Suoni della Murgia 2020 – XIXª Rassegna Internazionale di Musica Popolare

In il

Suoni della Murgia 2020

Suoni della Murgia 2020
17 Luglio – 14 Novembre
XIXª RASSEGNA INTERNAZIONALE DI MUSICA POPOLARE
______________________________________________________________

Siamo ufficialmente giunti alla XIX edizione della nostra rassegna, quest’anno abbiamo deciso di dislocare le 13 date estive nei contenitori culturali più longevi del circondariato murgiano, le Masserie. Nonostante l’emergenza e tutte le normative, è giunto il tempo di riportare la musica in sfondi di pietra e murgia, regalare a tutti i nostri seguaci esperienze di evasione totale dalla quotidianità.
Rivivrete la murgia con i suoi colori nei diversi momenti della serata, i suoi sapori, i suoi profumi e nel frattempo intraprenderete un viaggio nelle culture che ospiteremo.

La rassegna rappresenta, per la nostra Regione, uno degli eventi principali per riproporre e promuovere la musica etnica di studio e ricerca, oltre che un momento di forte scambio culturale tra nazioni e culture geograficamente lontane.

Dai Balcani alla Spagna, dall’Asia all’Africa al Sudamerica, dall’Europa del Nord alle regioni italiane, ampio e suggestivo è il panorama di esperienze musicali popolari proposto negli anni, tutte inserite in un contesto storico, culturale, architettonico e paesaggistico tra i più belli della nostra regione, favorendo così il confronto diretto tra le nostre tradizioni musicali e quelle di altre regioni italiane, la scoperta delle tradizioni culturali di altre nazioni, stimolando meglio di mille parole la voglia di ricercare, scoprire, tutelare e conservare il patrimonio culturale della nostra tradizione.
Questo continuo scambio di esperienze e tradizioni culturali non si limita alle forme tradizionali della musica popolare ma cerca, nelle forme innovative e sperimentali, il corpo vivo di una tradizione in continua evoluzione.
L’idea di base della rassegna itinerante è quella di creare sempre eventi culturali dedicati alla musica popolare, proponendo artisti di valore internazionale impegnati nello studio e nella ricerca delle tradizioni musicali popolari.
Suoni della Murgia inoltre è gemellata con alcuni festival italiani ed europei quali:
Suoni mobili Monza, Civitella Alfedena Folk Festival, Bidasoa Festival Hondarribia ( Paesi Baschi ), Orto in Parco presso l’ Orto Botanico di Levico Terme (TN), Girofolk Trentino, Di Voce in Voce Bari.

Le Masserie presenti nel territorio murgiano, alcune molto antiche, rappresentano una possibilità per organizzare spettacoli all’ aperto dando l’ opportunità al pubblico di poter apprezzare e conoscere questi luoghi storici, fare delle passeggiate e gustare le eccellenze del territorio.
Riprendersi la natura e valorizzare luoghi storici è fondamentale per un territorio che ha deciso che per il proprio futuro è molto importante incrementare le attrazioni turistiche e anche Suoni della Murgia con i suoi eventi in questi ultimi venti anni ha contribuito a fare la sua parte.
Suoni della Murgia per il 2020 ha deciso inoltre di produrre una performance musicale e teatrale su Campo 65 il più grande campo di prigionia italiano del secondo conflitto mondiale sito tra Altamura e Gravina in Puglia recentemente riconosciuto dalla Regione Puglia come Luogo della Memoria.
In collaborazione con l’ Associazione Culturale Campo 65, con Il teatro delle Storie Vere di Trento, con il Festival della Lentezza di Parma, con il Maestro Maglio del Conservatorio di Bari e con il comune di Altamura grazie allo straordinario materiale ritrovato negli archivi storici e militari tedeschi e inglesi si sono ritrovate immagini, storie e testimonianze di parecchi militari che sono passati da questo campo, e noi a queste storie abbiamo deciso di dare una voce e una musica. In questo lavoro abbiamo coinvolto ragazzi delle scuole superiori in particolare una sezione del Liceo scientifico Federico II e del Liceo Classico Cagnazzi entrambi di Altamura. Un primo passo che ci permetterà di far conoscere storie sconosciute di alcuni protagonist del più grande conflitto mondiale del ‘900 in una produzione che ha il desiderio e l’ ambizione di potersi muovere a livello internazionale.

