirone (Mama Africa), Vanessa Vizziello (RiSvolta-Matera), Rosanna Santoro, Antonio Marzano, Valeria Stabile

Ufficio stampa: Marilù Ursi
Comunicazione: Annalisa Colucci
Festival trailer: Nole Biz
Media partner: ILikePuglia, Libreria Millelibri – Poesia e altri mondi
Grafica e illustrazioni: Serena Semeraro

COL PATROCINIO DI:
Università di Bari “Aldo Moro”: Centro Interdipartimentale di Studi sulla Cultura di Genere / DISUM Dipartimento di Studi Umanistici

Regione Puglia

Fondo per lo sviluppo e la coesione (FSC)

Apulia Film Commission
Cineporti di Puglia-Apulia – Film Commission
Centro Studi Ricerca e Formazione – Apulia Film Commission

CORECOM Puglia

Ordine dei giornalisti di Puglia

PARTNER:
Punti Cospicui
Alliance française de Bari
Associazione RiSvolta Matera
Libreria Millelibri
ILikePuglia
L’Indice dei libri del mese
Presìdi del Libro
Buò – crudo, cotto e mangiato – Bistrot bio
TerraTerra Bistrot
Link Coordinamento Universitario Bari
Short Master “Teorie e didattiche dei diritti delle differenze. Femminismi e saperi di genere”- UniBA
Il Festival delle Donne e dei Saperi di Genere aderisce alla rete #NonUnaDiMeno


Luca Bellino e Silvia Luzi a “Registi fuori dagli sche(r)mi”

In il

luca bellino silvia luzi registi fuori dagli schermi

Recita o realtà, finzione o documentario, cosa è “vero” e cosa è sceneggiato? Il Cratere – film, passato in concorso alla scorsa Settimana Internazionale della Critica del Festival di Venezia e vincitore poi del 30° 東京国際映画祭 TOKYO INTERNATIONAL FILM FESTIVAL; è un cortocircuito straordinario tra le infinite possibilità di filmare e raccontare. Raccontare cosa poi? Il rapporto tra un padre e una figlia in un mondo – quasi a parte, in qualche modo mitico – all’insegna della filosofia neomelodica, napoletana.
Giovedì 29 marzo, ore 20,30, al cineporto di Bari, per “Registi fuori dagli sche(r)mi” è la volta di Luca Bellino e Silvia Luzi, registi del “Cratere”.
Intervengono insieme ai registi, Bruno Roberti (“Filmcritica”, “Fata Morgana”, Università della Calabria) e il Direttore Luigi Abiusi.
Ingresso libero fino a esaurimento posti.


Salento Raimbow Film Fest 2018: rassegna cinematografica a Bari, Foggia e Lecce

In il

salento raimbow film fest 2018 a corpo libero foggia bari lecce

Da martedì 13 a sabato 17 marzo
Foggia – Bari – Lecce

Ingresso libero
Info 324.0906528
www.associazionelea.org

SALENTO RAINBOW FILM FEST

A Corpo Libero è il tema della rassegna di cinema arcobaleno del Salento organizzata da LeA – Liberamente e Apertamente.
in collaborazione con numerosi partner e co-finanziata da Apulia Film Commission.

Anteprima a Foggia e a Bari per un festival di respiro regionale con un fitto programma di appuntamenti.

