Alessandro Preziosi in “Otello dalla parte di Cassio”

In il

alessandro preziosi otello dalla parte di cassio teatro petruzzelli

Otello: dalla parte di Cassio
reading musicale

liberamente ispirato all’ “Otello” di William Shakespeare

con
Alessandro Preziosi – voce recitante
Rebecca Woolcock – pianoforte

musiche di Giuseppe Verdi e Gioacchino Rossini
testi a cura di Tommaso Mattei

“Otello” – una delle opere più note di William Shakespeare, messa in scena per la prima volta nel 1604 – è la tragedia della gelosia: mostro che avvelena la mente e il cuore, creato dal nulla e sul nulla; strumento che il perfido Iago utilizza per corrompere l’animo del Moro insinuando in lui il sospetto che la dolce Desdemona lo abbia tradito con il fido Cassio.

La storia vive di un complesso gioco di contrasti, ambiguità, ribaltamenti: realtà e apparenza, verità e menzogna, fedeltà e odio, luce e ombra si esaltano nello scontro tra i due protagonisti maschili.
Il nero Otello è il soldato ingenuo e primitivo che conosce solo l’amore incondizionato o il furore scatenato e cade nella trappola per la troppa fiducia nell’onestà degli uomini, mentre il bianco Iago rivela l’anima nera e diabolica di chi si arroga il potere di plasmare la volontà altrui per piegarla al suo disegno, pura astuzia che si compiace tenebrosamente del male.

Questa è la lettura della storia a cui siamo soliti assistere. Ma…

Immaginiamo di essere catturati nel mezzo di un triangolo amoroso di cui non siamo consapevoli.
Immaginiamo qualcuno mentire sulle nostre intenzioni e sul nostro comportamento a nostra insaputa.
Immaginiamo di perdere il lavoro e di avere il nostro nome offuscato a causa di qualcosa che non abbiamo mai fatto né pensato.
Immaginiamo di essere traditi dall’amore per la menzogna e da chi vuole la rovina di spiriti nobili.

Immaginiamo la storia raccontata da Cassio.

In questo dramma di grandi sentimenti, di fulminee e cieche passioni che divampano e consumano gli individui, accompagnati dalle note di Verdi e Rossini – autori delle più note versioni operistiche dell’Otello – racconteremo “Otello: dalla parte di Cassio”.

>>>Acquista Biglietti


ALESSANDRO PREZIOSI in “Prometeo” al Teatro Palazzo

In il

Un Recital di Alessandro Preziosi su letture da Genesi, Eschilo, Simone Weil, Lord Byron, Goethe, San Paolo. Accompagnato da un live set di Paky de Maio.

Al centro del recital infatti non c’è solo il Prometeo incatenato di Eschilo, riconosciuto dal mito, ma un uomo, un uomo solo, che si interroga e si arrovella, quasi si divora, nella sua incontenibile esigenza di dialogo con uomini e dei, nel chiedersi ossessivamente cosa sia il bene e cosa sia il male, interprete dell’eterno afflato di assoluto che contraddistingue propriamente la natura umana, e si dibatte nella presunta colpa di aver voluto carpire ciò che deve restare mistero.

TEATRO PALAZZO Corso Sidney Sonnino, 142/D – Bari – Tel: 0809753364
>>>Acquista Biglietti


ALESSANDRO PREZIOSI in “Don Giovanni” di Molière al Teatro Team

In il

ALESSANDRO PREZIOSI in “Don Giovanni” di Moliere
Sabato 19 Dicembre ore 21,00

Domenica 20 Dicembre ore 18,30

>>>Acquista Biglietti

Il Don Giovanni di Molière non è un banale donnaiolo, collezionista di femmine per sfogo fisiologico o edonistico svago, ma a dominare è una volontà di potenza, di affermazione di sé che nasce da un vuoto esistenziale, da una sorta di noia metafisica, e insieme da un timore di fallimento, un Don Giovanni che ormai, prossimo al termine della sua carriera, sembra quasi svelare la maschera ipocrita della cinica empietà, per smascherare i cattivi pensieri e le ipocrisie della società in cui viviamo. La scelta artistica prende le mosse non solo dalla straordinaria contemporaneità del classico la cui rilettura si rende necessaria in considerazione del dilagante relativismo dell’attuale società in cui impera l’immagine fine a se stessa e si continua a riscontrare il totale sgretolamento dei valori, ma soprattutto nell’ottica della messa in scena come un omaggio sentito e coraggioso alla scrittura, al fascino dell’immaginazione e soprattutto al Teatro, in tutte le sue forme.