Tutte le attività sono svolte in osservanza delle misure anti-Covid19 previste dalle Ordinanze regionali n 237 del 17/05/2020 e n 225 del 10/06/2020.
______________________________________________________________

DATE E PROGRAMMA:

-17 luglio
ore 20.30
Radicanto
Un sogno così – omaggio a Domenico Modugno
Centro Visite L’uomo di Altamura Altamura
https://forms.gle/CgncjEn7f2XpHepWA

-18 luglio
ore 20.30
Eias Nardi, Daniele Di Bonaventura, Ares Tavolazzi
Presentano il loro nuovo cd
GHIMEL
Dimora Cagnazzi Altamura
https://forms.gle/Nq5BrL1qVFgfj6Pt6

-19 luglio
ore 20.00
Simona Colonna
“ Curima, curima… “
Concerto per voce, anima e violoncello
Con Stefano Melone
Ore 21.15
Il regista Gianfranco Pannone
presenta il docufilm:
“ Scherza con i fanti “
Agor@teca – Altamura
https://forms.gle/R4u2nhix9xs2qy2KA

-29 luglio
ore 20.30
Claudio Prima
“ Nina Balla di madre italiana”
Concerto di musiche e parole
Masseria San Domenico Murà
https://forms.gle/8vx5NX3ft2vhwszn7

-3 agosto
ore 20,30
AYOM
Musica do atlantico negro
Masseria San Domenico Murà
https://forms.gle/icXXTyq3MBv8icEc6

-4 agosto
ore 20.30
Duo Savoretti – Mina
Sonorità tradizionali e le incursion dell’ elettronica
Ore 21.15
Terra Brazil
Forrò e musica popolare brasiliana
Masseria Castelli
https://forms.gle/YSiNt85RhhV3C8FE6

-5 agosto
ore 20,30
Francesco Moramarco Project

Maria Moramarco
Cillacilla
Masseria San Domenico Murà
https://forms.gle/hMXaKQeN2MSCwo6Z7

-10 agosto
ore 20.30
Arsenè Duevi solo
Uaragniaun
Masseria Castelli
https://forms.gle/yYpS8AAyHvRFVFey7

-13 agosto
ore 20.00
Terrae
Presentazione nuovo cd Approdi
ore 21.15
Trio Barocco – Bartok
Marco e Angela Ambrosini
Eva Maria Rusche
Dimora Cagnazzi
https://forms.gle/XLyqvxKaAoKKqtPp8

-14 Agosto
ore 20.30
Riccardo Tesi & Banditaliana
“Argento tour”
Masseria Conti Filo
https://forms.gle/Gb1RtNJDER4TPaeF9

-1-2 settembre
Teatro della storie vere
Campo 65
https://forms.gle/wJYhj8udJxVJWTd5A

-3 ottobre
ore 20.00
Michele Santarcangelo
Presenta il nuovo lavoro : Murgia
ore 21.15
Luciana Elizondo e Quito Gato
“ La copla Perdida “
Percorsi e memorie del folklore dell’ America Latina
Sala Tommaso Fiore Gal

-14 novembre 20.00
Radicanto
Voci di frontiera
Sala Tommaso Fiore – Gal

______________________________________________________________

LUOGHI

Masseria Conti Filo https://goo.gl/maps/vPnkVLodHzTLBjjk8
Dimora Cagnazzi https://goo.gl/maps/JwGB2gRbEXkTgWjh7
Campo 65 https://goo.gl/maps/pB7qipcVTGsbgt8e7
Masseria San Domenico Murà https://goo.gl/maps/udTtf8n1n9mq7KXj7
Masseria Castelli https://g.page/masseriacastelli
Agorateca https://goo.gl/maps/2neSvh3mSkBXfS4s7
Ex-Monastero del Soccorso https://goo.gl/maps/1afPECxpZiyUPRjU9
Centro Visite L’uomo di Altamura https://goo.gl/maps/Ere3CDLmANBEG5GZA