Da martedì 13 a sabato 17 marzo torna in Puglia il Salento Rainbow Film Fest, organizzato dall’associazione LeA – Libertamente e Apertamente. La quarta edizione delfestival di cinema arcobaleno del Salento abiterà quest’anno gli spazi del CineLab “Giuseppe Bertolucci”, grazie alla collaborazione con Apulia Film Commission che co-finanzia l’iniziativa, e quelli delle Manifatture Knos che negli anni hanno visto la nascita e l’evoluzione della rassegna. Un’edizione di respiro regionale, grazie alla sinergia con iCineporti di Puglia, che prenderà il via con un’anteprima a Foggia e a Bari per poi entrare nel vivo con i tre giorni di fitta programmazione a Lecce.
A Corpo Libero è il claim di quest’anno, che vuole sottolineare l’idea di un festival inteso come occasione per esplorare gli altri, mettersi in ascolto e in relazione superando le logiche etichettanti di una cultura che genera normalizzazioni, per rivendicare l’esigenza di esprimere se stessi, i propri corpi, in maniera libera, trasparente, in qualsiasi contesto. Per andare oltre l’orientamento sessuale e l’identità di genere, o semplicemente per creare connessioni fra le persone.
Un tema che si riflette nelle immagini dei film, documentari, corti, libri, mostre e performance che animeranno i cinque giorni di festival. Si parlerà di paure, consapevolezze, coraggio e lotta ai luoghi comuni, con le proiezioni di Jo Coda e Giovanni Minerba nelle loro monografie raccontate rispettivamente nelle tappe di Foggia e Bari; di armate di sognatori che utilizzano la sessualità e il porno come strumento politico verso la liberazione dei corpi con Carmine Amoroso e il suo “Porno e Libertà”; di rituali religiosi che uniscono un popolo di devoti, generando relazione e senso di appartenenza comunitaria con “Pagani” di Elisa Flaminia Inno; di viaggi e di sogni, per ritrovare il contatto con se stessi e per confrontarsi con le proprie paure, raccontate da “Aeffetto Domino” di Fabio Massa e da “Il Padre d’Italia” di Fabio Mollo; di costruzioni identitarie verso il superamento di stereotipi sessuali, con Cecilia Grasso e il suo “Al di là dello specchio”; di riflessioni attorno al proprio ego, di indagini attorno alle luci e alle ombre della personalità e della natura umana, con “L’uomo doppio” di Cosimo Terlizzi; di aspirazioni, bisogni ed esperienze, e della relazione con se stessi e gli altri al superamento di una certa età, grazie a “26 de diciembre“ della regista Silvia Maggi; dei desideri e necessità di due padri di creare una famiglia, con “Prima di tutto” di Marco Simon Puccioni; di mondi distopici, fatti di errori, orrori e intimità, con “Regina” il nuovo romanzo di Mauro Scarpa; di lotte, battaglie e memorie, quelle delle persone transgender, raccontate daMonica Romano nel suo libro “Gender Revolution”; del ricordo, sorprendente e ironico, di cosa voleva dire essere “froci” nelle generazioni passate, con Andrea Meroni e “Ne avete di finocchi in casa?”.
Anche quest’anno il Salento Rainbow Film Fest sarà fortemente connotato dalla presenza degli studenti e delle studentesse delle scuole superiori di Lecce e provincia. Oltre duecento ragazzi del Liceo Artistico “Ciardo Pellegrino” parteciperanno a due matinée con proiezioni riservate alle scuole, per il terzo anno consecutivo un gruppo della sezione audio-visivo dell’istituto comporrà la Youth Jury del festival coordinata dal professore Dario Patrocinio. La giuria sarà spalleggiata da un collettivo di studenti del Liceo “Capece” di Maglie che saranno coinvolti nella valutazione di una selezione di corti in programma. Confermate anche per quest’anno la giuria del CineClub Universitario – guidata dal professore Luca Bandirali – e quella delle associazioni del territorio che da sempre supportano il festival, impegnate nella valutazione della sezione dei lungometraggi e dei documentari.

“Il Salento Rainbow Film Fest è un progetto in mutamento, che segue di pari passo l’evoluzione sociale che stiamo vivendo” spiegano gli organizzatori “Un festival – non festival, fuori dai circuiti canonici, che esiste per essere cassa di risonanza sulla cultura lgbtqi – lesbiche, gay, bisessuali, transgender, queer, intersessuali – sigla che sta per persone, passioni, amori, tensioni, paure, aspettative, meraviglie, coraggio. Un progetto che mischia il cinema alla musica, alla danza, alla fotografia, all’illustrazione, alla letteratura, al teatro, al divertimento e alla volontà di fare qualcosa che abbia senso”.

