LA NOTTE BIANCA …aspettando San Trifone 2016

In il

Nel programma dei festeggiamenti in onore del Santo Patrono ed in un clima di crescente attesa per la grande festa che tradizionalmente fa confluire ad Adelfia migliaia di pellegrini e devoti nei giorni 10 e 11 novembre, si rinnova anche quest’anno l’esperienza de La Notte Bianca “Aspettando San Trifone”. Il programma della serata, pur nelle ristrettezze del periodo, cerca di accontentare tutti ed offre, anche per l’impegno e la collaborazione di associazioni presenti sul territorio, spazi culturali, spirituali, ludici, musicali, di spettacolo e gastronomici: vengono proposti, tra le numerose iniziative le visite guidate alle bellezze locali, proiezione di video ed interviste, spettacoli itineranti di artisti di strada, spazio giochi, concerti, gruppi musicali nelle piazzette, sbandieratori e tamburi, stand gastronomici a cura di associazioni e commercianti, ecc. Nell’intento di arricchire sempre più l’offerta, quest’anno si svolgerà, con partenza dalle ore 19,00, la “Parata dei Vessilli” che attraverserà le strade principali del paese per presentare solennemente gli oggetti di devozione del Santo e si concluderà sul sagrato della chiesa madre con la consegna degli oggetti nelle mani del parroco; a seguire, si svolgerà un momento di solenne preghiera comunitaria animata dai giovani della parrocchia.


Festa patronale di SAN TRIFONE 2016 ad Adelfia

In il

San Trifone Martire è uno dei santi più popolari in Puglia ed è il Santo Patrono della città di Adelfia. Nei giorni 9 – 10 – 11 Novembre, con una piccola appendice Domenica 20 Novembre ad Adelfia (BA) è di nuovo festa per il Patrono: la Festa di San Trifone Martire 2016.
Celebrazioni religiose e liturgiche si alterneranno a quelle laiche per tre giorni e si sa come siano belle e suggestive le sagre patronali del nostro Sud.
Se è vero come recita il proverbio che “non tutti i mali vengono per nuocere”, dall’invasione delle cavallette nel 1783, che San Trifone spazzò via mettendo in salvo i raccolti, è nata una delle più grandi feste religiose e popolari d’Italia. Nei panni di soldato romano con tanto di corazza e lancia alla cui punta è infilzata una cavalletta, la statua di San Trifone viene venerata nella Chiesa di San Nicola a Montrone. Sacro e profano si mescolano dando vita ad una festa che riunisce gente da ogni parte della Puglia, ma anche d’Italia attorno a tavolate imbandite nelle corti del Centro Storico. Agnello alla brace, salumi e buon vino: gli ingredienti tradizionali della festa popolare ci sono tutti. Buongustai e devoti, ma anche amanti della buona musica giunti da ogni dove per ascoltare le sinfonie delle bande, danno appuntamento al prossimo anno.

Un continuo rimbombare di botti, la terra trema, il cielo si illumina a giorno. La sensazione è quella di essere travolti da un evento sismico. Ma dopo qualche secondo, una miriade di coriandoli colorati cadono giù dal cielo sottoforma di pioggia. Come in un crescendo rossiniano, lo sparo dei fuochi aumenta il suo ritmo fino a dare allo spettatore la sensazione di trovarsi in un inferno paradisiaco, troneggiante, cosparso di stelle fuocanti e stelline dirompenti. E’ lo Spettacolo Pirotecnico, uno dei momenti più attesi dei Festeggiamenti di San Trifone.
Anche quest’anno Adelfia per tre giorni si trasforma nella capitale dei fuochi. Controbombe con cannoli, con la croce al centro, bomba combinata con 32 colpi di scala più contraccolpo, bombe cosiddette “stutate”, decretano il vincitore fra i numerosi fuochisti che giunti da tutta Italia, danno vita ad una scenografia che lascia tutti gli spettatori, esperti, intenditori e semplici curiosi con il naso all’insù per oltre due ore.
Programma pirotecnico:

– 8 Novembre
ore 19.00 – LA NOTTE BIANCA… aspettando San Trifone

– 9 Novembre
ore 08.00 – “Diana” a cura ditta L’ARTIFICIOSA dei F.lli DI CANDIA da Sassano (Sa)
ore 23.15 – spettacolo pirotecnico ditta L’ARTIFICIOSA dei F.lli DI CANDIA da Sassano (Sa)

