Caricamento Eventi

« Tutti gli Eventi

  • Questo evento è passato.

“La Notte di San Nicola” al Teatro Petruzzelli un’opera lirica tra devozione e fantasia

la notte di san nicola teatro petruzzelli

25 maggio - 29 maggio

Agenda:

vedi programma

Fondazione Teatro Petruzzelli presenta:
“La notte di San Nicola”
opera per Ragazzi di Nicola Campogrande

Libretto di Piero Bodrato

Nuova produzione Fondazione Teatro Petruzzelli

Dopo il grande successo di Aida, è in arrivo un’altra nuova produzione della Fondazione Teatro Petruzzelli che ha dovuto attendere due anni per andare in scena, a causa della pandemia.

La notte di San Nicola è l’Opera per Ragazzi commissionata al compositore di fama internazionale Nicola Campogrande, con libretto di Piero Bodrato che andrà in scena al Teatro Petruzzelli mercoledì 25 maggio alle ore 18.30, sabato 28 alle ore 17.00 e alle ore 18.30 e domenica 29 maggio alle ore 18.30.

I biglietti per le recite aperte al pubblico saranno disponibili da martedì 15 marzo al Botteghino del Teatro Petruzzelli e on line qui, le procedure dedicate alle recite per le scuole sono on line nella sezione Educational del sito www.fondazionepetruzzelli.it 

A curare la regia Walter Pagliaro, le scene Luigi Perego, sul podio dell’Orchestra del Teatro Petruzzelli il maestro Giampaolo Pretto, maestro del Coro Fabrizio Cassi.

Nella sezione Educational del sito della Fondazione Petruzzelli è anche disponibile un video che spiega come nasce l’idea dell’opera dedicata a San Nicola.

Il video fa parte di un percorso virtuale presentato al pubblico nel 2020, assieme agli altri contenuti speciali dedicati alle Opere per Ragazzi, con l’obiettivo di non spezzare nel periodo in cui il Teatro era chiuso a causa dell’emergenza sanitaria, il filo d’oro che il Petruzzelli ha costruito con dedizione ed entusiasmo grazie all’impegno del suo Ufficio Scuola.

Daranno vita all’opera Alberto Petricca San Nicola, Michela Guarrera La bambina, Antonella Colaianni Prima giovinetta, Laura Brasò Seconda giovinetta, Ilaria Vanacore Terza giovinetta,  Marco Miglietta Il padre,  Giuseppe Esposito Il macellaio,   William Hernandez Il ladro pratico, Diego Godoy Il capitano, Giovanni Augelli L’avaro,  Luca Simonetti Il ladro buono.

Nickolaos, Nicola, Santa Claus, sono molti nomi per un santo conosciuto soprattutto per la sua generosità, un santo capace di ascoltare gli uomini e accorrere in aiuto attraverso miracoli leggendari, a volte spettacolari, che affondano nella tradizione popolare pugliese e non solo.
Un santo che lega popoli e genti diverse, un santo viaggiatore che, come canta la tradizione popolare, viene dal mare e al mare va.
Ed è proprio sul racconto – inventato – di una breve visita di San Nicola a Bari che si costruisce l’opera, intrecciando in un’unica storia alcuni dei miracoli più famosi attribuiti al Santo.

La vicenda si svolge durante una movimentata notte, nel corso della quale San Nicola cerca ricovero nei vicoli della città vecchia e incontra personaggi e storie di ogni tipo. È li che si trova a risolvere, con grande comprensione, generosità e un pizzico di umorismo, le situazioni più diverse: da quella dell’avaro infuriato con lui perché non ha protetto a dovere la sua abitazione, al dramma delle tre fanciulle che il padre sta per vendere, fino a quello dei marinai salvati da una tempesta e allo spaventoso episodio dei tre bambini rapiti da un macellaio con bruttissime intenzioni.

La musica alterna come nella tradizione momenti di lirismo, di dolcezza, di euforia, a pagine rapide, drammatiche, incalzanti. E i cantanti, di tanto in tanto, sono chiamati ad utilizzare anche il parlato, come prevede la forma del Singspiel, senza per questo perdere il rapporto con la grande orchestra che suona in buca e nella quale spicca il ruolo delle percussioni. Grazie allo stile intenso e vitale che ha collocato la figura di Campogrande in una posizione del tutto riconoscibile nel panorama musicale internazionale, l’opera offre arie, duetti, pezzi d’insieme particolarmente cantabili, e sfrutta intensamente anche il coro, che darà vita al popolo di Bari e ai marinai con i quali prende avvio la narrazione.

Il nome di San Nicola e la profonda devozione che lo accompagna disegnano un antichissimo percorso che lega Oriente ed Occidente, dal cuore della Russia a quello degli Stati Uniti d’America, dove lo portarono i pellegrini venuti dall’Olanda e da tutta Europa. Al centro di questa linea immaginaria, che unisce fedeli e uomini dei luoghi più distanti, c’è la città di Bari, che custodisce le sue reliquie e che oggi dedica a San Nicola un’opera lirica, appositamente commissionata al compositore Nicola Campogrande, su libretto di Piero Bodrato, autore che da alcuni anni ha affiancato alla scrittura per il cinema e la televisione, quella teatrale.

ORARI DI APERTURA BOTTEGHINO: dal martedì al sabato dalle 11.00 alle 19.00 e la domenica dalle 10:00 alle 12:30 e dalle 16:30 alle 19:00.
E-mail: botteghino@fondazionepetruzzelli.itTelefono: 0809752810

Informazioni utili

Dettagli

Inizio:
25 maggio
Fine:
29 maggio
Categorie Evento:
, , ,
Tag Evento:
, ,

Luogo

Teatro Petruzzelli
Via Alberto Sordi 1
Bari, Ba 70121 Italia
+ Google Maps
loading...

Condividi