La rassegna è ideata e organizzata dall’associazione LeA – Liberamente e Apertamente, con i sostegno di Apulia Film Commission, finanziata dalla Regione Puglia – Assessorato Industria Turistica e Culturale, nell’ambito dell’intervento “Viva Cinema – Promuovere il Cinema e Valorizzare i Cineporti di Puglia”, a valere su risorse FSC Puglia 2014-2020 – Patto per la Puglia.
È realizzata con il patrocinio del Comune di Lecce, Rete Re.a.D.Y., in collaborazione con numerose realtà: Festa di Cinema del reale, Yalla Film Fest, Shuffle Screening di TOC-Centre, Manifatture Knos, Big Sur, Officine Culturali Ergot, The Bridge Crane, SEYF – South Europe Youth Forum, Say Yes, Liceo Artistico Ciardo – Pellegrino, Arci Lecce, Festa di Cinema del reale, Io Ci Provo, TOC-Centre, Agedo Lecce, Lila Lecce, LINK Lecce – Coordinamento Universitario, Terra Del Fuoco Mediterranea, Arcigay Salento – La Terra di OZ, Ra.Ne – Rainbow Network, Io Come Te, Casa Delle Donne Lecce, Cineclub Università del Salento, Free Home University, Yalla Film Fest, Coordinamento Puglia Pride, Arcigay Bari – L’arcobaleno del Levante, Arcigay BAT – Le mine vaganti, Strambopoli Presidio Arcigay Taranto, Hermes Academy, T-Genus, Arcigay Foggia – Le Bigotte, N.U.D.I, Famiglie Arcobaleno, Rete Genitori Rainbow.

Tutti gli incontri sono gratuiti. Il programma completo è consultabile sul sito: www.associazionelea.org/rainbow-film-festival


I VIAGGI IMMOBILI – Rassegna tra cinema e architettura ad ingresso gratuito

In il

I Viaggi Immobili Rassegna tra Cinema e Architettura apulia film commission

ExpostModerno e Apulia Film Commission
presentano:

I VIAGGI IMMOBILI
Rassegna tra cinema e architettura

c/o Cineporti di Puglia / Bari, Fiera del Levante, Lungomare Starita 1

INGRESSO GRATUITO

********

I Viaggi Immobili è un percorso che esplora le connessioni, i punti di contatto e le mutue influenze tra cinema e architettura, un itinerario di visione e approfondimento importante su alcuni #film in cui l’intreccio tra le due discipline ha creato un nuovo immaginario, in cui i #paesaggi urbani e gli edifici ripresi non si limitano a rappresentare un set naturale per le scene, ma assurgono a un ruolo di protagonisti o anche significativamente simbolico, costituendo una parte integrante del racconto e del testo visivo.
Questa rassegna mira a riscoprire la #meraviglia del cinema visto con la lente dell’architettura e viceversa: percorreremo strade ormai perdute e immaginate, abiteremo ambienti che possono essere esistiti in passato, esistono tuttora o che ricostruiscono idee di luoghi, e che attraverso lo sguardo della macchina da presa diventano occasione per stimolare una “coscienza urbana dell’occhio”.
A partire dai film selezionati, di generi ed epoche differenti, approfondiremo temi contemporanei o di eterna attualità, grazie alla presenza di ricercatori e operatori culturali, critici cinematografici, progettisti e docenti di entrambe le discipline.

********

PROGRAMMA DELLA RASSEGNA

lunedì 5 marzo
► IL TERZO UOMO, di Carol Reed, 1949
(v.o. con sottotitoli in italiano)
Ospiti:
Alessandro Benedetto, architetto
Claudia Ostuni, autrice e sceneggiatrice

lunedì 12 marzo
► MON ONCLE, di Jacques Tati, 1958
(v.o. con sottotitoli in italiano)
Ospiti:
Simonetta Dellomonaco, architetto e project manager, membro del cda di Apulia Film Commission
Leonardo Gregorio, autore e critico cinematografico

lunedì 19 marzo
► L’AMATORE, di Maria Mauti, 2016
Ospiti:
Francesco Moschini, professore ordinario di Storia dell’Architettura presso il Politecnico di Bari, segretario generale dell’Accademia Nazionale di San Luca
Saba Ercole, cofondatrice La Scatola Blu

lunedì 26 marzo
► ALL THE CITIES OF THE NORTH, di Dane Komljen, 2016
(v.o. con sottotitoli in italiano)
Ospiti:
Antonio Ottomanelli, architetto e fotografo, cofondatore Planar
Marianna Fumai, film editor e cofondatrice Rec Movie

