IT’S YOU mostra personale di Rita Casdia dal 20 Maggio al 26 Giugno 2017 – Bari

da a
Eventi trascorsi
Bari, BA, Puglia, Italia Mappa

Comunicato Stampa
Muratcentoventidue Artecontemporanea

It’s You

Rita Casdia

La galleria Muratcentoventidue Artecontemporanea prosegue il suo programma espositivo con It’s You, la mostra personale dell’artista Rita Casdia.

Negli ultimi anni si è assistito, grazie anche all’applicazione delle tecnologie digitali, a una crescente diffusione del disegno animato tra gli artisti e in questo specifico ambito della video arte si pone il lavoro di Rita Casdia.
L’artista indaga, attraverso la video animazione, ma anche attraverso il disegno e la scultura, mondi emozionali a metà tra sogno e realtà, rivolgendo la sua attenzione principalmente ai meccanismi elementari dei sentimenti umani, con uno sguardo attento alle dinamiche generate dai legami affettivi e dalla sessualità.
La messa in scena di questi mondi emozionali si snoda attraverso una struttura narrativa spezzata e disinibita, dove si condensano riferimenti all’iconografia classica, elementi casuali, quotidianità spicciola, vissuto personale, produzione onirica.
La mostra dal titolo It’s You esplora la relazione che ogni individuo stabilisce con il mondo esterno. Il percorso della mostra presenta una serie di opere video, ma anche disegni e sculture che conducono lo spettatore a tre momenti di riflessione sul tema proposto.
Il primo video Skin Life riflette sulla pelle, su quell’elemento di confine, sia materiale che simbolico, che separa il mondo esterno dal nostro mondo interiore. Tessuto di confine tra l’individuale e il collettivo, essa invia messaggi sensoriali che ci permettono di delimitare il mondo interno da quello esterno. Noi siamo fin dove arriva il nostro tatto, ma siamo anche un “io” che tocca, che delimita e che, come tale, conosce. La costruzione del nostro mondo nasce da questo continuo dare forme e limiti alle cose che ci circondano, nel continuum tra incorporare e distanziare l’alterità.
La pelle quindi racconta la nostra storia e quella dell’ambiente culturale in cui viviamo e spogliarsi della propria pelle richiama simbolicamente alla rinuncia alla propria identità e a rivelare un nuovo sé.
Il video Animal nasce in relazione alla lettura del libro Presenze animali di J. Hillman. Di animali è piena la psicoanalisi, ma, di fatto, l’animale non c’è. Per la psicoanalisi l’animale è un’allegoria, un simbolo, il rappresentante di altro. Hillman dimostra per primo un chiaro interesse per gli animali non solo come simboli, ma anche come esseri viventi, ponendosi con sguardo critico di fronte alla logica del dominio antropocentrico.
Dal suo testo si può desumere in un certo senso che la “gravità” dei sintomi e dei disturbi attuali dell’uomo occidentale, sono da intendersi nella particolare accezione di un “gravitare” con la mente distanti dalla dimensione sotterranea dell’umano, dalla sua dimensione animale.
Nel video l’artista vuole mettere in scena la dimensione primitiva e istintiva degli esseri umani, contrastata e allontanata a favore di una dimensione addomesticata alla razionalità.
Infine il video in plastilina It’s You desidera indagare il rapporto ambiguo che ogni essere umano stabilisce nell’esperienza dell’incontro con l’altro. “L’altro” può essere chiunque: un genitore, un amico, una fidanzata, un collega di lavoro, ecc… La scelta formale di utilizzare lo stesso abbigliamento in tutti i personaggi del video, che compongono le scene, ha lo scopo di porre allo spettatore un dubbio. Com’è possibile riconoscere la diversità che contraddistingue un personaggio, se tutti gli altri sono simili a lui? In questo gioco di specchi si svolge la narrazione del video.
Le opere si snodano in entrambi gli ambienti della galleria, con lo scopo di creare un percorso che renda unitaria la visione delle singole opere esposte. Fanno parte dell’allestimento anche diverse sculture e disegni.
Muratcentoventidue-Artecontemporanea
Via G. Murat 122/b – Bari

Inaugurazione
Sabato 20 maggio 2017, ore 19.30

Periodo
20 maggio – 26 giugno 2017

Orario di apertura
dal martedì al sabato, dalle 17 alle 20

Info 3348714094 – 392.5985840
http://info@muratcentoventidue.com
http://www.muratcentoventidue.com/
http://www.facebook.com/MuratcentoventidueArtecontemporanea