______________________________________________________________

INFO E PRENOTAZIONI

Luigi +393933070001
Luciano +393207220383
info@suonidellamurgia.net


FEDERICUS 2020 ad Altamura: il programma della Grande Festa Medievale

In il

federicus 2020 altamura

FEDERICUS E ALTAMURA…
UNA LUNGA STORIA
Federicus – Festa Medievale nasce dalla volontà di valorizzare il territorio della città di Altamura, il centro più popoloso dell’Alta Murgia. La leggenda narra che Federico II, di passaggio dalla città e diretto verso Bari per salpare verso la Terra Santa, abbia lasciato qui dei soldati malati di malaria che furono guariti grazie all’aria salubre del posto. Per celebrare la miracolosa guarigione l’imperatore Svevo fece realizzare la Cattedrale, sede del potere laico ed ecclesiastico della città medievale. In realtà, l’Imperatore volle far innalzare una chiesa per ottenere la benevolenza del Papa Gregorio IX, che lo aveva precedentemente scomunicato, in una città dalla posizione strategica verso Bari e all’interno dell’amata Puglia.

Federicus: Grande festa medievale
Federicus è incanto: una città che va a dormire nel XXI secolo e si risveglia nel Medioevo.
L’evento Federicus è una grande rievocazione medievale giunta all’ottava edizione in onore dell’Imperatore Federico II di Svevia che veste a tema e trasforma il centro storico della città di Altamura per quattro intense e coloratissime giornate.

Il tema 2020 sarà… “d’Onor sì degno”
Vi aspettiamo ad Altamura 1-2-3 Maggio 2020
A breve il programma…


Marco Marzocca in TUTTO ARIEL – CIAO SIGNO’

In il

marco marzocca tutto ariel ciao signo

AB Produzioni
Marco Marzocca

TUTTO ARIEL – CIAO SIGNO’

con la partecipazione di Stefano Sarcinelli
 
Il suo nuovo divertente spettacolo, ricco degli sketch più amati del suo repertorio, è un’occasione per rivivere dal vivo le vicende del suo personaggio più famoso.
 Marzocca ci delizierà con le svampatissime vicende di Ariel (il domestico filippino di casa Bisio, reso celebre da Zelig), che potranno esser rivissute dal pubblico con l’appassionante e magica ritmica del tempo teatrale, ben più emozionante di quello televisivo.
La capacità d’osservazione, acquisita e sviluppata da Marzocca nel corso della sua ventennale carriera artistica è affiancata dalla presenza di una spalla di grande capacità artistica ed abilità comica come Stefano Sarcinelli. Risate assicurate.

Info:
Box Office
via dei Mille 159, tel. 0803101222
www.teatromercadante.com
www.vivaticket.it


Gabriele Cirilli in “Mi piace… di più” al Teatro Mercadante

In il

gabriele cirilli mi piace di piu

GABRIELE CIRILLI
MI PIACE… DI PIU’

di Gabriele Cirilli | Maria De Luca | Giorgio Ganzerli | Gianluca Giugliarelli

Produzione di Magamat

MI PIACE… DI PIU’ è lo spettacolo che Gabriele Cirilli propone per la prossima stagione 2019/2020 ripartendo dal successo della stagione appena trascorsa.

Uno spettacolo si costruisce nel tempo.

Si allestisce e si perfeziona, replica dopo replica, e non c’è mai una fine nella ricerca della rappresentazione perfetta, perché ogni replica è un debutto, una prova d’attore che Gabriele non disattende mai.