********

Direzione artistica:
Silvia Sivo – expostModerno

Con la collaborazione di:
La Scatola Blu
Rec Movie

Col supporto scientifico di:
Fondazione Gianfranco Dioguardi
Fondo Francesco Moschini AAM Architettura Arte Moderna

Col patrocinio di:
INARCH Puglia

Con i contributi interdisciplinari durante le serate di:
Lorenzo Netti, docente di Disegno dell’Architettura presso il Politecnico di Bari;
Lorenzo Pietropaolo, docente di Storia dell’Architettura e della Città presso il Politecnico di Bari;
Angela Bianca Saponari, docente di Industria culturale e turismo, cinema fotografia e televisione presso l’Università degli Studi di Bari;
Federico Zecca, docente di Storia del cinema presso l’Università degli Studi di Bari;

********

“I Viaggi Immobili” è prodotto da Apulia Film Commission e finanziato da Regione Puglia e Unione Europea attraverso il Fondo di Sviluppo e Coesione (FSC) 2014-2020 e del P.O.R. Puglia 2014-2020 – Asse VI Obiettivo Tematico 6.7.

********

Info contatti:
expostModerno
expostmoderno@gmail.com
338.2876581 (Silvia)
349.3931072 (Salvatore)

apulia film commission
info@apuliafilmcommission.it
080.9752900

********

ExpostModerno è un processo di riattivazione culturale e architettonica che vede come protagonista uno storico cinema all’aperto nel quartiere Libertà di Bari, l’Arena Moderno. Un cinema popolare di riferimento sociale che è stato abbandonato per molto tempo e che dal 2015 sta riprendendo vita come cortile culturale urbano, un luogo per fare comunità e rendere la cultura più accessibile per chi la fa e per chi ne fruisce.
Il collettivo che lo anima è composto da organizzazioni e lavoratori impegnati nei campi della rigenerazione urbana, della ricerca culturale e artistica, dell’attivismo sociale, del cinema e dell’architettura. Insieme operano con l’obiettivo di creare un ambiente interdisciplinare di confronto e relazione tra operatori, autori e pubblico per la crescita culturale del territorio, attraverso la trasformazione – contemporaneamente fisica e immateriale – dell’Arena, e la sua gestione condivisa come bene comune urbano.


METEORS di Gürcan Keltek a “Registi fuori dagli sche(r)mi”

In il

meteors gurcan keltek

Giovedì 1 marzo, al cineporto di Bari, è la volta di METEORS di Gürcan Keltek a “Registi fuori dagli sche(r)mi”. Reduce dal Locarno Festival, “Meteors” è una sinfonia che scintilla, vibra tra terra e cielo, Storia (la guerra, l’oppressione dei curdi) e Assoluto (il firmamento costellato di meteore, la terra brulla su cui scalpita l’animale), probabilmente l’assoluto del cinema, del segno cinematografico. Cinema di poesia e di politica: uno delle visioni più sconcertanti e stupefacenti dell’anno.
Musiche, tra gli altri, dei Mogwai.
Saranno presenti insieme al regista, Giona A. Nazzaro (delegato generale della Settimana Internazionale della Critica – Mostra di Venezia) e il Direttore Luigi Abiusi.

Ingresso libero fino a esaurimento posti


Proiezione gratuita del cortometraggio horror “The Curse of the Crying Child” al Cineporto

In il

Proiezione del cortometraggio horror The Curse of the Crying Child – Short Film diretto dai pluripremiati registi Alessandro Masella & Pietro Cinieri.