Rita Casdia, 1977. Diploma in Pittura, AA. BB. di Palermo e Arte e Nuove Tecnologie, AA. BB. di Brera. Festival: 39˚Festival du Nouveau Cinéma di Montreal, Il MOUSE E LA MATITA, a cura di Bruno Di Marino, Pescara Film Festival, LOOP- Video Art Festival & Fair, Barcelona, XIII International Image Festival, Manizales, Colombia (menzione speciale), Crosstalk ed7 Video Art Festival Budapest. Mostre personali: Good day bad day, Nuvole Incontri d’Arte, Palermo; Life Instinct, Muratcentoventidue, Bari. Mostre collettive: Premio Ariane de Rothschild, Palazzo Reale, Milano, 14° Premio Cairo, Museo della Permanente, Milano, Video.it, Fondazione Merz, Torino, Videoart Yearbook,Chiostro di S. Cristina, Bologna. Suspended territories and other italian stories, MUU Galleria, Helsinki. Premi: Nutrimenti celesti, nutrimenti terrestri, Filmmaker – Fondazione Cariplo, Milano. Residenze: Pépinières européennes pour jeunes artistes MAP , PRIM Centre, Montréal, Québec, Canada, AQB, Budapest, Hungary.
rita casdia
Rita Casdia (1977 , Barcellona Pozzo di Gotto –Messina) vive e lavora a Milano.
EDUCATION
2006. Master Arte e Nuove Tecnologie, Accademia di Belle Arti di Brera, Milano
2000. Diploma di Pittura, Accademia di Belle Arti, Palermo
AWARDS
2014. XIII International Image Festival, Manizales, Colombia ( special mention for the video Stangliro)
2013. Nutrimenti celesti, nutrimenti terrestri, Filmmaker – Fondazione Cariplo, Milano.
2006. Paesaggi umani, Filmmaker, Milano
Movin’Up, GAI, Torino
RESIDENCIES
2016. AQB, Budapest, Hungary
2009. Pépinières européennes pour jeunes artistes MAP, PRIM Centre, Montréal, Québec, Canada.
2006. Groupe Territoire culturel, Ste. Emélie de l’Energie, Quebec, Canada.
2004. Pépinières européennes pour jeunes artistes, Okuparte arte_ y _ ciudad, Huesca, Espagne.
2003. Pépinières européennes pour jeunes artistes, artists in context artistes contre l’exclusion
Fougères, France.
SOLO SHOWS
2013. good day-bad day, curated by Agata Polizzi, Nuvole Galleria, Palermo.
Life Instinct, Muratcentoventidue, Bari.
2012. Lop-sided, curated by Laura Conconi, Spazio CLIP, Liceo Artistico, Varese
2011. dreamless, NotGallery – Lithium project, Napoli
2010. MiniBaby, curated by Valentina De Miceli, Galleria Nuvole incontri d’arte, Palermo
Rita Casdia Monography, Visual TV Container, curated by Alessandra Arnò, Milano.
GROUP SHOWS
2017. Studio Freud, curated by Fabio Carnaghi, Milano.
2016. Epicentri, curated by Fabio Carnaghi, Terme di Como Romane.
The End of Certainty, Muratcentoventidue, Bari.
Amor Sacro, Amor Profano, curated by Alba Romano Pace, Palazzo Bonocore, Palermo.
2015. Suspended territories and other italian stories, MUU Galleria, Helsinki.
FLASHFORWARD, VisualContainer, Milano.
Post Card Show, Linden New Art Centre, Melbourne.
Mother, Muratcentoventidue, Bari.
Videorama, la Sicilia sullo schermo dell’arte, curated by Pasquale Fameli, Museo dell’argilla, Spadafora (Me).
ConTENporary words of art, Master curator IED Roma, Sala Santa Rita, Roma.
2014. Interferenze, curated by Ivan D’Alberto and Visualcontainer, Inagolo, Pescara.
Capri The Island Of Art, Centro Multimediale “Mario Cacace”, Anacapri.
2013. 14° Premio Cairo, curated by Luca Beatrice, Museo della Permanente, Milano.
C’è una piccola radice che, se la masticate, vi spuntano le ali immediatamente, curated by Cecilia Guida, MAC Museo
d’Arte Contemporanea, Lissone.
Dreamland, the blank – Artdate, Treviglio.
“O” – Eau, curated by Laura Francesca Di Trapani, Palazzo Ziino, Palermo.
2012. Carnem, video selection by Mario Gorni, Cattedrale della Fabbrica del Vapore, Milano.
Ti racconto, a cura di Cecilia Guida e Giovanni Viceconte, CRAC, Cremona
ON VIDEOS for hours and hours, curated by Visualcontainer and Giancarlo Sciascia, Galleria Boccanera, Trento
