Concerto in Memoria di Aldo Moro nella Cattedrale di Bari

In il

concerto in memoria di aldo moro

L’Orchestra Sinfonica Metropolitana di Bari in concerto nella Cattedrale di San Sabino

“Concerto in Memoria di Aldo Moro”

Martedì 23 settembre 2019
ore 20:30

INGRESSO LIBERO

Direttore
Jacopo Sipari da Pescasseroli

Soprano
Giuliana Gianfaldoni

PROGRAMMA:

– G. Verdi “Preludio” da La Traviata

– G. Puccini Valzer di Musetta da La Bohème

– P. Mascagni “Intermezzo” da Cavalleria Rusticana

– G. Verdi “Caro nome” da Rigoletto

– G. Rossini Sinfonia da L’Italiana in Algeri

– G. Donizetti “Quel guardo il cavaliere” dal Don Pasquale

– V. Perrone “Ave Maria”

– N.Rota Il Padrino,La dolce vita,Otto e mezzo, (orchestrazione di Michele Cellaro)

– V. Bellini “Oh! Quante volte” da I Capuleti e i Montecchi


L’università ricorda Aldo Moro nel 41° anniversario della sua scomparsa

In il

Luniversita ricorda Aldo Moro nel 41 anniversario della sua scomparsa

L’università ricorda Aldo Moro
Nel 41° anniversario della sua scomparsa

Giovedì 9 maggio e venerdì 10 maggio 2019, presso il Palazzo Ateneo dell’Università degli studi di Bari Aldo Moro, si terrà l’evento “L’Università ricorda Aldo Moro”.

PROGRAMMA:

GIOVEDI’ 9 MAGGIO
ORE 10:30
Libertà di insegnamento e diritto allo studio.
Attualità del pensiero di Aldo Moro
Salone degli Affreschi, Palazzo Ateneo Università degli Studi di Bari Aldo Moro

ORE 20:00
Compagnia teatrale Le Colonne
presenta:
“Se ci fosse luce”
I misteri del caso Moro
Scritto e diretto da Gianfranco Loffarelli
Teatro Polifunzionale AncheCinema

VENERDI’ 10 MAGGIO
ORE 16:00
Presentazione del libro
“Aldo Moro Un percorso interpretativo”
a cura di Alfonso Alfonsi
e Luciano d’Andrea


“Aldo Moro: per ricordare” a Bari la mostra dedicata allo statista pugliese

In il

mostra aldo moro per ricordare

Nel 41° anniversario del sequestro Moro, il Consiglio Regionale Puglia dedica allo statista pugliese la mostra dal titolo “Aldo Moro: per ricordare”, per approfondire le fasi della sua prigionia, la sua figura di uomo di Stato e il ruolo dell’Assemblea pugliese.
La mostra, organizzata in collaborazione con La Gazzetta del Mezzogiorno è visitabile presso la nuova sede del Consiglio Regionale Puglia in via Gentile 52 a Bari.
Il percorso espositivo si articola attraverso 83 pannelli che riproducono le prime e le ultime pagine de La Gazzetta del Mezzogiorno, dedicate in gran parte ai 55 giorni di prigionia dello statista pugliese, dal 17 marzo al 20 maggio 1978, qualche giorno dopo l’omicidio di Aldo Moro.
L’inaugurazione è prevista l’11 marzo 2019, alle ore 11.00, nell’agorà del palazzo del Consiglio regionale della Puglia.
Porteranno i saluti Mimma Gattulli, Segretario Generale del Consiglio regionale della Puglia e Anna Cammalleri, direttrice dell’USR Puglia; introdurrà l’on. Gero GrassiGrassi, funzionario del Consiglio Regionale della Puglia già componente della Commissione parlamentare d’inchiesta sul Caso Moro; interverranno Michele Emiliano, Presidente della Regione Puglia, Mario Loizzo, Presidente del Consiglio regionale della Puglia e Giuseppe De Tomaso, direttore de La Gazzetta del Mezzogiorno.

La mostra sarà visitabile fino al 9 maggio 2019, nell’agorà del Palazzo del Consiglio Regionale, dalle lunedì al venerdì dalle ore 9 alle ore 18.

Per le classi e i gruppi, è necessario prenotare la visita guidata scrivendo a comunicazione@consiglio.puglia.it, indicando la data prescelta e il numero dei partecipanti.

Per informazioni:
dott.ssa Elena Infantini
Sezione Biblioteca e Comunicazione Istituzionale Consiglio Regionale della Puglia
Via Gentile 52 – 70126 Bari
Tel.: 0805401556 e-mail: comunicazione@consiglio.puglia.it


Concerto celebrativo per i 100 anni dalla nascita di Aldo Moro

In il

CONCERTO CELEBRATIVO PER i 100 ANNI DALLA NASCITA DI ALDO MORO

CONCERTO IN MEMORIA DI “ALDO MORO”

WOLFGANG AMADEUS MOZART REQUIEM K626 IN RE MIN.