Bio:
Alessandro Masella e Pietro Cinieri sono due pluripremiati registi pugliesi conosciuti per il cortometraggio “Un Certo Olivier Bécaille” (regia di Masella) e il fan movie “The Crow-Shreds of Memories” (regia di Cinieri). Nel 2016 nasce un forte sodalizio artistico tra i due, tanto da spingersi a co-dirigere un corto horror basato su una leggenda metropolitana. Il cortometraggio, girato interamente sui monti della Sila in Calabria, vede la partecipazione di alcuni volti noti del cinema indie, tra cui: Denis Frison, conosciuto per i suoi due fan movie “Dylan Dog: La morte puttana” e “Freddy vs Dylan”; Alessio Cherubini, conosciuto per “Anger Of The Dead”, “Il cacciatore di ghiaccio”, “Herber West Reanimator”. Dopo alcuni mesi, ritornano in cabina regia insieme per dirigere un corto tutto action con il grande maestro di WingTsun Cosimo Laguardia. Entrambi i corti, attualmente destinati a festival internazionali, dovrebbero vedere la luce per il 2018. A Gennaio il duo volerà a Hollywood per il loro primo red carpet presso l’Hollywood International Moving Pictures Film Festival, dove ritireranno il premio come miglior corto straniero con “Un Certo Olivier Becaille”.

Sinossi:
Autunno 1989. Durante una vacanza di famiglia, il piccolo Bernardo, con la passione per la pittura, viene attratto da uno strano venditore ambulante e dai suoi macabri quadri raffiguranti bambini che piangono. In particolar modo da uno di questi, l’unico raffigurante una bambina. Se pur incerti e titubanti sulla scelta dei soggetti, i genitori decidono di acquistarlo. Di ritorno dalle vacanze, molto presto quelle incertezze si trasformeranno in certezze a seguito di alcuni eventi paranormali all’interno della casa. Certi della colpevolezza del quadro, i genitori decidono di sbarazzarsene e dimenticare questa terrificante vicenda. Circa vent’anni dopo Bernardo è costretto a trasferirsi nuovamente nella sua casa natia, ormai da tempo abbandonata in seguito ad un burrascoso divorzio che gli costerà la casa, il lavoro, ma soprattutto l’affidamento della figlia di soli 3 anni. Il dolore e la rabbia di un uomo che ha perso tutto, i ricordi ed incubi dimenticati della sua infanzia che torneranno alla luce ma soprattutto il ritrovamento inaspettato di quel quadro maledetto daranno il via ad una nuova serie di terrificanti eventi.

ingresso libero
Info. 0809752900


Incontro con Ettore Toscano

In il

Il giorno 16 febbraio a partire dalle 10 e 50 Ettore Toscano, uno dei maestri dell’arte scenica in Italia, allievo di Orazio Costa e figura di spicco del teatro italiano del Dopoguerra, interverrà al Cineporto di Bari per ripercorrere la sua carriera e presentare la sua ultima esperienza in campo cinematografico: il film Dentro il mare di Leonardo Dell’Olio.

A dialogare con Ettore Toscano ci saranno alcune personalità della cultura pugliese contemporanea. Gianluca Sciannameo, critico cinematografico e comunicatore sociale fondatore di Camera a Sud e Pasquale Bellini, critico teatrale della Gazzetta del Mezzogiorno, docente universitario ed ex Direttore dell’Accademia delle belle arti di Bari, condurranno il maestro nell’esplorare i ricordi legati alla sua vita e al suo lavoro di interprete per il teatro e per il cinema.

Dopo un breve excursus sulle tappe fondamentali del lavoro di Toscano a partire dagli anni della formazione alla Scuola Nazionale di Cinema con Orazio Costa e lo studio del metodo mimico, la partecipazione alla compagnia de Gli Attori Associati di Giancarlo Sbragia, le collaborazioni principali con Ronconi e Camilleri e gli sceneggiati RAI, le regie teatrali e non ultima la sua esperienza in campo cinematografico culminata con Il trittico di Antonello presentato al Festival del Cinema di Venezia nel 1992, la conversazione, verterà sul rapporto tra recitazione teatrale e quella cinematografica e televisiva.