MI PIACE… DI PIU’ si dipana attraverso il backup del cellulare di Gabriele. Scorrono velocemente delle immagini che danno spunto per parlare di cose, di persone, di avvenimenti, vissuti o immaginati con un ritmo veloce e piacevole. Il filo conduttore dello spettacolo è la RISATA, che si diffonde contagiando immancabilmente anche lo spettatore più scettico e serio.

Il coinvolgimento è totale anche perché chi può rimanere indifferente a un “MI PIACE”.

Continuamente apprezziamo o siamo apprezzati, giudichiamo e veniamo giudicati.

MI PIACE è la parola chiave della nostra esistenza! Se PIACI o ti PIACE è fatta!

“MI PIACE il palcoscenico, il rumore delle assi di legno che cigolano sotto i miei passi.

MI PIACE il momento in cui sto per entrare in scena in cui il panico si mescola con la scarica elettrica della sfida che sto per affrontare.

MI PIACE il calore dell’applauso, e soprattutto lo scoppio della risata che consacra ogni goccia di sudore e mi fa sentire al settimo cielo.

Questo spettacolo è il mio show col quale riesco ad abbracciare il pubblico fino a portarlo dopo due ore in camerino da me soddisfatto, appagato, stupito, colpito, ammirato, basito, sorridente, insomma GUARITO per un paio d’ore dalla quotidianità che non è sempre così divertente. MI PIACE sentire a fine spettacolo “Che bello, mi sono divertito tantissimo. Ho riso per due ore”.

E questo, devo dire, è la cosa che MI PIACE… DI PIU’!”

Info:
Box Office
via dei Mille 159, tel. 0803101222
www.teatromercadante.com
www.vivaticket.it


“Otto donne e un mistero” in scena al Teatro Mercadante

In il

Otto donne e un mistero Teatro Mercadante

“Otto donne e un mistero”
Teatro Mercadante
ALTAMURA – Bari

Sabato 7 Marzo 2020 Ore 21.00 – Abb. Fiori e Pacchetto Mercadante
Domenica 8 Marzo 2020 Ore 17,30 – Abbonamento Picche
Domenica 8 Marzo 2020 Ore 21,00 – Abbonamento Quadri

“Mettiamoci in… Prosa”
Anna Galiena – Deborah Caprioglio – Caterina Murino
e con la partecipazione di Paola Gassman
OTTO DONNE E UN MISTERO
di Robert Thomas

con:
Antonella Piccolo, Claudia Campagnola
e
Giulia Fiume, Maria Chiara Dimitri

Regia di Guglielmo Ferro

Scenografie Fabiana Di Marco – light designer Aliberto Sagretti – musiche Massimiliano Pace – costumi Françoise Raybaud

Produzione La Pirandelliana e Compagnia Molière

È Natale, fuori nevica ed è perfetto così, i regali sono al loro posto sotto l’albero, le luci e le note festose hanno invaso le stanze e su tutto si è appeso violentemente un profumo da donna. Di quale donna, delle otto che sfarfalleggiano in casa? Forse quella che ha pugnalato Marcel, tagliato i fili del telefono, trasformando una bella dimora di campagna in una prigione di paura. E quando il fiato è sospeso, alla fine sotto quel profumo di donna si scopre un gran puzzo di morte. C’è un mistero e intorno a esso… otto donne. Adesso sì che è tutto perfetto. La struttura drammaturgica della commedia thriller di Robert Thomas è un ingranaggio perfetto per sedurre lo spettatore contemporaneo ormai abituato alla nuova generazione di criminologia psicologica. Thomas offre inoltre quel valore aggiunto dei grandi scrittori di dosare con maestria la comicità noir d’oltralpe, di fare emergere sfacciatamente la lamina sarcastica e comica della vita contro la morte. E lo fa attraverso la figura madre: la donna. Ne sceglie otto: le più diverse, perché non sono personaggi ma personificazioni distinte della stessa identità-matrice. Come una Grande Madre che si fa Natura, Madonna, Dea, Terra e Morte.