INGRESSO LIBERO
 FINO AD ESAURIMENTO POSTI

DOMENICA 30 SETTEMBRE 2018 – AUDITORIUM “NINO ROTA” CONSERVATORIO DI BARI NICCOLO’ PICCINNI

PROGRAMMA:

W. A. MOZART:
 IL FLAUTO MAGICO ( OUVERTURE)
W. A. MOZART:
 REQUIEM 
PER SOLI, CORO E ORCHESTRA

CON:
ORCHESTRA DELLA CITTA’ METROPOLITANA DI BARI – DIRETTORE: SERGIO MONTERISI
SOLISTI:
TENORE: FRANCESCO TOMA
SOPRANO: CRISTIANA GIANNELLI
MEZZOSOPRANO: LORIANA CASTELLANO
BARITONO: GIUSEPPE NAVIGLIO

CORO HARMONIA DELL’ UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BARI “ALDO MORO”
 – DIRETTORE: SERGIO LELLA

CORO DAUNO
DELL’ UNIVERSITÀ DI FOGGIA
 – DIRETTORE: LUCIANO FIORE


Semi di Cittadinanza – VII° Festival per la Legalità

In il

semi di cittadinanza festival per la legalita terlizzi

Giunge alla sua VII edizione il Festival per la legalità, la kermesse annuale promossa dall’“Associazione Festival per la Legalità Città Civile”, che arricchirà la primavera di Terlizzi nel mese di maggio con quattro imperdibili appuntamenti presso il Chiostro delle Clarisse.

Insieme a personalità di spicco della scena pubblica, si dialogherà su temi di particolare interesse sociale stimolando curiosità e riflessioni in uno spirito di aggregazione e condivisione.

⭕ La serata d’apertura, il 4 maggio, è dedicata a “Venti anni di Avviso Pubblico”, una rete di enti locali che concretamente si impegnano per promuovere la cultura della legalità e della cittadinanza responsabile, in virtù di un’amministrazione trasparente. Parteciperà il coordinatore nazionale di Avviso Pubblico Pierpaolo Romani.Tra i relatori parteciperanno il sindaco di Bari, nonché presidente Anci , Antonio Decaro e il primo cittadino di Bitonto Michele Abbaticchio , nonché vice presidente di avviso pubblico. Inoltre sarà presente anche il coordinatore di Libera Puglia Mario Dabbicco.

⭕ Super ospite Piercamillo Davigo , presidente della II sezione penale presso la Corte Suprema di Cassazione, che incontrerà i cittadini in data 18 maggio per discutere di “Legalità e Costituzione”. Ad affiancarlo durante l’intervento saranno Piero Ricci, presidente dell’ordine dei giornalisti della Puglia, e Pino Gesmundo, segretario regionale Cgil Puglia.

⭕ All’insegna della memoria storica, la sera del 24 maggio vedrà protagonista Giovanni Fasanella, giornalista e saggista italiano che in passato ha lavorato al quotidiano l’Unità, poi a Panorama per dedicarsi in seguito esclusivamente alla scrittura, al cinema e alla tv. Presenterà il suo libro “Il puzzle Moro” ( Casa Editrice Chiarelettere ), ripercorrendo la tragica vicenda sull’omicidio del leader DC attraverso l’analisi di documenti inglesi e americani desecretati.

⭕ A chiudere il Festival il 26 maggio, la convention su “Legalità e Antropocene”, organizzata grazie al contributo degli studenti del Polo liceale Fiore-Sylos Terlizzi nell’ambito del progetto di alternanza scuola-lavoro Progetto Scuola Di Cittadinanza Terlizzi . Interverrà, En Dolci, figlio di Danilo Dolci, il Gandhi della Sicilia, ovvero sociologo, poeta, educatore e attivista della non violenza. Si discuterà delle complessità dell’epoca in cui viviamo, nella quale all’essere umano e alla sua attività sono attribuite le cause principali delle modifiche territoriali, strutturali e climatiche. Parteciperanno anche il dott. Abele Longo della Middlesex University di Londra e la Prof. Roberta De Luca del Liceo Scientifico Leonardo Da Vinci di Terracina.

La VII Edizione del Festival per la legalità ha ricevuto i patrocini di Regione Puglia, Città Metropolitana di Bari, Comune di Terlizzi, Libera Puglia, Associazione Nazionale Magistrati , CGIL Bari, Avviso Pubblico e Gal Fior D’Olivi.

Partecipazione libera e gratuita.