– 10 Novembre
ore 08.00 – “diana” a cura ditta LA TIRRENA di FERRARO Vittorio Nicola & C. da Mondragone (Ce)
ore 08.10 – “diana” a cura ditta L’ARTIFICIOSA dei F.lli DI CANDIA da Sassano (Sa)

ore 14.30 Gara Pirotecnica Diurna
L’ARTIFICIOSA dei F.lli DI CANDIA – TOSCANO Giuseppe – LA TIRRENA di FERRARO Vittorio Nicola & C.
F.lli PANNELLA – SENATORE Vincenzo & figli

ore 22.00 – Spettacolo Piromusicale “L’ORCHESTRA DELLE STELLE”
ditte BAVARIA FIREWORKS (Germania) – Pirotecnica CATAPANO da Ottaviano (Na)
(Circonvallazione Via Gen. Scattaglia direzione Valenzano)

ore 23.00 – Spettacoli Pirotecnici notturni
SENATORE Vincenzo & figli – F.lli PANNELLA
– 11 Novembre
ore 08.00 – “diana” a cura ditta TOSCANO Giuseppe da Montargano Mascali (Ct)
ore 23.00 – spettacolo pirotecnico ditta TOSCANO Giuseppe da Montargano Mascali (Ct)
– 20 Novembre
ore 08.00 – “Diana” a cura ditta L’ARTIFICIOSA dei F.lli DI CANDIA da Sassano (Sa)
ore 21,00 – “Fantasia Pirotecnica” Ditta DI CANDIA


87° Festa dell’Uva – Adelfia

In il

Programma 87^ Festa dell’UVA – Adelfia – 2016
Venerdì 30 Settembre
ore 19:00 Conferenza tecnica/cittadina: ” Le opportunità del PSR PUGLIA per la valorizzazione dei giovani e dei prodotti tipici del territorio”
ore 20:00 Musical a cura dell’Associazione “Passi da sogno” : CATS
ore 21:00 Raccolta fondi per i terremotati di Amatrice
Manifestazione dettata dall’UNPLI Nazionale: “Un’ amatriciana per Amatrice”
ore 22:00 Concerto musicale
Sabato 1 Ottobre
ore 9:00 sino alle 12 Incontri con l’autore – Laboratori e letture con i bambini delle scuole elementari di Adelfia
ore 17:00 Lancio Diana a cura del Comitato Feste San Trifone
ore 17:00 Apertura stand enogastronomici e artigianato regionale
ore 18:00 Conferenza Stampa a cura del Comitato San Trifone – Argomento: “Calendario eventi durante i festeggiamenti del Santo Patrono”
ore 19:00 Musical a cura dell’Associazione “Hakuna Matata” : Sister Act
ore 21:00 Festival Band Adelfiesi
Domenica 2 Ottobre
ore 9:00 Giornata dello sport a cura delle associazioni sportive locali
ore 9:30 Apertura stand enogastronomici e artigianato regionale
ore 11:00 Motoraduno
ore 18:00 Incontro con l’autore
ore 20:00 Estrazione lotteria e premiazione del “Grappolo d’oro”
ore 21:00 CONCERTONE “LA NOTTE DELLA TARANTA con Special Guest Enzo Avitabile”
con la collaborazione del Teatro Pubblico Pugliese


ETTORE BASSI in “Il Sindaco pescatore” all’auditorium comunale di Adelfia

In il

il sindaco pescatore ettore bassi

Ettore Bassi
IL SINDACO PESCATORE
tratto dall’omonimo libro di Dario Vassallo
testi di EDOARDO ERBA
regia ENRICO MARIA LAMANNA

Raccontiamo e soprattutto ricordiamo la storia di un eroe normale, Angelo Vassallo, il Sindaco Pescatore. Un uomo normale e straordinario in una regione malata e straordinaria come la Campania. Un uomo che ha sacrificato con la sua vita l’impegno di amministrare difendere e migliorare la sua terra e le sue persone. La sua opera di uomo semplice onesto e lungimirante attraverso l’inizio della sua carriera politica, i successi straordinari ottenuti sul campo del Cilento nell’ottica del Bene Comune, compresa l’operazione Dieta Mediterranea assunta grazie a lui a Patrimonio dell’Unesco, fino al suo tragico epilogo.