Info e prenotazioni allo 0803101222 e sul circuito www.vivaticket.it


DOMENICA AL MUSEO GRATIS: Ritorna l’iniziativa promossa dal Ministero dei Beni Culturali

In il

COMUNICATO MINISTERIALE:
MUSEI, MIBACT: SOSPESA LA DOMENICA GRATUITA DI MARZO IN TUTTA ITALIA

Domenica 1 marzo sarà sospesa l’iniziativa del Ministero per i beni e le attività culturali e per il turismo che prevede in tutta Italia l’ingresso gratuito nei musei, parchi archeologici e altri luoghi della cultura dello Stato ogni prima domenica del mese.

Roma, 24 febbraio 2020
Ufficio Stampa MiBACT
Tel. +39 066723.2261  .2262

Il 1° Marzo ritorna la DOMENICA GRATUITA NEI MUSEI E NEI SITI ARCHEOLOGICI STATALI
Domenica al Museo, giornata in cui tutti i musei e le aree archeologiche statali saranno visitabili gratuitamente, in applicazione della norma del decreto Franceschini, in vigore dal primo luglio 2014, che stabilisce che ogni prima domenica del mese non si pagherà il biglietto per visitare monumenti, musei, gallerie, scavi archeologici, parchi e giardini monumentali dello Stato.

Per Bari e provincia i luoghi visitabili:

  • Bari

Museo nazionale archeologico di Altamura
via Santeramo, 88 – Altamura
Orario: Lunedì-Venerdì 8.30-19.30, Sabato-Domenica 8.30-13.30

Castello svevo di Bari
piazza Federico II di Svevia, 4 – Bari
Orario: Mercoledì-Lunedi 8.30-19.30 Chiusura settimanale: Martedì; Orario biglietteria: Mercoledì-Lunedi 8.30-19.00

Museo e Pinacoteca d’Arte Medievale e Moderna della Città Metropolitana di Bari “Corrado Giaquinto”
Via Spalato 19 – Bari
Orario: dal martedì al sabato 09,00 – 19.00 (ultimo ingresso consentito ore 18:30) domenica 09.00 – 13.00 (ultimo ingresso consentito ore 12:30) lunedì e festività infrasettimanali chiuso

Palazzo Simi
Strada Lamberti, 1 – Bari
Orario: tutti i giorni 9,30 – 18,30

Galleria nazionale della Puglia “Girolamo e Rosaria Devanna”
via Giandonato Rogadeo, 14 – Bitonto
Orario: Giovedì-Martedì 9.00-20.00 Chiusura settimanale: Mercoledì; Orario biglietteria: Giovedì-Martedì 9.00-19.30

Museo nazionale archeologico di Gioia del Colle
piazza dei Martiri del 1799, 1 – Gioia del Colle
Orario: Lunedì-Sabato 8.30-19.30 Festivi 8.30-13.30; Orario biglietteria: Lunedì-Sabato 8.30-19.15; Domenica 8.30-13.15

Parco archeologico di Monte Sannace
Strada Provinciale 61 – Gioia del Colle – Turi Km 4, 5 – Gioia del Colle
Orario: 8.30 – tramonto (su prenotazione) Chiusura settimanale: nessuna

Museo nazionale Jatta
piazza G. Bovio, 35 – Ruvo di Puglia
Orario: Lunedì-Domenica 8.30-13.30 Giovedì 8.30-19.30; Orario biglietteria: Lunedì-Martedì-Mercoledì-Venerdì 8.30-13.30 Giovedì e Sabato 8.30-19.30

  • Barletta – Andria – Trani

Castel del Monte
località Castel del Monte – Andria
Orario: 1 Aprile-30 Settembre Lunedì-Domenica 10.15-19.45; 1 Ottobre-31 Marzo Lunedì-Domenica 9.00-18.30; Orario biglietteria: 1 Aprile-30 Settembre Lunedì-Domenica 10.15-19.45; 1 Ottobre-31 Marzo Lunedì-Domenica 9.00-18.30