“Chi ha paura di Aldo Moro” al teatro Anche Cinema

In il

chi ha paura di aldo moro teatro anche cinema

CHI HA PAURA DI ALDO MORO
– Spettacolo teatrale –
di Giovanni Gentile
con
Barbara Grilli

Teatro polifunzionale Anche Cinema
Corso Italia 112 BARI
Parcheggio convenzionato in Corso Italia 45

INFO SMS 329 611 22 91

Biglietti disponibili su Bookingshow e al botteghino

Regia:
Giovanni Gentile

In poco più di un’ora ripercorreremo la vicenda che ha cambiato il corso della Storia d’Italia.
La ripercorreremo, però, guardandola da più punti di vista, come se ci fossero diverse telecamere a riprendere gli eventi materiali e i percorsi personali dei protagonisti.
Un padre di famiglia, politico per professione e per passione, una ragazza appena laureata in Filosofia, un operaio della Siemens, un maresciallo dei Carabinieri ligio al suo dovere, un governo che “non s’ha da fare”, bugie e verità mischiate che danzano un minuetto sulla vita e sulla morte, su ferite che, ancora oggi, stentano a rimarginarsi. E sullo sfondo “coloro che tra una messa e l’altra”, come diceva Pasolini, hanno deciso per cinquant’anni il destino di noi tutti. Si tenterà di riannodare il filo con quella generazione che, da una parte e dall’altra della barricata, sconta ancora oggi lutti e dolore.
Chi ha avuto paura di liberare Aldo Moro? Può uno Stato che si dice democratico non tentare qualunque strada per riportare a casa l’ostaggio? E chi oggi, a distanza di quarant’anni dai fatti, ha ancora paura di Aldo Moro?
“…ma poi chi l’ha vinta questa guerra? Io sono morto e quelli si sono fatti trent’anni di galera. E allora dove sono i vincitori? Lo Stato? Quale Stato? Il mio, no di certo.”


Per non dimenticare la strage di via Fani: a Polignano commemorazione del 40° Anniversario

In il

per non dimenticare aldo moro via fani

L’Associazione “Giovanni Paolo II” di Polignano a Mare intende commemorare il 40° Anniversario della strage di Via Fani, il sanguinoso attacco terroristico compiuto il mattino del 16 marzo 1978 in via Mario Fani a Roma da militanti delle Brigate Rosse, durante il quale fu sequestrato il Presidente della Democrazia Cristiana, l’On. Aldo Moro e furono uccisi 5 uomini delle Forze dell’Ordine: 2 Carabinieri, Oreste Leonardi e Domenico Ricci e 3 Agenti di Polizia, Francesco Zizzi, Giulio Rivera e Raffaele Iozzino, componenti della sua scorta; il cadavere dell’On. Aldo Moro venne ritrovato 55 giorni dopo nel bagagliaio di una macchina in via Michelangelo Caetani a Roma. La cerimonia commemorativa si terrà: venerdì 16 marzo 2018 alle ore 19:30 in Piazza Caduti di Via Fani presso la lapide dedicata agli uomini della sua scorta.
Alla cerimonia commemorativa parteciperanno autorità civili e militari ed alcuni studenti delle scuole cittadine.


CHI HA PAURA DI ALDO MORO? al Teatro Abeliano

In il

Di Giovanni Gentile
con Barbara Grilli
regia GIOVANNI GENTILE

In poco più di un’ora ripercorreremo la vicenda che ha cambiato il corso della Storia d’Italia. La ripercorreremo, però, guardandola da più punti di vista, come se ci fossero diverse telecamere a riprendere gli eventi materiali e i percorsi personali dei protagonisti. Un padre di famiglia, politico per professione e per passione, una ragazza appena laureata in Filosofia, un operaio della Siemens, un maresciallo dei Carabinieri ligio al suo dovere, un governo che “non s’ha da fare”, bugie e verità mischiate che danzano un minuetto sulla vita e sulla morte, su ferite che, ancora oggi, stentano a rimarginarsi. E sullo sfondo “coloro che tra una messa e l’altra”, come diceva Pasolini, hanno deciso per cinquant’anni il destino di noi tutti. Si tenterà di riannodare il filo con quella generazione che, da una parte e dall’altra della barricata, sconta ancora oggi lutti e dolore. Chi ha avuto paura di liberare Aldo Moro? Può uno Stato che si dice democratico non tentare qualunque strada per riportare a casa l’ostaggio? E chi oggi, a distanza di quarant’anni dai fatti, ha ancora paura di Aldo Moro?


Al teatro Petruzzelli Concerto gratuito dedicato ad Aldo Moro

In il

concerto dedicato ad aldo moro teatro petruzzelli orchestra sinfonica

Mercoledì 31 gennaio, Franco Marini, presidente del Comitato storico scientifico per gli anniversari di interesse nazionale, insieme ai familiari di Aldo Moro, parteciperà al gran concerto dedicato al ricordo dello statista pugliese, che si svolgerà presso il Teatro Petruzzelli.

L’Orchestra sinfonica della Città Metropolitana di Bari, con la direzione del maestro Michele Cellaro, eseguirà per l’occasione le musiche di Nino Rota e alcuni brani tratti dalle opere di Puccini, Bizet, Rossini, Donizzetti e Leoncavallo.

L’iniziativa è organizzata dalla Struttura di Missione per gli anniversari di interesse nazionale, dalla Città Metropolitana e dal Comune di Bari.

L’evento è gratuito e aperto a tutti.