Adelfia (Bari)
Auditorium comunale
Corso Umberto I, 119
ore 21:00
Info. 080/4598111


LA NOTTE BIANCA …aspettando San Trifone 2015

In il

Nel programma dei festeggiamenti in onore del Santo Patrono ed in un clima di crescente attesa per la grande festa che tradizionalmente fa confluire ad Adelfia migliaia di pellegrini e devoti nei giorni 10 e 11 novembre, si rinnova anche quest’anno l’esperienza della Notte Bianca “Aspettando San Trifone” organizzata dalla Parrocchia San Nicola di Bari nella serata dell’8 novembre 2014. Il programma della serata, pur nelle ristrettezze del periodo, cerca di accontentare tutti ed offre, anche per l’impegno e la collaborazione di associazioni presenti sul territorio, spazi culturali, spirituali, ludici, musicali, di spettacolo e gastronomici: vengono proposti, tra le numerose iniziative le visite guidate alle bellezze locali, proiezione di video ed interviste, appuntamento “LIBro apERtO”, spettacoli itineranti di artisti di strada, spazio giochi, concerti, gruppi musicali nelle piazzette, sbandieratori e tamburi, stand gastronomici a cura di associazioni e commercianti, ecc. Anche in questa edizione saranno presenti gazebo e banchetti delle associazioni locali e diocesane che operano nel sociale, con la presentazione di progetti di solidarietà in cui ciascuna è impegnata, nonché spazi espositivi animati dalle associazioni parrocchiali Caritas, Azione Cattolica, Scout, ANSPI, Nozze di Cana, Comitati feste dei due rioni ecc. Nell’intento di arricchire sempre più l’offerta, quest’anno si svolgerà, con partenza dalle ore 19,30, la “Parata dei Vessilli” che attraverserà le strade principali del paese per presentare solennemente gli oggetti di devozione del Santo e si concluderà sul sagrato della chiesa madre con la consegna degli oggetti nelle mani del parroco; a seguire, si svolgerà un momento di solenne preghiera comunitaria animata dai giovani della parrocchia.


Festa patronale di SAN TRIFONE 2015 ad Adelfia

In il

San Trifone nacque intorno all’anno 232 a Lampsaco nella Frigia, che allora faceva parte della provincia romana di Apamea (attualmente la Turchia). Questa regione venne assoggettata al potere di Roma nel 116 d.c. e comprendeva una gran parte dell’Asia Minore. Il nome Trifone è antichissimo e si trova nel primo libro dei Maccabei nell’Antico Testamento. La radice etimologica “Tripli” significa “persona di animo nobile”. Trifone rimane senza padre ancora bambino e quindi la madre Eukaria si prese totalmente cura della sua educazione cristiana. Fin da ragazzo si dedicò all’agricoltura, ma giovanetto divenne un guerriero. Le diverse immagini nel mondo lo descrivono contadino e guerriero, cioè, ciò che era da ragazzo e ciò che era da giovane.
Durante la persecuzione stabilita con un decreto del dicembre dell’anno 249 dall’imperatore romano Decio, che durò fino al gennaio del 252 (la settima persecuzione iniziando da Nerone e la prima che comprendeva l’intero territorio dell’impero romano) morì come martire il giovane Trifone. Nelle persecuzioni i cristiani erano costretti a porre il sacrificio, spesso alcuni granelli di incenso, davanti alla statua del grande imperatore. Per un cristiano, per il quale il culto pagano era estraneo e l’idolatria era vietata, rifiutare significava la perdita di ogni bene, il carcere, i lavori forzati, le torture e anche la morte, tutto ciò dopo un regolare processo. Così il giovane Trifone fu portato dalla sua città natale a Nicea, dove si tenne un processo dinanzi al prefetto di tutta l’Asia Minore, Aquilino. Dal codice Martyrium S. Tryphonis Graecum (X – XI sec), nel quale si ritiene che vennero riportati gli atti del processo, alla domanda del prefetto Aquilino: “Che cosa sei? Trifone confesso: “Io sono Cristiano”. Dopo la tortura che durò tre giorni e che avrebbe dovuto costringerlo a porgere il sacrificio agli dei ed all’imperatore romano, fu decapitato.
Il corpo del giovane Trifone fu portato a Kampsade, e poi a Costantinopoli e da lì a Cattaro.
Il culto delle reliquie di San Trifone si sviluppò da Costantinopoli in tutto l’Oriente.

Qui il programma completo della festa.