Antiquarium e la zona archeologica di Canne della Battaglia
– Barletta
Orario: Giovedì-Domenica 10.00-19.00 seconda settimana del mese: mercoledì-sabato 10.00–19.00 Chiusura settimanale: Lunedì-Mercoledì; Orario biglietteria: 10.00-18.30

Cantina della sfida
Via Cialdini, 9 – Barletta
Orario: Prenotazione: Nessuna

Museo civico Barletta
Piazza Castello – Castello Svevo – Barletta
Orario: Prenotazione: Nessuna

Pinacoteca “Giuseppe De Nittis”
Via Cialdini 74 – Barletta
Orario: Prenotazione: Nessuna

Palazzo Sinesi – Canosa di Puglia
Via Kennedy, 18 – Canosa di Puglia
Orario: Tutti i giorni 9.00 – 13.00 Chiusura settimanale: lunedì

Castello svevo di Trani
piazza Manfredi, 16 – Trani
Orario: Lunedì-Domenica 8.30-19.30; Orario biglietteria: Lunedì-Domenica 8.30-19.00


Emilio Solfrizzi in scena al Teatro Mercadante con “ROGER”

In il

roger emilio solfrizzi

Argot Produzioni
Emilio Solfrizzi
ROGER
scene Francesco Ghisu / luci Giuseppe Filipponio / Cooproduzione con Leave Music / in collaborazione con Pierfrancesco Pisani
scritto e diretto da UMBERTO MARINO

Sabato 22 e domenica 23 febbraio 2020 ore 21,00 al Teatro Mercadante di Altamura torna Emilio Solfrizzi con un monologo eccezionale. L’azione si svolge interamente su un campo da tennis e rappresenta un’immaginaria e tragicomica partita tra un generico numero due e l’inarrivabile numero uno del tennis di tutti i tempi, un fuoriclasse di nome Roger.
 Chi si trovasse a dare un’occhiata al testo letterario e poi al monologo teatrale che ne ho tratto, troverebbe una grande differenza con lo spettacolo che vedrà: tutto l’apparato realistico, compresi oggetti di scena ed effetti sonori, sulla scena non c’è.
Man mano che insieme a Emilio Solfrizzi mettevamo in scena il testo ci siamo resi conto che potevamo elevare la posta della nostra scommessa puntando a una rappresentazione completamente affidata alla centralità della parola e dell’attore. Mi sono ricordato del “cuntastorie”, una arcaica forma di attore totale siciliano di cui racconta Pitré, un attore di strada provvisto di tre panche per il pubblico e di due spade, unici supporti per raccontare e rappresentare al suo pubblico l’intero ciclo della tavola rotonda. Così, forte dell’interprete che avevo, ho cominciato a togliere e a semplificare, fino a che in scena sono rimaste solo le poche righe bianche che disegnano un campo da tennis e due sedie, quelle sulle quali, nei cambi campo, i tennisti si riposano.
Appena siamo stati in grado, da molto presto, abbiamo cominciato a ospitare degli spettatori. Prima due, poi quattro, dodici, trenta, per mettere a punto e verificare gli effetti comici e quelli drammatici.
Gli spettatori ci hanno detto che avevano visto il campo, l’arbitro, la palla, la racchetta, i colpi e, fidandoci di loro, affrontiamo una verifica più vasta e impegnativa, sperando che la metafora, prima nascosta e poi svelata, che il testo contiene trovi in questo modo la strada per arrivare al cervello e al cuore del pubblico che vorrà condividere con noi questa esperienza.
Umberto Marino


SERENA AUTIERI in “Rosso Napoletano” il musical in scena al teatro Mercadante

In il

serena autieri rosso napoletano

SERENA AUTIERI nel MUSICAL
“ROSSO NAPOLETANO”
Lezioni d’amore al mondo

Testo e regia di Vincenzo Incenzo

COREOGRAFIE BILL GOODSON

Serena Autieri raccoglie il canto di libertà di un popolo che, armato solo del suo orgoglio e della sua geniale creatività, ispirato dalla forza inarrestabile del suo Vesuvio, durante le Quattro Giornate di Napoli insorse contro l’oppressione per salvare i suoi figli e la sua ricca e gioiosa identità.