A concludere l’incontro la proiezione del video appello per la campagna di raccolta fondi del cortometraggio Dentro il mare del regista barese Leonardo Dell’Olio, ultima fatica del Maestro Ettore Toscano, girato a Bari lo scorso luglio. Il crowdfunding lanciato su Produzioni dal basso il 7 febbraio 2018 servirà a coprire i costi di post-produzione e distribuzione del film nei festival.

INGRESSO LIBERO

BIOGRAFIA di Ettore Toscano

Ettore Toscano (Interprete) nasce a Taranto nel 1941. Frequenta la Scuola Nazionale di Cinema insieme a Marco Bellocchio, Liliana Cavani e Silvano Agosti nel corso di recitazione dove si diploma nel 1965. Al cinema è interprete de Il trittico di Antonello (1992), Gli amori di Angelica (1967), Ginepro fatto uomo (1962). Allievo di Orazio Costa – con il quale mette in scena Il Gabbiano – fonda insieme al maestro e a Pino Manzari la Scuola d’espressione scenica. Collabora con i maggiori registi italiani del dopoguerra, tra cui Luca Ronconi e Gabriele Lavia (Romeo e Giulietta, 1977) nonchè Andrea Camilleri. Negli stessi anni è membro della compagnia Gli Associati di Giancarlo Sbragia. All’attività teatrale e cinematografica affianca l’esperienza televisiva prendendo parte a numerosi sceneggiati RAI.

Nel 1991 Toscano cura la regia di Poveri davanti a Dio del drammaturgo pugliese Cesare Giulio Viola, spettacolo teatrale che lo vede anche nelle vesti di interprete. Pubblica diverse raccolte di poesia , a partire da Di qua dai vetri che fremono nel 1990 a cui seguono nel 1997 Echi d’un ideale frastuono, nel 2000 Tamburi, nel 2007 Brusio di fondo e non ultima l’antologia Poesie Scelte 1970-2009.

BIOGRAFIA di Gianluca Sciannameo

Gianluca Sciannameo, giornalista pubblicista e critico cinematografico. Laureato al Dams di Bologna, da un decennio Sciannameo si dedica allo studio del patrimonio documentaristico italiano poi sfociato in due monografie: “Con ostinata passione. Il cinema documentario di Cecilia Mangini” (Dal Sud, 2011) e “Nelle indie di quaggiù. Ernesto De Martino e il cinema etnografico” (Palomar, 2006). Oltre l’attività di formatore in laboratori di cinema e fotografia, ha insegnato nei corsi di cinema dell’Università della Basilicata e di Bari e svolge attività di promozione e organizzazione culturale.

BIOGRAFIA di Pasquale Bellini. Docente di Storia della scenografia presso l’Università degli Studi di Bari e critico teatrale per la Gazzetta del Mezzogiorno è stato Direttore dell’Accademia di Belle Arti di Bari. In qualità di critico ha intervistato i maggiori registi e uomini di teatro del secolo scorso, da Luca Ronconi a Tadeusz Kantor.

BIOGRAFIA di Leonardo Dell’Olio (Regista e sceneggiatore) nasce a Canosa di Puglia nel 1985. Vissuto tra il Lazio e la Puglia, fin da molto giovane studia musica diplomandosi in clarinetto. Studia altresì lettere ad indirizzo teatrale presso l’Università degli studi di Bari. Frequenta il corso di regia documentaria Ciak migrantes nel 2009, con Paolo De Falco e, nel 2014, il corso Tecnico aiuto regista e segretario di edizione promosso dalla Regione Puglia attraverso il Fondo Sociale Europeo, con rilascio di qualifica professionale.
Nel 2014 collabora con la Dinamo Film dove segue la lavorazione del film di Mario Bucci: Una meravigliosa stagione fallimentare per uno stage di regia, e poi in qualità di story editor.
Tra i suoi lavori il documentario sul tema dell’integrazione Al Amal, speranza (2012), e il cortometraggio Primo incontro (2014) prodotto dalla scuola Septima Ars di Madrid, sulla fugacità delle relazioni sentimentali. Autore di saggi sul cinema dell’incomunicabilità ha scritto per le riviste Segnocinema e Film Critica.