Caricamento Eventi

« Tutti gli Eventi

A Gioia del Colle, torna il Palio delle Botti – Trofeo Città del Primitivo

palio delle botti gioia del colle

1 agosto - 4 agosto

Palio delle Botti – VIIª Edizione
Trofeo “Città del Primitivo”
Centro storico GIOIA DEL COLLE (Bari)

L’attesissima manifestazione medievale si svolgerà nella città federiciana dall’1 al 4 agosto!

LA STORIA: I Quartieri del Palio

QUARTIERE PORTA San Francesco
Colori sociali: bianco e nero

Storia
Nei diversi Apprezzi della Terra di Gioia questo ingresso nel nostro Comune viene indicato come seconda Porta Maggiore o Porta di Santeramo. Incerta è l’ubicazione di detta Porta. Il prof. Giovanni Carano Donvito afferma che era posizionata tra Via Michele Petrera, l’attuale Via Carlo III di Borbone, e Piazza Plebiscito, di fronte alla Chiesa di San Francesco, da cui prende il nome. La sua ubicazione potrebbe essere quella all’incrocio tra Corso Vittorio Emanuele e Corso Cavour poiché all’epoca della redazione dei primi Apprezzi di Gioia, nel 1600, la strada che proveniva dal castello sfociava nel Largo San Francesco, che era molto più ampio dell’attuale piazza per l’assenza di costruzioni che ne limitano la grandezza. Da questa Porta si poteva proseguire in direzione di Taranto, la qual cosa giustificava la denominazione di seconda Porta Maggiore.

Artista scudo: Sergio Gatti
Sergio gatti “Artista” nasce a gioia del colle nel 1961 si forma da autodidatta e già dal 1976 è presente attivamente nel panorama artistico nazionale, il suo percorso lo porta in seguito a confrontarsi anche a livello internazionale. Oggi vive e lavora a Gioia del Colle.

QUARTIERE PORTA Casale
Colori sociali: giallo e rosso

Storia
La terza Porta riportata negli Apprezzi di Gioia è quella denominata Porta del Casale o Porta Piccola.
L’elencazione riportata dai tabulari negli Apprezzi segue un andamento antiorario e quindi farebbe pensare che il punto in cui era localizzata questa Porta si trovasse all’imbocco di Via Bartolomeo Paoli. Quel punto ancora oggi viene chiamato dal popolo “fòre la pòrte”. Non tutti sono concordi su questa localizzazione; alcuni studiosi sostengono che fosse situata di fronte a Piazza XX Settembre e che questa corrispondesse a Porta San Domenico. Il Casale è stato uno dei primi nuclei abitativi di Gioia, popolato da gente umile.

Artista scudo: Filippo Cazzolla
Filippo Maria Cazzolla nasce a Gioia del Colle (Ba) il primo febbraio 1964. Nel 1989, all’età di 25 anni e dopo aver conseguito il Diploma all’Accademia di Belle Arti di Bari, diventa scenografo. Da quel momento inizia un percorso artistico che lo porterà a lavorare nei più importanti teatri nazionali. Nel 1995 frequenta e si diploma nella più antica scuola di pittura a Bruxelles: l’”Istitut Superieur de peinture Van Der Kelen – Logelain”.

QUARTIERE PORTA San Domenico
Colori sociali: bianco e azzurro

Storia
L’Apprezzo della Terra di Gioia del 1611 riporta la presenza di tre sole Porte cittadine, mentre nei successivi Apprezzi se ne citano quattro. Probabilmente questa Porta era stata taciuta sia perché mancante sia perché la Chiesa annessa al Convento servita dai monaci Domenicani non era intitolata a San Domenico ma a Santa Maria delle Grazie. Neppure di questa Porta siamo certi della sua localizzazione precisa. C’è chi sostiene che fosse localizzata in prossimità di Piazza XX Settembre e chi ritiene la sua sede all’imbocco di Via Bartolomeo Paoli. Per la sua vicinanza alla Chiesa di San Domenico, da cui prende la denominazione, sembra più probabile l’ che la Porta immettesse in Piazza XX Settembre.

Artista scudo: Mario Pugliese
Classe 1964, figlio d’arte diplomato al liceo artistico di Bari ,successivamente si specializza ad Udine in grafica pubblicitaria, partecipa a numerose mostre e fiere in italia e all’estero.Collabora con diversi artisti e musicisti alla divulgazione dell’arte e della musica come strumento di comunicazione.Le sue opere sono presenti in edifici pubblici e privati.Attualmente e’ presidente dell’associazione artistico culturale “Artensione” e direttore artistico di “Spaziounotre” a Gioia del Colle dove risiede e lavora.

QUARTIERE PORTA Maggiore
Colori sociali: giallo e verde

Storia
Negli Apprezzi della Terra di Gioia del 1661, del 1649 e del 1653 questo ingresso di Gioia viene indicato come Porta Maggiore o Porta Grande, perché in quei tempi costituiva la più importante via di accesso per chi proveniva da Bari e voleva recarsi a Taranto. La sua ubicazione, a salvaguardia della città, lungo le mura cittadine, verosimilmente doveva essere all’incrocio di Corso Vittorio Emanuele con Corso Cavour e Via Manin. Dopo aver varcato la Porta, infatti, ci si imbatteva nel complesso conventuale dei domenicani e nel castello normanno-svevo, due importanti strutture cittadine e si poteva proseguire in direzione Taranto. Alcuni studiosi avanzano l’ipotesi che tale Porta era ubicata nei pressi dalla Torre del Balzo, di fronte alla Chiesa di San Rocco.

Artista scudo: Pompeo Colacicco
Pompeo Colacicco nato a Gioia del Colle (Ba) il 21-01-73, Pompeo Colacicco é portato giá in tenera etá ad esprimersi principalmente tramite il disegno. autodidatta, si cimenta, curioso, in svariate forme di espressione che vanno dalla pittura alla scultura. Parallelamente la passione per il disegno e la spiccata creatività in ogni sua forma lo porta ad intreprendere gli studi di architettura (Politecnico di Bari) e la professione di architetto.

Feste di quartiere
Si tratta di un’iniziativa composta da quattro eventi, nelle quattro giornate che anticipano il Palio delle Botti dedicate ad eventi culturali, danza, musica, mercatini, enogastronomia con la partecipazione di pubblico locale e non, all’insegna del divertimento e della condivisione.

www.paliodellebottigioiadelcolle.it

Informazioni utili

Dettagli

Inizio:
1 agosto
Fine:
4 agosto
Categorie Evento:
,
Tag Evento:
, , , , , ,

Luogo

Gioia del Colle
Gioia del Colle, Ba 70023 Italia + Google Maps

Condividi