Un cast di 20 attori, cantanti e ballerini, portano in scena il primo musical ambientato durante le Quattro Giornate di Napoli. Dodici personaggi e un grande corpo di ballo gravitano tra le rovine di una Napoli allo stesso tempo contingente e fuori dal tempo, che in una sorta di astrazione temporale parla e partecipa, come un coro greco, per bocca dei suoi muri, dei suoi vicoli e dei suoi sotterranei.

Rosso è il colore dell’amore, della passione, della superstizione, del pomodoro, del sangue, del fuoco, della rabbia, della preghiera e della resistenza. Rosso è il colore del magma che ribolle eternamente nel ventre della città come il suo meraviglioso e infinito patrimonio musicale, per quell’istinto unico di vivere e di inventarsi.

Insieme alla musica, all’ironia, agli scugnizzi e ai femminielli, al caffè e alle superstizioni, alle Madonne e alla pizza, alle prostitute e alla borsa nera, va in scena l’anima nobile, spregiudicata e intramontabile di Napoli capitale d’Europa.

Info:
Box Office
via dei Mille 159, tel. 0803101222
www.teatromercadante.com
www.vivaticket.it


Liber Festival³: il programma del 3° festival della lettura della Murgia Barese

In il

liber festival altamura

LIBER FESTIVAL³
“Nel caos la cultura dà equilibrio”

Il Liber Festival³, il festival della lettura della Murgia Barese, sta per tornare con una nuova e ricchissima edizione!

Il 2-3-4-5 gennaio 2020 presso l’ex Monastero Santa Croce ad Altamura (Ba), in via Santacroce 14, avrà luogo il Liber Festival³, un evento culturale in cui letteratura, arte e musica si mescolano insieme dando vita a quattro giornate indimenticabili.

Il Liber Festival, organizzato dall’associazione culturale Liber Festival, è un evento dedicato ai lettori e alla lettura, nato per far incontrare due realtà a torto ritenute distanti: quella dei giovani, nel loro nuovo modo di informarsi e comunicare, e quella della lettura, nella sua intramontabile bellezza e importanza.
Giunto alla sua terza edizione, il Liber Festival non poteva che proporsi al suo pubblico con una veste grafica, un parterre di ospiti e un calendario di eventi davvero ricco ed eclettico.

Tematica di quest’anno è “La precarietà e l’equilibrio”, due sentimenti e sensazioni perennemente in contrasto fra di loro, che ogni singolo individuo vive nella sua quotidianità. La tematica verrà affrontata da differenti punti di vista: sociale, culturale, individuale e politico.

Il Festival si svolgerà il 2-3-4-5 gennaio 2020 presso l’Ex Monastero Santa Croce ad Altamura, storico monastero di recente ristrutturazione, che in occasione del Festival si trasformerà in un vero e proprio un hub culturale.

Gli ospiti che si susseguiranno duranti le quattro giornate saranno: il giornalista Roberto Vicaretti; lo scrittore Raffaele Alberto Ventura; il poeta Franco Arminio; due esponenti del giornale satirico Lercio.it; l’illustratore Wallie; la scrittrice emergente Cecilia Ghidotti; il grande illustratore Sergio Staino; i ragazzi di V/A Moun; il fotoreporter Michele Amoruso e la grande giornalista e femminista Giulia Blasi.

Come spettacoli serali avremo: Franco Arminio con il reading “L’infinito senza farci caso” il 2 gennaio, Lercio Live il 3 gennaio, V/A MOUN il 4 gennaio.
(Lo spettacolo di Arminio ha un costo di €7, lo spettacolo di Lercio Live € 5. Spettacolo Arminio + Lercio €10).