L’indagine della video arte del/ e sul mondo femminle, curated by Visual Container, Villa Pomini, Varese
2011. Premio Ariane de Rothschild 2011. Alla scoperta dei giovani artisti italiani. Palazzo Reale, Milano
Archive Fever, curated by Giovanni Iovane, SACS Museo Riso-Frigorifesi Milanesi, Milano
Quotidiana11, curated by Alessia Candeo, Palazzo Trevisan, Padova
VIDEOLANDIA, curated by VideoartYearbook, ALT, Alzano Lombardo (BG)
Co Co Co Como Contemporary Contest, Spazio Natta, Como
FRAME.BY.FRAME, curated by Helga Marsala, Riso, Museo d’Arte Contemporanea della Sicilia, Palermo
(E)MOTION IN MOTION, Università Cattolica del Sacro Cuore, Brescia
TO FIND A VIDEO, curated by Carolina Lio and Francesca di Nardo, Castello di Rivara, Torino
FESTIVAL
2017. BAFF, section MIBART curated by Piero Digiovanni, Busto Arsizio Film Festival.
2016. XV International Image Festival, Manizales, Colombia
OBLIQUA Festival Lisbon, curated by VisualContainer, Portugal
Ibrida festival, curated by VisualContaier, La Fabbrica delle candele, Forlì
8° CONTEMPO International Festival, Sensitive and digital scapes, curated by VisualContainer, Varna, Bulgaria
Meta-Cinema. Festival delle audiovisioni ibridanti, curated by Piero Deggiovanni, Accademia di Belle Arti, Bologna
2015. Filmmaker Festival 35, Spazio Oberdan, Milano
Over The Real, Festival Internazionale di video arte, Gamc Lorenzo Viani, Viareggio
Mnemonic City Lisbon, curated by VisualContainer, Lisbona
VYB, Centro per l’Arte contemporanea Luigi Pecci, Prato
17.KURZFILMFESTIVAL, backup selection by Felipe César, Bauhaus-Universität Weimar
2014. XIII International Image Festival, Manizales, Colombia
Now&After, curated by Visualcontainer, State Museum of GULAG, Moscow
Il MOUSE E LA MATITA, curated by Bruno Di Marino, Pescara Film Festival, Cinema Astra
7° Proyector International Videoart Festival, curated by Visualcontainer, Madrid
Crosstalk ed7 Video Art Festival Budapest, Tesla, Budapest
2013. Filmmaker Festival, Cinema Palestrina, Milano
Video.it, Arte Animata, curated by Francesco Poli, Francesco Bernardelli, Andrea Pagliardi, Fondazione Merz, Torino
Time is Love Screening 6th edition, curated by Kisito Assangni and Annabelle Boko, Mori + Stein Gallery, London – Sazmanab, Teheran – Peanut Underground Art Projects, New York – Kulter, Amsterdam – Stiftelsen 3,14, Bergen
2012. ARTE VIDEO ON THE ROAD, C.A.R.M.A. Piazzale del Verano, curated by di Lino Strangis e Veronica D’Auria, Roma
2011. Festival Finzioni, Museo Internazionale delle marionette “Antonio Pasqualino”, curated by Paola Nicita, Palermo
NOTTINVIDEO, curated by Cecilia Guida, Villa Serena, Bologna
2010. Festival du Nouvéau Cinéma, Montreal, Canada
Viaggi in immagini, Complesso delle ex Murate, curated by Francesca di Nardo, Firenze
LOOP –Video Art Festival & Fair, curated by Francesca di Nardo, Barcelona, Spain
2009.FishEye, curated by Bruno Di Marino, Nuovo Cinema Aquila, Roma
Sguardi Altrove, Cinema Gnomo, Milano
2008. Trieste Film Festival, video rassegna Catodica, III Edizione, curated by Mario Gorni
ART EXPERIENCES END STUDIES
2012. Nutrimenti celesti, nutrimenti terrestri, FILMMAKER, Milano
2006. Workshop: Antoni Muntadas, VIAFARINI, Milano
2005. Work-shop: John Bock, Santa Maria dello Spasimo, Palermo
2005. Work-shop: Alberto Grifi, Accademia di Belle Arti di Brera, Milano
2001. Work-shop: Vettor Pisani “ Arte e follia, Museo della bestialità: come gli artisti vedono le donne, i bambini e gli
animali”, Magazzini ai Lolli, Palermo
2000. Atelier: Lucy Orta : “ici on peut toucher”- Rennes, France.

da sabato 20 Maggio a lunedì 26 giugno 2017
Muratcentoventidue
Via G. Murat 122/b (Bari)
ingresso libero
Info. 3348714094

Pin It
> Visualizzato 42 volte

Comments are closed.