La ruota panoramica sul lungomare di Bari

In Baresità,Umorismo il

La ruota panoramica allestita in Largo Giannella sul lungomare di Bari il 6 dicembre, in occasione della festa di San Nicola, incorpora una ruota di focaccia barese del diametro di 55 metri, del peso di 300 tonnellate e che con le sue 28 cabine ospita 160 persone che dovranno mangiarla prima che il giro panoramico sia terminato.

Fotomontaggio realizzato su fotografia di Lino Fortunato


“TRMON”: Storia e origini di questa parola

In Baresità,Storie,Umorismo il

La leggenda narra che la parola “trmon”, oggi largamente usata come insulto folkloristico in territorio barese, nacque durante una visita di Niccolò Piccinni nella sua natìa Bari.
Questi era all’apice del suo prestigio e successo in Francia e ogni qualvolta si spostava, portava con sè una schiera di nobili con le rispettive cortigiane.
Tuttavia, in quella occasione, come segno di decoro e rispetto, decise di tornare nella città in cui era nato senza accompagnatrici femminili.
Quindi, comunicò ai suoi fifì compagni di viaggio che avrebbero dovuto fare a meno dei favori delle loro donne. I nobili, indignati e poco abituati a sacrifici di questo tipo, gli chiesero: “Ma come faremo noi senza?”
Il buon Niccolò rispose: “Autrement” ovvero altrimenti, in altra maniera.
La voce della laconica risposta del maestro si diffuse ben presto in città ma data la scarsa conoscenza della lingua francese tra i baresi, la parola “autrement” venne contratta in “trmon” e intesa come l’atto autoerotico dei malcapitati nobili. Così nacquero….i “trmon”.


Tutorial: Come mangiare correttamente un panzerotto

In Baresità,Umorismo il

1 – Il panzerotto fritto deve essere mantenuto con entrambe le mani, una sotto e l’altra un pò più sopra.
2 – Dopo il primo morso bisogna soffiare dentro il panzerotto per farlo “svaporare”, la vostra lingua vi ringrazierà se raffredderete un pò la temperatura della mozzarella incandescente. (Chi porta gli occhiali faccia attenzione a questa operazione perché si appannano).
3 – La consumazione del panzerotto barese richiede una posizione precisa; va mangiato in piedi con gambe divaricate e posizione del busto leggermente piegata in avanti di circa 30° gradi. Questo punto è molto importante perché vi evita sia di ustionarvi sia di sporcarvi qualora la “lava” dovesse colare durante l’addentamento o da qualche apertura laterale o sottostante.
4 – Dopo aver mangiato circa 1/3 di panzerotto, portarlo vicino la bocca, come se fosse un bicchiere, per bere un pò di salsa rovente, così eviterete di sbrodolarvela addosso. (Mamme e mogli ve ne saranno particolarmente grate per avergli evitato di lavare i vestiti).
5 – Il momento più delicato è quando arrivate a metà panzerotto; se avete seguito correttamente l’operazione indicata nel punto 2 non avrete problemi, caso contrario addenterete la mozzarella incandescente e in quel caso è preferibile masticare a bocca aperta per permettere circolazione d’aria nelle vostre fauci infuocate.
6 – Arrivati quasi alla fine, col “culo” del panzerotto, fare la scarpetta con la mozzarella che è caduta nella carta con cui lo tenevate in mano.
7 – Innaffiate il panzerotto ingurgitato con abbondante birra ghiacciata. (Ricordatevi di berla alla bottiglia e rigorosamente con il dito mignolo alzato).

Instructions to properly eat a panzerotto barese