A fare da contorno alle conferenze ci saranno due mostre fotografiche di due grandi fotografi del sud Italia: Stuck in Bosnia di Michele Amoruso e Serra Maggiore di Mariano Silletti; e due mostre d’illustrazione: Solo in Cartolina del collettivo di artisti Creative Fighters e Testi Manifesti di Marco Petrucci.

Infine, vi saranno diverse attività e giochi letterari: Per un Pugno di Libri, Speed Date Letterario, Indovina la copertina e Appesi al filo della precarietà e dell’equilibrio.

Per la terza edizione del Liber Festival l’associazione ha lanciato una campagna di raccolta fondi sulla piattaforma di Crowdfunding di Produzioni dal basso a sostegno dell’evento. Sarà possibile donare fino al 10 gennaio seguendo questo link: https://www.produzionidalbasso.com/project/liber-festival-3/

PROGRAMMA

2 GENNAIO
ore 18:00:
Roberto Vicaretti – “No-tizia” Cosa merita di essere raccontato dai media e perché.
ore 19:30:
Raffaele Alberto Ventura – Un viaggio fra le rovine sontuose di questa nostra società precaria.
ore 21:00:
Franco Arminio – PAESOLOGO in “L’infinito senza farci caso” Evento sostenuto da “Coop-Alleanza 3.0”✱

3 GENNAIO
ore 18:00:
Lercio – Lo sporco che fa notizia.
ore 19:30:
Wallie – Un viaggio illustrato nella vita in un comune ventenne italiano.
ore 21:00:
Lercio Live✱

4 GENNAIO
ore 16:00:
Appuntamento al buio con i Libri ✱✱
ore 18:00:
Cecilia Ghidotti – I Sogni e le aspirazioni disilluse della classe disagiata.
ore 19:30:
Sergio Staino – Da Bobo a Jesus: la satira politica raccontata per immagini.
ore 21:00:
V/A Moun Music Video Art

5 GENNAIO
ore 18:00:
Michele Amoruso – Stuk in Bosnia: la fotografia racconta la disperazione umana.
ore 19:30:
Giulia Blasi – Perché il femminismo ci rende felici.
ore 21:00:
Saluti

✱ Questi eventi hanno un ticket d’ingresso:
Lercio Live € 5
Franco Arminio L’infinito senza farci caso € 7
Lercio Live + Franco Arminio € 10 + un biglietto della lotteria letteraria in regalo.
info: Anna 327 981 4526 – Luciano 320 722 0383 – Katia 327 738 4196

✱✱ Info Appuntamento al Buio: Domenico 327 732 9317

MOSTRE

Testi Manifesti
Solo in Cartolina

Stuck in Bosnia di Michele Amoruso
Serra Maggiore di Mariano Silletti

Contatti Social:

Sito web: www.liberfestival.it
Pagina Fb: www.facebook.com/liberfestival/
Profilo Instagram: www.instagram.com/liberfestival/
Scrivere all’indirizzo e-mail: liberfestival@gmail.com

Contatti Organizzatori:

Presidente – Anna Acquaviva: 3279814526
Vicepresidente – Marco Nuzzi: 3924343505


“Metti una sera a Cinema…….omaggio a Ennio Morricone”

In il

omaggio a ennio morricone altamura

L’associazione “Camera con vista” è felice di presentare il nuovo spettacolo “Metti una sera a Cinema…….omaggio a Ennio Morricone”.

con Anna Rita Del Piano e Antonello Morelli

Direttore d’orchestra e arrangiatore Angelo Basile

Voce Solista Angela Lomurno

Montaggio video Studio Animatika

Light designer Carlo Iuorno

Sabato 28 dicembre 2019
c/o GAL il Monastero del Soccorso
via Corso Feederico di Svevia, 129/A
Altamura (Bari)